Mondo Motori





A Monza week end spettacolo con ben 18 gare
In pista circa 180 vetture di varie categorie in un fine settimana targato Peroni Racing con ben 18 gare, tra cui la Boss GP , serie internazionale che vede protagoniste monoposto di F.1 e F. Indy, GP2 e World Series by Renault

Monza - Rombano i motori da venerdì 1 luglio a domenica 3 luglio all’Autodromo Nazionale Monza vedrà protagoniste sette categorie che proporranno, in varie declinazioni, circa 180 vetture da corsa in un fine settimana targato Peroni Racing con ben 18 gare complessive.
In pista anche le rombanti vetture iscritte al campionato Boss GP (Big Open Single Seaters), la serie internazionale autorizzata FIA che ha come bigliettino da visita “la velocità, lo spettacolo e il rumore”. Due differenti classi: la “Open” per le vetture più veloci e potenti (Formula 1 – fra cui Benetton, Minardi, Toro Rosso, ecc. - Indy e Champ Car) e la “Formula” dove si fronteggiano prevalentemente Gp2, World Series by Renault e Superleaugue. Complessivamente sono ventiquattro le monoposto iscritte al campionato.

 
Nelle rispettive classifiche sono al comando l’austriaco Ingo Gerstl, vincitore delle ultime tre gare, e il francese Christopher Brenier, due volte primo e due volte secondo. A Monza correranno gara 1 il sabato dalle 18.30 alle 18.50 e domenica gara 2 dalle 13.10 alle 13.35.

Sicuramente sapranno entusiasmare gli appassionati, che potranno accedere a tutte le tribune gratuitamente, i giovani talenti dell’Eurocup Formula Renault 2.0 reduci dalla gara caratterizzata da una pioggia incessante nel Principato di Monaco. A guidare la classifica di questo monomarca attualmente il britannico Lando Norris, che abbiamo avuto il piacere già di apprezzare per i suoi numeri a Monza durante le gare NEC di fine aprile, così come il francese Dorian Boccolacci e il belga Max Defourny che vinsero gara 1 e gara 2. Li troveremo tutti e tre protagonisti, con altri 22 agguerritissimi piloti desiderosi di mettersi in mostra, nelle tre gare previste (di 25 minuti + 1 giro) con partenza sabato alle 13.35 e alle 17.45, domenica alle 14.30.

Terzo appuntamento stagionale per la monomarca Renault Clio Cup Italia con le vetture 1.6 turbo, molto combattuta finora avendo visto quattro vincitori nelle prime sei gare del campionato svoltesi a Imola e Misano: Alfredo De Matteo, Michele Puccetti, Fabio Francia e Cristian Riccarini, quest’ultimo leader della classifica. Con loro molto attesi anche i piloti che si sono particolarmente distinti nell’ultima tappa di inizio maggio: Jussi Kuusiniemi e Lorenzo Nicoli, autori delle pole, e il rookie Nicholas Comito Viola due volte sul podio. Molto attesa anche per i giornalisti che partecipano, gara nella gara, alla speciale Clio Cup Press League di Renault Italia.

Una certezza da oltre 30 anni è la Coppa Italia, sempre molto partecipata da possessori di vetture da competizione Turismo e Gran Turismo. Vi saranno due gare sprint di venti minuti per ognuno dei due schieramenti, una con partenza da fermo, l’altra lanciata. Domenica in programma tutte e quattro le gare: GT alle 11.20 e alle 17.50, Turismo, nel cui ambito correranno anche le auto della BMW Open Cup, alle 11.55 e alle 19.15 (questa sarà, fra l’altro, la gara conclusiva di tutto il week end). Monza è il quinto appuntamento del campionato: dopo Magione in testa alle classifiche generali, rispettivamente, Riccardo De Bellis e Emanuele Alborghetti. Nella BMW Open Cup a pari punti Massimo Orlandini e Armando De Vuono. Per il Turismo in pista anche Massimo Arduini, reduce da due vittorie a Misano nel Tcs.


Al Campionato Italiano Autostoriche partecipano vetture di costruzione fino ai primi Anni Novanta che si daranno battaglia, suddivise in quattro gruppi, in una prova endurance di sessanta minuti, domenica dalle 15.55 alle 16.55. Siamo al terzo appuntamento stagionale, dopo le vittorie di Massimo Ronconi e Giovanni Gulinelli su Porsche 930 a Imola e di Massimo Guerra su Porsche 953 a Misano.
Quarto appuntamento stagionale invece per la Lotus Cup e le sue Elise Cup PB-R con motore Toyota: molto accesa sarà la lotta fra i primi tre in classifica, Stefano Pasotti, Lorenzo Pegoraro e Enrico Riccardi. Due gare di 25 minuti, domenica con partenza alle 10.40 e alle 17.10.


Anche quest’anno il week end Peroni propone un altro monomarca di origini francesi, il Mitjet Italian Series, che si svolge in diversi Paesi europei e non solo. La formula prevede ancora la conduzione da parte di un pilota esperto e da un gentleman con rispettive gare e classifiche parziali e generale. Due gare in programma (di 20 minuti + 1 giro) per ogni categoria: Piloti A, domenica alle 9.20 e alle 18.25, Piloti B sabato alle 19.05 e domenica alle 13.50.
 Durate il weekend il pubblico potrà inoltre provare l'esperienza dello Smart Tour by ARt-Glass®, una visita che racchiude 4 tappe salienti del circuito. Indossando degli occhiali multimediali, i turisti potranno scoprire i segreti del Tempio della Velocità con ricostruzioni 3D, filmati storici e racconti dai protagonisti delle quattro ruote. La visita costerà 5 euro ed è possibile prenotarla su www.monzanet.it. Insomma, si annuncia un week end di spettacolo e emozioni.
G.C.






--------------------------------------------------------------------------------------------------------------







La Coppa Intereuropa in pista a Monza
La manifestazione nata nel 1949 per anni è stata prova di contorno del Gp d'Italia di F.1. In programma sette gare, parate di auto e moto d’epoca, una speciale galleria con 50 espositori selezionatissimi. Presenti anche mezzi militari e una vettura della “Monzanapolis” del 1958


Monza - La storia dell'automoblismo in pista a Monza nel week end con la 63^ Coppa Intereuropa.  Un appuntamento immancabile nel calendario dell’Autodromo Nazionale Monza. E che, ad ogni edizione, regala sempre nuove emozioni. Non solo in pista, dove circa 150 vetture storiche nel prossimo fine settimana si daranno battaglia in sette imperdibili gare e dove anche gli appassionati potranno lanciarsi con il proprio veicolo d’epoca. Ma anche nei paddock che saranno la meta di collezionisti, di chi è alla ricerca di un particolare accessorio o pezzo di ricambio, di chi desidera scambiare un’auto o una moto rigorosamente dal sapore antico.

 
E dopo il passaggio, per il secondo anno consecutivo, della Mille Miglia, la storia scende in pista di nuovo a Monza in questo 2016 con modelli significativi di varie categorie che non si risparmieranno proseguendo una tradizione nata nell’immediato dopoguerra, precisamente nel 1949. Quell’anno nacque la Coppa Intereuropa, allora riservata a vetture Turismo e Turismo veloce, e subito il pubblico si appassionò per questa gara che prevedeva allora la partenza con la corsa dei piloti che attraversavano la pista per raggiungere le vetture schierate davanti ai box a spina di pesce.
E' la 63^ edizione di una manifestazione, che per circa un ventennio (dal 1952 al 1972) rappresentò la gara di supporto del Gran Premio d’Italia di Formula 1, trasformatasi poi anche in una gara di durata su sei ore e che dal 1983 è diventata teatro di corse di auto d’epoca, come quest’anno con la proposta di quattro serie di grande interesse ed attrazione, per un totale di circa 150 auto da corsa che hanno duellato in memorabili competizioni del passato.

 
Vi sono innanzitutto le Formula Junior che dal 1995 sono state battezzate dalla Federazione Internazionale dell’Automobile con la denominazione “FIA Lurani Trophy For Formula Junior Cars”, sottolineando il nome di colui, il conte Giovanni Lurani, che ideò nel 1958 questa formula formativa, l’antenata dell’attuale Formula 4, che tanto successo ha sempre riscosso fra gli appassionati e che negli anni ha rappresentato la piattaforma di lancio per piloti come Jim Clarck, Jochen Rindt e John Surtees. Sabato prove libere dalle 10.30 alle 11, qualifiche dalle 13.30 alle 14.00, gara 1 dalle 16.30 alle 16.55. Domenica gara 2 dalle 12 alle 12.25.
Poi vi saranno le Formula 2 dell’Historic Sports Cars Club, serie europea nata nel 2006, che propone vetture che hanno corso prima del 1979. Marchi prestigiosi (Brabham, Chevron, Crossle, Lola, Lotus, March, Modus, Surtees, ecc.) per conducenti che provengono da oltre dieci nazioni di tutto il mondo con il duro compito di rievocare in pista le gesta di grandi piloti del passato come Bruno Giacomelli e Ermanno Colombo, che saranno presenti a Monza nelle vesti di ospiti e premiatori speciali.
Sabato prove libere dalle 9.45 alle 10.15, qualifiche dalle 14.15 alle 14.40 e gara 1 dalle 17.15 alle 17.40. Domenica gara 2 dalle 10 alle 10.25. 
Gareggeranno inoltre le vetture della HGPCA (Historic Grand Prix Cars Association) che dal 1979 raccoglie alcuni fra i più performanti esemplari che hanno entusiasmato per mezzo secolo i circuiti di tutto il mondo, dagli Anni Venti agli Anni Sessanta. A Monza ammireremo tante leggende, come numerose Ferrari e Cooper degli Anni Cinquanta e Sessanta, e poi Maserati, Lotus, Brabham, Lola, Scarab Offenhauser, Aston Martin, Gordini, Osca, Heron Alfa Romeo, Lister Jaguar. Da segnalare, in particolare, modelli particolari come una Era R9B del 1936, una Bugatti 73C del 1945 o una Emeryson di Formula 2 del 1960. Monza è il quinto appuntamento nel calendario 2016 della HGPCA che si chiuderà ad ottobre a Digione. Sabato prove libere dalle 9 alle 9.30, qualifiche dalle 14.55 alle 15.25 e gara 1 dalle 18 alle 18.25. Domenica gara 2 dalle 14.15 alle 14.40.
Ma non può esserci Coppa Intereuropa senza una degna rappresentanza di Alfa Romeo. Quest’anno il marchio del Biscione vedrà protagoniste le vetture GT e Turismo costruite dal 1947 al 1981 e presentate dall’Alfa Revival Cup, gruppo sorto nel 2012 che si sta affermando in Italia e in Europa. Prove nella giornata di sabato (libere dalle 11.15 alle 11.40; qualifiche dalle 15.40 alle 16.10) e gara di 60 minuti domenica con partenza alle 15, a chiusura del week end.

Ma c'è dell'altro a Monza. Nel fine settimana sarà presente inoltre un altro significativo pezzo di storia che torna nel Tempio della velocità dopo quasi sessant’anni. Si tratta della Kurtis Hoyt Machine che gareggiò alla 500 Miglia di Indianapolis dal 1954 al 1959 e che disputò a Monza nel 1958, con il numero 24, la Corsa dei Due Mondi (Monzanapolis) terminando in quinta posizione guidata dal pilota Jimmy Reece. Era la seconda edizione del trofeo, offerto dal Comune di Monza, che abbinava in un’unica classifica i risultati ottenuti a Monza a quelli della 500 Miglia di Indianapolis. Il tracciato si sviluppava sulla pista a curve sopraelevate costruita nel 1955. La competizione del ’58 vide un serrato confronto fra le vetture europee (Ferrari, Maserati, Jaguar) e dodici d’oltreoceano tutte munite del motore Offenhausen e in prevalenza con telaio Kurtis Kraft. Le classifiche furono dominate da Jim Rathmann, (Zink Leader Card) vincitore di tutte le prove e della classifica generale alla media di 268,311 Km/h, mentre Reece ottenne lusinghieri piazzamenti precedendo anche Stirling Moss, uscito incolume da un pauroso incidente. Sfortunatissimo il campione del mondo Juan Manuel Fangio che non poté correre gara 1 per un guasto alla sua vettura, che dovette abbandonare la griglia di partenza, e che si ritirò al secondo giro in gara 3 per un difetto di alimentazione.
Da segnalare la 2^ edizione del Trofeo “Gianluca Valt”: la vettura considerata più bella e meglio restaurata fra tutte quelle presenti nel paddock si aggiudicherà il premio intitolato ad un grande appassionato dello sport motoristico scomparso prematuramente l’anno scorso.
Per l’ingresso in Autodromo, con accesso a tutte le tribune e ai paddock, biglietti interi a 14 euro (ridotto 10 euro), parcheggio libero negli spazi segnalati.

Nel paddock 1 vi sarà la “Monza Gallery” dove, grazie a circa 50 espositori d’alto livello, si potranno trovare memorabilia, oggetti d’arte legati al collezionismo motoristico, tutto quanto necessario per il restauro di auto e moto d’epoca (parti di ricambio, accessori, ecc.) una mostra scambio di auto e moto, editoria specializzata, modellismo. Il paddock 2, invece, sarà dedicato ai club di auto e moto d’epoca che potranno vivere la Coppa Intereuropa a condizioni speciali: biglietto di ingresso scontato (10 euro) con il quale si potrà avere uno spazio riservato, seguire le gare in pista e poter percorrere, con la propria auto o moto d’epoca, lo storico circuito monzese.
Ad arricchire ulteriormente la 63^ Coppa Intereuropa, il raduno Top Volkswagen Show, con tutta la gamma dei mitici furgoncini tedeschi pre 1986, e varie parate sportive aperte a tutti gli appassionati (per informazioni: mostra.autodromo@libero.it). Vi saranno anche alcuni mezzi militari utilizzati nel corso del secondo conflitto mondiale da parte degli eserciti statunitense e britannico (M3 Half Track e Sexton), oltre al carro leggero AMX-13 realizzato in Francia nel dopoguerra (mezzi della collezione VedCarta).
Durate il weekend i turisti potranno provare l'esperienza dello Smart Tour by ARt-Glass®, una visita che racchiude 4 tappe salienti del circuito. Indossando degli occhiali multimediali, i turisti potranno scoprire i segreti del Tempio della Velocità con ricostruzioni 3D, filmati storici e racconti dai protagonisti delle quattro ruote. Realtà e virtuale si fondono in tempo reale per regalare un'esperienza senza precedenti adatta sia agli appassionati di motorsport sia alle famiglie. La visita costerà solo 5 euro ed è possibile prenotarla su www.monzanet.it.
Sempre aperta (fino al 24 luglio) la Mostra “Ayrton Senna. L’ultima notte”. Presso il Museo della Velocità il racconto delle riflessioni e dei momenti più significativi della vita del grande pilota, grazie alle fotografie di Ercole Colombo, i testi di Giorgio Terruzzi e ad oggetti come tute, caschi e il suo kart degli esordi (biglietti: intero, 7 euro; ridotto, 5 euro).
G.C.






--------------------------------------------------------------------------------------------------------------





 
La Scuderia del Portello al via della Pechino - Parigi
Impegni a tutto campo per il dinamico club brianzolo, portacolori dell'Alfa Romeo nel mondo con le vetture storiche

Milano - E' un mese di giugno straordinario per la Scuderia del Portello, da anni l'anima sportiva dell'Alfa Romeo nelle autostoriche. Dopo aver ricevuto a fine maggio, dal presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, una Menzione Speciale in occasione dell’assegnazione del Premio Rosa Camuna 2016, la Scuderia del Portello si prepara ora ad affrontare un mese ricco di eventi.
Il 12 giugno prenderà avvio il rally di respiro internazionale alla cui partecipazione il club brianzolo si sta preparando da 2 anni: la Pechino-Parigi. La carovana, partendo da Pechino, attraverserà Cina, Mongolia, Russia, Bielorussia, Polonia, Slovacchia, Ungheria, Slovenia, Italia, Svizzera, per approdare il 17 luglio, dopo quasi 14.000 km, in Place Vendôme a Parigi. La Scuderia prenderà parte al rally con una Giulia 1300 Ti (1969) e una Giulia Super 1.3 (1973). Una Alfa Romeo Giulia di nuova produzione affiancherà le Giulia storiche lungo il percorso europeo, in particolare nell’unica tappa italiana, San Martino di Castrozza, tra il 13 e il 14 luglio.


(Gli equipaggi al via della Pechino - Parigi con il presidente Maroni)

Le due Giulia del club, che disputeranno la gara con altre 107 vetture tra le più solide e affidabili della storia dell’automobile, sono già da tempo Cina in un grande deposito alla periferia della metropoli. Verranno consegnate con le targhe cinesi, assieme alle patenti, indispensabili per affrontare il tragitto verso la Grande Muraglia, il deserto del Gobi, il nulla della Mongolia, dove le vetture saranno chiamate a superare la parte in assoluto più difficile del raid.
Fatta eccezione per la sosta nella capitale Ulan Bator, i concorrenti – provenienti da 26 nazioni diverse – dovranno affrontare una settimana di percorsi al limite dell’impossibile, seguendo i tracciati con l’aiuto esclusivo del Gps, provvedendo in proprio a qualsiasi inconveniente, dormendo nelle tende personali all’interno dei campi allestiti dagli organizzatori.
Il tutto rispettando sempre i tempi dei controlli orari e impegnandosi in prove cronometrate in cui viene penalizzato il puro risultato cronometrico. Insomma, un rally vero e proprio. Disputato, però, con macchine che hanno almeno 40 anni di età, che dura quasi 14.000 chilometri e che si sviluppa lungo un percorso realmente impervio. Il solo arrivo in place Vendôme a Parigi, previsto per il 17 luglio, potrà essere considerato un grande successo.

Al via gli equipaggi italiani saranno ben sette, cinque dei quali, per competere, hanno scelto l’Alfa Romeo Giulia. A difendere i colori della Scuderia del Portello ci sarà il presidente Marco Cajani, che avrà al suo fianco Alessandro Morteo, direttore sanitario. Altro alfiere della Scuderia di Seregno sarà Roberto Chiodi, giornalista romano, che potrà contare su due Pechino-Parigi già disputate e sulla moglie Maria Rita, esperta multimediale (terranno un diario di bordo su pechinoparigi.gazzetta.it). Ci saranno poi Giorgio Schön con Pierre Tonetti; Lorenzo Castellini con Giancarlo Puddu; Francesco Guasti con il figlio Alessandro. Tra i piloti italiani, nella categoria delle auto più datate (la più vecchia sarà una American La France del 1915, trasmissione a catena, 14.500 cc), Mattia Nocera e Giacomo Foglia saranno a bordo di una Chevrolet Tourer del 1930.


(Equipaggi e vetture partecipanti al raid)

In questo mese la Scuderia del Portello parteciperà, per Alfa Romeo, anche alla Vernasca Silver Flag. Tema principale dell’edizione 2016 è proprio Alfa Romeo. Il club sarà ufficialmente presente alla salita di Vernasca con la Giulietta Spider-750 G – tipo “Sebring (pilota Antonio Carrisi), la Alfa 155 Superturismo ex BTCC di Gabriele Tarquini (pilota Jean-Luc Papaux), con la 1900 T.I. che partecipò alla V° Carrera Panamericana in Messico con Bruno Bonini (pilota Mario Cajani) e con la Giulietta Sprint Veloce che ha vinto la classe alla Carrera Panamericana du Mexico 2002 con Prisca Taruffi (pilota Luigi Somaschini). Emanuele Morteo vi prenderà parte con una Alfa GTAm e con la Giulietta Ti guidata dal figlio dell’ex proprietario, Leto di Priolo.
Non solo: giovedì 16 giugno, Antonio Carrisi, Jean-Luc Papaux, Mario Cajani, Luigi Somaschini ed Emanuele Morteo parteciperanno al Vernasca Track Day organizzato presso il circuito di Varano de’ Melegari solo per le vetture Alfa Romeo.
Il 24, 25 e 26 giugno, Jean-Luc Papaux guiderà l’Alfa 75 Turbo Evoluzione Imsa ex Alfa Corse al Goodwood Festival of Speed, su invito di Lord March, insieme ai più grandi campioni dell’automobilismo e del motociclismo mondiale.
Infine un'anticipazione di luglio: il primo week end la scuderia del Portello parteciperà alla prova di Monza del campionato Italiano Velocità Auto Storiche, con Jean-Luc Papaux e Antonio Carrisi su Alfa Romeo 2000 GTV, Mario Cajani e Luigi Somaschini su Giulietta Sprint Veloce, Vinicio Marta su Alfa Romeo 1750 GTAm, Massimo Sordi su GTA 1300 Junior, Roberto Restelli e Fabrizio Zamuner su GTA 1300 Junior. Ancora una lunga serie di eventi, dunque, che vedranno i soci piloti Scuderia del Portello protagonisti, come sempre, delle più belle e importanti manifestazioni nazionali e internazionali.
G.C.






------------------------------------------------------------------------------------------------------------






La Milla Miglia in pista all'Autodromo di Monza
Domenica 22 maggio, al mattino, “la corsa più bella del mondo” fa tappa sul tracciato brianzolo. La giornata sarà arrichita dalla passibilità per gli appassionati di poter girare al poperiggio con le proprie auto sul tracciato storico di Monza  

Monza - Torna la Milla Miglia a Monza,  con una passerella città e all'Autodromo. Domenica 22 maggio, per il secondo anno consecutivo, si incontreranno nuovamente due icone dello sport motoristico mondiale: la Mille Miglia e l’Autodromo Nazionale di Monza. Ovvero, da una parte, “la corsa più bella del mondo” (come la denominò il Drake Enzo Ferrari) che dal 1927 al 1957 infiammò gli appassionati lungo lo Stivale e che, dal 1977, sotto forma di rievocazione storica, suscita emozioni e riscuote sempre nuovi successi. E, dall’altra, il nostro glorioso impianto che dal 1922 rappresenta a livello mondiale il “Tempio della Velocità” dove tutti i grandi campioni vogliono gareggiare e cogliere una vittoria che qui ha sempre un sapore unico.
“Un matrimonio che, grazie alla sempre più stretta collaborazione fra AC Brescia e AC Milano, vediamo con orgoglio consolidarsi – dichiara Geronimo la Russa, vicepresidente di Automobile Club Milano con delega alle manifestazioni storiche – e che quest’anno è ulteriormente suggellato dal passaggio delle Frecce Tricolori: l’anno scorso salutarono la griglia di partenza del Gran Premio d’Italia di Formula 1 a Monza, alla partenza sorvoleranno Brescia alla partenza della Freccia Rossa. Tre meraviglie italiane, tre orgogli nazionali, per un evento unico al mondo”.
Il vicepresidente ACM consegnerà i trofei che premieranno i vincitori delle prove monzesi. Al primo classificato della tappa in Autodromo della Mille Miglia verrà assegnato il Trofeo Automobile Club Milano, realizzato dallo scultore Gianmaria Bonà, intitolato ad Alberto Ascari, il pilota milanese che vinse il campionato mondiale di formula 1 nel 1952 e nel 1953 e che si aggiudicò la Mille Miglia nel 1954, un anno prima della sua scomparsa.


Conducente d’eccezione quest’anno è il presidente dell’Automobile Club Milano, Ivan Capelli: “L’anno scorso partecipai alla Mille Miglia quale spettatore, entusiasta di ammirare tante vetture nel paddock di Monza. Quest’anno ho l’onore di parteciparvi da pilota, ed è la mia prima volta, raccogliendo l’invito della Famiglia Marzotto, storicamente legata a questa manifestazione, che mi mette a disposizione una Mercedes 300 SL del 1956: un’ulteriore icona all’interno di questa gara e del motorsport mondiale”.

Appuntamento domenica mattina a Monza. Le vetture, nel corso della quarta e conclusiva giornata della Mille Miglia 2016, effettueranno il controllo a timbro in centro presso l’Arengario, sfileranno davanti alla Villa Reale e poi giungeranno in Autodromo entrando nel paddock per iniziare la prova cronometrata. Percorreranno la storica Sopraelevata e poi la pista del circuito. In Autodromo l’arrivo delle vetture è previsto alle ore 9.25 per le categorie Tribute e Challenge e alle ore 10.40 per la categoria Mille Miglia.

 
Le emozioni per il pubblico proseguiranno anche nel pomeriggio. L’Autodromo Nazionale Monza aprirà infatti la Sopraelevata e il circuito alle auto private che potranno così percorrere il tragitto della prova cronometrata. Gli appassionati potranno vivere le stesse emozioni dei gentleman driver della Mille Miglia sia guidando auto moderne o storiche di loro proprietà sia scegliendo di essere accompagnati da un autista al volante di una supercar dell’Autodromo. I giri di pista potranno essere prenotati in loco, presso la direzione gara, oppure in anticipo sul sito www.monzanet.it o su www.ticketone.it, scegliendo anche di usufruire delle salette hospitality con catering affacciate sul rettifi
Tutti gli appassionati potranno comunque ammirare da vicino le 450 vetture e i 900 piloti partecipanti alla manifestazione, che ha come partner locali Engel & Völkers Italia e Radio Monte Carlo, entrando gratuitamente nell’impianto e nel paddock. Il parcheggio interno sarà a pagamento: 10 euro per le auto e 5 euro per le moto. Durante il weekend resterà aperta anche la mostra "Ayrton Senna. L'ultima notte", selezione di circa cento fotografie di Ercole Colombo raccontate dalla penna di Giorgio Terruzzi.
Un appuntamento con la storia dell'automobilismo da non perdere.
G.C.






--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






Moto classiche e auto performanti protagoniste
nel week end all'Autodromo di Monza
Torna sabato 14 e domenica 15 maggio il raduno The Reunion e le sfide in pista di Time Attack. Sabato dalle 20 ci sarà inoltre un Chill Out & DJ Set. Sarà anche possibile prenotare il nuovo Augmented Reality Tour, la visita dell'autodromo con gli occhiali multimediali

Monza - Motori e spettacolo all'Autodromo di Monza sabato 14 e domenica 15 maggio, dal mattino a notte. Moto classiche e auto performanti saranno protagoniste del weekend all'Autodromo Nazionale Monza con il raduno The Reunion e le sfide in pista di Time Attack.

 
Dopo aver attirato lo scorso anno più di 2.500 motociclette, The Reunion torna in circuito per la seconda edizione del raduno di café racer, classiche e scrambler. La manifestazione si trasferisce su viale Mirabello. Da lì il pubblico potrà raggiungere il Rettilineo Alta Velocità, teatro della TAG Heuer Sprint Race, e il circuito ovale in fango della Belstaff Dirt Race. Nella gara di accelerazione pura sull'ottavo di miglio del RAV si sfideranno 64 moto raffreddate ad aria, in corsa su 200 metri. La Belstaff Dirt Race sarà invece una gara ad inseguimento in un ovale infangato sulla distanza di tre giri con partenza da fermo senza affiancamenti o sorpassi. Il pubblico, sabato e domenica, non godrà solo dello spettacolo agonistico ma potrà visitare anche gli stand delle principali case costruttrici che metteranno a disposizione gratuitamente gli ultimi modelli di moto per test drive. Sabato dalle 20 ci sarà inoltre un Chill Out & DJ Set. Il programma completo è disponibile su www.thereunion.it.

Sabato pomeriggio inizia ufficialmente anche il weekend Time Attack. Il format nasce in Giappone come manifestazione che unisce la passione per i motori e la ricerca del miglior tempo in pista. Gli appassionati potranno dimostrare non solo le doti di guida ma anche le abilità meccaniche e dinamiche grazie all'elaborazione delle vetture. Gli eventi di Time Attack Italia riuniscono in un'unica competizione dalle auto stradali ai prototipi più performanti. La pista monzese sarà dunque un terreno di sfida non solo per gli appassionati con auto stradali nelle categorie club ma anche per i preparatori che possono sbizzarrirsi alla ricerca di migliorie meccaniche ed aerodinamiche nelle classi extreme dove l'unico limite allo sviluppo è la fantasia. Sabato dalle 14 sarà possibile girare in pista a fianco dei piloti TAI con turni open pit lane. Domenica dalle 9 del mattino e per tutto il giorno, più di 130 auto entreranno nel circuito per il secondo round della stagione Time Attack Italia.


Sabato e domenica rimarrà inoltre aperta l'esposizione "Ayrton Senna. L'ultima notte" nel Museo della Velocità. Attraverso una selezione di circa cento fotografie di Ercole Colombo, la mostra intende raccontare la carriera sportiva ma anche gli aspetti più intimi del campione brasiliano. Il percorso espositivo, arricchito dai testi di Giorgio Terruzzi, ripercorre i momenti più significativi di Ayrton Senna: gli inizi con il kart (esposto nel padiglione), l’esordio nel mondo della Formula 1, le vittorie e le sconfitte storiche, gli amici colleghi e i piloti rivali, il rapporto complesso con Alain Prost, gli amori, la fede, le dinamiche famigliari e le sue ultime, drammatiche ore in pista. Sarà aperto anche l'Infopoint del circuito dove sarà possibile prenotare il nuovo Augmented Reality Tour, la visita dell'autodromo con gli occhiali multimediali di realtà aumentata. Per informazioni sull'innovativa esperienza è possibile chiamare il numero 039/2489590.
Il programma e le informazioni del weekend all'Autodromo Nazionale Monza sono disponibili sul sito www.monzanet.it. L'ingresso è libero, i parcheggi interni a pagamento (automobili: 10 euro, moto: 5 euro).
G.C.





--------------------------------------------------------------------------------------------------------------






A Monza il via del campionato italiano Gran Turismo
Ricchissimo il programma di gare e campionati nazionali nel week end dal 29 aprile al 1 maggio con GT tricolore, F2 Italian Trophy, Sport Prototipi, Trofeo Nazionale Abarth, Porsche Carrera Cup. Ingresso libero a tribune e paddock.

Monza - Dopo lo spettacolo del campionato Blancpain, tornano in pista nel week end dal 29 aprile al 1 maggio all'Autodromo di Monza le splendide GT per il debutto della 14^ edizione del Campionato Italiano Gran Turismo, in occasione del quale sono attesi 33 equipaggi in rappresentanza di 9 marchi automobilistici. Diverse le novità che caratterizzeranno la stagione 2016, tra cui l'inserimento delle nuove classi Super GT3 e Super GT Cup. E proprio nella classe regina si sfideranno alcune tra le più famose case automobilistiche, quali Ferrari, Audi, Lamborghini, BMW, Aston Martin e Nissan, a cui si aggiungono Porsche, Maserati e Ginetta, che vanno a completare il prestigioso lotto partenti.


Sei i titoli italiani che saranno assegnati al termine dei sette appuntamenti in calendario con quattordici gare totali, oltre a cinque Trofei Nazionali e altrettante Coppe Nazionali. Tra i favoriti per la vittoria finale nella classe Super GT3, che ospita le vetture di recente omologazione, si presenta al via della stagione il campione in carica Stefano Gattuso in coppia con Alex Frassineti al volante della Lamborghini Huracan.
L'equipaggio dell'Ombra Racing, però, dovrà vedersela con gli altri portacolori della Casa di Sant'Agata Bolognese, Bortolotti-Mul e Pezzucchi-Venturini (Imperiale Racing) oltre ad Agostini-Di Folco (Antonelli Motorsport). Con la nuova Audi R8 LMS saranno della partita Mapelli-Albuquerque (Audi Sport Italia) a cui si affiancheranno la BMW M6 GT3 di Comandini-Cerqui (BMW Team Italia) e le Ferrari 488 di Venturi-Gai (Black Bull Racing) e Geri-Mancinelli (Easy Race). Sini-Mugelli (Solaris Motorsport), invece, porteranno al debutto assoluto nella serie tricolore la prestigiosa Aston Martin Vantage, evento unico per la serie tricolore che gode del ritorno di un altro importante marchio automobilistico, la Nissan, che schiererà la GT-R Nismo per Bontempelli-Linossi (Drive Technology Italia).

Nella GT3 la sfida per il titolo italiano è lanciata dai fratelli Luca e Nicola Pastorelli (Porsche GT3R-Krypton Motorsport), campioni in carica della classe GT Cup, che nel salto di categoria saranno contrapposti alla vettura gemella di Venerosi-Baccani (Ebimotors), alle due Ferrari 458 Italia di Leo-Cheever (Scuderia Baldini 27) e Marco Galassi (Team Malucelli), e alla Lamborghini Gallardo di Monfardini-Valori (Cars Engineering).
Le Lamborghini Huracan monopolizzano la nuova classe Super GT Cup con ben nove vetture. A fare la parte del leone è l'Antonelli Motorsport con quattro equipaggi - Galbiati-Sartori, Mantovani-Casè, Kasai-Desideri, Magli-Spiridonov - a cui fanno seguito il Vincenzo Sospiri Racing con due GT per Baruch-Liang e Croce-Costa e il Raton Racing, squadra campione in carica, che ha affidato le sue vetture a Tanca-Comi e D'Amico-Zaugg. Completa lo schieramento delle Huracan la GDL Racing con la coppia Necchi-De Lorenzi.

Otto vetture compongono lo schieramento della GT Cup, dove le Porsche 997 e le Ferrari 458 Italia hanno la maggioranza numerica. Con la GT della casa di Stoccarda saranno al via della stagione Maino-Benucci e i fratelli Lino e Carlo Curti (Ebimotors), oltre a "Magister"-Carboni (Drive Technology Italia, mentre con la Rossa di Maranello si schiereranno Deodati-Romani e Zanardini-Sauto (Duell Race) e Del Prete-Caso (Scuderia Victoria). Benvenuti-Demarchi (Lamborghini Gallardo-Imperiale Racing) e Gianni Giudici (Maserati Trofeo-Scuderia Giudici) completano l'elenco delle vetture in configurazione monomarca. Per il momento unico iscritto della classe GT4 con la Ginetta G50 è Claudio Giudici (Scuderia Giudici), ma dal secondo appuntamento di Imola la classe più piccola della serie tricolore si arricchirà di un buon numero di Porsche Cayman che daranno vita alla Coppa a loro riservata.




Il programma del primo week end motoristico della stagione prevede i due turni di prove ufficiali, separati per le varie classi, nella giornata di sabato (dalle 9,45 alle 11,35), mentre nel pomeriggio prenderanno il via gara-1 S.GT3 e GT3 alle 16,45 e gara-1 S.GT Cup e GT Cup alle 17,55. Domenica mattina, invece, scatteranno gara-2 S.GT Cup alle 11 e gara-2 S.GT3 e GT3 alle ore 12,10. Tutte le gare, della durata di 48 minuti + 1 giro saranno trasmesse in diretta TV su Raisport1 (S.GT3 e GT3) e AutomotoTV (S.GT Cup e GT Cup). L'intenso programma di gare è arricchito dai campionati F2 Italian Trophy, Sport Prototipi, Porsche Carrera Cup e Trofeo Nazionale Abarth. Doppie gare per tutti i campionati. E' previsto l'ingresso libero a tribune e paddock. Un'occasione da non perdere.


Serata speciale sabato 30 aprile, l’Autodromo Nazionale Monza ospiterà la serata speciale “Senna. L’ultima notte insieme”, ideata dai curatori dell’esposizione dedicata al campione brasiliano allestita presso il Museo, il fotografo Ercole Colombo e il giornalista Giorgio Terruzzi.
A partire dalle ore 21 i visitatori potranno assistere alla proiezione di un suggestivo filmato dedicato alla carriera del campione brasiliano, seguito da una conversazione con ospiti speciali tra i quali importanti ex piloti come Jean Alesi ed Ivan Capelli che dialogheranno insieme ai curatori della mostra. Un’occasione unica per ricordare Ayrton Senna attraverso le testimonianze e i racconti di chi ha avuto la possibilità di conoscerlo più da vicino e di toccare con mano la sua forte sensibilità. L'ingresso è di 10 euro con consumazione; parte dell'incasso sarà devoluto in beneficienza.

Monza e il futuro, eletto nuovo Consiglio Sias
L'Automobile Club Milano informa che nel corso della riunione di mercoledì 27 aprile l’Assemblea della Sias (Società incremento automobilismo e sport S.p.A.), la società che gestisce l’Autodromo Nazionale Monza, ha provveduto alla nomina di un nuovo Consiglio di Amministrazione.
Sono stati nominati Piero Lorenzo Zanchi, Paolo Longoni, Maddalena Valli, Alfredo Scala (quale rappresentante dell’Automobile Club d’Italia), Alberto Ansaldi (direttore AC Milano, ad interim in attesa dell’indicazione del rappresentante dei Comuni di Milano e Monza).
Di seguito l’Assemblea ha eletto Piero Lorenzo Zanchi alla carica di presidente del Consiglio di Amministrazione della Sias. Nato a Milano nel 1954, dottore commercialista, il nuovo Presidente della Sias è da sempre appassionato del mondo dei motori, pilota di rally, e ha ricoperto in passato la carica di presidente dell’Automobile Club Milano, di cui è attuale presidente della Commissione Sportiva.
Tra i principali e immediati obiettivi del nuovo Consiglio Sias, il risanamento del bilancio societario e l’auspicato rinnovo del contratto del Gran Premio d’Italia di Formula 1.
G.C.





--------------------------------------------------------------------------------------------------





In pista a Monza le Gran Turismo più belle

All'Autodromo da venerdì 22 a domenica 24 aprile si sfidano le potenti GT del campionato Blancpain, il più spettacolare del mondo, con diversi piloti lariani e brianzoli in pista.
 
Monza - Secondo appuntamento del calendario sportivo dell’Autodromo Nazionale Monza con le potenti Gran Turismo del campionato Blancpain organizzato dall’SRO Motorsport Group fondato da Stephane Rattel. Non meno di 57 rombanti GT3 si sfideranno in terra brianzola nella prima gara endurance della stagione (le competizioni sprint hanno avuto il loro primo appuntamento a Misano quindici giorni fa), della durata di tre ore, con partenza lanciata e cambio pilota ai box.


Presenti i grandi marchi ai vertici mondiali, a partire dalle rosse Ferrari, saranno ben quindici fra 458 Italia e nuovissime 488 GT3, e dalle Lamborghini, di cui nove Huracan GT3, vettura che al suo esordio vinse l’anno scorso proprio qui a Monza con l’equipaggio del GRT Grasser Racing. Le italiane dovranno fronteggiare innanzitutto l’assalto delle rivali tedesche: le squadre Audi (saranno nove la R8 LMS in pista, fra cui la macchina numero 1 vincitrice della prima tappa sprint 2016), le Mercedes AMG GT3 e le BMW M6 GT3. Il lotto è completato da ulteriori vetture prestigiose quali la Bentley Continental GT3, la Aston Martin Vantage GT3, la Emil Frey Jaguar G3. Da sottolineare la presenza della Nissan GT, che l’anno scorso vinse con il Team Academy RJN il titolo piloti endurance, e della McLaren 650 S che nel 2015 si aggiudicò due delle cinque gare endurance.

Le vetture, pur suddivise in tre raggruppamenti (PRO Professionisti, PRO-AM categoria mista, AM Gentlemen), correranno tutte insieme, affidate ad equipaggi composti da tre conducenti, dando vita ad uno spettacolo adrenalinico molto atteso da tutti gli appassionati. Complessivamente sono 170 circa i piloti iscritti per questa competizione, in rappresentanza di una ventina di Paesi. Lo start è previsto per sabato mattina con il Bronze test, cui seguiranno nel corso della giornata prove libere e sessioni di pre-qualifica. Domenica, le qualifiche alle 9.00 e alle 15.00, la partenza della gara sui 180 minuti.

Ma il fine settimana offrirà, da venerdì a domenica, ulteriori emozioni con tre prestigiose categorie di supporto: il Super Trofeo Lamborghini Blancpain, con in lizza quasi cinquanta vetture, la Formula Renault 2.0 Northern European Cup, con 26 campioncini desiderosi di mettersi in mostra, e la Competition 102 GT4 European Series, al suo debutto stagionale, con circa 30 vetture fra cui una nutrita pattuglia di Maserati.

Complessivamente, quindi, oltre 150 bellissime vetture che i tifosi potranno ammirare sia in pista, sia da vicino nel paddock a cui potranno accedere liberamente.
Il programma dettagliato si può scaricare dal sito dell’Autodromo www.monzanet.it e da quello del campionato www.blancpain-gt-series.com. Ingresso libero venerdì, sabato 10 euro (8 euro ridotto), domenica 14 euro (10 euro ridotto). I biglietti sono acquistabili in prevendita su www.monzanet.it. Il biglietto ridotto è riservato ai soci Automobile Club e dell’Associazione Amici dell’Autodromo e del Parco. Parcheggio gratuito negli spazi indicati. Durante il weekend di gara sarà inoltre possibile acquistare i biglietti del Formula 1 Gran Premio d'Italia 2016 (a prezzi scontati ancora fino al 31 maggio 2016) all'ufficio biglietteria del circuito.
Sempre aperta (fino al 24 luglio) la Mostra “Ayrton Senna. L’ultima notte”. Presso il Museo della Velocità il racconto delle riflessioni e dei momenti più significativi della vita del grande pilota, grazie alle fotografie di Ercole Colombo, i testi di Giorgio Terruzzi e ad oggetti come tute, caschi e il suo kart degli esordi.
G.C.




-------------------------------------------------------------------------------------------------------





La scuderia Abs Sport brilla in pista
Inizio di stagione spumeggiante per la scuderia oggionese con Giancarlo Maroni e Loris Papa primattori a Varano e Imola nel Challenge Trophy e nelle Autostoriche 

Oggiono - E' la pista a regalare alla scuderia Abs Sport le prime soddisfazioni di aprile, con una splendida doppietta conquistata da Giancarlo Maroni e Loris Papa, primattori a Varano e Imola, rispettivamente nel Challenge Trophy e nel tricolore Autostoriche.
Il ventunenne Maroni, figlio d'arte, è andato oltre le aspettative centrando pole position e finale nella prima prova della serie riservata ai Formula Challenge promossa dall'Autodromo di Varano, alla guida del Proto-Suzuki 1600 che fino alla scorsa stagione usava il padre Benvenuto nelle gare del tricolore della specialità.


(Giancarlo Maroni in pista a Varano)

Arrivato a Varano con l'obiettivo di proseguire l'apprendistato nella categoria più performante, il giovane Maroni, valsassinese di Primaluna, già nelle qualifiche trovava subito il feeling con il tracciato parmense, realizzando la pole nell'ultimo giro. Seguendo i consigli di papà Benvenuto ai box, nelle batterie Maroni junior completava la messa a punto del Proto, rodando anche le nuove gomme. In finale, malgrado un rallentamento causato da un testacoda in un altro concorrente, trovava il guizzo per andare a centrare il giro più veloce e il successo assoluto, precedendo di oltre 3” l'esperto Matteo Pollini in gara con il Proto-Cigala.

“Sono felicissimo, non me l'aspettavo questo successo, considerato che era la prima volta che gareggiavo su una pista vera come Varano, dove anche la velocità si faceva sentire – afferma il Maroni junior -. Arrivo dal kart e finora ho disputato tre gare nei Formula Challenge, salendo sempre sul podio, questa affermazione assoluta di Varano ha però un peso sicuramente maggiore rispetto alle altre, per il tipo di tracciato e per la concorrenza presente. Una vittoria che voglio dedicare a tutta la squadra, a mio papà e mia sorella Cristina in particolare. Adesso vediamo di continuare la stagione scegliendo alcune gare spot, tra la serie di Varano che conto di disputare per intero. Se le cose vanno come spero, per il prossimo anno vedremo di allestire un programma per il campionato italiano di specialità”.




Sul circuito di Imola il brianzolo Loris Papa, campione di carica nella propria categoria, non si è lasciato sfuggire il successo nella classe 1100 nella gara d'apertura del campionato italiano velocità Autostoriche. Ben assecondato dall'affidabilissima Fiat 128, datata 1972, preparata dalla Elco Racing di Ponte Lambro, Papa ha condotto una gara accorta puntando a centrare il successo di categoria e incamerare il primo punteggio pieno della stagione, che anche quest'anno si presenta intensa.

In contemporanea alle gare di Varano e Imola, la scuderia oggionese era presente ad Abbadia Lariana alla manifestazione benefica “Miky Motor Day”, in ricordo dello sfortunato bambino Michele Barra, appassionatissimo di auto e di rally in articolare. L'evento ha riscosso un notevole successo di partecipazione di pubblico e piloti di varie specialità. Per l'Abs Sport erano presenti con le proprie auto da gara i rallisti Alessandro Muzio, Alessandro Devignani, Fabio Terraneo e il diesse Ivano Tagliabue.
G.C.





------------------------------------------------------------------------------------------------------






Il Ferrari Challenge Europe apre la stagione a Monza
Da venerdì 1 a domenica 3 aprile l'Autodromo ospitata l'apertura della serie internazionale delle vetture del Cavallino. Sono attese 43 vetture, gare sabato e domenica. A completare il programma varie attività in pista. Ingresso libero.

Monza - Motori accesi all’Autodromo Nazionale Monza. Da venerdì 1 a domenica 3 aprile l'Autodromo si tinge di rosso per ospitare il primo fine settimana del calendario sportivo 2016, con  l'apertura dedicata al Ferrari Challenge Europe che, a sua volta, inizia in terra brianzola la nuova stagione che vivrà l’atto conclusivo mondiale a Daytona nel mese di dicembre.

Sono attese 43 vetture con un parco piloti di prim’ordine suddivisi in due categorie: il Trofeo Pirelli, riservato ai piloti con esperienza agonistica, e la Coppa Shell, dove si sfideranno i gentlemen drivers. Nel programma (disponibile, insieme a tutte le informazioni relative all’evento, su www.monzanet.it) numerose sessioni di test e prove, a partire da venerdì mattina, e quattro gare, due per categoria, della durata di 30 minuti ciascuna: sabato e domenica il via per il Trofeo Pirelli alle 12.35, per la Coppa Shell alle 15.20. A completare il programma varie attività in pista e nei diversi spazi del circuito.


Nel Trofeo Pirelli sono molto attesi il campione europeo in carica, il tedesco Bjorn Grossmann, al volante della 458 Challenge Evo numero 84 del team Octane 126, e il pilota romano Matteo “Babalus” Santoponte della Scuderia Autoropa che l’anno scorso vinse entrambe le gare monzesi e che, a fine stagione, si impose nelle Finali Mondiali del Mugello. Da segnalare l’esordio di Alessandro Vezzoni, vincitore di campionato e titolo mondiale del Trofeo Pirelli Am, e il ritorno di Philipp Baron che può vantare in passato già 13 vittorie.

Nella Coppa Shell vi è la novità della Ladies Cup al suo esordio, con protagoniste le sorelle altoatesine Corinna e Manuela Gostner insieme alla francese Deborah Mayer. Sicuramente numerosi saranno i pretendenti alla Coppa Gentlemen: partono fra i favoriti Eric Prinoth (che nel 2015 qui a Monza conquistò una vittoria e un secondo posto), l’olandese Fons Scheltema, il canadese Eric Cheung e il libanese Tani Hanna.

L’ingresso alla manifestazione, con accesso a tutte le tribune e al paddock, è libero. Parcheggio gratuito venerdì, 10 euro per le auto/5 euro per le moto sabato e domenica.
Prosegue inoltre (sarà aperta fino al 24 luglio) la Mostra “Ayrton Senna. L’ultima notte”. Presso il nuovo Museo della Velocità il racconto delle riflessioni e dei momenti più significativi della vita del grande pilota, grazie alle fotografie di Ercole Colombo, i testi di Giorgio Terruzzi e ad oggetti come tute, caschi e il suo kart degli esordi (biglietti: intero, 7 euro; ridotto, 5 euro).
G.C.





 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------






Non solo motori ma anche eventi 
nel calendario 2016 dell'Autodromo di Monza

Monza - A pochi giorni dall'avvio della nuova stagione è stato presentato il calendario delle principali manifestazioni ed eventi che si terranno all'Autodromo Nazionale Monza nel corso del 2016. La stagione sportiva rimane il fulcro dell'attività del circuito, grazie alla conferma delle gare che hanno riscosso maggiore successo tra il pubblico. Nei weekend di competizione, verranno inoltre organizzate numerose attività collaterali per intrattenere maggiormente gli appassionati e le loro famiglie. Si è ampliata anche l'offerta di concerti, sulla scorta della popolarità ottenuta nello scorso anno, che attireranno all'Autodromo Nazionale Monza nomi noti del panorama musicale internazionale.
"Il circuito vivrà quindi ogni giorno dell'anno, fornendo un'articolata proposta di eventi e manifestazioni, sicuri di incontrare il favore di un pubblico sempre maggiore. Vi aspettiamo per un anno di grandi emozioni all’Autodromo Nazionale Monza", affermano dalla direzione dell'Autodromo monzese.
G.C.
 

Questo il calendario 2016 degli eventi in programma
(Cliccando sul calendario si ingrandisce il testo)








------------------------------------------------------------------------------------------------------






La scuderia Abs Sport in festa con i propri campioni

Oggiono - Tradizionale conviviale a tavola per la scuderia Abs Sport, che si è ritrovata presso l'agriturismo Sant'Anna di Eupilio prima dell'avvio di stagione. Occasione per premiare i protagonisti dello scorso anno e presentare il nuovo programma sportivo 2016, che di fatto ha già registrato il primo podio stagionale nel recente Franciacorta Rally Show grazie al secondo posto di classe conquistato dal presidente Beniamino Bianco nel ruolo di navigatore di Rocco Bertucci sulla Citroen C2. Piazzamento accolto come incentivo per la nuova stagione agonistica.
Circa un centinaio i presenti alla conviviale, tra piloti, navigatori, meccanici, soci e ospiti vari, tra i quali anche il gruppo di ufficiali di gara dell'Aci Lecco LC09.




A fare gli onori di casa il diesse Ivano Tagliabue e il presidente Beniamino Bianco.
“Non possiamo che essere contenti di ritrovarci di nuovo a festeggiare dei titoli italiani, ma soprattutto un'intensa partecipazione alle gare – afferma Tagliabue -. E già questo è un bel successo, reso possibile grazie alla passione dei nostri piloti e navigatori. Lo scorso anno abbiamo partecipato a ben 22 appuntamenti in tutta Italia, tra rally, challenge, salite e pista. Vinto 3 titoli italiani nel campionato velocità autostoriche con i driver del team Elco Racing di Ponte Lambro, Loris Papa, Gabriele e Roberto De Rui, Rossano Gritti. Tra pista e rally abbiamo conquistato una ventina di successi di classe. E per i rally vorrei ricordare il successo di categoria di Nicolaj Ciofolo e Matteo Sala alla ronde Val Tiberina e alla storica Coppa Liburna, mentre Walter Sanvito ha trionfato nella Coppa Valtellina in coppia con il presidente Bianco. Sergio Brambilla in coppia con Vincenzo Rota, Alessandro Muzio e Matteo Magni hanno invece primeggiato alla ronde Città dei Mille a Selvino”.

“Da aggiungere - prosegue il diesse - poi i 3 piazzamenti d'onore colti dai fratelli Roberto e Sergio Brambilla al Rally dei Laghi, dall’esordiente Tommaso Paleari e Giovanni Barbaro al rally Aci Como e dal galbiatese Riccardo Riva con Davide Bozzo al rally di Lecco-Valsassina.
Scorrendo poi le classifiche troviamo altri ottimi piazzamenti a podio ottenuti da Luca Sassi e Maurizio Manghera alla ronde Aci Brescia, Manuel Cappi e Cristian Galimberti, Luca Geddo e Stefano Destro al Rally di Lecco-Valsassina, Cosimo Palamisano con Luciano Piazza e Beniamino Bianco al trofeo Aci Como e alla ronde Città dei Mille. Da ricordare poi il secondo posto nella categoria femminile nel campionato Ronde Cup Lombardia ottenuto dalla pilotessa di Monguzzo Antonella Gela insieme ad Alessandra Vimercati con la Peugeot 106 con i colori della Tac Motorsport. Direi che possiamo essere più che soddisfatti. Ora contiamo di ripeterci anche nel 2016, con un programma di gare che rispecchierà quello dello scorso anno. Per quanto riguarda i piloti, è possibile qualche novità”.
Come tradizione nel corso della serata c'è stato spazio anche per le premiazioni, con varie motivazioni, nonché applausi  e foto di rito per tutti con la madrina Roberta a rendere il tutto ancora più splendido.

 

Come tradizione nel corso della serata c'è stato spazio anche alle premiazioni, con varie motivazioni, nonché applausi e foto di rito per tutti con la madrina Roberta a rendere il tutto ancora più splendido.
Questi i premiati: Nicolaj Ciofolo, Matteo Sala, Sergio e Roberto Brambilla, Tommaso Paleari, Fabio Franchin, Walter Sanvito, Roberto e Gabriele de Rui, Loris Papa, Rossano Gritti, Luca Sassi, Mattia Nava, Aldo Brambilla, Cosimo Palmisano, Paolo Milani, Giuseppe Tabacco, Cristian Galimberti, Antonella Gela, Paolo Bonometti e il presidente Beniamino Bianco. Premiati anche Chiara Maggioni e Mauro Scaletta, organizzatori del Cremella Rally Day, manifestazione con finalità benefica che ha visto protagonista anche la scuderia Abs Sport.
E ora via a preparare la nuova stagione con il primo impegno che vedrà la scuderia oggionese presente con diversi equipaggi al classico Rally dei Laghi a Varese in programma a metà marzo.
Red. 






-----------------------------------------------------------------------------------------------------------





 
Monza omaggia con una mostra Ayrton Senna
L'esposizione con un centinanio di  fotografie e testi, curata da Ercole Colombo e Giorgio Terruzzi rimarrà aperta fino al 24 luglio

Monza - E’ stata inaugurata martedì 16 febbraio, con grande successo di pubblico, la mostra “Ayrton Senna. L’ultima notte”, allestita negli spazi dell’Autodromo Nazionale Monza, Museo della Velocità.
Oltre cento giornalisti di importanti testate hanno partecipato alla conferenza stampa di presentazione alla quale sono intervenuti Francesco Ferri, procuratore Autodromo Nazionale Monza, Roberto Scanagatti, sindaco Comune di Monza, Ivan Capelli, presidente Automobile Club Milano, Andrea Dell'Orto, presidente Autodromo Nazionale Monza, Fabio Sanvito, amministratore delegato ViDi (organizzatore e produttore della mostra) e i due curatori della mostra Ercole Colombo e Giorgio Terruzzi.


La mostra resterà aperta al pubblico fino al 24 luglio. Un’occasione unica per ripercorrere la carriera sportiva, ma anche gli aspetti più intimi del campione brasiliano, attraverso una selezione di circa cento fotografie di Ercole Colombo, uno dei più grandi fotografi della Formula 1. Il percorso espositivo, arricchito dai testi di Giorgio Terruzzi, ripercorre i momenti più significativi di Ayrton Senna: gli inizi con il kart, l’esordio nel mondo della Formula 1, le vittorie e le sconfitte storiche, gli amici colleghi e i piloti rivali, il rapporto complesso con Alain Prost, gli amori, la fede, le dinamiche famigliari e le sue ultime, drammatiche ore in pista.

 
Il pubblico avrà la possibilità di immergersi in un racconto emozionante e coinvolgente che culmina con l’ultima notte del pilota, trascorsa nell’ormai celebre “Suite 200” dell’Hotel Castello a Castel San Pietro, vicino al circuito di Imola. In una sala suggestiva, in una stanza sospesa nel tempo e nello spazio, i visitatori potranno condividere le sensazioni, le riflessioni di una notte colma di pensieri dalla quale emerge il ritratto inedito di un campione, ma anche e soprattutto di una persona particolarmente sensibile, la cui scomparsa ha lasciato un vuoto incolmabile.
La mostra, a cura di Giorgio Terruzzi e di Ercole Colombo, è ideata, prodotta e organizzata da ViDi in collaborazione con l’Autodromo Nazionale Monza e con il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza.
G.C.






---------------------------------------------------------------------------------------------------------------







La Scuderia del Portello 
premia i Campioni Alfa Romeo
Annunciata la partecipazione alla Pechino-Parigi 2016 con due Giulia affidate agli equipaggi Marco Cajani-Alessandro Morteo e Roberto Chiodi-Maria Rita Degli Esposti

Arese - Il ritorno a casa. E' stato questo il filo conduttore della festa dei "Campioni Alfa Romeo" organizzata dalla Scuderia del Portello. Non poteva esservi cornice migliore del rinnovato Museo Storico di Arese per la tradiuzione premiazione dei campioni del biscione.
La Scuderia del Portello, come ogni anno dal 1993, ha inaugurato la stagione sportiva 2016 premiando, davanti agli oltre 300 ospiti presenti, tutti i piloti che si sono contraddistinti con le Alfa Romeo storiche e moderne in gare e manifestazioni ufficiali nel corso del 2015.
Il leitmotiv di quest’anno è stata presentazione della Pechino-Parigi, il raid automobilistico che partirà da Pechino il prossimo 12 giugno e terminerà a Parigi il 17 luglio. La Scuderia del Portello vi prenderà parte per Alfa Romeo con due vetture Giulia affidate agli equipaggi Marco Cajani-Alessandro Morteo e Roberto Chiodi-Maria Rita Degli Esposti. Per l’occasione, il Registro Italiano Giulia, con il suo presidente Paolo Stefanel e il suo vicepresidente Domenico Pepè, ha organizzato un raduno internazionale di 30 Alfa Romeo Giulia che sono state esibite lungo la nuova pista, interna alla struttura museale, dove erano esposti i modelli Giulia nuovi e storici.
Le Giulia che prenderanno parte alla Pechino-Parigi, contrassegnate dalla scritta “Giulia dei Miracoli”, richiamano il “Raid della Fratellanza e della Pace” (Roma-Pechino, 1968) portato avanti, ma non compiuto, dal giornalista Maner Lualdi.


Oltre ai “Campioni Alfa Romeo”, il presidente del club del Portello, Marco Cajani, insieme al presidente onorario Arturo Merzario, al presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni e al vicepresidente di Aci Milano Geronimo La Russa, hanno premiato i soci della Scuderia, i partner istituzionali e gli enti patrocinanti l’evento, tra cui Coni, Aci Milano, Aci Sport, il Comune di Milano e il Comune di Seregno, oltre all’associazione Rotary nazionale e a uno dei principali sponsor storici della Scuderia, la Bosch.
L’intervento di Fabrizio Curci, Head of Alfa Romeo EMEA, ha informato il pubblico in merito alle politiche del Brand Alfa Romeo rivolte alla storia sportiva del marchio, finalizzata ai modelli di recente e di prossima produzione, attraverso la vettura Giulia (“l’auto disegnata dal vento”).


Tra i premiati ricordiamo il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, il responsabile di Alfa Romeo EMEA Fabrizio Curci, il vicesindaco del Comune di Seregno Giacinto Mariani, il vicepresidente dell’Aci Milano Geronimo La Russa, ex piloti Autodelta tra cui Gian Luigi Picchi, i preparatori storici Alberto Spotti e Samuele Baggioli e, naturalmente, il sempre presente campionissimo delle quattro ruote, Arturo Merzario.
E ora via con le prime gare sui principali circuiti e tracciati stradali del mondo, con l'appuntamento di casa, la tradizionale Coppa Intereuropa a Monza, in programma dal 17 al 19 giugno. Evento che rappresenta per tutti i soci della Scuderia del Portello una festa nella festa.
G.C.






....................................................................................................................................






 
Concorso di idee per riqualificare 
l'ingresso dell'Autodromo di Monza
Lanciata un'inedita iniziativa per rinnovare l'accesso principale dell'impianto
Ammessi al concorso architetti, ingegneri e gruppi di studenti universitari

Monza - L'Autodromo di Monza lancia "Un concorso di idee" per riqualificare l'ingresso dello storico impianto brianzolo. Una maggiore qualità architettonica e paesaggistica e un flusso di traffico più veloce per l'ingresso dei visitatori. Sono gli obiettivi che hanno spinto l'Autodromo Nazionale di Monza ad indire un concorso di idee per riqualificare l'ingresso principale del circuito in corrispondenza della Porta di Vedano nel Parco di Monza.

 
È stata pubblicata sul sito www.monzanet.it la documentazione che permetterà ad architetti ed ingegneri, nonché a gruppi di studenti universitari guidati da un docente, di partecipare ad un concorso di idee per individuare le migliori proposte progettuali per il nuovo ingresso principale dell'Autodromo Nazionale Monza. In un’ottica di rilancio e valorizzazione del circuito risulta importante la riqualificazione dell’accesso di Vedano che costituisce il biglietto da visita offerto agli ospiti e agli appassionati di motorsport.
Sias S.p.A., società che gestisce il circuito, è alla ricerca di un progetto con un'elevata qualità architettonica e paesaggistica per migliorare l'integrazione con il contesto circostante del Parco di Monza, un'area vincolata sotto il profilo monumentale e ambientale. Ogni idea dovrà inserirsi nel contesto naturalistico, con opportuni gradi di mitigazione degli interventi.

Un elemento preferenziale per la scelta della commissione giudicatrice sarà la capacità dei concorrenti di costituire un elemento distintivo e di immediata riconoscibilità per una realtà consolidata sia a livello nazionale che internazionale, come quella dell’Autodromo Nazionale Monza, così da divenirne un simbolo. Il nuovo ingresso avrà anche la funzione di garantire una maggiore efficienza in termini di controllo degli accessi e gestione dei flussi di traffico durante le manifestazioni di maggiore richiamo.

Il concorso di idee è con procedura aperta ed in forma anonima. Il vincitore riceverà un premio di 5mila euro, il secondo classificato invece di 2mila euro mentre il terzo concorrente avrà un premio di mille euro. Il termine per la consegna dei progetti, con un importo dei lavori non superiore a 200mila euro, è fissato per le ore 12 del 4 marzo 2016.
G.C.






------------------------------------------------------------------------------------------------------------







Ai nastri di partenza il trofeo Honda RedMoto 2016
La serie, inserita nell'ambito del Winter X Trophy di motocross, 
si svilupperà su 3 appuntamenti da fine gennaio a febbraio

Lecco - Prenderà il via domenica 31 gennaio sulla pista di Dorno, in Provincia di Pavia, il Trofeo Monomarca Honda RedMoto 2016 nell’ambito del Winter X Trophy, uno degli appuntamenti entrati ormai nella tradizione del motocross italiano.
Adrenalina, spettacolo e colpi di scena sono gli ingredienti salienti di una serie di gare che si snoderà nell’arco di tre weekend: oltre a Dorno, le gare sono previste anche a Rivarolo Mantovano (domenica 7 febbraio) e ad Ottobiano, quest’ultima il 27 e 28 febbraio, dove verrà inoltre incoronato il SuperCampione delle classi MX1 e MX2.


(Foto trofeo Red Moto archivio; Marcello Mannoni)

Come lo scorso anno, anche nell’edizione 2016 gli iscritti con Honda RedMoto a tutte le prove del Trofeo riceveranno un esclusivo kit di materiale, oltre a quello già programmato dall’organizzatore.
Il Trofeo è aperto a tutte le Honda, Cross e Enduro, di qualsiasi anno di produzione, ma solo gli iscritti con RedMoto, avranno la possibilità di ricevere un esclusivo kit di materiale, oltre a quello già programmato dall’organizzatore.
È possibile trovare tutte le informazioni relative all’evento e alle modalità di iscrizione, oltre al regolamento della manifestazione, sul sito: http://xoffroad.dueruote.it. 
G.C.






-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------







Il Moto club Parini in festa 
con le promesse dell'enduro e del cross
Il presidente Gairadoni ha confermato la promozione delle gare sulla pista  Bordone

Bosisio Parini – Festa di fine anno presso il ristorante “Riposo” per il Moto club Parini, tra applausi e riconoscimenti. Ed in effetti da festeggiare c'era più di un motivo, tra gare organizzate in maniera impeccabile, titoli conquistati e numeri di iscritti che continuano ad essere da primato. Circa 1600 sono stati i piloti che hanno gareggiato sulla pista del Bordone nel corso del 2015. Davvero numeri straordinari.

Il dinamico presidente del Mc, Walter Gaiardoni, ha sottolineato come l'attività agonistica sia determinante nel proseguire ad alti livelli per il sodalizio, confermando l'impegno nella promozione delle gare presso il crossdromo Bordone. E a questo proposito il club sogna per la stagione 2017, nell'anno del 40° di fondazione, di poter festeggiare lo storico traguardo con l'assegnazione di una gara degli Assoluti d'Italia di motocross. Sarebbe il premio più bello e meritato per tutto il sodalizio, che conta circa 180 iscritti e un numero cospicuo di collaboratori.



Il momento più atteso quello delle premiazioni, davvero numerose, a sottolineare come il motorsport sia di casa a Bosisio Parini. Tra titoli italiani e regionali, gli applausi si sono sprecati nel corso della serata.
In apertura le promesse del mini enduro con Lorenzo Corti (campione assoluto Aspiranti 85), Simone Mauri (secondo italiano), Leonardo Ravizzola (secondo italiano), Andrea Bocconi, Andrea Gheza, Stefano Bocconi, Daniele Vaira, Denis Serioli, bravi a primeggiare singolarmente, portando sul podio tricolore anche la squadra. I Senior non sono stati da meno, brillando nel campionato regionale motocross con Fabio Cornaggia, Alex Gaiardoni, Andrea Rotta, Ivan Garancini, Alessandro Contessi, tutti sul podio nelle rispettive categorie. Jonathan Pirola si è invece aggiudicato il trofeo Ktm nell'enduro. Altre affermazioni e successi sono poi arrivati anche dal trofeo “Barzaghi” di motocross organizzato dal Mc Parini e dall'Interregionale di fine stagione.




L'ultima notizia riguarda già il 2016 con il ritorno nel Mc Parini di Riccardo Crippa, che nel 2015 ha sbaragliato la concorrenza nell'Italiano enduro Under 23, classificandosi ottimo quinto anche nell'assoluta. Ora le aspettative sono quelle di vederlo continuare a crescere tra i big della specialità, sotto la guida del preparatore e tecnico Roberto Gaiardoni, personaggio tanto bravo quanto schivo.
G.C.





----------------------------------------------------------------------------------------------------------------





La Scuderia Ferrari club Caprino 
festeggia vent'anni di attività
Nel corso della conviale premiato Giulio Carissimi per i vent'anni di presidenza del club più numeroso al mondo con ben 830 iscritti

Malgrate – La location dell'Hotel Griso di Malgrate ha ospitato la cena di gala 2015 della Scuderia Ferrari club Caprino Bergamasco, con la partecipazione di oltre 270 soci provenienti da ogni parte d’Italia e anche dalla Svizzera. Una conviviale speciale in cui sono stati festeggiati anche i vent'anni di presidenza del club di Giulio Carissimi. Numerosi e di prestigio gli ospiti presenti, dai giornalisti Claudia Peroni e Paolo Ciccarone, a Giancarlo Bruno e Ivan Capelli, commentatori Rai.
 
 
E’ stata questa anche l’occasione per festeggiare i vent’anni di fondazione del club. “Esattamente la vigilia di Natale del 1995 ci è stata recapitata la lettera firmata da Luca Cordero di Montezemolo, il quale ci autorizzava a diventare ufficialmente un Ferrari Fans Club. Da allora con caparbietà e attaccamento al Cavallino rampante siamo riusciti a scalare la graduatoria, fino a raggiungere il gradino più alto del podio, tra i Ferrari club; primato che ci appartiene ormai da diversi anni, con 830 soci confermati.

 
Su tutti quest'anno c'è stata anche la consegna della tessera di sono onorario anche a Papa Francesco”, ha affermato con emozione e soddisfazione il presidente Carissimi. Sono stati ben 49 gli eventi organizzati nel corso del 2015 dal Ferrari club di Caprino. Per l'occasione non sono mancati un video messaggio dell'ex presidente Montezemolo e due collegamenti telefonici con l'attuale direttore generale Maurizio Arrivabene e l'ex direttore generale Stefano Domenicali. E poi via alla festa.
G.C.





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------







E' un Monza Rally 2015 a tutto show
Tre giorni di spettacolo in pista e nel paddock dal 26 al 29 novembre, con Valentino Rossi atteso protagonista con la Ford Fiesta Wrc. Tra i partenti anche Thierry Neuville con l'Hyundai Wrc e Tony Cairoli. Domenica la kermesse con il Master Show

Monza - Al via l’edizione 2015 del Monster Energy Monza Rally Show in programma presso l’Autodromo Nazionale Monza dal 26 al 29 novembre. Al centro dell’attenzione Valentino Rossi, che anche quest’anno farà coppia con Carlo Cassina sulla Ford Fiesta Wrc, confermando un equipaggio già più volte vincente in terra brianzola. Con loro tanti illustri piloti delle quattro e delle due ruote, a partire da Thierry Neuville, pilota ufficiale Hyundai e vicecampione mondiale rally nel 2013, Paolo Andreucci campione Peugeot, nove titoli italiani rally in bacheca, Vitoantonio Liuzzi, ex pilota di Formula 1 e ora di Formula E, Tony Cairoli, otto volte campione del mondo motocross, Fabio Babini habituè delle gare GT italiane e internazionali.


Ma l’elenco dei partenti offre anche Piero Longhi, Alessandro Perico, Felice Re, Luca Pedersoli e molti altri ancora. Ci sarà Luca Betti, protagonista in molti rally e anche in programmi televisivi. Dal canto suo il mondo dello spettacolo, sempre presente al MRS, sarà rappresentato, fra gli altri, da Sara Ventura e Selvaggia Lucarelli. Nelle vesti di navigatrice anche una campionessa mondiale di pallavolo, Rachele Sangiuliano, in coppia con Gian Maria Gabbiani. Ben 118 equipaggi al via a bordo di splendide vetture, fra cui 19 WRC e 24 storiche del periodo 1972 - 1985.

La pattuglia lariana
Folta la pattuglia degli equipaggi lariani in gara. Nella Wrc troviamo la presenza di Felice Re e Mara Bariani con la Citroen DS3 Wrc e del pistaiolo lecchese Matteo Beretta con Fabrizio Carrara con la Ford Fiesta Wrc.Sul fronte Super 2000 sono al via Marco Roncoroni e Paolo Brusadelli con la Peugeot 207 della VS Corse, con la quale due settimane fa hanno colto il podio nel Monza Ronde. Al via anche il formulista lecchese Renato Papaleo e Ezio Ferraro, anch'essi su Peugeot 207. Con i colori della Como Corse sono iscritti Manuel Villa Michele Ferrara, pure loro con la Peugeot 207.

Nella classe R5 spicca la presenza del giovane Alessandro Re e Marina Graziani con la Citroen DS3. Nella R3C troviamo un altro promettente comasco, Kevin Gilardoni e Corrado Bonato con la Renault Clio, mentre nella R3T sono iscritti Alex Vittalini e Sara Tavecchio con la Citroen DS3. L'equipaggio della Bluthunder Racing è tra i più attesi nella classi minori. Tra le vetture storiche, che disputeranno una gara a parte, troviamo Paolo Corbellini e Michele Boccardo, Marco Spinelli e Andrea Vimercati, entrambi gli equipaggi su Porsche.


 
Lo show nel Paddock Village
Non solo in pista è spettacolo. Gli appassionati potranno visitare in tutto il fine settimana i numerosi stand di aziende, associazioni e istituzioni che animeranno la Exhibition Area e il Paddock Village. Inoltre il Museo della Velocità (orario 10 – 19, ingresso adulti 2 euro, ragazzi 1 euro, fino a 6 anni gratuito) offrirà ai visitatori ulteriori pezzi storici quali la prima vettura da corsa di Michele Alboreto, una Formula Monza Vargiù, la Toro Rosso del 2008 con cui Sebastian Vettel vinse il GP d’Italia e numerose prestigiose due ruote, fra cui tre modelli Yamaha: la M1 2015 di Valentino Rossi, la SBK 2009 di Ben Spies e la SBK 1999 di Alessandro Gramigni. Il Museo, in cui è presente anche una collezione di tute originali Sparco, rimarrà aperto venerdì in serata (dalle 20 alle 21.30) per la proiezione del film "Tony Cairoli, The Movie - The Story of a Reigning Champion".
 
Tre le giornate di gara con partenza venerdì pomeriggio e prime due prove speciali. Sabato e domenica sono in programma le altre sette speciali, con tre prove della spettacolare Grand Prix, spesso decisiva per la classifica finale. Domenica pomeriggio gran finale con il Master Show, a cui prenderanno parte i primi 8 equipaggi della categoria Wrc e i primi 4 delle altre categorie. 
G.C.





-----------------------------------------------------------------------------------------------------------





Adeguamento dell'impianto e ritorno della Superbike
Monza ora guarda al futuro con serenità

Monza - Buone notizie arrivano dall'Autodromo di Monza, il cui futuro appara più sereno. Continua la realizzazione del piano industriale presentato a marzo di quest’anno per l’Autodromo Nazionale Monza in un’ottica di rinnovamento e rilancio dell’intero impianto con l’adeguamento agli attuali standard di sicurezza per rinforzarne i contenuti tecnico-sportivi, sia per le quattro che le due ruote. Questo per le moto aprirà oltretutto la possibilità di ottenere nuovamente le certificazioni atte a riportare nel tempio della velocità le migliori competizioni motociclistiche, una su tutte il campionato del mondo Superbike.
 

“Da mesi stiamo lavorando sul progetto di riportare la Superbike a Monza” - afferma Andrea Dell’Orto, presidente Sias - “ben coscienti che l'evento di 2016 è vincolato ad un piano di lavoro estremamente sfidante e all’omologazione. Per questo motivo nell'accordo è prevista l'opzione di far slittare la competizione al 2017, di comune accordo con Dorna”.
Gli importanti lavori per la sicurezza, non solo saranno compensati dal punto di vista arboreo ma sono fondamentali per il recupero del parco dal punto di vista paesaggistico - conclude Dell’Orto -.  “Siamo felici di questo memorandum d’intesa con la Dorna a cui seguirà presto un contratto definitivo”.


Un punto chiave del piano industriale che Autodromo Nazionale Monza sta implementando con conseguenze positive sul programma sportivo, per il Parco Villa Reale e per tutto il territorio di Monza e Brianza che beneficerà dell'indotto.
L’iter dei lavori proseguirà nelle prossime settimane con l'assegnazione e la realizzazione della progettazione definitiva ed esecutiva della pista, ed al fine di operare in sinergia con gli enti si istituirà una pre-conferenza dei servizi, atta a raccogliere input fondamentali di tutti gli Enti coinvolti. Successivamente all'approvazione definitiva del progetto seguirà l’assegnazione dei lavori tramite appalto pubblico e consecutiva realizzazione dell'opera.
G.C.





--------------------------------------------------------------------------------------------------------------






Moto Guzzi regina del Salone di Milano
A Eicma 2015 la Casa Mandellese festeggia il 95° anniversario con diverse novità assolute. Su tutte le nuove Guzzi V9 da 850 cc a 1400cc. Nuovo anche il V7 Stornello

Milano - Il Salone Internazionale di Milano, aperto dal 17 al 22 novembre, si presenta con numeri importati e novità assolute per quanto riguarda il Gruppo Piaggio e in particolare Moto Guzzi. Leader europeo delle due ruote con una quota di mercato complessiva del 15,1% a settembre (in crescita rispetto a 14,5% del primo semestre) che sale al 25% circa nel solo settore scooter, il Gruppo Piaggio si presenta a EICMA 2015 con un fatturato nei primi nove mesi 2015 che supera il miliardo di euro (+7,7%) e 396.200 veicoli venduti nel mondo da gennaio a settembre di quest'anno. Ricavi in crescita in tutte le aree geografiche (+6,4% in EMEA e Americas, +9,8% in India, +9,7% in Asia Pacific). Per quanto riguarda i brand del Gruppo guidato da Roberto Colaninno, nel settore scooter ricavi in crescita per il brand Vespa (+6,8%), mentre nel settore moto il fatturato è cresciuto del 35,7% per Moto Guzzi e del 23,4% per Aprilia.

EICMA 2015 si tiene nel 130° anno di vita del Gruppo Piaggio, fondato alla fine di dicembre del 1884. Due grandi ricorrenze anche per il 2016: 70 anni di Vespa (brevettata il 23 aprile 1946 e subito dopo entrata in produzione) e 95 anni di Moto Guzzi, fondata nel 1921 nel mitico stabilimento di Mandello del Lario dove il "Marchio dell'Aquila" tuttora ha sede e linee produttive.


"Oggi il Gruppo Piaggio è la casa di marchi straordinari, ciascuno dei quali rappresentativo di un diverso modo di perseguire i massimi livelli di qualità e tecnologia" dichiara Roberto Colaninno, presidente e amministratore delegato del Gruppo. "Abbiamo la forza di un patrimonio di grandi brand, capaci di soddisfare tutti i segmenti del mercato e di aprire la strada anche a nuove categorie, forme ed aree di mobilità. E lanciando il programma Piaggio Fast Forward nel 130° anno di vita del Gruppo, ci siamo dati la missione di pensare al futuro, di progettare e realizzare soluzioni non solo di alto livello stilistico, ma anche tecnologicamente avanzatissime, finalizzate a migliorare sia il modo in cui le persone si muoveranno in futuro, sia la loro qualità della vita”.

La ricchezza dei marchi che il Gruppo Piaggio ha in portafoglio, ciascuno dei quali vanta una propria missione, un grande heritage e peculiarità stilistiche e tecniche, è racchiusa nella amplissima area espositiva che il Gruppo ha allestito per EICMA 2015. Un'area che nell'architettura e in ogni dettaglio richiama il mondo del nuovi flagship stores multimarca Motoplex che il Gruppo Piaggio ha recentemente inaugurato nel mondo in metropoli come Milano, Manhattan, Shanghai, Pechino.
E ora la nuova sfida con la Moto Guzzi in prima fila con le nuove V9 che subito hanno affascinato il pubblico milanese.
G.C.





--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------







Record di iscritti alla Ronde di Monza 2015
La scuderia Abs Sport a caccia di gloria


Lecco - Volata finale di stagione per la scuderia Abs Sport, tra le attese protagoniste della prossima Monza Ronde, in programma domenica 15 novembre sulla pista da Gran premio rivista con varianti e inversioni di marcia. Un appuntamento diventato oramai classico e che permette ai tanti appassionati piloti di rally e velocità di poter competere sullo storico tracciato monzese in un'atmosfera da Monza Rally Show, gara che solo pochi eletti possono permettersi.

La scuderia oggionese sarà presente a Monza con 5 equipaggi, a caccia di un bel risultato e di punti utili per il campionato Lombardia Ronde Cup. Tra i partenti troviamo i lariani Paolo Milani e Giuseppe Tabacco con la Renault New Clio R3 del team VF Corse. L'obiettivo è riscattare l’amaro ritiro del recente rally di Como. Milani è alla prima esperienza in pista a Monza, una gara attesa da tempo.
Stesso obiettivo per il pilota di Asso Alessandro Muzio e Matteo Magni, anch'essi a caccia di riscatto con la Fiat Punto Super 1600 del team DC Racing dopo lo stop nel rally tricolore di Como. Alessandro Bianchi e Cristian Galimberti proveranno a portare loro Renault Clio Williams sul podio della classe A7. Ad un piazzamento significativo punta anche il giovane Luca Geddo con l'esperto Davide Bozzo nel ruolo di navigatore sulla Renault Clio RS del team Hap. Coppia inedita per due navigatori lecchesi, Alessandro Devignani e Maurizio Vitali, che si alterneranno alla guida della Peugeot 106 rally di classe N2.


(Foto: Antonella Gela, il campione rally Andreucci, Alessandra Vimercati)

Al via ci sarà anche l'erbese Antonella gela che farà coppia alternandosi nella guida con la brianzola Alessandra Vimercati sulla Peugeot 106 rally gruppo A, iscritta con i colori della Tac Motorsport e preparata da Roberto Saldarini. L'obiettivo è conquistare punti importanti per il campionato femminile LRC.



(La piantina della prova speciale)

La Ronde di Monza 2015 registra il record di iscritti, con ben 127 equipaggi alla partenza, con una dozzina di Wrc e altrettante Super 2000 e 1600 ad elevare il parco macchine al via. In virtù dell'elevato numero di vetture al via gli organizzatori del rally hanno anticipato di un'ora la partenza. Questi i nuovi orari della gara monzese: partenza alle ore 9.01, prove speciali alle ore 9.10, 11.36, 14.02, 16.08. La prova speciale Vedovati è lunga 17.400 km e verrà ripetuta 4 volte.
Partenza e arrivo (ore 16.28) sono previsti nel paddock, aperto anche al pubblico.
G.C.





-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------







Un elettrizzante Rally di Como 2015
incorona Sossella campione italiano Wrc
Emozionante epilogo del tricolore con una gara incertissima fino all'arrivo. Per soli 5 decimi Sossella precede il comasco Porro, terzo Perico protagonista di un bel recupero
 

Como -  Spettacolare e straordinario finale del Campionato Italiano World Rally Car. La 34^ edizione del Rally di Como finisce al fotofinish con Manuel Sossella e Gabriele Falzone a bordo della Ford Fiesta WRC che vincono la gara di soli 5 decimi su Paolo Porro e si laureano Campioni Italiani Wrc.
La gara organizzata dall'Automobile club di Como è stata incerta fino alla fine, con le sei prove speciali di alto livello, nelle quali i migliori tempi sono stati realizzati due da Sossella, due da Chentre e gli ultimi due da Porro.

 
Il vicentino, portacolori della Scuderia Palladio, al termine di una gara bella e combattuta sul filo dei secondi ha preceduto di soli cinque decimi di secondo il pilota di casa Paolo Porro, in coppia con Paolo Cargnelutti su Ford Focus Wrc. Un'ottima prestazione quella del bergamasco Alessandro Perico, insieme a Mauro Turati che con la Ford Fiesta WRC che hanno chiuso terzi assoluti alla gara lariana, con un distacco da Sossella di 13''7. Quarto assoluto il veneto Marco Signor navigato da Patrick Bernardi che dopo una gara corsa un po' in sordina con la Focus Wrc terminano la stagione secondi di Campionato.
Purtroppo si sono ritrovati fuori dai giochi, nella seconda metà giornata di gara, il piemontese Alessandro Bosca, dopo una corsa dall'andamento poco vivace, sul secondo passaggio della prova lunga di "Val Cavargna", dopo alcuni danni alla Citroen Ds3 Wrc e, l'aostano Elwis Chentre, altro protagonista assoluto della serie, che per problemi di turbina alla Focus Wrc, non ha potuto terminare la gara. Gara sfortunata anche per Corrado Fontana, in corsa per il terzo gradino del podio proprio nell'ultima speciale, ha dovuto abbandonare la gara per una lieve uscita di strada con la Hyundai I20 Wrc. Quinto assoluto ha chiuso il pilota locale Marco Silva a bordo di una Ford Focus Wrc. Chiudono nella classifica dei primi dieci il giovane Alessandro Re tra le R5 con la Citroen Ds3, e l'italo-svizzero Stefano Baccega alla guida di una Skoda Fabia S2000. Ottavo assoluto un bravissimo Alex Vittalini, primo tra di classe R3, con la Citroen DS3 R3T. Il driver lombardo in coppia con Sara Tavecchio ha lottato fino alla fine con l'emiliano Roberto Vescovi,in coppia con Giancarla Guzzi su Renault Clio R3.  Al Rally di Como, tra i partecipanti al Suzuki Rally Cup, trofeo già assegnato con una gara di anticipo a Marco Cappello, il miglior tempo è stato realizzato dal bresciano Gianluca Saresera, insieme ad Andrea Tumaini, su Swift Sport 1600.
Red.


 
Classifica Assoluta Rally Como 2015: 1.Sossella- Falzone (Ford Fiesta Wrc) in 1:09'08.1; 2.Porro- Cargnelutti (Ford Focus Wrc) a 0.5; 3.Perico - Turati (Ford Fiesta Wrc) a 13.7; 4.Signor - Bernardi (Ford Focus Wrc) a 31.0; 5.Silva - Pina(Ford Focus Wrc) a 1'36.3; 6.Re - Ciucci (Citroen Ds3 R5) a 3'10.5; 7.Baccega - Menchini (Skoda Fabia S.2000) a 3'47.5; 8.Vittalini - Tavecchio (Citroen Ds3 R3T) a 5'07.6. ;9.Vescovi - Guzzi (Renault Clio R3C) a 4'40.1; 10.Catterina- Mich (Peugeot 207 S.2000) a 7'30.9.

Classifica Assoluta Campionato Italiano Wrc: Sossella 67,5; Signor 54,5; Bosca 53;Porro 48 ;Chentre 40 pt; Vittalini 13,5; Vellani 12; Bianco 10.






----------------------------------------------------------------------------------------------------------





 

Il 34° Rally Aci Como decide il tricolore Wrc 2015
La gara è in programma venerdì 16 e sabato 17 ottobre su sei prove da ripersi due volte. In contemporanea anche il rally Nazionale e un raduno storico di auto sportive

Como - Riflettori puntati sul Rally Trofeo Aci Como venerdì 16 e sabato 17 ottobre. Classica di fine stagione, nata per incoronare i campioni. E' il Trofeo Aci Como, giunto alla trentaquattresima edizione che anche quest'anno assurge al massimo prestigio per la capacità di attrarre grandi piloti, esprimere alti contenuti tecnici ed agonistici, con il compito prestigioso di essere decisivo per l'assegnazione del titolo assoluto del campionato italiano Wrc, World Rally Car 2015 e di varie Coppe Csai di classe. La serie nazionale è tra le più combattute e seguite del panorama nazionale.
Con organizzazione curata dall'Automobile club Como, presieduto dall'avvocato Enrico Gelpi, la manifestazione sportiva è divenuta un irrinunciabile "must" autunnale: quest'anno comprende tre diversi eventi che catalizzeranno l'attenzione di partecipanti, media e migliaia di appassionati e turisti. La contesa più palpitante è quella che vede al via le stupende auto partecipanti al campionato italiano Wrc lungo un tracciato di sei lunghe prove di oltre 100 km, dalla Val d'Intelvi alla Val Cavargna per poi dirigersi verso il gran finale nel Triangolo Lariano, sopra Bellagio. In contemporanea va in scena il 2° Rally nazionale Aci Como che permette di contenere i costi su un tracciato più contenuto e meno impegnativo ma pur sempre emozionante con 6 prove speciali per complessivi 65 km, infine c'è pure il 2° Raduno Aci Storico che intende celebrare la nascita e l'evoluzione dell'automobilismo sportivo in chiave regolaristica, con una passerella divertente nel segno del motore.
Come tre eventi uno per una giornata rallistica straordinaria.

 
L'evento è stato presentato nel contesto elegante della dimora storica cinquecentesca di Villa d'Este a Cernobbio alla presenza di autorità civili, militari e sportive. Ha aperto la presentazione il presidente dell'Automobile club Como, avvocato Enrico Gelpi che ha sottolineato il grande impegno di Aci Como rivolto alla formazione giovanile e alla sicurezza stradale, oltre alla spiccata vocazione sportiva di una provincia molto legata storicamente agli sport del motore molto ben radicati sul territorio.
Gli ha fatto eco il vice presidente di Aci Como, Paolo Brenna che ha sottolineato come sia massiccio ed oneroso l'impegno di Aci Como a favore della sicurezza nel rally comasco e come ci sia sintonia tra organizzatori ed Enti locali nelle scelte dei percorsi: esemplare la scelta di investire quest'anno nei traghetti riservati per portere auto ed equipaggi in gara da Cadenabbia a Bellagio con un taglio del traffico per 65 km e i conseguenti risparmi di denaro.

Apprezzata l'esposizione del percorso e il grande dispiego di uomini e mezzi a garantire la sicurezza da parte del direttore di gara, Roberto Ledda che coordina ben 265 commissari di percorso lungo le tre prove. Entusiastico il commento dell'assessore comunale di Como Luigi Cavadini (deleghe Cultura, Turismo e Sport) che ha riaffermato Como come punto di riferimento per una miriade di eventi culturali, artistici e sportivi di caratura nazionale e di Cesare Baj, amministratore unico del gruppo ETV-Corriere di Como, dal 1995 al fianco del Comitato organizzatore condividendo la progressiva crescita del prestigio dell'evento. Il presidente della Camera di Commercio di Como, Ambrogio Taborelli, ha sottolineato come oltre 1000 ospiti presenti nel corso del lungo weekend motoristico diano un immediato ritorno in termini commerciali e turistici, ma proprio dalla presenza degli ospiti occorra ripartire per la promozione ambientale e delle eccellenze del territorio affinché possano tornare non solo per il rally comasco ma per altri eventi culturali, artistici e sportivi.
A margine della presentazione ufficiale sono intervenuti dalla platea il pilota comasco Corrado Fontana (dal 1995 vincitore di ben sei edizioni del rally, con Clio, Corolla, 206 Wrc e Focus Wrc), il tecnico Eipon Rudy Crapella che cura l'App dedicata all'evento e Roberto e Marco Clerici, al vertice di una famiglia comasca nel mondo dell'automobile da 44 anni, da quest'anno sponsor dell'evento con il brand ClericiAuto Jaguar e Land Rover, oltre al centro multishopping Fox Town di Mendrisio e all'emittente locale Espansione Tv.

Conferme rispetto al passato sul fronte partenza/arrivo in piazza Cavour a Como, dello Shakedown in ValFresca tra Como e San Fermo della Battaglia (km.1,410), del primo riordino notturno del venerdì al Driver Indoor Park, spettacolare parco indoor a tema motoristico a Como Sud che ospita un moderno impianto di karting, simulatori di guida F.1 e rally, kids park. Le prove speciali sono Val d'Intelvi-Alpe Grande (km. 8,860), Val Cavargna (km. 29,720) e Pian Rancio (km.11,540) con parco assistenza e riordino a Porlezza: tutto ciò grazie alla stretta collaborazione tra Aci Como, Forze dell'Ordine ed Enti locali sul territorio per la condivisione di tracciati ed orari, in una sinergia positiva con cui si opera da anni con proficui risultati, a beneficio della popolazione e dei partecipanti agli eventi motoristici.


I protagonisti La competizione più prestigiosa è senza dubbio il rally valevole per l'Italiano Wrc e per il TRN (Trofeo Rally Nazionali a massimo coeff.2): a Como si assegnerà il titolo conduttori tricolore ma anche molte Coppe Csai di classe. Nel recente 35° San Martino di Castrozza si è avuto il trionfo del pilota trevigiano Marco Signor (Ford Focus Wrc) con 13" di vantaggio sull'astigiano Alessandro Bosca (Citroen DS3 Wrc) e 44" sul vicentino Manuel Sossella (Ford Fiesta Wrc) che l'anno scorso terminò da trionfatore il rally comasco. In virtù di questi risultati la classifica tricolore WRC racchiude i tre in soli 10 punti : al comando Bosca con 53 punti, seguito da Sossella con 45 e Signor 42,5 punti.
Ma i protagonisti a Como non finiscono qui: personaggio che punta alla vittoria è l'aostano Elwis Chentre (40 punti, Ford Focus Wrc) insidiato da grandi firme del rallysmo nazionale, targate Como: dai già iscritti Felice Re (Citroen DS3 Wrc) a Luca Ambrosoli (Citroen C4 Wrc), alle annunciate partecipazioni di Paolo Porro, Luigi e Corrado Fontana, quest'ultimo vincitore del campionato Irc 2015. Al via anche i rientranti Marco Silva e Gianni Pina, due volte vincitori del rally comasco, iscritti con la Ford Focus Wrc.
Gara aperta sugli asfalti lariani anche per chi corre in classe R3 (il varesino Alessandro Marchetti con Michele Ferrara su Renault Clio R3C contro il frusinate Daniele Marcoccia e il bresciano Ilario Bondioni). Figurano iscritte anche vetture di classe Super 2000, R4, R2B, N4, N2000 e N1600 ed N1400.
Sul fronte del 2° Rally Nazionale Aci Como (6 prove, 66 km. e tracciato di 273 km) sin qui già una decina le adesioni di equipaggi comaschi, ticinesi e varesini su Citroen, Opel, Peugeot, Renault, Suzuki: da Alex Uslenghi a Max Spina, da Rocco Bertucci a Fabrizio Panicucci, da Alex Butti a Martino Milesi e altri ancora. C'è attesa anche di conoscere i partecipanti alla passerella di regolarità per autostoriche denominata 2° Raduno Aci Storico: tende a valorizzare quelle automobili che hanno segnato un'epoca, immatricolate entro l'anno 1985. Per partecipare occorre possedere (come minimo) la patente di guida e la tessera ACI. Grazie agli accordi raggiunti con il "Club Nonnette Ruggenti" di Carlazzo - da anni legato ad Aci Como - si annuncia la presenza al raduno di un buon numero di auto storiche che solitamente affrontano le gare di regolarità.
G.C.





----------------------------------------------------------------------------------------------------------------





Motori accesi a Monza con Open GT,
EuroFormula Open e Radical Masters
Dal 2 al 4 ottobre in pista cinque campionati e ben undici gare
Ingresso libero a tutte le tribune e al paddock

Monza - Motori accesi all’Autodromo Nazionale Monza, dal 2 al 4 ottobre, con un fine settimana di grande interesse a cui gli appassionati potranno assistere gratuitamente potendo ammirare anche dal paddock, piloti e le oltre cento macchine in lizza. Main event sarà il penultimo appuntamento stagionale dell’International GT Open, il campionato alla sua decima edizione che debuttò proprio a Monza nell’aprile 2006. Le due gare previste in terra brianzola (sabato alle 16 Gara 1 per 70 minuti e domenica alle 14 Gara 2 per 60 minuti) saranno determinanti per la corsa ai titoli che verranno assegnati nella tappa conclusiva di Barcellona.


Solo 9 punti in classifica generale separano la McLaren 650S dei portoghesi Alvaro Parente e Miguel Ramos (Teo Martin Motorsport), al comando con 152 punti, dalla Ferrari 458 di Michele Rugolo e del thailandese Pasin Lathouras (AF Corse). I due equipaggi giungono a Monza carichi di entusiasmo dopo le vittorie riportate nell’ultimo appuntamento di Spa rispettivamente in Gara 2 e in Gara 1.
Dovranno difendersi in primo luogo da altre due Ferrari 458, attualmente terza e quarta in classifica generale: quella guidata da Raffaele Giammaria e dall’argentino Ezequiel Pérez Companc (AF Corse), che in stagione ha già riportato tre vittorie (all’Estoril, a Silverstone e al Red Bull Ring), e quella condotta da Alessandro Balzan e Nicola Benucci (Villorba Corse) vincitrice nella gara d’esordio del campionato. Da tenere d’occhio l’altra Ferrari dell’AF Corse del tedesco Claudio Sdanewitsch e del russo Ilya Melnikov, che in più occasioni hanno sfiorato il podio, e l’Audi R8 LMS del Team Drivex al suo rientro in campionato, per questo finale di stagione e in previsione dell’intero 2016, con Lorenzo Bontempelli e Mino Caccia alla guida.
Oltre alle gare, completano il programma del GT Open le prove libere di venerdì e le Qualifiche 1 (sabato dalle 11.05 alle 11.35) e le Qualifiche 2 (domenica dalle 9.40 alle 10.10).

Ad arricchire il programma vi saranno altri quattro campionati. In primo luogo l’EuroFormula Open, la serie giunta alla sua 15^ edizione che schiera vetture Dallara F312 e che nel 2014 vide la vittoria finale del thailandese Sandy Stuvick, quest’anno protagonista in GP3. Due sono i piloti che nel campionato in corso la stanno facendo da padroni: il brasiliano Vitor Baptista (RP Motorsport) con 227 punti, già vincitore di 5 gare, due delle quali nell’ultimo week end di Spa, e il russo Konstantin Tereschenko (Campos Racing) con 223 punti e 4 vittorie conseguite. Molte aspettative sono riposte, anche se notevolmente distanziati in classifica, nel giapponese Yu Kanamaru (Emilio de Villota Motorsport), negli italiani del DAV Racing Alessio Rovera e Leonardo Pulcini, nei piloti del Motul Team West-Tec, il thailandese Tanart Sathienthirakul e dell’RP Motorsport, Damiano Fioravanti.
Dopo le prove libere di venerdì, sabato Qualifiche 1 in mattinata e Gara 1 alle 15 per 16 giri o max 35 minuti, domenica Qualifiche 2 in mattinata e Gara 2 alle 13 sempre per 16 giri o max 35 minuti.

Vi saranno poi altri tre campionati monomarca. Si presenta per il secondo anno la Seat Leon Eurocup che schiera una trentina di vetture che si daranno battaglia venerdì nelle prove libere (dalle 10.50 alle 11.20 e dalle 15.00 alle 15.30), sabato nelle qualifiche (dalle 9.45 alle 10.15) e in Gara 1 (alle 14 per 11 giri, max 40 minuti), domenica in Gara 2 (alle 12 per 11 giri max 40 minuti). Guida la classifica generale il norvegese Stian Paulsen, davanti agli spagnoli Pol Rosell e Mikel Azcona. 
La serie Radical European Masters Championship, che utilizza il modello RXC Spyder prodotto dall’azienda di Westwood a nord di Cambridge, prevede tre competizioni endurance di 60 minuti: Gara 1 sabato con partenza alle 12.35, Gara 2 e Gara 3 rispettivamente dalle 10.35 e dalle 15.30. In precedenza prove libere venerdì e Qualifiche sabato mattina. 
La Formula Junior, infine, dopo le prove libere di venerdì e le qualifiche (sabato, dalle 11.45 alle 12.15), ha in programma, per la durata di 20 minuti, Gara 1 sabato alle 17.40 e Gara 2 domenica alle 16.50. Ingresso libero, con accesso gratuito a tutte le tribune e al paddock, parcheggio consentito nelle aree indicate (costo 5 euro l’intera giornata). 
G.C.






----------------------------------------------------------------------------------------------------------------







In pista a Monza va in scena  
truckEmotion & vanEmotion
Dal 25 al 27 settembre è in programma la quarta edizione della kermesse nazionale
rivolta al mondo dei veicoli da trasporto e da lavoro, con la novità di Food'n'Motion

Monza - Torna truckEmotion & vanEmotion all'Autodromo Nazionale Monza. Dal 25 al 27 settembre va infatti in scena la quarta edizione della manifestazione nazionale rivolta al mondo dei veicoli da trasporto e da lavoro. L'edizione 2015 proporrà anche di un nuovo evento dedicato alla catena del trasporto, della distribuzione, dei servizi e della logistica degli alimenti: Food'n'Motion. La manifestazione è ad ingresso libero.

Tre giorni dedicati al mondo dell'autotrasporto per consentire ad addetti ai lavori e appassionati di motori di partecipare a convegni, workshop tematici, test su strada ed attività formative e di intrattenimento. La manifestazione truckEmotion & vanEmotion rispetta un format innovativo e spettacolare nel panorama degli eventi nazionali che trattano la filiera dell'autotrasporto. Si incontreranno dal 25 al 27 settembre all'Autodromo Nazionale Monza infatti costruttori di veicoli industriali e di LCV, associazioni di categoria, istituzioni, aziende di trasporto, società di noleggio, fleet manager conto proprio e conto terzi e professionisti della strada.


L'Autodromo Nazionale Monza metterà a disposizione il circuito per consentire le prove su strada dei veicoli industriali e commerciali. Sarà allestito anche un tracciato off road e percorsi specifici per le dimostrazioni dinamiche. Nel paddock e nei box ci sarà invece spazio per attività e meeting oltre alla cerimonia di premiazione dei riconoscimenti "Driver of the year" e "Company of the year" (in collaborazione con Noi Camionisti e Uicr).

La novità del 2015 è però Food'n'Motion, un momento di incontro e confronto tra la filiera dell'autotrasporto
 
Tra le tante novità introdotte per questa edizione 2015, attesa quanto richiesta è l’introduzione del “venerdì di prove in pista”. I visitatori di truckEmotion & vanEmotion, infatti, avranno una giornata in più rispetto agli anni precedenti – quindi da venerdì a domenica - per mettersi alla guida degli ultimi modelli proposti dalle Case costruttrici nello spettacolare circuito di Monza, con la pista junior riservata alle prove dei truck e la pista di F1 per la prova degli LCV. 
Per prenotare le prove, è possibile preregistrarsi direttamente sul sito della manifestazione www.truckemotion.it, accelerando le procedure di accredito con la precedenza all’ingresso e l’accesso alle prove in corsia privilegiata.



 
Tante le conferme e le new entry. Saranno, infatti, al fianco di truckEmotion & vanEmotion marchi come Daf, Fiat Professional, Iveco, Mercedes Benz, Nissan, Opel, Peugeot, Renault Truck, Scania, Volkswagen V.C. per i Costruttori, che rappresentano il 75% del mercato dei veicoli pesanti e il 70% dei veicoli commerciali.
Tra i player di settore, invece, ci saranno Ad Blue, Allison Trasmission, Autogrill, Berner, Budgets, Cardi, Carrier Transicold, CGT Trucks, Co.L.Se.A, Cvr, Eni, Fai Service, Good Year, Kelly Tires, Lamberet, Marcar Veicoli Industriali, Merker, Mobil Delvac 1, Ipq, Italiana Rimorchi, Idealcar, Nomec, R & C Service Company, Red Bull, Rhiag, Schmitz Cargobull, Rimula, Tom Tom, Uta, Ungari Group, Viberti, Wabco, Tecno Service, Tentori, Toscandia, Transics Webasto, ZF e tanti altri che stanno confermando giorno per giorno. Presenti, come sempre, anche le Associazioni come Asap Smf, Fast ConfSal, Fai, Noi Camionisti e U.I.C.R., con il patrocinio anche di ConfTrasporti.

L’evento monzese ospita anche un intenso programma di convegni e workshop tematici dedicati alle problematiche e all’innovazione nei trasporti, meeting commerciali, test prodotto, attività formative e intrattenimento, come confermano i risultati di successo del 2014 con ben 1.828 prove su truck, 663 prove su van, 206 prove off road, 1.450 km percorsi, una grande affluenza di visitatori e un programma ricco di convegni, workshop tematici e relatori autorevoli in rappresentanza di tutta la filiera. Sempre protagonisti gli ultimi modelli di tutti i costruttori di veicoli industriali, in prova sulla pista junior del circuito (2.405 m), e la maggior parte dei modelli presentati dai costruttori di veicoli commerciali (LCV), in prova sulla pista.
G.C. 









---------------------------------------------------------------------------------------------------------------










La scuderia Abs Sport a caccia del podio 
nel 4° Rally Day Valsassina 
La gara è in programma domenica 20 settembre con partenza e arrivo a Lecco

Lecco - La scuderia Abs Sport si presenta in forze al 4° Rally Day Valsassina, in programma domenica 20 settembre con partenza e arrivo a Lecco. Sono infatti ben tredici gli equipaggi che la scuderia oggionese presenta al via del rally lecchese, che torna in calendario dopo un paio d'anni di pausa.

Nella classe Super 1600 il meronese Luca Sassi, per l'occasione affiancato da Mattia Orio, che si ritrovano per festeggiare l’anniversario ventennale del loro esordio agonistico, sarà al via con la Fiat Punto preparata dal team Elco Racing. Nella massima categoria ammessa in questo tipo di rally ci sarà anche il pilota di Asso Alessandro Muzio in coppia con Matteo Magni, anch'essi al via con la Fiat Punto Super 1600 del team DC Racing. Con propositi di ben figurare nella propria categoria troviamo anche il pilota valsassinese Walter Sanvito, navigato dal presidente Beniamino Bianco, iscritti con la Renault Clio Super 1600 del team PR2.
“Per me si tratta dell'esordio alla guida di una vettura Super 1600 – afferma Sanvito -. Diciamo che è una doppia emozione, correre sulle strade di casa e con la Renault Clio S16. Vedremo di fare bene, poi conto sull'esperienza di Bianco per affrontare al meglio le impegnative prove speciali. L'emozione c'è, ma siamo motivati e fiduciosi”.

Cambio di classe per passare nella R3C dove troviamo l’olginatese Giuseppe Mozzanica con la Renault New Clio del team Futura affiancato dal comasco Roberto Riva. Nella classe N3 troviamo i giovani Luca Geddo e Stefano Destro con la Renault Clio Rs Light del team Hap Racing, che cercheranno di fare esperienza in un gara per loro nuova. Al rientro dopo quasi un anno d'assenza il galbiatese Riccardo Riva, in gara l’esperto Davide Bozzo, all'esordio con la Citroen C2 Vts del team Autotecnica in classe R2.
Passando alla classe A6, con propositi di lottare per il podio di categoria troviamo Mattia Nava e Aldo Brambilla, iscritti con la Citroen Saxo Vts. Nella medesima classe è iscritto anche l'esperto valmadrerese Cosimo Palmisano, affiancato dal giovane Pietro Mazzoleni, sempre con la Peugeot 106 rally autopreparata. Al via anche il pilota di Lezzeno Manuel Cappi con il lambrughese Cristian Galimberti, che puntano a ben figurare nella classe con l'Opel Corsa Gsi 16V del team Simomotorsport.

 
Nella classe A5 i fratelli Sergio e Maria Rosa Brambilla puntano di nuovo al podio con l'abituale Peugeot 106 Rally. Tra le novità di questa edizione del rally valsassinese c'è la presenza di Nicolaj Ciofolo. Il talento di Barzio, campione di zona nel 2003, vincitore del trofeo Clio Piemonte 2006 e del trofeo ronde su terra nel 2014/2015, è iscritto con la Peugeot 106 Xsi del team Vassena Car, navigato dal brianzolo Matteo Sala.
In classe N2 ritorna alle gare dopo quasi due anni d'assenza Renato Bolognini con Alessandro Devignani, iscritti con la Peugeot 106 rally preparata dal team Vassena Car. Al via anche il diesse della scuderia, Ivano Tagliabue, affiancato da un nuovo navigatore il giovane Fabio Franchin sulla Peugeot Rally preparata dal team Saldarini.


Il Rally Day della Valsassina si svolgerà nella di giornata di domenica 20 settmbre, mentre Il sabato sarà adibito alle operazioni preliminari, ricognizioni verifiche e shakedown.
Il percorso di 202 km complessivi, sarà costituito da 5 prove speciali per un totale di 30 km, con la prova di Parlasco da ripetersi 3 volte, mentre la prova di Vendrogno verrà ripetuta 2 volte. Soste per parco assistenza e riordino sono previste a Cortenova. La partenza del 4° Rally Day Valsassina è previsto domenica 20 settembre alle ore 9 da Lecco, zona Canottieri Lecco, sede anche dell’arrivo a partire dalle 17. Sul palco sono previste anche le premiazioni.
G.C.











----------------------------------------------------------------------------------------------------------------










A Mandello tre giorni dedicati alla Moto Guzzi
Dall’11 al 13 settembre ricco programma di eventi. Oltre alle visite a stabilimento e museo, test ride degli ultimi modelli Guzzi, esposizione di moto storiche e musica


Mandello – Ci siamo, la festa Moto Guzzi è ai nastri di partenza. Conto alla rovesca in via Parodi 57 a Mandello del Lario, in vista di Moto Guzzi Open House 2015, l’appuntamento dedicato ai guzzisti e a tutti gli amanti delle belle moto italiane che si svolgerà dall’11 al 13 settembre, sulle rive del lago di Como. Il marchio più affascinante della storia della motocicletta, uno dei più blasonati, sta per aprire le porte dell’iconico stabilimento di Mandello - dove tutte le Moto Guzzi vengono prodotte ininterrottamente dal 1921 - per accogliere motociclisti e appassionati da tutto il mondo.



L’occasione è davvero imperdibile non solo per tutti coloro che hanno nel cuore Moto Guzzi, che conoscono la sua storia e tradizione di successi commerciali e sportivi, di tecnologia all’avanguardia e di stile innovativo, ma anche per chi ama le belle motociclette e voglia condividere con amici e familiari un’esperienza unica. Moto Guzzi è infatti una delle pochissime realtà motociclistiche davvero made in Italy, in cui tutte le motociclette sono interamente costruite all’interno dello stabilimento di Mandello del Lario, dal motore all’assemblaggio dei veicoli. Ed è proprio per questa ragione che durante le giornate di Open House il celebre portone rosso con l’Aquila dorata si aprirà nuovamente per consentire di vivere (o rivivere) esperienze emozionanti: dalla visita delle linee di produzione, alla scoperta della geniale Galleria del Vento.

Il programma prevede anche la possibilità di visitare il Museo Moto Guzzi, dove sono custoditi oltre 150 esemplari storici, dalla GP (Guzzi-Parodi) delle origini alla MGS-01, passando per la prima “Normale” prodotta nel 1921 e recentemente restituita al Museo dopo un importante intervento di restauro, oltre ai numerosi prototipi da competizione che hanno regalato successi a ripetizione, contribuendo a rendere il palmares sportivo di Moto Guzzi tra i più preziosi al mondo.

L’esposizione è naturalmente completata dalla recente gamma Moto Guzzi, disponibile anche per il test ride: sono presenti i modelli della serie V7 II, oltre alla flotta delle nuove grandi Moto Guzzi, come la possente California 1400, la sontuosa Eldorado e la aggressiva Audace. Motociclette che sono la sintesi straordinaria tra la più alta cura costruttiva e la migliore avanguardia tecnologica, personalizzabili a piacimento grazie alla eccezionale gamma accessori dedicata.



Il weekend di metà settembre è perfetto per godere di tutto ciò che il territorio lariano può offrire. L’Amministrazione Comunale di Mandello del Lario - in collaborazione con Moto Guzzi World Club, il Club Carlo Guzzi e il moto club GP - ha preparato un intenso programma di iniziative, suddivise in due temi principali: Moto Guzzi e il territorio lariano. Dalla mostra di acquarelli dell’artista Ingrid Wijnant, rigorosamente a tema Moto Guzzi, alla proiezione curata da Alberto Locatelli, dal titolo “Tra Lago e Guglie”. Dall’esposizione di moto storiche presso la piazza del comune, alla visita della Torre di Maggiana che nel 1158 ospitò l’imperatore Federico I di Svevia detto Il Barbarossa. Le serate in piazza saranno accompagnate da musica live e dal buon cibo preparato da una cucina dedicata.

Moto Guzzi Open House 2015 scatterà venerdì 11 settembre alle 15, con l’apertura del Museo e dello Shop. Sabato 12 settembre il programma entrerà nel vivo: a partire dalle 9.30 sarà possibile visitare le linee di produzione, l’assemblaggio motori dove nascono i mitici bicilindrici Guzzi, e la storica Galleria del Vento.

The Clan, la comunità ufficiale di Moto Guzzi, avrà un suo spazio per accogliere i possessori di una moto made in Mandello e offrire loro l’ingresso nella community. Per gli iscritti si preparano vantaggi esclusivi quali turni di prova dedicati e visite personalizzate a Museo e stabilimento e la possibilità di usufruire di un controllo gratuito per la propria Moto Guzzi direttamente nelle officine di Mandello.
G.C.







--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------










Monza: tutto pronto per il Gp più veloce dell'anno
Conto alla rovescia per l'attesissima 86^ edizione del Gp d’Italia di Formula 1
in programma dal 4 al 6 settembre. Tanti gli eventi in programma in pista e fuori

Monza - Con la presentazione ai rappresentanti delle Istituzioni e ai Media, nell’eccezionale cornice di Expo 2015, è iniziato il conto alla rovescia dell’86^ edizione del Gran Premio d’Italia di Formula 1 che si svolgerà sulla pista dello storico impianto brianzolo dal 3 al 6 settembre.

Dopo i saluti di Demetrio Albertini, Ambassador per Expo Milano 2015 e Fabrizio Sala, Assessore Regione Lombardia con delega all'EXPO, hanno fatto gli onori di casa dell’evento sportivo i rappresentanti dell’Automobile Club e dell’Autodromo: il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, il presidente dell’Automobile Club Milano, Ivan Capelli e il presidente della Sias (la società che gestisce l’Autodromo per conto di AC Milano) Andrea Dell’Orto. Con loro il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, il sindaco di Monza Roberto Scanagatti, il delegato regionale lombardo del Coni Oreste Perri e il vice sindaco di Milano Francesca Balzani.




L’Autodromo di Monza costituisce un punto di riferimento imprescindibile nel panorama dello sport motoristico internazionale: la sua costruzione risale al 1922, rappresentando il terzo impianto motoristico fisso al mondo dopo Brooklands (1907) e Indianapolis (1909). Da allora ha sempre ospitato il Gran Premio d’Italia, salvo quattro edizioni, oltre a quella del 1921, e anche quest’anno è pronto ad accogliere team, piloti e decine di migliaia di tifosi provenienti da tutt’Italia e dai cinque continenti. Il loro entusiasmo, la splendida cornice ambientale e le caratteristiche tecniche della pista, non a caso ribattezzata il “tempio della velocità”, trasformano questo appuntamento in un momento magico del Campionato Mondiale di Formula 1.

Reduci dalla tappa di Spa, i protagonisti della Formula 1 sono al loro dodicesimo appuntamento stagionale, mancano infatti 8 gran premi alla conclusione del Mondiale, e giungono a Monza con la coppia del team Mercedes saldamente al comando della classifica grazie alle nove vittorie complessive finora conseguite, di cui 6 ottenute da Lewis Hamilton – già vincitore a Monza nel 2012 e nel 2014 - che precede di 28 punti il compagno di squadra Nico Rosberg. Alle loro spalle il duo del Cavallino rampante: Sebastian Vettel, alla ricerca del terzo successo stagionale, desideroso di cancellare con una vittoria l’episodio dello scoppio dello pneumatico avvenuto in terra belga, e Kimi Raikkonen, fresco di rinnovo del contratto con la scuderia di Maranello.

Altri protagonisti saranno i piloti Williams, in particolare Felipe Massa che fu molto applaudito l’anno scorso dopo la conquista del terzo gradino del podio, ed è atteso ad una conferma Romain Grosjean dopo la bella prestazione a Spa che gli è valsa il terzo posto.

“Il Gran Premio d'Italia a Monza è speciale. Il tracciato è unico per velocità e difficoltà tecniche. I piloti sentono la presenza del tifo competente e numeroso ed ambiscono a salire sul podio dell'Autodromo di Monza per salutare la folla di appassionati. Le squadre hanno preventivato di utilizzare “gettoni” di aggiornamento della Power Unit, ad ulteriore dimostrazione che Monza è per tutti una vetrina speciale", ha commentato il presidente ACM Ivan Capelli.

E per mantenere questo appuntamento anche negli anni futuri nel calendario della Formula 1, dopo la scadenza del contratto del prossimo anno, si stanno mobilitando tutte le Autorità. A questo proposito i presidenti di ACI e AC Milano, Sticchi Damiani e Capelli, e il presidente dell’Autodromo Dell’Orto, hanno voluto cogliere l’occasione per ringraziare tutti i soggetti istituzionali, a partire dal Governo centrale, che stanno operando a vario titolo, in primo luogo la Regione Lombardia, che stanzierà un contributo economico del quale beneficerà anche l’autodromo e che sarà significativo grazie alla defiscalizzazione approvata dal Parlamento. Un lavoro di squadra che fa guardare con un certo ottimismo al prossimo futuro.

"Stiamo lavorando intensamente – ha dichiarato in particolare il presidente ACI Angelo Sticchi Damiani - per definire in tempi brevi con modalità certe e cristalline tutte le formalità che garantiranno la permanenza di Monza e del Gran Premio d'Italia nel calendario mondiale della Formula 1. Con lo sforzo di tutti, l 'autodromo più storico nel calendario della Formula 1 è oggi uno dei più moderni e sicuri, con soluzioni tecnologiche che il mondo ci invidia. Ecco perché la presentazione del Gran Premio d'Italia si svolge quest'anno sul palcoscenico internazionale dell'Expo".

“Una location fortemente voluta – ha sottolineato il presidente dell’Autodromo Andrea Dell’Ortoper evidenziare ulteriormente un’eccellenza del nostro territorio che il nuovo management di Sias sta valorizzando con tante nuove iniziative e manifestazioni, sportive e non, rendendola fruibile tutti i giorni dell’anno”.


Il programma del week end di Monza F1

Prove e gare iniziano venerdì 4 settmbre con due sessioni di prove libere delle Formula 1 (dalle 10 alle 11.30 e dalle 14 alle 15.30), oltre alle prove delle altre gare in programma : GP2 (libere dalle 12 alle 12.45, di qualificazione dalle 15.55 alle 16.25), GP3 (libere dalle 17.50 alle 18.35), Porsche Mobil 1 Supercup (libere dalle 16.45 alle 17.30).

Nel corso della giornata di sabato 5 sono previste per la Formula 1 una sessione di prove di pit stop (dalle 8.30 alle 9.15), la terza sessione di prove libere (dalle 11 alle 12) e le prove di qualificazione (dalle 14 alle 15). Per le altre formule sono in programma Gara 1 della GP2 (alle 15.40, per 30 giri o 60 minuti), le prove di qualificazione e Gara 1 della GP3 (rispettivamente dalle 9.45 alle 10.15 e alle 17.15, per 22 giri o 40 minuti), le prove di qualificazione e Gara 1 della Porsche Mobil 1 Supercup (rispettivamente dalle 12.25 alle 12.55 e alle 18.25, per 14 giri o 30 minuti).


Il programma di domenica 6 prevede per la Formula 1 alle 12.30 la tradizionale parata di saluto dei piloti e alle 12.45 la presentazione della starting grid. Alle 14 il via all’86° Gran Premio d’Italia (53 giri per un totale di 306,720 km), preceduto, alle 13.46, dalle note dell’inno nazionale, quest’anno cantate da “Il Volo”, il gruppo musicale vincitore dell’ultima edizione del Festival di Sanremo, grandi star internazionali. Ma la domenica motoristica prevede anche altre competizioni: Gara 2 della GP3 (alle 9.25, per 17 giri o 30 minuti), Gara 2 della GP2 (alle 10.35, per 21 giri o 45 minuti) e la Gara della Porsche Mobil 1 Supercup (alle 11.45, per 14 giri o 30 minuti).

Da segnalare, in particolare, il gustoso prologo di giovedì 3, dalle 16 alle 18, con la possibilità per i tifosi in possesso di un abbonamento tre giorni di passeggiare di fronte ai box ammirando da vicino le auto che saranno protagoniste nel week end. In questo contesto, inoltre, fra le 16.30 e le 17.30, potranno anche avvicinare i piloti che saranno a disposizione per gli autografi.
E’ possibile acquistare ancora i biglietti disponibili approfittando di numerose promozioni. Varie sono le modalità: collegandosi al sito www.monzanet.it, rivolgendosi sia all’Autodromo Nazionale Monza (tel. 0392482.212/239; tickets@monzanet.it), sia all’Automobile Club Milano (tel. 027745266/209; acitravel@acitourmi.it).
G.C. 




----------------------------------------------------------------------------------------------------------------







Gp d'Italia di F1, cresce l'attesa per la gara dell'anno
Per gli appassionati biglietti scontati e walk-about in pit lane giovedì 3 settembre
 

Monza - Cresce l'attesa per il Gp d'Italia di F1 in programma all'Autodromo di Monza dal 4 al 6 settembre. E per gli appassionati c'è un'occasione irripetibile per osservare il lavoro dei meccanici nei box e raccogliere gli autografi dei piloti. L'Autodromo Nazionale Monza ha infatti organizzato per l'atteso appuntamento una sessione di walk-about in pit lane e uno spazio dedicato agli autografi, a disposizione dei piloti per soddisfare i propri sostenitori. Per permettere l'accesso alla pit lane al maggior numero di appassionati, da martedì 11 fino a martedì 18 agosto verranno inoltre scontati sul sito monzanet.it gli abbonamenti tre giorni in tribuna.


Giovedì 3 settembre dalle 16 alle 18 sarà riservata ai possessori di un abbonamento tre giorni la possibilità di seguire da vicino le operazioni dei team di Formula 1 all'interno dei box e il perfetto coordinamento di ogni componente della scuderia per preparare al meglio le monoposto in vista della gara di domenica. I tifosi con abbonamento potranno infatti accedere liberamente alla pit lane e camminare a pochi metri di distanza dalle auto che tre giorni dopo saranno in pista per l'86esimo Gran Premio d'Italia.
Nello stesso pomeriggio, dalle 16.30 alle 17.30, si aggiungerà al walk-about un'ulteriore iniziativa che coinvolgerà gli appassionati con abbonamento. L'Autodromo Nazionale Monza allestirà infatti un'apposita area nei pressi della pit lane dove i piloti saranno a disposizione dei tifosi per una sessione di autografi. Sarà dunque possibile per i possessori di un abbonamento tre giorni, avvicinare i propri beniamini e chiedere loro una firma.


Abbonamenti in promozione
Per consentire a tutti gli interessati di acquistare un abbonamento tre giorni per partecipare al walk-about di giovedì e seguire prove libere, qualifiche e gara del Gran Premio, l'Autodromo Nazionale Monza sconterà per un'intera settimana i biglietti in abbonamento per alcune selezionate tribune. Da martedì 11 a martedì 18 agosto sarà infatti possibile acquistare sul sito monzanet.it a prezzi vantaggiosi, con sconti fino a 60 euro, gli ingressi che permettono di prendere parte alle iniziative di giovedì 3 settembre, consentono l'accesso venerdì 4 settembre a tutte le tribune (ad eccezione di quelle riservate) e poi assegnano un posto numerato per sabato 5 e domenica 6 settembre.

Le tribune interessate dalla promozione sono le più amate dai tifosi. Saranno infatti incluse negli abbonamenti scontati le tribune Centrali, Laterali e Alta Velocità nei pressi del rettifilo di partenza, le esterne in Prima Variante, la tribuna della Piscina, la Parabolica e Vedano. Un'ampia scelta dunque per soddisfare ogni appassionato desideroso di vivere in prima persona le emozioni che solo il Gran Premio d'Italia nel Tempio della Velocità può trasmettere.
I biglietti per le singole giornate, sono acquistabili/prenotabili già da inizio agosto.
Per le tribune: 6B Alta Velocità - 16 Ascari - 8B Esterna Prima Variante - 21B Laterale Parabolica - 21E Laterale Parabolica - 26B Laterale Destra, i biglietti delle singole giornate sono disponibili sin dall'apertura della prevendita. Venerdì 3 settembre biglietto unico valido per l'ingresso al circuito e l'accesso a tutte le tribune ad eccezione di quelle riservate.
Sabato, posti numerati su tutte le tribune. Biglietti prato, posti non numerati.
Domenica, posti numerati su tutte le tribune. Biglietti prato e posti non numerati.
Per i soci Aci c'è poi un "abbonamento tre giorni" a prezzo speciale.
Tutte le promozione sono pubblicate sul sito dell'Autodromo: www.monzanet.it
La gara quest'anno verrà presentata ad Expo martedì 1 settembre, in una conferenza stampa molto attesa anche per conoscere gli ultimi sviluppi sul futuro del Gp a Monza dopo le novità governative in materia di defiscalizzazione.
G.C.









-------------------------------------------------------------------------------------------------------------









In sella per le Valli del Taleggio
Domenica 9 agosto il Moto club Valsassina propone la 13^ edizione del motoruduno riservato alle storiche e d'epoca costruite prima del 1980

Primaluna – Appuntamento con le moto storiche domenica 9 agosto a Primaluna con l’oramai classico motoraduno estivo organizzato dal Moto club Valsassina, giunto quest'anno alla 13^ edizione. L’evento è riservato alle storiche e d'epoca costruite prima del 1980. In programma un percorso di circa 70 chilometri tra i paesi della Valle, con punto centrale il passaggio da Taleggio.

 
Questo il programma. Ritrovo dalle ore 8 alle 10 presso il piazzale della BPS di Primaluna. Alle 10.15 la partenza del percorso turistico con arrivo a Taleggio attorno alle ore 11.45. Dopo l’aperitivo a Sottochiesa, il ritorno a Primaluna per il pranzo presso il “Cappello Alpino”, organizzato dal locale Gruppo Alpini. La manifestazione si chiuderà attorno alle 16 con le premiazioni e la consegna della T-Shirt ricordo.

Gli organizzatori ricordano che il programma potrà del percorso subire variazioni anche senza preavviso. La manifestazione si svolgerà anche in caso di brutto tempo. Le moto partecipanti dovranno essere in regola e viaggiare rispettando il codice della strada vigente. Qualsiasi responsabilità rimane a carico del proprietario o conducente della moto. Per ragioni organizzative le iscrizioni verranno chiuse al raggiungimento di 120 moto.
Red.









----------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Torna l'Open House Moto Guzzi
L'appuntamento con il mito dell'Aquila mandellese è fissato nella tradizionale data di metà settembre, da venerdì 11 a domenica 13. Previsti test ride, visite gratuite al Museo e alla Fabbrica e una esclusiva occassione di shopping targato Moto Guzzi


Mandello  – Adesso è ufficiale. Ritorna l'Open House Moto Guzzi, in programma nella tradizionale data di metà settembre, da venerdì 11 a domenica 13. Il settembre sulle rive del lago di Como si colora, anche quest’anno, dell’amore per Guzzi. Il marchio più affascinante della storia della motocicletta, uno dei più venerati al mondo, apre le porte dell’iconico stabilimento di via Parodi a Mandello - dove tutte le Guzzi sono nate a partire dal 1921 - per accogliere, come è ormai tradizione, motociclisti e appassionati da tutto il mondo.

 
Un grande weekend di fine estate che saprà regalare ai motociclisti e alle loro famiglie gli indimenticabili colori del lago di Como, sulla sponda orientale del ramo di Lecco, e un programma imperdibile per chi ha nel cuore la Moto Guzzi.
Saranno, come è ormai tradizione, tre giorni di viaggio, amicizia e amore per le moto italiane, l’occasione per incontrare vecchi amici, di ritrovare l'ospitalità di Moto Guzzi e della città di Mandello del Lario. Il week end di metà settembre è perfetto per riprendere la strada verso uno dei più importanti luoghi-simbolo delle due ruote, percorrendo itinerari ideali per i motociclisti, circondati da stupende Prealpi su cui domina la maestosa Grigna.

Per l'Open House 2015 Moto Guzzi ha preparato un ricco programma che comprende visite gratuite e guidate al Museo e alle linee produttive, test su strada delle ultime novità Moto Guzzi, e l’allestimento di uno spettacolare shop proprio nel cuore della fabbrica lariana. Oltre alle ultime novità tra i capi di abbigliamento e il prezioso merchandising, tutto firmato Moto Guzzi, nel weekend saranno acquistabili gli esclusivi caschi celebrativi “The Clan ”, che orgogliosamente richiamano l’appartenenza a una vera élite del motociclismo mondiale.
Il grande Open House Moto Guzzi 2015 inizierà venerdì 11 settembre alle 15, con l’apertura del Museo e dello Shop.  Sabato 12 settembre il programma sarà già entrato nel vivo: a partire dalle 9.30 sarà possibile visitare anche le linee di produzione, l’assemblaggio motori dove nascono i mitici bicilindrici Guzzi, e la storica Galleria del Vento.



L’esposizione della gamma Moto Guzzi è il prologo alla prova su strada (iscrizioni in loco) delle Moto Guzzi V7, delle possenti California 1400 e delle ultime nate: la sontuosa Eldorado e la aggressiva Audace. Motociclette assemblate a mano a Mandello, sintesi straordinaria tra la più alta cura costruttiva e la migliore avanguardia tecnologica. Il ricchissimo catalogo di accessori Moto Guzzi avrà il suo spazio espositivo dedicato. Le centinaia di pezzi esclusivi e garantiti da Moto Guzzi consentono una personalizzazione totale delle bicilindriche di Mandello dando a tutti i guzzisti la possibilità di possedere una moto unica, perfettamente ritagliata sulla propria personalità.


The Clan, la comunità ufficiale di Moto Guzzi, avrà un suo spazio per accogliere i possessori di una moto made in Mandello e offrire loro l’ingresso nella community. Per gli iscritti si preparano benefit esclusivi quali turni di prova dedicati e visite personalizzate a Museo e stabilimento e la possibilità di usufruire di un check-up gratuito per la propria Guzzi, nelle officine di Mandello.
Il programma andrà avanti a pieno regime fino al pomeriggio di domenica 13 settembre quando, con gli ultimi ingressi allo stabilimento fissati alle 17.30, sarà il tempo dei saluti e i Guzzisti riprenderanno la via di casa.
G.C.




Cosa vedere e provare
Museo
Lo spazio raccoglie oltre 150 modelli che hanno fatto la storia dell’Aquila di Mandello, un percorso straordinario fino alle radici della leggenda di Moto Guzzi. Moto di serie, da competizione, prototipi e motori sono accompagnati da un’eccezionale raccolta di fotografie e documenti inediti.

Linea assemblaggio motori
E’ l’area dello stabilimento dove i mitici motori bicilindrici sono assemblati a mano, uno per uno. Qui è nata e si è fatta la storia di un propulsore unico che con la sua architettura esclusiva ha segnato la storia di Moto Guzzi e del motociclismo mondiale.

Linea assemblaggio moto
Qui le Moto Guzzi prendono forma, qui il bicilindrico finito incontra la motocicletta che accompagnerà per tutta la vita. Sulla linea si può seguire passo dopo passo, operazione dopo operazione, la nascita di quel gioiello di tecnologia e fine manifattura italiana che ogni Moto Guzzi rappresenta da oltre 90 anni.

Galleria del vento
Inaugurata nello stabilimento di Mandello del Lario nel 1950 è stata il primo esempio di galleria del vento per la prova aerodinamica di motociclette. Luogo dal fascino unico è oggi la testimonianza di un primato tecnologico e di una storia gloriosa che solo Moto Guzzi possiede.

Test ride
Un’occasione imperdibile per ogni appassionato motociclista: la possibilità di provare le nuove Moto Guzzi, proprio nei luoghi dove sono nate, sulle strade piene di fascino che corrono lungo il lago di Como. Tra le moto in prova anche la magnifica California 1400, spinta dal più possente V-twin mai prodotto in Europa, le nuovissime Eldorado e Audace e la gamma completa del best seller V2.





------------------------------------------------------------------------------







La Scuderia del Portello conquista Monza
Nel fine settimana dedicato alla 62^ Coppa Intereuropa il club brianzolo è stato protagonista in pista e nel paddock con vari eventi e la tradizionale premiazione dei Campioni Alfa Romeo

Monza - La Scuderia del Portello è stata l'assoluta protagonista nella 62^ Coppa Intereuropa svoltasi nel fine settimana all'Autodromo di Monza. In pista, dove le due gare del trofeo “Tutto Alfa” sono state tra le più spettacolari dell’intero fine settimana, e nel paddock, dove l’area del “Portello” ha calamitato l’attenzione degli appassionati intenti ad ammirare la schiera di affascinanti Alfa Romeo esposte. E poi gli eventi organizzati dalla Scuderia brianzola.
Con il passaggio di testimone per il “Raid della fratellanza e della pace”. E con l’annuale premiazione dei Campioni Alfa Romeo, nel corso della quale, in occasione dell’Expo, sono stati assegnati speciali riconoscimenti a persone e aziende che hanno contribuito alla storia e all’immagine dell’automobilismo lombardo.

 
L’intenso fine settimana del Club è partito venerdì mattina con il “passaggio di testimone” tra l’Expo di Shanghai 2010 e l’Expo di Milano 2015 in vista del prossimo “Raid della fratellanza e della pace” Pechino Parigi che vedrà protagonista Scuderia del Portello. Un gruppo di vetture, tra cui le quattro Giulia partecipanti al Raid e due Giulietta moderne nel ruolo di assistenza, sono partite dalla sede Bosch nell’area Portello e sono giunte all’Autodromo di Monza per festeggiare l’inaugurazione del Museo della Velocità, percorrendo anche un suggestivo giro dell’anello di Alta Velocità.

 
 
Nel corso dell’annuale premiazione dei Campioni Alfa Romeo, organizzata dal Club sabato pomeriggio nella Sala Regione Lombardia dell’Autodromo, oltre ai Soci sportivi e sostenitori della Scuderia, proprio in occasione dell’Expo sono state premiate, dall’Assessore all’Expo Fabrizio Sala, personalità e aziende che con la loro opera hanno contribuito allo sviluppo della storia e immagine dell’automobilismo lombardo: l’ACI Milano; la Sias (Società Incremento Automobilismo e Sport); l’Alfa Romeo; la Pirelli; la Carrozzeria Zagato; la Afra; la Effeffe Cars dei fratelli Frigerio; Corrado Lopresto; Samuele Baggioli; Arturo Merzario; Fabrizio Sala e la stessa Scuderia del Portello per in risultati colti e la promozione del marchio del Biscione nel mondo.

Quindi tutti in pista per le due combattutissime gare del trofeo “Tutto Alfa” durante le quali le 25 vetture del Biscione, tra cui oltre al nugolo di GTA e GTAm spiccavano autentiche rarità come la 1900 Coupé pilotata da Arturo Merzario, la Giulietta “Sebring” pilotata da Luigi Somaschini e la Giulia TZ 2 di Walter Antonacci, hanno dispensato spettacolo al folto pubblico assiepato sugli spalti. La classifica, redatta in base alla somma dei tempi delle due gare di 10 giri ciascuna, ha premiato con la vittoria assoluta Roberto Rinaldi (AR GTAm 1750 Gr. 5), davanti a Franco Monguzzi e Fabio Sordi (entrambi su GTAm 1750 Gr. 2). Il trofeo GTA, assegnato in occasione del 50° della vettura milanese, è andato a Michael Gans, mentre Luigi Somaschini si è aggiudicato il Trofeo Giulietta.


 Ora, accantonato con successo l’impegno nella Coppa Intereuropa, la Scuderia del Portello è già in partenza per un altro appuntamento di prestigio che si disputa il prossimo fine settimana (dal 26 al 28 giugno) a Goodwood nella tenuta di Lord March, il “Festival of Speed”, dove il presidente del Club rappresenterà l’Alfa Romeo al volante di una Sport 33/TT/3 del 1971, un prototipo che ha partecipato a diverse competizioni internazionali negli anni Settanta, tra cui le 1000 Km di Zeltweg e Montlhéry, pilotata da Henri Pescarolo, e la 1000 Km del Nürburgring e 500 Km di Imola con Teodoro Zeccoli.
G.C.










---------------------------------------------------------------------------------------------------------------




 
 
Inaugurato all'Autodromo di Monza 
il Museo della Velocità

Monza - All'interno del week end dedicato alla Coppa Intereuropa riservata alla autostoriche è stato inaugurato all'Autodromo di Monza il Museo della Velocità, uno spazio espositivo previsto nel piano industriale redatto dalla dirigenza Sias con l'obiettivo di fornire una cornice di attività e iniziative per permettere ai visitatori di vivere l'autodromo a 360 gradi. Un ulteriore luogo aperto al pubblico dopo l'Infopoint inaugurato nelle scorse settimane.

Il prosieguo del cammino per l'Autodromo Nazionale Monza, iniziato con l'insediamento del nuovo consiglio di amministrazione prosegue con questo nuovo step che riporta all'attualità la prestigiosa storia motoristica di Monza. A dimostrare la vicinanza al nuovo corso dell'Autodromo Nazionale Monza, la presenza tra il parterre alla Premiére del Museo della Velocità del presidente ACI Angelo Sticchi Damiani, del vicepresidente AC Milano Marco Coldani e del sindaco Roberto Scanagatti. Sticchi Damiani e Coldani hanno confermato la volontà di impegnarsi per il mantenimento del Gran Premio d'Italia di Formula 1 a Monza.


Giacomo Agostini e Fabrizio Pirovano sono stati testimonial d'eccezione per la Premiére del Museo della Velocità, il nuovo padiglione espositivo multimediale inaugurato questa mattina all'Autodromo Nazionale Monza. Nell'area a fianco del villaggio dei negozi, è aperto al pubblico da quest'oggi il Museo della Velocità, uno spazio in cui il visitatore può vivere un'esperienza multisensoriale attraversando quattordici aree tematiche differenti che narrano la storia del circuito con automobili, motociclette e piloti. A fianco di pezzi rari da collezione, trovano posto immagini, dati, filmati e installazioni di edutainment. Il museo non vuole essere un insediamento statico ma al contrario vivrà trasformazioni continue e dinamiche nell'ottica di interpretare al meglio la logica della velocità, ruotando periodicamente l'apparato espositivo. Una meta pertanto non solo per gli appassionati di motorsport ma anche per famiglie e bambini che si avvicinano per la prima volta al mondo dei motori. L'esposizione non rimarrà racchiusa tra le mura del padiglione ma proseguirà anche in tutto l'autodromo con un'applicazione per smartphone che guiderà il visitatore nei luoghi simbolo del circuito, continuando la narrazione iniziata al museo con immagini, video e curiosità.

Spiega il procuratore dell'Autodromo Nazionale Monza Francesco Ferri: "Il Museo della Velocità era uno dei punti fondamentali che ci eravamo prefissati nel progetto di rilancio dell'Autodromo Nazionale Monza. Lo inauguriamo, non a caso, durante il weekend della 62esima Coppa Intereuropa di auto storiche per simboleggiare il legame che ci lega alla storia del circuito e lo sguardo verso il futuro. Proseguiremo il processo di rilancio dell'autodromo".

Andrea Dell'Orto, presidente SIAS, aggiunge: "E' un giorno importante per noi perché quando abbiamo creato il piano industriale di rilancio, ci siamo impegnati a fare degli step di verifica come l'inaugurazione del Museo della Velocità. Nel nostro percorso di rilancio, abbiamo cercato di mettere al centro anche il culto per il motorsport che Autodromo Nazionale Monza può vantare, a differenza di altri circuiti. Riteniamo di avere un percorso molto chiaro da seguire. Ci stiamo impegnando per il rinnovo del Gran Premio di Formula 1 a Monza con una strategia precisa perché la parte sportiva rimane estremamente importante per la dirigenza".

Continua Angelo Sticchi Damiani, presidente di Automobile Club d'Italia: "Non potevo mancare alla Premiére del Museo della Velocità per ringraziare del lavoro che Autodromo Nazionale Monza sta facendo. Un nuovo corso è iniziato. Non si può pensare di avere più opzioni per la Formula 1. Per ACI, il Gran Premio d'Italia è a Monza".
Marco Coldani, vicepresidente di AC Milano, spiega: "Per noi è prioritaria la difesa della Formula 1 e ritengo che il successo sia a portata di mano".




Giacomo Agostini, special guest della Premiére, ha concesso una MV Augusta 500 a tre cilindri all'esposizione: "Appena sono arrivato questa mattina all'Autodromo Nazionale Monza ho sentito un'emozione particolare. Ho vinto il mio primo titolo di campione del mondo infatti in questo circuito, a casa mia. Tanti sacrifici sono stati fatti per l'autodromo che è conosciuto in tutto il mondo. Sono convinto che Autodromo Nazionale Monza continuerà la sua storia". Agostini è stato campione del mondo nella classe 500 e 350; campione italiano nella classe 250, 350 e 500. E' stato inserito nella Motorcycle Hall of Fame ed è l'unico pilota italiano ad aver vinto la 200 miglia di Daytona e l'ultimo ad aver vinto una gara iridata nella classe 500 con una moto a quattro tempi. 
 

Il sindaco di Monza Roberto Scanagatti dice: "Il territorio monzese è capace di rinnovare e stiamo facendo rete tra Enti e Istituzioni affinché ciò avvenga. Il nostro dialogo è forte e serrato per un progetto comune". Ippolito Alfieri, fondatore di Koan Moltimedia e ideatore del Museo della Velocità spiega: "Il nemico di questo museo è la polvere. Per questo motivo cambieremo l'esposizione di continuo. Abbiamo puntato sulle nuove tecnologie e l'applicazione per smartphone è un esempio. Ringrazio chi mi ha dato fiducia per questo progetto".

All'interno del Museo della Velocità i box di due metri per due metri sono stati allestiti con contenuti grafici, multimediali e memorabilia. Il linguaggio espositivo del museo ha l'obiettivo di interpretare le emozioni dei motori e della pista in un circuito con quasi cento anni di storia. Il Museo della Velocità è solo una delle numerose iniziative messe in campo da Sias per dare nuova linfa alla tradizione dell'Autodromo Nazionale Monza ed aprire le porte non solo agli appassionati di motorsport ma anche a turisti e famiglie.
G.C.





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------








 
Abs Sport, in evidenza in pista e nei rally  
Domenica 21 giugno la scuderia oggionese sarà presente 
al Valbrona Rally Show con una nutrita pattuglia di equipaggi

Oggiono - In pista e nei rally protagonisti di nuovo i piloti della scuderia Abs Sport. Iniziamo dalla pista di Misano Adriatico dov'era in programma una nuova tappa dell'Italiano Autostoriche, che ha regalato altri due splendidi podi. Successo di classe per Roberto De Rui con la Ford Escort RS 1800cc preparata dal team Elco racing di Ponte Lambro. Nell'occasione il driver milanese ha gareggiato da solo, “sorbendosi” le 2 ore di gara, concluse ad un soffio dalla top ten assoluta ma al primo di categoria. Un successo prezioso perché con questa affermazione De Rui si porta ad un passo dal primo posto nel campionato, che ora osserverà la pausa estiva per riprendere con la voltata finale a settembre sulla pista del Mugello. 

A Misano c'era anche il brianzolo Loris Papa, che con la consueta regolarità si è imposto ancora una volta nella sua classe alla guida dell'affidabile Fiat 128 1300cc, che nelle cinque gare di campionato disputate non ha mai accusato nessun problema.
“Non posso che essere contento di come sta andando la stagione – afferma Papa -, iniziata con qualche apprensione sulla competitività della vettura, che invece mi sta regalando delle bellissime soddisfazione. Al titolo italiano di categoria non ci pensavo alla vigilia del campionato, ma ora non posso nascondermi”.


 Passando ai rally, nel Valli Ossolane, condizionato dai continui cambiamenti del tempo, erano presenti due equipaggi con ambizioni da podio. Sergio Brambilla e Vincenzo Rota l'obiettivo l'hanno sognato a lungo, ma alla fine si sono dovuti accontentare del quarto posto nella classe A5. In gara con la Peugeot 106, si sono resi protagonisti di un bel finale, dopo essere stati condizionati nella scelta delle gomme e da un testacoda sotto il diluvio. L’altro equipaggio al via era composto dai giovanissimi Luca Geddo e Stefano Destro su Renault Clio Rs del team Hap. Al loro secondo rally e per la prima volta ad affrontare il bagnato, Luca e Stefano erano in costante miglioramento prima che il cambio li costringesse all'abbandono a metà gara, quand'erano in lotta per la top ten nell'affollata classe N3.

Ora la scuderia oggionese si prepara a partecipare ad un appuntamento diventato oramai classico nel territorio lariano, il 3° Valbrona Rally Show, in programma domenica 21 giugno con l'organizzazione del'Old Rally Club Valle Imagna. Una festa per appassionati e rallisti lariani che voglio divertirsi e mettere a punto le proprie vetture. Manifestazione non competitiva, che si svolge su una tratto di strada di circa 4 km chiuso al traffico.

Corposa la presenza degli equipaggi della scuderia oggionese, guidata dal diesse Ivano Tagliabue, affiancato nell'occasione dal commissario di percorso della Triplozero Loredana Sesana sulla Peugeot 106 in versione N2 preparata da Saldarini. Saranno presenti anche Mattia Nava e Mattia Orio con la Citroen saxo del team Elco Racing, Marco Franzoni e Chiara Locatelli su Renault Twingo R2B del team Rally Sport Evolution, Fabio Terraneo e Fabio Franchin con la Citroen C2 gruppo A della Car Sport, Luca Carrara e Vincenzo Rota con la Lancia Delta Intragale ex Auriol, l’esordiente Tommmaso Paleari con il presidente Beniamino Bianco su Renault Clio Rs del team Hap, infine Antonella Gela e Alessandra Vimercati con la Peugeot 106 di A6 Tac Motorsport by Saldarini.
Red.




 --------------------------------------------------------------------------




 

Autodromo di Monza, ecco il nuovo Infopoint

Monza - Inaugurato il nuovo Infopoint dell'Autodromo Nazionale Monza nel villaggio dietro al paddock. L'ufficio sarà un punto di riferimento per i visitatori del circuito dove poter prenotare visite guidate, giri di pista o noleggiare biciclette per godere il parco circostante. Il taglio del nastro è avvenuto alla presenza del sindaco di Monza Roberto Scanagatti, dell'Assessore alle Attività Produttive Carlo Abbà e del presidente di AC Milano Ivan Capelli. Hanno fatto gli onori di casa Guido Locati, responsabile Expo per Autodromo Nazionale Monza, e Serena Cappelletti, responsabile Comunicazione e Immagine dell'Autodromo.


Il circuito, per volontà della nuova gestione Sias, rimarrà aperto gratuitamente tutti i giorni dalle 10 alle 18 (esclusi i weekend di gara quando potrebbe essere necessario acquistare un biglietto d'ingresso) per permettere ad appassionati e famiglie di visitarlo. Si inserisce dunque in quest'ottica l'inaugurazione di un punto informazioni a disposizione dei turisti che permetterà loro di trovare guide preparate per un visita alle strutture normalmente chiuse al pubblico durante le gare.

Sarà dunque possibile entrare nella sala stampa Tazio Nuvolari, negli uffici della direzione gare, salire sul podio e scoprire box e paddock. Numerose le attività proposte dall'Infopoint (ospitato nei locali Banca Intesa): dal tour a piedi a quello in bicicletta (anche a noleggio). Ne hanno avuto un breve assaggio anche i giornalisti e le Autorità presenti quest'oggi che, in sella alle biciclette dell'Infopoint, hanno potuto pedalare fino alle Sopraelevate nel circuito Alta Velocità.

Il sindaco Roberto Scanagatti e l'ex campione di F1 Ivan Capelli hanno avuto un mezzo d'eccezione. I due hanno infatti guidato un tandem a due posti, aprendo la strada agli altri presenti; altri partecipanti hanno potuto provare la comodità del bus utilizzato per i giri di pista durante i tour guidati. Per turisti ed appassionati, inoltre, la possibilità di "entrare in pista" come passeggeri per vivere in prima persona l'emozione della pista, a bordo di una Jaguar, di una Ferrari o persino di una suggestiva auto d'epoca.

Le attività, a disposizione in italiano, inglese e tedesco (previa prenotazione), sono state realizzate con il supporto e il coordinamento del Comune di Monza nell'ambito del programma di intervento "Monza Emozione Vera - Monza True Emotion" del bando di Regione Lombardia, distretti d'attrattività. Dal 19 giugno si aggiungerà al già ricco programma di visite, il Museo della Velocità: un padiglione espositivo multimediale dove rivivere i momenti che hanno fatto la storia del circuito e dell'automobilismo. Per ulteriori informazioni i turisti potranno collegarsi al sito internet www.tempiodellavelocita.it, mentre per la prenotazione delle visite è possibile inviare una email all’indirizzo info@tempiodellavelocita.it oppure telefonare al numero 334-7068137.
G.C.





 ----------------------------------------------------------------------------





 
Il tricolore GT arriva a Monza con il record di iscritti
Il 30 e 31 maggio in pista 7 serie e 16 gare, compresa l'attesa tappa del FIA Formula 3 European. Per l'occasione l'Autodromo propone l'ingresso gratuito a tribune e paddock

Monza - Motori accesi anche in questo fine settimana a Monza per un altro ricco appuntamento del fine  con l’Aci Racing Weekend, che quest’anno ancora di più si propone come contenitore di appassionanti campionati nazionali e internazionali. Saranno ben sette le serie che daranno vita a 16 gare che tutti i tifosi potranno godersi, in tribuna e nel paddock, anche grazie all’ingresso gratuito.
Tra gli appuntamenti più attesi il 30 e 31 maggio il FIA Formula 3 European Championship.
E’ il campionato, per intenderci, che ha visto l’anno scorso vincere Esteban Ocon ed affermarsi Max Verstappen che ha avuto la possibilità di mettersi in mostra e compiere il grande salto in Formula 1.


D’altro canto questa formula nata per testare e lanciare i piloti emergenti, nelle sue varie declinazioni continentali e nazionali ha contribuito, dagli Anni Sessanta ad oggi, all’affermazione di un numero imponente di campioni, da Nelson Piquet ad Ayrton Senna, da Alain Prost a Michael Schumacher, fino ad arrivare a Sebastian Vettel e Lewis Hamilton, solo per fare pochi nomi fra i molti. Una formula giovane, quasi la metà dei partecipanti sono quest’anno rookies, che senz’altro conquisterà il pubblico di Monza.

Ma oltre alle 3 gare previste per questa categoria, gli appassionati potranno godersi prove e schermaglie di ben altri sei campionati. In primo luogo un’altra serie riservata ai giovani piloti: la Formula 4 Championship Powered by Abarth, giunta alla sua seconda stagione, che una settimana fa aveva svolto due sessioni di test qui a Monza.
Poi due “classici” organizzati da Acisport: il Campionato Italiano Gran Turismo, con le più belle vetture in lizza, fra cui le nuove Lamborghini Huracan che avranno un raggruppamento loro dedicato, e il Campionato Italiano Turismo Endurance. Infine tre campionati monomarca sempre molto apprezzati. Il Porsche Carrera Cup, competizione che si svolge in 5 continenti e che elettrizza le piste italiane dal 2007, e le due serie Seat: Leon Cup e Ibiza Cup.
Gli appassiuonati potranno inoltre godersi l’impianto grazie ad altre opportunità, quali visitare il Museo allestito presso la Sala della Regione con alcune splendide auto d’epoca della collezione Lopresto, oppure noleggiare una bicicletta presso l’Info Point dell’Autodromo e scoprire così, pedalando, gli scorci più belli dell’impianto.

Il tricolore GT in pista con 40 vetture
Dopo lo splendido debutto di Vallelunga, il Campionato Italiano Gran Turismo scende in pista a Monza in questo fine settimana per il secondo appuntamento stagionale ancora con un record di iscritti. Ai 35 presenti sul tracciato romano, infatti, si aggiungono ulteriori cinque equipaggi che porteranno a ben 40 le vetture schierate nelle due gare che vedranno insieme le classi GT3 e GT Cup.

 
Nella classe maggiore da battere ci saranno le Ferrari 458 Italia, in particolare quella della Scuderia Baldini 27, leader del campionato con l'equipaggio Casè-Gattuso, ma tante altre sono le berlinette di Maranello interessate alle parti alte della classifica. Tra queste, quelle di Schirò e Berton (Villorba Corse), Frassineti-Beretta, quest'ultimi con i colori dell'Ombra Racing, squadra che schiererà una seconda vettura per Cipriani-Tedeschi, Di Amato-Mugelli (MP1 Corse), Magli-Ferrara (Easy Race), oltre alle due del Team Malucelli affidate a Bontempelli-Gai e Galassi-Rizzuto.
Tra le new entry del secondo appuntamento stagionale spiccano, inoltre, il ritorno di Michela Cerruti con la seconda BMW Z4 del ROAL Motorsport che andrà ad affiancare Comandini-Gagliardini, il giovane tedesco Daniel Keilwitz, che farà coppia con Francesco Sini sulla Corvette Z06R del Solaris Motorsport, e la Porsche GT3R del Krypton Motorsport con Pezzucchi-Romani.
La pattuglia di vetture della Casa di Stoccarda sarà completata dalle 997 di Donativi-Postiglione e dalle due dell'Autorlando per Camathias-Calamia e per un equipaggio ancora in corso di definizione, mentre Audi Sport Italia sarà al via con due R8 LMS ultra affidate a Capello-Zonzini e Mapelli-Amici. Arricchiscono il parterre della GT3, inoltre, le due Lamborghini Gallardo di Bortolotti-Viberti e Babini-Ceccato (Imperiale Racing), le due McLaren MP4-12C di Francioni-Biagi e Mancinelli-Geri (Racing Studios), oltre alla Mercedes SLS AMG di Mora-Wright della compagine Sports & You.

Nuovi arrivi anche nella GT Cup dove faranno il loro debutto stagionale con le Ferrari 458 Italia del Team Pellin Ivan Capelli e Marco Coldani e l'equipaggio "David Gadri"-Caccia. Assieme agli altri portacolori Ferrari, Del Prete-Caso (Scuderia Victoria) e Renato Di Amato (Sport Made in Italy), dovranno inserirsi nella lotta tra Porsche e Lamborghini che ha caratterizzato le prime due gare di Vallelunga.
Al comando della classifica provvisoria, infatti, ci sono a pari punti i fratelli Luca e Nicola Pastorelli (Porsche 997-Krypton Motorsport) e Zanardini-Perel (Lamborghini Gallardo-Bonaldi Motorsport), che si sono divisi le vittorie nel primo round stagionale. Saranno presenti a Monza anche le Porsche 997 di Maino-Selva, "Spezz" e Venerosi-Baccani (Ebimotors), di Passuti-Goldstein (Antonelli Motorsport), dei fratelli Matteo e Federico Zangari (Ghinzani-Arco Motorsport) e di Bodega-De Castro (Drive Technology Italia).
Oltre a quella di Zanardini-Perel, saranno presenti anche le Lamborghini Gallardo di Durante-Comi e Bianco-Monfardini (Imperiale Racing) e quella di Valori-Cecchi (Eurotech), mentre le tre Huracan della Coppa Lamborghini saranno schierate da Massimo Mantovani, Omar Galbiati (Antonelli Motorsport) e da Tanca-Zaugg (Raton Racing).
Altre info su iscritti e risultati su: www.monzanet.it  oppure su www.acisportitalia.it
G.C.






-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Motori e musica all'Autodromo di Monza 
Eventi continui tra gare internazionali, festival dello sport e rock fino a metà giugno

Monza - Giornate intense all'Autodromo di Monza. Nel week end va in scena il “TCR International Series”, che farà tappa sul circuito brianzolo come prima prova europea di questa nuova serie riservata alle turismo compatte. Il programma dell'evento, da venerdì 22 a domenica 24 maggio, sarà completato da due gare della Boss GP, che vede iscritte monoposto di F.1 e GP2, e dalla "3 Ore" valida per il campionato ETCC, con in pista anche le vetture della Targa Tricolore Porche.
Settimana prossima sarà di scena sul tracciato brianzolo anche la serie di gare "dell'ACI Racing Weekend", in programma dal 29 al 31 maggio, che vedrà in pista anche la F.3 Fia.




I prossimi appuntamenti, previsti fino alla prima metà di giugno, vedranno all’Autodromo di Monza anche l'EMERLab, dal 5 al 7 giugno, la fiera della Protezione Civile, con workshop e corsi di formazione, e il 7 giugno sarà la volta della 36° edizione della ormai tradizionale Marcia Podistica pro Lega Italiana lotta contro i tumori. Il 13 e 14 giugno, l’Autodromo sarà quindi teatro del 40° Festival dello Sport, a cura dell’Unione Società Sportive Monza Brianza (USSMB).

Non solo motori anche musica
A partire da venerdì 12 giugno, per tre serate, andrà in scena il rock italiano con l’edizione 2015 del "Brianza Rock Festival". Sul palco, allestito per la prima volta nel fronte paddock, ospiterà la prima serata l’esibizione dei Bluvertigo, con Eugenio Finardi e i Santa Margaret quali special guests. Sullo stesso palco anche i Mataléon, una della band vincitrici del Rockin’ The School, il contest per le band giovanili emergenti.
Sabato 13 giugno sarà la volta dei Subsonica, insieme a Bugo, Jack Jaselli, e la band dei Mr Kite, trionfatori della scorsa stagione del Rockin’ The School.
Chiuderà questa tre giorni di musica dal vivo il gruppo degli Afterhours, domenica 14 giugno, con gli ospiti Io?Drama, Aim e Sandflowers.
Per tutte e tre le serate, apertura dei cancelli alle ore 18 ed inizio dei concerti dalle ore 19.
Ricordiamo che per il Brianza Rock Festival sono previste prevendite su Ticketone.it e negozi convenzionati.
I biglietti per il TCR International Series possono essere acquistati presso l’Autodromo Nazionale Monza. Per tutti gli altri eventi l’ingresso è gratuito.
G.C.





 -----------------------------------------------------------------------------







Monza abbraccia la storica Mille Miglia
Per la prima volta l'Autodromo Nazionale ospiterà il passaggio della storica manifestazione. L'appuntamento è per domenica 17 maggio, dalle 8.45 alle 13, con le oltre 500 vetture che percorreranno la pista stradale e la storica pista di alta velocità

Monza - Appuntamento con la storia domenica 17 maggio all'Autodromo Nazionale di Monza: per la prima volta nella sua storia la Mille Miglia transiterà sulla pista più prestigiosa del mondo.
Ci sono voluti quasi novant’anni per celebrare questo matrimonio (l’Autodromo è stato costruito nel 1922, la prima edizione della Mille Miglia è del 1927), ma finalmente, grazie al lavoro e alla collaborazione fra Automobile Club Brescia e Automobile Club Milano, quello che è sempre stato un sogno di tutti gli sportivi diventa finalmente una splendida realtà. Nell’anno di Expo2015, la Mille Miglia, oggi manifestazione di regolarità classica autostoriche a calendario internazionale, transita quindi da Monza, in un passaggio che celebra i suoi simboli: la Villa Reale, il Parco, l’Autodromo.


La tappa che interesserà il territorio brianzolo è la quarta ed ultima (fino al 2013 la rievocazione della Mille Miglia, quest’anno giunta alla sua 33^ edizione, era composta da tre tappe). Partenza da Parma alle ore 6.30, passaggio da Piacenza ed ingresso a Monza dall’incrocio del Malcantone. Dopo aver percorso un itinerario che prevede viale Sicilia, viale Stucchi fino a via Boccaccio, è previsto l’ingresso alla Villa Reale nei pressi dell’Istituto d’Arte con uscita su viale Brianza e ingresso al Parco da Porta Monza. Dopo aver percorso viale Cavriga e viale Mirabello, le auto entreranno nell’area Autodromo. Alle ore 8.45 è previsto il passaggio della prima vettura del Tribute Mille Miglia (categoria riservata alle vetture G.T., che saranno raggruppate in una classifica separata), mentre alle 10.15 passerà il primo concorrente della Mille Miglia.
Saranno oltre 500 le vetture, veri e propri pezzi da collezione, che percorreranno non solo la pista stradale, ma anche la storica pista di alta velocità. L’orario di uscita dell’ultima vettura sarà attorno alle ore 13 e la carovana si sposterà verso la città di Bergamo per raggiungere poi Brescia.


(Foto Autodromo Monza M.Rigato: le Mercedes in parata sulla pista sopraelevata)

Per celebrare la tappa monzese verrà assegnato uno speciale “Trofeo ACI Milano” intitolato ad Alberto Ascari, il grande pilota milanese, due volte campione del mondo di Formula 1 e vincitore anche della Mille Miglia nel 1954, di cui ricorreranno il 26 maggio i 60 anni dalla sua scomparsa.
Questo accordo fra AC Milano e AC Brescia nel segno della Mille Miglia è motivo di grande soddisfazione - sottolinea Geronimo La Russa, vicepresidente del sodalizio milanese con delega alle manifestazioni storiche – e sicuramente rappresenta solo l’inizio di una collaborazione che in futuro porterà ulteriori interessanti iniziative congiunte per la valorizzazione del patrimonio dell’automobilismo storico”.


La storia della Freccia Rossa
Quella della Freccia Rossa è una lunga storia fatta prima di ardimento e progresso tecnologico tramutati in un impareggiabile "museo viaggiante": quella che si terrà dal 14 al 17 maggio sarà la trentatreesima rievocazione, ottantotto anni dopo la prima delle 24 edizioni di velocità, disputate dal 1927 al 1957. 
In tutto il mondo, l'immagine della Mille Miglia evoca ardimento, leale rivalità sportiva, leggenda, bellezza e - cosa più importante - la tradizione di ospitalità e il fascino della nostra Città e del nostro Paese», ha dichiarato il Presidente dell'Automobile Club di Brescia, Piergiorgio Vittorini, presentando la manifestazione: “Dal 1927, non dobbiamo smarrire la consapevolezza che Brescia è la custode di un glorioso frammento di una storia che appartiene anche a tutti gli appassionati di automobilismo sportivo. Questa eredità ha reso l'Automobile Club di Brescia il conservatore di un patrimonio storico costituito da uno dei marchi più ricchi di tradizione e gloria sportiva, umana e tecnologica: quello con la Freccia Rossa”.

Sessant'anni dal record di Moss e Jenkinson
Mille Miglia c'è molto di più delle vetture da corsa, dei piloti, dei vincitori e dei perdenti. La Mille Miglia è parte della vita italiana e i suoi effetti si estendono in tutta la larghezza e la lunghezza d'Italia, giù fino in Sicilia”. Queste parole furono scritte da Denis Jenkinson, il celebre giornalista barbuto. Esattamente sessant'anni fa, "Jenks" inventò il road-book, mai utilizzato da nessun altro in precedenza per "chiamare le note" a Stirling Moss, alla Mille Miglia 1955. I risultato fu che i due britannici, sulla Mercedes-Benz 300 SLR, sbaragliarono tutti, vincendo un'edizione della Freccia Rossa rimasta nella storia per l'incredibile media record di 157,65 km/h, sui 1600 km da Brescia a Roma e ritorno, rimasta imbattuta.

Organizzazione su quattro giorni
Quest'anno, la Mille Miglia sarà per la terza volta organizzata da 1000 Miglia Srl, una società interamente partecipata dall'Automobile club di Brescia, proprietario del marchio con la Freccia Rossa fin dalla prima edizione, nel 1927. Dopo la positiva esperienza dell'anno precedente, la Mille Miglia continuerà ad essere disputata in quattro tappe, per altrettante giornate. La tappa in più, con un ampliamento degli orari di passaggio: in particolare, l'arrivo della corsa spostato alla domenica pomeriggio anziché il sabato notte consentirà l'affluenza pure alle famiglie e ai più giovani.
G.C.







------------------------------------------------------------------------------------------------------------------









Monza Biker Fest, in pista e nel paddock
Dal 1° al 10 maggio eventi, test e competizioni, 
con il tricolore Supermoto e il Free Style Show a catturare l'attenzione

Monza - Appassionati di moto, prepariamoci a divertirci. Gare, musica, spettacoli, attrazioni, tutto all’insegna delle due ruote. Saranno dieci giorni, dall’1 al 10 maggio, elettrizzanti per gli appassionati delle moto all’Autodromo Nazionale Monza. Questo il ricco programma di “Monza Biker Fest”, manifestazione che coinvolgerà centinaia di centauri in decine di eventi a livello internazionale.
Innanzitutto la parte sportiva. Sono previste, sabato 2 e domenica 3 maggio, due prove del campionato italiano e Internazionali d’Italia “Supermoto Series”, con in pista – approntata all’interno del paddock – i migliori piloti per la conquista del titolo nazionale Supermoto.
Venerdì 8, invece, si terrà l’evento di Free Style Motocross sul rettifilo di partenza. Prove al pomeriggio e grande spettacolo serale, con le acrobazie mozzafiato dei freestyler, celebri per i loro “blackflip”.

Per tutti, poi, dal 4 al 7 maggio, la pista sarà aperta per prove libere e prove moto, anche con l’ausilio degli istruttori dell’Autodromo. Nelle varie giornate si terranno, inoltre, molte altre iniziative, fra cui motoraduni, corsi di fotografia sul tema, set fotografici con bellissime “Umbrella Girls” e tanta musica, grazie a Virgin Radio. Molteplici saranno le attrazioni e le opportunità. Una imperdibile occasione per tutti i centauri è data, durante la settimana, dalla possibilità di effettuare prove libere e prove moto, in collaborazione con la scuola dell’Autodromo: gli istruttori, fra cui anche il campione di superbike Fabrizio Pirovano, saranno a disposizione degli utenti.




Il tricolore Supermoto di scena il 2 e maggio
 La seconda e tera tappa dell’Italiano Supermoto andranno in scena il 2 e 3 maggio a Monza, all’interno della Biker Festa. Nel tempio della velocità si attente il pubblico delle grandi occasioni per seguire le due tappe del tricolore, in cui sarà assente il leader della classifica Thomas Chareyre, ma il campione in carica 2014 Ivan Lazzarini (2° in campionato) avrà di che preoccuparsi dai vari Mauno Hermunen, Marc Schmidt, Andrea Occhini, Christian Ravaglia ed Edgardo Borella. I sei sono racchiusi in poche lunghezze soprattutto considerando che ogni gara, suddivisa in due manche, assegna 500 punti.


 
Nella S2 il leader, protagonista di una doppia vittoria a Viterbo nella prima tappa, è Giulio Lorenzini, che avrà a che fare in partciolare con Edoardo Gente ed Alberto Bertasi. Christian Romano e Luca Brambilla dovranno mantenere la prima posizione rispettivamente nella SM Open e nella SMOnroad. Alessandro Labate ed Emiliano Cavagnino comandano la classe Under 24 rispettivamente nella classe 250 cc e 450 cc.
Il tracciato di gara è ststo appositamente realizzato all’interno dei paddock, in parte asfalto e in parte sterrato, come è consuetudini in una pista di Supermoto.
L'ingresso tutti i giorni è di 5 euro, per la prova di Free Style da 20 a 35 euro.
Sul sito ufficiale www.monzanet.it tutte le info su modalità e validità dei biglietti.
G.C.





------------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Mercedes celebra i 60 anni di successi nel motorsport
portando in pista a Monza 
Stirling Moss e Lewis Hamilton

Monza - Un evento speciale nella storia dell'automobilsimo sportivo. Stirling Moss e Lewis Hamilton insieme in  pista a Monza. Mercedes ha celebrato così i suoi 60 anni di successi nella massima serie del motorsport. Sessant’anni dopo, la storia sportiva si ripete ed accade che passato e presente si incontrano sulla pista di Monza.
Stirling Moss, il grande campione degli anni ’50 e Lewis Hamilton, campione in carica ed attuale leader del mondiale piloti di Formula 1, si sono esibiti lungo il tracciato storico a bordo delle “frecce d’argento”. I due campioni della Mercedes hanno posato per una sessione fotografica dedicata ai 60 anni di successi sportivi della Casa di Stoccarda.


La Mercedes, in una location blindata all’interno dell’Autodromo Nazionale Monza, ha riportato in pista la W196 F1, e la Sport 300 SLR con telaio 004 e quel numero di gara 722 con la quale Stirling Moss vinse la Mille Miglia nel 1955 in 10h 7’ 48”, ad una media di oltre 155 Kmh.
La vettura arrivò al traguardo di Brescia con 32 minuti di vantaggio sul secondo assoluto, Juan Manuel Fangio, al volante di un’altra Mercedes 300 SLR.
Sempre nel 1955, poche settimane dopo, al Gran Premio d’Inghilterra, il britannico Stirling Moss raccolse il suo primo successo nella massima formula, al volante della monoposto W196 guidata a Monza da Lewis Hamilton.
Una stagione indimenticabile, quella del ’55, rievocata a Monza, che vide la Mercedes vincere anche il Campionato Mondiale Marche.


(Foto Autodromo Monza - M.Rigato)

“Campioni nel 1955 e Campioni oggi” – così si sono presentati l’autorevole Sir Moss ed un divertito Hamilton sul rettifilo della pista monzese.
Il programma di questa giornata, davvero unica, ha visto le auto storiche della “Stella” sfrecciare lungo la pista dell’Alta Velocità per rivivere e festeggiare, a sessant’anni di distanza, quei momenti indimenticabili. La rievocazione ha incluso anche l’esposizione di un Rennwagen-Schnelltransporter del 1955, il mezzo che venne utilizzato in quella stagione per il trasporto delle vetture da competizione. Un incontro unico ed irripetibile, che rimarrà anch’esso nella storia dell’automobilismo dei grandi campioni.
G.C.




---------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Accordo tra Aci e Expo 2015
per la promozione e vendita biglietti

Milano - L’Automobile Club d’Italia, l’Automobile Club Milano e Expo 2015 S.p.A. hanno siglato oggi un accordo per la promozione dell’Esposizione Universale 2015 e la vendita dei biglietti attraverso la Federazione ACI. L’intesa supera i confini nazionali, ponendo l’Automobile Club d’Italia come interlocutore nell’ambito della Federazione Internazionale dell’Automobile per l’acquisto dei biglietti Expo da tutto il mondo.
In base all’accordo, non soltanto i soci ACI potranno godere di speciali agevolazioni nell’acquisto – anche online sul sito www.aci.it – di pacchetti di servizi dell’Automobile Club completi di un ticket d’ingresso ad Expo.


La rete ACI conta più di 4.000 punti di contatto sul territorio tra delegazioni, officine, autoscuole, agenzie di viaggi, agenzie assicurative ed autodromi – ha dichiarato il presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damianie risponde quotidianamente a 34 milioni di automobilisti che trovano così soluzioni specifiche e vantaggiose anche per l’accesso per motivi professionali o di svago all’Expo”.

L’Automobile Club Milano fu protagonista anche dell’Esposizione Universale del 1906 dedicata ai trasporti – ha affermato il suo presidente Ivan Capellie pure allora puntammo i riflettori sull’auto organizzando il Congresso Internazionale dell’Automobilismo che anticipò l’evoluzione economica e sociale della mobilità, oltre a una serie di manifestazioni sportive che incrementarono l’appeal dell’auto nei cuori della gente”.

L’accordo con ACI assume per noi un significato di notevole importanza – aggiunge Piero Galli, Direttore Generale della Divisione Sales & Entertainment di Expo 2015 S.p.A. – Incentivare e promuovere i valori dell’educazione stradale saranno fondamentali durante i sei mesi espositivi, soprattutto in previsione dei milioni di visitatori che raggiungeranno il sito espositivo su gomma. In tal senso, l’attività costante di monitoraggio della rete stradale che gravita intorno all’area, predisposta da ACI e ACM, rappresenterà sicuramente un valore aggiunto e una garanzia di maggior sicurezza per gli automobilisti e tutti coloro che faranno tappa a Expo Milano 2015”.

ACI, grazie al forte presidio territoriale dell’Automobile Club di Milano, monitorerà continuamente gli standard di efficienza e di sicurezza della rete stradale in occasione di Expo2015, potenziando anche i servizi di infomobilità sul territorio in grado di ridurre del 15% criticità e picchi di traffico. Saranno in particolar modo incrementate le attività di Infomobility Luceverde Milano (in collaborazione con Polizia Locale e Fiera di Milano) e RadioTraffic (in onda con 35 aggiornamenti quotidiani su Radio24). Secondo alcune stime, il 45% dei visitatori si recherà all’Expo con un veicolo su gomma (20% su mezzo proprio, 20% su pullman e 5% su taxi).
G.C.




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------





 

Monza: Ferrari Challenge, Italiano Prototipi e F.2
aprono la stagione 2015 dei rispettivi campionati
Oltre quaranta 458 Italia al via. Grande attesa anche per l'apertura dei campionati italiani. Ingresso libero con accesso al paddock. Gare sabato e domenica
 

Monza - Di nuovo motori accesi all'Autodromo di Monza dal 17 al 19 aprile. Riflettori puntati sulle Rosse tornano in pista per la 23^ edizione del Ferrari Challenge, manifestazione riservata alle macchine del Cavallino. Sette gli appuntamenti previsti: si parte da Monza per finire la serie europea a Valencia, il 4 ottobre, prima del gran finale mondiale (con le migliori delle aree Nord America e Asia Pacifico) ad inizio dicembre.


Quarantadue 458 Italia al via, equamente suddivise fra il Trofeo Pirelli (riservato ai piloti con esperienza agonistica) e la Coppa Shell (categoria in cui gareggiano i gentlemen drivers). La vettura è la medesima della scorsa edizione, dotata del pacchetto aerodinamico che consente le migliori prestazioni. I piloti rappresentano quasi venti nazionalità, ed è un record. Dopo tanti anni è nuovamente rappresentata la Turchia (con Murat Ruhi Cuhadaroglu), è schierato per la prima volta un pilota indiano (Gautam Singhania), corre anche un pilota australiano (Paul Van Loenhout).

Fra gli italiani, si segnalano in particolare Dario Caso, secondo nella classifica generale del Trofeo Pirelli dell’anno scorso e terzo nelle finali mondiali, David Gostner, campione di Coppa Shell due anni orsono, e il vincitore di gara 1 di Monza 2014, Stefano Gai, che, come nel 2014, partecipa a questo primo round prima di dedicarsi ad altri campionati Gt. Altri piloti interessanti sono i canadesi John Farano e Eric Cheung: quest’ultimo vanta partecipazioni in ciascuna delle serie mondiali.

Accanto al Ferrari Challenge, arricchiranno il programma del fine settimana motoristico le gare di altri campionati che prenderanno il via da Monza: il Campionato Italiano Sport Prototipi, la F.2 Italian Trophy, il Trofeo Abarth.
Molto atteso, poi, è il debutto del Campionato Italiano Sport Prototipi, la serie tricolore Aci che, dopo Monza, prevede altri sei appuntamenti (Vallelunga, Franciacorta, Mugello, Imola, Misano e Varano). Anche quest’anno vi saranno due gare per appuntamento, ma di durata superiore rispetto allo scorso anno: 38 minuti (non più 20 minuti quindi) + 1 giro da completare. Fra i piloti al via, citazione d’obbligo per il campione in carica, e vincitore complessivamente di 4 titoli tricolori, Davide Uboldi con la sua Osella Pa21. Ma molte saranno le vetture da seguire con attenzione: in particolare, la Ligier JS53 Cn2, condotta dal parigino Pierre Nicolet reduce dalla 6 Ore di Barcellona, la Lucchini Alfa Romeo di classe SR2 guidata da Gianni Giudici e la Lucchini CN4 Evo AB Alfa Romeo dello svizzero Giorgio Mondini. La scuderia Emotion Motorsport schiererà due Wolf GB08 Cn2.


"E' vero, tutto ricomincia con la posizione numero uno - afferma Uboldi, nella foto sopra, pilota della Osella Uboldi Corse - ma è stato tutt'altro che facile. Ho faticato molto perché ero ko fisicamente. Ho dovuto rifare il poggiatesta perché proprio non riuscivo a gestire la forza centrifuga. Ho avuto anche problemi tecnici con il cambio. Non ha funzionato sempre benissimo, a volte funzionava solo salendo di rapporti. Comunque la vera fatica è stata perché ho risentito della pausa invernale. Non avevo fatto neanche un metro in macchina e l'ho avvertito tantissimo".
"Sono però soddisfatto dei test pre-campionato. Se mi fossi presentato già in forma e se non avessi avuto problemi al cambio credo che potevo chiudere i test anche meglio.  Comunque credo sia già un ottimo risultato aver siglato il primato in questi test, anche se solo per un decimo di vantaggio sul secondo. Li ho messo tutti dietro e quindi sono contento".

La F.2 Italian Trophy, come il CISP, riparte dal circuito brianzolo laddove si era chiuso ad ottobre il campionato 2014. Ed anche qui al via, fra le oltre trenta monoposto in lizza, la vettura del campione uscente, Piero Longhi. Sette i week end previsti per questo 2015: oltre al Tempio della velocità, Vallelunga, Franciacorta, Imola, Mugello, Adria e Misano. Doppia gara di 25 minuti + 1 giro.
Avrà inizio a Monza, infine, anche la stagione agonistica di Abarth, con la prima di due campionati: il Trofeo Abarth Selenia Europa e il Trofeo Nazionale AciSport Abarth Selenia Italia. Una ventina di partecipanti per un calendario che proporrà poi Vallelunga, Mugello, Adria, Imola e Misano. Previste anche quest’anno due gare per fine settimana di 25 minuti + 1 giro. Novità di quest’anno: prove libere raddoppiate e inversione della griglia dei primi otto classificati in gara 1.
Per ulteriori informazioni e info su prove e gare: www.monzanet.it
Ricordiamo che per tutto il wek end di gare l'ingresso è libero, con accesso anche al paddock. Prove libere venerdì 17 aprile, qualifiche e gara-1 al sabato, domenica 19 gara-2 e doppio appuntamento con il tricolore Sport Prototipi.
G.C.




-----------------------------------------------------------------------------







Blancpain Endurance Series, è qui lo spettacolo  
Sono sessanta le vetture iscritte alla gara di Monza 
che apre nel week end la stagione 2015 dell'Autodromo
 
Monza - Alla sua quinta edizione, la Blancpain Endurance Series apre il suo campionato a Monza, “the Temple of Speed”, il “circuito unico e ideale”, come viene definito dal sito della sua organizzazione, ossia la SRO Motorsport Group fondata da Stephane Rattel. Nel prossimo week end, dal 10 al 12 aprile, una sessantina di potenti Gran Turismo di grandi marche mondiali si sfideranno in emozionanti prove e nella tre ore prevista domenica pomeriggio, con partenza lanciata e cambio pilota ai box.

 
Unico schieramento, ma tre i raggruppamenti e le classifiche previsti: Pro (professionisti), Pro-Am (categoria mista), Am (gentlemen). Nella Pro Cup, che comprende 23 vetture, sono molto attesi i team Audi, con le R8 LMS e la nuova R8 LMS Ultra, soprattutto il belga WRT che l’anno scorso si aggiudicò i titoli pilota e squadra. Ma il lotto delle vetture GT3 da ammirare è molto nutrito: in particolare, le nuove Lamborghini Huracan e McLaren 650S, e poi Ferrari 458 Italia, Bentley Continental, BMW Z4, Mercedes SLS AMG, Nissan GT-R Nismo, Jaguar G3, Porsche 997, Aston Martin Vantage.
Circa sessanta le vetture iscritte di queste 24 sono iscritte nel Pro Cup, la più attesa.

A Monza ci sarà anche il lecchese Marco Bonanomi. L'esordio stagionale di Bonanomi è già avvenuto lo scorso week end a Nogaro, in Francia, in una gara sprint chiusa al settimo posto con l'Audi R8 LMS ultra del Team ISR, corsa insieme al ceco Filip Salaquarda. A Monza la gara sarà un'endurance di 3 Ore e in squadra ci sarà anche il tedesco Frederic Vervisch.


Mi fa sempre piacere correre a Monza – dice Marco – la pista dove sono cresciuto e dove ho colto delle belle soddisfazioni davanti ai miei tifosi. Per la gara GT di questo week end contiamo di poter dire la nostra per le prime piazze. Non sarà facile perché la concorrenza è agguerritissima, quel che è certo sarà una gara spettacolare che non mancherà di entusiasmare il pubblico”.

Il programma prevede sabato test e prove dalle 9 alle 10, dalle 12.05 alle 13.35 e dalle 16.10 alle 17.40, mentre domenica le qualifiche saranno dalle 9 alle 10 e la gara dalle 14.30 alle 17.30.
A completare il programma del week end vi saranno due prestigiosi campionati monomarca. Oltre trenta vetture al via nel Lamborghini Blancpain Super Trofeo Europa che vedrà il debutto della nuova Huracan LP 620-2. E’ il primo appuntamento stagionale per la serie continentale: i primi classificati sfideranno i migliori delle serie asiatica e nordamericana a Sebring nel mese di novembre. Venerdì test e prove libere, sabato qualifiche dalle 11.15 alle 11.50 e gara 1 dalle 15.05 alle 15.55, domenica gara 2 dalle 11.30 alle 12.20. Prima gara del 2015 anche per la Formula Renault 2.0 NEC (Northern European Cup). Gara 1 in programma sabato dalle 14.05 alle 14.30, gara 2 domenica dalle 10.30 alle 10.55. Un week end di gare all'insegna dello spettacolo.
G.C.








 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------






Eros Maggi, il fotografo delle grandi Case automobilistiche
Il mandellese è entrato in questo fantastico mondo grazie ad una email. Da diverse stagioni segue gli eventi ufficiali Ferrari e Lamborghini  

Lecco - Il ruolo importante di una e-mail. Già, a volte basta una richiesta e i sogni si realizzano. Insomma, basta crederci un po’. Chiedetelo a Eros Maggi, che una dozzina d’anni fa scrisse una email ad un fotografo professionista delle corse se fosse interessato ad avere un collaboratore sulle piste.


Poco tempo dopo il fotografo mandellese si ritrovò l’invito per un test a Monza, durante le prove dei team di F.1. Da allora è stato un susseguirsi di successi professionali, tant’è che dopo aver seguito continuamente gli eventi Ferrari, da sette anni segue pure gli appuntamenti Lamborghini. Ma ripercorriamo questa magica storia, nata da una e-mail, diventata ora una professione ambita.
Sono passati una dozzina d’anni da quel giorno in cui decisi di scrivere una email a Gherardo Benfenati – dice Eros – e ancora adesso quasi non credo a quello che è successo. Dopo Monza, mi sono ritrovato a fare il primo servizio da inviato a Digione. Poi, sempre grazie a Benfenati, ho conosciuto Roberto Viva, che è uno dei fotografi ufficiali degli eventi Ferrari. C’era da coprire il servizio del raduno di Sorrento: ancora una volta tutto andò bene, e da allora si può dire che sono entrato anch’io nel fantastico mondo Ferrari”.


Come una F.1, ha bruciato le tappe visto che è arrivato a seguire i principali eventi Ferrari, ma pure anche le gare in pista.
Vero. Per alcune stagioni ho seguito come fotografo ufficiale l’ETCS serie internazionale riservata alle vetture turismo, realizzando tre libri dedicati al campionato. Ma anche altre gare dedicate alle vetture turismo e GT. Le corse e la fotografia sono sempre state la mia passione fin da ragazzino.
Già a 15 anni, con i soldi guadagnati durante le vacanze, ho acquistato la mia prima macchina fotografica e l’attrezzatura. Ho quindi preso una drastica decisione, decidendo di diventare fotografo professionista, maturando quella professionalità che mi è servita per trovarmi pronto quando mi è capitata l’occasione”.




Hai Ricordi particolari?
Tanti. Difficile sceglierne uno in particolare. Di certo quando sono entrato in questo mondo è cambiata anche la mia vita. Di fatto sono sempre in viaggio. E’ stato un salto professionale talmente grande che a volte ancora adesso non mi sembra vero. All’inizio mi sono ritrovato a seguire gli eventi del Ferrari club Italia e, oltre ai servizi fotografici da pubblicare su “Il Club”, la rivista ufficiale Ferrari e altre testate del settore. Ora ho un contratto anche con Lamborghini per la copertura fotografica degli eventi in Europa. Tra i ricordi più belli, ho avuto la soddisfazione di poter seguire anche un incontro Ferrari che si è tenuto al Quirinale, sono inoltre stato alla reggia di Caserta e a Montecarlo cenando all'esclusivo Club de L'automobile. Non è mancato anche l’invito a Maranello alla Festa di fine anno organizzata dalla Ferrari: un’emozione straordinaria varcare la prima volta quei cancelli e una grande soddisfazione seguire l’evento”. “Ancora adesso seguo alcune gare GT, ma i raduni e gli eventi internazionali di marca occupano la maggior parte del mio impegno. Devo dire che questo mi permette anche di conoscere luoghi davvero speciali. Come quando sono stato a Dubai a seguire l’evento mondiale per i 50 anni di Lamborghini. A 38 anni, quando mi hanno contattato per la prima volta, non credevo di poter entrare nel mondo dell’automobilismo a questo livello. Ma una cosa l’ho capita: bisogna crederci sempre in quello che si fa. Lo dico soprattutto ai giovani che magari hanno difficoltà a trovare un lavoro”.


 

C’è un segreto per arrivare a diventare un fotografo ufficiale di Case prestigiose?
Passione e applicazione. E non sentirsi mai “arrrivati”. Da quando sono entrato in questo mondo professionale dell’automobilismo, a voltre che differenza può avere una fotografia tra un matrimonio o un raduno di Ferrari: entrambi sono eventi che rappresentano la congiunzione tra emozioni, sentimenti e passione, per l’altro partner in un caso, amore del lavoro e del prestigio quando si parla di auto Ferrari o Lamborghini, marchi che sono patrimonio del nostro Paese






Parliamo di Lamborghini, un’altra Casa che fa sognare. “Indubbiamente. Vetture prestigiose e appassionati innamorati del marchio. Tra i vari eventi che ho seguito per Lamborghini mi è rimasto impresso il revival di Goodwood, la storica pista inglese dove il tempo pare essersi fermato. In quell’occasione ho avuto anche l’occasione di scattare una delle foto a cui sono particolarmente legato, in cui si vedono una Lambo ed uno Spitfire, il caccia più famoso del secondo conflitto mondiale, incorciarsi. In quell’attimo c’è l’emozione di due mondi fantastici. Ho avuto anche l'onore di essere tra i contributors sul numero del Lamborghini magazine riservato al 50° anniversario, lo scorso novembre. Questi eventi speciali mi hanno permesso di conoscere altre persone di altri settori avendo l'opportunità di ampliare la clientela professionale, uno tra gli altri Bridgestone, permettendomi di scoprire tutti gli aspetti del mondo dell’automobile, oltre che luoghi fantastici. Inoltre nel 2015 seguirà come fotografo ufficiale il trofeo Lamborghini Blancpain. Diciamo che per me si tratta di una ulteriore opportunità professionale, ma anche di una soddisfazione personale nel poter fare parte di questo mondo dei motori".
G.C.





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Autodromo di Monza: obiettivo rilancio a tutto campo
Presentato il calendario degli eventi 2015 e il programma di iniziative volte a far diventare lo storico impianto un polo non solo di eventi sportivi, ma culturali, di spettacolo e divertimento.
Mantenere la F.1 anche dopo il 2016, riportare il Wec (mondiale Prototipi) e la Superbike sono i principali obiettivi sportivi che si pone il nuovo management

Monza - Obiettivo rilancio. Dopo lo tsunami che ha investito negli ultimi due anni il precedente management dell'Autodromo di Monza, il nuovo consiglio della Sias ha presentato, alla presenza di oltre 400 persone tra autorità, giornalisti, rappresentanti del mondo dell’industria, operatori commerciali, ufficiali e personale di gara,  il programma di rilancio dell'impianto e il calendario degli eventi in programma nello storico tracciato brianzolo.


(Foto: Il Consiglio della Sias) 

Dopo gli ultimi anni difficili vissuti dall’impianto brianzolo, il nuovo management dell’Autodromo di Monza ha precisi obiettivi di rilancio: organizzare un numero crescente di eventi sportivi, culturali, di spettacolo e divertimento; utilizzare maggiormente la pista e gli spazi congressuali; creare attrazioni permanenti ed esercizi commerciali. Tutto questo allo scopo di rivitalizzare e aumentare il numero delle presenze nel corso dell’intera stagione e di conseguire, grazie alle nuove attività, risultati economici di segno positivo, quali far tornare il fatturato ai livelli 2013 e arrivare per il 2016 ad una crescita a doppia cifra.
Dal 1922, anno della sua costruzione, l’Autodromo di Monza non rappresenta solo un circuito sportivo, è un pezzo di storia del nostro territorio, del Paese Italia, che appartiene al patrimonio collettivo di tutti noi”, ha affermato in apertura di conferenza stampa il presidente dell’Automobile club Milano, Ivan Capelli. “Purtroppo nel recente passato l’Autodromo ha manifestato preoccupanti criticità: ha visto calare, per importanza e numero, gare e iniziative ospitate. Inoltre le indagini della Procura legate agli accadimenti del recente passato sino al 2012, hanno avuto conseguenze negative sia d’immagine sia sul fatturato della società Sias, la società dell’AC Milano che gestisce l’Autodromo”.
Queste situazioni mi hanno indotto, lo scorso luglio, a candidarmi al vertice dell’Automobile Club Milano per creare due efficienti team di lavoro, a Milano e a Monza, in grado di ridare slancio e credibilità all’Autodromo di Monza”.


 (Foto: Gli ospiti intervenuti)

Il presidente Capelli ha poi ricordato gli altri componenti del Consiglio direttivo dell’AC Milano (Marco Coldani, Geronimo La Russa, Pietro Meda e Enrico Radaelli) e ha introdotto il nuovo vertice e il nuovo management della Sias.
Dopo la presentazione dei componenti del Consiglio Sias (composto dal presidente Andrea Dell’Orto e da Alessandra Marzari, indicata dai Comuni di Milano e Monza, Massimo Ciceri, Enrico Radaelli e dallo stesso Ivan Capelli, quale rappresentante dell’Automobile club d’Italia), il presidente ACM ha introdotto il Piano di rilancio che è stato presentato dal presidente Dell’Orto e dal procuratore di Sias, Francesco Ferri.
Da quando lo scorso 6 agosto ho assunto la carica di presidente Sias – ha sottolineato Andrea Dell’Orto il mio obiettivo è stato unicamente quello di rivitalizzare e riportare al centro del panorama mondiale il circuito di Monza. La situazione che ho trovato al mio arrivo era problematica sotto tanti punti di vista. Era stata avviata sì una regolarizzazione della società nell’ultimo periodo, ma le eredità del passato erano così gravi che le conseguenze negative risultavano purtroppo ancora molto evidenti. In particolare, strategie commerciali fuori mercato, strutture organizzative non adeguate, ridotta valorizzazione della pista e degli spazi espositivi commerciali”.
L’Autodromo – ha proseguito il presidente Sias – ha invece tutto in sé per diventare una delle principali attrazioni turistiche e congressuali della Lombardia e d’Italia. Primo passo per avviare un cambio di rotta è stata laì scelta di Ferri, uno stimato imprenditore e manager in grado di organizzare e trasmettere all’interno e all’esterno il rinnovamento e il rilancio dell’Autodromo”.

I principali obiettivi del Piano di rilancio – ha di seguito evidenziato il procuratore di Sias, Francesco Ferri – si basano soprattutto sull’aumento della visibilità e sul conseguente incremento della clientela”. Sono da ricercare, in questa direzione, nuove collaborazioni, attivabili a partire da Expo2015, una nuova immagine e nuove sinergie con il territorio, con maggiore apertura verso la comunità e con partnership ad esempio con Villa Reale, Parco, Comuni e Regione Lombardia.
L’Autodromo di Monza – ha proseguito Ferri – deve migliorare la propria offerta: più gare e eventi in calendario, più diversificazione e competitività di tariffe ospitalità e biglietteria, nuove attività permanenti per trasformare l’Autodromo in un luogo di ritrovo permanente, ambienti rinnovati per eventi e manifestazioni. Per perseguire questi traguardi, abbiamo avviato una profonda riorganizzazione interna, previsto importanti investimenti per riqualificare strutture quali l’ex padiglione museo e le tribune d’onore e parabolica, chiuso collaborazioni con partner strategici”.


(Foto: Il procuratore di Sias Francesco Ferri)
 
Nel presentare il calendario 2015, il procuratore Ferri  ha voluto, in particolare, sottolineare le numerose novità sportive in programma: il passaggio della 1000 Miglia (17 maggio) – frutto della collaborazione fra AC Milano e AC Brescia e che prevede anche l’assegnazione di uno speciale trofeo intitolato ad Alberto Ascari, la Targa Tricolore Porsche (dal 22 al 24 maggio), la Monza Historic (dal 10 al 12 luglio).
Inoltre, le gare organizzate direttamente da Sias: il Monza Biker Fest (dal 1 al 10 maggio), il ritorno della Coppa Intereuropa Storica (dal 19 al 21 giugno), l’affermato Monza Rally Show (dal 26 al 29 novembre).
Ricco anche l’elenco della manifestazioni extrasportive, dal Brianza Rock Festival (dal 12 al 14 giugno) alla 40^ edizione del Festival dello Sport (13/14 giugno), dalla Color Run (12 settembre) alla 12 h Cycling Marathon in notturna (27 e 28 giugno), fino a molte altre ancora.

Come si può constatare il Piano di rilancio – ha affermato in conclusione il presidente ACM, Ivan Capelli si pone concreti obiettivi già nel breve e medio periodo. Questo ci rafforza nella volontà di riportare a Monza importanti gare quali il Mondiale Superbike e, soprattutto, nella trattativa per mantenere a Monza il Gran Premio d’Italia di Formula 1: grazie al sostegno dei principali soggetti istituzionali e privati – a partire da Regione Lombardia, ACI e Confindustria – affrontiamo fiduciosi il percorso per portare il prolungamento del contratto per lo meno fino all’anno 2020”.
Capelli ha fornito due importanti aggiornamenti: “Ci incontreremo con Bernie Ecclestone in occasione del Gran Premio di Monte Carlo”, mentre per quanto concerne il provvedimento che può consentire l’ingresso dei fondi di Regione Lombardia la stessa “ha confermato che questi sono sempre disponibili, in attesa della giusta procedura per arrivare alla loro defiscalizzazione e assegnazione”.


 (Foto: Un momento della visita al tracciato di Monza a bordo di GT Ferrari)
 
Al termine della conferenza stampa, hanno avuto inizio numerose iniziative, fra cui il confronto fra il Management Sias con operatori commerciali e possibili investitori per approfondire le attività del 2015, la visita delle aree congressuali della struttura, l’opportunità di approfondire collaborazioni e partnership, la possibilità di visitare la curva sopraelevata a bordo di una vettura dell’organizzazione e un driving stage con vetture Gran Turismo.
G.C.





------------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Martina Invernizzi campionessa italiana motoslitte 
La ventenne pilotessa del Mc Valsassina ha conquistato a Livigno il tricolore Lady 2015

Primaluna – Svetta anche sulla neve il  Moto club Valsassina. A dare le prime soddisfazioni del 2015 è stata la giovanissima Martina Invernizzi, che sul tracciato di Livigno si è laureata campionessa d’Italia Motoslitte. Un successo maturato dopo diversi piazzamenti e una crescita agonistica continua, che hanno portato la ventenne ragazza di Moggio a primeggiare nel corso della stagione anche in Svizzera. La pilotessa del Mc Valsassina, supportata dal Kerosene Team, quest’anno è stata inserita nel Team Polaris, ripagando pienamente la fiducia e di squadre e sponsor.


Sono veramente contenta di questo successo tra le lady – afferma Martina -. E’ un sogno che si avvera dopo quattro stagioni di gare, dove ha avuto modo di maturare esperienza confrontandomi in corse anche con i maschi. Al di là del titolo italiano, quella di quest’anno è stata sicuramente la mia migliore stagione nelle corse sulla neve”.

Un altro obiettivo centrato è il completamento del campo scuola trial a Cortenova. L’apertura è prevista nei fine settimana e per poter accedere, dopo avere preventivamente acquistato l’abbonamento presso il Mc Valsassina (contatto 347-0105009), si deve essere in possesso della tessera Fim Sport o Fim agonistica.
Frattanto è stato definito anche il programma delle manifestazioni organizzate dal Moto club Valsassina. Si partirà il 30/31 maggio con la novità del "Motoincontro" a Bindo di Cortenova, il 21 giugno è invece in programma la kermesse promozionale "bambini in moto" a Primaluna. Si proseguirà il 26 luglio con una gara di "Gruppo 2" di enduro storico a Primaluna, il 9 agosto si terrà il classico "Motoraduno gr. 1" di Primaluna, mentre il 4 ottobre è in programma una prova dell’Italiano "Gruppo 5" enduro, chiusura il 17/18 ottobre con una gara dell’Italiano "Gruppo 5" trial.
G.C.








------------------------------------------------------------------------------------------------------------------









Insidiato a Monza il nuovo Consiglio di Sias
Monza - Si è insediato a metà marzo il nuovo Consiglio d’Amministrazione della Sias (Società incremento automobilismo e sport), la società dell’Automobile Club Milano che gestisce l’Autodromo Nazionale Monza.
Fanno parte del Consiglio il presidente Andrea Dell’Orto e i seguenti componenti: Ivan Capelli (eletto in rappresentanza dell’ACI), Massimo Ciceri, Alessandra Marzari (eletta in rappresentanza dei Comuni di Milano e Monza), Enrico Radaelli.


A nome dell’Assemblea desidero ringraziare il passato Consiglio per il lavoro svolto negli ultimi anni”, ha commentato Andrea Dell’Orto. “Con la nomina odierna prende avvio ufficialmente la nuova gestione dell’Autodromo. Il nuovo Consiglio - ha proseguito il presidente Sias - ha già esaminato nella sua prima riunione il piano industriale per il rilancio dell’impianto che nelle prossime settimane verrà presentato ai mass media e a tutte le realtà economiche e sociali del territorio”.
Tra gli obiettivi del nuovo Consiglio c'è il rinnovamento del contratto con la FOM per mantenere a Monza il Gran premio di F.1 anche dopo il 2016 e il ritorno della Superbike. E a questo proposito i dirigenti di Sias si sono già incontrati con i responsabili di FMI e Dorna per valutare un progetto di rinnovamento della pista che consenta alle moto di tornare a Monza nelle migliori condizioni di sicurezza.
G.C.





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------








I soci della Scuderia Ferrari Club Caprino
ricevuti in Piazza San Pietro da Papa Francesco
Consegnata al Santo Padre dal presidente Carissimi la tessera di Socio del Club


Caprino Bergamasco - Dopo essere stati premiati dalla Ferrari come il miglior club al mondo con 751 soci, per la Scuderia Ferrari Club Caprino Bergamasco questo inizio di 2015 ha regalato un'altra gioia indimenticabile. Circa 130 fedeli soci del club di Caprino e con alcuni membri del direttivo capitanato dal febbricitante  presidente Giulio Carissimi, il presidente e alcuni soci della S.F.C. Varese, Mauro Raccaello, e il coordinatore Ferrari, Mauro Apicella, si sono recati in Vaticano dove li attendeva il Santo Padre Papa Francesco.

 
"E’ stata a dir poco un’esperienza incredibile che fino all’ultimo mi ha tenuto con il fiato sospeso in quanto a fatica credevo possibile si potesse realizzare questo sogno - afferma il presidente Carissimi -. Fortunatamente le mie paure sono state fugate dallanperfezione dell’organizzazione del nostro mentore don Roberto Donadoni coadiuvato dal parroco di Caprino, don Davide Santus. Abbiamo seguito la Messa privata in Basilica a San Pietro presso l’altare del Santo Papa Giovanni XXIII,
chiusa al pubblico e riservata solo al nostro gruppo. E' stata un'esperienza indimenticabile".




Il Club Ferrari caprinese ha avuto a disposizione posti riservati in Piazza San Pietro per tutto il gruppo, e la sistemazione del presidente Carissimi accompagnato dalla moglie nella zona “baciamano”, posta di fianco all’altare del Santo Padre. Il socio Fabio Belli con un ragazzo diversamente abile veniva fatto accomodare in zona riservata dove il Santo Padre al suo passaggio lo prendeva in braccio e impartiva una santa benedizione.


Il momento della consegna del pass - tessera di Socio onorario Ferrari Club Caprino Bergamaasco a Papa Francesco da parte del presidente del Clul Giulio Carissimi.
(Foto fonte L'Osservatore Romano)

"Dopo aver concluso la visita tra gli ammalati il Santo Padre veniva presso il nostro settore, dove sostavo febbricitante, incredulo e emozionato ho avuto l'onore di poter consegnare a Sua Santità la tessera di socio ed una busta con delle offerte raccolte. Non ci credevo a quanto stava accadento: quando questo grande Papa si è fermato davanti a mia moglie, la commozione ha raggiunto un livello mai conosciuto prima. Siamo comunque riusciti a consegnare il tutto, tra la commozione
che la faceva da padrona e persino intavolare un breve discorso. Gli ho spiegato chi eravamo e che il nostro sodalizio non si occupa solo di motori ma anche di solidarietà e che era nostro desiderio offrirgli la tessera di socio al nostro Club. E mentre consegnavo la tessera largo sorriso illuminava il suo volto bonario, mentre si chinava affinché potessi agevolmente mettergli al collo la tessera onoraria. E' stata un'operazione riuscita tra sorrisi, strette di mano e lacrime di commozione. Possiamo affermare che il Santo Padre è ora Socio a tutti gli effetti della Scuderia Ferrari club Caprino Bergamasco"
.
G.C.




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------








 
La scuderia Abs Sport cala il tris equipaggi 
al via del Rally Internazionale dei Laghi
Oggiono - La scuderia Abs Sport al via nel week end del Rally Internazionale dei Laghi con tre equipaggi a caccia del podio di classe. Esordio di Muzio con la Punto S. 1600, rientro di Cappi con l'Opel Corsa, conferma dei fratelli Brambilla (foto sotto) al via a Varese.



E’ ai nastri di partenza la stagione 2015 lombarda riguardante il Trofeo Rally Nazionale zona 2 con il tradizionale Rally Internazionale dei Laghi ad aprire le danze il prossimo week end. Tra le oltre centodieci vetture iscritte figurano anche tre equipaggi della scuderia Abs Sport, al via con ambizioni da podio nelle rispettive categorie.
Tra i partenti troviamo il pilota di Barni Alessandro Muzio e Matteo Magni che si presenteranno al via del Laghi con la nuova Fiat Punto S.1600 del team DC Racing di Cantù. Una nuova avventura per Muzio, con un vettura tutta da scoprire in un rally per nulla facile da affrontare con le sue impegnative prove speciali.
Vediamo come va – dice Alessandro -. Dopo diverse stagioni con vetture integrali, quest'anno mi presento con la berlinetta torinese, decisamente performante e con un tipo di guida diverso. Nuovo anche il sistema con cambio sequenziale che in passato non ha mai avuto occasione di provare. L'obiettivo è quello di puntare al podio di categoria, non sarà facile conquistarlo ma ci proveremo”.

Ritorno in grande stile per il lezzenese Manuel Cappi in coppia con Cristian Galimberti sulla Opel Corsa gruppo A in versione Kit Car preparata da Trapasso e dalla Simo Motorsport. Per Cappi il Laghi 2015 si prospetta impegnativo visto che manca dalle competizioni da un anno: il sogno è ripetere la vittoria ottenuta lo scorso anno sulle speciali varesine.
Abituali protagonisti da anni del rally dei Laghi, anche nel 2015 i fratelli olginatesi Sergio e Mariarosa Brambilla hanno confermato la loro presenza con la Peugeot 106 gruppo A preparata da Palmisano.
Il rally di Varese è da sempre la mia gara preferita – afferma Sergio -, tra le più complete del panorama nazionale. Oltre che un bel rally, c'è da dire che nelle scorse edizioni ho spesso ottenuto dei buoni risultati, per cui anche questo è un altro buon motivo per essere alla partenza con buone ambizioni anche quest'anno”.
Il Rally internazionale del laghi, valevole anche per il campionato Svizzero rally propone un percorso di 360 km dei quali 105 km di prove speciali belle e affascinanti. In totale sono 11 le prove speciali divise in 2 tappe tra sabato 14 e domenica 15 marzo. Partenza (sabato alle 14) e arrivo (domenica alle 16.15) sono fissati presso i “Giardini Estensi” di Varese.
G.C.




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Brianza Motor Show, il 7 e 8 marzo è qui la festa
Torna a Erba la kermesse motorisica lariana con tante novità per le auto
e uno spazio esterno dedicato alle due ruote. In programma anche raduni storici

Erba - Si accendono i riflettori su Brianza MotorShow. Nel weekend del 7 e 8 marzo, a Lariofiere a Erba, torna la 3ª edizione della kermesse motoristica lombarda.
Gli organizzatori della Target Management hanno lavorato sodo e quest’anno l’evento presenta grandi novità sia all’interno dei padiglioni espositivi che nelle aree esterne, arricchite da nuovi contenuti all’insegna del divertimento e dello spettacolo.



Come sempre alle concessionarie presenti in fiera con gli ultimi modelli della produzione automobilistica sarà abbinato un fitto programma di raduni, senza dimenticare gli espositori del settore automotive. Non mancheranno nemmeno intrattenimenti classici delle grandi rassegne motoristiche come ’elezione di Miss Brianza MotorShow, un’area dedicata al Burlesque Festival, un Bike Contest per moto custom e molto altro ancora.
L’edizione 2015 della manifestazione vedrà un intero padiglione e un’area esterna interamente dedicati alle due ruote dove saranno presenti moto, scooter e uno spazio custom, con la presenza dei maggiori marchi del settore e poi 2.500 mq esterni dedicati al tuning by Sondrio Corse, Brianza Tuning & Historic Motor Show, i raduni per moto custom, Abarth, Fiat 500, Vespa, auto americane
e tuning e poi ancora pubblico protagonista con le aree dedicate alle prove delle due ruote. Tra i brand presenti spiccano Harley Davidson, Yamaha, Aprilia, Triumph, Bmw, Ducati, Piaggio, Honda, Kawasaki, Moto Guzzi, Ktm, Husqvarna, Peugeot.
Uno spazio sarà poi riservato a tutto quello che ruota intorno al comparto delle due ruote, dai caschi agli accessori, dalle elaborazioni ai corsi di guida sicura.
Da segnalare nell’ambito della kermesse lo svolgimento del Brianza Tuning and Historic Motorshow, un raduno tuning e auto storiche su selezione e invito a elevati standard che prevede riconoscimenti ai veicoli partecipanti come Best of Show, Top 15 e 5 Special Award.
G.C.





-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------







 
La scuderia Abs Sport festeggia 
una stagione di successi nell'automobilismo

Oggiono – Festa sociale della scuderia Abs Sport. Alla vigilia della nuova stagione, la scuderia Abs Sport si è ritrovata presso il ristorante “Zafferano Bistrot” di Barzanò per la tradizionale cena sociale, momento nel quale sono stati ricordati i momenti salienti della scorsa stagione e presentati i programmi e progetti del 2015.

A fare gli onori di casa il presidente Beniamino Bianco, affiancato dal diesse Ivano Tagliabue. Un centinaio i presenti, con diversi ospiti e rappresentanti del motorsport. La serata è stata incentrata sulla premiazione della stagione 2014. In sala su due megaschermi sono stati proiettati diversi filmati realizzati da Cristian Arnoldi dove erano ripresi i momenti più belli degli equipaggi Abs Sport partecipanti ai rally nazionali. Con la regia del diesse Tagliabue, sono stati ripercorse le 36 gare disputate, che hanno permesso di conquistare una trentina di podi. Simpatica la presentazione dei premiati, presentati a turno da altri equipaggi che descrivevano le caratteristiche e gli aneddoti da ricordare. Ne è uscito un ricordo della stagione di ogni equipaggio straordinario e ricco di sfumature.


E' stata una stagione 2014 impegnativa nell'allestimento ma intensa e ricca di soddisfazioni – afferma Tagliabue -. Abbiamo partecipato a rally del campionato italiano e europeo, al Lombardia Ronde Cup, al challenge di zona, a gare su terra. Tutto questo ci ha permesso di cogliere una trentina di podi, un risultato che riteniamo davvero lusinghiero. Abbiamo avuto l'onore di poter avere con noi in un paio di occasioni anche il campione europeo Luca Rossetti, centrato il titolo italiano autostoriche con Roberto de Rui, ritrovato in gara Nicolaj Ciofolo. La lista è davvero lunga degli equipaggi che si sono messi in mostra, tra questi vorrei ricordare però Roberto Saldarini e Antonella Gela, Marco Franzoni, il “tigre” Cosimo Palmisano, Walter Sanvito, i fratelli Brambilla per i risultati ottenuti. Per il 2015 – conclude Tagliabue – contiamo di rimanere sugli stessi livelli di partecipazione, con una cinquantina di iscrizioni alle gare tra rally e pista nelle storiche. Di questi tempi sarebbe già un bel successo, ma devo dire che la passione per il motosport continua ad essere elevata tra i soci della scuderia Abs Sport”.

La serata si è conclusa con una estrazione a premi messi a disposizione dalla Tecnorace di Solaro. Ad un giovane kartista, Mattia Giarratana è andato il premio che riguardava l’iscrizione gratuita alla “Barelli Ronde” in programma a fine agosto, iscrizione promossa dalla scuderia.
G.C.






-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Allo start la 33^ "Due Giorni della Brianza"
Sabato 28 febbraio e domenica 1 marzo va in scena la classica d'apertura 
della stagione trialistica. Attesi alla partenza un centinaio di piloti

Oggiono - Allo start della 33^ edizione della "Due Giorni della Brianza" di trial, organizzata dal Moto club Monza. L'edizione 2015 si presenta con interessanti novità, con la conferma della partenza e dell'arrivo da Oggiono.
Innanzitutto tra le novità al via c'è la conferma di una promessa del trial mondiale, Benchaz, pilota che nel 2014 si è messo in evidenza come uno dei giovani più promettenti. A difendere i colori nazionali è confermata la presenza della squadra del gruppo sportivo delle Fiamme Oro, con Grattarola, campione italiano in carica e vincitore dell’ultima edizione. Maurino pluri vincitore di
questa gara e al suo esordio in sella alla JTG e poi tutti i nostri big in cerca del primo successo stagionale. Attesi alla partenza un centinaio di piloti.

 
Novità importanti anche per quanto riguarda il percorso: per far fronte alle richieste dei piloti, è
stato alzato il livello delle zone dedicate alla categoria TOP, con zone estremamente tecniche ed ostacoli in grado impensierire anche i piloti più quotati. Confermata la formula di gara con unico giro e 20 zone il sabato.
Domenica saranno ben 30 le zone sempre su un'unica tornata. Sarà per tutti un ottimo allenamento in vista del campionato Italiano 2015.
Dal punto di vista tecnico, non è più prevista la zona rifornimento, quindi i piloti si potranno organizzare come meglio credono. Il cambio del cartellino sarà sempre nell’area Dergom nel comune di Garbagnate Monastero. Va sottolineato che parte del trasferimento sarà su strade aperte al traffico e
quindi i concorrenti dovranno essere in regola con le norme del Codice della Strada.
Sono attesi anche numerosi piloti Juniores, che per l’occasione non saranno relegati in un percorso a loro dedicato, ma si misureranno sulle stesse zone dei grandi, ovviamente con passaggi semplificati e in area chiusa la traffico. Un ottima occasione di visibilità per la categoria.
G.C.



Il programma della manifesatazione 
Il Moto club Monza organizza per i giorni di sabato 28 febbraio e domenica 1 marzo 2015 una gara internazionale di Trial denominata “33° Due Giorni Della Brianza”. Saranno ammessi alla manifestazioni i concorrenti in possesso di licenze rilasciate dalla FMI, dalla FIM o da altre federazioni facenti parte dell’FIM Europe, ed inoltre quelli con Licenza FMI Amatori.
Nella formula MOUNTAIN TRIAL saranno ammessi tutti i piloti tesserati FMI, senza classifica.
Sede di partenza e arrivo a Oggiono, presso lo Stendhal Sport Club in via Dante (fronte lago).
Operazioni preliminari
Verifiche amministrative e tecniche dalle 7.30 alle 9,30
Consegna motocicli al parco chiuso entro le ore 9,30
Verifiche amministrative categoria Juniores dalle ore 16.00
Primo giorno sabato 28 febbrario
Il rilascio dei motocicli dal parco chiuso avverrà 5 minuti prima dell’orario teorico
di partenza. Le partenze avranno luogo a partire dalle ore 10.30.
I concorrenti partiranno a distanza di un minuto primo seguendo l’ordine
progressivo crescente del pettorale. Il percorso avrà uno sviluppo totale di 32,2 km su di un solo giro con inserite n. 20 zone controllate. Il tempo ideale è fissato in ore 5.30.
Il rifornimento e il cambio del cartellino avranno luogo a Garbagnate Monastero località DERGOM.
Al termine della giornata i motocicli saranno consegnati direttamente al parco chiuso.
Secondo giorno domenica 1marzo
Il rilascio dei motocicli dal parco chiuso avverrà 5 minuti prima dell’orario teorico
di partenza. Le partenze avranno luogo a partire dalle ore 8.30.  I concorrenti partiranno a distanza di un minuto seguendo l’ordine progressivo decrescente del pettorale.
Il percorso avrà uno sviluppo totale di 37,4 km su di un solo giro con inserite n. 30 zone controllate. Il tempo ideale è fissato in ore 6 ore. Il rifornimento e il cambio del cartellino avranno luogo a Garbagnate Monastero località DERGOM.
Nella giornata di domenica saranno ammessi i piloti delle categorie Juniores, in area chiusa al traffico e con 5 zone tracciate nelle zone dei grandi.
Premiazione
Domenica 1 marzo alle ore 17.30 presso Stendhal Sport Club Oggiono.
Categorie ammesse
TOP - percorso blu cat. Internazionali, TR1, TR2
SUPER - percorso verde cat. TR3, TR3/125
ENTRY - percorso giallo cat. TR4, Femminile
AMATORI - percorso bianco cat. TR5, EPOCA(tutte le moto iscritte al
registro storico o aventi raffreddamento ad aria)
MOUNTAN TRIAL percorso bianco
JUNIORES - solo domenica







------------------------------------------------------------------------------------------------------------------








MV Agusta, 70 anni di gloria sportiva
La Casa di Schiranna celebrà l'anniversario con la partecipazione al mondiale Superbike e Supersport e con diversi apputamenti dedicati agli appassionati

Varese - Quest’anno il marchio MV Agusta celebra il settantesimo anno dalla sua fondazione. Per onorare tale ricorrenza l’azienda di Schiranna ha in serbo un’imponente calendario di attività ed eventi. Il primo appuntamento sarà a Philip Island (Australia), dove la prossima settimana verrà presentato il team MV Agusta “Reparto Corse” impegnato in WSS e WSBK.
Nella categoria “Supersport” sarà caccia al titolo iridato con il vicecampione del mondo Jules Cluzel affiancato da Lorenzo Zanetti, mentre nella WSBK il team si affiderà all’esperto e veloce Leon Camier in sella all’inedita F4 RC (Reparto Corse). Così si chiama l’ultima versione di F4 da 212 CV omologata per la categoria SBK che, in configurazione stradale, rappresenta una delle novità 2015 insieme all’attesissima Turismo Veloce, modello che segnerà l’ingresso del marchio nel ricco segmento delle granturismo.
Questa è anche la moto ufficiale della MV Agusta Adventure http://www.mvagustaadventure.com, la nuova Riding Accademy capitanata dal “Dakariano” Ciro De Petri, “uomo-avventura” simbolo dell’imprese compiute con la Cagiva Elefant.
La struttura sarà riservata a coloro che vogliono perfezionare le proprie capacità di guida in sella a una MV Agusta, guidando in un contesto che spazierà dalle montagne dolomitiche fino alla terre sahariane.


Il raduno di Schiranna
  
Il 24 maggio sarà invece il momento del 22° Revival MV Agusta di Cascina Costa che anticiperà, con sfilata di moto d’epoca l’appuntamento più sentito dagli appassionati: “Gli amici di Claudio”.
La kermesse si articolerà su un week end da vivere all’interno dello storico stabilimento di Schiranna, con esposizione, concorsi, show, test, ed esibizioni e tutto quando orbita attorno a MV Agusta e alla leggendaria immagine di Claudio Castiglioni.
Tra le novità di questo settantesimo anno vi è il consolidamento della partnership con Mercedes Benz–AMG che si concretizzerà nel corso della stagione con attività di comunicazione ed eventi pensati per le rispettive community all’insegna dei comuni valori di performance, esclusività e stile.
La Casa di Schiranna celebrerà il 70° anniversario attraverso un ricco calendario di eventi:
Mondiale WSBK e WSS con il team MV Agusta “Reparto Corse”;
Lancio nuove MV Agusta F4 RC (Reparto Corse) e Turismo Veloce;
MV Agusta Riding Experience con Ciro de Petri;
22° revival MV Agusta a Cascina Costa il 24 maggio;
2° edizione “Gli amici di Claudio”, l'11 e 12 luglio 2015 a Schiranna.


Un po' di storia
Il 13 febbraio del 1945 nacque ufficialmente la MV Agusta, ramo d’azienda dedicato alla progettazione e produzione di motocicli sviluppatosi dalla Costruzione Aereonautiche Giovanni Agusta nel 1919. Da tempi nei cassetti è pronto il progetto di una moto economica nei costi di gestione, affidabile e versatile: la MV Agusta 98
La sua produzione inizia nei primi mesi del 1946, pochi mesi dopo la fine della II Guerra Mondiale. Per promuovere la nascita di questo nuovo marchio si sceglie la via delle competizioni stradali: la 98 vince la sua prima gara il 6 ottobre del 1946 a La Spezia. E’ questo il primo trionfo di una palmares unico al mondo, culminato con la conquista di 75 titoli iridati e 270 vittorie.

 

 La MV Agusta 500 4 cilindri ST 76
 
Il primo titolo iridato fu conquistato dal britannico Cecil Sandford, mentre il primo italiano a fregiarsi dell’iride su una MV Agusta fu Carlo Ubbiali nel 1955. Il dominio di Moto Guzzi e Gilera nella classe regina venne invece interrotto dall’arrivo di John Surtess che, in sella alla MV Agusta 4 cilindri di titoli ne vinse ben 7 prima di passare alla Formula 1, dove nel 1964 si laureo campione del mondo con la Ferrari.
Nel cuore degli appassionati il suo posto viene preso da Mike Hailwood, il gentleman rider soprannominato “Mike the Bike”, che dominò dal 1962 al 1965 per poi cedere lo scettro a sua maestà Giacomo Agostini, il pilota più iridato di sempre con 15 titoli conquistati nelle due classi (350 e 500) nonché ambasciatore del motociclismo e dell’MV Agusta nel mondo.
A chiudere la serie iridata fu un altro inglese, Phil Read che nel 1974, conquistò l’ultimo titolo iridato nella classe regina mentre l’ultima vittoria, GP di Germania del 1976 della MV Agusta, porta la firma di Giacomo Agostini e segna anche l’ultima vittoria di una moto a 4T prima dell’avvento della MotoGP (2002).
Dopo una pausa di 20 anni, il marchio MV Agusta ricompare all’EICMA del 1997 con una moto dalla bellezza sconvolgente: è la MV Agusta F4. Nasce da un’idea di Claudio Castiglioni, che dopo aver fatto nascere la Cagiva, risorgere la Ducati e l’Husqvarna, compie l’opera più significativa della sua carriera imprenditoriale portando il prestigioso marchio da Cascina Costa a Schiranna.


La MV Agusta F4 Serie Oro
 
La moto è un impressionante concentrato di stile, tecnologie e genialità, con moltesoluzioni tecniche ed estetiche coperte da brevetti esclusivi che la differenziano dal resto della produzione mondiale.
Telaio a traliccio, sospensione mono-braccio, cambio estraibile, valvole a disposizione radiale, regolazione del cannotto di sterzo sono alcune delle sue unicità. La moto conquista un successo di pubblico e di critica senza precedenti che porta alla rinascita e consacrazione definitiva del marchio come simbolo del lusso motociclistico.
Attualmente l’azienda, guidata da Giovanni Castiglioni, può vantare un gamma completa di 19 modelli a tre e quattro cilindri, con potenze da 110 a oltre 200CV destinati ad un élite di appassionati alla ricerca di unicità, stile e performance senza compromessi.
G.C.






-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------









Monza, ecco il calendario degli eventi 2015
Il Gp d'Italia di F.1 è l'evento clou della stagione all'Autodromo Nazionale, che propone
oltre al motorsport anche diversi appuntamenti dedicati ad altre discipline e allo svago

Monza - Reso noto il calendario 2015 dell'Autodromo Nazionale di Monza, che vede come evento clou della stagione il Gp d'Italia di F.1 in programma nel primo week end di settembre.
Il calendario delle principali manifestazioni è stato approvato dal sindaco di Monza, Roberto Scanagatti. Presenti il consigliere incaricato allo sport, Silvano Appiani, il direttore del Consorzio Villa Reale Parco di Monza, Lorenzo Lamperti, e per l’Autodromo Francesco Ferri.
Un incontro che sottolinea l’importanza della condivisione di intenti fra Autodromo, territorio, e tutti coloro che supportano lo sviluppo e la valorizzazione di questo patrimonio.
Ci siamo dati un obiettivo Autodromo – ha dichiarato il presidente SIAS, Andrea Dell’Ortoquello di realizzare un nuovo modo di vivere lo spazio all’interno del circuito, più sostenibile, innovativo, coinvolgente ed esperienziale”.  “Sottolineando – ha continuato Dell'Orto  – il punto di partenza di questo progetto, la pista e la sua storia, in chiave attuale. Sono stati mesi molto duri ed intensi  che hanno reso possibile la pianificazione di un calendario importante ma ancora aperto ad ulteriori implementazioni. Stiamo lavorando verso la totale valorizzazione e rivitalizzazione della struttura tale da renderla operativa tutto l’anno”.

Fra le principali competizioni in programma da segnalare il ritorno della “Coppa Intereuropa” (organizzata da SIAS), riservata a vetture storiche di diversi periodi e categorie; la “Monza Historic”, novità assoluta che porterà sul circuito altri modelli di pregio con la “Classic Endurance Racing”, la “Sixties Endurance”, e l’”Heritage Touring Cup”.
Confermate le prove delle serie “Blancpain GT” (gara endurance per vetture GT3); la prova italiana del “Ferrari Challenge” nell’ambito del monomarca europeo della casa di Maranello; a queste si aggiunge la novità del TCR International Series. Ancora: l’ACI Racing Weekend, le prove dei monomarca Clio Cup Italia, Lotus Cup, RS Cup. Inoltre la prova del “GT Open”, campionato che debuttò proprio a Monza nel 2006, e non ha più lasciato il circuito brianzolo; il Monza Rally di Monza, competizione ad inviti spettacolare ed emozionante, appuntamento di chiusura del calendario sportivo; e ovviamente il “Gran Premio d’Italia” valido per il Campionato Mondiale di F1 che giungerà all’86ª edizione.


 
Fra gli eventi non agonistici il Truck Emotion, manifestazione rivolta al mondo dei veicoli da trasporto e lavoro, costruttori, aziende di trasporto, flotte, autisti, fornitori di servizi e operatori, associazioni di categoria, addetti ai lavori per vivere un evento basato sul valore, l’emozione e il business. Spazio anche alle due ruote. Quest’anno una dieci giorni dedicata agli appassionati, Monza Biker Fest: test drive, raduni, scuola guida, prove libere in pista, spettacoli e musica.
L’Autodromo sarà anche lo scenario per marce podistiche e maratone quali la 36ª Marcia pro LILT, la Monza Power Run, e la 12 h Cycling Marathon. In calendario anche eventi a carattere sociale tra il quali il Festival dello Sport U.S.S.M.B e la UILDM 6 Ruote di Speranza.
Per completare lo scenario, cercando un ruolo sempre più importante anche nell’ambito di Expo 2015, e sottolineare la polivalenza della struttura l’Autodromo ospiterà anche eventi fieristici come il “Salone dello Studente” una due giorni orientativa per conoscere università e associazioni; “Matematica senza Frontiere” giochi di squadra fra classi, tavola rotonda sulla motivazione allo studio; “Fleet Day” fiera e convention riservate alle auto elettriche. Infine i Monza Track Day giornate di circolazione turistica fino a fine marzo, a tema nelle quali la vettura appartenente alla categoria scelta per quella data può scendere in pista e far provare al suo possessore l’adrenalina di un vero pilota. Per info e date complete consultare il sito: www.monzatrackday.it
G.C.


Il calendario delle manifestazioni 2015 all'Autodromo di Monza
24-25 febbraio: Salone dello Studente – Fiera delle Università
8 aprile: Fleet Day
10-11-12 aprile: Blancpain GT Endurance Series - Lamborghini Blancpain SuperTrofeo - Formula Renault 2.0 NEC
17-18-19 aprile: Ferrari Challenge Trofeo Pirelli - Coppa Shell - Campionato Italiano Sport Prototipi - F.2 Italian Trophy - Trofeo Nazionale Abarth
1-10 maggio: Monza Biker Fest - Maggio Matematica senza Frontiere
13-14 maggio: Company Car Drive
22-23-24 maggio: TCR International Series - Targa Tricolore Porsche
29-30-31 maggio: ACI Racing Weekend Campionato Italiano GT - Italian Formula 4 Championship powered by Abarth - Porsche Carrera Cup Italia - Castrol Cupra Cup - Seat Leon Racer - F.3 FIA European Championship - Campionato Italiano Turismo Endurance
7 giugno: 36a Marcia Podistica pro Lega Italiana lotta contro i tumori (mattino) - Ferrari Club Italia (pomeriggio)
13-14 giugno: 40° Festival dello Sport U.S.S.M.B.


19-20-21 giugno: 62 a Coppa Intereuropa Storica
26-27-28 giugno: 12H Cycling Marathon
3-4-5 luglio: Gare Peroni Renault 2.0 ALPS - RS Cup - Coppa Italia - Clio Cup Italia - Mitjet - Lotus Cup
10-11-12 luglio: Monza Historic Autostoriche
18 luglio: Monza Power Run
4-5-6 settembre: 86° FORMULA 1 GRAN PREMIO D' ITALIA 2015
GP2 Series - GP3 Series - Porsche Mobil 1 Supercup
12 settembre: Marcia AIDS Running
13 settembre: Mezza Maratona di Monza (mattino) - Handbike (pomeriggio)
25-26-27 settembre: Truck Emotion
2-3-4 ottobre: GT Open International Series - EuroFormula Open - European Radical Masters - Seat Leon Eurocup
31 ottobre: UILDM 6 Ruote di Speranza
8 novembre: 4 a Ronde Vedovati Corse
26-27-28-29 novembre: 13° Monza Rally Show





--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------






 
L'Opel Adam lancia la sfida nei rally in Italia
La prima vettura in versione factory è stata assegnata alla neonata squadra R2 Corse

Milano – La sfida Opel Adam continua in Italia. Dopo aver vinto in una sola stagione tre titoli nazionali in Germania, Francia e Spagna, collezionato vittorie di categoria a raffica, l’Opel Adam in versione R2 ora sbarca in Italia con l’obiettivo di allungare la striscia vincente nei rally nazionali.


La prima vettura in configurazione R2 Fia, con una motorizzazione 1600 di quasi 190 cv è stata infatti assegnata alla squadra milanese R2 Corse. Il neonato team nasce dalla passione sportiva di Davide Campochiaro e Gianluca Pirotta, da oltre vent’anni nel mondo dei rally. Grazie al supporto della concessionaria Lambrocar è nata R2 Corse, con l’obiettivo di entrare nel motorsport con una vettura che potesse unire, novità, qualità e prestazioni. Grazie alla disponibilità della Opel Motorsport, il progetto italiano Adam R2 è diventato realtà.




Il nostro obiettivo è quello di poter essere presenti a rotazione nei tre principali campionati italiani rally, Cir, Wrc e Irc – afferma Davide Campochiaro -, con la scelta del noleggio. Puntiamo su una filosofia è quella di andare oltre al servizio di un’auto da competizione, mettendo a disposizione la nostra esperienza maturata in tanti anni di gare. Questo nostro progetto vuole quindi essere un’alternativa tecnica che si distinguesse dalle altre vetture da rally di categoria presenti in Italia e l’Adam R2, che tanto bene ha fatto nella stagione del debutto, crediamo sia una scelta di qualità che verrà apprezzata dai numerosi piloti che ci hanno contattato. L’obiettivo che ci poniamo è anche quello della promozione dell’attività sportiva dei giovani piloti, per cui l’obiettivo è il noleggio della vettura a più piloti, senza seguire un programma specifico di campionato”.


Parte integrante del programma la collaborazione di Autotecnica2 di Fabio Casarini e Giuliano Inzadi, cui è stata affida la gestione tecnica di questo progetto sportivo.


La configurazione tecnica
L’Opel Adam R2 è l’evoluzione del modello allestito in Germania per l’Adac Opel Rally Cup. La versione R2 ha circa 50 CV di potenza in più e una riduzione del peso del veicolo di 60 kg. Il risultato è una migliore accelerazione, variazioni di frenata e rapporto di trasmissione. A differenza della versione Cup, l’Adam R2 è stata omologata a livello internazionale secondo le direttive FIA.
G.C.





Dati tecnici
Motore:


1.6 litri 16V a quattro cilindri con pistoni da corsa e regolazione variabile dell'albero a camme
Alesaggio / corsa:
79,0 x 81,5 millimetri
Potenza:
140 kW (190 CV) a 7750 giri / min
Coppia:
190 Nm a 6200 giri / min
Elettronica motore:
Controller BOSCH Motorsport
Trasmissione di potenza:
Sadev cambio sequenziale a cinque marce con differenziale autobloccante
Sospensioni:
sospensioni regolabili raduno della sospensione REIGER Racing MacPherson davanti con Uniballaufnahmen

Sterzo:
servosterzo elettroidraulico
Freni:
Sistema AP-4 pistoncini con ventilato internamente 310 millimetri dischi anteriori, dischi 264 millimetri posteriori, equilibrio freno regolabile, idraulica "fly-off" -Handbremse
Ruote:
Ruote EVO Corse-alluminio, 6,5 x 16 pollici (asfalto)
Telaio:
Gabbia di sicurezza leggero saldato corpo, la protezione antincastro per motore, trasmissione e serbatoio carburante

all'interno: Sedili SPARCO-Concorso (sistema-compatibile HANS), elettricamente innescata estintore, batteria a secco

fuori: "OPC Line" -Karosserie-su parti, chiusure rapide per cofano e portellone, cinghie di traino
Elettrico:
Display multifunzione BOSCH con indicatori e luci di marcia del cambio, MONIT-trip master, centro console membrana passare Tremondi
Dimensioni:
Lunghezza: 3.698 millimetri
Larghezza: 1.720 millimetri
Altezza: 1442 millimetri (corsa regolabile in altezza asfalto)
Passo: 2.310 millimetri
Peso:
1030 kg (secondo le norme FIA)
Optional:
Specifiche Ghiaia









---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------









Il Motor Bike Expo di Verona
propone una Moto Guzzi "Audace"

Mandello - Il nuovo anno dedicato alle esposizioni si apre con l'oramai tradizionale Motor Bike Expo, l’appuntamento europeo più importante per il mondo delle moto Custom, a Verona dal 23 al 25 gennaio 2015. Presso il Padiglione 4 di VeronaFiere sarà presente il marchio Moto Guzzi con le novità 2015 e i capolavori dei più importanti preparatori. Officine RossoPuro, Millepercento e South Garage sono le grandi firme della customizzazione che presenteranno al pubblico di Bike Expo, appassionato e competente, le loro versioni degli ultimi modelli Moto Guzzi.


In omaggio alla filosofia custom della manifestazione veronese è la stessa casa madre di Mandello a presentare le sue proposte per la personalizzazione più estrema delle sue bicilindriche. Tutto nasce sulla base della nuovissima gamma V7 II (seconda generazione della Guzzi più amata) nelle tre versioni Stone, Special e Racer. Una moto completamente nuova nella tecnica con il nuovo cambio a sei marce, nell'ergonomia con il nuovo posizionamento di motore e pedane, e nella sicurezza grazie all’adozione di ABS e controllo di trazione.
L’ingresso ufficiale di Moto Guzzi nel mondo della customizzazione viene raccontato sullo spazio web garagemotoguzzi.com che, ricco di foto e filmati, permette di esplorare i mondi di riferimento di ciascuno stile e di scegliere la configurazione della Moto Guzzi V7 in un’esperienza digitale che ripropone quella squisitamente fisica della customizzazione. Il motociclista appassionato sceglie i pezzi per la moto su fogli di carta appoggiati al bancone di un’officina, dove tra schizzi tracciati a mano, elementi fotografici e video lavora per rendere davvero unica la propria V7.

Alla nuova Moto Guzzi V7 II si accompagna una vasta gamma di accessori pensati per la completa personalizzazione, per consentire a tutti – e con pezzi realizzati direttamente dalla casa dell’aquila di realizzare una "special" grazie anche ai kit disponibili in quattro diverse interpretazioni:
Dark Rider: look “gotico” ispirato ad ambientazioni notturne e metropolitane.
Scrambler: per trasformare la Moto Guzzi V7 in una moto perfettamente fruibile su strada ma con un look fuoristradistico e con una forte personalità.
Heritage: scarico scuro "due in uno", pneumatici tassellati, serbatoio, fianchetti, e parafanghi verde per la configurazione nata dalla storia Guzzi.
Café Racer: un’impostazione di guida accattivante e coinvolgente di diretta derivazione dal mondo racing degli anni ‘70.


Ma la presenza Moto Guzzi a Motor Bike Expo non finisce qui e spazia anche nel campo delle grandi cruiser, le moto più prestigiose della casa di Mandello, spinte dal sontuoso bicilindrico da 1400 cc.
Tra le anteprime di Bike Expo spicca la nuova Moto Guzzi Audace, moto appariscente, muscolosa, cattiva, riconoscibile immediatamente dal frontale, grazie al gruppo ottico circolare e al parafango in carbonio. Nuovo anche il manubrio drag bar che, grazie anche alla posizione avanzata delle pedane e al diverso piano di seduta della sella, determina una posizione di guida più allungata e dominante. Il possente bicilindrico a V di 90° da 1400 cc (il più grande V twin mai prodotto in Europa) vanta un nuovo impianto di scarico e guadagna nuovo vigore agli alti regimi a sottolineare il carattere ribelle della nuova creatura nata – come tutte le Moto Guzzi dal 1921 – sulle rive del Lario.






A Verona si propone come regina dello stand Moto Guzzi lo spettacolare prototipo MGX-21, l’emblema e la sintesi del sapere motociclistico Guzzi che guarda al mondo delle bagger. Un’idea sorprendente che apre una nuova via al touring secondo Moto Guzzi. MGX-21 prende e combina elementi, cerca il contagio con culture diverse ma elabora ogni fondamento per ricondurre tutto all’esperienza di guida che è propria di ogni Moto Guzzi. Ecco così la spettacolare ruota anteriore da 21”, straordinariamente evocativa, ecco un ambiente nuovo e avvolgente per il rider ma, prima di tutto, ecco la guidabilità leggendaria di una Moto Guzzi.  Ad attendere gli appassionati al Padiglione 4 anche lo shop Moto Guzzi dove sarà possibile acquistare gli articoli lifestyle dell’ampio catalogo dedicato agli appassionati del marchio dell’aquila.
G.C.






---------------------------------------------------------------------------------------------------------------









Moto club parini: un'annata 2014 di successi
nel motocross e nell'enduro nazionale

Bosisio Parini – In festa il Moto club Parini, che si è ritrovato presso il ristorante “Riposo” per la tradizionale conviviale di fine stagione 2014.
Una serata all’insegna della passione per lo sport dei motori, ma anche per rinnovare l’impegno verso il sociale e l’ambiente. Come dire, motori e natura possono andare a braccetto. Lo ha ribadito il presidente del Moto club, Walter Gaiardoni, sottolineando che il sodalizio è pronto ad adempiere alla richiesta di piantare alcune migliaia di piante in una zona adiacente al crossodrono del Bordone per sostenere lo sviluppo ambientale. Va aggiunto che già nel corso dei 38 anni di attività il Moto club di Bosisio si è distinto non solo nell’avviamento all’attività agonistica di centinaia di promesse ma anche nell’attività benefica promuovendo eventi e raccogliendo fondi da destinare a istituti.
Tornando alla serata, tantissimi i premiati, con il presidente Gaiardoni e il pierre Giovanni Brambilla ad elargire i riconoscimenti, non senza emozioni.



 Dai ragazzini del mini cross passando agli amatori è stato un susseguirsi di piloti e pure di generazioni. In questo contesto ricordiamo il “barista volante” di Ponte Chiasso, Nicola Bolgeri, che a 62 anni ha disputato le gare del trofeo “Barzaghi” con l’entusiasmo di un ragazzino, divertendosi e mettendosi in mostra con ottimi piazzamenti. Una passione senza età.
A livello agonistico su tutti si è posto il ventenne di Ello, Riccardo Crippa nell’enduro, con la significativa partecipazione al mondiale, il terzo posto nell’Italiano Under 23 e il titolo nel regionale, sotto la guida di Roberto Gaiardoni.
Tra i premiati per i risultati sportivi troviamo anche Alex Gaiardoni e Giacomo Trezzi, primi nel regionale cross. Sul podio regionale sono saliti anche Federico Poratti e Noris Butti.
Spazio anche al campionato sociale, che ha visto nella MX1 ai primi tre posto Ivan Garancini, Stefano Brambilla e Massimo Pini. Tra gli Amatori ha svettato Stefano Erba, davanti a Daniele Tripicchio e Alessandro Cicchi.
Nel sociale MX2 titolo a Riccardo Crippa, con Mario Crepaldi e Alex Gaiardoni al secondo e terzo posto. Nel sociale 125 successo di Andrea Vailetti su Luca Confalonieri e Antonio Rossi. Nel minicross ha prevalso Davide Pozzi.


I numeri agonistici sono straordinari, con oltre centocinquanta tra soci e piloti e un’attività organizzativa di prim’ordine. Confermato per il 2015 il trofeo “Barazaghi” di motocross, serie interregionale che ha catturato una media di circa duecento piloti. Serie che verrà riproposta anche il prossimo anno su cinque prove, come pure la “3 Ore” a coppie di enduro che aprirà la stagione a metà febbraio. In calendario anche un paio di meeting regionali e una novità annunciata dal presidente Gaiardoni: “Il primo week end di luglio torneranno al Bordone i campioni del motocross, con una gara valida per il tricolore”.
G.C.





-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------









La scuderia Abs Sport a caccia del podio 
nella Ronde "Città dei Mille" valida per il LRC
La gara è in programma domenica 14 dicembre sulla prova da Nembro a Selvino

Oggiono -  La scuderia Abs Sport si prepara per l’ultimo impegno del 2014, in programma nel week end di sabato 13 e domenica 14 dicembre a Selvino, con l’oramai celebre Ronde "Città dei Mille", ultimo atto del campionato Lombardia Ronde Cup. La gara si sviluppa su una delle speciali che hanno fatto la storia del rallismo lombardo, la prova di 8 km che da Nembro porta a Selvino. Il team oggionese sarà presente con ben 9 equipaggi. Tra i partenti più attesi c’è il lecchese Marco Paccagnella, in coppia con Davide Bozzo. L’obiettivo è il riscatto dopo la delusione del rally di Como, dove non ha potuto prendere il via per una conformità tecnica della Mitsubishi Lancer Evo III; stavolta il driver lecchese si presenta con la Ford Focus Wrc del team Trico Wrt, carico e determinato a lottare per le prime posizioni.


Nuovo arrivato in casa Abs Sport il bergamasco Giulio Zanetti, che avrà al suo fianco il presidente Beniamino Bianco sulla Peugeot 207 S2000 del team Balbosca. Anche per loro l’obiettivo è il podio di categoria. Il giussanese Luca Cattaneo per l’occasione ha abbandonato la sua Renault Clio per presentarsi con la più performante Citroen DS3 di classe R3T del team D-Max, sempre coadiuvato dalla ticinese Claudia Zollinger. Con la Renault Clio Williams in versione A7 si presentano invece al via i fidanzati di Curno, Marco Franzoni e Chiara Locatelli, che nella ronde bergamasca puntano a concludere una stagione da incorniciare. Al via anche il valmadrerese Cosimo Palmisano alla guida della sua Peugeot 106 rally di classe A6 autopreparata, affiancato dal giovane navigatore Pietro Mazzoleni. Sempre in classe A6 saranno al via anche i comaschi Fabio Terraneo e Fabio Franchin. Iscritti con la Citroen C2 Vts della G-Car Sport.

In classe A0 troviamo il valsassinese Walter Sanvito che dopo l’esperienza da navigatore vuole provare a gareggiare alla guida della Fiat 600 kit del team Hp, con a fianco il brianzolo Matteo Sala. In classe A5 spiccano i fratelli olgionatesi Roberto e Maria Rosa Brambilla alla guida dell'abituale peugeot 106 rally. Tra i partenti anche il diesse Ivano Tagliabue, navigato dal valmadrerese Paolo Bonometti sulla Peugeot 106 rally di classe N2. L'erbese Antonella Gela dividerà volante e compiti con Alessandra Vimercati sulla Peugeot 106 iscritta dalla Tac Motorsport, con l'obiettivo di conquistare i punti decisivi per il titolo femminile del Lombardia Ronde Cup. Infine il valsassinese Ivano Pasquini per l'occasione farà da navigatore a Loris Ghelfi, iscritto con la Subaru Impreza della Giesse Promotion.
G.C.










Sicurezza stradale: Migliaia di lavoratori
interessati dal progetto "Muoversi in sicurezza"

Milano - La 4^ Giornata Regionale della Sicurezza Stradale, tenutasi a fine novembre a Milano, organizzata da Regione Lombardia, è stata l’occasione per fare il punto sulla seconda edizione di “Muoversi in Sicurezza”, il progetto che sta attualmente interessando decine e decine di realtà aziendali presenti sul territorio lombardo.
Già quasi 1.500 dipendenti di importanti strutture (fra le principali, ricordiamo Fiera Milano, British Telecom Italia, ABB, Provincia di Bergamo, ASL e Aziende Ospedaliere di Bergamo) hanno partecipato negli ultimi due mesi ad incontri formativi sulla sicurezza stradale e altrettanti saranno interessati dall’iniziativa, promossa da Regione Lombardia in collaborazione con Aci Milano e la Direzione regionale dell’Inail, ideata per contrastare la sinistrosità stradale dei lavoratori nella mobilità professionale e sistematica.

 
Questo progetto rientra nell'ambito delle iniziative promosse dalla Regione Lombardia volte a ridurre i fattori di rischio e diminuire dunque l'incidentalità stradale”, ha dichiarato nel corso della Giornata l’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione di Regione Lombardia, Simona Bordonali.
Credo sia fondamentale agire in diverse direzioni: quella dell'educazione, quella del presidio del territorio e quella delle infrastrutture. Recentemente abbiamo messo a disposizione 3 milioni di euro per le Polizie locali, da utilizzare per l'acquisto e la dotazione di nuove apparecchiature, mezzi e strumenti. Mettere in sicurezza le strade ed educare alle buone pratiche di guida è fondamentale per salvare vite umane”.
I dati della sinistrosità sono in costante calo, grazie ai progressi ottenuti nei decenni intervenendo sulle vetture, sulle infrastrutture e sulla componente umana. Tuttavia riteniamo inaccettabile - ha sottolineato il consigliere dell’Automobile Club Milano Geronimo La Russa - registrare che ogni giorno quasi dieci persone perdano ancora la vita a causa di incidenti stradali dovuti per la quasi totalità (il 95 per cento) a cause imputabili a comportamenti scorretti di conducenti e pedoni. I 3.385 morti e i 257.421 feriti – spesso con conseguenze invalidanti permanenti – che Aci e Istat hanno calcolato per il 2013, sono un tributo enorme alle esigenze della nostra mobilità. Vi è un’esigenza di formazione e di aggiornamento che deve interessare tutti gli utenti della strada in maniera permanente, considerando soprattutto sia la continua evoluzione della normativa, sia, soprattutto, l’innovazione tecnologica che trasforma radicalmente e continuamente i veicoli, richiedendo ai conducenti sempre nuove abilità e capacità di guida. In questa direzione “Muoversi in Sicurezza” ha svolto e svolge un’importante funzione – ha concluso La Russa - e ne sono testimonianza le migliaia di dipendenti che hanno partecipato alle giornate promosse da Regione Lombardia, AC Milano e Inail” .

Il direttore regionale Inail Antonio Traficante ricorda che “tra gli infortuni riconducibili al rischio strada rientrano anche gli infortuni in itinere che, da un punto di vista statistico e prevenzionale, sono nettamente distinti da quelli che si verificano in occasione di lavoro, non essendo strettamente collegati al tipo di attività svolta dal lavoratore e, quindi, al rischio specifico del luogo di lavoro. L’attenzione a questo fenomeno deve essere forte e costante. Per questo Inail ritiene indispensabile proseguire il delicato e complesso lavoro di sensibilizzazione di tutti gli utenti della strada, al fianco di Regione Lombardia e Automobile Club Milano: un impegno quindi rivolto non solo ai lavoratori ma anche ai più giovani, nonché alle categorie più deboli, per ridurre gli incidenti spesso causati dall’inosservanza delle norme di sicurezza, dalla distrazione e dalla inadeguata informazione e formazione”.
Il progetto “Muoversi in Sicurezza”, realizzato per la prima volta nel 2008, riconosciuto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti tra le “buone pratiche” a livello nazionale per il miglioramento della sicurezza stradale, consiste nella formulazione e nella condivisione di una proposta di studio, progettazione e realizzazione di iniziative ed eventi relativi alla sicurezza stradale rivolti a lavoratori e a gruppi di soggetti particolarmente esposti al rischio.
G.C.

















Monza Rally Show, è qui lo spettacolo
Da venerdì 28 a domenica 30 novembre in gara oltre 110 vetture tra Wrc, classi e storiche. Tra i big al via, Valentino Rossi, Ken Block, Gigi Galli, Tony Cairoli, Romano Fenati, Paolo Andreucci. Chiusura con il Master Show domenica pomeriggio

Monza - Si accendono i riflettori sul Monza rally Show 2014, che anche in questa edizione presenta un parco parte eccezionale. Oltre ai già annunciati da tempo Valentino Rossi/Carlo Cassina, Ken
Block/Alex Gelsomino, Tony Cairoli/Matteo Romano, Paolo Andreucci/Anna Andreussi, scenderanno in pista molti altri personaggi di rilievo a contendersi le ambitissime posizioni sul podio finale. Tra tutti ricordiamo Gigi Galli su Ford Fiesta, l’”italiano volante” che detiene il record del salto più lungo, ben 54 metri, effettuato al Rally di Finlandia nel 2005, record tuttora condiviso con Tommi Makinen; Galli farà coppia con la giovanissima Tamara Molinaro, stella nascente dei programmi rallistici della Red Bull.

Altri equipaggi titolati sono quelli formati da Piero Longhi e Luca Cassol (l’ex Capitan Ventosa), che a Monza hanno sempre ben figurato, Alessandro Perico, in coppia con Moreno Morello, altro volto ben noto al pubblico televisivo e veterano del Monza Rally Show. Marco Bonanomi ed il suo navigatore Biagio Maglienti, quest’ultimo noto giornalista e commentatore F.1 di Sky Sport.
In totale sono 24 le vetture di classe WRC schierate, 13 di classe 1.6 e 11 di classe 2.0.
Tra tutte vanno almeno ricordate ancora quelle dei fratelli Stefano e Linda D’Aste e quella di Pierfranco Uzzeni e Danilo Fappani, tutti espertissimi del Rally Monzese e grandi conoscitori della pista.
Tra i concorrenti di classe R5 il già ricordato binomio Andreucci/Andreussi con la loro Peugeot 208, al fianco di Tobia Cavallini e Andrea Rossetto su Ford Fiesta e della collaudatissima coppia formata da Felice Re e Mara Bariani su Citroen DS3. Su Citroen DS3 da segnalare anche la presenza di Luca Rossetti.
La classe R3C, a totale appannaggio delle Renault Clio, vedrà schierati fra gli altri Luca Bottarelli, punta di diamante del rallismo italiano targato ACI/CSAI ed anche l’esordiente Romano Fenati, che ha appena concluso in 5° posizione il campionato Moto 3, con 4 vittorie al suo attivo.  Da segnalare ancora Andrea Crugnola e Gabriele Cogni: i due giovanissimi piloti porteranno all’esordio in gara la nuovissima Renault Clio di classe R3T, ultima nata della Casa francese. Complessivamente le vetture partecipanti al Monster Energy Monza Rally Show saranno 94, a cui si aggiungeranno le altre 24 schierate per il Monza Rally Historic Show.


Il team A-Style di Porlezza si presenta in forze con ben cinque vetture

   
Dopo i molti rumors dei giorni scorsi l’A-Style Team scioglie le riserve alla vigilia del rally monzese annunciando la squadra di equipaggi che affronterà la prossima settimana il Monza Rally Show, evento motoristico, sportivo che si terrà all’interno del circuito lombardo. Pilota di punta della squadra sarà il polacco Robert Kubica, campione del mondo Wrc2 2013 ed uno dei grandi protagonisti dell’attuale WRC; RK sarà in gara sulla Ford Fiesta Wrc 1600, la stessa con cui ha corso e vinto il Rally Internazionale del Casentino lo scorso mese di luglio. Insieme a lui ci sarà la navigatrice Alessandra Benedetti. Kubica e l’A-Style Team si confermano nomi importanti per la kermesse brianzola che vedrà al via anche piloti come Valentino Rossi, Gigi Galli e Ken Block. La squadra corse comasca non sarà –come detto- rappresentata dal solo Kubica: con altre due Ford Fiesta Wrc 1600 ci saranno Puricelli-Palà e Cordoni-Calleri. Mirko Puricelli è il pilota elvetico che solo due settimane fa grazie alla vittoria assoluta nella Monza Ronde, si è aggiudicato il titolo di campione della Lombardia Ronde Cup così come il torinese Mario Cordoni è reduce di una vittoria assoluta alla 6H dell’Estoril su Ferrari 458 GT3: insieme a lui ci sarà Gilberto Calleri.
Quarto equipaggio in gara con i colori gialloneri sarà quello formato dal milanese Lorenzo Bontempelli e Fulvio Florean: già nel 2012 erano presenti con l’A-Style Team per il Monza Rally Show, quest’anno Bontempelli utilizzerà una Ford Fiesta R5. Sempre Ford Fiesta ma S2000 per l’equipaggio new entry con la squadra corse di Porlezza: si tratta del duo piemontese composto da Michael Marangoni ed Alessandro Mazzocchi. Sparring partner dell’A-Style Team sarà la Tam Auto di Gianluca Zonca- sempre più legato strettamente alla squadra lariana. La struttura novarese avrà al via la Subaru S14 Wrc di Enrico Tortone navigato dallo zio Maurizio.

Non da meno è la scuderia Abs Sport di Oggiono.  Il presidente Beniamino Bianco e il diesse Ivano Tagliabue sono infatti riusciti ad assicurarsi per la prestigiosa kermesse rallistica brianzolo il tre volte campione europeo rally Luca Rossetti, che già aveva gareggiato in due rally internazionali con i colori Abs Sport. Il plurititolato pilota di origine pordenonesi, ma da qualche anno presidente a Tirano in Valtellina, sarà al via del Monza Rally Show con una nuova Peugeot 208 T16 in versione gruppo R5, preparata dal team Power Car Munaretto. Con Rossetti sulla Peugeot 208 numero 39 ci sarà la piemontese Chiara Bioletti.
Ci tenevamo ad essere presenti al MRS con una pilota di prestigio – dice il presidente Bianco – e l’amicizia con Rossetti ha fatto si che questo nostro sogno si concretizzasse in una nuova partecipazione a Monza. Dopo il rally di Sanremo con la Renault Clio in R3 e il rally di Ypres con la Skoda S2000, ora è arrivata questa opportunità con la Peugeot in 208 in R5. Per noi è una grande soddisfazione e la maniera migliore per chiudere la stagione 2014 da protagonisti. Rossetti, oltre che un grande campione, non solo per noi ma per tanti rallisti e appassionati, è un punto di riferimento e un esempio da seguire in campo sportivo”.
Luca Rossetti conosce molto bene il MRS, lo scorso anno vinse la categoria S2000 con la Skoda Fabia e quest’anno conta di ripetersi. Un sogno anche per la scuderia Abs Sport, in un contesto speciale che vedrà probabilmente a far da apripista il neo campione del mondo di F.1, Lewis Hamilton, Valentino Rossi a caccia dell’ennesimo successo in carriera, con Robert Kubica e Tony Cairoli anch’essi attesi protagonisti. L’Abs Sport sarà rappresentata anche dal navigatore Matteo Sala, che affiancherà Massimo Colombo sulla Peugeot 207 S2000 della Nico Racing
 
Dalla Nascar a Monza, ecco Kurt Busch
L’elenco dei partenti, già pieno di campioni famosi si arricchisce di un ulteriore importante nome, quello dello statunitense Kurt Busch. Famosissimo oltre oceano così come tra i numerosissimi appassionati del Campionato NASCAR che anche in Europa seguono queste competizioni, il 36enne pilota nativo di Las Vegas correrà per il team Monster Stars alla guida di una Ford Fiesta WRC. Tra gli innumerevoli risultati della sua più che ventennale carriera, vanno almeno ricordate 507 gare corse nelle NASCAR Sprint Cup Series (con 25 vittorie, la prima nel 2002 e l’ultima nel 2014), 30 gare delle NASCAR Nationwide Series (con un totale di 5 vittorie), 28 gare disputate nelle NASCAR Camping World Truck Series (4 vinte) ed una partecipazione alla 500 miglia di Indianapolis di quest’anno, che gli è valsa il titolo di Rookie of the Year 2014.

  
Le storiche tornano a rombare
Anche quest’anno le vetture storiche da Rally torneranno a fare rombare i loro motori al Monza Rally Historic Show. Saranno presenti ventiquattro equipaggi con altrettante vetture risalenti agli anni tra il 1972 ed il 1990, gli anni d’oro del rallysmo mondiale. Il gruppo più folto sarà quello delle Porsche 911, tra le quali svetta la 911 SC di Filippo Musti, protagonista del CIR Auto Storiche, in coppia con Beniamino Lo Presti. Sulla sua strada troverà però l’agguerrita Audi 4 A2 di Totò Riolo e Alessandro Floris e la Lancia Rally 037 del duo “Pedro”/Emanuele Baldaccini, prima delle tre vetture della Casa italiana schierate al via. Completano lo schieramento di partenza anche una BMW M3, una Porsche Carrera 924, una Ferrari 308 GTB ed una “piccola” Renault Alpine 110 S. Le vetture storiche iscritte gareggeranno nelle stesse prove speciali e sugli stessi tracciati delle auto attuali, anche se con chilometraggi ridotti. A fare da apripista di eccezione l’ex pilota di Formula 1 Ivan Capelli, ora commentatore delle gare del Circus per la RAI e fresco della nomina a Presidente dell’Automobile Club Milano. Anche per lui a disposizione una potente Porsche 911.

Tre giorni di emozioni
Il programma del Monza Rally Show prevede la partenza venerdì 28 novembre alle 16 e due prove speciali. Sabato è in programma la seconda tappa con altre 5 prove. Domenica mattina si disputeranno le ultime due prove del rally, mentre nel pomeriggio è in programma lo spettacolare Master Show con i migliori equipaggi di ogni categoria.
G.C.







----------------------------------------------------------------------------------------------------------









All'Autodromo è tempo di rally con il 3° Monza Ronde 
Domenica 9 novembre è in programma l'ultima tappa del Lombardia Ronde Cup. Sono 91 gli equiopaggi iscritti, con 10 WRC al via

Monza - Tempo di rally all'Autodromo di Monza. Nel week end va in scena il 3° Monza Ronde, organizzato dalla Scuderia Vedovati Corse, con la collaborazione dell’Automobile club Milano e dell’Autodromo Nazionale Monza. Un evento che si presenta con tutte le carte in regola per richiamare a Monza un folto pubblico, che potrà assistere domenica 9 novembre (ingresso 14 euro) alle quattro prove speciali che si terranno su un tracciato disegnato, con inversioni e varianti, sulla pista stradale. Ogni prova speciale prevede tre giri del tracciato (per un totale di 17,400 km), per una distanza totale della gara di 70,500 km. Fra le vetture presenti si segnalano 10 WRC, 10 S2000, ma anche 6 vetture storiche di prestugio. Gli equipaggi iscritti sono 91 con un gran numero di vetture e piloti significativi, molti dei quali a caccia dei punti utili per il Lombardia Ronde Cup, di cui il rally di Monza è l'ultima prova.

 
Tra i partecipanti di spicco troviamo Franco Uzzeni, che con la sua Subaru Impreza WRC cercherà di conquistare il primato assoluto anche quest’anno. Altri piloti titolati al via saranno, con una Skoda Fabia S2000, Stefano D’Aste, campione del mondo WTCC privato nel Yokohama Indipendents Trophy Fia 2007, e, con una Renault Clio R3C, il campione italiano rally Piero Longhi che sarà il navigatore di Davide Pigozzi. Da segnalare, alla guida di una Renault Clio R3C, Kevin Gilardoni, che vinse l’anno scorso la classifica under 23 e che quest’anno si è cimentato nelle competizioni Nascar negli Stati Uniti.



A Monza saranno presenti diversi equipaggi lariani. La VS Corse è presente con Fabio Butti – Giuseppe Guaita nella classe R5 con la Ford Fiesta, mentre con la versione Wrc della Fiesta sarà rappresentata dal ticinese Mirko Puricelli. Al via anche Kevin Gilardoni e Martina Fasoli: la promessa di Grandola e Uniti è iscritto con la Renault Clio di R3C della scuderia Etruria. Un posto sul podio nella R3T contano di conquistarlo anche Marco Roncoroni e Gilles Gilardoni, anch’essi su Renault Clio. A Monza torna a gareggiare Ezio Vittalini, il papà di Alex, al via con la datata Peugeot 309 con i colori della Bluthunder Racing con a fianco Sara Tavecchio.


Il territorio lecchese è ben rappresentato dalla scuderia Abs Sport. Tra i partenti Marco Franzoni e Michela Locatelli, in gara con la Renault Clio Williams di classe A7, nella stessa classe contano di dire la loro anche i comaschi Alessandro Bianchi e Stefano Galimberti, anch’essi su Renault Clio Williams. Dopo un anno di assenza rientra a Monza con l’obiettivo del podio il comasco Matteo Cairoli, al via con la Renault Clio RS Light in coppia con il mandellese Maurizio Vitali. Prima esperienza in circuito, invece, per il diesse della scuderia Ivano Tagliabue, affiancato sulla Peugeot 106 rally preparata da Saldarini dal valmadrerese Paolo Bonometti, mentre il velocista erbese Rossano Gritti, dopo un 2014 da protagonista nell’Italiano Autostoriche ha scelto la Ronde monzese per allungare la stagione, affiancato da Mattia Orio sulla Renault 5 maxi turbo gr. 4. Tra i partenti anche Antonella Gela che si alternerà al volante con Alessandra Vimercati sulla Peugeot 106 rally di classe A6 iscritta dalla Tac Motorsport.
G.C.





----------------------------------------------------------------------------------------------------------




 


La Moto Guzzi allarga la famiglia delle ammiraglie
Al Salone di Milano presentate la nuova Eldorado, la Audace e la California 1400 Touring S.E. Moto che esprimono fascino e tradizione in un mix tra passato e futuro

Milano - Il Salone di Milano 2014 regala una ventata di novità in Casa Moto Guzzi. Cresce infatti la flotta delle grandi Moto Guzzi con la nuova Eldorado, la Audace e la California 1400 Touring S.E., che affiancano le già esistenti California 1400 Custom e Touring.
La Moto Guzzi Eldorado è l'ultima evoluzione della bicilindrica a V di 90° con trasmissione cardanica introdotta negli States sul finire degli anni sessanta dall’importatore Berliner Group. Quarant’anni dopo, questa esperienza si ripete nella forma e sostanza della nuova Eldorado.
Da vicino si evidenzia come questa Moto Guzzi abbia preservato la personalità della progenitrice traghettandola dal passato al futuro lungo la via dell’evoluzione tecnologica e della continuità stilistica. L’effetto flashback si accende nei dettagli: le ruote a raggi, il serbatoio con le guance cromate, la sella oversize, il parafango posteriore con il faro a gemma, il manubrio a corna di bue, il maniglione passeggero.




Ribassata nell’assetto grazie alle nuove ruote a raggi da sedici pollici che calzano pneumatici a fascia bianca (130/90 anteriore e 180/65 al posteriore) polarizza l’attenzione sui nuovi avvolgenti parafanghi. L’anteriore è particolarmente “pulito” nel disegno per valorizzare il possente l’avantreno mentre il posteriore, al contrario, è l’elemento più polarizzante dello stile di questa elegantissima Moto Guzzi. La sua forma morbida e generosa s’integra con i nuovi ammortizzatori full cover, il gruppo ottico posteriore a gemma e i classici indicatori di direzione arrotondati.
All’anteriore anche l’Eldorado, come la Touring e la Custom, è riconoscibile per l’originale proiettore a superficie complessa con faro polielissoidale dotato d’illuminazione diurna con led DRL. Rimanendo in tema di tecnologie digitali, particolarmente appagante è la strumentazione, racchiusa in un quadrante circolare da ben 150 mm di diametro con la scala del contagiri analogico ricavata lungo la circonferenza esterna e il display multifunzione full-matrix sospeso al centro, il tutto racchiuso, come in un orologio di lusso, dentro una luccicante cassa cromata.
Sulla Eldorado, non si sale ma ci si accomoda in sella. Posta a soli 724 mm dal suolo, la nuova sella, unita alle generose pedane floorboard e alla confortevole impugnatura del manubrio a corna di bue, è invito sedersi, premere il bottone dell’avviamento e lasciare che l’asfalto scorra sotto i piedi per almeno 300 chilometri, tanto è l’autonomia minima garantita dallo scultoreo serbatoio da 21 litri.
Se la strada è lunga si può attivare il cruise control premendo il tasto sul blocchetto elettrico destro e veleggiare a ascoltando i battiti del bicilindrico a V di 90° filtrati dal fissaggio elasto-cinematico del big block, sapendo che, in caso di necessità o per puro appagamento personale, la trasmissione cardanica sarà pronta a scaricare a terra fino a 120 Nm a 2750 giri. Immutato tecnicamente, il bicilindrico conferma la sua monumentale architettura esaltata dai coperchi valvole lucidati e serigrafati Moto Guzzi e dalla fitta e levigata alettatura di raffreddamento. Il motore è il riferimento assoluto della categoria nel rapporto cilindrata-prestazioni-consumi, grazie all’ottimo rendimento termodinamico unito all’evoluta gestione elettronica Ride-by-wire multimappa. Questa tecnologia permette, di poter scegliere fra tre mappature del motore: Turismo, Veloce e Pioggia. Non solo: anche la dinamica del veicolo è tenuta sotto controllo dalla presenza, del controllo di trazione (MGCT) d’ultima generazione, settabile su tre livelli d’intervento per innalzare la sicurezza attiva senza pregiudicare prestazioni e piacere di guida.

E veniamo alla Moto Guzzi Audace. Appariscente, muscolosa, cattiva, l’Audace si fa riconoscere immediatamente dal frontale, reso più leggero stilisticamente dal gruppo ottico circolare e dalla presenza del parafango in carbonio montato su una forcella priva dei cannocchiali di copertura. Non ha cromature, ogni dettaglio meccanico, ogni più piccola parte metallica a vista è scura come la notte, condizione ideale per godersi in solitario una moto dalla calamitante bellezza come l’Audace. La luce arriva solo nel netto contrasto con il colore che la fascia lateralmente e che fa scoprire numerosi dettagli inediti. Come il puntale sottocoppa, che ne incattivisce la vista laterale, la griglia metallica del radiatore e lo scarico corto a megafono, dall’aspetto clandestino ma già omologato Euro 4.




Modificati anche i fianchetti laterali, alleggeriti come il supporto pedana passeggero. Spariscono le pedane a piattaforma, presenti su tutte le altre sorelle come il comando del cambio a bilanciere per lasciare spazio a pedane più sportive, avanzate e al classico pedale del selettore del cambio.
Particolarmente curata la sella, rivestita con skai alcantara dalle cuciture rosse a vista, ribassata nella seduta e integrabile con uno strapuntino per il passeggero. Nuovo anche il manubrio drag bar, che, grazie alla posizione avanzata delle pedane e al diverso piano di seduta della sella, determinano una posizione di guida più allungata e dominante.
Di particolare pregio sono anche i coperchi valvole bruniti, gli ammortizzatori posteriori dotati di serbatoio del gas separato e le ruote in lega personalizzate con il logo Moto Guzzi, i minimali specchietti. Imponente e aggressiva, l’Audace sembra caricata sul retrotreno come un grosso felino pronto a scaricare la sua forza esplosiva per graffiare l'asfalto lasciando l'impronta del suo pneumatico posteriore oversize 200/65. La generosità del bicilindrico a V di 90° da 1400 cc made in Mandello è cosa ormai arcinota e sull’Audace, grazie al nuovo impianto di scarico riprogettato nella fluidodinamica, ha guadagnato nuovo vigore agli alti regimi.
Ne consegue che, grazie anche a qualche chilo in meno, l’Audace è sicuramente più rapida nello scatto da fermo. Di certo è quella che sarà più utilizzata con la strategia di erogazione “veloce” e sulla quale vigilerà maggiormente il controllo di trazione MTGC.

La regina California Touring cambia d'abito e prevede per il 2015, oltre al Nero Ambassador e al Bianco Eldorado, una nuova versione denominata “S.E.” Caratterizzata da una nuova veste grafica two-tone, questa versione, dotata di schienalino e maniglione passeggero integrato, esalta la virtuale continuità con le antenate attraverso la reinterpretazione di numerosi stilemi. Tra questi i più evidenti sono legati al profilo della sella, al maniglione cromato e i fianchetti laterali ispirati alla T3 oltre a un rapporto tra le dimensioni del serbatoio e del motore a favore di quest’ultimo, proprio come nello stile delle gloriose V7 e V850. A quest’impressione contribuisce soprattutto l’ingegnoso serbatoio, realizzato in metallo, con un corpo centrale da 21 litri e due fianchi laterali, sui quali è incassato il logo dell’Aquila, sagomati sui possenti gruppi termici il motore da 1400 cc a testa tonda.



L’impressione è ulteriormente accentuata dall’andamento orizzontale dei lucidissimi silenziatori che terminano in corrispondenza con il parafango posteriore, plasmato sull’impressionante pneumatico da 200 e dotato di uno spettacolare duplice gruppo ottico a led che integra anche gli indicatori di direzione. La vista anteriore non è da meno, con un proiettore anteriore a superficie complessa con faro polielissoidale dotato d’illuminazione diurna con led DRL. La particolare forma poligonale del proiettore domina il sontuoso frontale, arricchito, secondo la tradizione della California, dall’immancabile parabrezza e dai faretti supplementari, verniciati in tinta con la carrozzeria e dai nuovi deflettori anteriori. Le ruote in lega leggera, dall’originale disegno a millerighe come la cornice del faro anteriore, dei faretti supplementari, del manubrio e dei coperchi valvole. Anche la forcella anteriore da 46 mm è un’altra citazione alle gloriose antenate: completamente sigillata dagli imponenti “cannocchiali” ora cromati.
Destinata ai grandi macinatori di chilometri, la California Touring S.E. è imbattibile per confort e capacità di carico, grazie alla sua generosa sella e alle capienti ed eleganti valigie laterali da 35 litri alla presenza del cruise control e all’azione smorzante delle vibrazioni attuata dal fissaggio elasto-cinematico del propulsore. Quest’ultimo è lo scultoreo big bore da 1380 cc, primatista assoluto del segmento per prestazioni e consumi e dotato della gestione elettronica del propulsore Ride-by-wire multimappa. Questa tecnologia permette, di poter scegliere fra tre mappature di gestione del motore: Turismo, Veloce e Pioggia. La dinamica del veicolo è tenuta sotto controllo dalla presenza del controllo di trazione (MGCT), settabile su tre livelli d’intervento per innalzare la sicurezza attiva senza pregiudicare prestazioni e piacere di guida.


Una Moto Guzzi proiettata nel futuro, ecco la specialissima MGX-21!
In un Salone di Milano 2014 ricchissimo di sorprese e novità, anche Moto Guzzi ha sopreso tutti quanti presentando una concept avveniristica. Ed ecco, accanto alle nuove Eldorado e Audace, la spettacolare MGX-21. Moto nata intorno al cuore più grande e possente che il marchio dell’aquila abbia mai realizzato, il poderoso V-twin da 1400 cc.




MGX-21 è l’emblema, la sintesi più estrema, di questo progetto affascinante e coraggioso, è una idea sorprendente che apre una nuova via al touring secondo Moto Guzzi. MGX-21 prende e combina elementi, cerca il contagio con culture diverse ma elabora ogni fondamento per ricondurre tutto alla esperienza di guida che è propria di ogni moto della Casa mandellese. Ecco la spettacolare ruota anteriore da 21”, straordinariamente evocativa, ecco un ambiente nuovo e avvolgente per il rider ma, sopra a tutto, ecco la guidabilità leggendaria di una Moto Guzzi. Nasce così il progetto MGX-21, avendo sempre chiara la direzione: essere una Moto Guzzi “dentro”, sentire sempre lo scorrere della strada sotto le ruote, avvertire sempre tra le gambe il battito del grande bicilindrico da 1400cc che, come accade dal 1921, è costruito a mano sulle rive del Lario e pronto per tutte le frontiere del mondo.
G.C.














EICMA festeggia a Milano il centenario
con la presentazione di venti novità mondiali   
Al Salone milanese della moto, con oltre mille espositori, il futuro delle due ruote
A Rho da martedì 4 a domenica 9 novembre. Venerdì 7 ingresso gratis per le donne

Milano - Ai nastri di partenza l’edizione del centenario di EICMA, in programma da martedì 4 a domenica 9 novembre presso Fiera Milano a Rho  (4 e 5 giornate riservate a stampa e operatori). Sono previste circa 20 world premiere al Salone milanese della moto. L’evento 2014 garantisce standard di eccellenza a partire dalla presenza di tutti i top brand, delle aree speciali (EICMA Custom, The Green Planet, Area Sicurezza), dell’arena esterna MotoLive, di importanti sorprese come il progetto “100 anni di storia verso il futuro” e il Temporary Bikers Shop.
Si conferma anche il calendario degli eventi fuori salone, che animerà tutta la settimana. Sono stati superati i 1.000 espositori, dei quali il 36% proviene dall’estero e il 30% rappresenta new entry e ritorni (marchi assenti lo scorso anno). Quest’anno si conferma il servizio dedicato al B2B: la piattaforma Match Making, a disposizione di tutti gli espositori a titolo gratuito, offre la possibilità di mettere in contatto i professionisti del settore e organizzare incontri mirati, per valorizzare la propria presenza all’Esposizione.



Una celebrazione ha radici profonde e diventa un ponte con il futuro solo quando è ricca di contenuto. Per questo abbiamo voluto che i 100 anni dell’Esposizione rappresentino il patrimonio industriale e culturale del settore delle due ruote”, afferma Antonello Montante, presidente di EICMA. “Intensificare il nostro lavoro con tutti i protagonisti e offrire al pubblico il meglio significa anche sottolineare il ruolo dell’Italia a livello internazionale. Nonostante l'Europa, negli ultimi 5 anni, abbia sofferto un calo nella produzione del 54%, il nostro Paese mantiene ancora la leadership, essendo il primo produttore nel vecchio continente. Il nostro impegno, come sempre e a maggior ragione da questa edizione, si conferma orientato sia a sostenere e promuovere l’intera filiera sia a gestire tutte le possibilità di crescita collettiva e individuale, a consolidare i rapporti esistenti e a incontrare un ampio pubblico che guarda ai veicoli esposti sia come soluzione concreta per la mobilità sostenibile, sia come icone di grande passione. In altri termini, vogliamo confermare, ancora una volta, con i fatti, che EICMA è l’evento dedicato alle due ruote più importante del mondo”.

Anche per MotoLive è tempo di celebrazioni. L’area esterna festeggia, infatti, la decima edizione e continua a sorprendere il pubblico di EICMA con un contenuto di altissima qualità e che nessun altro evento fieristico è in grado di proporre. Come consuetudine sarà decretato il vincitore assoluto dell’SX European Championship, titolo che si assegna in gara unica. Tra le altre discipline: Quad Race, Internazionali d’Italia SuperMoto Series, Internazionali d’Italia Supercross. Per la prima volta, darà spettacolo il pluricampione del mondo di trial Toni Bou.
EICMA FOR Associazione PROMETEO onlus sarà l’evento racing con finalità benefica e vedrà sfidarsi 10 squadre in una staffetta di quad, supermoto e minicross. Non mancheranno le aree destinate a test ride e riding school.
Mondo Custom, vere e proprie opere d’arte, gioielli di altissimo artigianato, pezzi unici, aziende leader del settore, personaggi di calibro internazionale e atmosfera di ispirazione Rock’nRoll per quella che ormai è una tendenza di lifestyle: questi sono, in sintesi, gli elementi che siglano il successo dell’area dedicata alla personalizzazione, che continua ad affermarsi nel panorama della Kustome Kulture.  sarà imperdibile l’appuntamento con l’International Custom Bike Show, sviluppato in collaborazione con la rivista Low Ride e in grado di attirare l’attenzione dei più importanti magazine mondiali. Giunto alla seconda edizione, il Lady Custom Bike Contest, che si svolto in diverse tappe italiane durante l’anno, incoronerà la vincitrice durante l’Esposizione.
L’Artist Contest promette ancora grandi emozioni grazie al lavoro live per realizzare prodotti sul tema dei 100 Anni di EICMA e 100 Anni di due ruote. Indian Larry Motorcycles, David Uhl, Kevin Bean're, Charlie Gnocchi, Charly Castro solo alcuni nomi degli ospiti presenti. Virgin Radio è l’emittente ufficiale dell’area.

Per la prima volta The Green Planet, realizzato in collaborazione con il mensile InSella, sarà un’area “diffusa”: tutte le aziende che propongono prodotti elettrici, qualunque sia il padiglione e lo stand assegnato, saranno riconoscibili attraverso l’esposizione di un bollo con il logo ormai consolidato che identifica il tema della mobilità sostenibile. Tale scelta offre l’opportunità di avere la definizione green anche se non si presentano esclusivamente veicoli verdi.
Una delle tante novità presenti nell’edizione del centenario dell’Esposizione sarà il Temporary Bikers Shop. Si tratta di un’iniziativa speciale, realizzata in collaborazione con Subito.it, il servizio n.1 in Italia per la compravendita dell'usato, e dedicata al pubblico. Nell’area sarà possibile trovare grandi marchi proposti a prezzi d’occasione grazie alla presenza dei più importanti dealer del mercato nazionale. Dall’abbigliamento alle borse, dai caschi agli pneumatici fino ad arrivare ai ricambi e ai componenti. La novità sta proprio nel fatto che per la prima volta verrà creato un vero e proprio outlet per il motociclista, dove sarà possibile toccare con mano i prodotti delle passate stagioni ed essere assistito da venditori competenti. L’idea del temporary store ha una duplice valenza. Da un lato mira a sostenere le aziende e i dealer dando loro la possibilità di alleggerire i propri magazzini dalla merce delle stagioni precedenti, dall’altro, vuole offrire al pubblico un’opportunità esclusiva.
In occasione del Centenario, EICMA realizza un’area espositiva all’interno della quale si può fare un salto nel passato, ammirando i mezzi che sono diventare leggendari e sono stati in grado di coinvolgere intere generazioni, presenti grazie alla collaborazione con ASI (Automotoclub Storico Italiano). La sfida è raccontare l’industria migliore e capace di innovazione in ogni momento storico. In ciascun padiglione, inoltre, diverse aziende metteranno in evidenza il percorso compiuto fino ad oggi. Una strada fatta di eccellenza, esclusività, riconoscimenti e passione illustrati al pubblico che potrà scoprire origini, identità ed evoluzione sviluppata negli anni.



Il settore: negli ultimi 5 anni la produzione mondiale di due ruote a motore (2RM) è cresciuta del +39% in termini di unità. I Paesi Occidentali hanno sofferto invece un calo del -59% della produzione (l’Europa del -54%). L’Italia, nonostante un calo di -52%, rimane il primo produttore europeo di 2RM. Anche la produzione europea di biciclette è calata dal 2007. Fa eccezione l’Italia, dove nel 2013 la produzione di bici è cresciuta del +22% rispetto al 2012. Nonostante la crescita dell’export, la bilancia commerciale europea di due ruote (2R) è rimasta negativa per -4,7 mld €. In Italia invece il saldo della bilancia commerciale nel 2013 è stato positivo per +1 mld€. Questo dato pone l’Italia al terzo posto al mondo (dietro alla Cina e al Giappone) per saldo attivo della bilancia commerciale a valore. Si sottolinea che, negli ultimi 20 anni, ha contribuito alla bilancia italiana per 16,3 mld € in totale. In Europa circolano circa 32 mln di ciclomotori e motocicli, di cui 8,6 mln solo in Italia.
Il giro d’affari dei costruttori che hanno propri impianti di produzione in Italia è quantificabile in 3 miliardi e 700.000 euro (il 53% del fatturato europeo); le aziende che hanno sede in Italia impiegano circa 15.000 addetti (il 56% della manodopera europea). Ancora più rilevante il turnover dei costruttori di parti e componenti per il mercato delle 2 ruote: 1 miliardo e 600.000 euro (66% del giro d’affari europeo) e 14.600 addetti (71% del personale impiegato in tutta Europa). La somma totale del mercato delle 2 ruote (scooter e moto immatricolate + 50cc) da gennaio a settembre 2014 raggiunge quota 157.011 veicoli, pari al -1,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Guida per i visitatori
L’Esposizione Mondiale del Motociclismo offre ai visitatori soluzioni, opportunità e una serie di servizi per vivere al meglio la manifestazione più attraente del settore.
Apertura per la stampa e gli operatori: 4 e 5 novembre.
Apertura al pubblico: dal 6 al 9 novembre.
Orari per il pubblico: dalle 10 alle 18.30. Venerdì 7 novembre, dalle 10 alle 22.
Costo del biglietto: 18 euro; per i ragazzi (da 7 a 16 anni compiuti), gli over 65 - 12 euro; gruppi – 14 euro; per chi entra venerdì 7 novembre dopo le 18 il costo è pari a 12 euro; venerdì 7 novembre per le donne l’ingresso è gratuito
Dove acquistare il biglietto: è attivo il servizio di prevendita on line su www.eicma.it e sul sito www.ticketone.it; negli esercizi dove è presente Ticketone; presso le casse di Fiera Milano.
G.C.
















L'Aci Racing Weekend assegna a Monza 
gli ultimi titoli tricolori della stagione 2014 
In pista 6 campionati e 12 gare da venerdì 24 a domenica 26 ottobre. Ingresso libero

Monza - Week end  da non perdere a Monza, da venerdì 24 a domenica 26 ottobre, per un avvincente fine settimana con tante vetture in pista che animeranno 12 gare di 6 diversi campionati.
E' l'Aci Racing Weekend  tutto a ingresso libero sulle tribune e nel paddock.


Main event sarà il campionato italiano Gran Turismo che si appresta a vivere in terra brianzola un avvincente finale. Le classifiche parlano chiaro: le ultime due gare (il via, rispettivamente, sabato alle 15.40 e domenica alle 11.50, per 48 minuti + 1 giro) saranno decisive per l’assegnazione dei titoli piloti. E sarà battaglia fra Audi e Ferrari. Nella classe GT3 testa a testa fra gli equipaggi di Lorenzo Casè/Raffaele Giammaria (Ferrari 458 Italia della Scuderia Baldini 27) e di Marco Mapelli/Thomas Schoeffler (Audi R8 LMS dell’Audi Sport Italia) primi a pari merito nella graduatoria con 111 punti.
A dar man forte a Mapelli-Schoeffler ci sarà il secondo equipaggio Audi, Capello-Zonzini, mentre con i colori Ferrari si aggiungeranno Magli-Ferrara (Easy Race) vincitori di gara-1 a Imola e Frassineti-Costantini (Ombra Racing).
Di spicco anche la pattuglia delle Porsche GT3R con il lecchese Beretta-Carboni e Romani-Sala (Autorlando), Donativi-Gagliardini (Ebimotors) e Pezzucchi-Bianco (Krypton Motorsport), mentre la Lamborghini sarà rappresentata dalla Gallardo dell'Imperiale Racing che schiera l'equipaggio Barri-Bortolotti e dalla new entry Cunha-Geronimo con i colori della squadra portoghese del Veloso Motorsport. Ma potrebbe dire la sua anche Nicola Benucci (Ferrari 458 Italia della MP1 Corse), staccato di 13 punti e quindi parimenti in corsa per il titolo.
 A Monza si assegnerà anche l'alloro tricolore della classe GT Cup che vede in lizza Omar Galbiati (Porsche 997) e l'equipaggio Tempesta-Iacone (Lamborghini Gallardo). Il pilota dell'Antonelli Motorsport, che dividerà l'abitacolo della sua vettura con Christian Passuti, precede di 4 punti i portacolori del Bonaldi Motorsport, ma a favore di questi ultimi c'è una migliore situazione degli scarti. Al via delle ultime due gare della stagione ci saranno anche le Lamborghini Gallardo di Mancinelli-Goldstein (Eurotech Engineering) e Piancastelli-Durante (Imperiale Racing), e una folta schiera di Porsche 997 di Macchiavelli-Pipkin e Baccani-Venerosi (Antonelli Motorsport), Luca e Nicola Pastorelli (Krypton Motorsport), Maino-Valori (Ebimotors) e Bodega-Maestri (Drive Technology).

  
Ultimi appuntamenti cruciali anche per gli altri eventi targati Acisport. Nel campionato Italiano Prototipi, a contendersi il titolo di campione saranno due piloti alla guida di vetture Osella: Jacopo Faccioni (Scuderia NT) precede di 11 punti Davide Uboldi (Uboldi Corse Pata).
 Con sole 11 lunghezze che dividono la testa della classifica, tutto può succedere.
Nell'ultimo round di Monza, in programma il prossimo weekend, sono in palio ben 43 punti in caso di en-plein e qualsiasi scenario potrà delinearsi sui 5.793 metri del tracciato monzese.
Le gare, di 20 minuti + 1 giro, si svolgeranno sabato alle 17.40 e domenica alle 11.

 
Anche nel Formula 2 Italian Trophy che racchiude il campionato Italiano Formula Aci-Csai Abarth i titoli verranno assegnati a Monza. Nelle gare, di 25 minuti + 1 giro, in programma entrambe di domenica, alle 9.00 e alle 15.50, sicuri protagonisti i leader delle classifiche: l’ex campione italiano Rally, Piero Longhi (Dallara F.308 del Team Twister Corse), già vincitore di sei gare quest’anno, ed il cileno Jorge Bas (Tatuus FA 010 del TCR Motorsport).
Molto interessanti saranno anche le altre competizioni previste nel week end, a partire dal campionato monomarca Porsche Carrera Cup Italia che vede protagoniste le potenti 911 GT3. Già assegnato il titolo di campione assoluto a Matteo Cairoli, a Monza Ebimotors e Antonelli Motorsport sicontenderanno il primato dei team. Le gare, di 28 minuti + 1 giro, prenderanno il via alle 16.50 di sabato e alle 14 di domenica. Ultimi due appuntamenti stagionali anche per il format che ha visto la fusione fra la Ginetta G50 Cup e la GT4 European Series: 48 minuti + 1 giro per due prove con inizio alle 14.30 di sabato e alle 9.50 di domenica. A completare il programma sarà il Trofeo Nazionale Abarth Italia&Europa: le gare, di 25 minuti + 1 giro, si svolgeranno sabato alle 13.40 e domenica alle 15. Tante gare e tanto spettacolo assicurato.
Red.














Moto Guzzi e Aprilia, ecco le novità a Intermot  
I due marchi del Gruppo Piaggio presentano al Salone di Colonia le prime novità della stagione 2015: la nuova Moto Guzzi V7 II e l'Aprilia Caponord 1200


Lecco - Raffica di novità dal Gruppo Piaggio alla vigilia del Salone Intermot 2014, in programma a Colonia mercoledì 1 a domenica 5 ottobre. In Germania, per tradizione inizia la stagione delle grandi rassegne internazionali dedicate alla moto, che quest'anno si apre con due grandi novità di Aprilia e Moto Guzzi, i marchi motociclistici del Gruppo Piaggio, leader europeo del settore due ruote.
Aprilia Caponord 1200 Rally e Moto Guzzi V7 II – di cui vengono diffuse le prime immagini ufficiali – sono due primi scorci delle future gamme moto del Gruppo Piaggio, la cui presentazione avrà il culmine in occasione di EICMA 2014 a Milano.



 

In Germania viene presentata la nuova generazione di uno dei modelli del "marchio dell'aquila" più diffusi e apprezzati in tutto il mondo. La nuova Moto Guzzi V7 II è così battezzata secondo la tradizione di Mandello, ed è offerta in tre diverse versioni, ciascuna con una propria identità: Stone, Racer e Special.
Moto Guzzi V7 II ha davvero una marcia in più. Debutta infatti sulla V7 II – ed è il primo di un lungo elenco di diffuse evoluzioni tecniche nate in ottica di sicurezza e prestazioni – un nuovo cambio a sei marce dalla spaziatura che ha consentito di ravvicinare i primi e gli ultimi due rapporti, diminuendo il calo di giri tra una marcia e l’altra. Insieme al cambio è stata oggetto di migliorie anche la frizione per ottenere un comando più morbido e uno stacco più omogeneo.
L'azienda mandellese continua a sviluppare soluzioni per incrementare la sicurezza attiva e, nella nuova V7 II, introduce l’impianto frenante ABS e il MGCT (Moto Guzzi Controllo Trazione). Il primo è un’unità a doppio canale, mentre il secondo è un sofisticato sistema elettronico che assicura la trazione ideale in ogni condizione, evitando lo slittamento della ruota posteriore in accelerazione, scongiurando così pericolose perdite di aderenza e aumentando in questo modo la sicurezza nella marcia. Evolve anche l'estetica: sulla nuova Moto Guzzi V7 II il motore è stato inclinato di 4° verso l’asse anteriore e ribassato di 10 mm. Questa soluzione non solo migliora nettamente l'estetica della vista laterale, che nei precedenti modelli lamentava un assetto "cabrato" del motore a V di 90°, ma ha anche consentito di guadagnare nuovo spazio per le ginocchia. La nuova V7 II, infatti, presenta anche le nuove pedane ribassate di 25 mm, permettendo di ospitare comodamente piloti di statura sopra la media, pur rimanendo accessibile e "facile" per piloti – uomini e donne – di ogni taglia.



  
La nuova Moto Guzzi V7 nasce in tre versioni: V7 II Stone, eclettica ed essenziale, caratterizzata da tonalità cromatiche tipiche degli anni ’70; V7 II Special, la più vicina allo spirito originale della progenitrice, a cominciare dalla grafica ispirata alla celebre V750 S3 del 1975; V7 II Racer, che incarna l’animo sportivo di Moto Guzzi. Assetto sportivo, manubri bassi, serbatoio cromato con cinghia di fissaggio in cuoio, V7 II Racer è una moto da guidare rigorosamente da soli, in tuta nera, e guanti in pelle dal palmo chiodato. La nuova Moto Guzzi V7 II sarà commercializzata sui mercati europei a partire dal prossimo mese di novembre.

NUOVA APRILIA CAPONORD 1200 RALLY
Aprilia introduce una versione radicalmente nuova della supertecnologica crossover Caponord 1200, una nuova moto che abbatte i confini delimitati dall'asfalto per diventare ancora più trasversale e adatta a qualsiasi viaggio, pronta per ogni terreno. Nuove ruote a raggi con un'importante anteriore da 19", nuove borse rigide con cover in alluminio, serbatoio da 24 litri, nuovo parabrezza maggiorato, nuove protezioni per il motore, fari supplementari a LED.
La nuova Aprilia Caponord 1200 Rally si presenta più eclettica, più protettiva, più comoda, superequipaggiata. Le grandi prestazioni del bicilindrico a V da 1200cc si abbinano alle eccezionali doti ciclistiche tipiche di tutte le motociclette Aprilia e a contenuti tecnologici da primato quali ride-by-wire con tripla mappatura, traction control, cruise control e ABS disinseribile.

Caponord 1200 Rally affronta con intelligenza ogni percorso: questa crossover adotta infatti l'esclusivo e brevettato sistema di sospensioni semi-attive ADD (Aprilia Dynamic Damping), avanzatissimo sistema dinamico di sospensioni sviluppato da Aprilia e coperto da brevetto, punto di riferimento nel motociclismo a livello mondiale per tecnologia, efficacia e affidabilità.

 
L’esclusivo software ADD combina gli algoritmi di skyhook e acceleration driven damping, standard del mondo automotive. Si riesce così per la prima volta a raggiungere la massima performance in tutto il range di frequenza di forcella e ammortizzatore. Nei passati sistemi di sospensioni a taratura elettromeccanica il pilota, agendo su un pulsante al manubrio, attivava elettricamente il setup delle sospensioni. Con il sistema ADD di Caponord 1200 Rally, invece, il pilota non deve fare altro che guidare. Infatti il sistema misura l’energia trasmessa al veicolo dalle asperità dell’asfalto, riconosce le fasi di guida (accelerazione, apertura gas, frenata, andatura costante) e adatta la taratura delle sospensioni in tempo reale, per massimizzare il comfort e mantenere l’assetto della moto. La nuova Aprilia Caponord 1200 Rally sarà commercializzata sui mercati europei a partire dal mese di gennaio 2015. Gli appassionati avranno comunque modo di ammirarla in anteprima a inizio novembre anche al Salone di Milano.
G.C.











L'International GT Open in pista a Monza
Sfida per il titolo tra Ferrari e Corvette. Di scena anche l'Euro Formula 3, il campionato italiano di Formula 4 e le serie Radical European Masters e Seat León Cup. Gare sabato 27 e domenica 28 settembre. Ingresso gratuito alle tribune e nel paddock 

Monza - Tornano ad accendersi i motori all'Autodromo Nazionale di Monza, con un week end dal 26 al 28 settembre dedicato alle Gran Turismo e alle Formule. Sono davvero tante le categorie partecipanti a campionati internazionali e nazionali che si sfideranno in un avvincente meeting automobilistico, con ben 11 gare, a cui gli appassionati potranno assistere gratuitamente accedendo alle tribune e anche nel paddock per ammirare da vicino macchine e piloti. 
Al centro dell’attenzione del fine settimana sarà l’International GT Open, campionato che debuttò proprio a Monza nel 2006 e che da allora ha sempre fatto tappa sul circuito brianzolo. Quest’anno si corre qui la settima e penultima prova del calendario, prima delle gare finali previste a Barcellona nel week end dal 17 al 19 ottobre.


Combattutissima la lotta per la testa del campionato: vi è grande attesa per la Ferrari di Andrea Montermini e Niccolò Schirò della Villorba Corse, prima in classifica con un solo punto di vantaggio sulla Corvette di Miguel Ramos e Nicky Pastorelli della V8 Racing, reduce dalla vittoria in Gara 1 nel precedente appuntamento di Spa. Ma numerosi sono i motivi di interesse. Da Roman Mavlanov,
terzo in classifica con Daniel Zampieri, che ambisce a ripetere con la Ferrari della SMP Racing la vittoria di Gara 2 dell’anno scorso qui a Monza. Ad Archie Hamilton (nessuna parentela con Lewis) e Isaac Tutumlu, che arrivano caricatissimi dopo la vittoria in Gara 2 in Belgio con la Corvette del team fiammingo SRT. Fino ai debutti stagionali della Mc Laren, grazie al team Monaco Racing Experience che affiderà una MP4 alla coppia Grant Thomas e Francesco Castellacci, e della Camaro SaReNi di Reiter Engineering che sarà guidata da Thomas Enge e Maximilian Voelker. Fra le Gran Turismo presenti, oltre alle sopracitate Ferrari, Chevrolet Corvette, Camaro e McLaren, correranno inoltre anche Audi e Porsche.
Per l’International GT Open gli appuntamenti principali saranno sabato dalle 11.05 alle 11.40 (Qualifiche 1) e dalle 16 per Gara 1 (della durata di 70 minuti), mentre domenica dalle 9.40 alle 10.15 (Qualifiche 2) e dalle 13.30 per Gara 2 (della durata di 60 minuti).
Altri avvincenti campionati caratterizzeranno il fine settimana. A partire dall’Euro Formula 3 Open: settima e penultima gara della stagione a Monza per le monoposto Dallara, con il pilota tailandese Sandy Stuvick (RP Motorsport) ormai ad un passo dal titolo: quest’anno ha già vinto otto volte. Gara 1 sabato alle 15, Gara 2 domenica alle 12.30 (entrambe su 16 giri, max 35 minuti).
Inoltre vi saranno gli spettacolari campionati monomarca Radical European Masters (Gara 1 sabato alle 12.50 e Gara 2 domenica alle 14.55, di 50 minuti ciascuna) e Seat León Eurocup (Gara 1 sabato alle 14 e Gara 2 domenica alle 11.30, entrambe su 11 giri, max 40 minuti).
Tre gare (28 minuti + 1 giro) caratterizzeranno, infine, il campionato italiano di Formula 4, la formula voluta dall’ACI per ricercare i campioni del futuro. Alla guida delle monoposto Tatuus motorizzate dal propulsore Abarth 414 – F4, si è finora distinto soprattutto il canadese Lance Stroll del Team Prema, che si presenta a Monza già con il titolo di campione conquistato in anticipo nel precedente appuntamento di Vallelunga. Penultimo appuntamento stagionale, sull'Autodromo Nazionale di Monza, per l'Italian F.4 Championship Powered by Abarth. La serie, che ha già in Lance Stroll il vincitore della prima stagione, vivrà sul circuito brianzolo una battaglia serrata per il podio di campionato con 4 piloti racchiusi in pochissimi punti. Sono Andrea Russo (Antonelli Motorsport), Leonardo Pulcini (DAV Racing), Alain Valente (Jenzer Motorsport) e Mattia Drudi (Adria by Malta Formula Racing) i quattro pretendenti al titolo di vicecampione che regalerà l'accesso al Supercorso Federale.
A Monza le gare della Formula 4 verranno trasmesse in diretta streaming su www.acisportitalia.it e in differita su Rai Sport 2. Questi gli orari el programma monzese: Gara 1 Sabato alle 17.35. Gara 2 scatterà domenica alle 10.40, mentre gara 3 è in programma domenica alle 16.05.  Quest’ultima sarà anche la gara che concluderà il fine settimana.
G.C.




e cenare a tema motori americani. Non mancherà il contorno di musica live sia venerdì che sabato sera.L’organizzazione dell’evento sarà seguita dall’associazione AMP, American Motors Pavia e Sadurano Motorsport per la gestione tecnico - sportiva della gara. L’aeroporto di Rivanazzano Terme è raggiungibile dalle autostrade A7 (uscita Casei Gerola) e A21 (uscita Voghera). L’acquisto dei biglietti d’ingresso è previsto direttamente in loco: 15 euro per la giornata o 25 euro per tutto il week-end; gratuito fino a 12 anni. Coloro che arriveranno a bordo di vetture americane e maggiolini o in sella a moto Harley-Davidson potranno accedere ai parcheggi interni all’area evento. Punti ristoro e camping saranno a disposizione di tutti gli ospiti.
G.C.












Il presidente Montezemolo lascia la Ferrari
Il grazie dei tifosi del club di Caprino

Modena - Il presidente della Ferrari Luca di Montezemolo lascia la Casa modenese dopo 23 anni con un annuncio che era oramai nell'aria dopo il Gp di Monza e le velenose dichiarazioni di Sergio Marchionne di domenica pomeriggio. Montezemolo lascerà la Ferrari il 13 ottobre.
Queste le dichiarazioni di Montezemolo:  “La Ferrari avrà un ruolo importante all’interno del gruppo FCA nella prossima quotazione a Wall Street e si aprirà quindi una fase nuova e diversa che credo giusto debba essere guidata dall’Amministratore Delegato del Gruppo. 
Finisce un’epoca e ho quindi deciso di lasciare la Presidenza dopo quasi 23 anni meravigliosi e indimenticabili, dopo quelli passati a fianco di Enzo Ferrari negli anni Settanta.
Il mio ringraziamento va innanzi tutto a donne e uomini eccezionali in fabbrica, negli
uffici, nei campi di gara, sui mercati di tutto il mondo che sono stati i veri artefici in
questi anni della grande crescita dell’azienda, delle tante memorabili vittorie e del
successo del marchio diventato grazie a loro uno dei più forti al mondo.
Un saluto e un ringraziamento a tutti i nostri partner tecnici e commerciali, ai dealer
di ogni Paese e in modo particolare ai clienti e ai collezionisti con cui condivido la
stessa passione.
Ma il mio pensiero va oggi anche ai nostri tifosi che non hanno mai fatto mancare
alla Scuderia il loro entusiasmo soprattutto nei momenti più difficili.
La Ferrari è la più bella azienda del mondo e per me è stato un grande privilegio e
onore esserne stato il leader. Le ho dedicato tutto il mio impegno ed entusiasmo e
insieme alla mia famiglia ha rappresentato e rappresenta la cosa più importante
della mia vita. Auguro agli azionisti, e in particolare a Piero Ferrari che mi è stato sempre vicino, e a tutte le persone dell’Azienda ancora tanti anni di successo che la Ferrari merita
”.


  
Il popolo della Rossa di Maranello non ha nascosto il proprio dispiacere per l'abbandono di Montezemolo, esternandolo con vari messaggi via web. Fra i tanti pubblichiamo la lettera di uno dei club Ferrari più attivi, quello di Caprino Bergamasco.

Illustrissimo Sig. Presidente, Avv. Luca Montezemolo
Oggi non solo per me, ma per tutti i tifosi è una giornata estremamente triste.
Abbiamo tutti sperato che si trattasse di clamori estivi senza seguito, invece oggi la
brutta notizia ha portato sgomento e tristezza tra tutti i sostenitori del Cavallino
Rampante. Lei è stato il degno successore del Grande Fondatore Enzo Ferrari, ci ha
portato molti titoli e da sempre seguiamo il Suo esempio come primo tifoso di questo
prestigioso marchio amato in tutto il Mondo.
Si apre una nuova epoca; i tifosi di tutto il mondo continueranno a sostenere il
Cavallino rampante, fiduciosi in un pronto riscatto ed un ritorno ai vertici della F.1. che
ci spetta di diritto. Auspico che il nuovo management abbia a cuore gli appassionati
sostenitori che mai si lasciano prendere dallo sconforto nonostante i risultati tardino ad
arrivare, e la marea Rossa vista a Monza ne è la prova inconfutabile. 

Con i ragazzi del club Caprino Bergamasco, siamo stati per tutta la settimana a
Monza agitando e sventolando lo SCUDO FERRARI per incoraggiare il Team ed i Piloti, e con tutti loro La voglio ringraziare per tutto quanto ha dato alla Ferrari ed a noi tifosi.

Grazie Presidente, da parte mia e dei 700 tifosi della Scuderia Ferrari club Caprino
Bergamasco.
Sempre Forza Ferrari

Giulio Carissimi
Presidente  Scuderia Ferrari club Caprino Bergamasco












 
85° Gran premio d'Italia di Formula1
Monza accende i motori per la sfida più attesa
L'appuntamento è in programma da venerdì 5 a domenica 7 settembre. In pista anche GP2, GP3 e Porsche Supercup. A Monza e dintorni numerosi gli eventi allestiti

Monza - Conto alla rovescia per l'85° Formula 1 Gran Premio d'Italia che si svolgerà nel prossimo fine settimana. L'atteso appuntamento è stato presentato presso la sala stampa di Monza, alla presenza di numerose autorità e ospiti di prestigio. A fare gli onori di casa i nuovi presidenti dell'Automobile club Milano, lvan Capelli, e della Sias la società che gestisce l'Autodromo Nazionale Monza, Andrea Dell'Orto.

Dopo tanti Gran Premi d’Italia vissuti nelle vesti di tifoso, di pilota e di commentatore televisivo, è per me un onore ed un’emozione presentarmi per la prima volta quale presidente di una gloriosa Associazione che da 111 anni tutela gli automobilisti e gli utenti della mobilità e promuove lo sport motoristico. E che dal 1922 gestisce questo impianto unico nel mondo per la sua storia e per le sue caratteristiche, da tutti conosciuto come il tempio della velocità”.
Con queste parole il presidente dell’Automobile Club Milano, Ivan Capelli ha aperto la conferenza stampa di presentazione del Gran Premio d’Italia 2014, svoltasi questa mattina presso la sala stampa “Tazio Nuvolari” dell’Autodromo Nazionale Monza.
L’Automobile Club Milano e lo stesso Autodromo devono riaprire un dialogo fattivo con le istituzioni, con i soci, con i tifosi. Da un lato - ha proseguito Capelli - va ricreata una attiva vita associativa, dall’altro l’impianto va vissuto intensamente in tutte le stagioni da un numero maggiore di frequentatori che devono trovare nuovi servizi e nuove attrazioni”.
L’Autodromo è un importante asset territoriale con grandi potenzialità, inserito in un sistema unico – ha affermato il presidente di Sias (la società che gestisce l’Autodromo di Monza) del quale fanno parte il Parco e la Villa Reale – che può dare valore e occupazione anche in vista di Expo 2015, una grande opportunità a cui stiamo lavorando. Sono abituato a ragionare da imprenditore con un’ottica di lungo termine - ha continuato Dell’Orto -  il primo obiettivo è ovviamente il rinnovo del contratto relativo alla Formula 1, ma puntiamo a migliorare e sviluppare nuovi progetti, poiché l’Autodromo ha creato innovazione e tecnologia e la Formula 1 non può fare a meno di storia e innovazione. Mi aspetto dei fatti. Abbiamo nuove e tante sfide davanti: lavoreremo insieme con impegno e passione”. “Finché sarò presidente dell'ACI si farà il Gran Premio d'Italia di F1 a Monza. Il Mondiale F1 non può prescindere dall'Italia e da Monza - ha sottolineato di seguito il presidente dell'Automobile Club d'Italia, Angelo Sticchi Damiani  che ha così concluso: L'Autodromo di Monza è il tempio dello sport automobilistico - ha continuato Sticchi Damiani - e stiamo lavorando intensamente per ribadire la centralità del Gran Premio d'Italia a Monza nel calendario mondiale della F1: una sfida che possiamo vincere solo con il sostegno sinergico di tutti. Non ci accontenteremo di una conferma protempore tra i GP incerti di anno in anno”. 


Da giovedì 4 con le verifiche tecniche a domenica 7 settembre con la gara, lo sport motoristico mondiale punterà quindi i suoi riflettori sul circuito brianzolo che dal 1922, anno della sua costruzione per volontà dell'Automobile club Milano, è universalmente riconosciuto come "il tempio della velocità".
Da allora ospita il Gran Premio d'Italia eccetto che per cinque edizioni che si sono svolte in altri impianti per cause di forza maggiore rappresentando così la pista "più antica" del calendario di Formula l. Un impianto carico di storia, ma sempre all'avanguardia tecnologica e punto di riferimento imprescindibile le capacità di macchine e piloti.

A sette gare dalla conclusione del Campionato mondiale, Monza è infatti il 13° appuntamento stagionale, prosegue l'appassionante contesa in casa Mercedes per la testa della classifica. Dopo le scintille in Belgio, che molte polemiche hanno sollevato, Nico Rosberg ha consolidato il suo primato in classifica, portando a 29 punti il vantaggio sul compagno di squadra Lewis Hamilton, vincitore del Gran Premio d'Italia nel 2012. l due arrivano così a Monza, rispettivamente, con 220 e 191 punti in classifica.
Molta attesa è riposta in quello che si è rivelato come il "terzo incomodo" del campionato, quel Daniel Ricciardo che con il suo sorriso e con i suoi 156 punti ha conquistato finora tre vittorie contro le quattro di Rosberg e le cinque di Hamilton , di cui due nelle ultime gare disputate a Spa e a Budapest.
Ma il pubblico di casa, tra i quali sono attesi numerosi tifosi lecchesi, sogna ovviamente la prima vittoria stagionale della Ferrari , confidando nell'ottima gara di Fernando Alonso in Ungheria (secondo al traguardo) e nel buon quarto posto di Kimi Raikkonen a Spa. Attesa anche per la prestazione del campione iridato degli ultimi quattro campionati, Sebastian Vettel, già vincitore del Gran Premio d'Italia nel 2008, nel 2011 e l'anno scorso. Altri motivi di interesse sono quelli relativi al ritorno del motore turbo e alle velocità che verranno raggiunte dalle monoposto: a questo proposito ci si chiede se si riusciranno a superare i picchi registrati in gara nel 2004 da Antonio Pizzonia su Williams (369,9 Km/h) e nel 2005 da Kimi Raikkonen su Mclaren {370,1 Km/h), finora i più veloci in assoluto.


Il programma 

Il programma di prove e gare del week end inizia venerdì 5 con due sessioni di prove libere delle Formula l (dalle 10 alle 11.30 e dalle 14 alle 15.30), oltre alle prove delle gare di contorno: GP2 (libere dalle 12 alle 12.45, di qualificazione dalle 15.55 alle 16.25), GP3 (libere dalle 17.50 alle 18. 35), Porsche Mobil1 Supercup (libere dalle 16.45 alle 17.30).
Nel corso della giornata di sabato 6 sono previste per la Formula 1 una sessione di prove di pit stop ai box (dalle 8.30 alle 9.15), la terza sessione di prove libere (dalle 11 alle 12) e le prove di qualificazione (dalle 14 alle 15). Per le altre formule sono in programma Gara 1 della GP2 (dalle 15.40 alle 16.45 circa), le prove di qualificazione e Gara 1 della GP3 (rispettivamente dalle 9.45 alle 10.15 e dalle 17.20 alle 17.55 circa), le prove di qualificazione della Porsche Mobil 1 Supercup (dalle 12.25 alle 12.55).
Il programma di domenica 7 prevede per la Formula l alle 12.30 la tradizionale parata di saluto dei piloti al pubblico e alle 13.30 l'inizio delle procedure di partenza. Alle 14 il via all'85° Gran Premio d'Italia: 53 giri appassionanti per un totale di 306,720 km. Ma la domenica prevede anche altre competizioni: gara 2 della GP3 (dalle 9.25 alle 10), gara 2 della GP2 (dalle 10.35 alle 11.25) e la gara della Porsche Mobil1 Supercup (dalle 11.45 alle 12.20). Da segnalare, quale gustoso prologo, la sessione autografi prevista per giovedì pomeriggio, in cui gli appassionati in possesso di abbonamento tre giorni potranno vedere da vicino i propri beniamini.


Gli appassionati possono ancora acquistare i biglietti disponibili, in particolare collegandosi al sito www.monzanet .it, rivolgendosi all'Autodromo Nazionale Monza (tel. 039 2482.212/239; infoautodromo@monzanet.it, tickets@monzanet.it) o alla società Acitour Lombardia in corso Venezia 43 a Milano (02 76006350; acitravel@acitourmi.it).
Da tenere d'occhio, in particolare, le numerose promozioni che sono proposte per quanto riguarda gli abbonamenti per tre giorni e per la domenica (ad esempio, in tribuna a partire da 100 euro). Durante l'evento saranno attive inoltre biglietterie agli ingressi dell'impianto. Tutto è pronto da un punto di vista organizzativo per accogliere "il circo" della Formula 1 e le migliaia di appassionati che giungeranno da tutta Italia e da tutto il mondo.
Per rendere più fluido il traffico e agevolare gli appassionati, è stato studiato un piano integrato di viabilità e trasporti con treni speciali, autobus e navette di collegamento con i parcheggi che permetteranno di raggiungere l'Autodromo velocemente. Nei tre giorni del Gran Premio, auto e moto, infatti, non possono entrare nel Parco e nell'Autodromo. Fra i vari servizi, sottolineiamo le tre linee (nera, verde e blu) di bus navetta, gestiti da Net Trasporti in accordo con il Comune di Monza, che collegheranno la stazione FS di Monza e i parcheggi con l 'Autodromo. Inoltre verrà riproposto il servizio ferroviario speciale che collegherà domenica, in poco più di venti minuti, la stazione Centrale alla stazione Biassono-Lesmo. Tutte le informazioni dettagliate possono essere trovate nello speciale "Formula 1, Gran Premio d'Italia, Tutte le info!" all'interno del sito www.monzanet.it.


Il circuito di Monza a livello tecnico
Le impressioni di Rémi Taffin, direttore attività in pista di Renault Sport F1

Dopo le sfide di Spa, è il momento di scendere su un’altra pista dove il motore gioca un ruolo molto importante Monza. Grazie alla vittoria in Belgio, dove pensavamo di rimanere sulla difensiva, arriviamo in Italia piuttosto fiduciosi e ottimisti. Pur sapendo di essere stati favoriti da una serie di  circostanze fortuite durante l’ultimo Gran Premio, abbiamo comunque raggiunto performance soddisfacenti nel corso del week-end e abbiamo saputo volgere la situazione a nostro vantaggio al momento opportuno.
 E a Monza intendiamo mantenere lo stesso approccio. Senza dubbio sarà il tracciato più veloce dell’anno, con i suoi quattro lunghi tratti (quasi il 75% del tracciato) da percorrere a tutto gas. I gruppi propulsori funzioneranno a pieno regime per circa 13 secondi in tre diverse fasi, senza contare il rettilineo dei box, sul quale i piloti dovranno affondare il pedale dell’acceleratore per ben 17 secondi – ancora di più che su una pista da dragster. Quest’anno le velocità massime saranno senza precedenti (nell’ordine dei 10 km/h in più rispetto al 2013) e ruoteranno intorno ai 350 km/h, che per ora è il record della stagione. Ecco perché il motore endotermico subirà forti sollecitazioni in gara e, nel limite del possibile, dovremo utilizzare nuovi componenti per ottimizzare prestazioni e affidabilità.
Per gli altri elementi del gruppo propulsore, invece, la prova sarà meno impegnativa. Il turbo, ad esempio, non girerà a velocità eccessive sui rettilinei, mentre il MGU-K sarà poco sfruttato: dovendo affrontare solo due curve, le frenate dureranno poco più di due secondi, un intervallo insufficiente per ricaricare il 100% della batteria. Inoltre, per ridurre il raggio delle curve, i piloti devono salire sui cordoli, limitando enormemente le opportunità di creare energia. Per compensare la perdita, il MGU-K inizierà a recuperare energia nel momento esatto in cui il pedale dell’acceleratore si troverà a metà corsa per sovraccaricare il motore a combustione interna. Il MGU-H, a sua volta, ricaricherà il MGU-K sui rettilinei.
Sappiamo che il prossimo week-end non sarà facile e che ci presenteremo alla griglia di partenza da outsider ma, come abbiamo già dimostrato a Montréal e Spa, siamo pronti a cogliere al balzo le occasioni che si presenteranno. La strategia a Monza sarà proprio questa: rimanere focalizzati sul programma e tenere gli occhi ben aperti sin dal semaforo verde” .

Le curiosità tecniche da Renault Energy F1
- Nonostante il motore endotermico funzioni a pieno regime per il 75% del giro, il consumo di carburante al chilometro è di gran lunga inferiore se confrontato con i circuiti più lenti. Il dato è dovuto alla velocità costante con cui i piloti affrontano il percorso, che sollecita molto meno i componenti interni rispetto al continuo susseguirsi di accelerazioni e decelerazioni. In linea teorica, sarebbe possibile affrontare il Gran Premio d’Italia con una quantità di carburante inferiore ai 100 kg autorizzati, ma le scuderie stabiliranno la loro tattica solo dopo le prove libere di venerdì.
- Probabilmente a Monza i team giocheranno il loro unico jolly annuale per modificare i rapporti di trasmissione: potranno montare un ultimo rapporto più lungo, incrementando così la velocità massima delle monoposto. Tuttavia, è necessario tenere conto del fatto che il cambiamento sarà irreversibile fino alla fine della stagione e se un rapporto più lungo potrebbe rivelarsi vantaggioso su circuiti veloci come Suzuka, non sarebbe però l’ideale per Singapore. Prima di prendere qualsiasi decisione, è necessario soppesare pro e contro.
- Il circuito di Monza annovera due vere curve: la Parabolica e le Lesmo. La Parabolica è un semicerchio da percorrere in quarta a una velocità costante di 180 km/h, dove il gruppo propulsore deve erogare la massima potenza per tutta la traiettoria.
- Per affrontare le chicane in meno di 8 secondi, i piloti frenano a più di 300 km/h, scendono a 80, e accelerano nuovamente per tornare a 300 km/h. La fase di frenata dura 1-2 secondi, cioè un battito di ciglia, perciò è importante che la vettura sia stabile anche in accelerazione. Per questo, gli ingegneri presteranno particolare attenzione alle mappature dei motori e alla loro interazione con la configurazione aerodinamica a bassa deportanza.
- La Renault RE30 fu la prima monoposto turbo a trionfare al Gran premio d’Italia nel 1981, al comando di Alain Prost. Partendo dal terzo posto della griglia, il campione si lanciò alla testa del gruppo, guadagnando progressivamente terreno e terminando la corsa 22 secondi prima delle Williams di Alan Jones e Carlos Reutemann. L’anno successivo, Renault vinse nuovamente con René Arnoux. Da quel momento, le monoposto alimentate da motori Renault hanno riportato sei vittorie sul suolo monzese: una con Mansell nel 1991, due con Hill nel 1993 e nel 1994 e una con Herbert nel 1995. Sebastian Vettel è stato l’ultimo a salire sul gradino più alto del podio nel 2011 e 2013 con la Red Bull.




Monza GP - Energie in movimento
Gli eventi in città e dintorni

MonzaGp è l'evento che si svolge In concomitanza con il Gran premio di Formula uno, l'appuntamento sportivo e turistico più importante per la città di Monza e la Brianza. Motori, divertimento e uno sguardo al futuro: queste sono le parole chiave di MonzaGp, evento organizzato dal Comune di Monza in collaborazione con Labu dal 4 al 7 settembre 2014. Gli eventi di MonzaGp invaderanno la città durante il weekend del Gran Premio con spettacoli, iniziative sportive, attività per bambini e con modelli di sviluppo urbano da sperimentare. Molli eventi sono legati allo sviluppo sostenibile, tematica imprescindibile per lo sviluppo futuro delle città. Non mancheranno del resto gli eventi per gli appassionati dei motori che affolleranno in quei giorni il capoluogo brianzolo. Il Gran premio d'Italia rappresenta l'occasione per dimostrare la capacità turistica, di intrattenlmento e per presentare le ultime novità del mercato delle aziende Innovative italiane davanti agli appassionati che vengono a Monza per assistere al circo delle corse. Come nella precedente edizione, la città verrà trasformata in occasione di MonzaGp: un'invasione di verde e allestimenti scenografici si diffonderà in piazza Trento e Trieste, fulcro della manifestazione, che verrà suddivisa in politematici all'interno dei quali si terranno gli eventi che animeranno il fine settimana del Gran premio. Il tema di quest'anno è "energia in movimento": l'allestimento della piazza prevede la presenza di prato all'interno del qua le verranno inserite delle aiuole fiorite che daranno colore alla piazza. L'evento si svolgerà anche nelle altre piazze del centro con iniziative sul tema del gusto, dello sport e dell'auto.

 
l numeri
La media di visitatori degli eventi organizzati in centro durante le passate edizioni MonzaGp è di circa 100mila persone. Più di 8mila sono bambini. Circa il 15% dei visitatori degli eventi di MonzaGp è di nazionalità straniera (soprattutto spagnoli, tedeschi, inglesi e svizzeri). Per il resto 18' 5% sono italiani, di cui oltre la metà dalla Lombardia. Gli eventi e le installazioni tematiche organizzate all'interno di MonzaGp puntano alla creazione di un target maggiormente definito e identificabile, rispetto alle passate edizioni di eventi per il Gran premio, in modo che l'evento possa risultare più attrattivo anche per le realtà imprenditoriali del territorio che possono raggiungere efficacemente il pubblico di riferimento.

Energia in movimento
L'allestimento della piazza Trento e Trieste intende definire un percorso spaziale che rifletta sul tema della sostenibilità, anche in vista della futura Expo 2015 a Milano. Verrà rappresentato il tema dell'energia legata al movimento, alla salute e alla natura, nel contesto di un momento ricreativo e di aggregazione collettiva. Le altalene con il movimento delle persone generano energia, come le girandole con la forza del vento e i girasoli attraverso il processo di combustione. Il link con l'evento del GP è rappresentato dalla metafora del pit-stop, attraverso l'utilizzo di copertoni colorati come altalene, fioriere e sedute.
G.C.

















Andrea Dell'Orto nominato presidente della Sias
Dopo l'elezione di Capelli a presidente dell'Acm, nuova importante investitura con l'industriale Dell'Orto chiamato a guidare l'Autodromo in questa delicata fase di rilancio dello storico impianto. Primo obiettivo, confermare il Gp d'Italia F1 per i prossimi anni 

Monza - Dopo le elezioni di fine luglio dell'Automobile club Milano, è stato eletto anche il nuovo presidente della Sias (Società incremento automobilismo e sport S.p.A.), la società che gestisce l’Autodromo Nazionale Monza. E’ Andrea Dell’Orto, 44 anni, laureato in ingegneria gestionale, vicepresidente esecutivo dell’azienda di famiglia produttrice di carburatori e presidente della Dell’Orto India. Dal maggio 2013 è presidente di Confindustria Monza Brianza. E’ inoltre membro della Giunta nazionale di Confindustria e presidente del “Gruppo parti moto” dell’Associazione nazionale ciclo motociclo e accessori. 
L’Autodromo Nazionale Monza è un patrimonio del territorio che va valorizzato e rivitalizzato con un progetto che lo riporti al centro del panorama mondiale e con investimenti che lo rendano operativo tutto l’anno. Su queste due strade saranno incentrate la mia presidenza in Sias e l’azione della nuova squadra che verrà definita dopo il Gran Premio d’Italia”, ha dichiarato Dell’Orto al termine della riunione che lo ha eletto presidente. 



(Foto direttivo dell'Acm: da sinistra Dell'Orto, Radaelli, Coldani, Capelli e Meda)
Il nuovo presidente Sias ha voluto poi ringraziare le imprese, le istituzioni, il presidente AC Milano Ivan Capelli e tutti i membri del Cda per il sostegno e il consenso che gli hanno accordato. Dell’Orto ha ringraziato inoltre la Procura di Monza e i militari del Gruppo di Monza della Guardia di Finanza per il lavoro che hanno svolto e stanno svolgendo in questi mesi che ha permesso di creare le condizioni per poter operare al meglio per il futuro dell’Autodromo.
Il presidente dell’Automobile club Milano, Ivan Capelli, ha sottolineato come il Consiglio direttivo Acm, eletto dai Soci lo scorso 22 luglio, abbia individuato in Dell’Orto “la persona giusta per guidare l’Autodromo verso quel rinnovamento necessario a ridare nuova linfa e nuove energie ad uno degli impianti motoristici più prestigiosi nello scenario sportivo mondiale.
Ricordiamo che nel consiglio direttivo dell'Acm risultano eletti anche Enrico Radaelli, Pietro Meda e Marco Coldani.
Il primo obiettivo del direttivo di Acm e Sias è quello di rilanciare l'Autodromo di Monza e salvaguardare il Gp d'Italia di F.1 per i prossimi anni.
G.C.  














I mitici fratelli Angelo e Vittorio Borghi 
Cermenate ha proposto anche quest'anno il tradizionale motoraduno storico in ricordo dei due temerari centauri degli anni Trenta, protagonisti di epiche gare in sella alle Moto Guzzi
Cermenate - Il Gruppo Amatori Moto Epoca Cermenate ha ricordato anche quest'anno la figura sportiva del fratelli Angelo e Vittorio Borghi con in tradizionale motoraduno storico, tenutosi a metà luglio e giunto alla 32^ edizione. L’evento annualmente organizzato, raccoglie mediamente duecento fra partecipanti, motociclisti e estimatori provenienti da buona parte della Lombardia ed e ormai diventato punto di ritrovo per tanti appassionati di prestigiosi modelli d'altri tempi. 


Gloriose furono le imprese dei due Cermenatesi col prodigioso “Guzzi P” (anno '39) di Mandello del Lario, poi rinominato “Grillo” di propria preparazione comparso per la prima volta l’8 maggio 1946 a Busto Arsizio. Già dal primo anno vantò di un palmares invidiabile, dando filo da torcere alle ben più "pompate" moto ufficiali Guzzi, Gilera & co, destando non poca sorpresa anche tra gli addetti ai lavori del tempo, tant’ è che le gesta ebbero risonanza di livello nazionale, con comparizioni su annuali Guzzi, reclame pubblicitarie e rinomate riviste di settore. In un passaggio di Motociclismo dell'epoca si leggeva: "numero di maggior attrazione era la coppia costituita dai fratelli Borghi, gli indiavolati ragazzi di Cermenate".

Di grandi prestazioni e affidabilità fu il risultato di un maniacale alleggerimento e preparazioni con “sforacchiamenti”, e modifiche al piccolo motore che esaltarono dunque, oltre che qualità da buoni piloti, anche le ottime capacità di meccanici dei due fratelli.  Altre sei vittorie seguirono solamente durante quell'anno, un secondo, due terzi, un quarto e un quinto e…nessun ritiro; tant’è che verso fine anno diversi avversari si coalizzarono contro Vittorio, inoltrando un reclamo per verifiche tecniche al motore, che risultarono invece regolari. Promosso poi in seconda categoria, vinse in diversi circuiti con la Guzzi 250, con la 65 e la Morini 125.
Molti anche i successi del fratello Angelo, che già dal 1938 si distinse per vittorie e piazzamenti; anch’esso passò in seconda categoria trovandosi a combattere con macchine più efficienti del piccolo Grillo incombendo in non poche difficoltà prestazionali. Negli anni seguenti gareggiando con la Guzzina ritrovava invece la via del successo in circuiti come Lomazzo, Lecco, Como e Gallarate. 
Il "Grillo", il modello unico di produzione dei due fratelli, tutt'ora funzionante sarà esposto e condotto per le strade del paese durante la giornata da Bruno Borghi, figlio e nipote d'arte dei due piloti cermenatesi.
(Foto 1: Vittorio Borghi al Circuito di Cermenate. Foto 1: La Moto Guzzi Grillo B)







------------------------------------------------------------------------------------------------------------






 
Week end di emozioni all'Autodromo di Monza
In pista dal 4 al 6 luglio 7 campionati per 14 gare tra F. Renault, turismo e storiche

Monza  - Fine settimana a porte aperte all’Autodromo Nazionale Monza a partire da venerdì 4 luglio. Nell’ambito del Gruppo Peroni Race Weekend, scenderanno in pista le vetture di: Coppa Italia, RS Cup, Clio Cup Italia, Campionato Italiano Autostoriche, Alfa Revival Cup, Targa Tricolore Porsche e Formula Renault 2.0 Alps. Una ghiotta occasione per tutti gli appassionati per assistere a molte entusiasmanti gare di alcuni tra i più interessanti ed emozionanti campionati italiani, con sfide all’ultima staccata combattute ad oltre 200 kmh.


Le gare  - Sport Italia – Fast Lane Promotion, Gruppo Peroni Race e Italia Motorsport portano in pista una numerosa pattuglia di macchine e piloti in lizzza per 7 campionati, per un totale di ben 14 competizioni.
La Formula Renault 2.0 Alps, la classe delle monoposto formative francesi, celebra a Monza il suo quinto appuntamento di una stagione finora dominata dall’olandese Nyck De Vries del team Koiranen GP che ha già collezionato 6 primi e 3 terzi posti. Di fatto con 180 punti in classifica il giovane, che rientra nel programma junior Mc Laren, ha già ipotecato la vittoria nella classifica finale. Proverà ad impensierirlo il sedicenne russo Matevos Isaakyan (JD Motorsport), che può vantare due vittorie e 104 punti. Due gare di 25 minuti + 1 giro, con partenza sabato alle ore 17 e domenica alle ore 14.15. Quarto appuntamento stagionale, invece, per la Renault Clio Cup Italia che vede quest’anno l’impiego di nuove vetture provenienti dal campionato europeo. In Brianza si rinnoverà il duello fra lo spagnolo Oscar Nogues (Rangoni Corse) e il pescarese Simone Iacone (team Essecorse) che guidano la classifica di campionato con 110 punti e che sono reduci dalle vittorie, rispettivamente, di gara 1 e gara 2 nell’ultimo weekend allo Spielberg. Sotto osservazione gli altri piloti del Rangoni Corse, il romano Lorenzo Nicoli e il fiorentino Michele Puccetti. Due gare di 25 minuti, domenica, alle ore 9 e ore 17.
Torna quest’anno la RS Cup in cui corrono le vetture Renault Clio che sono state protagoniste del monomarca francese europeo dal 2007 al 2013. Campionato che si sviluppa su 6 appuntamenti e di cui Monza ne è la terza tappa. Finora en plein del pilota del team 4 X 4 Explorer, il romagnolo Giacomo Trebbi, che ha collezionato 4 vittorie su 4 gare. Principali avversari finora Roberto Gironacci (GMC Motorsport) e Alessio Alcidi (ONE Racing). Due gare di 20 minuti, domenica alle ore 10.15 e alle ore 17.40.
La Coppa Italia, campionato ultratrentennale organizzato dal Gruppo Peroni, propone due divisioni con doppia gara di venti minuti. Per la prima divisione, che comprende anche la Lotus Cup, il via alle ore 9.40 e alle ore 18.15. Per la seconda divisione partenza alle ore 12 e alle ore 18.55. In classifica sono al comando Enrico Bettera (Seat Leon), per la prima divisione, ed Alessandro Cacciari (Seat Leon), per la seconda divisione.



Una mini endurance di 60 minuti, domenica dalle ore 15.00 alle ore 16.00, caratterizzerà invece la gara del Campionato Italiano Autostoriche che giunge a Monza al suo quinto appuntamento stagionale e che prevede due schieramenti. Nell’ultima gara svoltasi a Adria vittorie di Marco Malaguti (TVR Griffiths 200), Francesco Tessaro (Abarth 1000 TCR) e del duo Marsella/Nori (Porsche 911). Una gara di 60 minuti (domenica alle ore 12.35) caratterizzerà anche l’Alfa Revival Cup, a Monza alla sua terza tappa stagionale, campionato nato nel 2012 riservato alle vetture Alfa Romeo GT e Turismo costruite dal 1947 al 1976.
Domenica si svolgeranno infine anche le due gare previste dalla Targa Tricolore Porsche, suddivisa in due categorie. Alle ore 10.55 partenza della GT Open Cup (48 minuti + 1 giro) con vetture 997Gt3 Rsr, Gt2 e Gt3 Cup, mentre alle ore 16.15 il via della Gt3 Cup (28 minuti + 1 giro).
L'ingresso è libero per i tre giorni della manifestazioni, sia sulle tribune sia nel paddock.
G.C.












Muoversi in sicurezza: iniziative per ridurre i rischi 
Riproposto per l'estate 2014 il progetto “Muoversi in Sicurezza” durante gli spostamenti
 

Milano - La Regione Lombardia, in collaborazione con la direzione regionale dell’Inail e con Aci Milano, ripropone per l’anno 2014 il progetto “Muoversi in Sicurezza” volto alla riduzione dell’incidentalità stradale dei lavoratori nella mobilità professionale e sistematica. Il progetto, realizzato per la prima volta nel 2008 e riconosciuto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti tra le “buone pratiche” a livello nazionale per il miglioramento della sicurezza stradale, consiste nella formulazione e nella condivisione di una proposta di studio, progettazione e realizzazione di iniziative ed eventi relativi alla sicurezza stradale rivolti a lavoratori e a gruppi di soggetti particolarmente esposti al rischio.
Per l’edizione 2014 è prevista la realizzazione di 4 pieghevoli, contenenti consigli utili per un corretto comportamento da tenere durante gli spostamenti effettuati con diversi mezzi di trasporto (auto, due ruote a motore e bicicletta) e dedicati rispettivamente al trasporto dei bambini, ai neopatentati, ai lavoratori della strada e ai cittadini stranieri. Saranno inoltre organizzati diversi incontri presso le STER per la presentazione del progetto e il coinvolgimento delle associazioni del mondo imprenditoriale e responsabili delle aziende più significative. Una volta individuate le aziende disponibili saranno svolti gli incontri formativi con i dipendenti; durante l’attività in aula saranno distribuiti anche dei questionari per verificare il livello di informazione acquisita dai partecipanti.



“Ogni progetto volto alla sicurezza dei cittadini lombardi è per noi fondamentale – ha dichiarato Simona Bordonali, assessore con delega alla Sicurezza della Regione Lombardia – Troppe sono ancora le vite spezzate a causa di incidenti stradali e intendiamo promuovere iniziative informative per prevenire il rischio e ridurre questa piaga sociale. Gli incidenti hanno infatti spesso origine da una scarsa conoscenza delle buone pratiche di guida, da distrazioni o da atteggiamenti di sufficienza. Crediamo fortemente nell’aspetto formativo e nella prevenzione per arginare questi comportamenti”.

Quasi il 50% delle morti sul lavoro in Lombardia è causata da incidenti stradali e nel 2012 sono stati denunciati in regione 20.265 infortuni riconducibili al rischio strada, oltre il 17% degli infortuni denunciati. Per questo l’Inail ritiene indispensabile proseguire il delicato e difficile lavoro di sensibilizzazione di tutti i possibili utenti della strada: non solo i lavoratori, ma anche i giovani e le categorie più deboli, per ridurre incidenti spesso causati dall’inosservanza delle norme di sicurezza, dalla distrazione durante la guida e da una inadeguata informazione e formazione. L’auspicio è che le azioni di sensibilizzazione previste dal progetto che oggi presentiamo contribuiscano alla crescita della cultura della sicurezza e, quindi, al contenimento del fenomeno infortunistico e dei costi ad esso connesso, primo fra tutti quello umano” ha aggiunto Antonio Traficante, direttore regionale dell’Inail Lombardia.

È importante che Regione Lombardia, Inail Lombardia e Automobile Club Milano abbiano deciso di riproporre "Muoversi in Sicurezza" – ha concluso Fabrizio Turci, il direttore di Automobile Club Milano - Mi piace pensare che l’opera di informazione e di formazione che interessò nella prima edizione oltre 2.000 lavoratori di circa 50 aziende e organismi presenti sul territorio abbia contribuito fattivamente a ridurre i dati della sinistrosità stradale lombarda. I dati Aci Istat ci dicono che nel 2007, a livello regionale, si registrarono 44.688 incidenti con 774 morti e 60.546 feriti, mentre nel 2012 vi sono stati in Lombardia 35.398 incidenti con 540 morti e 48.759 feriti. Muoversi in Sicurezza ha fra i primari obiettivi proprio quello di far superare la convinzione secondo cui l’incidentalità stradale sia frutto di fatalità, o addirittura che sia un tributo inevitabile al fabbisogno di mobilità, dando al tempo stesso elementi concreti di formazione e di educazione perché aumentino la consapevolezza e le capacità dei conducenti e dei passeggeri”.















Allo Stelvio in sella alle Moto Guzzi e Aprilia
La novità della gamma delle due Case del gruppo Piaggio in prova a Bormio
in occasione del 38° Motoraduno Internazionale dello Stelvio

Mandello - L’edizione numero 38 del Motoraduno Internazionale dello Stelvio si annuncia ricca di appuntamenti. Tra le varie attrazioni, non poteva mancare la presenza di villaggio d’accoglienza per i fans di Moto Guzzi e Aprilia allestito lungo la strada che porta al famoso valico alpino, una delle mete più ambite dai mototuristi. Lo stand, situato a Bormio, sarà aperto dal 26 al 29 giugno e permetterà di provare, dalle ore 10 alle ore 17.30, tutti i modelli più importanti della gamma Aprilia e Moto Guzzi, i marchi moto del Gruppo Piaggio.


Per la casa di Noale saranno disponibili la middleweight bicilindrica Shiver 750, la funbike Dorsoduro 750, la fotonica Tuono V4 spinta dallo straordinario V4 Aprilia da un litro, protagonista nel Mondiale Superbike, e l’avventurosa Caponord 1200. Da Mandello arriverà per Moto Guzzi una flotta guidata dalla “padrona di casa”, la grande enduro stradale Stelvio 1200 affiancata dall’ammiraglia California 1400. Non mancherà ovviamente la rinnovata gamma delle neoclassiche Moto Guzzi V7, ovvero le versioni Stone, Special e Racer.
I turni di prova avranno una durata di 30 minuti ciascuno, con un apri-pista e un chiudi-pista che condurranno i bikers sulle affascinanti strade che conducono al Passo dello Stelvio.
Il test ride sarà anche l’occasione per provare l’abbigliamento tecnico a marchio Aprilia e Moto Guzzi. Saranno disponibili presso lo stand le giacche tecniche, i caschi e i para schiena. Nell’hospitality Moto Guzzi e Aprilia sarà presente anche ENI, storico partner che da anni collabora con le due case motociclistiche italiane. Il gruppo petrolifero esporrà la sua linea di lubrificanti speciali per motori ad alte prestazioni sviluppata con il Gruppo Piaggio. Per partecipare alle prove Aprilia e Moto Guzzi sarà sufficiente registrarsi in loco presentando patente e carta d’identità a partire dalle ore 09:00 nei giorni di prova. Rimanendo in tema di orari, l’appuntamento per la parata verso il valico dello Stelvio, per tutti gli appassionati dei due marchi, è per sabato 28 alle ore 11.
G.C.














Allo start il 27° Giro Notturno del Lario
Le autostoriche di scena tra Como, Erba, Lecco e nei paesi del bacino del lago sabato 21 e domenica 22 giugno per la classica prova nazionale di regolarità sportiva

Como - Allo start il 27° Giro Notturno del Lario, organizzato dal Veteran Car Club Como. Tutto è pronto per la competizione di regolarità per autostoriche di scena tra Como, Erba, Lecco e in cento borghi che fiancheggiano e dominano il Lario. Si gareggia sabato 21 e domenica 22 giugno 2014, con validità per il Campionato Italiano Autostoriche ASI 2014. Una sessantina di vetture che hanno segnato un'epoca - ante guerra anni Venti - Trenta e post bellum anni Cinquanta-Settanta - gareggeranno lungo i 220 km del tracciato studiato in due configurazioni differenti: nel pomeriggio e serata di sabato lungo le strade che fanno da sponda alle rive del lago di Como e ramo di Lecco e, la domenica mattina, su e giù dalle alture del Triangolo Lariano (Pian del Tivano e Ghisallo), con gli equipaggi che si affronteranno lungo le 50 prove cronometrate al centesimo di secondo.



Il programma di sabato sabato 21 giugno: l'evento prenderà le mosse dalle punzonature e presentazione vetture all'Hotel Leonardo da Vinci di Erba; tutte le auto poi si trasferiranno individualmente nella città di Como, al tempio Voltiano di viale Marconi-Viale Puecher. Alle ore 18 briefing con il direttore di gara in piazza Cavour a Como-ristorante Imbarcadero e alle ore 19.30 la partenza dal Tempio Voltiano in direzione Anzano del Parco, Alzate Brianza, Erba, Valmadrera e Lecco, quindi Varenna, Dervio, Colico, Gera Lario e Pianello. Ridiscendendo il lago, si giunge a Como, in viale Marconi, alle ore 24. La prima tappa comprende sei serie di prove cronometrate al centesimo di secondo predisposte ad Anzano del Parco (azienda Lema e zona artigianale), Valmadrera (piazza mercato), Dervio Porto (lungolago), Colico (zona industriale), Gera Lario (piazzale del Porto). Previsti due controlli timbro a Varenna e Pianello del Lario.

Domenica 22 giugno: nella seconda tappa il Giro notturno del Lario affronta le alture che circondano il lago: partenza da Erba alle ore 9 e primo tratto lungo la Valbrona e salendo al Piano del Tivano ridiscendendo al lago tra Zelbio e Nesso poi a Nord verso Bellagio e inerpicandosi fino al passo del Ghisallo per poi terminare la gara a Canzo nella superba locatio della dimora storica di Villa ex Magni Rizzoli, sede della premiazione. Sono previste prove cronometrate ad Erba, Valmadrera, Canzo, Pian del Tivano, Magreglio-Ghisallo.

Sono attese automobili d'epoca che hanno fatto la storia della mobilità nel periodo storico tra le due guerre ed un buon numero di autostoriche che hanno rappresentato molto bene il dopoguerra, il boom economico ed i creativi ed edonistici anni Sessanta e Settanta. Meriteranno applausi a scena aperta le auto anni Venti-Trenta capaci di affrontare le alture non senza difficoltà; più agevole il compito di spider, coupé, berline, sportive del dopoguerra. Sin qui si segnalano domande di iscrizione della Mercedes 170 Cabriolet 1930, Lancia Aprilia 1939, Flavia e Flaminia, Fiat Topolino, 600 e 1100 TV, Citroen Traction Avant, Jaguar XK 120, Austin Healey MKII, Alfa Romeo Giulietta e Mercedes 300 SL (sia l'italiana sia la tedesca compiono 60 anni)., oltre a Triumph TR2 e TR3, Volkswagen Maggiolino. Previste varie classi, Vintage, Post Vintage, Classic, post Classic, Modern (immatricolate dal 1971 ed entro il 1984), per un tuffo nel passato di grande fascino.
G.C.









Oltre 10 mila Vespa arrivate a Mantova 
per il più grande raduno di marca della storia

Mantova  – L’edizione mantovana Vespa World Days 2014, andata in scena nel week end di metà giugno, sarà ricordata a lungo come il più grande raduno di Vespa Club mai realizzato nella storia. Il corteo di Vespa lungo 10 chilometri che ha percorso le vie di Mantova e della provincia lombarda fino a San Benedetto Po, è stato uno spettacolo mai visto. Si calcola in ben oltre 10.000 il numero di Vespa presenti, con anche una buona rappresentanza lariana.


A Mantova sono stati quattro giorni di festa, musica, amicizia e amore per Vespa, sono arrivati Vespa Club da tutta Europa (dalla Finlandia alla Grecia) ma anche da nazioni come Argentina, Brasile, Israele, Usa, Giordania e Kuwait. A testimoniare una passione, quella per Vespa che non conosce confini e che si è diffusa ovunque nel mondo grazie agli oltre 18 milioni di Vespa diffuse nei cinque continenti. Prima sono stati i piloti Aprilia Superbike, Marco Melandri e Sylvain Guintoli a festeggiare i Vespa World Days mescolandosi ai vespisti in occasione della festa di apertura a Mantova di Motoplex, il nuovo Concept Store del Gruppo Piaggio dedicato a tutti gli appassionati di due ruote che rappresenta una finestra sul futuro del Gruppo Piaggio e un tributo nei confronti dei marchi più importanti del Gruppo, non solo Vespa ma anche Piaggio, Moto Guzzi e Aprilia.
Nella serata di domenica la  festa si è spostata al Vespa Village per la serata delle premiazioni. Ha trionfato il Vespa Club Pordenone, vincitore del Vespa Trophy, la competizione fra i viaggiatori Vespisti, che hanno testimoniato sul proprio Travel Book, tutte le tappe nel viaggio verso Mantova.
È un trofeo turistico che ha coinvolto 25 Paesi nel mondo. L’obiettivo era raggiungere il raduno di Mantova visitando il maggior numero di Check Points e con il maggior numero di Vespa possibile. Pordenone ha dominato la classifica superando il Vespa Club Cerignola e il Vespa Club serbo “We Ride Everywhere”. Il Vespa Club d’Italia ha premiato tutti i Vespa Club nazionali presenti a questa straordinaria edizione.  L’ultimo atto ufficiale del grande raduno è stato oggi il passaggio di consegne con il Vespa Club di Biograd in Croazia. Sarà infatti la splendida città sul mare dalmato a ospitare i Vespa World Days 2015.


La sfilata il momento più emozionante
Un corteo ininterrotto di Vespa lungo 10 chilometri, un serpentone che ha percorso le vie di Mantova e poi le strade della provincia per raggiungere San Benedetto Po. La City Parade, la grande parata di Vespa, che ha aperto il secondo giorno dei Vespa World Days 2014 è stato uno spettacolo unico al mondo. Si stima in ben oltre 10.000 il numero di Vespa che hanno raggiunto la città dei Gonzaga per il più grande raduno mondiale di Vespa Club mai realizzato. Quella 2014 è senza dubbio la più spettacolare edizione mai vista dei Vespa World Days, sono 310 i Vespa Club presenti in rappresentanza di 32 diversi Paesi. Sono arrivate rappresentanze da Vietnam, Pakistan, Brasile, USA, India, oltre che dai Paesi europei a grande cultura vespistica, che sin dal suo apparire accolsero Vespa con entusiasmo, quali Francia, Germania, Gran Bretagna, Belgio, Olanda, Spagna. E sono arrivati Vespisti dalla Russia (dopo oltre 3.000 km di viaggio), da Portogallo, Grecia, Kosovo, Albania.


Ha suscitato grande simpatia una coppia di giovani sposi siciliani, Viviana e Gianluca di Termini Imerese, che sono arrivati con la loro Vespa in viaggio di nozze.
La manifestazione, che è tornata in Italia a sei anni di distanza da quella che si tenne nel 2008 a Cefalù in Sicilia, si è conclusa ufficialmente con le numerose premiazioni e con la grande cena di gala che ha riunito tutti i Vespisti.  La festa ha avuto un suo grande prologo nella serata di sabato con l’opening party di Motoplex il nuovo Concept Store del Gruppo Piaggio, il più grande d'Europa.  Rappresenta infatti un tributo nei confronti dei marchi più importanti del Gruppo – non solo Vespa ma anche Piaggio, Moto Guzzi e Aprilia – e dei milioni di clienti.
Come i possessori della Vespa, prodotta in oltre 18 milioni di esemplari dalla sua nascita nel 1946, (un milione e 300mila le unità vendute nel mondo solo negli ultimi dieci anni, 190.000 nel 2013). Lo scooter Vespa ha dato una marcia in più al mondo intero diffondendosi sulle strade di tutti i continenti, unendo in un’unica passione giovani di culture lontane e diverse.
G.C.













 
Tutti in pista a Monza: in scena il Festival dello Sport

Monza - Tutti in pista! Sarà il motto del Moto club Monza in occasione del 39° Festival dello
Sport di domenica 15 giugno all’Autodromo di Monza e delle numerose discipline sportive che arricchiranno il tradizionale appuntamento di inizio estate all'interno dell'impianto brianzolo.

Nella tradizionale occasione che l’Autodromo apre le porte a tutte le società sportive, sarà organizzato anche  il 24° "Motoraduno dei Longobardi", avvenimento di prestigio nazionale, che il club monzese porta avanti con successo da sempre.
Quest’anno la prova valida per il campionato regionale del settore turistico, offrirà ai partecipanti abituali del settore la possibilità non usuale di effettuare dei giri di pista a livello turistico, in particolare sarà offerta la stessa opportunità di partecipazione a titolo individuale ai motociclisti non tesserti alla Federazione Motociclistica Italiana e non associati ad alcun club.

L’appuntamento e il ritrovo per le indispensabili operazioni di registrazione è fissato dalle ore 9 alle 12 con ingresso da Biassono via Santa Maria delle Selve.



Tra le novità di questa edizione del “Motoraduno dei Longobardi” la concomitanza con una iniziativa della Federazione Motociclistica Comitato Lombardia, denominata MOTOGIOVANINSIEME, riservata ai giovani dai 14 ai 17 anni. Nelle intenzioni degli organizzatori la volontà di aprire le porte dell’Autodromo di Monza anche a coloro che non potranno percorrere la pista con il proprio ciclomotore, un evento per i minorenni che prevede la partecipazione gratuita ad un corso flash di educazione stradale, la visita alle strutture e la direzione gara dell’Autodromo Nazionale nonché un “contatto” indiretto con la pista.
G.C.













Acceleration 2014, spettacolo in pista e nel paddock
Gare, musica e divertimento all'Autodromo di Monza
Monza - L'autodromo Nazionale Monza ospiterà la quarta tappa di Acceleration 2014 il prossimo weekend del 6-8 giugno. Sulla griglia di partenza si schiereranno le vetture della FA1, i MW-V6 Pickups e le Legends. Oltre ad esse, scenderà in pista il campionato BOSS GP, ampliando ulteriormente la varietà delle gare automobilistiche in programma. Mirato non solo agli appasionati del motorsport, Acceleration 2014 offre tre giorni di gare e musica.
Ma vediamo il programma
FA1: Questa nuova serie per monoposto è stata ideata esclusivamente per Acceleration. Questa spettacolare categoria è il trampolino alla Formula 1, con motori che rombano fino a 550 cv! Ogni squadra di FA1 rappresenta un paese: i piloti difendono i colori della propria nazione, per cui potrai vedere tutti i paesi sfidarsi l’uno con l’altro. Ogni auto è meccanicamente identica ed è stata costruita con restrizioni tecniche in modo da limitarne il rendimento e ridurre i costi. In questo modo, le abilità del pilota e l’impegno di squadra diventano i fattori principali per ottenere i migliori risultati. Nel campionato dopo le prime gare è in testa Mirko Bortolotti, promessa dell’automobilismo italiano, davanti all’olandese Nigel Melker, altro driver di ottime prospettive, terzo è il tedesco Sebastian Balthasar. Una ventina le monoposto attese in pista, con doppie gare: una al sabato e una alla domenica.


BOSS GP: Sono una serie di gare di velocità, spettacolo e rumore che rappresenteranno un vero e proprio paradiso sia per i piloti che per i fan dei motori. L’abbreviazione BOSS sta per Big Open Single Seaters (grande gara aperta delle monoposto). Le gare si disputeranno tra le migliori della classe delle monoposto internazionali ed ora fanno parte dell’evento Acceleration di Monza. La serie dei GP Boss comprende tre diverse classi. Nella classe ‘OPEN’ gareggiano le macchine di Formula 1 dal 1997 in avanti, ma questa classe varrà anche per il campionato generale e quindi ogni pilota registrato può ottenere dei punti. Nella classe ‘FORMULA’ rivaleggiano le GP2, Champcar e Indycar dal 1992 in poi e le Formula 1 dal 1992 fino al 1996 per conquistare un posto sul podio e punti di campionato. Nella classe ‘MASTERS’ competeranno le macchine di Formula 1 e le Indycar fino al 1991, le auto FormuIa 3000 e le Worldseries di Renault e Nissan V6. Anche la BOSS GP disputerà due gare tra sabato e domenica

MW-V6 PICKUP: Gare mozzafiato, auto da corsa purosangue, giri velocissimi: la MW-V6 Pickup Series è l’erede diretta dell’ormai defunta Benelux Racing League V6, una serie di corse Turismo organizzata in Olanda e in Belgio tra il 2004 e il 2009. Un pick-up è fissato al telaio dell’auto e il tutto è completato da un potente motore Ford 325 cv, per un peso totale di 925kg. La MW-V6 può essere paragonata alle corse di camion Nascar. Sono in programma ben quattro gare.

LEGEND CARS: Il concetto originale delle Legend Cars è nato negli Stati Uniti nel 1992 e si è esteso a 23 campionati in tutto il mondo. Il LSC ne è l’ultima evoluzione, conservando l’approccio originale ma utilizzando tutti gli ingredienti delle corse automobilistiche moderne per raggiungere un livello eccezionale di performance e per attirare piloti d’alto livello. Sensazioni estreme, look incredibili e battaglie infuocate: tutti gli ingredienti giusti per uno spettacolo. Con un rapporto costi operativi/attrazione molto competitivo, il LSC propone a squadre e piloti un prodotto con un alto valore aggiunto. Quattro le gare in programma.



MUSICA: Venerdì sera, David Hasselhoff aprirà la prima manifestazione musicale sulla pista. Il tema della serata sarà "Celebrando gli Ottanta e Novanta con The Hoff". Hasselhoff sarà il presentatore della serata dove si esibiranno gruppi come i Twenty 4 Seven, DJ Sash, Turbo B / Snap, Vengaboys, Samantha Fox, Rick Astley e 2 Unlimited. L'evento dance inizierà sabato pomeriggio, con DJ internazionali e nazionali come i Bingo Players, Gabry Ponte, Alice DJ, Showtek, Vinai, Spyne & Palmieri, Jacob van Hage e MC Apster.

Ulteriori info orari e ingressi su: www.monzanet.it 
G.C.










------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Auto GP e Gran Turismo in pista a Monza
Lo show dei Racing Weekend a ingresso libero

Monza - Auto Gp e Gran Turismo in pista nel week end a Monza, con ingresso libero per il pubblico. Approda in Italia l’Auto GP World Series con Monza che ospita il primo dei due appuntamenti di giugno, l'altro è a Imola. Una splendida occasione per gli appassionati italiani, che potranno così vedere da vicino le promesse dell'automobilismo nelle Formule.
Quest’anno, nelle prime 3 trasferte stagionali, ben 10 driver italiani sono al volante delle potenti Lola-Zytek da 550 cv. Classifica alla mano per ordinarli, ecco i loro nomi: Kevin Giovesi, Andrea Roda, Michele La Rosa, Michela Cerruti, Giuseppe Cipriani, Vittorio Ghirelli, Loris Spinelli, Francesco Dracone, Sergio Campana e Niccolò Schirò. Ed alcuni di essi sulla pista brianzola giocheranno in casa, davanti al loro pubblico.


Il campionato sbarca a Monza con 3 trasferte già in archivio. In testa alla classifica c’è Kimiya Sato (Euronova) che ha vinto 3 delle 6 gare disputatesi, andando a podio tutte le volte. Il giapponese vanta 114 punti, contro i 75 del più diretto inseguitore, Tamas Pal Kiss (Zele Racing). L’ungherese, che ha vinto la sua prima gara in Auto GP a Le Castellet, ha sopravanzato Markus Pommer (Super Nova), autore di un fine settimana difficile in Ungheria, fuori dal podio in entrambe le occasioni. Sato però dovrà disertare una trasferta, quella di Zeltweg a luglio, data la concomitanza con la GP2 ad Hockenheim. Ai piedi del podio virtuale del campionato ci sono due italiani, Kevin Giovesi ed Andrea Roda. Il primo, portacolori della Eurotech, è stato in grado di aggiudicarsi 2 pole position (Marrakech e Le Castellet), ma in quelle gare non ha avuto altrettanta fortuna.
Il successo però per lui è arrivato a Le Castellet, in gara-2, quando sotto la pioggia si è involato solitario verso la sua prima affermazione nella serie. Meno fortunato invece Roda. Il comasco si è visto sfuggire di mano il 2° posto nella corsa inaugurale per un’uscita all’ultimo giro, mentre a Le Castellet a negargli il podio è stato un problema al pit-stop. In Ungheria è finalmente arrivato il 3° posto in gara 1, che ha coronato l’impegno di Andrea in questi 2 anni nella categoria. Grande alternanza sul podio in queste prime 6 gare, con ben 9 piloti che hanno portato a casa una coppa. Hanno sicuramente sorpreso Michele La Rosa e Giuseppe Cipriani che a Marrakech sono stati in grado di gestire una gara difficile, che ha premiato la loro regolarità. La Rosa, che quest’anno si affida al team Euronova per il team MLR71, ha conquistato la piazza d’onore, mentre Cipriani all’ultimo giro ha riportato sul podio il team Ibiza. Nell’ultima trasferta (Hungaroring) è salito sul podio anche Sam Dejonghe. Il belga, al top nei test di Valencia con il record della pista, ha potuto così raccogliere la sua prima coppa in campionato, dopo un veloce apprendistato assistito dal team Virtuosi UK. La squadra inglese in un solo fine settimana è così tornata sul podio grazie a Roda e Dejonghe, con un risultato che mancava dal 2012 (con Pal Varhaug).

Per quanto riguarda i campionati tricolori, Questo primo “Racing Weekend” della stagione agonistica 2014 (il secondo si svolgerà a fine ottobre) avrà come categorie protagoniste anche le Gran Turismo e le Turismo Endurance dei rispettivi campionati italiani organizzati da AciSport, supportate dalle gare di tre avvincenti e combattuti campionati monomarca.

 
Per le supercar della GT3 e della GT Cup - tra le quali si contano i più performanti modelli della migliore produzione mondiale come Audi R8 LMS, Porsche GT3 R, Ferrari 458, Mercedes SLS, Nissan GT-R Nismo e Corvette Z6, oltre alle Porsche 997 e alle Lamborghini Gallardo della GT Cup - si tratta del secondo appuntamento stagionale dopo l’esordio di Misano che ha portato in testa alla classifica provvisoria la coppia Mapelli/Schoeffler (Audi R8) tra le GT3 e Passuti/Galbiati (Porsche 997) tra le GT Cup. Sette le gare a calendario con appuntamento finale nel secondo Racing Week End monzese.
Il campionato italiano Turismo Endurance (CITE) riservato alle “Sport Production” in cui si trovano quest’anno impegnate vetture come BMW M3 , Seat Leon, Peugeot RCZ, Renault Megane , oltre alle BMW 320, Honda Civic e Integra e Renault Clio della classe S 2000, è invece già al terzo dei suoi sette appuntamenti. Nella SP il capoclassifica è Ferraresi con una BMW M3, mentre nella S 2000 il primo è Zanin con una BMW320. L’interessante contorno della manifestazione è rappresentato dai campionati monomarca delle poderose 911 GT3 del “Porsche Carrera Cup Italia”, delle scattanti Mini dell’omonimo “Challenge” e delle berlinette da corsa del “Seat Ibiza Cupra Cup”.
Il programma della manifestazione prevede le prove libere e di qualificazione per l'Auto GP World Series nella giornata di venerdì 30 maggio, nella mattinata di sabato 31 maggio le qualifiche dei campionati tricolori. Tra sabato pomeriggio e domenica poi, le 12 gare in programma: due per ogni categoria, su distanze variabili tra i 25 e i 48 minuti. Ingresso libero per ogni ordine di posti.
G.C.












 


Un giorno per Vittorio Brambilla  
Monza ricorda sabato 24 maggio il campione brianzolo con un evento all’Autodromo

Monza - A tredici anni dalla scomparsa, Monza ricorda Vittorio Brambilla con una giornata speciale all’Autodromo. L’appuntamento è per sabato 24 maggio, alle ore 11, con un evento presentato da Barbara Milani e Nico Cereghini. All’iniziativa hanno dato il patrocinio diversi enti e associazioni regionali e locali. Monzese doc, Vittorio Brambilla era il fratello minore di Tino, altro noto pilota.




Dopo aver scalato le classifiche in Formula 3 e Formula 2, Vittorio arrivò a metà degli anni Settanta anche in Formula 1. Il suo momento migliore lo ebbe a metà agosto del 1975, quando conquistò il suo unico successo in Formula 1 nel Gp d’Austria sotto il diluvio alla guida della March. Nella sua carriera in Formula 1, Brambilla gareggiò anche per il team Surtees e Alfa Romeo. Con la March ottenne anche la pole nel Gp di Svezia, per alcuni giri restò al comando nel Gp del Belgio e in Giappone, sempre sotto l’acqua, andò vicino ad un altro successo. Tra i suoi maggiori risultati in Formula 1 anche un quarto posto con la Surtees in Belgio.  Con l’Alfa Romeo nel settembre del 1978 a Monza rimase coinvolto in un grave incidente, che lo tenne lontano dalla gare per quasi un anno. Il rapporto con l’Alfa Romeo fu comunque intenso, disputando diverse stagioni nel mondiale Sport Prototipi, contribuendo con diversi successi al titolo iridato della Casa milanese nel campionato Costruttori 1977.. Alla fine del 1980 la decisione di abbandonare le corse e di dedicarsi alla preparazione delle monoposto di Formula 3. Ulteriori info su: www.associazionevittoriobrambilla.com  
G.C.









La Scuderia del Portello 
protagonista a Milano Autoclassica
Nel corso della rassegna meneghina il Club ha attivato una raccolta firme per chiedere che si faccia ripartire la Coppa Intereuropa, evento che si è tenuto a Monza per oltre cinquant'anni

Milano - Protagonista di spicco la Scuderia del Portello  a Milano Autoclassica. La kermesse milanese dedicata alle auto d'epoca, ha spaziato in vari ambiti: oltre all'attività dinamica sul piazzale esterno, dove con i soci della Scuderia e le vetture da competizione Alfa Romeo sono stati il punto di riferimento dei numerosi spettatori. Nel corso della tre giorni meneghina il Club ha attivato una raccolta firme per chiedere che si faccia ripartire la Coppa Intereuropa  a Monza, organizzando anche una  parata di vetture del Biscione che partendo dalla storica sede del Portello sono giunte fino ai padiglioni fieristici di Rho-Pero.

 
In apertura della manifestazione a Rho-Fiera si è tenita la premiazione annuale dei Campioni Alfa Romeo organizzata dalla Scuderia del Portello e svoltasi nell'Area Incontri al centro dei padiglioni espositivi. Alla presenza di personalità politiche del comune di Arese e della Provincia MB, ha preso la parola il presidente della Scuderia Marco Cajani che prendendo spunto dal filmato della Stagione sportiva trascorsa, che rappresentava anche la Coppa Intereuropadi Monza ha polemizzato con pesanti critiche e accorate analisi sulla cancellazione dal calendario della storica manifestazione monzese. Sottolineando che la  Coppa Intereuropa è una gara tra le più prestigiose nel panorama internazionale delle autostoriche, tornata a rivivere nel 2008 proprio grazie agli sforzi, anche organizzativi e economici della Scuderia del Portello, Cajani facendosi portavoce del pensiero dei  soci e degli appassionati di auto d'epoca, ha rivolto un caloroso appello agli attuali dirigenti dell'AC Milano e SIAS e ai futuri candidati alla dirigenza delle stesse (tenuto conto che il prossimo mese ci saranno le elezioni per il rinnovo delle cariche) affinché una manifestazione di rilevanza mondiale come la Coppa Intereuropa non vada persa. Allo scopo, come detto sopra, è stata attivata una raccolta firme per portare a conoscenza degli organi competenti quanto sia corposa la componente “storica” nel movimento automobilistico nazionale.

Come finale della premiazione sono stati svelati i programmi della Scuderia per la stagione 2014, che dopo la partecipazione al Rally di Montecarlo Historique prevedono tra gli altri la presenza al Monaco Grand Prix Historique, al Festival of Speed di Goodwoood ma anche il ritorno nel 2015 al raid Parigi-Pechino e, per l'automobilismo moderno, alla 24 Ore del Nurburgring con due Giulietta Quadrifoglio Verde. Per celebrare adeguatamente il 60° anniversario della nascita della Giulietta, un modello tra i più significativi del Biscione perchè ha dato il via alla produzione a livello industriale Alfa Romeo, Scuderia del Portello in collaborazione con Iper ha organizzato una esposizione di vetture Giulietta, nelle varie versioni, proprio presso la ex sede della fabbrica del Portello. Nell'occasione sono state esposte anche fotografie e proiettati filmati relativi alla vecchia fabbrica. Quindi, le sette Giulietta alle quali si sono aggiunte 22 Giulia, anch'esse a rappresentare le varie versioni, il sabato mattina hanno raggiunto in carovana l'area fieristica di Milano Autoclassica dove sono rimaste esposte attirando l'interesse di gran parte del pubblico.



Infine, nella giornata conclusiva della rassegna, dopo le batterie eliminatorie dei due giorni precedenti, si sono disputate sulla pista allestita all'esterno dei padiglioni le manche finali del 3° Master Show “Trofeo Scuderia del Portello”. Sull'apposito circuito di circa 700 metri i gentleman driver hanno infiammato il numeroso pubblico dando spettacolo al volante di Giulietta Ti, Sprint e Spider e di Giulia Super, GTA e GTAm. Al termine è stata stilata una classifica unica che ha visto primeggiare Alessandro Morteo al volante di una GTAm 1750, mentre per onorare i 60 anni della Giulietta sono state premiate una Sprint ottimamente conservata di Francesco Morteo e una Sprint che ha partecipato a diverse edizioni della Carrera Panamericana di Rudy Bicciato.
Un riconoscimento è andato anche a Ross Zampatti, giunto appositamente dall'Australia pur di non mancare alla manifestazione milanese. Contemporanemente ad Autoclassica il pilota portacolori della Scuderia del Portello Mora Marco Lorenzo, ha vinto con Alfa Romeo Giulia GTAm la gara Alfa Cup al Mugello.
Tra i prossimi appuntamenti in calendario del Club brianzolo il trofeo “Tutto Alfa Scuderia del Portello” inserito nel contesto di un'altra grande classica come la Cesana-Sestriere, in programma il 12 e 13 luglio, aperta a tutte le vetture del Biscione ed in particolare alle Giulietta per celebrare i 60 anni del mitico modello.
G.C.















Moto Guzzi, ecco la nuova gamma V7
per continuare la crescita di vendite

Nuovi dettagli tecnici e accattivanti varianti cromatiche per le tre versioni – Stone, Special e Racer – della "settemmezzo" di Mandello del Lario. Le nuove versioni già disponibile nelle concessionarie.


Mandello - Tre novità pasquali si aggiungono alla nuova gamma Moto Guzzi V7: tre modelli contraddistinti da tre allestimenti ben diversi che corrispondono oggi ad altrettanti caratteri ancora più marcati e personali. Sulla collaudata e apprezzata piattaforma tecnica di V7, nascono le tre nuove versioni della settemezzo italiana, accomunate da una novità di matrice tecnica: un nuovo volano in bagno d’olio sostituisce il precedente alternatore a secco, modificando leggermente il frontale del leggendario motore bicilindrico a V di 90° a trasmissione cardanica grazie a un nuovo coperchio dall’aspetto più compatto e gradevole. Immediatamente riconoscibile, agile, facile in ogni condizione di guida, la V7 è uno dei fiori all'occhiello di una gamma Moto Guzzi che spazia sino alle imponenti ammiraglie California 1400 Custom e Touring, ed è una delle protagoniste del successo del "marchio dell'aquila" che, in netta controtendenza rispetto all'andamento del mercato europeo delle due ruote, per tre anni consecutivi ha fatto registrare puntualmente una crescita delle proprie vendite. I volumi di vendita di Moto Guzzi nel mondo sono infatti passati dalle 4.500 moto vendute nel 2010 alle oltre 6.800 del 2013, per un incremento del 51%.
Stone, Special e Racer sono i tre modelli in cui si articola la gamma Moto Guzzi V7.


MG V7 Stone: Eclettica, essenziale, la V7 Stone riceve un make-up che esalta la sua natura minimalista. Il concetto guida è stato quello di convertire la più accessibile delle V7 a un look total-black, trasformando le cromature in nero, con l'unica eccezione del motore, che conserva i toni cromatici delle leghe di metalli e la lucentezza dell'impianto di scarico. Su tutto il resto della moto, dagli specchietti retrovisori agli ammortizzatori, dai parafanghi alle ruote, fino ai fianchetti, è così il trionfo del nero. Con un look così, è sufficiente cambiare colore al serbatoio per mutare la personalità della moto: sportiva nel nuovo “Rosso Corposo”, elegante nel satinato “Verde Agata” e, metropolitano nell’apprezzatissimo “Nero Ruvido”

MG V7 Special: Tra le V7 è quella più vicina allo spirito originale della sua progenitrice, a cominciare dalla sua grafica, battezzata “Essetre” come la V750 del 1974 che introdusse, per la prima volta su una Moto Guzzi, i freni a disco. La V7 Special è disponibile su due basi cromatiche: in argento metallizzato con fasce nere, elegante e raffinata, oppure, in nero con fasce arancioni che riedita fedelmente l’accostamento di colori della celebre antenata. Su entrambe il logo sul serbatoio è quello storico in rilievo mentre i cerchi delle ruote sono in finitura nera anziché cromata. Diversamente dalla Stone e dalla Racer, la V7 Special ha una protezione agli steli forcella anziché i soffietti para-polvere che equipaggiano le sorelle.

MG V7 Racer: Prodotta in edizione numerata come rivela la targhetta celebrativa posta sulla piastra superiore di sterzo, la V7 Racer giunge alla sua terza edizione. La riconoscibilità è immediata: anche per lei nuovo look total-black applicato ai fianchetti, agli specchietti, alla staffa di supporto dei silenziatori e alla protezione delle pedane.


 Il risultato è uno scenografico contrasto con il lucidissimo serbatoio cromato da 22 litri. Rimanendo in tema di numeri, sulle tabelle del cupolino e del codone rimane il numero “7” (che in Moto Guzzi fu caro al campione del mondo 250 Enrico Lorenzetti), ma ora è cromato anziché bianco. Nuova è anche la sella monoposto (ma sono disponibili a richiesta la sella bi-posto e le pedane passeggero) rivestita di alcantara e skai dello stesso colore della cinghia in cuoio personalizzata con il logo Moto Guzzi che capeggia sul dorso del serbatoio. Sempre scenografico il telaio di colore rosso ispirato a quello della prima serie di V7 Sport con telaio al CrMo, frutto di uno speciale trattamento di verniciatura, esteso anche ai mozzi, ruota e forcellone, che esalta la purezza architettonica del telaio. Rossa è anche la scritta Moto Guzzi che ora compare sulle ruote, esattamente come già visto sull’ultima California Custom.
La nuova gamma V7 è già disponibile presso la rete vendita Moto Guzzi a seguenti prezzi: V7 Stone: 8.470 euro;  V7 Special: 8.870 euro; V7 Racer: 10.220 euro.
Moto Guzzi è un marchio italiano, orgoglio della tradizione motociclistica tricolore: lo storico stabilimento di Mandello del Lario produce motociclette tra le più affascinanti al mondo ininterrottamente dal 1921, affidandosi anche, per l’approvvigionamento della propria componentistica, a fornitori gravitanti nell’area lombarda. Inoltre, delle 52 aziende fornitrici lombarde, 21 si trovano proprio nella provincia di Lecco; nomi noti di aziende affermate a livello mondiale che producono componenti di elevata qualità per Moto Guzzi e per gli altri marchi motociclistici e scooteristici del Gruppo Piaggio.
G.C.



















Blancpain GT e F.Renault 3.5 in pista a Monza
Sfide, emozioni e spettacolo sono assicurati

Monza - Motori di nuovo accesi da venerdì 11 a domenica 13 aprile a Monza con il Blancpain GT Serie e la Formula Renault 3.5 World Series a catturare l'attenzione degli appassionati. Le splendide Gran Turismo scendono in pista all’Autodromo per l’esordio del campionato riservato alle GT3. Una quarantina di super sportive di grandi marche mondiali In una gara di 3 ore con partenza lanciata e cambio pilota ai box. In pista anche le Gallardo del Super Trofeo Lamborghini e le monoposto di F. Renault 2.0 NEC e F. Renault 3.5 per un programma motoristico imperdibile.


Il Blancpain GT Series 2014, campionato di durata riservato alle potenti Gran Turismo con omologazione GT3, parte anche quest'anno da Monza per la  sua quarta edizione. Organizzato come sempre dal promoter SRO (Stephane Ratel Organisation) sotto l’egida dello storico marchio dell’alta orologeria svizzera Blancpain, il campionato si sdoppia in questa nuova stagione con un calendario riservato alle gare di durata (dalle 3 alle 24 ore) che prende appunto il via domenica sull’asfalto monzese, e un calendario riservato alle gare Sprint (un’ora di durata). A Monza è in programma una "3 Ore", con gara unica alla domenica.
Il Blancpain GT Series, che si segnala nel panorama internazionale di categoria per il suo alto livello professionale, l’unico in Europa ad essere riservato alle competitive vetture omologate GT3 che interpretano in chiave attuale la tradizione delle corse endurance.
Nella lista degli iscritti compaiono oltre 40 vetture di marchi ai vertici mondiali come Aston Martin Vintage, Audi R8, Bentley, BMW Z4, Chevrolet, Ferrari 458, Lamborghini, McLaren MP4 Mercedes SLS, Nissan GT-R, Porsche 997, gestite da scuderie private spesso supportate indirettamente dalle Case ufficiali e affidate a equipaggi di tre piloti provenienti da oltre 20 Paesi.
Le macchine correranno tutte assieme, ma con tre differenti classifiche: quella dei professionisti (Pro), quella mista (Pro-Am) e quella dei Gentlemen, in una gara della durata di 3 ore che prevede la sempre spettacolare partenza lanciata con successivi cambi di pilota ai box.
Nella categoria principale Pro Cup, Massimiliano Buhk punta a difendere il titolo al volante della Mercedes SLS AMG GT3 di HTP Motorsport. A tentare di contrastare il passo del team Mercedes, il Belgian Audi Club WRT, che entra con due Audi R8 LMS ultra con Laurens Vanthoor e Marc Basseng. Tra i team che puntano al titolo c'è anche il Reiter Engineering SaReNi Camaro GT3 e le due M-Sport Bentley Continental GT3. Entrambe le squadre sono ex piloti di F1 nei loro ranghi - Tomas Enge sulla Camaro e Jérôme D'Ambrosio sulla Bentley - e con Peter Kox e Guy Smith. In pista anche l'ART Grand Prix che difenderà i colori della McLaren con due MP4-12C, mentre l'Oman Racing Team ha l'esclusiva Aston Martin Vantage GT3 Pro Cup nella sua custodia. Ulteriori sfide Pro Cup arriverà sotto forma di Black Falcon con una Mercedes SLS AMG GT3 e Saintéloc corsa inserendo una Audi R8 LMS ultra, con il campione in carica FIA GT Series Stéphane Ortelli come pilota di punta.  Insomma, si annuncia una gara palpitante.
Il programma prevede prove libere al venerdì, qualifiche nella mattinata e nel pomeriggio di sabato, mentre la gara prenderà il via domenica alle 14.45.
A completamento del week end monzese sono previste anche le prove e le gare del Super Trofeo Lamborghini, il monomarca riservato alle Gallardo LP 570-4, e dei campionati della Formula Renault 2.0 NEC (Northern European Cup) e Formula Renault 3.5 che disputeranno le loro Gara 1 nel pomeriggio di sabato e le Gara 2 la domenica dalla mattina fino all’appuntamento con le GT.


 
 

Nella F. Renault 3.5, paragonabile alla GP2 come spessore tecnico delle monoposto, sono emersi numerosi piloti poi passati alla F.1, su tutti il quattro volte campione del mondo Vettel. Tra gli ultimi approdati in F.1 ricordiamo Vergne e Pic.
Prezzo dei biglietti, validi per tutte le tribune e per il paddock (acquistabili direttamente agli ingressi dell’Autodromo): sabato 10 euro (ridotto 8 euro), domenica 14 euro (ridotto 10 euro). Venerdì ingresso gratuito. Prevendita online (fino a venerdì alle h. 15) sul sito www.monzanet .it. I bambini fini a 11 anni entrano gratuitamente. Auto e moto parcheggiano gratis negli spazi riservati.
G.C.








--------------------------------------------------------------------------------------------------------








Brianza MotorShow a Erba dal 4 e al 6 aprile
Diverse le novità del settore in vetrina. Eventi e presentazioni arricchiranno la kermesse. Sabato è prevista un'asta benefica con oggetti regalati dai vari campioni  

Erba - Sta per alzarsi il sipario sull'edizione 2014 di Brianza MotorShow, in programma a  Lariofiere dal 4 al 6 aprile. Quest’anno a Larioriere le novità e gli eventi saranno il motivo dominante della rassegna. A Erba verrà presentata in anteprima nazionale la bellissima e potente McLaren 650S, vero bolide della casa costruttrice inglese che giungerà direttamente a Lariofiere d che si presenta isvelata con uno scenografico unveling venerdì 4 aprile alle 17.30. Subito dopo, ecco la nuova Jeep Cherokee che si presenta in anteprima fieristica italiana, così come Mini, Mercedes Gla e Classe C, Lotus Exige Roadster e la green BMW i3.
A tutto motore, ma in sicurezza, con Aci Como e Lecco importanti partner istituzionali grazie ai quali si potranno fare prove di guida sicura con l’Autoscuola Aci Ready 2 Go.
Red Bull è anch'esso partner di questa edizione. Si potranno vivere esperienze da veri piloti. Saranno presenti, infatti, simulatori di guida per provare l’ebbrezza di un giro in pista su una vera auto F1 e sarà possibile ammirare da vicino una vettura della ScuderiaToro Rosso, vero sogno per grandi e piccini.
Speciali eventi dedicati al mondo di Ayrton Senna: una sua F1 sarà presente nello stand McLaren e verranno presentati due splendidi volumi: “McLaren Can‐am Formula Uno1966 – 1970” scritto da Dario Mella con la partecipazione straordinaria di Mauro Forghieri e la storia privata di Ayrton Senna: "Senna in viaggio con Ayrton" scritta da Leo Turrini. Gli autori saranno presenti in sala durante la presentazione.
Grande attenzione all’ambiente in questa edizione di Bms, che arricchisce il suo programma con spazi interamente dedicati alle auto con emissioni zero. Modelli da ammirare, ma anche da provare su strada. I visitatori potranno testare le “Full Electric” Tesla Model S, Opel Ampera e futuristica BMW i3. L’Eco tiene sempre più banco in tutto il settore automotive, anche nelle competizioni. Per questo al Bms, sarà presente la Motorcanali che, affiancata da BRC, presenterà una ruggente area paddock, che ripercorrerà le più emozionanti competizioni internazionali.
Tra le auto esposte, Seat Leon alimentata a GPL.
Il pubblico potrà effettuare dei test drive sia con vetture tradizionali che elettriche.


Brianza MotorShow aprirà al pubblico venerdì 4 aprile alle 17, sotto l’egida della bellezza. Madrina di eccezione Maddalena Corvaglia, che parteciperà agli unveling e poi incontrerà i visitatori in un cocktail party e dalle 20.30 presenterà l'attesissima elezione di Miss Brianza MotorShow 2014. La vincitrice verrà decretata da una giuria di cui faranno parte, tra gli altri, Andrea Sonvico pilota GT Ferrari, Davide Valsecchi, nel 2012 campione del mondo in GP2, la pilotessa lariana Maria Cristina Di Bona, Claudia Fasola, conduttrice Radio e Mbtv, Massimo Moscardi, giornalista ad esperto di rally, e dai vice sindaci di Erba e Cantù.
Evento imperdibile poi quello di sabato 5, quando dalle 15 alle 17, ci sarà il momento “Brianza MotorShow for Children”: asta benefica per la raccolta fondi a favore della Fondazione Marco Simoncelli e l’Instituto Ayrton Senna. Evento d’eccezione con oggetti di grandi campioni come Senna, Simoncelli, Schumacher, Alesi, Zanardi e molti atri. Battitore Paolo Beltramo.
I più piccoli potranno avvicinarsi al mondo delle minimoto attraverso il motoclub “Vai piano che ho paura” di Cavallasca, che organizzerà degli stage con tanto di attestato finale, ed al mondo del karting attraverso dei simulatori di guida avanzatissimi.
Anche le due ruote avranno uno spazio più importante rispetto al 2013, comprendente la produzione di serie, quella racing e quella custom, senza dimenticare il mondo dell’accessoristica.
Numerosi i raduni in calendario: sabato arriveranno i rombi delle moto customizzate del Retzi Motorcycles club, ma anche i mezzi del Motor Bike Guzzi club di Senago e quelli targati Ducati con Lario Desmo Moto club.
Domenica arrivano le auto americane in collaborazione con Valli Store e le vetture tuning a cura di Tuning Star. Grande partner il Lomazzo Club Fuoristada che si esibirà in prove di abilità dei propri mezzi nello spazio antistante l’esposizione. Anche il pubblico della fiera potrà salire su questi mezzi (minorenni accompagnati). Gli amici del Lomazzo Club organizzano anche uno spettacolare “Fuoristrada Flash Mob” con musica, balli e giochi di luce.
Motori, miss, party, musica, ospiti speciali, emozioni e importanti iniziative arricchiranno ulteriormente la kermesse.
Gli orari di Brianza MotorShow sono: venerdì dalle 17 alle 23, sabato dalle 10 alle 23, domenica dalle 10 alle 21. Ingressi: 8 euro intero, 6 euro donne e ragazzi; gratuito per i bambini al di sotto dei 12 anni.
G.C.







------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Euro V8 Series e Ferrari Challenge 
in pista a Monza per la prima stagionale
Le GT apriranno la stagione 2014 con un lungo week end da venerdì 4 a domenica 6 aprile L’ingresso all’Autodromo nei tre giorni dell'evento è libero, con accesso anche al paddock

Monza - Si ricomincia! La lunga pausa invernale è terminata e anche l’Autodromo di Monza riapre nel week end i battenti per dar vita ad una nuova entusiasmante annata di corse. Per l’attesissimo esordio monzese targato 2014 che sarà a “porte aperte”, cioè con ingresso gratuito a tutte le tribune e al paddock, è infatti in programma il debutto stagionale di un interessante tris di campionati riservati a potenti vetture a ruote coperte che annunciano uno spettacolo di primo livello.
Scenderanno infatti in pista già a partire dalla mattinata di venerdì 4 aprile le raffinate Berlinette 458 EVO che danno vita al monomarca “Ferrari Challenge”, le top car di varie importanti Case dell’”Euro V8 Series” (che ha raccolto l’eredità del campionato Superstars) e le Gran Turismo dell’”Euro Gt Sprint” (nuova denominazione del Gt Sprint International 2013).


Il FERRARI CHALLENGE, giunto alla 22° edizione, propone la consueta articolazione in due “sottocampionati” con gare e classifiche separate: la Coppa Shell, riservata ai debuttanti, e il Trofeo Pirelli per piloti con esperienza, tutti alla guida della brillante 8 cilindri, 4.5 litri da 570 cv del Cavallino con aerodinamica rinnovata. La serie che debutta a Monza - e che proseguirà il suo cammino al Mugello, Brno, Portimao, Silverstone e Istanbul, con finali ad Abu Dhabi, si svolge in parallelo con le analoghe serie di Nord America e Asia/Pacifico. Una quarantina le 458 in pista sia sabato che domenica in corse da 30 minuti ciascuna.

La EUROV8SERIES è pronta ad accendere i motori sul tracciato di Monza, cornice d’eccezione che darà ufficialmente il via alla Serie promossa da FG Marketing&Communication, organizzata da ADM in collaborazione con la ATT (Associazione Team Top Cars).
La griglia di partenza di quest’anno vede, ancora una volta, un’importante presenza di marchi come Audi, BMW, Chevrolet, Chrysler, Lexus e Mercedes. Le due gare da 25’ (con un ulteriore giro da completare e la partenza lanciata), saranno pertanto il contesto ideale per una nuova ed entusiasmante sfida. Quest’anno sono ben sei i titoli in palio; riflettori puntati sui giovani, con il titolo Under 25, per i driver la cui data di nascita è antecedente al 1 gennaio 1990. Titolo Team (Salvatore Genovese), quello Gentlemen, a cui potranno ambire i piloti Over 50, Speedy (anche quest’ultimo rappresenta una novità e sarà riservato a chi nel corso della stagione avrà totalizzato il maggior numero di giri più veloci in gara) ed infine l’Assoluto per il pilota vincitore.


Numerose le squadre al via. Cominciando da Audi Sport Italia, il team campione in carica della categoria, che porterà in pista tre RS5, due di queste affidate al ceco Tomas Kostka e al lombardo Davide Stancheris. Per contro le veloci vetture dalla Casa di Ingolstadt dovranno fronteggiare la concorrenza delle Mercedes C63 AMG. Due saranno quelle schierate dal team R.R.T., con la “new-entry” assoluta del giovane Eddie Cheever, figlio dell’omonimo ex pilota di F.1 ed in arrivo da una stagione nel FIA F.3, che guiderà un esemplare in configurazione coupè andando ad affiancare il suo compagno di squadra Nicola Baldan, campione 2013 del Mini Challenge. Altre due C63 AMG saranno portate in pista dalla Caal Racing ed affidate all’esperto Diego Romanini e al veterano della categoria Leonardo Baccarelli.
Due gli ex F.1 ai nastri di partenza. Il già confermato Giovanni Lavaggi salirà sulla Lexus ISF del team MRT (squadra che punterà anche sulla Chrysler 300C messa a disposizione di Alessandro Battaglin). Mimmo Schiattarella ha invece confermato il proprio impegno con la Chevrolet Lumina del team Solaris Motorsport, che schiererà contemporaneamente anche la Chevrolet Camaro guidata da Francesco Sini. Imponente anche la concorrenza delle M3 E92. Quelle del Team BMW Dinamic saranno guidate da Max Mugelli, reduce da un 2013 indubbiamente per lui positivo, Niccolò Mercatali e Maurizio Copetti. La Scuderia Giudici scenderà in campo con quattro “supercar” bavaresi: una per il giovane esordiente Claudio Giudici ed una per Domiziano e Jonathan Giacon (padre e figlio), mentre al volante della 550i ci sarà Gabriele Volpato.

Infine, nell’EURO GT SERIES, giunto alla 5^ edizione, con 6 gare europee (3 in Italia) è attesa una nuova sfida tra le Ferrari 458 e le Porsche 911, che si dovranno difendere dagli assalti di Audi, Mercedes , BMW, Lamborghini, Maserati e altre. Nel loro programma due gare di 40 minuti ciascuna, entrambe la domenica. Il week end prende le mosse, come detto, venerdì mattina alle 9 (fino alle 18 circa) con test e prove di tutte le categorie e proseguirà sabato negli stessi orari, con le qualifiche e le due Gara 1 del Ferrari Challenge. Domenica infine , una incalzante serie di 6 gare dalle ore 9 fino alle 18 circa.
G.C.





-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------








A Monza non solo competizioni ma anche scuola in pista 
Sabato 22 marzo è in programma l'esame dei meccani che hanno partecipato al corso promosso dalla Motorsport Technical School

Monza - Da tempo l'Autodromo di Monza è anche un banco di prova per studenti, promuovendo corsi tematici per ingegneri di pista e meccanici. Al termine di ogni corso che si rispetti arriva il tanto temuto “esame di profitto”. MTS, la Motorsport Technical School, mette alla prova i suoi meccanici di pista sabato 22 marzo. Per l’occasione l’Autodromo Nazionale Monza sarà animato dai giri di pista di una Ferrari 458 GT3 e una Ferrari 458 Challenge che, come durante una vera competizione, sosteranno ai box MTS per il più veloce dei pit stop.


"Questa lezione dinamica sarà un po’ la prova del nove e il modo migliore per valutare i ragazzi a tutto tondo. Metteremo in atto una simulazione che vedrà coinvolte tutte le componenti di una gara: velocità, tensione della competizione, lavoro di squadra e tanta tecnica – spiega Eugenia Capanna, direttrice di MTS – Tutti i docenti della scuola valuteranno questa prova finale, nella quale i ragazzi potranno vivere a pieno la realtà della pista e la dinamica del “muretto-box”». Tutto questo sarà possibile grazie a Kessel Racing, uno dei Team più prestigiosi nell’ambito del Motorsport internazionale, protagonista vincente da sempre delle gare nel panorama GT e del Ferrari Challenge, attento ai giovani talenti, che metterà a disposizione i mezzi utilizzati come “veicoli didattici” per la formazione dei ragazzi":
"La simulazione di gara sarà anticipata da una lezione di preparazione della vettura pre-gara – continua la direttrice – Gli studenti MTS hanno raggiunto un alto livello di formazione, tanto che il Team Trident di GP2 e GP3, dove già due allievi delle edizioni MTS precedenti sono stati assunti, ha voluto in squadra un nostro ragazzo prima della conclusione del corso. Tirando le fila di questi anni di lavoro, la MTS alza ogni edizione di più l’asticella dell’eccellenza, con docenti di fama internazionale e una selezione d’ingresso rigorosa che premia il talento congiunto alla qualità di una preparazione teorica e pratica di livello e all’entusiasmo per il mondo del Motorsport".
G.C.










 

Mandello in festa sabato 15 e domenica 16 marzo
per il 93° compleanno della Moto Guzzi

Mandello – Sabato 15 marzo sarà una giornata di festa per i guzzisti e Mandello. Anche quest’anno la spontanea collaborazione tra le associazioni, l'azienda e la municipalità hanno prodotto una serie di eventi dedicati alla celebrazione del 93° anniversario della Moto Guzzi, attraverso il ricordo dei suoi uomini e delle sue ineguagliabili motociclette prodotte ininterrottamente da 93 anni nello stabilimento di via Parodi 57, dalla “Normale” del ’21 alle nuovissime California 1400 e V7.

Il programma prevede l’apertura speciale del Museo Moto Guzzi per sabato 15 marzo dalle ore 10 alle ore 15 e della concomitante mostra Guzzi Pop dell’artista Jacopo Ghislanzoni. Alle 15.30 ci si sposterà presso il teatro cittadino "De Andrè", dove sarà proiettato il documentario “Un volo da sogno”, realizzato dall’associazione Giorgio Ripamonti che ha ricostruito l’officina meccanica dove, nel 1919 l’ing. Carlo Guzzi creò il suo primo prototipo, la GP (Guzzi-Parodi). 
Il cortometraggio ripercorre la storia di Mandello e della sua famosa fabbrica di motociclette attraverso i ricordi degli ex dipendenti più anziani. Tra questi interverrà anche il progettista Enrico Cantoni, che con Todero e Carcano ha siglato i più importanti successi dell’azienda nel dopoguerra. Dagli uomini si passerà alle motociclette, e in particolare alla prima Moto Guzzi prodotta in serie, la Normale #51 prodotta qualche settimana dopo 15 marzo del 1921, data della fondazione societaria della Moto Guzzi. Fresca di un meticolosissimo restauro, la Moto Guzzi Normale, prima di ritornare sulla pedana del museo, sarà avviata per la prima volta di fronte al pubblico e al cospetto del monumento dedicato a Carlo Guzzi, in p.za Leonardo Da Vinci. Maestro di cerimonia sarà Mirco Snaidero, il restauratore che l’ha riportata allo splendore originale sotto la soprintendenza dell’ing. Todero e del consulente storico della FMI prof. Augusto Farneti.
 
Il giorno seguente, domenica 16, le Moto Guzzi ritorneranno a rombare tra le strade di Mandello dalle ore 10, lungo il viale della Costituzione, sfileranno le moto delle collezioni Frigerio e Todero, in particolare la monocilindrica 350, la bicilindrica 500 e la sublime Otto Cilindri, oltre ad altre moto da competizione impegnate nel trofeo Moto Guzzi. 
L’apertura del museo al pubblico sarà replicata anche la settimana successiva in occasione della Giornate di Primavera FAI 2014, in programma il prossimo 23 e 24 marzo. La sezione provinciale del Fondo Ambiente Italiano ha selezionato lo stabilimento della Moto Guzzi come straordinario esempio di architettura industriale del novecento.
G.C.














Le GT tornano in pista a Monza
Nuovi test in preparazione delle gare di inizio aprile

Monza - Si intensificano i test sulla pista di Monza, in particolare per quanto riguarda le vetture GT, che apriranno la stagione sportiva 2014 dell'Autodromo i primi due week end di aprile. Venerdì 14 marzo è in programma un'altra giornata organizzata da Marzi Sport, riservata alle GT e a piloti titolari di licenza FIA valida per l’anno in corso. Una dozzina i team che hanno aderito ai test e una ventina le vetture attese in pista. Durante i test sarà sempre attivo un servizio di cronometraggio con transponder che darà la possibilità ai team di monitorare in tempo reale le classifiche e i tempi intermedi realizzati durante la sessione.
I team presenti venerdì 14 marzo: Antonelli Motorsport – Bonaldi Motorsport – Boutsen Ginion Racing – Forza Service – GT Corse – HTP Motorsport - Leipert Motorsport – MP Motorsport – Parker Racing – Rossocorsa – Target Competizioni – Vortex Competition.
Mercoledì 19 marzo è in programma un'altra giornata di test, riservati questa volta ai team e pilopti partecipanti al Ferrari Challenge. Serie internazionale che quest’anno vede gareggiare la nuova 458 Challenge EVO. I test sono in previsione del primo doppio appuntamento in programma proprio a Monza nel week end del 5 e 6 aprile.
G.C. 






------------------------------------------------------------------------------------------------------------









32^ Due Giorni della Brianza di trial
Grattarola a caccia del successo 

Oggiono –  Riflettori puntati nel week end di sabato 1 e domenica 2 marzo sulla Due Giorni della Brianza, che apre la stagione 2014 outdoor del trial. La 32^ edizione della classica organizzata dal Moto club Monza, avrà di nuovo lo scenario centrale presso lo Stendhal Sporting club di Oggiono, con partenze e arrivi di entrambe le tappe.


Dopo l’assenza dello scorso anno, al via stavolta ci sarà anche il campione italiano Matteo Grattarola con la Gas Gas del team Spea e la nuova casacca del gruppo sportivo della Polizia di Stato. Una presenza significativa quella del plurititolato trialista valsassinese, candidato numero uno al successo nella classica brianzola. Grattarola ha vinto l’edizione 2011 della Due Giorni, le ultime due le ha invece vinte il compagno di squadra delle Fiamme Oro, Daniele Maurino, alla caccia del terza affermazione consecutiva in sella alla Ossa.
Un’affermazione che lo collocherebbe nel ristretto cerchio dei nomi illustri, che si sono appunto affermati in Brianza, vale a dire James Dabil, dal 2006 al 2008, Juan Pons, dal 1995 al 1997 e Jordi Tarres, dal 1987 al 1989. Tutti piloti che hanno lasciato il segno sulle famose “zone” della Due Giorni brianzola, che come sempre proporrà il format di gara con tutte le categorie presenti. Un’occasione per esordienti e amatori per cimentarsi a fianco dei campioni del trial.
Circa centoventi i piloti attesi alla partenza.
Fra le novità della Due Giorni 2104, alcune zone nuove che vanno ad affiancarsi alle classiche prove di Oggiono Fiume, Bevera di Sirtori-Domino e le più recenti di prove Bagnolo e Baccanello. Il percorso toccherà anche Castello Brianza, Garbagnate Monastero e Molteno.
Formula di gara collaudata, un solo passaggio per ogni giornata. La prima tappa di sabato (partenza del primo concorrente alle 10.30) prevede 20 zone controllate, sviluppate su un percorso di 40 chilometri con un tempo ideale di 5 oro e 30 minuti, mentre la seconda tappa di domenica (partenza alle 8.30) propone 30 zone, con un trasferimento di 47 chilometri ed un tempo totale di 6 ore e 30 minuti. Anche quest’anno gli “Amici della Due Giorni” hanno voluto dedicare alla memoria di Giulio Mauri, ideatore e organizzatore per trent’anni della gara, il trofeo che andrà al vincitore assoluto. Pramizioni presso l'area di partenza e arrivo. 
G.C.







-----------------------------------------------------------------------------------------------------------







Il calendario 2014 dell'Autodromo di Monza   

Monza – Atteso dagli appassionati è stato diramato il calendario 2014 dell’Autodromo Nazionale di Monza, che comprende una decina di appuntamenti motoristici. A catalizzare l’attenzione sarà anche quest’anno il Gp d’Italia di F.1, in programma dal 5 al 7 settembre. Spiccano nella prima metà di aprile anche due eventi internazionali con le GT e la Formula Renault 3.5 World Series. 
Le monoposto saranno protagoniste anche nel week end a cavallo tra maggio e giugno con l’AutoGP. Interessante anche la seconda parte di stagione con diversi campionati in pista e gran finale con il Monza Rally Shoh, quest’anno in programma a fine novembre. Come già si sapeva, quest’anno non ci sarà il Gp riservato alle Superbike, ma la direzione dell’Autodromo sta già lavorando per adeguare la pista alle esigenze delle maxi moto e riportare di nuovo a Monza la tappa del mondiale.
Nel calendario presenti anche eventi come riserva, in particolare il mondiale WTCC, inserito come data nel week end del 22 giugno. 
Gli eventi

25-26 febbraio: Campus Orienta Salone dello Studente
4-5-6 aprile: Ferrari Challenge Trofeo Pirelli – Coppa Shell – Euro GT Sprint – Euro V8 Series
11-12-13 aprile: Blancpain GT Endurance Series – Lamborghini Blancpain SuperTrofeo – Formula Renault 2.0 NEC - Formula Renault 3.5
9-10-11 maggio: Evento Protezione Civile (da confermare)
14-15 maggio: Company Car Drive
25 maggio: 35ª Marcia Podistica pro Lega Italiana lotta contro i tumori – Ferrari Club Italia (pomeriggio)
30-31 maggio – 1 giugno: Racing Weekend 1: Campionato Italiano GT – Mini Challenge – Auto GP – Porsche Carrera Cup Italia - Seat Ibiza Cupra Cup – Michelin T. Car Cup
6-7-8 giugno: Acceleration 14 (da confermare)
14-15 giugno: 39° Festival dello Sport U.S.S.M.B.
20-21-22 giugno: WTCC – spare event
27-28-29 giugno: 24 ore bike
4-5-6 luglio: Renault 2.0 ALPS – Clio Cup Italia – RS Cup – Coppa Italia – Campionato Italiano Autostoriche Alfa Revival Cup – Targa Tricolore Porsche – Renault 1.6 ALPS Junior 2014
19 luglio: Monza Power Run
5-6-7 settembre: 85° FORMULA 1 GRAN PREMIO D' ITALIA 2014 – GP2 Series – GP3 Series – Porsche Mobil 1 Supercup
13 settembre: Marcia AIDS Running
14 settembre: Mezza Maratona di Monza (mattino) – Handbike (pomeriggio)
26-27-28 settembre: GT Open International Series – EuroFormula Open – European Radical Masters - Campionato Italiano Formula 4 – Seat Leon Eurocup – Formula 2000 Light
10-11-12 ottobre: Truck Emotion
24-25-26 ottobre: Racing Weekend 2: Campionato Italiano GT – Porsche Carrera Cup Italia – Formula ACI-CSAI Abarth/Trofeo F. Italia – Trofeo Nazionale Abarth – Campionato Italiano Prototipi – Ginetta G50 Cup/GT4 - European Series – C.I.T.E.
1 Novembre: UILDM 6 Ruote di Speranza
9 novembre: 3ª Ronde Vedovati Corse
15-16 novembre: Lamera Cup – Championnat d’Endurance
28-29-30 Novembre: 12° Monza Rally Show
Ulteriori info aggiornamenti e gare su: www.monzanet.it  
G.C.






------------------------------------------------------------------------------------------------------






La "3 Ore" di enduro  a coppie 
apre la stagione 2014 al Bordone di Bosisio

Bosisio Parini – Si apre domenica 23 febbraio la stagione motoristica 2014 al crossdromo Bordone di Bosisio Parini. Non sarà però la specialità del motocross ad accendere i motori ma una gara di enduro, con la “3 Ore” a coppie interregionale diventata oramai una tradizione d’inizio stagione dell’impianto lecchese.
Ad organizzare la prova il Moto club Parini del presidente Walter Gaiardoni, che anche quest’anno ha realizzato con il suo staff il tracciato di gara all’interno della pista di cross, riveduta sulla falsariga di una classica prova speciale di enduro. Dopo le prove di prima mattina, alle ore 11 sono fissate le prime partenze a gruppi di venti piloti, che si alterneranno sul tracciato fino alle 14.15, orario previsto di arrivo degli ultimi concorrenti. Ammesse alla gara le categorie Elite, Fuoristrada, Amatoriale e Motocross, inserite in un’unica categoria. 
Le squadre saranno formate da due e tre piloti, che avranno la possibilità di schierare due o tre moto, mentre la categoria Marathon vedrà alla partenza un singolo pilota sulla stessa moto. 
Al via un’ottantina di piloti, in rappresentanza di diversi Moto club lombardi, con il Parini, l’Oggiono, il Fast Team e l’Intimiano a catalizzare l’attenzione degli appassionati lariani. 
G.C.






-------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Allo start il 6° rally Franciacorta International Circuit
Da venerdì 14 a domenica 16 febbraio 96 equipaggi in gara sul tracciato bresciano. Ben 16 le vetture Wrc al via

Castrezzato - Sta per alzarsi il sipario sulla stagione rallistica 2014 in Lombardia, con la 6^ edizione del Franciacorta International Circuit che si presenta con un parco partenti di prim'ordine. Ben 96 equipaggi alla partenza, in una sfida tra rallisti e “pistaioli” che si annuncia spettacolare. E di questi tempi è già un successo. Partenza venerdì sera 14 febbraio e arrivo domenica 16 febbraio sono fissati nella storica Villa Mazzotti a Chiari, mentre le prove speciali sono in programma sabato e domenica  presso l’Autodromo “Daniel Bonara” di Castrezzato.


Il rally Franciacorta International Circuit è oramai un punto fermo nel panorama dei rallies italiani, un appuntamento che coniuga sport e spettacolo. Non è eccessivo, parlare di un vero e proprio “mundialito” di inizio stagione. La sesta edizione del rally Franciacorta International Circuit, è riuscita a raccogliere ben 16 le vetture Wrc al via, quasi tutte dell’ultima generazione e un numeroco ancora maggiore di  S2000, con anche diversi “nomi”. Saranno i classici “piatti forti” di una sfida che si annuncia tanto tirata quanto spettacolare. Riflettori puntati su Alessandro Re ed il suo debutto con la Citroen DS3 Wrc firmata D-Max, vettura gemella a quella del padre Felice, vincitore due anni fa. Il veloce pistaiolo Mirko Zanardini, trofeista Lamborghini sarà della partita con una Xsara Wrc, poi ci saranno Piero Longhi in coppia con Luca Cassol, il “Capitan Ventosa” di “Striscia la Notizia”, il suo “collega” Jimmy Ghione, oramai pilota di livello in pist (Campione Italiano 2013 nella categoria Energie Alternative) al debutto con la Skoda Fabia S2000, poi il veneto di Asiago Eddie Sciessere (Peugeot 306 maxi), il gentleman Franco Uzzeni (Ford Fiesta Wrc), il campione Svizzero 2013 Ivan Ballinari (Peugeot 207 S2000) e da seguire saranno anche i vari Freguglia e certamente i Donetto padre e figlio, che accenderanno una vera e propria sfida in famiglia. Il veloce vicentino Andrea Smiderle, la “vecchia conoscenza” Luca Tosini, Damiano De Tommaso (il primo Under 18 nella storia dei rallies italiani, attivo da due anni, diventato maggiorenne dallo scorso 5 febbraio) e la campionessa delle Energie Alternative Alessandra Brena vanno a completare un elenco iscritti decisamente qualificato, nel quale campeggia anche il nome dell’alessandrino Andrea Zivian con la sua Audi Quattro “storica”, sicuramente da ammirare sia fuori che dentro la pista. Dodici saranno i conduttori stranieri, cinque quelli con età inferiore ai 18 anni impegnati (Marco Pollara, Luca Bottarelli, Tamara Molinaro, Michele Mondin e la copilota Benedetta Bellingeri) conferma di “un’offerta agonistica” tanto eterogenea quanto di qualità.
Mancherà, in gara, il bergamasco Alex Perico, il vincitore del 2013, il quale farà comunque presenza come apripista con una Mitsubishi Lancer di Colombi, con una livrea dedicata al compianto Andrea Mamè, grande personaggio dell’automobilismo bresciano, estimatore del circuito e della gara, scomparso prematuramente lo scorso giugno a Le Castellet.
Non solo rally in pista
Ben 60 premi sono stati messi in palio per la lotteria prevista con l’evento. Il primo è decisamente importante, una vettura Mini One, grazie alla collaborazione con la Concessionaria Nanni Nember, il secondo è una moto Ktm Duke 200, questo con la collaborazione diretta di Ktm. A seguire vi sono altri premi decisamente attraenti, che valgono il costo del biglietto. La lista completa dei premi è visibile su: http://goo.gl/fqL0Hq
Il via e l'arrivo a Villa Mazzotti
La terra bresciana vive di motori da sempre. E’ una commistione di sapori e sensazioni unica, dovuta ad una storia inimitabile come quella della 1000 Miglia. Il 6° rally Franciacorta International Circuit partirà quest’anno da un contesto esclusivo, da dove è nata la “corsa delle corse”, la competizione della “freccia rossa”, a Villa Mazzotti (http://www.villamazzotti.it) a Chiari e lì sventolerà anche la bandiera a scacchi. E’ la degna cornice di un evento che nel suo specifico caso, ha pure esso segnato una traccia forte nell’automobilismo, unendo i rallies alla pista. Il format della manifestazione prevede le verifiche e lo shakedown nella giornata di venerdì 14 febbraio, seguite appunto dalla cerimonia di partenza e presentazione equipaggi a partire dalle ore 20,01. L’indomani, sabato 15, si inizierà a fare sul serio: prima le ricognizioni del percorso, poi gara, con la disputa di tre Prove Speciali (la lunga “Pirelli Long Run” di 20 km, da correre due volte, e la “Formula 2 Italia” di 15,900 km). Dopo il parco chiuso notturno, i duelli riprenderanno domenica 16 dalle ore 8 con la disputa di ulteriori due prove (la P.S. “Fix Design” di 11,800 km e la spettacolare P.S. “Mamè Group” di 3,600 km) al termine delle quali avrà luogo la cerimonia di premiazione, fissata nuovamente a Villa Mazzotti nel primo pomeriggio. I chilometri di distanza competitiva saranno 71,300 km, sui 118,420 km del percorso totale.
G.C.






-----------------------------------------------------------------------------------------------------------








80 candeline per Tino Brambilla
Monza ha festeggiato con una serata speciale alla presenza di numerosi ospiti di prestigio il suo campione, tra i piloti più amati dagli appassionati di auto e moto

Monza - Nel corso di una bellissima e affollata serata che si è tenuta presso Binario 7 a Monza, gli amici, i colleghi, i rappresentanti delle Istituzioni monzesi e la cittadinanza hanno festeggiato l’80° compleanno di Tino Brambilla, grande pilota e personaggio monzese che in una carriera durata più di 2 decenni, a cavallo tra anni ’50 e ’60, ha dato lustro allo sport motoristico di Monza.


Davvero lunghissimo l’elenco di piloti e di sportivi intervenuti, Giacomo Agostini, Fabrizio Pirovano, Virginio Ferrari, Andrea De Adamich, Bruno Giacomelli, Nando Cazzaniga, Patrizio Cantù, Gimax, Wainer Mantovani, John Gentry, Pino Pica e Peo Consonni, quest’ultimo oltre che discepolo e amico del Tino anche suo meccanico fin dai tempi della cosiddetta “Università della Birona”, dal nome della via in cui era situata la mitica officina dei fratelli Brambilla nel quartiere Cazzaniga di Monza.
Presente anche il giornalista Guido Meda, appassionato di rally e voce ufficiale fino alla scorsa stagione del campionato MotoGP.  Presenti anche il sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, accompagnato dal consigliere comunale Silvano Appiani, mentre l’Automobile club Milano era rappresentato dai consiglieri Bruno Longoni e Enrico Radaelli, quest’ultimo anche delegato Coni e presidente dell’Associazione Amici dell’Autodromo e del Parco. Non poteva mancare una delegazione dell’Autodromo Nazionale Monza, rappresentato dal dott. Alfredo Grandi, direttore Comunicazione e Immagine della pista monzese e dall’avv. Federico Bendinelli, che ha anche portato a tutti  i presenti ed in primo luogo al festeggiato i saluti del Presidente dell’Ac Milano Carlo Edoardo Valli e dell’amministratore delegato della Sias Fabrizio Turci.

Nel corso della serata sono stati proiettati video e immagini originali, che sono stati anche spunto per una carrellata di ricordi e di aneddoti per i quali Tino e Vittorio Brambilla, insieme al loro gruppo di amici, andavano famosi in tutta la città. Ancora oggi vengono infatti ricordate alcune delle loro “imprese” extrasportive, a cominciare da quando il Tino se ne partì da Monza con una Guzzi V7 con Doro Lucchesini praticamente seduto sulla targa posteriore, per andare a vedere il fratello Vittorio che correva a Vallelunga in Formula 2. Inutile dire che il circuito romano fu raggiunto in meno di 3 ore e mezza. E la serata è filata via così, veloce tra un ricordo e l’altro, tra un racconto e una testimonianza di quella che è stata un’epoca d’oro per lo sport monzese e italiano, una velocità che è stata una scelta di vita ed una filosofia che Tino Brambilla non ha mai tradito, neppure per un istante.


Del resto, a dargliene atto ed a rendergliene merito è stato il grande affetto con cui i suoi amici e la sua città hanno voluto essergli vicini per festeggiare questo ulteriore, importante traguardo della sua vita, amici che Tino ha ripetutamente ringraziato con commozione, soprattutto ricordando e avventure condivise con il fratello Vittorio, prematuramente scomparso qualche anno fa.
Non va dimenticato che Tino Brambilla, anzi i Brambilla erano anche dei grandi professionisti, le cui doti e le cui competenze erano ampiamente riconosciute ed apprezzate da tutti i più grandi costruttori di automobili, a cominciare da quell’Enzo Ferrari che teneva in grande considerazione i pareri del pilota monzese circa le auto da corsa che uscivano da Maranello, o dal conte Agusta che lo volle pilota ufficiale e per il quale Tino corse 6 anni, raccogliendo numerosi successi e titoli iridati.
E puntualmente queste sue doti gli sono state ancora riconosciute nei messaggi di auguri che sono stati letti e che sono stati inviati da personaggi del calibro di Frank Williams e di John Surtees, pluricampione del mondo di motociclismo e campione del mondo di Formula 1 nel 1964, con la Ferrari, anch’egli, come Tino, ugualmente bravo a destreggiarsi sia con le due che con le quattro ruote. Anche l’intervento del sindaco Scanagatti ha evidenziato la carriera sportiva di Tino Brambilla, e del fratello Vittorio, accomunati anche nell’aver saputo portare e valorizzare nel mondo il nome di Monza.




 
E’ stata poi la volta di alcuni regali, consegnati a Tino da parte degli amici dell’”Università della Birona”, da parte del Ferrari club di Vedano al Lambro, dell’Autodromo Nazionale Monza e della Ferrari, che ha fatto giungere un augurio del team principal Stefano Domenicali.
Il tradizionale spegnimento delle candeline ed il taglio della torta hanno coronato nel modo migliore una serata di intensa amicizia, suggellata da un brindisi con lo spumante ufficiale delle premiazioni dell’Autodromo Nazionale Monza, il prosecco “Dirupo” offerto dall’Azienda agricola Andreola di Farra di Soligo.
G.C.













Moto club Parini, da quasi quarant'anni in pole position
nella crescita dei giovani e dell'attività sportiva
Quasi 200 persone si sono ritrovate per la tradizionale coviviale nel corso della quale sono stati premiati i piloti che si sono distinti nelle gare di cross e enduro nel 2013

Bosisio Parini – La 37^ stagione sportiva del Moto club Parini, che è coincisa con la ripresa dell’attività agonistica a tempo pieno sul crossodromo Bordone, è stata festeggiata con una conviviale all'afgriturismo "Il Campo" a cui hanno partecipato duecento ospiti. I momenti bui delle sospensioni delle gare sono oramai alle spalle, anche se ora a mettere apprensione è la situazione economica che nel motorsport si è fatta allarmante soprattutto tra coloro che gareggiano per passione. Ma una festa non può prescindere dalle difficoltà per il futuro e così è stato anche in occasione della conviviale del Parini, tenutasi presso l’agriturismo “Il Campo”. A fare gli onori di casa il presidente Walter Gaiardoni, da 37 anni alla guida del sodalizio di Bosisio, che ha forgiato nel corso degli anni centinaia di promesse e permesso con la sua attività benefica di raccogliere fondi da destinare a istituti.



Ricordando gli albori del Moto club, Gairdoni non ha nascosto l’emozione, ma anche la soddisfazione nel vedere ancora ragazzi che escono dal vivaio pariniano e approdano nelle gare nazionali e internazionali. Ultimo della serie Riccardo Crippa, che nel corso della serata di festa ha confermato la partecipazione al mondiale enduro 2014 in sella alla Yamaha preparata da Roberto Gairdoni. Il diciannovenne pilota di Ello già quest’anno ha avuto modo di mettersi in mostra, conquistando il terzo posto negli Assoluti d’Italia, il quarto nell’Italiano Under 23 e soprattutto il quarto posto nell’Europeo. Con già alle spalle due partecipazioni alla Six Day, Crippa il prossimo anno sogna si poter piazzarsi tra i primi cinque nel mondiale di categoria.




Altra promessa che cresce bene è Lorenzo Corti, primo nell’Italiano e nel regionale minicross, e con lui altri ragazzini terribili. Una cinquantina i piloti premiati (sono 180 gli associati nel club; ndr) che hanno gareggiato quest’anno con i colori del Parini, conquistando un centinaio di podi nel cross e nell’enduro. Tra gli Expert, da segnalare anche il titolo regionale cross conquistato da Alex Gaiardoni con la Yamaha. A livello organizzativo il trofeo “Barazaghi” di motocross, serie interregionale ha catturato le maggiori attenzioni con una media di 180 piloti al via nelle cinque prove. Serie che verrà riproposta anche nel 2014, come pure la “3 Ore” a coppie di enduro che come tradizione aprirà la stagione a metà febbraio. In calendario anche un paio di meeting regionali di motocross.  
G. C.










 
Il Moto club Valsassina guarda al futuro 
con nuove ambizioni organizzative
Il presidente Arrigoni: "E' tempo di gettare nuove basi e continuare per conto nostro"

Primaluna - Dal mondiale trial all’europeo enduro d’epoca, la stagione 2013 del Moto club Valsassina è stata da incorniciare. Sia a livello organizzativo che agonistico, il Moto club valligiano ha raccolto soddisfazioni e consensi, con anche una crescita di associati, diventati ora circa duecento con la nuova sezione trial della Val Taleggio. Tante soddisfazioni, non possono che tramutarsi in nuove ambizioni, che non sorprendono più di tanto. Per il Moto club Valsassina - Primaluna l’anno da poco lasciato alle spalle è stato davvero speciale, con tanto di riconoscimento per lo sviluppo dell’attività anche a SportivamEnte, il galà dello sport lecchese istituito dall’amministrazione provinciale. Ma ora per il sodalizio presieduto da Rodolfo Arrigoni è arrivato il momento di andare oltre e guardare al futuro con nuove prospettive, annunciate nel corso della conviviale di fine anno tenutasi presso il ristorante “Al Clubino” di Cremeno, alla presenza di oltre centro persone tra ospiti, piloti e soci.

  

 “Le esperienze di questi anni nell’Italiano e nel Mondiale trial con il Mc Monza ci hanno permesso di crescere e gettare le basi per continuare ora da soli – dice Arrigoni -. E’ la nostra ambizione e crediamo che sia arrivato il momento di camminare per conto nostro. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno permesso raggiugere traguardi così prestigiosi, ma ora abbiamo la consapevolezza di andare oltre. Trial e enduro saranno sempre la base della nostra attività sportiva, che contiamo di allargare grazie alla nascita della nuova sezione del team trial Val Taleggio, formata da una trentian di ragazzi davvero appassionati. Per il 2014 partiremo con la richiesta di gare regionali, ma nel 2015 puntiamo a richiedere gare nazionali”.


La serata di Cremeno è stata anche l’occasione per un riconoscimento ai collaboratori e ai numerosi piloti che si sono distinti nel 2013, in particolare Mauro De Stefanis e Andrea Stucchi, sul podio nell’europeo e nell’italiano enduro d’epoca. Bene si è comportato anche Giorgio Faccinetto, quarto nell’Italiano. Nel Gruppo 2 da ricordare il terzo posto di Maurizio Aquistapace, con la squadra del Valsassina sul podio. Nel trial il migliore dei valsassinesi è risultato Giosuè Baruffaldi tra i Clubman. Una trentina i piloti premiati, tra i quali anche Emanuela Selva, protagonista nella Vintage. Scorrendo l’elenco dei premiati troviamo poi piazzamenti nell’italiano euduro epoca Sergio Gravagni, Ermanno Carini, Luca Invernizzi, Roberto Greppi, Filippo Camperio, Angelo Invernizzi, Mario Comi e Alessandro Greppi. Tra gli altri premiati del Gruppo 2, Gianni Maroni e Fabrizio Tarsia.
Per il trial altri premi sono andati a Marco Grossi, Rodolfo Arrigoni, Enrico Meloni e Paolo Grossi. Riconoscimenti sono andati anche alla famiglia di Moreno Mascheri, al team Bdc, agli sponsor e ai proprietari dei terreni, le famiglie Santafede e Invernizzi, che hanno permesso lo svolgimento delle gare di trial e enduro. A questo proposito il presidente Arrigoni e il vice Giuseppe Stucchi hanno anticipato che per la prossima primavera sarà disponibile e praticabile in moto per allenamenti e test il terreno privano adibito a tracciato ricavato nella zona di Primaluna e messo a disposizione della famiglia Santafede.
E’ una zona su cui contiamo di poter far crescere le nostre promesse e fare delle prove di allenamento, sempre difficile da fare in altri luoghi”.
Successivamente il Moto club Valsassina è stato premiato a SportivamEnte provincia a Lecco per la promozione dell’attività sportiva. A consegnare il premio nientemeno che il campione di trial di Margno, Matteo Grattorala. Con il presidente Arrigoni che non ha nascosto la propria emozione, dichiarando: “Per anni abbiamo sognato di poter annoverare nel nostro club Matteo, ma per vari motivi non è stato possibile. Ricevere questo premio dalle mani di Matteo non l’avrei mai pensato. E’ per tutti noi un motivo di grande soddisfazione e orgoglio”.
G.C.











Ai nastri di partenza il Monza Rally Show 
Da venerdì 22 a domenica 24 novembre il rally. A seguire il Masters Show sul rettifilo delle tribune. Tra gli iscritti Vale Rossi, Dindo Capello, Paolo Andreucci, Luca Rossetti, Antonio Cairoli e numerosi equipaggi lariani a caccia di un piazzamento di prestigio.

Monza - Conto alla rovescia per il 12° Monza Rally Show, che si aprirà nella giornata di venerdì 22 novembre che le verifiche e i primi test. Nell’attesa che la parola passi ai motori ed ai piloti, si è completato l’elenco degli iscrittia questo straordinario evento che, più di ogni altro, riesce a coniugare sport e spettacolo, divertimento ed impegno agonistico.


Come sempre basta scorrere il lungo elenco di equipaggi e di vetture: oltre al già annunciato Valentino Rossi ed al suo navigatore Carlo Cassina, plurivincitori del Monza Rally Show e del Masters’ Show negli scorsi anni, scenderanno in pista con i colori di Monster anche gli equipaggi formati da Roberto e Davide Brivio, e da Alessio “Uccio” Salucci e Mitia Dotta, tutti alla guida di vetture Ford Fiesta Wrc 1.6. Sempre dal mondo delle due ruote, ma questa volta dagli sterrati del motocross proviene un’altra delle star in gara, Antonio Cairoli, che quest’anno ha vinto il suo settimo titolo mondiale, e che al Rally gareggerà su una Citroen DS3 Wrc 1.6. Altro grande personaggio è Dindo Capello, che ha già vinto 5 edizioni del Rally e che anche quest’anno si presenta come uno dei favoriti per i gradini più alti del podio. Specialista delle gare di durata, tre volte vincitore, tre volte secondo e tre volte terzo alla mitica 24 Ore di Le Mans, quest’anno cercherà di incrementare il suo palmares monzese al volante di una Citroen WRC DS3 1.6. Suo compagno di squadra sarà Dani Sordo, pilota ufficiale WRC del team Citroen nel Campionato Mondiale.
In rappresentanza del rallysmo italiano saranno poi presenti Piero Longhi, navigato da Luca Cassol, l’ex “Capitan Ventosa”, su Ford Fiesta Wrc, Alessandro Perico su Citroen DS3 Wrc, affiancato dal navigatore Moreno Morello, Paolo Andreucci su Peugeot 207 S2000, Luca Rossetti su Skoda Fabia S2000 e Tobia Cavallini su Ford Fiesta Wrc. In totale il Monza Rally Show 2013 vedrà quindi al via 23 vetture Wrc, 30 Super 2000 e numerose altre delle classi R3C, R3T, R4 ed N4. Anche la nuova categoria R5 avrà alla partenza tre Ford Fiesta in rappresentanza.


A Monza la presenza lariana sarà capitanata dal  Team A-Style, presente in forze. Con una Ford Fiesta Wrc gareggerà l’empolese Tobia Cavallini che con la versione più potente del modello di casa Ford ha disputato la stagione nel Trofeo Rally Asfalto; insieme al pilota di Cerreto siederà in abitacolo Andrea Rossetto come già accaduto in altre occasioni del “Monza”. Come nel 2012, saranno due le Fiesta Wrc del team di Porlezza al via del Monza Rally Show: l’altra World Rally Car 1600cc sarà affidata a Mirko Puricelli e Gabriele Falzone, secondi assoluti solo due settimane fa alla 2°Monza Ronde; ormai coppia affiatata, il driver elvetico e il copilota varesotto cercheranno di ottenere il massimo nella loro affollata e qualificata categoria.

Sulla sponda lecchese la scuderia Abs Sport va a caccia del riscatto a Monza. Dopo la delusione di settimana scorsa al Monza Ronde, la scuderia oggionese il prossimo week end torna a Monza per il Rally Show con tre equipaggi in cerca di gloria sulla storica pista brianzola. Tra i circa cento equipaggi in gara nel Monza Rally Show 2013, in programma da venerdì 22 a domenica 24 novembre, nel consueto format di prove speciali ricavate sulla pista da Gran premio e la storica sopraelevata, contano di ritagliarsi uno spazio di prestigio anche tre equipaggi della scuderia Abs Sport. Le maggiori attenzioni sono rivolte ad Andrea Spataro e Dario Novelli, iscritti con la Peugeot 207 Super 2000 della Pool Racing. Per la promessa dell’Abs Sport il Monza Rally Show è oramai una presenza abituale. La gara monzese è tra le più gradite di Andrea, in virtù delle prove speciale che si adattano al suo stile di guida spettacolare. A sorpresa rientra alle gare sul palcoscenico di Monza dopo 2 anni di inattività agonistica l’esperto Paolo Previati, in coppia con Arianna Barazzetti sulla Citroen DS3 in versione R3T.  Con un’altra Citroen DS3 preparata dalla BP Racing sarà al via anche Beppe Tobia, navigato per l’occasione dal toscano Francesco Pellicciotti. A completare il gruppetto un altro navigatore Abs Sport, Matteo Sala, che per l’occasione gareggerà a fianco di Massimo Colombo sulla Peugeot 207 Super 2000 della Nico Racing.


Le Storiche per la prima volta al Monza Rally Show. Alla partenza anche alcune delle vetture che hanno dominato i campionati Rally degli ultimi quarant’anni. Sono venti le auto, divise in tre raggruppamenti, in base all’anno di costruzione, che prenderanno il via, partecipando alle stesse prove speciali affrontate dalle vetture attuali, percorrendo un totale di 85,250 km sul totale dei 155 in programma. Le auto del 2° raggruppamento appartengono agli anni tra il 1972 ed il 1975; quelle del 3° raggruppamento vanno dal 1976 al 1981, mentre le auto dal 1982 al 1985 fanno parte del raggruppamento Periodo J1/Classic. Ci sarà così modo di rivedere in azione le mitiche Lancia Rally 037, le Porsche 911S, RS, RSR, CS, SC e SCRS, oltre alla Mercedes 190 ed alla Fiat Abarth 131 Rally. Al volante autentici assi della pista e dei Rally, cominciando da Alex Caffi, Pierlorenzo Zanchi, Salvatore Riolo, Luca Pedersoli, per finire con il grande Miki Biasion, due volte campione mondiale Rally nel 1988 e 1989 con la Lancia Delta integrale, e che qui torna a bordo della Lancia Rally 037 da lui guidata nei primi anni ’80. Apripista della manifestazione, per quanto riguarda il Monza Rally Historic Show sarà Andrea Aghini al volante di alcune prestigiose vetture, la Fiat 131 Abarth nella livrea ‘Olio Fiat’, la Lancia Delta Evoluzione nella livrea ‘Martini’, la Lancia Stratos gruppo 4, la Renault 5 turbo Gr4 nella livrea ‘Ragnotti’ e la Ford RS 200 gruppo B.

Il programma della manifestazione, con le prove speciali in programma da venerdì 22 a domenica 24, segue la tradizione, però con la grossa novità di proporre insieme al Monza Rally Show e al Masters’ Show, anche il Monza Rally Historic Show, che si sta sempre più conquistando una propria caratterizzazione quale evento vero e proprio da affiancare alla manifestazione “moderna”, con vetture e piloti di richiamo internazionale.
Giovedì 21: verifiche sportive e tecniche in mattinata e dalle 12:00 alle 16:20 vetture da gara in pista, per lo shakedown che sarà un’occasione per saggiare la pista da parte dei piloti.
Venerdì 22: mattina dedicata alle ricognizioni delle prove, ma con vetture stradali, mentre le vetture da gara scenderanno in pista dalle 15:03 per la Grid Exhibition, vale a dire lo schieramento in Pit Lane di tutte le vetture e gli equipaggi per la successiva partenza della gara prevista alle 16:03. Il pubblico potrà scendere in corsia box ed ammirare da vicino le “operazioni” pre-gara. Quindi partenza e prime due prove speciali del Monza Rally Show praticamente in notturna, dato che la prima vettura partirà per la prova speciale n.1 alle 16:30.
Sabato 23: si disputeranno ben 5 prove speciali con le vetture in pista dalle 8:30 fino alle 20:00 circa.
Domenica 24: ultime due prove speciali del Monza Rally Show dalle 8:30. Nel poco tempo a disposizione durante la premiazione del “rally”, il rettifilo centrale verrà trasformato in un difficile percorso dove, a partire dalle ore 13:45 ca, i migliori equipaggi di ogni raggruppamento si sfideranno per il Masters’ Show che anche quest’anno verrà trasmesso in diretta TV da Raisport.
Saranno quattro giorni intensi, con tante manifestazioni di contorno, come l’esposizione di prestigiose vetture storiche, la mostra fotografica sul Rally di Monza e l’interessantissima mostra di tute da gara, a completare le quali non mancherà nemmeno quest’anno l’Exhibition Area.
G.C.












Il Fast Team in festa con i suoi campioni

Calolzio - Festa di fine stagione per i soci dell’associazione sportiva dilettantistica Fast Team si sono ritrovati presso il bar Ermete a Calolzicorte per festeggiare il titolo di squadra campione d’Italia Raid TT 2013. Un altro titolo nazionale per la squadra fondata nel 1996 dal presidente Riccardo Valsecchi  e dai soci Lorenzo Lorenzelli e Simone Russo, con il fine di incentivare l’attività motociclistica. In questi anni l’associazione si è dedicata principalmente al settore Motorally partecipando , oltre ai campionati italiani, alle principali manifestazioni internazionali quali Parigi- Dakar, Rally dei Faraoni, Rally Tunisia conquistando diversi titoli italiani sia a squadre che individuali nel Motorally e Raid TT nazionali. Nel 2013 i piloti Fast Team hanno partecipato alla Dakar, svoltasi in Sudamerica, ai campionati italiani Motorally e Raid TT organizzati da FMI, al Marzouga rally in Marocco, al Supermoto Italian Trophy Msp e all'Italiano Cross Countr


 
Nei tricolori Motorally e Raid TT sono arrivati i titoli individuali per Andrea Mancini, Paolo Pettinari e Paola Riverditi e il titolo a squadre nella speciale classifica riservata ai Team.
In campo internazionale da ricordare il terzo posto al mondiale per Filippo Ciotti e il secondo nella classifica femminile per Paola Riverditi al Sardegna Rally Race, nonchè la partecipazione al Marzouga rally in Marocco dei piloti Alberto Mauri e Andrea Valsecchi. Alla Dakar 2013 ha invece preso parte Andrea Fesani, costretto al ritiro ma ugualmente soddisfatto della partecipazione.
Nel Supermotard i migliori risultati sono arrivati dal giovane Giacomo Spreafico, che si è ben classificato nella classifica SM2 vincendo alcune prove del campionato, mentre nel campionato Cross country Stefano Valsecchi ha conquistato la classifica assoluta e la categoria Pro dominando tutte le gare disputate.
Nel corso della festa dei titoli nazionali del team calolziese  è stato ricordato il socio Maurizio Zucchetti, scomparso tragicamente duranta una tappa di trasferimento delle prova di campionato Motorally di San Severino Marche che, fin dalla costituzione dell’Asd Fast Team nel 1996, ha rappresentato l’associazione in campo nazionale ed internazionale vincendo sette titoli italiani nella classe bicilindrica con la Morini e partecipando al Rally di Tunisia.


Prima di concludere la stagione i piloti del Fast Team saranno protagonisti domenica 17 novembre del classico appuntamento autunnale cross contry, organizzato dal Moto club Oggiono, di cui il team calolziese fa parte. Un partecipazione che è anche una passerella un modo per ringraziare gli sponsor che hanno sostenuto l'intensa stagione agonistica del Fast Team.
L'enduro cross country di Oggiono, gara a inviti, vedrà alla partenza un centinaio di piloti. In palio il memorial “Matteo Campana”, organizzato dal Moto club Oggiono. Il via è previsto alle ore 10, presso il centro sportivo Bersaglio: in programma 6 giri di circa 4 km da percorrere nei prati su terreni privati attorno alla cittadina brianzola. Attorno alle 16 l’arrivo.
G.C.









E' sempre Primavera nel Gruppo Piaggio 
Novità a raffica con i vari marchi allo stand del Gruppo Piaggio a Eicma 2013

Milano - Numerose come sempre le novità presentate dal  Gruppo Piaggio, primo costruttore europeo, EICMA 2013, la cui regina è stata la nuova Vespa Primavera. Una Vespa completamente nuova che segna il ritorno di un nome che è rimasto nella leggenda e nella cultura giovanile, sin dalla sua prima apparizione nel 1968.
Novità sia nelle gamme scooter, che si completano con nuovi elementi di stile e nuove funzionalità, sia tra le moto con i marchi Moto Guzzi e Aprilia le cui proposte per il 2014 si arricchiscono di nuove versioni.  Il Gruppo Piaggio si è presentato a Milano accompagnato dall’entusiasmo del recentissimo titolo mondiale Costruttori conquistato nel Mondiale SBK. Una conferma dello straordinario livello di competitività di Aprilia Racing, il reparto corse del Gruppo che con questo ha conquistato 5 titoli mondiali SBK (3 Costruttori e 2 Piloti) nelle ultime 4 stagioni, portando a 52 il computo totale dei Mondiali vinti. Un palmares che fa di Aprilia uno dei marchi più vittoriosi nella storia del motociclismo.

VESPA PRIMAVERA




(Foto: la nuova Vespa Primavera presentata al Salone di Milano)

Primavera è un nome mitico nella storia di Vespa che ritorna forte dei valori che, era il 1968, decretarono il successo planetario della prima versione. Giovane, innovativa, tecnologicamente all’avanguardia, agile e dinamica, attenta alla salvaguardia dell’ambiente nel quale è protagonista, Vespa Primavera nasce protagonista del suo tempo, ereditando tutta la freschezza e la gioia di vivere che si accompagnano alla storia di un modello rimasto mitico nell’albero genealogico di Vespa. Design radicalmente nuovo, nuova scocca in acciaio, nuove dimensioni, sempre agile ma ancora più stabile e confortevole grazie alle nuove misure e alle ruote da 11”, Vespa Primavera rinasce, spinta dalle modernissime ed ecologiche motorizzazioni 50 2T, 50 4T, 125 3V e 150 3V. La nuova Primavera fa sue alcune delle soluzioni stilistiche e tecniche di Vespa 946, il modello più prezioso e tecnologicamente avanzato mai concepito. La nuova Primavera arriva in uno dei momenti più felici della storia di Vespa, nell’anno che ha segnato anche il debutto della 946.
Le vendite del marchio Vespa nei primi nove mesi del 2013 hanno infatti raggiunto nel mondo la quota di oltre 146.600 unità, per una crescita del 21,3% rispetto alle 120.900 unità vendute da gennaio a settembre dello scorso anno. Si tratta di un’ulteriore conferma della straordinaria progressione del marchio Vespa: dal 2004, quando le vendite complessive raggiunsero 58.000 unità, si è passati alle 100.000 del 2006, alle 122.000 del 2009 e alle 165.000 Vespa prodotte del 2012, record che si accinge a essere superato nel 2013.  
 
MOTO GUZZI


(Foto: La nuova MG V7 Racer)

Moto Guzzi, oltre alla gamma California 1400, modello emblema della casa di Mandello del Lario, presenta in anteprima la gamma V7 MY 2014.  La novità in comune è di matrice tecnica: un nuovo volano in bagno d’olio sostituisce il precedente alternatore a secco, modificando leggermente il frontale del bicilindrico a V di 90° grazie a un nuovo coperchio dall’aspetto più compatto e gradevole.
MG V7 Stone: Eclettica, essenziale, la V7 Stone riceve un make-up che esalta la sua natura minimalista. Il concetto guida è stato quello di convertire la più accessibile delle V7 a un look total-black, trasformando le cromature in nero, con l'unica eccezione del motore, che conserva i toni cromatici delle leghe di metalli e la lucentezza dell'impianto di scarico. Su tutto il resto della moto, dagli specchietti retrovisori agli ammortizzatori, dai parafanghi alle ruote, fino ai fianchetti, è così il trionfo del nero. Con un look così, è sufficiente cambiare colore al serbatoio per mutare la personalità della moto: sportiva nel nuovo “Rosso Corposo”, elegante nel satinato “Verde Agata” e, metropolitano nell’apprezzatissimo “Nero Ruvido”.
MG V7 Special: tra le V7 è quella più vicina allo spirito originale della sua progenitrice, a cominciare dalla sua grafica, battezzata “Essetre” come la V750 del 1974 che introdusse, per la prima volta su una Moto Guzzi, i freni a disco. La V7Special è disponibile su due basi cromatiche: in argento metallizzato con fasce nere, elegante e raffinata, oppure, in nero con fasce arancioni che riedita fedelmente l’accostamento di colori della celebre antenata.Su entrambe il logo sul serbatoio è quello storico in rilievo mentre i cerchi delle ruote sono in finitura neraanziché cromata. Diversamente dalla Stone e dalla Racer, la V7 Special ha una protezione agli steli forcella anziché i soffietti para-polvere che equipaggiano le sorelle.
MG V7 Racer: Prodotta in edizione numerata come rivela la targhetta celebrativa posta sulla piastra superiore di sterzo, la V7 Racer giunge alla sua terza edizione. La riconoscibilità è immediata: anche per lei nuovo look total-black applicato ai fianchetti, agli specchietti, alla staffa di supporto dei silenziatori e alla protezione delle pedane.
Il risultato è uno scenografico contrasto con il lucidissimo serbatoio cromato da 22 litri. Rimanendo in tema di numeri, sulle tabelle del cupolino e del codone rimane il numero “7” (che in Moto Guzzi fu caro al campione del mondo 250 Enrico Lorenzetti), ma ora è cromato anziché bianco. Nuova è anche la sella monoposto (ma sono disponibili a richiesta la sella bi-posto e le pedane passeggero) rivestita di alcantara e skai dello stesso colore della cinghia incuoio personalizzata con il logo Moto Guzzi che capeggia sul dorso del serbatoio. Sempre scenografico il telaio di colore rosso ispirato a quello della prima serie di V7 Sport con telaio al CrMo, frutto di uno speciale trattamento di verniciatura, esteso anche ai mozzi, ruota e forcellone, che esalta la purezza architettonica del telaio. Rossa è anche la scritta Moto Guzzi che ora compare sulle ruote, esattamente come già visto sull’ultima California Custom.

APRILIA



(Foto: Marco Melandri e la nuova Aprilia  RSV4)

Tutta la sportività del Campione del Mondo Costruttori SBK nella Gamma 2014. Tuono V4 R ABS, la supernaked per eccellenza direttamente derivata dall'eccezionale RSV4 pluricampione del mondo SBK. Per la versione 2014 della Tuono V4 R, molte le novità rispetto al modello precedente, tra cui la presenza dell'evoluto sistema racing ABS regolabile su 3 livelli d'intervento e escludibile. Oltre a questo la moto guadagna potenza e coppia massima (170 CV) del suo prestigioso motore a quattro cilindri a V di 65°, una ulteriore evoluzione del già unico e raffinatissimo pacchetto di controlli elettronici APRC, un nuovo serbatoio del carburante più capiente (18,5 litri) e meglio conformato per permettere un miglior feeling del pilota nella guida. Inoltre, al fine di agevolare il comfort e la guida su strada, sono state sostituite le sospensioni con elementi nuovi e con una nuova sella più comoda e imbottita (anche se ovviamente essendo ultraregolabili permettono di trovare il miglior setup possibile per sfruttare al massimo in pista le doti ciclistiche di cui è capace la Tuono). Un altro aspetto interessante è che malgrado le notevoli migliorie, non cambia il prezzo. Colori disponibili: bianco o nero. RSV4 R ABS e RSV4 Factory ABS rappresentano quanto di meglio un motociclista possa ambire nel segmento delle moto supersportive. Aprilia RSV4 è il modello da cui strettamente deriva la moto Campione del Mondo Costruttori nel WSBK 2013 e cinque volte Campione del Mondo Superbike nelle ultime quattro stagioni, un concentrato di tutto il know how di cui dispongono gli ingegneri di Noale, forte dell'esperienza acquisita in anni di competizioni vincenti ai massimi livelli. Non c'è moto più competitiva, più evoluta, più raffinata ed efficace di questa.  L'ultima versione guadagna più potenza e coppia massima (184 CV) espressi dal suo motore quattro cilindri a V stretta (un pezzo unico nella produzione mondiale), un pacchetto di sistemi elettronici APRC ancora più evoluto, un nuovo e più efficace impianto frenante, un diverso più capiente e ergonomico serbatoio. Per il 2014 arrivano nuove accattivanti grafiche per entrambe le versioni di RSV4. RSV4 R ABS è disponibile in due colorazioni: nero opaco o rosso Formula. La RSV4 Factory ABS, la più sofisticata e preziosa delle due, è disponibile nella nuova variante cromatica nero Assoluto. Anche in questo caso i prezzi delle due versioni non cambiano rispetto ai modelli precedenti, malgrado le notevoli migliorie tecniche.
G.C.






-------------------------------------------------------------------------------------------------------------






 
71° Salone Internazionale del Motociclo di Milano
Dal 7 al 10 novembre presso la Fiera di Milano si tiene la rassegna espositiva motociclistica più importante del 2013 con ben 1.400 espositori di 38 Paesi provenienti da ogni parte del mondo.

Milano - Il Salone dell'eccellenza.  La 71° Esposizione Internazionale del Motociclo (in programma dal 7 al 10 novembre presso la Fiera di Milano – Rho), vede presenti ben 1.400 espositori provenienti da ogni parte del mondo. Alla cerimonia di apertura, tenutasi presso il Centro Congressi Stella Polare di Fiera, è intervenuto il Presidente di EICMA S.p.a. Antonello Montante, il vice presidente del Consiglio dei Ministri Angelino Alfano e il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni.

(Foto: il vice presidente del Consiglio dei Ministri Angelino Alfano con il presidente del Gruppo Piaggio Roberto Colaninno e il pilota Marco Melandri all'inagurazione della rassegna)

EICMA 2013 conta su 280.000 mq di superficie espositiva tra interno ed esterno, ospita 1.408 marchi, in rappresentanza di 38 Paesi, quattro delegazioni (Cina, Taiwan, USA, e Gran Bretagna) allʼinterno di 6 Padiglioni nei quali sono esposte anteprime mondiali ed europee del settore delle due ruote. Inoltre questʼanno si amplia anche lʼofferta per momenti B2B: la nuova piattaforma Match Making, a disposizione di tutti gli espositori a titolo gratuito. Il servizio offerto consiste nella possibilità di individuare i professionisti del settore e organizzare un incontro conoscitivo e/o commerciale, per ottimizzare al meglio la propria presenza allʼEsposizione.
Tra le novità di questa edizione, torna dopo qualche anno dʼassenza lʼappuntamento con la Rosa dʼinverno, storico raduno motociclistico che porterà i centauri in fiera domenica 10 novembre.
E come sempre lʼagonismo di alto livello di “MotoLive” (con 80.000 mq interamente dedicati alle performance di piloti e artisti delle due ruote) sarà il cuore all'aperto del Salone milanese.
I visitatori troveranno anche il “The Green Planet“, uno spazio riservato alla mobilità sostenibile con il mondo dellʼibrido e dellʼelettrico; “EICMA Custom”, unʼarea espositiva interamente dedicata agli appassionati del custom e veri e propri artisti delle personalizzazioni e lo spazio Sicurezza che in questa edizione è promossa direttamente da Confindustria ANCMA, lʼAssociazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori.
Il Salone 2013 è doppiamente importante perché sfrutta l'assenza di Colonia, rassegna che si tiene ogni due anni, e perché il mercato italiano delle 2 ruote a motore è il più importante a livello europeo.
I dati relativi ai mezzi circolanti sulle strade italiane e il confronto con il resto dʼEuropa raccontano che circa un quarto è concentrato nel nostro Paese. In Italia circolano 8.600.000 veicoli a 2 ruote, di cui 2.170.000 ciclomotori e 6.430.000 motocicli. Per ciclomotori sʼintendono i “cinquantini”.
Per quanto riguarda le vendite, nel 2012 il mercato si è fermato a 255.269 veicoli (-21,8%).
Nonostante la crisi economica, lo stato dellʼimport/export evidenzia una importante vitalità del mercato italiano, particolarmente orientato a rispondere alle richieste dei mercati esteri. Nel corso del 2012 sono stati esportati allʼestero circa 412.100 veicoli (il 23% sono ciclomotori), per un giro dʼaffari di 1 miliardo e 325 milioni di euro, a fronte di unʼimportazione di circa 233.600 veicoli (ciclomotori per il 28%), per un valore economico di 544.300.000 di euro.
Il giro dʼaffari dei costruttori che hanno propri impianti di produzione in Italia è quantificabile in 3 miliardi e 700.000 euro (il 53% del fatturato europeo); le aziende che hanno sede in Italia impiegano circa 15.000 addetti (il 56% della manodopera europea). Ancora più rilevante il turnover dei costruttori di parti e componenti per il mercato delle 2 ruote: 1 miliardo e 600.000 euro (66% del giro dʼaffari europeo) e 14.600 addetti (71% del personale impiegato in tutta Europa).
G.C.















Monza: gran finale di stagione in pista 
con i Campionati Italiani Aci Csai
Porte aperte il prossimo week end per la finale dell'Italiano GT. In pista anche i Prototipi, le Formula Abarth e i monomarca Porsche, Mini, Ginetta e Cinquecento

Monza - Si annuncia un week end spettacolare a Monza in occasione dell'ultimo appuntamento del campionato Italiano Gran Turismo. L'Autodromo anche per questa occasione propone l'ingresso libero sabato 19 e domenica 20 ottobre: un'occasione imperdibile per seguire da vicino la tappa finale dei tricolori Aci-Csai, che sulla pista brianzola elegeranno i campioni 2013.


Nella classifica generale della classe GT3, infatti, ben tre equipaggi sono racchiusi in appena otto punti e tutti con le identiche possibilità di iscrivere il proprio nome nell'albo d'oro della serie tricolore. Comandini-Colombo, Postiglione-Lucchini e Venturi-Maino si giocheranno tutto nelle due gare finali al volante, rispettivamente, di BMW Z4, Porsche GT3R e Ferrari 458 Italia, le migliori vetture viste in pista quest'anno.
Dopo le due combattutissime gare di Vallelunga di metà settembre, al vertice della classifica generale sono balzati Stefano Comandini e Stefano Colombo, al volante della BMW Z4. I portacolori del ROAL Motorsport hanno effettuato una splendida rimonta dopo le incertezze dell'avvio di stagione, culminata proprio sul tracciato romano nel penultimo appuntamento stagionale, che li ha visti grandi protagonisti con un primo ed un secondo posto. Due vittorie all'attivo, entrambe maturate nella seconda parte del campionato, e tutte le gare a punti hanno permesso all'equipaggio BMW di conquistare a sorpresa, ma meritatamente, la testa della classifica GT3. Il valore dei due piloti, infatti, non si discute. Stefano Colombo, 22enne piemontese, è il campione in carica della GT3, dopo che lo scorso anno in coppia con Thomas Biagi aveva fatto suo il tricolore GT sempre al volante della vettura bavarese. Stefano Comandini, invece, è un pilota romano di grande esperienza maturata in tanti anni di monomarca e con tanta grinta da vendere.
Staccato di un solo punto in classifica c'è l'equipaggio composto da Vito Postiglione e Luigi Lucchini, che hanno occupato la leadership del campionato fino alle ultime due gare di Vallelunga. I piloti dell'Ebimotors hanno portato la loro Porsche GT3R due volte sul gradino più alto del podio e hanno condotto una stagione molto regolare che li ha visti conquistare anche un secondo e tre terzi posti. Il pilota di punta della compagine lombarda è il potentino Vito Postiglione, campione in carica della Porsche Carrera Cup Italia e vincitore nel 2007 del Challenge Ferrari, ma al suo fianco il team principal Enrico Borghi ha messo un giovane di grandi speranze, Luigi Lucchini, che ha dimostrato in più occasioni notevoli doti di guida. Il terzo equipaggio in lizza per l'alloro tricolore è composto da Mirko Venturi e Tommaso Maino, al volante della Ferrari 458 Italia. I portacolori del Black Bull Swisse Racing sono saliti per ben tre volte sul gradino più alto del podio, ma in un paio di gare sono incappati in prestazioni alquanto sfortunate senza conquistare alcun punto. Il top driver della squadra elvetica è il reggiano Mirko Venturi, uno dei migliori piloti italiani di vetture gran turismo, coadiuvato da Tommaso Maino un gentleman driver che ha fatto delle corse automobilistiche la sua grande passione.



Di grande prestigio anche le tre vetture che sono in lizza per la vittoria finale. La BMW Z4 di Comandini-Colombo ha messo in evidenza un grande assetto ed una notevole velocità in curva. Merito del suo grande telaio e di un assetto che ha permesso all'equipaggio del ROAL Motorsport di guadagnare molto nei tracciati guidati ma di non essere molto performante sui tracciati veloci.
Circuiti veloci che si addicono, invece, alle altre due avversarie, la Porsche GT3R di Postiglione-Lucchini e la Ferrari 458 Italia di Venturi-Maino, vetture dotate di grande aerodinamica e di motori molto potenti. I lunghi rettifili di Monza daranno qualche vantaggio a questi due equipaggi, ma tutte le precedenti edizioni del tricolore GT hanno riservato colpi di scena e sorprese a non finire, con titoli assegnati all'ultima curva dell'ultima gara della stagione. Giochi già fatti, invece, nella classe GT Cup dove il titolo è già stato assegnato con due gare di anticipo alla coppia composta da Fabio Babini e Riccardo Bianco. I portacolori del GDL Motorsport, al volante della Porsche 997, hanno dominato la stagione che li ha visti per ben cinque volte sul gradino più alto del podio. Con l'alloro tricolore già vinto, a Monza tutti gli occhi saranno puntati sul duello per il titolo di vice campione che vede interessati Marco Magli, Adriano Pan e Vincenzo Donativi, tutti su Porsche 997.
Gran finale anche per gli altri campionati ACI-CSAI delle monoposto addestrative di Formula Abarth, nelle quali si è già laureato campione il 18enne varesino Alessio Rovera, e dei Prototipi dove è ancora tutto da decidere tra il primo in classifica Faccioni con 184 punti e Uboldi con 183, entrambi su Osella. All’epilogo anche quattro interessanti campionati monomarca: quello riservato alle Porsche Carrera e quello dei modelli G50 omologate GT4 dello storico costruttore inglese Ginetta a cui si aggiungono le berlinette stradali del Mini Challenge e le 500 Abarth del Trofeo Italia&Europa. Il Racing Week End, per il quale è previsto l’ingresso gratuito e il libero accesso al paddock, chiude la stagione della velocità dell’Autodromo che già da ora si concentra sullo spettacolare e ormai classico Monza Rally Show, in programma dal 22 al 24 novembre.
G.C.













Ai nastri di partenza il 32° Trofeo Aci Como, 
prova finale del Trofeo Rally Asfalto
L'atteso rally lariano è in programma sabato 19 ottobre. In programma 9 prove speciali

Como - Conto alla rovescia per l'edizione 2013 del rally 32° Trofeo Aci Como, prova finale del TRA, in programma venerdì 18 (verifiche e shakedown) e sabato 19 ottobre. Un rally che si propone amche quest'anno con l'etichetta tricolore, in una sintesi tra modernità e tradizione nel pieno rispetto dei dettami statutari dell'Automobile Club Como che intende valorizzare e promuovere lo sport dell'automobile con un evento di notevole validità e dalla storia prestigiosa.
La gara - presentata nell'elegante ambientazione Gran Hotel Villa d'Este a Cernobbio - vede riconfermata la sua prestigiosa validità quale quarta delle cinque tappe del Trofeo Rally Asfalto, gara a massimo coeff.1,5 sia per il TRA sia per il Challenge di zona 2-3. Attesi al via una sessantina di equipaggi, con le vetture Wrc a catturare l'attenzione.




Due sono le scelte operate dal comitato organizzatore con il preciso intento di ottimizzare e ridurre tempi e costi di svolgimento della gara: mantenendo Como come città fulcro dell'evento - verifiche sportive e tecniche e cerimonia d'arrivo il sabato sono fissate nel magnifico anfiteatro naturale di Piazza Cavour - in questa edizione si corre nella sola giornata di sabato 19 ottobre nell'area geografica dell'Alto Lario, Valle Cavargna e Valle d'Intelvi (mantenendo a 125 km. le prove, torna la stupenda speciale di Schignano) Ogni scelta di percorsi/orari è stata condivisa con gli Enti locali, Forze dell'Ordine e le variazioni sono state operate per intercettare l'esigenza degli equipaggi in un periodo di contenimento degli esborsi, limitando le ore di impegno di equipaggi/team e organizzatori, ma mantenendo inalterato il valore dell'evento e la qualità e lunghezza delle prove speciali. Il rapporto tra i Comuni del Triangolo Lariano e l'Aci Como resta eccellente: la pausa dell'edizione 2013 al transito da Erba, Bellagio, Ghisallo o Piani del Tivano è da considerarsi temporanea.

In un solo giorno 9 prove speciali
Alta la qualità tecnica delle prove, elementi innovativi si intrecciano con un assetto consolidato per un evento che mobilita quattro porzioni del territorio comasco: il capoluogo Como, la Valle d'Intelvi, la Valle Cavargna e l'Alto Lario comasco. A Como le fasi preliminari di gara (verifiche sportive e tecniche) e il gran finale della cerimonia di premiazione abbinato all'arrivo sul palco di Piazza Cavour. Tra le nove prove speciali, c'è un grande ritorno: è la prova di Schignano, una salita tecnica teatro di grandi sfide negli anni Ottanta, divenuta anche sede di slalom. A ciò si aggiungono le stupende prove dell'Alpe Grande in Valle Intelvi e la meravigliosa Valle Cavargna, percorsa due volte in configurazione lunga (da speciale di caratura mondiale, di 29,72 km) ed una volta ridotta ma pur sempre di 22,63 km.. In tutto quasi 125 km di prove speciali con un percorso totale di 400 km. ed un innovativo shakedown a Gravedona, a due passi dal posizionamento delle assistenze a Gera Lario, borgo lacustre raggiungibile facilmente percorrendo la statale orientale lariana, Lecco-Colico. Chi cerca una gara divertente, attenta ai costi e spettacolare trova un'ottima opportunità a Como per esprimere la propria passione rallystica e talento di guida.

Una promozione del territorio lariano
"La svolta che abbiamo voluto imprimere all'evento come Comitato organizzatore - precisa Paolo Brenna, vice presidente dell'ACI Como - è in linea con il contenimento dei costi organizzativi e di quelli che devono sostenere i partecipanti, una svolta sostanziale che velocizza i tempi di gara nella sola giornata di sabato 19 ottobre, mentre la vigilia è valorizzata da verifiche sportive-tecniche nel cuore della città di Como, nella centralissima piazza Cavour e e dallo shakedown su un anello di 2000 mt. a Gravedona. La partenza della competizione al lungolago di Gera Lario, all'uscita del riordino notturno; l'arrivo il sabato pomeriggio è confermato nella magnifica ambientazione del centro storico di Como con il suo anfiteatro naturale del golfo lacustre. Elemento innovativo è costituito dal coinvolgimento di quattro nuovi Enti locali: Gera Lario, Gravedona, Argegno, Sorico. Si consolida il rapporto con i Comuni che nel passato avevano dato prova di spiccata sensibilità motoristica nei confronti dell'evento dell'ACI Como: si tratta dei Comuni di Como, Casasco d'Intelvi, Castiglione d'Intelvi, San Fedele d'Intelvi, Cerano, Schignano, Cusino, Grandola ed Uniti, San Bartolomeo Val Cavargna, San Nazzaro, Val Rezzo, Cavargna, Corrido, Carlazzo".





Valle Intelvi e Val Cavargna, speciali di grande fascino
Anche il direttore di gara, Roberto Ledda, sottolinea la svolta positiva per contenere i tempi con l'obiettivo di mantenere alto il livello tecnico delle prove. "Alta la qualità tecnica delle prove, elementi innovativi si intrecciano con un assetto consolidato per un evento che mobilita quattro porzioni del territorio comasco: il capoluogo Como, la Valle d'Intelvi, la Valle Cavargna e l'Alto Lario comasco. C'è un grande ritorno: è la prova di Schignano, una salita tecnica teatro di grandi sfide negli anni Ottanta, divenuta anche sede di slalom. A ciò si aggiungono le stupende prove dell'Alpe Grande in Valle Intelvi e la meravigliosa Valle Cavargna. In tutto quasi 125 km di prove speciali con un percorso totale di 400 km. ed un innovativo shakedown a Gravedona, a due passi dal posizionamento delle assistenza a Gera Lario, borgo lacustre raggiungibile facilmente percorrendo la statale orientale lariana, Lecco-Colico. Da qualunque parte si guardi siamo certi di poter offrire a chi segue il Trofeo Rally Asfalto e a chi cerca una gara divertente e spettacolare un'ottima opportunità per esprimere la propria passione rallystica e talento di guida".

Info&sicurezza via etere e smartphone
Si rinnova il servizio info & sicurezza via etere con ben sei radio lariane, che coprono l’intero percorso di gara ed estendono l'area informativa alle province di Como, Lecco, Sondrio, Monza-Brianza, Alto Milanese e Varesotto. Nelle tre giornate del rally le emittenti radiofoniche, in diretta dalla sala stampa e dal parco assistenza di Erba, forniranno info sull’andamento di gara, interviste ai protagonisti e notizie utili al pubblico. A curare il servizio radio lo staff dell’ufficio stampa che realizza le interviste che, tra l’altro, andranno integralmente ospitate sul sito internet ufficiale: www.acicomo.it e www.rallydicomo.com.
Ecco le radio collegate in diretta: Radio Number One (FM 104,0), Radio Stella (FM 91,900 -92,200 -94,100-92,800- 96,300- 92,200 -90-102), Radio Bellagio (FM 103,3-103,5-103,7), Radio Cantù (FM 89,6), Radio Ciao Como (FM 89,4), Rete 104 (FM 89,400-95,200-86,900-88,300-88,100).

Testata l'anno scorso con grande efficacia (oltre 9000 utenti registrati), viene riproposta quest'anno la “Diretta video” web di alcune fasi salienti di gara ma soprattutto viene resa operativa nella settimana della competizione la possibilità di scaricare gratuitamente un'App, applicazione per smartphone che permette di seguire, da ogni luogo del mondo, ogni fase saliente dell'evento: dalle verifiche di Como ai tempi in prova, dalle news in collegamento con l'Ufficio stampa all'andamento del parco assistenza di Gera Lario. Tutto ciò grazie alla collaborazione con Eipon, a cura di Rudy Crapella, Francesca Moretti e Giovanni Mauri. Essendo pagine web sono pubblicabili ovunque (sito Aci Como, Facebook, siti specializzati rally, quotidiani ecc). e grazie ad essa spettatori e equipaggi potranno interagire online con direzione gara e ufficio stampa ponendo domande sull'andamento della competizione. Ulteriori informazioni e la possibilità di scaricare gratuitamente file sui sitiweb ufficiali dell'evento: www.rallydicomo.com - www.acicomo.it

Classifica assoluta Piloti alla vigilia del Rally Trofeo Aci Como (validità coeff.1,5 sia per TRA sia per Challenge zone 2-3): 1.Porro (Ford Focus Wrc) punti 42; 2.Signor (Skoda Fabia Super 2000) 28; 3.Sciessere (Citroen Xsara Wrc) 27; 4.Cavallini (Ford Fiesta Wrc) Vellani (Peugeot 207 Super 2000) e Vescovi(Renault Clio R3) 20; seeguono Laganà (Mitsubishi Lancer Evo), Maiani (Renault Clio R3), Gentilini (Peugeot 207 Super 2000), Leone (Mitusbishi Lancer Evo).
G.C.








----------------------------------------------------------------------------------------------------------








GT Open e F3 Open accendono lo show a Monza 
Da venerdì 4 a domenica 6 ottobre l'Autodromo ospita il penultimo appuntamento della serie Open. In pista anche le vetture Turismo dell'Italiano Endurance, l'Ibiza Cupra Cup, la Formula 2000 e la Radical European Master. 
Prosegue la promozione dell'Autodromo, con week end a ingresso libero.

Monza - Si annuncia un inizio di ottobre di grande spettacolo a Monza, teatro del settimo e penultimo round dell'International Open GT e del penultimo atto del campionato F.3 Open. Da venerdì 4 a domenica 6 ottobre saranno in pista anche le vetture dell'Italiano Turismo Endurance, la Formula 2000 Light, le berlinette Seal Ibiza Cupra Cup e i prototipi della Radical European Masters. Nell'Open GT la battaglia per il titolo è ancora aperta con il team Corvette Racing di Miguele Ramos - Nicky Pastorelli che punta a recuperare il distacco dalla Ferrari Villorba di Andrea Montermini, leader della classifica, che sarà affiancato nuovamente da Davide Rigon.  Molto attese anche le Porsche nella SuperGT, con la 911 RSR del team Drivex condotta da Carlos Vieira.
In GTS la lotta è concentrata tra le Ferrari del leader Lorenzo Bontempelli e Marco Frezza, la Mercedes SLS (Seyffarth e Sports & You), la BhaiTech McLaren, le Porsche di Autorlando Sport e Rinaldi Racing, il GPR Aston Martin e Lamborghini.


Riflettori puntati dunque sul brianzolo Lorenzo Bontempelli, atteso sulla pista di casa ad una conferma dopo la splendida prova di Spa-Francorchamps che lo ha visto in pista sulla Ferrari del team Kessel con il milanese Marco Frezza. Il brianzolo è il nuovo leader della classifica GTS per quanto riguarda i piloti. E le intenzioni del pilota della Advertising Advise sono quelle di incrementare il vantaggio sui rivali nelle due manche di Monza.
"Monza, si sa, è la mia pista, ma i rivali sono sempre fortissimi ed in agguato. Noi ci siamo preparati al meglio e l'impegno sarà al top per fare bene - dice Bontempelli -. Agli appassionato dice semplicemente: venite numerosi a trovarci ed a tifare per noi dalle tribune, sarà un grande spettacolo, come sempre quando in pista ci sono le GT dell'International Open".
Il programma del fine settimana monzese perle GT prevede per la giornata di venerdì due sessioni di prove libere dalle ore 10,35 alle ore 11,35 e dalle 15,05 alle 16,05. Sabato andranno in scena le due sessioni di prove cronometrate dalle 9 alle 9,35 e dalle 11,10 alle 11,45. La prima gara della durata di settanta minuti vedrà il semaforo verde alle ore 16,15, mentre gara due, programmata sul "timing" dei cinquanta minuti scatterà domenica alle ore 12,15. Per quanto riguarda le gara dell’International GT Open Championship, queste saranno visibili in diretta e in differita su Motors TV e su RAI Sport.


Non da meno come spettacolo è l'European F3 Open, che a Monza disputa il penultimo appuntamento della stagione. La serie arriva a Monza dopo dodici gare disputate con Sandy Stuvik (RP Motorsport) leader della classifica generale con 202 punti. Ma il suo principale rivale per il titolo, Ed Jones (Team Occidente-Tec) segue a soli otto punti. Dire che si annunciano due gare emozionanti a Monza è scontato. Da seguire altre interessanti promesse come Nelson Mason (Team Occidente-Tec) e Santiago Urrutia (RP Motorsport). Altri nomi come Alex Toril (RP Motorsport), Hector Hurst (Emilio de Villota Motorsport) o Alexandre Cougnaud (RP Motorsport), anch'essi candidati al podio sul velocissimo tracciato brianzolo.
E a proposito di brianzoli, a Monza il team Corbetta Competizioni porterà in pista per la prima volta la Dallara F312 - Toyota, ovvero l'esemplare di ultima generazione della monoposto italiana. A scendere in pista con la nuova vettura sarà Damiano Fioravanti che, dopo il positivo apprendistato al volante del modello F308 guidato da inizio stagione, si appresta a compiere un ulteriore passo avanti nella propria crescita agonistica.
Le gare dell'European F3 Open sono in programma sabato alle 15.10 e domenica alle 13.30. Anche le altre categorie prevedono gare al sabato e alla domenica, con programma dalle 9 alle 18. Nel week end prosegue la promozione dell'Autodromo con ingresso libero sulle tribune.
G.C.












Debutta a Monza la NASCAR europea
Week end spettacolo sul circuito brianzolo con le vetture americane a catturare l'attenzione. In pista anche le monoposto della BossGP, GT, Turismo e Prototipi. L'ingresso è gratuito

Monza - Spettacolo e novità in pista nel week end all'Autodromo di Monza. Debutta infatti sulla pista brianzola la serie europea NASCAR, diventata familiare negli ultimi anni grazie alle dirette TV. La serie europea derivata e omologata dal campionato Usa sbarca nel prossimo fine settimana sul circuito brianzolo per le semifinali dell’europeo di categoria, nell'ambito del trazionale appuntamento del Race Weekend Nurburgring organizzato dall'AVD tedesco, che porta in pista tutte le categorie, dalle vetture GT alle Turismo, ai Prototipi fino alle monoposto della serie BossGP. Uno spettacolo nello spettacolo, da venerdì 27 a domenica 29 settembre, con prove e gare a ritmo serrato.
Il tutto a ingresso libero.


I riflettori saranno soprattutto puntati sulle vetture NASCAR, categoria che tenta anche in Europa di conquistare spazio e tifosi e che a Monza disputa la semifinale del campionato 2013. Fra i piloti di grido, proveniente dalla NASCAR americana, l’ex di F1, il comasco Max Papis.
Inutile dire che cresce l'attesa tra addetti ai lavori e appassionati per questa "prima" della NASCAR sul tracciato brianzolo. Le vetture “american style”, autentiche interpreti dello stile e dello spirito delle corse a stelle e strisce, scenderanno in pista, per la prima volta in Italia e nel “Tempio della velocità” per tre giorni, con 2 gare al sabato e 2 alle domenica.
Ispirate alle varie Chevrolet SS e Camaro, Ford Mustang, Dodge Challenger e Toyota Camry della “National Association For Stock Car Auto Racing”, che animano lo spettacolo sportivo USA televisivamente più seguito dopo il Super Bowl di Football, le cugine continentali della “NASCAR Whelen Euro Series” sono ufficialmente approvate dall’organizzatore americano, e ricalcano i principi di base delle derivate di serie (stock car) originali, nate nel 1948 per iniziativa di Bill France la cui famiglia ne organizza tuttora i vari campionati articolati su centinaia di gare in tutti gli USA. Semplicità tecnica e organizzativa, esaltazione dello spettacolo dentro e fuori pista e un ricco montepremi sono alla base della formula di successo della NASCAR e della Whelen Euro Series. Le macchine, potenti, prive di qualsiasi controllo elettronico e molto simili tra loro, sono infatti facilmente gestibili ed equiparate sul piano prestazionale, mentre le prove, combattutissime e a fila serrate, prevedono 4 corse da 30 minuti su due giorni di gara. Due le classifiche: Elite (professionisti e semi-professionisti) e Open (gentlemen e giovanissimi). Una trentina le auto attese in pista per una sessantina di piloti, tra i quali non pochi italiani oltre a Papis.
Assieme alle Nascar, come detto, scenderanno in pista numerose vetture partecipanti ai campionati tedesco e austriaco di varie categorie, con l'AVD 100 Meilen e la BossGP come eventi principali, gare che vedranno alla partenza anche piloti italiani.
Ulteriori info su  www.monzanet.itwww.nascarwheleneuroseries.com
G.C.







------------------------------------------------------------------------------------------------------------








 
Il pista a Monza le leggende dell'Alfa Romeo
Sabato 21 e domenica 22 settembre si festeggia il Cinquantesimo dell'Autodelta con una parata di vetture e piloti che hanno fatto crescere nel mondo la leggenda sportiva della Casa del Biscione. 

Monza - Week end a tutto Alfa Romeo all'Autodromo di Monza. Un grande evento per festeggiare il Cinquantesimo dell’Autodelta organizzato dal Registro Italiano Alfa Romeo International Club e da Automobilismo Storico Alfa Romeo, Museo di Arese. L’appuntamento è il 21 e 22 settembre all’Autodromo Nazionale Monza, proprio su quegli asfalti che hanno visto nascere e crescere la leggenda sportiva e la passione della nostra amata Alfa Romeo.


Per celebrare il mezzo secolo di vita di quello che per oltre vent’anni è stato il reparto corse del Biscione, non vi è modo migliore che riportare in pista – tutte assieme – le vetture che hanno corso, vinto e tenuta alta la bandiera dell’Alfa Romeo sui circuiti e le strade di tutto in mondo, in ogni categoria. Dalle leggendarie Tipo 33 – che hanno dominato due Campionati del Mondo – alle indimenticabili GTA. Dalle Giulia TZ e TZ2 alle Formula 1 e Formula Indy. Dalle monoposto di Formula 3 e Formula Alfa Boxer alle Alfasud Trofeo. E l’elenco sarebbe ancora lungo, comprendendo vetture da Turismo, da Rally, Sport e GP. Tutte accomunate dal marchio orgogliosamente portato sul cofano e dalla passione con cui oggi i proprietari le custodiscono e mantengono in efficienza a conferma di uno stile e di una eccellenza tutti italiani.
Ecco alcuni dei piloti presenti: Tino Brambilla, Spartaco Dini, Giorgio Francia, Piercarlo Ghinzani, Bruno Giacomelli, Gianni Giudici, Arturo Merzario, Alessandro Nannini, Riccardo Patrese.

Provengono infatti da tutto il mondo le vetture che faranno riecheggiare sull’asfalto della “loro” Monza le sinfonie dei propri motori. Con 4, 6, 8 o 12 cilindri ! Fianco a fianco – ruota a ruota – con i famosi esemplari del Museo Storico Alfa Romeo. E con loro, in questo evento eccezionale, anche le splendide vetture della Scuderia del Portello e del Museo Collezione “Cafè Velocità” del noto pilota e appassionato Gianni Giudici.
Per i partecipanti e gli appassionati sarà un grande evento, eccezionale e probabilmente irripetibile, per rivivere forti emozioni insieme agli uomini e ai piloti dell’Alfa, di ieri e di oggi, per il pubblico un’occasione straordinaria per ogni appassionato per ammirare, vedere, sentire le Alfa Romeo da competizione che hanno scritto la storia dell’automobile.
G.C.







 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Moto Guzzi: tre giorni di festa a Mandello
Dal 13 al 15 settembre raduno e visite alla fabbrica e al museo
Replica dal 20 al 22 settembre con un secondo Open House promosso dalla Guzzi

Mandello – Per tre giorni Mandello sarà il cuore pulsante del mondo Guzzi con il classico raduno di metà settembre. Non sono le indimenticabili Giornate Mondiali degli scorsi anni, ma pur sempre sarà una tre giorni imperdibile per ogni guzzista l’evento in programma dal 13 al 15 settembre a Mandello. I locali Moto Guzzi club Mandello, Moto club Carlo Guzzi e l’associazione motociclistica “I Laghée”, in collaborazione con la concessionaria Agostini, con il G.A.L. Luzzeno e con il patrocinio del Comune di Mandello del Lario, organizzano “Tre giorni di festa guzzista” a Mandello, in zona giardini pubblici. Attesi anche in questa edizione, dove non è prevista nessuna quota di iscrizione, centinaia di guzzisti. Radunisti e semplici appassionati troveranno musica live venerdì e sabato, ristoro e campeggio libero. Non mancherà, ovviamente, anche la visita al mitico museo Guzzi.
Il programma predisposto dagli organizzatori 
Musica live venerdì (Howlin'Lou and the whip lovers) e sabato (Shakers, Bianchi sporchi) - Spettacolo pirotecnico (sabato sera) - Apertura museo Moto Guzzi – Area ristoro - Campeggio libero - Nessuna quota di iscrizione – La sede del club rimarrà aperta giovedì 12 dalle 19 alle 23, venerdì 13 dalle 16 alle 21, sabato 14 dalle 10 alle 19.


La Moto Guzzi sarà anch’essa direttamente protagonista proponendo per due week end due Open House di fabbrica e museo. Occasioni imperdibili per ogni appassionato per conoscere da vicino il mondo Guzzi, iniziando dalla classica foto ricordo da scattare di fronte al famoso ingresso della Moto Guzzi di via Parodi 57.

Quest’anno, sull’onda del successo conquistato dalla nuova gamma California 1400 e dei nuovi modelli della "piccola" V7, gli appassionati troveranno il mitico portone rosso dell’Aquila aperto per ben due fine settimana, dal 13 al 15 settembre e dal 20 al 22 settembre dando la possibilità a tutti gli appassionati di vivere un week end all’insegna della passione per le leggendarie motociclette prodotte sulla sponda del Lario.Per l’occasione la Moto Guzzi ha preparato un ricco palinsesto d’attività, che spaziano dalle visite guidate alle linee di produzione motori e motoveicolo, all’apertura del museo e del book-store con le anteprime della collezione moda e accessori 2014 fino a un’inedita California Lounge per accogliere i partecipanti ai test-ride della nuova gamma California 1400 e V7.
Spazio anche alla creatività, con la proiezione e le foto del backstage della campagna pubblicitaria “My Bike my Pride” girata nel Western Australia con il “Guzzista hollywoodiano” Ewan McGregor e all’arte, con una personale di Jacopo Ghislanzoni. L’artista lecchese, dopo il successo conseguito nel mese di luglio al Lido di Mandello con l’esposizione Guzzi-Mandello 1921-2013, riporta la mostra all’interno dello stabilimento insieme a altri 14 inediti ispirati a fatti e alle personalità che hanno caratterizzato la storia della casa dell’Aquila.
Il calendario degli eventi proposto da Moto Guzzi
Week end 13-15 settembre e 20 – 22 settembre
Venerdì: 15 – 18 • Apertura fabbrica (shop, museo) - Sabato e domenica: 9 – 18 (ultimi ingressi ore 17.30) • Apertura fabbrica (shop, museo, galleria del vento, mensa, assemblaggio motori, linea assemblaggio motociclette) • Area lounge California • Test ride gamma Moto Guzzi.
G.C.










 




Monza, il Gp più prestigioso e veloce del mondiale
Da venerdì 6 a domenica 8 settembre l'attesissimo l'84^ Gran Premio d'Italia di F.1
Attesi 150mila appassionati nel week end. Il sogno è vedere la Ferrari trionfare

Monza - Stanno per accendersi i motori all'Autodromo Nazionale Monza per l'84° Gran Premio d'Italia di F1, in programma sulla pista dello storico impianto brianzolo dal 6 all'8 settembre. Lasciate da parte le apprensioni sul futuro dell'impianto, con la conferma del Gp almeno fino al 2016 e il progetto di un piano di ristrutturazione dell'impianto proposto in occasione della presentazione del Gp dal presidente dell'Aci Milano e di Sias, Carlo Edoardo Valli, sostenuto dal presidente di Aci Italia, Angelo Sticchi Damiani, l'attenzione torna di nuovo alla pista e al mondiale F1.
Attesi 150mila appassionati a sostenere le Ferrari di Alonso e Massa.


Monza e Gran Premio sono un binomio ormai inscindibile e di grande tradizione nel panorama dell'automobilismo sportivo internazionale - e non solo in esso - reso prestigioso dagli oltre novant'anni di attività dell'Autodromo, terzo impianto automobilistico fisso costruito al mondo per volere dell'Automobile Club Milano nel 1922 dopo quelli di Brooklands (1907) e lndianapolis (1909). In questo lungo arco di tempo la pista di Monza ha ospitato tutte le edizioni del Gran Premio d'Italia, fatta eccezione per sole cinque edizioni disputate altrove quasi sempre per cause di forza maggiore, come ad esempio nel 1921, quando l'impianto ancora non esisteva, oppure nel 1947/1948 quando esso era ancora inagibile a causa dei danni bellici. Nel "Tempio della velocità", che può vantare il primato di pista più "antica" presente nel calendario del mondiale di Formula 1, con un tracciato sostanzialmente fedele al disegno originario e, tuttavia, oggi all'avanguardia tecnologica, sono passate generazioni di piloti e di macchine leggendarie che hanno scritto memorabili capitoli della storia dell'auto.
Anche quest'anno, con immutato fascino, si rinnova il più atteso appuntamento della stagione automobilistica italiana. Un evento carico di prestigio sul quale sono puntati riflettori di tutto il mondo e per il quale è sempre grande l'attesa. Tutto questo avviene in un momento delicato e forse decisivo per le sorti sportive del campionato che alla vigilia del Gran Premio d'Italia, 12° delle 19 prove del campionato 2013, vede al comando della classifica il pilota tedesco della Red Bull Sebastian Vettel con 197 punti (5 vittorie), seguito dalla prima guida della Ferrari, lo spagnolo Fernando Alonso, con 151 puti (2 vittorie) e dall'inglese Lewis Hamilton, a bordo della Mercedes, con 139 punti. Tra i vincitori di questa stagione da ricordare Kimi Raikkonen (una vittoria), quarto nel mondiale con la Lotus-Renault con 139 punti, e Nico Rosberg (due vittorie) con la Mercedes, sesto con 96 punti. Quinto è l'australiano Mark Webber (che ha già annunciato il ritiro dalla F1, che verrà sostituito nel team Red Bull dall'altro australiano Ricciardo) con 115 punti, senza nessuna vittoria quest'anno.
Con 7 gare dal termine del campionato, Monza apre la fase finale della stagione 2013, con Vettel nel ruolo di favorito. Ma ancora tutto può succedere. Basta ricordare il 2012, con Alonso che lasciò Monza con un vantaggio consistente, ma non sufficiente ad arginare il recupero di Vettel.


Monza, banco di prova dei motori

Rémi Taffin, Direttore Prestazioni di Pista di Renault Sport F1, ci spiega il circuito di Monza e l’impegno di Renault (11 titoli Costruttori e 10 titoli piloti conquistati dalla Casa francese in F1) in vista del GP d’Italia. Le caratteristiche della pista fanno si che il tracciato non sia solo il più veloce del mondiale ma anche un autentico banco di prova dei motori.


"Monza rappresenta il banco di prova per eccellenza delle prestazioni e dell’affidabilità del motore - dice il Direttore Taffin - . Il circuito viene percorso con il motore al massimo per più di tre quarti, con una velocità di oltre 320 km/h in quattro riprese. L’RS27 procederà a pieno regime per circa 20 secondi in due tratti del circuito, ovvero il doppio rispetto a una pista da dragster. Solo le deportanze generate dagli alettoni impediscono all’auto di perdere il contatto con il suolo. La velocità raggiunta delle auto alla fine del rettilineo degli stand basterebbe a far decollare un piccolo aereo".
"Le auto raggiungeranno la velocità media più alta dell’anno, sfiorando i 240 km/h. Il ritmo del circuito è interrotto da solo tre chicane, quindi i piloti cercano di mantenerne il più possibile la traiettoria. Quando le auto salgono sui cordoli, i componenti interni vengono scaricati per qualche istante. Frenate brusche e accelerazioni improvvise sottopongono ogni componente a enormi carichi, per questo preferiamo utilizzare possibilmente motori nuovi".
"Anche se il motore funziona a pieno regime sul 75% del circuito - prosegue -, il consumo di carburante è uno dei più ridotti della stagione, quindi le auto partono con un carico di carburante relativamente basso. Questo circuito vanta i livelli di efficienza dei consumi più alti della stagione, in quanto il motore funziona a livello costante per la maggior parte del tempo con deportanze aerodinamiche ridotte. Ma è l’unico elemento “semplice” che il circuito di Monza presenta per i motori. In questa corsa, infatti, gli ingegneri sono visibilmente più nervosi del solito".

Statististiche del circuito di Monza

Lunghezza
(km)
Velocità media
(km/h)
Velocità massima
(km/h)
% di giro alla massima accelerazione
Consumo di carburante per giro (kg)
Consumo di carburante
(l/100 km)
5,793
236
331
72
2,5
62

 Autodromo di Monza: tre tratti nel dettaglio

Rettilineo degli stand
Il rettilineo degli stand è uno dei quattro tratti del circuito che vengono percorsi a pieno regime. Dato che le velocità raggiunte su questo rettilineo sono le più elevate della stagione, è indispensabile utilizzare i rapporti del cambio più lunghi. La RS27 deve quindi utilizzare l’intera gamma di regimi. Diconseguenza, le cadute di regime tra una marcia e l’altra sono piuttosto importanti; ciò significa che non vengono impiegati solo i regimi più alti, come si potrebbe pensare, ma che viene testata l’intera conseguenza, le cadute di regime tra una marcia e l’altra sono piuttosto importanti; ciò significa che non vengono impiegati solo i regimi più alti, come si potrebbe pensare, ma che viene testata l’intera curva di potenza. La maggiore difficoltà in questo rettilineo è quella di usare il limitatore al momento giusto. Toccandolo troppo presto, il pilota diventa una facile preda dei concorrenti dietro di lui, che lo supereranno senza difficoltà. Ma anche se si aspetta troppo si ottiene lo stesso risultato, perché la velocità alla fine del rettilineo risulta insufficiente. Tutti questi aspetti sono molto meno evidenti di quanto potrebbe sembrare. Il minimo errore nella scelta dei rapporti può avere grosse ripercussioni in quanto si ripete ogni volta che il motore viene spinto al massimo.

Variante della Roggia
Nonostante i rettilinei di Monza siano spesso al centro delle discussioni, anche le chicane richiedono particolare attenzione. Nelle prime due, il pilota deve effettuare frenate brusche, passando da 300 a meno di 80 km/h, prima di poter tornare ad accelerare e superare i 300 km/h. I piloti tentano sempre di tagliare le chicane per accorciare la distanza, ma nel farlo tendono a passare sui cordoli. Quando ciò accade, l’auto può staccarsi da terra, anche se solo per una frazione di secondo, facendo scaricare il retrotreno e saltare il motore contro il ruttore. Gli ingegneri giocano con la regolazione dell’overrun per migliorare la stabilità posteriore in fase di frenata che, insieme alle deportanze aerodinamiche più basse della stagione, riveste un’importanza fondamentale. A conti fatti, le chicane e i relativi cordoli, che vengono gestiti in meno di due secondi, fanno perdere un’infinità di tempo se l’auto non è regolata correttamente.

La Parabolica
La Parabolica, che viene gestita in quarta a circa 180 km/h, è senz’altro la curva più complicata del circuito. Il motore deve fornire un livello di coppia costante su tutto il tratto, un po’ come nell’ultima curva a Budapest, ma a una velocità ben più elevata. È una situazione relativamente insolita e delicata per un motore di F1, in quanto non è la classica curva “point and squirt”, in cui il pilota frena, svolta e dà immediatamente gas. Gli ingegneri Renault devono quindi assicurarsi che la RS27 produca esattamente il livello di coppia desiderato dal pilota fino al termine della curva. Un repentino cambio di velocità potrebbe infatti destabilizzare l’auto e far perdere tempo. Inoltre, il pilota deve valutare con precisione l’accelerata, premendo il pedale quanto basta per mantenere la stabilità su tutta la curva.


Accadde domenica 8 settembre

Sono diverse le edizioni storiche e indimenticasbili del Gp d'Italia che si sono svolte nella giornata di domenica 8 settenbre. Ripercorriamole alcune.

1935 : Hans Stuck (Auto Union B) si aggiudica il 13° Gran Premio d'Italia, precedendo di 1'41" l'Alfa Romeo P3 di René Dreyfus e Tazio Nuvolari. Terzo posto, a tre giri, per l'Auto Union B di Paul Pietsch/Bernd Rosemeyer. Si corre sul cosiddetto "tracciato Florio", costituito dalla pista stradale (esclusa la curva Parabolica) e dalla parte sud dell'anello di alta velocità. Per rallentare la velocità nelle curve, alla chicane fissa posta all'ingresso della sopraelevata ne vengono aggiunte altre quattro realizzate con balle di paglia. Proprio le chicane, per le continue e violente frenate, mietono il maggior numero di "vittime" tra le vetture. A metà gara sono ben dieci le auto costrette al ritiro per problemi ai freni, sulle sedici che erano partite. Si tratta di tutte le Maserati, una Bugatti ed una Auto Union.

1957 : Stirling Moss conquista il 2° Gran premio d'Italia, con un vantaggio di circa 45 secondi su Juan Manuel Fangio (Maserati 250 F) e di un giro su Wolfang von Trips (Lancia Ferrari  050). Moss è alla guida della Vanwall VW5, una monoposto tecnicamente avanzata rispetto alle ben più tradizionali Lancia Ferrari. Il suo motore è ad iniezione (e non a carburatore) ed i freni sono a disco (e non a tamburo). Inoltre, la Vanwall, alla cui progettazione hanno lavorato anche Colin Chapman (il futuro fondatore della Lotus) e Mike Costin (che progetterà a metà degli anni Sessanta il formidabile 8 cilindri Cosworth) pesa 100 chili in meno della rivale italiana grazie al suo telaio tubolare.

1963: Jim Clark (Lotus Climax) è il vincitore del 34° Gran Premio d'Italia dopo un'accesa lotta con Richie Ginther (BRM) e Bruce McLaren (Cooper Climax), rispettivamente secondo e terzo. La media fatta registrare sullo "stradale" da Clark (205,575 orari) è il nuovo record sulla distanza dei 500 chilometri. Suo anche il record sul giro: 209,302 km/h. La vittoria gli valse anche la certezza matematica della conquista del titolo mondiale a tre gare dal termine del campionato che coronò una stagione trionfale: 7 vittorie su 1O gare, un secondo posto, un terzo posto e nessun ritiro.


1968: Denis Hulme (McLaren Ford) taglia per primo il traguardo del Gran Premio d'Italia, alla  media di 234, 022 km/h. Secondo posto, con un distacco di 1'28", per Johnny Servoz­ Gavin (Matra Ford) che brucia in volata la Ferrari di Jacky lckx. Alla gara non vengono ammessi, pur avendo effettuato le qualifiche, Mario Andretti (Lotus Ford) e Bobby Unser (BRM) per aver disputato una gara poco prima del Gran Premio.

1974:  Lo svedese Ronnie Peterson (Lotus Ford 72E) si aggiudica il Gran Premio con un vantaggio di 8 decimi su Emerson Fittipaldi (McLaren Ford M23) e di 24,7 secondi su Jody Scheckter (Tyrrell Ford 007). Peterson era passato in testa a 12 giri dalla fine approfittando del ritiro di Clay Regazzoni (Ferrari) che era stato in testa dal 30° al 40° giro. Regazzoni aveva preso il comando delle operazioni quando il compagno di squadra Niki Lauda era stato costretto ai box, anch'egli per una perdita d'olio.

1985: Dominio di Alain Prost (McLaren Tag MP4/2B) che vince il Gran Premio con un vantaggio di oltre 51 secondi su Nelson Piquet (Brabham Bmw BT54) e di un minuto su Ayrton Senna (Lotus Renault 97T). l distacchi non debbono trarre in inganno perché la gara era stata vivacissima, con continui sorpassi nelle posizioni di vertice che avevano provocato cedimenti meccanici nella parte conclusiva del Gran Premio, tra cui quello sulla Ferrari di Michele Alboreto, in lizza per il titolo mondiale.

1991: Nigel Mansel (Williams Renault FW14) conquista la gara precedendo di 16,2 secondi  Ayrton Senna (McLaren Honda MP4/6) e di 16,8 secondi Alain Prost (Ferrari 643). Con il quinto posto finale Michael Schumacher (Benetton Ford) conquista i primi due punti della sua luminosa carriera. Alle sue spalle, il compagno di squadra Nelson Piquet, che a Monza festeggia il suo 200° Gran Premio.

1996: E' la prima delle quattro affermazioni di Michael Schumacher al Gran premio d'Italia. Con la sua Ferrari precede di 18 secondi la Benetton Renault di Jean Alesi e di 1minuto e sei secondi la McLaren Mercedes di Mika Hakkinen.

Il programma del week end

Per l'edizione 2013 l'Autodromo presenta alcune novità a livello organizzativo per accogliere nel migliore dei modi protagonisti e appassionati. Innanzitutto per quanto riguarda la sicurezza la sicurezza e la funzionalità della pista, sono state apportate numerose migliorie, tra le quali il rifacimento del muretto di sinistra della Prima variante, l'allargamento della via di fuga della Seconda variante, l'allungamento dei cordoli e della "Techpro" alle due Curve di Lesmo e l'allungamento dei cordoli all'uscita della Variante Ascari. E' stata inoltre creata una nuova area di intrattenimento alle spalle della Tribuna Centrale.
Il programma del week end prevede nella giornata di venerdì 6 settembre due sessioni di prove libere di F1, dalle 10 alle 11.30 e dalle 14 alle 15.30. In pista anche le monoposto di GP2 e GP3 e la Porsche Supercup per due sessioni di prove. 


Dopo la giornata dedicata alle prove libere, sabato è poi prevista per la F1 una sessione di prove di pit stop ai box, tra le 8.30 e le 9.30; la terza sessione di prove libere, dalle 11 alle 12, e le prove di qualificazione dalle  14 alle 15. Nella stessa giornata si svolgeranno Gara 1 della GP2 (h.15.40) e Gara 1 della GP3 (h. 17.20).
 Domenica, infine la giornata si aprirà con la Gara 2 della GP3 (h.9.25), della GP2 (h.10.35) e con la gara unica della Porsche Mobil 1 Supercup (h.11.45). Alle 12.30 i piloti sfileranno in pista per la loro tradizionale parata di saluto al pubblico e alle 13.30 inizierà la procedura di partenza con lo schieramento in pista delle 22 vetture partecipanti alla gara che prenderà il via alle 14, da percorrere 53 giri, pari a 306,720 km.
Numerose sono le iniziative collaterali, dentro e fuori dell'Autodromo, previste a supporto della manifestazione, mentre la RAI assicurerà un'ampia copertura televisiva delle prove e della gara, in diretta e in sintesi differite. Così come pure Sky che seguirà come sempre l'intero week end, con prove e gare di ogni categoria.


Sono ancora disponibili i biglietti acquistabili presso l'Autodromo di Monza (tel. 039 2482  212/407); Acitour Lombardia, in corso Venezia 43 a Milano (tel. 02 7745 266/209) e on line sul sito www.monzanet.it.   Inoltre presso l'ingresso Vedano dell'Autodromo, per tutta la settimana sarà attivo uno sportello di vendita dei biglietti con orario 9-19. Il prezzo del biglietto d'ingresso valido anche per tutte le tribune, esclusa la centrale, nella giornata di venerdì 6 settembre è di euro 45, mentre sabato 7 settembre i prezzi varieranno dai 60 euro dell'ingresso ai 150 euro della Tribuna Centrale; domenica da 80 a 590 euro. Fino alla vigilia del week del Gran Premio saranno disponibili gli abbonamenti per i tre giorni di prove e gara a prezzi assai convenienti, di pochissimi euro superiori a quelli corrispondenti per la sola giornata di domenica. Tra questi particolarmente interessante l'abbonamento tre giorni a 150 euro per le Tribunette poste sotto le Tribune laterali del rettilineo del traguardo.

Per quanto riguarda la viabilità, il Comune di Monza, in collaborazione con Polizia Stradale e Comuni limitrofi, ha messo a punto il consueto piano con percorsi preferenziali per i parcheggi esterni al Parco. Per gli appassionati lecchesi il consiglio è di raggiungere l'autodromo in treno, con la linea locale che ferma a Biassono-Lesmo. Info su: www.trenord.it. In auto si consiglia di percorrere lala S.P. 51 "della Santa": si attraversano Oggiono, Beverà, Barzanò, Casatenovo, quindi posteggiare nei parcheggi posizionati all'estero delle curve di Lesmo. 
G.C.










La Moto Guzzi California 1400 Custom
eletta regina mondiale delle Cruiser
Il riconoscimento arriva dal concorso indetto dalla rivista americana Cycle World

Mandello - Arriva dall’America un nuovo premio che elegge Moto Guzzi California 1400 Custom regina mondiale delle moto Cruiser. Dopo aver ottenuto consensi unanimi in tutto il mondo, Moto Guzzi California 1400 colleziona un altro importante riconoscimento negli Stati Uniti, conquistando il primo premio della categoria Cruiser nel concorso indetto da Cycle World. Il riconoscimento è tanto più significativo perché arriva dalla più autorevole rivista d’oltreoceano, vero punto di riferimento per gli appassionati di tutto il mondo, e perché proprio il mercato statunitense è la culla della grandi moto Cruiser, vere ammiraglie della strada, segmento in cui è fortissima la presenza di marchi americani.


 Nel tradizionale concorso di Cycle World, giunto alla 38ª edizione, le migliori moto di tutta la produzione mondiale sono state divise in dieci categorie e successivamente provate a fondo dai tester e giornalisti del magazine.
Le moto sono state valutate in base alle prestazioni, al divertimento nella guida che ognuna è stata capace di restituire al pilota, alla qualità complessiva della moto. Ambiti nei quali Moto Guzzi California ha dimostrato, a meno di un anno dal suo lancio, di non temere confronti. Nella motivazione del premio si legge: “La nuova California ti entra nella pelle, il suo bicilindrico ci ha conquistati con la sua coppia e con il ruolo da protagonista che gioca nell’estetica della moto. La California ha un aspetto classico ma è una moto moderna, con tre livelli di erogazione della potenza, traction control, ABS e cruise control. Controlli elettronici che non sminuiscono la appagante anima meccanica della moto”.
Il premio di Cycle World è il secondo riconoscimento che California 1400 Custom vince negli USA nel giro di pochi mesi: a maggio Robb Report, magazine americano che da quasi quarant’anni è il più autorevole punto di riferimento nel settore del lusso a livello globale, aveva incluso la grande Custom prodotta in Italia a Mandello del Lario nel proprio Best of the Best Luxury Portfolio per l’anno 2013.
Moto Guzzi California 1400, presentata in Europa alla fine del 2012 nella versione Touring e agli inizi del 2013 nella versione Custom, è spinta da un nuovissimo, poderoso bicilindrico a V da 1400cc, il più grande motore di questa tipologia mai prodotto in Europa.
Di spettacolare impatto visivo, lo stile delle nuove California 1400 comunica l'inconfondibile classe e la tradizione Moto Guzzi coniugate con linee, dimensioni e tecnologie del tutto inedite, ma apprezzatissime dagli appassionati Guzzisti di tutto il mondo. Non a caso l'attore scozzese Ewan McGregor, collezionista di Moto Guzzi d’epoca, ha scelto di essere il testimonial delle nuove California 1400 in una fantastica campagna pubblicitaria. Costruite a mano nello storico stabilimento di Mandello del Lario dove Moto Guzzi è stata fondata nel 1921, queste nuove ammiraglie dell'industria italiana sono le prime Cruiser al mondo dotate di controllo di trazione, di tecnologia “ride by wire” multimappa e di illuminazione diurna a led DRL. Grazie al successo delle proprie gamme prodotti, frutto di una strategia di investimenti che ha coinvolto sia le attività di R&D sia il restauro dello storico stabilimento lariano, Moto Guzzi nel 2012 – in netta controtendenza rispetto all’andamento del mercato europeo della moto – ha registrato una crescita del 15,3% nelle vendite. E anche nei primi sei mesi del 2013 Moto Guzzi ha continuato la sua straordinaria progressione, facendo segnare una crescita dell'11,2% rispetto al primo semestre dell’anno scorso.
G.C.










Motori accesi a Monza: in pista Supercar,
Formula Renault 2.0 Alps e le gare della Coppa Italia

Monza - Motori accesi nel week end dal 5 al 7 luglio a Monza con le gare della Supercar, della Formula Renault 2.0 Alps e delle Turismo Coppa Italia, la serie nazionale organizzata e promossa dal Gruppo Peroni Race.
Riflettori puntati soprattutto sulla Formula Renault 2.0 Alps. A Monza, la serie riservata alle monoposto 2 litri giunge a metà stagione riproponendo uno schieramento di qualità. Tre vincitori
diversi e dominio Prema: questo è stato il verdetto dei primi tre round. Ma sul circuito lombardo saranno in tanti a puntare in alto.

 
In testa alla classifica c’è Antonio Fuoco, 17 anni, con tre successi al proprio attivo (doppia vittoria a Imola e un’altra affermazione a Vallelunga in Gara 2). Il cosentino precede di 13 lunghezze il proprio compagno di squadra Bruno Bonifacio, brasiliano, il quale è riuscito ad imporsi sullo stesso tracciato capitolino, in apertura di campionato, concedendo poi il “bis” sui velocissimi saliscendi di Spa-Francorchamps. Proprio sul circuito belga, ancora in Gara 2, a rompere il ghiaccio era stato il vicentino Luca Ghiotto, anch’egli portacolori del team di Angelo Rosin ed attualmente terzo a 39 punti dalla leadership.
Per quanto riguarda glia altri team e piloti italiani, sulla pista di casa cercherà di mettersi in luce il brianzolo Daniele Cazzaniga (Viola Formula Racing). Chi non ha sicuramente deluso fino ad ora è il romano Dario Capitanio, che assieme all’indiano Parth Ghorpade si presenterà nuovamente al via con la BVM Racing. Costantemente nella “top- 10”, il comasco Kevin Gilardoni è intenzionato a raccogliere qualcosa di più; assieme a lui, a completare i ranghi tra le fila della GSK Grand Prix, è confermato il russo Dzhon Simonyan. Il milanese Pietro Peccenini, al via con la monoposto della TS Corse, su un circuito che conosce alla perfezione cercherà da parte sua di inserirsi nel gruppo dei primi. Al completo l’Euronova Racing, con il trio Javier Amado, Gregor Ramsay e Ukyo Sasahara. Così come la JD Motorsport, che schiererà le due punte Juan Branger e Jakub Dalewski, quest’ultimo reduce dal secondo posto ottenuto in Belgio. Da attenzionare anche la Arta Engineering, che ha già centrato due podi con William Vermont. Il transalpino non sarà presente a Monza, ma al suo posto ci saranno gli altri francesi Joffrey De Narda, Simon Gachet e Simon Tirman. Tre le vetture schierate dagli austriaci della Interwetten.com ed affidate al messicano Alejandro Abogado, al portoghese Francisco Mora e all’altro russo Konstantin Tereshchenko. Tre punte anche per il team Jenzer, presente con lo svizzero Kevin Joerg, il russo Denis Korneev ed il singaporiano Andrew Tang.


La Super Cars International Series disputa a Monza la seconda gara della stagione dopo il debutto di Aragon. In Spagna ad imporsi è statta la Ferrari della scuderia AF Corse con Tanakorn Ramindra e Cedric Sbirrazzuoli con 458 GT3. Ad Aragon, il duo spagnolo monegasco, al termine delle due ore di gara, ha avuto la meglio sui portoghesi Campanico/Viera in equipaggio col finlandese Eskelinen su Audi R8 LMS Ultra e su un altro trio portoghese della Oasis MotorsportFerreira. Ora arriva a Monza con diverse novità sullo schieramento. 
Passando alle gare della Coppa Italia,  nella 1° Divisione la debuttante Corvette Z05 del duo Angloamericano Greensall/Bryan ha i favori del pronostico. La potente GT americana potrà sfruttare la sua maggior potenza sui lunghi rettilinei di Monza per avere la meglio sul nugolo di Porsche 997 GT3 Cup con i confermati Consoli, De Bellis, Bonetti, Fondi e Mazzolini. Debutto nella Serie invece per Paolo Tancini che sarà al via di una Porsche 996 anch’essa in configurazione trofeo. Dopo il doppio zero conseguito a Varano, Montali sarà pronto al riscatto in occasione della prova di Monza nella 2° Divisione. Il leader in classifica generale dovrà nuovamente vedersela con il rivale di classe Gurrieri e con le numerose Leon iscritte ed in particolare con quelle di Bettera, Giacon, Finco e dell’esperto Pigozzi, alla sua prima stagionale. Numerosi altri debutti in questa Divisione con la prima per il locale Gaiofatto (Pegeout RCZ), per Alessandro e Walter Leopardi (Renault Clio) e per Felice e Giacomo Jelmini (Renault Clio RS). Parlando di conferme al via ci saranno, tra gli altri, “Toby” sempre con la sua Megane RS in configurazione Campionato Italiano Turismo di Serie, Alberto e Riccardo Fumagalli dominatori della classe 24hr Special, il catanese Benedetto Palermo mattatore in classe N 2000. Prove libere il venerdì, qualifiche al sabato con le prime gare, "2 Ore" Supercar e gare-2 alla domenica, dalle 9 alle 19, per un week end all'insegna dello spettacolo.
G.C.









Torna in Valsassina il mondiale e l'europeo trial 
Sabato 6 e domenica 7 luglio le due gare a Barzio

Barzio - Conto alla rovescia a Barzio per il mondiale trial, in programma domenica 7 luglio. Ad organizzare l'evento sono il Mc Monza e il Mc Valsassina, che riprovano l’avventura di organizzare di nuovo la tappa italiana valida per il mondiale e l’europeo trial. La manifestazione coinvolgerà i comuni di Barzio, Introbio e Pasturo. Punto di riferimento, con l’area paddock, la partenza e l’arrivo, la località Prato Buscante, adiacente presso la Comunità Montana della Valsassina.
Al via delle due gare circa 110 piloti, con il campione di casa, Matteo Grattarola, a catturare l’attenzione in sella alla Gas Gas del team Spea. Il pluricampione d’Italia e d’Europa in carica nel trial è tornato a recitare un ruolo da protagonista a livello internazionale, conquistando nel Gp di Spagna, ultima gara disputata valida per il mondiale, due splendidi quinti posti. Miglior risultato in carriera nel mondiale per il trialista di Margno, che replica a distanza di ben otto anni l’ultimo piazzamento di questo livello ottenuto da un pilota italiano. Ma a dare ulteriore sostanza alla prova di Grattarola nella penisola iberica è stato anche il doppio settimo posto che il pilota del team Spea aveva ottenuto nella settimana precedente nel Gp di Andorra.



La classifica iridata
Leader Toni Bou (Montesa), 126 punti; 2° Adam Raga (Gas Gas), 124; 3° Takahisa Fujinami (Montesa), 94; 4° Albert Cabestany (Sherco), 94; 5° Jeroni Fajardo (Beta), 89; 6° James Dabill (Beta), 69; 7° Matteo Grattarola (Gas Gas), 48; 8° Loris Gubian (Gas Gas), 40; 9° Jack Challoner (Beta); 10° Alexandre Ferrer (Sherco), 37.
-->
Il percorso di gara
Il tracciato di gara costituirà la parte spettacolare e agonistica dell’evento. Sabato 6 luglio la gara sarà dedicata al campionato Europeo. Il percorso sarà chiuso al traffico ordinario, consiste in due giri con 15 Zone controllate a giro. Cinque zone saranno tracciate nei dintorni della sede di partenza per permettere un facile e comodo accesso agli spettatori.
Domenica 7 luglio è in programma  la gara del ampionato Mondiale. Il percorso comprenderà parte del percorso del giorno precedente, questo tratto sarà chiuso al traffico. La parte alta del percorso, quella che arriverà fin sul piazzale della funivia, sarà aperta anche al traffico ordinario Il tratto fuoristrada da Introbio al piazzale della funivia di Barzio sarà riservato ai concorrenti e al pubblico autorizzato, identificabile da apposito “PASS” fornito dall’organizzazione. Il percorso si ripeterà per tre giri e saranno inserite 12 zone controllate a giro. Nella zona Paddock verrà allestita un’area di riscaldamento per i piloti: grande spettacolo anche prima delle gare.
G.C.





 



La Guzzi Califormia vince il confronto comparativo
con le concorrenti nel test di Moto Journal  

Mandello – Prestigioso riconoscimento per la Moto Guzzi a livello giornalistico. In Francia, uno dei principali e storici feudi della passione Moto Guzzi, il confronto tra la nuovissima California 1400 e le americane Harley-Davidson e Victory, che da anni presidiano il segmento delle Cruiser GT, era una delle prove più attese dagli appassionati e lettori di riviste specializzate. Ci ha pensato il settimanale Moto Journal, la più autorevole e venduta testata specializzata transalpina a mettere a confronto l’ultima nata di Mandello, nella versione Touring, contro la Harley-Davidson DYNA Switchback e la Victory Cross Road Classic.

Il test, svoltosi tra Parigi, Troyes e i Pays d’Othe, nelle terre del Calvados, ha messo a dura prova giornalisti e motociclette a causa delle avverse situazioni metereologiche incontrate, con frequenti piogge e nevicate. Tuttavia sono proprio state queste condizioni climatiche che hanno ulteriormente esaltato le differenze tra la nuova California 1400 e le avversarie americane, facendo emergere le qualità di una progettazione più moderna e di una conseguente supremazia tecnologica e dinamica. La California 1400 Touring ha dominato le rivali sotto ogni aspetto, sia secondo un’analisi soggettiva sia oggettiva. I giornalisti francesi sono rimasti stupiti dalle prestazioni del motore 1400, il più piccolo dei tre ma anche il più potente ed elastico. Inoltre è l’unico dotato della possibilità di selezionare la risposta all’acceleratore su tre diverse erogazioni: “pioggia”, “turismo” e “veloce” una particolarità particolarmente apprezzata da tutti i tester. Da riferimento anche la frenata e l’azione dell’ABS, giudicata la indiscutibilmente la migliore per potenza e omogeneità.
Anche in tema di confort, la California 1400 Touring ha sbaragliato la concorrenza: è quella con il più basso tasso di vibrazioni, grazie al famoso telaio con fissaggi elastocinematici, ha la sella di maggiori dimensioni per pilota e passeggero e il suo parabrezza è il più protettivo.
Bertrand Thiébault, autore dell’articolo e storica penna, spesso tranchant, di Moto Journal, termina il suo articolo così: “Une réussite!” (Un successo!)
G.C.








In pista a Monza nel week end la Targa Porsche, Formule Racing Free e Junior, campionato Minicar 
Per l'occasione ingresso gratuito e paddock aperto sabato e domenica
Dall'Inghilterra arrivano dal presidente Aci, Angelo Sticchi Damiani, rassicurazioni sul futuro di Monza e del Gp d'Italia di Formula 1

Monza - Le potenti GT Porsche di scena all’Autodromo di Monza sabato 29 e domenica 30 giugno per la quarta prova stagionale del campionato riservato alle 997 omologate Gran Turismo. Da seguire anche le corse delle piccole, ma pepate Fiat 500 e 126 del campionato Minicar e quelle delle monoposto di Formula Racing Free e Formula Junior Monza. Nell'occasione ingresso gratuito, tribune libere e paddock aperto, domani e domenica all’Autodromo di Monza per un week end a tutto motore all’insegna del puro divertimento e alla scoperta delle varie facce delle quattro ruote corsa. L’asfalto del celebre circuito sarà infatti teatro di una animatissima due giorni di prove e gare per una novantina di vetture di varie categorie partecipanti a quattro diversi campionati.

Attrattiva principale del week end sarà la quarta prova della Targa Tricolore Porsche, il monomarca riservato ai più potenti modelli della Casa di Zuffenhausen in assetto corsa che scenderanno in pista per i loro due campionati, il GT3 Cup e il GT Open Cup. Nel primo saranno protagoniste le GT3 997 Cup, omologate Trofeo, in gare sprint di circa mezz’ora, mentre nella GT Open Cup, la sfida è aperta a tutte le vetture da competizione, comprese le potenti GT2, in gare Endurance di circa un’ora con partenza lanciata e cambio del pilota ai box.
Alle poderose GT tedesche faranno da contraltare le pepatissime e assettatissime Fiat 500 e Fiat 126 di 600 e 700 cc, anche nelle elaborazioni Abarth e Giannini, del campionato Minicar; le monoposto “Predator” con motore di derivazione motociclistica Honda 600, 4 cilindri, della Formula Promotion Racing Free; le ormai classiche F. Junior Monza delle ultime due generazioni con motori Fiat 1.200 cc e Renault 1.600 cc. Si tratta di tre categorie che val la pena di conoscere per il loro modo di interpretare la competitività all’insegna della pura passione sportiva alla portata di molti. La giornata di sabato sarà dedicata a ben 15 sessioni di prove libere delle varie categorie dalle ore 9 alle ore 18; mentre domenica, qualifiche in mattinata (tra le ore 9 alle 12) e 6 gare nel pomeriggio (tra 12.45 e le 18.10). Le corse delle Porsche sono in programma alle ore 14 (GT3 Cup) e alle ore 16.30 (GT Open Cup).

G.C.






-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------










La Guzzi protagonista al Motoraduno dello Stelvio
La Casa dell’Aquila sarà presente a Sondalo e Valdidentro dal 28 al 30 giugno

Mandello - Sarà protagonista anche la Moto Guzzi alla 37^ edizione del Motoraduno dello Stelvio International che si terrà dal 28 al 30 giugno a Sondalo (SO). La Casa dell’Aquila sarà presente nell’Alta Valtellina in due distinti presidi, a Sondalo e a Valdidentro. Nella prima località della Valdisotto, sede del raduno e delle iscrizioni, sarà allestita un’esposizione dei modelli 2013 della gamma V7, dell’ammiratissima California 1400 oltre alla maxi enduro Stelvio 8V, che da questo straordinario passo alpino ha preso il nome.


Parallelamente a Valdidentro andrà in scena la manifestazione “Aquila in quota”, organizzata dal Moto Guzzi World Club. In questa scenografica località posta ai piedi del parco dello Stelvio, tutti i Guzzisti saranno benvenuti nel villaggio MGWC allestito nell’area polifunzionale del comune, con parcheggio riservato, camping e, per la giornata di sabato 29 anche il servizio ristorante. Nello stesso giorno, in serata, è in programma l’atteso concerto del folcloristico e virtuoso rocker dialettale “Il Bepi” http://www.ilbepi.com/content/homepage.aspx, amatissimo dal popolo Guzzista e atteso a Valdidentro in sella alla sua inseparabile Moto Guzzi California 1100.


Il MGWC ha pensato anche alle compagne dei Guzzisti le quali, se attratte dal desiderio di fare shopping tra i caratteristici negozi di Bormio, potranno usufruire di un servizio di navetta gratuito “Donna Guzzi” messo a disposizione dagli organizzatori. Tra i privilegi riservati ai partecipanti a “Aquile in quota” vi è anche la possibilità di potersi iscriversi al 37° Motoraduno dello Stelvio International direttamente a Valdidentro senza dover raggiungere Sondalo, risparmiando il disagio di lunghe code e attese per ricevere gli ambiti gadget della manifestazione. Rimanendo nel tema degli inevitabili ingorghi che la pacifica invasione di almeno trentamila motociclisti potrà causare, un altro vantaggio offerto dal presidio Moto Guzzi di Valdidentro è il collegamento diretto alla SS38 dello Stelvio senza dover attraversare l’abitato di Bormio. Molte sono quindi le motivazioni per mettersi in viaggio in sella alla propria Moto Guzzi verso uno dei più affascinanti luoghi dell’intero arco alpino per vivere o rievocare una memorabile esperienza di guida e di condivisione motociclistica.
G.C.










Monza apre le "porte" agli appassionati
Sabato 29 e domenica 20 giugno ingresso libero in occasione della Targa Tricolore Porsche e delle gare di Formula Junior, Formula Promotion Racing Free e Minicar

 Monza - Operazione “porte aperte” all’Autodromo di Monza. Nell’ultimo week end di giugno sarà infatti possibile assistere alle gare in programma nell’impianto brianzolo entrando gratuitamente e accedere poi, a scelta, a qualsiasi ordine di tribune dislocate lungo il tracciato. Nell’occasione saranno di scena le supercar della Targa Tricolore Porsche, il monomarca riservato ai più potenti modelli della Casa di Zuffenhausen in assetto corsa, che scenderanno in pista per i loro due campionati, il GT3 Cup e il GT Open Cup.
Nel primo saranno protagoniste le 997 Cup, omologate GT3, in gare sprint di circa mezz’ora, mentre nel GT Open, le vetture GT3 sfideranno le più potenti sorelle maggiori omologate GT2, in gare Endurance di circa un’ora con partenza lanciata e cambio del pilota ai box. Una spettacolare due giorni di prove e gare animata da una cinquantina di vetture Porsche per circa 70 piloti, durante la quale si potrà assistere anche alle corse di altre tre categorie di vetture: le Formula Junior Monza, le Formula Promotion Racing Free e le Minicar.
G.C.




  



Guzzi: nuovo look per Norge GT8V e V7 Special
Livree nuove per la prestigiosa GT, colori ispirati alle serie anni '7' per la V7

Mandello - Le novità Moto Guzzi per il 2013 non sono ancora finite. Dopo l’attesissima California 1400 Custom, commercializzata sul mercato nazionale nel marzo scorso, dalle linee di montaggio di Mandello del Lario sono uscite anche le nuove versioni 2013 di due amatissimi modelli: la V7 Special e la Norge GT8V.
Si tratta di due ulteriori novità per il Marchio dell'Aquila, che ha inaugurato il 2013 con l'arrivo sul mercato delle due nuovissime California 1400 Touring e Custom e con una partnership di assoluta eccezione: quella con Ewan McGregor, attore scozzese e star di Hollywood, come testimonial di Moto Guzzi. Anche il mercato premia la storica Casa di Mandello del Lario, tra i marchi più prestigiosi al mondo nel campo motociclistico: nei primi tre mesi del 2013, le vendite di Moto Guzzi hanno infatti segnato una crescita del 27,9% dei volumi rispetto al primo trimestre 2012, mentre lo scorso anno si era chiuso con una crescita del 15,3% in netta controtendenza con l’andamento del mercato europeo della moto.

Moto Guzzi V7 dal 2008 best seller della gamma Moto Guzzi, nella versione Special MY2013 cambia pelle, abbandonando il bicolore per una nuova veste grafica, esplicitamente ispirata alla storica 750 Sport S/S3 in produzione dal 1974 al 1976. La nuova livrea, denominata “Essetre” è disponibile su due basi cromatiche: in argento metallizzato con fasce nere, molto elegante e raffinata, oppure, in nero con fasce arancioni che, nel ricalcare fedelmente l’antenata appare più classica e sportiva. Su entrambe il logo sul serbatoio è quello storico in rilievo mentre i cerchi delle ruote sono in finitura nera anziché cromata. Immutata sia la parte ciclistica sia meccanica: il classico telaio doppio culla sdoppiabile alloggia il vivace motore small block bicilindrico a V di 90° che nel 2011 è stato interamente riprogettato per ottenere un più levato rendimento termodinamico, intervenendo nella parte termica e nell’alimentazione con singolo corpo farfallato Magneti Marelli MIU3G da 38 mm di diametro. Buone notizie anche per il prezzo, che rimane inalterato in 8.540 Euro FC IVA compresa e per l’omologazione 35KW, che fa della Moto Guzzi V7 (In tutte le versioni) la Moto Guzzi disponibile per i diciottenni possessori di patente A2.





Make-up estetico anche per la Moto Guzzi Norge GT8V, la granturismo prediletta dai grandi mototuristi veloci e dai corpi della polizia stradale, dei carabinieri e di numerose polizie municipali, compresa quella della capitale tedesca Berlino. La novità, in questo caso è nella fascia grafica argento che corre lungo le fiancate e che può essere scelta su due basi cromatiche: nel nuovo marrone “mogano” oppure in bianco “madreperla” che dal 2010 rappresenta il colore di maggior successo. Inalterata la parte ciclistica e la meccanica, con telaio a traliccio in acciaio ad alta resistenza associato al forcellone mono-braccio in alluminio, che incorpora il famoso CA.R.C., la trasmissione finale a cardano reattivo compatto. Confermato anche il motore da 1151cc della serie “Quattrovalvole”, che sulla Norge differisce per il radiatore dell’olio posizionato nel puntale della carenatura inferiore e per l’impianto di scarico con silenziatore di maggior volume. La Moto Guzzi Norge GT8V MY2013 è già disponibile sulla rete vendita nazionale al prezzo di 16.350 euro FC IVA compresa.
G.C.










61^ Coppa Intereuropa: in pista a Monza 
la storia dell'automobilismo sportivo
Quasi 250 vetture animeranno il week ene all'Autodromo Nazionale. Clou dell'evento la riedizione della "1000 Km" riservata ai Prototipi costruiti fino al 1972.

Monza - Sta per alzarsi il sipario sulla 61^ edizione della Coppa Intereuropa di auto storiche. Per tre giorni l'Autodromo di Monza proporrà un tutto nel passato delle competizione e delle vetture stradali di grande fascino. Sarà un susseguirsi di gare, raduni, esposizioni e feste, all'insegna della passione per l'automobilismo.
Decine di leggendarie vetture da corsa che hanno fatto la storia dell’automobilismo sportivo scenderanno in pista a Monza nel prossimo week-end, dal 31 maggio al 2 giugno, in occasione della 61^ Coppa Intereuropa, la celebre corsa con partenza “tipo Le Mans” nata nel 1949 per le Vetture Turismo e ripresa nel 1982 in veste di revival per le autostoriche.



A contendersi la vittoria in vere competizioni, come nella loro gioventù, ci saranno modelli di 40, 50 e 60 anni fa (costruiti fino al 1972) come le indimenticabili Sport-Prototipo Porsche 917K, Alfa Romeo 33TT/3, Ferrari 365 GTB/4 e Lola T70 pre ’72 protagoniste del Mondiale Marche che gareggeranno nella corsa intitolata alla mitica “1000 Km” sulla distanza Endurance di 3 ore, al via sabato 1 giugno alle ore 15.00. In questa gara da segnalare la presenza della pop star Chris Rea e del sempre attivo Arturo Merzario.
Ci saranno poi le eleganti e potenti stradali GT/GTS come Ferrari 250 SWB, Jaguar E Type, Porsche 356, Alfa Romeo TZ, AC Cobra, Austin Healey, impegnate nella gara GTSCC, pre ’63 e pre ’66; le popolari Turismo trasformate corsa come Mini Cooper S, Ford Lotus Cortina, Fiat Abarth 1000, Giulia Sprint, BMW 1800 nella corsa U2TC pre ’66; le piccole monoposto dei grandi campioni della Formula Junior italiane e inglesi nate nel ’58 (Stanguellini, De Sanctis, Branca, Wainer, Lotus, Lola, Brabham) alle quali fecero seguito nel ’64 le Formula 3, che scenderanno in pista tutte assieme in due prove sprint di mezz’ora ciascuna.


Si saranno anche le Alfa Romeo più celebri e più “corsaiole” come la 1900 Ti Super, le varie Giulia e Giulietta, le Junior , le GTA e le GTAm (una quarantina di esemplari del periodo ’54 - ’72) in una corsa tutta per loro , il “Trofeo Tutto Alfa”, organizzata dalla Scuderia del Portello per celebrare il cinquantenario dell’Autodelta, il “reparto Corse” del Biscione fondato dall’ingegner Carlo Chiti nel 1963. In totale saranno circa 150 le vetture di 8 categorie e 200 i piloti che animeranno le fasi di altrettante corse in un intenso programma che terrà impegnata la pista per le prove del venerdì e per le prove e le gare di sabato e domenica dalle ore 9 fin dopo le 18. Ma a questo grande festival dell’auto d’epoca, che è la più importante manifestazione del suo genere in Italia e una delle maggiori d’Europa, sono attese almeno altre centinaia di auto d’epoca, provenienti dall’esterno e non in gara, che saranno protagoniste di alcune parate in pista, tra una corsa e l’altra, di esposizioni e raduni di marca nel paddock come quello dedicato alla Porsche 911 che compie anch’essa il mezzo secolo di vita. Sicuramente da visitare, infine, la mostra-mercato di auto e moto d’epoca, accessori, oggettistica varia, editoria che raccoglie ogni anno numerosi espositori e alla quale si accede liberamente.
G.C.






Porsche festeggia i 50 anni della 911 a Monza
L'appuntamento è in fissato per sabato 1° giugno all'Autodromo

Monza - Un appuntamento “storico” quello scelto dai Centri Porsche di Milano, fissato per sabato 1° giugno, per per celebrare il cinquantesimo compleanno della 911 presso l’Autodromo di Monza, in occasione della Coppa Intereuropa storica.

Mezzo secolo di 911 all’interno di una kermesse giunta alla 61° edizione, che nella sua gara più rappresentativa, la “1000 km di Monza”, negli anni in cui era titolata nel campionato mondiale marche, ha visto Porsche salire sul gradino più alto del podio per ben dieci volte.
L’evento, dedicato ai possessori della 911, inizierà con una partenza collettiva dalle due Concessionarie, Milano Nord, via Stephenson, o Milano Est, via Rubattino, in direzione Autodromo di Monza, nel quale ci sarà un’area del paddock riservata alle vetture dei partecipanti. Il programma della giornata prevede poi diverse attività: l’ingresso in pista per una parata di gruppo, una sfilata delle vetture più rappresentative della serie 911, con presenza di modelli speciali o rari da vedere, un contest che premierà le auto più particolari, l’elezione di quella più bella scelta dal pubblico. L’area museale dell’Autodromo, inoltre, ospiterà una collezione di tutte le sette serie della 911, corredata da immagini fotografiche rievocative.
E molte altre sorprese, dedicate anche al mondo dei bambini.
La giornata, infatti, sarà in qualche modo dedicata anche a questi ultimi: i partecipanti all’evento, contribuiranno in modo significativo a raccogliere fondi per la “Fondazione Theodora Onlus”.
Maggiori informazioni su: www.milano.porsche.it
G.C.





La Scuderia del Portello protagonista a Monza
nelle storiche in pista e nel paddock
Per festeggiare i 50 anni Autodelta la Scuderia del Portello organizzerà nel paddock  un'esposizione di vetture che hanno fatto la storia dell'Alfa Romeo

Monza - Si scaldano i motori in vista della 61^ Coppa Intereuropa in programma a Monza nei giorni 31 maggio, 1 e 2 giugno. La manifestazione, rilanciata negli ultimi anni grazie anche alla spinta della Scuderia del Portello, è tornata ad essere una classica nel calendario dell’Autodromo di Monza e uno degli eventi di maggiore prestigio nel panorama internazionale delle autostoriche.
Un rilancio che unitamente alla parte sportiva ha riguardato la logistica della manifestazione, consentendo un maggiore contatto con il pubblico che può ammirare da vicino le macchine allineate sotto i gazebo nel paddock e imprimendo alla manifestazione un’immagine decisamente più elegante e prestigiosa. E gli appassionati che sceglieranno di recarsi in autodromo nei tre giorni dell’evento sicuramente non correranno il rischio di annoiarsi, perchè oltre allo spettacolo in pista potranno riempire i rari momenti di pausa con la visita al mercatino e la mostra-scambio di particolari e accessori e all’esposizione dei club dei vari marchi automobilistici dove sono attese oltre 1.000 vetture che avranno anche modo di calcare il magico asfalto monzese con parate mozzafiato.
 Quest’anno, inoltre, per gli appassionati ci saranno tre appuntamenti impedibili: per festeggiare i 50 anni Autodelta la Scuderia del Portello organizza, presso la propria area nel paddock, una esposizione delle vetture che hanno fatto la storia del Reparto Corse Alfa Romeo oltre alla “prima” ufficiale del nuovo “Club 8C” dedicato alla fantastica GT del Biscione, mentre nell’Area Club sarà un’altra icona dell’automobilismo come la Porsche 911 a festeggiare il mezzo secolo di storia.
Per quanto riguarda le gare in pista il piatto sarà davvero ricco e in grado di accontentare anche i palati più fini, con sette categorie che daranno vita a gare come sempre combattute: Sport Prototipi e GT pre ’76 per la rievocazione della 1000 Km sulla distanza di 3 ore, che vedrà al via anche la pop star Chris Rea; Turismo pre ’65 per l’U2TC; GT e Sport pre ’65 per la GTSCC con gara di 90’; F. Junior e F. 3 del Challenge Formule Storiche; F. 1 pre ’86; monoposto di F. 1, F. 5000 e F. Indy del “Formula Monza”.  Tra le gare da seguire con maggiore attenzione spicca la gara “Tutto Alfa- Trofeo Autodelta ”, organizzato direttamente da Scuderia del Portello. La spettacolare griglia di partenza del Trofeo “Tutto Alfa” descriverà gran parte della storia del marchio del Biscione, con vetture costruite tra il 1955 e il 1971: tra queste i vari modelli di Giulietta, Ti, Sprint, SS e SZ, con un Trofeo loro dedicato, Giulia Ti, Giulia GTA 1.3, 1.6 e GTAM, e Alfa 1900.
Info su: www.scuderiadelportello.org; www.monzanet.it; www.romeoracing.it
G.C.






1000 km in Vespa in due giorni attraverso 6 regioni 
Sono stati 306 i concorrenti che hanno partecipato alla maratona vespistica

Mantova - In Vespa per due giorni, dall’alba di venerdì 24 fino alla notte di sabato 25, 1006 chilometri, con partenza e arrivo a Mantova, attraverso sei regioni italiane: Lombardia, Trentino, Veneto, Emilia Romagna, Toscane e Liguria.
Quella del 2013 sarà ricordata come l’edizione record della storica “1000 km Vespistica” grazie ai 306 concorrenti al via provenienti da tutti i paesi d’Europa e dagli Stati Uniti.
Alla fine, da questa edizione resa epica dalle condizioni meteo incontrate dai concorrenti è emerso un vincitore: Elvezio Biserni, del Vespa Club Mantova si è aggiudicato il trofeo “Audax 1000” avendo ottenuto il numero minore di penalità nei controlli orari posti lungo il percorso. Biserni è stato premiato al pranzo di gala che ha chiuso una manifestazione che esalta il gusto del viaggio e dell’avventura e lega appassionati di paesi e culture diverse nell’amore per Vespa.
Premiato anche Andrea Saletti, ancora del Vespa Club Mantova, come concorrente più giovane, essendo nato nel 1994.  La selezione sul percorso è stata durissima a causa del maltempo che ha colpito tutto il Nord Italia nel weekend. I vespisti, praticamente sempre sotto la pioggia, hanno incontrato anche la neve sul Passo Rolle e sull’Appennino. Alla fine sono tornati a Mantova in 192 sui 306 partiti 48 ore prima.
La 1000 km Vespistica 2013 è scattata da piazza Sordello a Mantova all’alba di venerdì per muovere verso Treviso, primo arrivo di tappa. Poi le Vespa hanno preso la via della Romagna per arrivare a Ravenna percorrendo la Romea, un trasferimento affrontato tutto in notturna. La coda della 1000 km ha raggiunto Ravenna solo dopo le 4 del mattino, proprio mentre i primi già ripartivano alla volta della Toscana per affrontare il mitico passo del Muraglione, toccare Firenze e poi proseguire per Pontedera, sede dello stabilimento Piaggio nel quale Vespa nacque e dove è prodotta ininterrottamente dal 1946. Qui i vespisti sono stati accolti al Museo Piaggio, vero luogo di culto per gli appassionati di tutto il mondo, per poi riprendere la strada verso Nord, attraverso il Passo della Cisa, e tornare a Mantova. Gli ultimi coraggiosi hanno raggiunto l’arrivo in piazza Sordello solo all’alba della domenica.
Spettacolare il parco delle Vespa partecipanti. Si sono viste in gara dalle primissime “faro basso”, prodotte dal 1946 alla prima metà degli anni ’50, alle modernissime Vespa GTS 300. Nel gruppo molti modelli entrati nella leggenda di Vespa come le GS del 1955, le Primavera e le ET3 degli anni ’70, le grandi viaggiatrici Rally 180 e 200cc e le numerose, inossidabili Vespa PX.
Nata nel 1951 per mostrare al mondo le straordinarie doti e le potenzialità di quello che sarebbe diventato lo scooter più diffuso e più amato al mondo, la 1000 km Vespistica si trasformò presto in un evento leggendario. Si corse in nove edizioni fino al 1970 richiamando ai lati delle strade migliaia di appassionati ad applaudire il passaggio dei vespisti, nel pieno spirito delle grandi imprese motoristiche. Dopo molti anni di oblio la 1000 km Vespistica è rinata per merito della passione del Vespa Club Mantova. E’ stato l’avverarsi di un sogno e, con l’edizione di quest’anno, un successo clamoroso
G.C.






Il Gp d'Italia F.1 a prezzo scontato: ultimi giorni
A fine mese scade il termine per l'acquisto dei biglietti a costo ridotto

Monza - Ultimi giorni per acquistare i biglietti per il Gp d'Italia di F.1 a prezzi scontati: venerdì 31 maggio scadrà la seconda fascia di sconto prevista nella prevendita degli abbonamenti tre giorni al Gran Premio d’Italia 2013. Poi, fino al week end della gara, sarà possibile acquistarli solo a prezzo pieno. Le singole giornate saranno messe in vendita, invece, a partire dal 1 agosto, salvo esaurimento.
 Acquistare un abbonamento entro il 31 maggio è particolarmente vantaggioso: infatti si potrà assistere a tutto il week end di prove e gara ad un prezzo più conveniente della sola domenica. Un esempio: entro il 31 maggio, in tribuna Vedano l’abbonamento 3 giorni costa 210 euro, mentre il biglietto per la sola domenica costerà 215 euro.
Un’altra bella notizia per i tifosi riguarda il ritocco al ribasso (attorno al 10 – 15% di media) dei prezzi di alcune tribune, rispetto al 2012. La Laterale sinistra, la laterale destra B, la Ascari e la Ascari Due sono passate da 350 a 320 euro. Mentre la tribuna Vedano è scesa da 250 a 210 euro.
ìCondizioni speciali poi per i soci Aci. Per loro, rivolgendosi all’Automobile Club Milano (corso Venezia 43, Milano, tel. 02 7745266/209), fino al 6 settembre, l’abbonamento tre giorni alla tribuna Parabolica interna B costa 130 euro (contro i 220 euro di listino, prezzo pieno), mentre l’abbonamento tre giorni alla tribuna Laterale Parabolica D costa 110 euro (contro i 160 euro di listino, prezzo pieno). Inoltre è previsto uno sconto di 15 euro per i biglietti di tutte le altre tribune e di 8 euro per l’ingresso prato (giornaliero/abbonamento). Ogni socio può acquistare al massimo due biglietti. I nuovi soci avranno invece diritto all’abbonamento prato al prezzo speciale di 60 euro.
Il listino prezzi e tutte le informazioni sui pacchetti disponibili in occasione dell’84° Gran Premio d’Italia, in programma a Monza dal 6 all’8 settembre, si trovano sul sito www.monzanet.it
G.C.













Marco Melandri vince a Monza 
la gara Superbike più veloce di sempre
Gp d'Italia Superbike con il nuovo record di 201.814 km/h di media in gara

Monza
- Il Gran premio d'Italia Superbike 2013 disputato sulla pista di Monza, ha regalato la gara più veloce  di sempre nei 26 anni di vita del mondiale riservato alle maxi moto. A stabilire il record è stato Marco Melandri, pilota della Bmw ufficiale, che ha vinto gara 1 coprendo i 103,986 km della corsa (18 giri) in poco meno di 31 minuti a 201.814 km/h di media, toccando una punta velocistica di 336 orari. Melandri ha così battuto dopo 13 anni il record che era stato stabilito nel 2000 in gara 1 a Hockenheim dall’australiano Troy Bayliss (tre volte iridato SBK nel decennio passato) con la sua Ducati, alla media di 201.330 km/h.
 Il nuovo record rimarrà probabilmente imbatto nei prossimi anni, vista la volontà della Dorna, organizzatrice del campionato Superbike, di togliere dal calendario del prossimo anno la tappa di Monza per motivi legati alla sicurezza, proprio per le elevate velocità raggiunte dalle moto sul tracciato brianzola.
La vittoria del trentenne pilota italiano ex MotoGp, la prima in questa stagione, è maturata all’ultima curva dell’ultimo giro, quando in Parabolica è riuscito a superare l’irlandese dell’Aprilia ufficiale, Eugene Laverty (terzo al traguardo) con il quale aveva duellato fin dal via in un quartetto di testa, assieme all’inglese della Kawasaki Tom Sykes (secondo) e al francese dell’altra Aprilia ufficiale Sylvain Guintoli (quarto).
In gara 2 si è ripetuto lo stesso copione con lo stesso quartetto di piloti che prendono il largo poco dopo il via duellando fino alla fine. Questa volta però Laverty resiste in testa con costanza, con il compagno di squadra Guintoli brevemente al comando nel corso della gara. Nel finale l’irlandese dell’Aprilia respinge anche gli attacchi di Melandri e va a vincere davanti al vincitore di gara 1, a Sykes e a Guintoli. Nel dopo gara la direzione corsa retrocederà poi Sykes al quarto posto per un taglio di chicane con sorpasso.
Dopo il round italiano la classifica del campionato è sempre capeggiata da Guintoli con 137 punti, ma si è accorciata. Laverty (p. 124) e Sykes (p.119) gli si sono infatti avvicinati, come pure Melandri, che sempre quarto ma con 45 punti conquistati (25+20) si è anch’egli avvicinato al top con 96 punti.
G.C.







Partenership tra l'Autodromo e l'Alfa Romeo
L'accordo prevede l'utilizzo delle Giuliette Quadrifoglio Verde per le attività in pista

Monza - Partenership di due anni tra l'Autodromo di Monza e l'Alfa Romeo. In occasione del Gran premio d'Italia Eni FIM SBK Superbike 2013, di cui il brand, per il sesto anno consecutivo, è top sponsor e Safety Car ufficiale del campionato, Louis Carl Vignon, Head of EMEA Alfa Romeo Brand, ha consegnato (nella foto) simbolicamente le chiavi delle Giulietta Quadrifoglio Verde che saranno utilizzate per diverse attività in pista – quali Safety car, courtesy e Medical car – a Carlo Edoardo Valli, presidente di SIAS SPA, dando così inizio alla partnership tra Alfa Romeo e la SIAS (Società Incremento Automobilismo e Sport) che ha costruito e gestito l’Autodromo Nazionale Monza fin dalle origini.
Sulla pista di Monza, dal 1922 ad oggi, sono state scritte pagine fondamentali della storia dell’automobilismo e del motociclismo mondiali. Alcune di queste portano la firma dell’Alfa Romeo qui ha ottenuto molte vittorie significative: la “P2” con Antonio Ascari nel 1922; sempre la “P2” si aggiudica il G.P. d’Italia con Brilli-Peri che diventa così “Campione del Mondo”; la “8C 2300” esordisce nel 1931 vincendo a Monza con Tazio Nuvolari e Giuseppe Campari; il campione mantovano conquista il primo posto al “Gran Premio d’Italia” anche l’anno successivo con la “Tipo B P3” (Alfa Romeo P3, 1932); Luigi Faglioli replica il successo con la “P3” nel 1933.
Con l’avvento della Formula 1, a bordo della monoposto 158 - la celebre “Alfetta” - Giuseppe “Nino” Farina vince il Gran Premio d’Italia del 1950, mentre nel 1963 la “Giulia TZ”, vincendo la classe alla “Coppa Fisa”, segna l’esordio della neonata “Autodelta”, reparto corse dell’Alfa Romeo. Dal 1965 la “Giulia Sprint GTA”, regina delle “Turismo”, conquista molti dei suoi innumerevoli successi a Monza, vittorie che continuano nei primi anni 70 con la successiva “GT Am”. Nel 1974 e ’75 è la “1000 Km di Monza” a vedere protagoniste le vetture dell’Alfa Romeo: la “33 TT 12” trionfa per due anni di seguito battendo la concorrenza più qualificata e portando il titolo Mondiale Marche all’Autodelta. A cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta è la “75 Turbo Evoluzione” a vincere nelle gare del “Campionato Turismo”, vittorie che si ripetono con la “155 GTA SuperTurismo”, la “155 Ts” e, all’inizio degli anni Duemila, con la “156 SuperTurismo”.
Con questa sponsorizzazione Alfa Romeo si conferma il marchio automobilistico che più di tutti riesce a comunicare lo spirito che si vive all’interno dei circuiti. Lo dimostra anche la consolidata partnership nata nel 2007 tra il brand ed “Eni FIM SBK Superbike World Championship”, un connubio vincente che esprime al meglio lo stile e l’esperienza motoristica italiana nel mondo. In particolare, Alfa Romeo partecipa all’avvincente campionato in qualità di Top Sponsor e di Safety Car Ufficiale condividendo gli stessi valori di sportività, tecnologia e sicurezza ai massimi livelli.
Proprio il ruolo di Safety Car è stato svolto per diverse stagioni dall'Alfa Romeo MiTo Quadrifoglio Verde, la versione contraddistinta dall'emblema leggendario che ha caratterizzato alcune tra le più 'aggressive' realizzazioni firmate Alfa Romeo. Quest’anno il testimone viene raccolto dalla nuova MiTo SBK Limited Edition 1.4 170 CV QV, un concentrato di tecnologia e design derivata dalla versione Quadrifoglio Verde e prodotta in 200 esemplari.
G.C.








Monza, torna la Superbike. Lo show è qui
Dal 10 al 12 maggio in scena all'Autodromo il 4° appuntamento del mondiale 
delle maxi moto.  In pista anche Supersport e Superstock

Monza – Torna la Superbike a Monza, con una tre giorni dal 10 al 12 maggio di prove e gare entusiasmanti. Un anno dopo la sospensione del Gp d’Italia per la pioggia, che fece esplodere il caso delle “bolle” in Parabolica e a cascata una serie di clamorosi provvedimenti da parte degli organi giudiziari, le Superbike tornano sul tracciato brianzolo per il quarto appuntamento del campionato 2013. Il sereno non è ancora del tutto tornato a Monza, ma almeno in questi giorni l’attenzione è rivolta soprattutto al nuovo Gran premio della maxi moto e ai suoi protagonisti.
Con la Superbike in pista anche le Supersport e le Superstock per un weel end motociclistico che si annuncia altamente spettacolare.
Il mondiale Sbk 2013 arriva a Monza con il francese Guintoli leader e con i piloti italiani in cerca di riscatto: in particolare Marco Melandri (Bmw Motorrad GoldBet), reduce dalla sfortunata trasferta olandese nella quale è stato fortemente limitato da problemi tecnici, per non parlare di Michel Fabrizio (Red Devils Roma Aprilia), che a Monza ottenne il suo primo successo mondiale Superbike, nel 2009. Sul tracciato brianzolo conta poi in un bel risultato anche Davide Giuliano (Aprilia), particolarmente sfortunato in questo avvio di stagione, dove peraltro ha fatto vedere anche sprazzi di gara davvero esaltanti. Ricordi positivi per Jules Cluzel (FIXI Crescent Suzuki) il quale, lo scorso anno, vinse la sua prima gara nel Mondiale Supersport sul bagnato della pista monzese. Carlos Checa ed Ayrton Badovini (Team Ducati Alstare) sono chiamati invece ad una prova importante su un circuito notoriamente difficile per Ducati: le 1199 Panigale R saranno però dotate di air-restrictor da 52mm, secondo il regolamento FIM sul bilanciamento delle prestazioni tra le moto a 2 e 4 cilindri.
Dopo una partenza entusiasmante, il mondiale Superbike arriva in Italia per una tappa carica di fascino e storia. Le derivate di serie affrontano infatti il circuito di Monza, teatro da sempre di sfide all’ultima staccata e velocità da record. Una pista speciale per Aprilia, campione del mondo SBK in carica, che qui ha sempre tenuto alto il vessillo della propria italianità, cogliendo vittorie emozionanti, grazie alle straordinarie performance della velocissima RSV4.
La stagione 2013 vede l’Aprilia, dopo tre gare, comandare sia tra i Piloti che tra i Costruttori. La leadership mondiale di Sylvain Guintoli è completata dal secondo posto di Eugene Laverty, vincitore di gara 2 ad Assen e ritornato con prepotenza ai vertici del campionato SBK. Per i piloti Aprilia Monza si carica di significato e stimoli, rafforzati dai precedenti di Eugene e Sylvain su questo asfalto: il nordirlandese Laverty ha colto la vittoria in Supersport nel 2010, oltre alla doppietta al suo esordio in Superbike nel 2011, mentre il francese Guintoli ha conquistato in condizioni difficilissime la Superpole 2012.
Sono davvero emozionato – dice Guintolie non vedo l’ora di guidare la mia RSV4 a Monza. Arriviamo qui da leader della classifica, proprio mentre il Campionato entra nel vivo. La pista mi piace molto e, guardando i risultati degli anni passati, sembra che assecondi perfettamente le caratteristiche della mia Aprilia. Spero che potremo battere il record assoluto di velocità per la categoria Superbike ma, soprattutto, lasciare Monza con due buoni risultati”.
Dello stesso parere anche Laverty, galvanizzato dalla vittoria di Assen: “Era importante per me tornare in corsa con una vittoria ad Assen. Onestamente non mi aspettavo di vincere, e questo mi da ancora più motivazione per affrontare uno dei circuiti più impegnativi del calendario. La velocità di punta è molto importante a Monza, e alla RSV4 non manca di certo. Mi auguro che il tempo si mantenga asciutto e che possiamo divertirci con due belle gare domenica, da ora in poi la lotta al vertice sarà serrata, ogni risultato sarà importantissimo
Le ultime novità alla vigilia del round monzese.
C’è grande fiducia nel team Kawasaki
dopo l’ottimo week end di Assen,
contrassegnato dalla Superpole
e dalla vittoria in gara-1 di Tom Sykes.
 “La moto ad Assen andava davvero, siamo stati molto consistenti per tutto il week end e contiamo di esserlo anche sulla veloce pista di Monza – afferma Sykes -. Stiamo continuamente crescendo, abbiamo trovato su dove lavorare maggiormente sulla Ninja ZX-10R. Ad essere sincero sono quasi sorpreso dello sviluppo fatto, credo che a Monza avremo una ulteriore conferma delle nostre potenzialità”.

Chaz Davies subito dopo Assen è voltato nel quartier generale Bmw
per nuove prove di aerodinamica nella galleria del vento, anche per migliore l’adattamento di guida.

Ho imparato che devo essere più veloce ad inserirmi in carena all'uscita delle curve per ridurre la resistenza aerodinamica e essere così più veloce nei rettilinei – dice Davies -. È stato importante poter vedere quanto potremo migliorare sin dalla prossima gara, in particolare a Monza dove l'efficienza aerodinamica è fondamentale e dove, ad ogni giro, il tempo trascorso a gas spalancato è maggiore rispetto a qualsiasi altra pista. Grazie alla giusta posizione di guida sui rettilinei potrò sfruttare al massimo il potente motore Bmw”.


Jonathan Rea (Pata Honda Wold Superbike), reduce dal piazzamento a podio in gara 2 sul circuto di Assen, arriva a Monza caricato anche dai positivi test effettuati nel post gara sul tracciato olandese. Il 26enne nordirlandese ha svolto un lungo lavoro in pista, in sella alla sua CBR1000RR Fireblade, passando inoltre in rassegna ad un nuovo serbatoio studiato per ottimizzare la distribuzione dei pesi e l'aerodinamica. Il Team Pata Honda ha annunciato che a Monza non sarà in pista Leon Haslam, ancora infortunato, ma il giapponese Kousuke Akiyoshi, attualmente impegnato nell'All Japan Superbike, una competizione che lo vede in testa alla classifica e vincitore delle edizioni 2010 e 2011.

Non al meglio delle condizioni fisiche anche Carlos Checa a Monza.

Un consulto medico effettuato dallo spagnolo subito dopo Assen, ha rivelato un edema osseo alla testa dell'omero della spalla sinistra, un infortunio che molto probabilmente risale ad un trauma precedente, che si è poi esteso ed infiammato per gli sforzi fatti durante le gare. Il pilota del team Ducati Alstare si è sottoposto ad una intensa serie di trattamenti fisioterapici per ridurre l'infiammazione e poter tornare in forma per le gare di questo weekend.

Novità anche nel team Pedercini-Kawasaki. Il pilota Alexander Lundh non potrà partecipare alla gara di Monza questo fine settimana, a causa dell'infortunio seguito alla caduta nelle qualifiche di Assen. Il pilota svedese si è fratturato la clavicola sinistra e rientrerà molto probabilmente a Donington. Il suo posto verrà preso da Fabrizio Lai, già pilota della squadra ed impegnato nell’Italiano Superbike.
Non vedo l'ora di poter correre su quello che è il mio circuito di casa - afferma Fabrizio Lai  - sperando nel bel tempo. Quest'anno ho disputato solo due gare del CIV al Mugello, che purtroppo non sono andate come avrei sperato. Non ho mai guidato la Kawasaki ZX-10R in versione Superbike, per cui dovrò imparare a conoscere e a sfruttare questa moto, che ha sicuramente un grande potenziale. Spero di divertirmi e di fare due buone gare e ringrazio i miei sponsor ed il team Pedercini che hanno permesso questa mia partecipazione al Mondiale Superbike”.
La classifica del mondiale Superbike: 1° Sylvain Guitoli (Aprilia), 111 punti; 2° Eugene Laverty (Aprilia), 83; 3° Chaz Davis (Bmw), 83; 4° Tom Sykes (Kawasaki), 83; 5° Jonathan Rea (Honda), 63; 6° Loris Baz (Kawasaki), 58; 7° Michel Fabrizio (Aprilia), 53; 8° Marco Melandri (Bmw), 51; 9° Jules Cluzel (Suzuki), 41; 10° Davide Giuliano (Aprilia), 33; 11° Leon Camier (Suzuki), 30; 12° Carlos Checa (Ducati), 29; 13° Leon Haslam (Honda), 29: 14° Max Neukirchner (Ducati), 29; 15° Ayrton Badovini (Ducati), 20.
G.C.






Gp d'Italia Superbike: paddock aperto ai fans 
giovedì pomeriggio 9 maggio 
All'interno del paddock show i piloti oltre a firmare autografi agli appassionati
si sfideranno anche in simpatiche sfide a calcio balilla, braccio di ferro e karaode

Monza
- Cresce l'attesa per il Gp d'Italia Superbike, in programma all'Autodromo di Monza dal 10 al 12 maggio, con in pista anche le Supersport e Superstock. Ma già nella giornata di giovedì 9 maggio, il paddock sarà aperto al pubblico per una serie di simpatiche iniziative, tra cui anche la firma degli autografi con i big delle varie categorie. Ma non è tutto. Alcuni fra i principali piloti si contenderanno a Monza la vittoria non solo in pista, ma anche nello speciale “Trofeo Bar Sport”, che prevede competizioni quali calcio balilla, braccio di ferro e gara finale di karaoke.
All’interno del WSBK Paddock Show, giovedì 9 maggio, dalle 12.30 alle 13.30 circa, si cimenteranno numerosi piloti fra cui Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team), Loris Baz (Kawasaki Racing Team), Jonathan Rea (Pata Honda World SBK Team), Michel Fabrizio (Red Devils Roma), Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet SBK Team), Davide Giugliano (Althea Racing), Leon Camier (FIXI Crescent Suzuki), Ayrton Badovini (Team Ducati Alstare).
Il vincitore sarà determinato dai punteggi guadagnati nelle prime due prove e dal giudizio della speciale giuria della gara canora composta da Luca Scassa, Giovanni Di Pillo, Manuela Raffaetà, Philippa Morson. Il WSBK host Michael Hill sarà supportato da DJ Ringo.
Il Paddock sarà aperto da mezzogiorno nella giornata di giovedì 9 maggio per consentire agli spettatori di partecipare anche al pre – event.
Vi ricordiamo che potete trovare tutte le informazioni sulla gara di Monza del Campionato Mondiale Superbike all’interno dei siti www.monzanet.it e http://www.worldsbk.com
G.C.

Il programma del Gp d'Italia Superbike
Venerdì 10 maggio
TIMING DUR. CATEGORY PROGRAMME
08.00-08.10 10’ TIMEKEEPING RACING TRACK SYSTEM TEST
08.45 – 10.15 90’ WSBK/STOCK 1000 TECHNICAL/SPORTING CHECKS
09.00 – 09.45 45’ SUPERSTOCK 600 FREE PRACTICE
10.00 – 10.45 45’ WSUPERSPORT FREE PRACTICE
11.00 - 11.30 30’ SUPERSTOCK 1000 FREE PRACTICE
11.45– 12.30 45’ WSBK FREE PRACTICE
12.45 – 13.30 45’ SUPERSTOCK 600 QUALIFYING PRACTICE
13.45 – 14.30 45’ WSUPERSPORT QUALIFYING PRACTICE
14.45 – 15.15 30’ SUPERSTOCK 1000 QUALIFYING PRACTICE
15.30– 16.15 45’ WSBK QUALIFYING PRACTICE
16.30 – 17.15 45’ EUROPEAN JUNIOR CUP FREE PRACTICE
Sabato 11 maggio
08.00-08.10 10’ TIMEKEEPING RACING TRACK SYSTEM TEST
09.00-09.30 30’ SUPERSTOCK 1000 FREE PRACTICE
09.45 – 10.30 45’ WSBK QUALIFYING PRACTICE
10.45 – 11.30 45’ WSUPERSPORT FREE PRACTICE
11.45 – 12.15 30’ SUPERSTOCK 600 QUALIFYING PRACTICE
12.30 – 13.15 45’ WSBK FREE PRACTICE
13.30 – 14.00 30’ EUROPEAN JUNIOR CUP QUALIFYING PRACTICE
14.15 -14.45 30’ PITWALK PITWALK
15.00 – 15.14 14’ WSBK SUPERPOLE (1)
15.21 – 15.33 12’ WSBK SUPERPOLE (2)
15.40 – 15.50 10’ WSBK SUPERPOLE (3)
16.05 – 16.50 45’ WSUPERSPORT QUALIFYING PRACTICE
17.05- 17.35 30’ SUPERSTOCK 1000 QUALIFYING PRACTICE
18.00 SUPERSTOCK 600 RACE (10 LAPS KM. 57.770)
Domenica 12 maggio
08.00-08.10 10’ TIMEKEEPING RACING TRACK SYSTEM TEST
09.00 – 09.10 10’ SUPERSTOCK 1000 WARM UP
09.20 – 09.35 15’ WSBK WARM UP
09.45 – 10.00 15’ WSUPERSPORT WARM UP
10.30 SUPERSTOCK 1000 RACE (11 LAPSKM.63.547)
11.10 – 11.30 20’ PITWALK PITWALK
11.15 - 11.30 15’ MKT ALFA ROMEO LAPS
12.00 WSBK RACE 1 (18 LAPS KM.103.986)
13.30 WSUPERSPORT RACE (16 LAPS KM. 92.432)
14.35 EUROPEAN JUNIOR CUP RACE (7 LAPS KM. 40.439)
15.30 WSBK RACE 2 (18 LAPS KM.103.986)






La strip di Rivanazzano Dragway si prepara ad ospitare la prima gara di Coppa Italia Aci 2103

Pavia -
Conto alla rovescia per la prima gara d’accelerazione Coppa Italia ACI 2013 - Trofeo Maxi Car Racing, in programma sabato 4 e domenica 4 maggio. Dopo il rinvio delle scorso week end, è l'ora del grande debutto delle competizioni di drag racing in Italia, con la pista semipermanente dell’aeroporto di Rivanazzano Terme (PV) ad ospitare la manifestazione. La Rivanazzano Dragway, si sta preparando da tempo per questo storico appuntamento, che segna l'inizio di una stagione intensa di gara: si parte in questo primo week-end di maggio all’insegna della passione automobilistica più genuina ed originale.
La partecipazione a Coppa Italia ACI è open, accessibile a tutti senza limitazioni. Da regolamento prevede infatti una suddivisione a sette categorie in lotta per il titolo assoluto, dai 15 secondi in su per la più lenta ovvero la A4, fino all'indice di 8,90 secondi della categoria B1, la più veloce. Lo spazio dei paddock sarà un grande palcoscenico sportivo che accoglierà i migliori piloti europei e numerosi esordienti in possesso di tessera associativa o licenza sportiva.
Non sono previsti vincoli per tipologia di vettura, dalle preparazioni gara e mondo tuning alle configurazioni standard, così come per provenienza potranno iscriversi auto americane, europee, giapponesi, italiane per una pit lane di calibro internazionale. La formula richiama le competizioni di drag racing americane, due affiancate sulla strip ed al semaforo verde, lancio sui 402,33 metri della pista.
Il programma prevede una serie di prove libere, utili per determinare la categoria finale di appartenenza e due sessioni di qualifiche. Per ogni match, che si svolgerà ad eliminazione diretta, verrà redatta una classifica assoluta unica per i piloti e classifiche di classe. Il vincitore sarà determinato sommando il tempo di reazione al tempo di percorrenza da cui verrà detratto il tempo dichiarato in classe.
Il risultato rappresenta la penalità della manche e vince il conduttore che ha penalità minore. Tra i premi in palio, la prima Coppa Italia ACI 2013 ed i bonus offerti da Maxi Car Racing.
Massima sicurezza e competenza saranno garantite dal team di professionisti che ha messo in moto la macchina delle gare d’accelerazione in Italia. Tra questi AMP - American Motors Pavia -, ideatore e organizzatore dell’evento, Sadurano MotorSport che gestirà la parte tecnica e sportiva, infine Maxi Car Racing, sponsor principale. Per il pubblico presente sarà uno spettacolo indimenticabile: vetture da sogno che lotteranno al secondo fino a raggiungere anche i 307 km/h (record di velocità della pista 2012). Forti emozioni garantite per tutti.
Ulteriori informazioni su: www.rivanazzanodragway.it
Indirizzo pista: Rivanazzano Dragway, presso Aeroporto di Rivanazzano, via Baracca 8, Rivanazzano Terme (PV).
G.C.







Company Car Drive all'Autodromo di Monza
Meeting dedicato agli acquirenti e ai gestori di auto aziendati
Previsti anche test su 6 percorsi differenti e un corso di guida sicura

Monza -  Si terrà all’Autodromo di Monza mercoledì 17 e giovedì 18 aprile 2013 la seconda edizione di Company Car Drive 2013, evento dedicato ai fleet manager cioè agli acquirenti e gestori di auto aziendali, realizzato da GL events Italia, società organizzatrice del Motor Show di Bologna, e da Econometrica, società editrice di Auto Aziendali Magazine.
L’evento ha l’obiettivo di favorire l’incontro tra domanda e offerta consentendo ai potenziali acquirenti di auto per i parchi aziendali di provare le vetture ed i veicoli commerciali messi a loro disposizione dalle case automobilistiche. All’autodromo di Monza verranno predisposti 6 percorsi di cui due per la guida sicura, uno in pista junior per prove di ripresa ed accelerazione, uno in pista di F1, uno off road (in parte sulla vecchia pista sopraelevata) e uno su un percorso stradale esterno. Inoltre i fleet manager potranno avere informazioni su servizi e soluzioni per le flotte da parte di società di noleggio e di fornitori di prodotti e servizi per il settore delle auto aziendali che saranno presenti in un’area appositamente dedicata. Specifici seminari formativi gratuiti organizzati dalla Fondazione Alma Mater dell’Università di Bologna, da Econometrica e da A.I.A.G.A. forniranno ai fleet manager presenti un’importante opportunità di approfondimento ed aggiornamento professionale. Nel corso dell’iniziativa si svolgerà anche l’attribuzione dei Fleet Italy Awards, riconoscimenti che premieranno i fleet manager con le migliori esperienze di gestione del parco auto aziendale.
Alla prima edizione di Company Car Drive, tenutasi l’anno scorso a Vallelunga, hanno partecipato 416 fleet manager che si sono impegnati in 2.664 test drive.        La partecipazione per i visitatori professionali è gratuita previa registrazione sul sito: http://www.companycardrive.com


La registrazione da accesso sia ai test drive di prodotto sia alle iniziative di formazione e workshop di approfondimento tematico.
Perchè partecipare
Perchè Company Car Drive rappresenta un punto di incontro efficace e funzionale tra la domanda e l'offerta
del settore dell'auto aziendale: una nuova opportunità a servizio del mercato, un'occasione esclusiva di
confronto in una cornice idonea per effettuare i test drive di diverse tipologie di prodotto.
A chi si rivolge
I fleet manager, i responsabili degli acquisti, dei servizi generali, delle risorse umane di aziende e di enti pubblici con parchi auto di dimensioni piccole, medie o grandi, nonchè i mobility manager aziendali possono partecipare a Company Car Drive previa registrazione, partecipando anche ad un ricco programma di iniziative di formazione ed approfondimenti tematici, anche grazie al coinvolgimento di società ed operatori del settore e della filiera dei prodotti e dei servizi per le flotte.
Brand automobilistici presenti
ABARTH -­ ALFA ROMEO -­ AUDI - BMW -­ CITROËN -­ DACIA -­ FIAT -­ FORD -­ HYUNDAI -­ INFINITI -­ JAGUAR -­ JEEP -­ LANCIA -­ LAND ROVER -­ MERCEDES-­‐BENZ -­ NISSAN -­ PEUGEOT -­ PORSCHE -­ RENAULT -­ SEAT -­ SKODA -­ SMART  - VOLKSWAGEN -­ VOLVO.
Aziende espositrici
ARVAL SERVICE LEASE ITALIA -­ AUTOMOTIVE SERVICE -­ CAR SERVER -­ CDG -­ ONE
YOKOHAMA -­ COBRA ITALIA -­ ENI -­ DIVISIONE GAS & POWER -­ FLEET SUPPORT -­ GE
CAPITAL SERVICES -­ LEASYS -­ PROVECO -­ THE KNOWLEDGE TEAM -­ BARILLA -­ ENEL.
G.C.







In pista a Monza il Blancpain Endurance Series
Ben 60 prestigiose vetture GT al via della prima gara della stagione

Monza – Motori accesi anche in questo week end a Monza con il Blancpain Endurance Series, campionato internazionale riservato alle vetture GT che parte dall’Autodromo Nazionale il 13-14 aprile. Fin dalla sua stagione inaugurale nel 2011, il Blancpain Endurance Series si è rivelato un campionato di successo nel motorsport, attirando grandi team e piloti di qualità. E così sarà anche per l’edizione di quest’anno con ben sessanta potenti vetture GT3 iscritte, alcune delle quali guidate da corridori professionisti di grande prestigio, che gareggeranno per la Coppa Pro, la Pro-Am Cup e il trofeo Gentlemen. In gara 180 piloti, con 36 squadre iscritte. Sono 5 i round che si terranno in questa stagione, sui più prestigiosi circuiti del mondo. Il calendario offrirà un trio di tre ore (Monza, Paul Ricard e Silverstone), la 1000 km al Nurburgring e la classica 24 Ore di Spa.

I team protagonisti 
ASTON MARTIN: Beachdean AMR Young, Dirver AMR, Emil Frey Corse
AUDI: Belgian Audi Club, Team WRT, Phoenix Racing, Sainteloc Corse
BMW: Marc VDS, Roal Motorsport, Racing TDS, Racing Vita4One 
FERRARI: AF Corse, Insight Racing con Flex Box, Kessel Racing, Mtech Racing, SMP Racing, Sofrev Auto Sport Promotion, Garage Sport, Scuderia Ucraina
LAMBORGHINI: Blancpain Racing, Grasser Racing Team
MCLAREN: Art Grand Prix, Boutsen Ginion, Gulf Racing, Hexis Racing, GT MRS Racing, Von Ryan Corse
MERCEDES: Black Falcon, Fortec Motorsport, Preci Spark
NISSAN: JRM Motorsport, Nissan GT Academy team RJN
PORSCHE: ARC Bratislava, Delahaye Racing, Haribo Racing, Team Pro GT, Team Almeras, Prospeed.
Tra la sessantina di vetture iscritte, ricordiamo Aston Martin Vantage, Audi A8 LMS, BMW Z4, Ferrari 458, Lamborghini LP-560-4, McLaren MP4, Mercedes SLS AMG, Nissan GT-R Nismo, Porsche 997 che correranno tutte assieme per le tre differenti classifiche: quella dei professionisti (Pro), quella mista (Pro - Am) e quella dei Gentlemen. Tra i professionisti in gara, al volante di una Audi R8 LMS, con due co-piloti, ci sarà anche il detentore del titolo 2012, il monegasco Stephane Ortelli, specialista dell’Endurance e vincitore della 24 Ore di Le Mans (1998) e della 12 Ore di Sebring (2005). Una ventina gli italiani al via nelle tre categorie.
Sarà l'Autodromo Nazionale di Monza a tenere a battesimo l'esordio stagionale del brinazolo Lorenzo Bontempelli nella stagione agonistica 2013. Bontempelli sarà in pista nel prossimo fine settimana con il team elvetico Kessel Racing per il primo round della Blancpain Endurance Series, al volante di una Ferrari 458 GT3 che vedrà alternarsi al volante anche Beniamino Caccia ed Alessandro Garofano.
Il programma del fine settimana prevede per sabato mattina dalle 9 alle 10 i test per i piloti della categoria "bronze". Dalle ore 11,20 alle 12,50 una sessione di prove libere, dalle 15,00 alle 16,30 le "pre-qualifiche".
Domenica il “clou” dell'evento con le qualifiche delle GT dalle 10,35 alle 11,35. La gara di Monza programmata sulla distanza delle tre ore scatterà alle 14,30 con bandiera a scacchi alle 17,30. Le gare del Blancpain Endurance Series saranno visibili in streaming sul sito ufficiale del campionato:
http://blancpain-endurance-series.com
A contorno della gara endurance la prima prova del Super Trofeo Lamborghini, campionato internazionale riservato alle potenti Gallardo, vetture da 570 cv.  Prove al sabato e 2 gare alla domenica, alle 9.30 e alle 12.50. Ulterioni info e risultati live di prove e gare su: www.monzanet.it 
G.C.






 
Al via il rally "Mille Miglia"  valido per il CIR
I piloti lariani protagonisti nel trofeo Citroen

Brescia - Il secondo atto del Campionato Italiano Rally 2013 farà tappa nel week end il Lombardia, con il prestigioso "Mille Miglia". Una settantina le vetture iscritte, con l’attesa predominanza degli iscritti al CIR assoluto, al CIR Produzione ed al CIR Junior. Nella prova d'apertura del Ciocco ha vinto a mani basse il veneto Giandomenico Basso, colui che lo scorso anno vinse il Rally 1000 Miglia, gara che il driver di Cavaso del Tomba non ha mai fatto mistero di amare in modo particolare. Pur con un budget che ancora non permette molto, “Giando” ha dichiarato che farà di tutto per essere della partita, mentre sono sicuri di prendere il via sia Alessandro Perico (Peugeot 207) sia il pilota ufficiale di Skoda Italia, il veronese Umberto Scandola (Skoda Fabia), rispettivamente secondo e terzo al Ciocco.
Sono attesi anche altri “nomi” del plateau italiano, come ad esempio i vari protagonisti dei Trofei monomarca (Renault Clio e Twingo TOP, Citroen Racing Trophy Italia e Suzuki Rally Cup), vale a dire Alessandro Bosca, Rudy Michelini, Gabriele Tognozzi e Ivan Ferrarotti (per la serie Clio), Fabrizio Andolfi Jr., Andrea Crugnola, Giacomo Scattolon e Michele Tassone (con le Twingo), per finire con Andrea Nucita, Mathieu Biasion, Alessandro Re e Alex Vittalini con le Citroen DS3 R3, tra le quali non ci sarà purtroppo quella di Simone Campedelli, e con lui mancherà pure il copilota bresciano Danilo Fappani, impegnato nella stessa gara con un altro pilota, perché entrambi impegnati nella quarta prova del WRC in calendario in Portogallo. Non mancheranno inoltre il toscano Paolo Andreucci ed il valdostano Elwis Chentre, entrambi al volante di due nuovissime Peugeot 208 R2 e pronti a battagliare sulle strade bresciane come già è avvenuto al Ciocco due settimane fa. Sempre tra le due ruote motrici, un altro bel duello vedrà impegnati l’attuale leader del CIR Junior, il piacentino Andrea Carella (anch’egli su Peugeot 208 R2), ed il trevigiano Giacomo Cunial (Citroen C2 R2 Max), vincitore del Supercorso Federale CSAI dello scorso anno e quarto tra gli Junior al Ciocco. E' certa la presenza di Stefano Albertini, il pilota di Vestone terzo assoluto nel Campionato Italiano 2012, che sarà della partita con una Peugeot 207 S2000 con la quale conta poi di proseguire l’avventura tricolore iniziando ovviamente con il piede giusto dalla “sua” gara. Sempre tra i bresciani, è confermata la presenza di diversi piloti tra i quali spiccano Gianluigi Niboli, Roberto Botticini e Luca Tosini.
Trofeo Citroen DS3
All'interno del "Mille Miglia" si disputa anche il secondo appuntamento del trofeo Citroen DS3 che nella prima tappa in Toscana ha visto primeggiare l'equipaggio Nucita-Princiotto. Ma al Ciocco subito protagonisti anche i giovani rallisti lariani nel trofeo nazionale Citroen DS3, la serie promozionale più partecipata d’Italia. La prima prova della stagione, disputata all’interno del rally del Ciocco e Valle del Serchio valido per il tricolore, ha visto il promettente Alessandro Re (D-Max Racing), affiancato dall’esperto Castiglioni, concludere al terzo posto in rimonta. Il pilota lariano, uno dei giovani più interessanti del panorama nazionale, sulle prime battute della sfida toscana aveva sofferto problemi ad un sensore elettrico, problema poi ovviato, dopo il quale si è prodotto in una grintosa rimonta dalle retrovie. Figlio d’arte, Alessandro quest’anno ha già avuto modo di fare esperienza nel rally mondiale di Svezia sulla neve e di cogliere il podio di categoria nel Franciacorta Circuit, ora questo nuovo podio che fa ben sperare per il proseguo del trofeo. Ai piedi del podio, in quarta posizione, si sono piazzati Alex Vittalini e Sara Tavecchio (Wita Team), rallentati nella seconda tappa dall’aver danneggiato la scatola guida dopo una “toccata”. Ma anche per Alex, anch’egli figlio d’arte, l’obiettivo di lottare per le prime piazze del trofeo nazionale Citroen con le berlinette DS3 è più che concreto visto il passo mantenuto durante la prima gara in Toscana. Ora si guarda già alla seconda prova del Citroën racing trophy con l'obiettivo del podio-bis.

Riproposto il Challenge Trident
Rally 1000 Miglia e Rallye Antibes - Cote d’Azur due gare entrate nella storia del rallismo continentale. Malgrado il difficile periodo economico, AC Brescia e ASA Antibes ripropongono in una nuova veste una collaborazione che prosegue da quasi un ventennio con il celebre “Challenge Trident”. Secondo il nuovo format, due equipaggi italiani tra quelli al via del 37° Rally 1000 Miglia potranno usufruire della tassa di iscrizione gratuita qualora decidessero di partecipare all’evento transalpino, valido anch'esso per la massima serie nazionale francese, in programma alla metà del prossimo ottobre. Come consuetudine, non potranno prendere parte al Challenge i piloti prioritari.

Un percorso rivisto ma sempre di fascino
Il programma di gara prevede quattro diverse Prove Speciali, tutte da ripetere in due occasioni, oltre alla “classica” Prova Spettacolo: le nove P.S. portano il totale dei tratti cronometrati a poco più di 150 km., distribuiti su un percorso di poco oltre 600 chilometri. Il rally si snoda tra Valtrompia e Valsabbia e si presenta con un biglietto da visita decisamente accattivante. La prima Tappa di gara offrirà, nel tardo pomeriggio di venerdì 12 aprile, il tradizionale “aperitivo” di quasi 5 km. sulla pista del Franciacorta International Circuit “Daniel Bonara” a Castrezzato e proseguirà l’indomani, sabato 13 aprile, con la disputa di ulteriori tre Prove Speciali mentre la seconda Tappa, concentrata nella mattinata di domenica 14, vedrà la disputa di una sola Prova ripetuta due volte. Le Prove Speciali individuate dal Comitato Organizzatore sono le più celebri della gara bresciana: per la Tappa 1 sono infatti previste la tecnica “Irma” (km. 17,700), la lunga “Pertiche” (km. 26,370) e la difficile “Moerna” (km. 14.070), a cui si aggiunge l’insidiosissima “Cavallino” (14,520 km.) per la Tappa 2. La Tappa 1 prenderà il via sabato alle ore 8.30 con arrivo dalle ore 20.15 in avanti: dopo il primo passaggio sulle tre Prove Speciali previste (58,390 km.), le vetture dei partecipanti torneranno a Brescia per le operazioni di assistenza ed il cambio degli pneumatici. Stante la lunghezza del tracciato, come già negli anni scorsi, si è resa necessaria la predisposizione di un’area di refuelling supplementare in località Lemprato di Idro. La Tappa 2 partirà invece alle 8.00 di domenica per concludersi alle 13.00: non è previsto il ritorno a Brescia tra un passaggio e l’altro della P.S. “Cavallino” in quanto complessivamente saranno disputati solo 29.040 km. di Prova Speciale.
G.C.








Monza, emozioni e spettacolo nel week end
Al via i campionati Superstars, GT Sprint, Challenge Ferrari e World Series

Monza - La SUPERSTARS INTERNATIONAL SERIES è pronta ad accendere i motori della stagione 2013 che, come consuetudine, prenderà il via da Monza, questo fine settimana, con le primhttp://www.elleciblog.it/p/mondo-motori_12.htmle nella giornata di venerdì 5 aprile, le qualifiche sabato 6e la doppia gara domenica 7.  Lo schieramento di quest’anno vedrà la presenza di nove marchi (Audi, BMW, Cadillac, Chevrolet, Chrysler, Jaguar, Lexus, Mercedes e Porsche), con ben 13 modelli di vetture. Un risultato di primo piano valorizzato dalla presenza di nomi altisonanti, che si confronteranno nelle due sfide di 25 minuti ed un ulteriore giro, con partenza lanciata. Cinque i titoli in palio: “Piloti” (International ed Italiano), “Salvatore Genovese” per i team, “Rookie of the Year” e “Star Drivers”.
 Tante le novità previste per questo 2013 che si preannuncia emozionante più che mai. Per il secondo anno consecutivo si presenterà infatti ai nastri di partenza l’ex F1 Vitantonio Liuzzi, che farà parte della squadra ufficiale Mercedes-AMG Romeo Ferraris assieme ad un compagno di squadra velocissimo, Thomas Biagi. I due alfieri della Casa della Stella avranno a disposizione due Mercedes C63 AMG da oltre 500 Cv, con cui dovranno contrastare la trazione integrale delle Audi RS5 del Team Audi Sport Italia, che può indubbiamente contare sull’esperienza del pluri-campione Superstars Gianni Morbidelli e di Ferdinando Geri, mentre una terza vettura di Ingolstadt verrà messa disposizione del giovane Thomas Schöffler. Il campione in carica Johan Kristoffersson sarà invece chiamato a difendere il titolo al volante di una Porsche Panamera S, vettura che fa il proprio rientro in Superstars dopo aver impressionato tutti nel 2010, anno del suo debutto. Lo svedese dovrà tenere alti i colori del team Petri Corse, che schiererà anche una seconda berlina di Stoccarda per Massimiliano Fantini. Pronto a scendere in pista anche il battaglione BMW (Team BMW Dinamic) con tre M3 E92, al cui volante ci saranno Giovanni Berton, Max Mugelli e Mauro Trentin. Sotto i riflettori la Chevrolet Camaro di Francesco Sini, che ha esordito la scorsa settimana proprio a Monza, in occasione dei test ufficiali, facendo segnare il miglior tempo della giornata. Confermata anche la nuovissima Mercedes C63 AMG Coupé del RRT (Roma Racing Team) di Nico Caldarola, il quale nella veste di team manager ha riservato il sedile della potente vettura tedesca all’esperto Luigi Ferrara. Grande ritorno anche per la Cadillac CTS-V della RC Motorsport, che sul circuito brianzolo si presenterà completamente rinnovata: a portarla in pista Roberto Benedetti, pilota protagonista lo scorso anno nella GTSPRINT , in cui ha chiuso con un ottimo quarto posto nella classifica assoluta. Non mancherà anche il team che vanta il più alto numero di presenza nella Superstar: la Caal Racing, con due Mercedes C63 AMG affidate ad Andrea Bacci e Leonardo Baccarelli, mentre il veterano della serie Francesco Ascani scenderà in pista alla guida di una BMW M3 della Todi Corse. A conferma di un’importante presenza di “brand”, a Monza sarà presente anche la Lexus ISF della MRT by Nocentini con Alessandro Battaglin, le due Jaguar XFR (Ferlito Motors) di Andrea Larini e “Diabolik” e la M3 di Gianni Giudici.

Nel week end primo semaforo verde anche per la GTSPRINT INTERNATIONAL SERIES sul velocissimo tracciato di Monza. Quest’anno sono molte le adesioni di team e piloti stranieri (con ben nove nazioni rappresentate) che hanno scelto la serie riservata alle vetture Granturismo by SWR, che per questa stagione si presenta in una veste rinnovata con le due gare previste nel weekend passate da 30’ a 60’, con un pit-stop da effettuare tra il 25. ed il 35. minuto. Una sosta obbligatoria, con la possibilità di mantenere però alla guida lo stesso pilota anche in caso di equipaggi doppi. Cambiamenti anche per le prove ufficiali: due turni di qualifica da 15’ che stabiliranno ciascuno degli schieramenti di partenza. Le due sessioni di prove libere saranno invece allungate da 45’ ad un’ora. Invariate le classi che concorreranno per il titolo: GTS2 e GTS3, con una propria classifica la GTS Cup Trophy e la GTS Open.

Pronto a scendere in pista lo “squadrone” della AF Corse, con ben quattro vetture del Cavallino: tre GTS3 ed una GTS2. L’equipaggio che si alternerà al volante della 458 Italia GTS2 è composto dai bielorussi Alexander Talkanitsa e Alexander Talkanitsa Jr (padre e figlio). Coppia di “peso” su una delle Ferrari 458 GTS3 quella formata dal tedesco Claudio Sdanewitsch e dall’italiano Michele Rugolo. Nello stesso raggruppamento saranno presenti, sempre al volante di una rossa di Maranello, i tailandesi Pasin Lathouras e Tanakorn Ramindra.  Anche quest’anno non mancherà l’antagonista per antonomasia della Casa di Maranello, la Porsche 997 schierata in GTS3 da Autorlando Sport con Glauco Solieri, pilota che ha sempre preso parte all a GTSprint sin dalla prima edizione del 2010. Nello stesso raggruppamento raddoppia l’impegno anche il team Ombra, reduce da un 2012 di grandi successi dove ha messo a segno il titolo di classe con Mario Cordoni (Ferrari 458 Italia), che quest’anno dividerà il sedile con Massimo Mantovani. La squadra guidata da Davide Mazzoleni schiererà a Monza anche una Ferrari F430 per Fernando Croce e Lorenzo Bontempelli.  Grande attesa per la Maserati MC GT3 dello Swiss Team che aveva esordito l’anno scorso a Vallelunga con una vittoria e che quest’anno si ripresenta ai nastri di partenza con un equipaggio di tutto rispetto: Max Pigoli (campione Superstars 2006 su Jaguar) e Andrea Dromedari. Tra le grandi novità di questo 2013 figura anche l’Audi R8 del team KMS con la giovane coppia tedesca formata da Maximilian Mayer e Thomas Schöffler, quest’ultimo protagonista lo scorso anno di una stagione al “top” in Superstars al volante di una RS5. Nel GTS Cup Trophy farà ufficialmente il suo ingresso quest’anno il team Petri Corse, con due Porsche 997. Sulla prima “supercar” di Stoccarda si alterneranno alla guida Gianluca Carboni e Marco Cassarà, già protagonisti nei test ufficiali GTSprint.
In pista a Monza anche il Challenge Ferrari, con doppie gare alla domenica e la Formula Renault 3.5 Series, che torna in Brianza dopo un paio d'anni aprendo il campionato 2013. Sono 26 i piloti iscrittti a questo primo appuntamento, che propone una gara al sabato e una alla domenica. Le monoposto della Formula Renault 3.5 World Series sono di fatto delle F1 e a Monza tra effetto scia e uso del DRS sarà davvero un grande spettacolo in pista. Come è nella tradizione del campionato, uno dei più equilibrati in assoluto, con una media di otto-nove vincitori a stagione. Tuttavia non mancano anche qui i favoriti. Dopo aver vinto quattro gare lo scorso anno, Antonio Felix Da Costa è considerato come il più serio candidato al titolo 2013. Il portoghese gareggia per il team Arden Caterham. Tra i più attesi anche Stoffel Vandoorne, campione in carica nell'Eurocup Formula Renault 2.0. Tra i piloti accreditati a recitare un ruolo di primo piano ricordiamo Will Stevens, Nico Muller (International Draco Racing), Kevin Magnussen (Dams), Marco Sorensen (Lotus), Daniil Move (SMP Racing Comtec), Artur Pic (AV Formula) e Andrè Negrao (International Draco Racing), tutti piloti che sono già saliti sul podio della World Series Renault. Della partita  saranno anche Mikhail Aleshin (Tech 1 Racing), Oliver Webb (Fortec Motorsport), Norman Nato (Dams), Jazeman Jaafar (Carlin), Matias Laine (P1 Motorsport), Christopher Zanella e Sergey Sirotkin (ISR). Mancano gli italiani, soprattutto le promesse di casa nostra e l'amarezza è tanta anche in prospettiva futura. Di certo, però, non mancherà lo spettacolo a Monza in questo fantastico week end tra GT e WS&Renault.     
G.C.






Superstars e Ferrari Challenge scaldano in motori
A Monza due giorni di test in vista del debutto 

Monza - Lasciata alle spalle la tre giorni dedicata al mondiale Turismo e all'AutoGP, l'Autodromo di Monza torna ad ospitare nelle giornate di mercoledì 27 e giovedì 28 marzo una due giorni di test riservati al Superstarsworld e al Ferrari Challenge. Team e piloti della Superstars e della GT Sprint scaldano i motori in vista del primo appuntamento stagionale in programma nel week end del 6/7 aprile. Questi test ufficiali della Superstarsworld in programma nella giornata di mercoledì sul circuito di Monza in vista del via della stagione 2013, rappresentano una “prima” d’eccezione con tante attese novità. Si comincia dal debutto assoluto della nuovissima Chevrolet Camaro by Solaris Motorsport, portata in pista da Francesco Sini, vettura che predilige i tracciati veloci con curvoni in appoggio e ad ampio raggio proprio come Monza. Occhi puntati anche sulla Cadillac CTS-V del team RC Motorsport completamente rinnovata, dal telaio alle sospensioni, per essere ancora più competitiva già dal weekend inaugurale. Il “tempio della velocità” sposa perfettamente le caratteristiche tecniche della vettura a stelle e strisce, alla guida della quale ci sarà uno dei volti noti del campionato, Roberto Benedetti.
 La serie GT Sprint  International vede invece l’esordio delle McLaren MP4 schierate dalla Bhaitech Racing, squadra che per la stagione 2013 farà scendere in campo ben due vetture britanniche. Presente nei test ufficiali anche il Team Ombra Racing di Davide Mazzoleni, il quale nei mesi scorsi aveva preannunciato la preparazione di una seconda Ferrari 458 GTS3, oltre a quella del campione di classe Cordoni, pronta ad essere messa alla frusta già dalla prossima settimana. Sempre con una “Rossa” di Maranello prenderà parte alla sessione ufficiale il Team Ukraine con una 458 Italia. I test ufficiali apriranno di fatto la nuova stagione 2013 del campionato Superstarsword, che si
preannuncia esaltante grazie ai numerosi “brand” pronti a darsi nuovamente battaglia in pista.
La giornata di giovedì 28 marzo sarà dedicata ai test Ferrari Challenge - Trofeo Pirelli,  uno dei più popolari campionati monomarca che accoglie sia clienti al debutto assoluto in pista, sia piloti con esperienza agonistica. Ai primi è riservata la Coppa Shell, con classifica separata e titolo finale, mentre ai secondi il Trofeo Pirelli, ugualmente con titolo in palio, al fine di evitare sfide impari e di garantire lo spettacolo, assicurato sia dagli esperti protagonisti di corse dal livello molto elevato, ma anche da gentlemen driver certi di poter lottare ad armi pari.
In vista dell’appuntamento monzese del 7 aprile 2013, il giorno 28 marzo si svolgerà una giornata di test con la partecipazione dei seguenti team: Men X, Pellin Racing, Garage Foitek, AF Corse, Team Ukraina, Forza Service, Autohaus Gohm, MP Racing, Rosso Corsa, Malucelli, Team SDP, Kessel Racing, FF Corse. Insomma, sarà già battaglia in pista.
G.C. 






 
Il team Prema festeggia i trent'anni 
con due successi in F.3 a Monza

Monza - Il mondo dell'’automobilismo festeggia uno dei team storici delle formule, la scuderia Prema, che a Monza, nell'apertuta della stagione 2013,  ha tagliato il traguardo dei trent'anni di gara conquistando due successi in F.3 nella prima tappa del campionato europeo.
A partire dal 1983, anno di nascita del team Prema, nel panorama italiano ed internazionale tante realtà hanno vissuto momenti gloriosi per poi passare la mano o calare la saracinesca.
Dal giorno della sua fondazione, avvenuto esattamente trent’'anni fa ad opera di Angelo Rosin e Giorgio Piccolo, il team Prema ha percorso un lungo cammino capace di dar forma ad un palmares di assoluto livello. Ma soprattutto Prema nel tempo è stata capace di rinnovarsi, affrontando nuove sfide, nuovi campionati e nuove metodologie di lavoro. Dopo undici anni la squadra ha vissuto primo  importante rinnovo societario, diventando stagione dopo stagione la terza realtà italiana sul fronte delle competizioni in monoposto, dopo Ferrari e Toro Rosso per volume di presenza sui campi di gara. La qualità del lavoro e la volontà nel voler dedicare molte energie alla crescita sportiva di giovani talenti, ha portato il team veneto ad affrontare sfide molto importanti affiancando partener di assoluto prestigio. I nomi sono quelli dei dipartimenti sportivi di Honda, Toyota, Renault, Mercedes e Ferrari,  che negli anni hanno affidato a Prerma i ragazzi selezionati nei loro programmi ‘junior’.
La volontà del team, sempre sostenuta da Angelo Rosin, è stata quella di non limitarsi a fornire ai propri piloti una monoposto competitiva, ma di instaurare con loro un rapporto che coinvolgesse tutte le problematiche che affronta un giovane che inizia la sua militanza nelle formule minori.
Negli anni la squadra ha avuto la possibilità di lavorare con piloti che sono arrivati ai massimi vertici dell’automobilismo mondiale, come Jacques Villeneuve, Ryan Briscoe, Dindo Capello, Robert Kubica, Kamui Kobayashi e Valtteri Bottas, ma grandi soddisfazioni sono arrivate anche da piloti che, pur non arrivando nel ‘gota’ del professionismo, in Prema sono riusciti a sviluppare il loro talento.
"Per Preama - sottolineano i dirigenti - festeggiare il traguardo dei trent’'anni di vita ha un grande significato, perché celebra la bontà delle proprie scelte in un lungo arco temporale. La volontà di proseguire seguendo le proprio linee guida è ancora oggi forte più che mai, ed in un momento così importante per la nostra azienda non possiamo dimenticare tutti i piloti, il personale tecnico, fornitori, partner tecnici, sponsor e sostenitori che nell’'arco di trent’anni hanno contribuito al successo della scuderia nelle competizioni mondiali. A loro va il nostro ringraziamento e la promessa che daremo sempre il massimo per proseguir e a scrivere la nostra storia nel modo migliore possibile".
Un traguardo festeggiato nel miglior modo possibile sulla pista di Monza.
Angelo Rosin, Team Principal aggiunge: "Alla vigilia di Monza avevo tanti pensieri, ci sono tanti rivali ben preparati e di qualità nel campionato e non sapevo proprio cosa aspettarmi anche se speravo che i nostri piloti potessero recitare un ruolo di protagonisti. Ritrovarmi la domenica sera, dopo tre giorni di grande intensità e col meteo variabile, con due successi ottenuti da Marciello, con un podio di Auer e uno di Lynn, con una pole siglata da Raffaele, vedere le buone performance di Cheever che era al debutto assoluto in un contesto internazionale, mi lascia pieno di orgoglio per l'eccezionale lavoro svolto dai nostri piloti e da tutti i ragazzi della Prema. Ma come dicevo sempre anche nelle passate stagioni, siamo solo all'inizio, ora non ci resta che concentrarci per la prossima prova di Silverstone". E continuare ad allevare giovani promesse dell'automobilismo.
Nelle foto alcuni momenti della straordinaria attività del team Prema nei suoi trentanni di successi, sotto un momento del trionfale week end di Monza del 23/24 marzo.
G.C. 








Mondiale Turismo, AutoGP, Euro ETCC e FIA F3, 
a Monza è subito spettacolo in pista
Prove da venerdì 22 marzo, gare da sabato con gara 1 Auto GP e F3,
domenica doppia manche del mondiale WTCC e ETCC e gare 2 formule

Monza - Si parte. Al via nel week end a Monza la stagione sportiva con l'atteso appuntamento appuntamento dedicato al  FIA 2013 World Touring Car Championship, che si presenta alla gara inaugurale con ben 25 auto iscritte e quindici squadre.  L'entry list propone di vetture costruite da cinque diversi produttori: BMW (8), SEAT (7), Chevrolet (5), Honda (3) e LADA (2). Un dato che testimonia il successo della categoria, che storicamente ha sempre catturato piloti di prestigio e un gran numero di appassionati.  Dopo Monza il mondiale WTCC si recherà in visita altri undici paesi su quattro continenti. Finale di stagione come tradizionae a Macao il 17 novembre.

Questi i protagonisti di Monza: Rob Huff (GBR), Seat Leon;  Gabriele Tarquini (ITA), Honda Civic; Franz Engstler (DEU),Bmw 320; Alex MacDowall (GBR), Chevrolet Cruze; James Thompson(GBR); Lada Granta; Aleksei Dudukalo (RUS), Lada Granta;  Yvan Muller (FRA), Chevrolet Cruze; Tom Coronel (NLD), Bmw 320; Tiago Monteiro (PRT), Honda Civic; Fernando Monje (SPA), Seat Leon; Tom Chilton (GBR), Chevrolet Cruze; Stefano D'Aste (ITA), Bmw 320; René Münnich (DEU), Seat Leon; Fredy Barth (CHE), Bmw 320; Pepe Oriola (ESP), SEAT Leon, 
Norbert Michelisz (HUN), Honda Civic;
Charles Ng Ka Ki (HKG), Bmw 320;  Jean-Philippe Dayraut (FRA), Bmw 320; Michel Nykjær (DNK),
Chevrolet Cruze; Hugo Valente (FRA), Seat Leon;  Mehdi Bennani (MAR), Bmw 320;  Marc Basseng (DEU), Seat Leon; Darryl O'Young (HKG), Bmw 320. 


A Monza parte anche la stagione 2013 dell’Auto GP, che si presenta al via con ben 21 monoposto e numerose le novità. La prima riguarda sicuramente la inedita monoposto, investimento su cui l’organizzazione ha fortemente creduto e che ha riscosso grande successo da parte delle squadre. Poi, i piloti. I campioni della Super Nova hanno infatti deciso di schierare ben tre vetture, due delle quali affidate a due piloti italiani, Vittorio Ghirelli ed Antonio Spavone. In casa Virtuosi UK, che scende in pista con tre macchine, avremo il già annunciato Andrea Roda che sarà affiancato dal russo Max Snegirev, mentre è in via di allestimento anche una terza monoposto. Due vetture in casa Zele Racing, compagine austriaca diretta da Michael Zele, che ha in corso trattative con vari piloti. La prima new-entry di questa stagione è rappresentata dal Team Ghinzani, al debutto ufficiale in Auto GP dopo aver disputato i test con la nuova monoposto la scorsa settimana Al volante della squadra diretta dall’ex-pilota di Formula 1 troveremo il rumeno Robert Visoiu, proveniente dalla Formula 3 Italia dove ha corso proprio con Ghinzani ed una seconda macchina in via di allestimento. Euronova Racing conferma due macchine che affiderà alle giovani speranze del Sol Levante. Con la compagine di Vincenzo Sospiri ci saranno infatti Kimiya Sato e Yoshitaka Kuroda. Un nuovo team debutta sotto il nome di Ibiza Racing Team. La compagine ha in Modesto Benegiamo il proprio team manager avrà due vetture, una delle quali affidata alle mani di Giuseppe Cipriani. Tra i fedelissimi dell’Auto GP resta il team MLR71, con Michele La Rosa e Giacomo Ricci, e gli olandesi di MP Motorsport. Incrementa la propria presenza la squadra olandese diretta da Sander Dorsman con ben tre vetture affidate al pilota GP2 Daniel De Jong e gli esordienti Meindert van Buuren e Riccardo Agostini, campione della Formula 3 Italia. Ancora da definire invece i due piloti che saliranno sulle monoposto di Ombra anch’esse in via di allestimento.
A completare il ricco programma in pista ci saranno anche i campionati ETCC e il FIA F3 European con schieramenti completi. Lo spettacolo di certo non mancherà.
Il programma prevede prove al venerdì per AutoGP, F3 e ETCC, sabato prove WTCC e ETCC, gare 1 F3 (alle 10) e AutoGP (14). Domenica gara 2 F3 e AutoGP (10.20 e 11.30), gare 1-2 ETCC (12.45 e 13.50), gare 1-2 WTCC (15 e 17.20), gare 3 F3 (16).
Ulteriori info live evento su: www.monzanet.it
G.C.








Motori accesi a Monza tra corsi, test e Speed Day

Monza - Tornano ad accendersi i motori all'Autodromo di Monza, in attesa del primo grande evento della stagione riservato al mondiale WTCC e all'AutoGP, in programma dal 22 al 24 marzo. Prima però spazio a corsi di pilotaggio sportivo, agli ultimi appuntamenti dedicati ai Speed Day e ai test riservati alle GT, Sport e alle monoposto dell'Euroseries F.3. Nella giornata di venerdì 8 marzo prima giornata riservata a Puresport Incentive monoposto e GT, che verrà replicata anche sabato 9 marzo. Si tratta di eventi sportivi e corsi di pilotaggio su Monoposto e GT Ferrari e Lamborghini organizzati da Puresport.
Il team tecnico di Puresport è formato da specialisti con una solida esperienza in corsi di pilotaggio su monoposto che garantiscono perfetta padronanza del metodo d'insegnamento per affrontare con sicurezza una esperienza in Formula 1, Formula Nissan 3000 e Formula 3. Con la scuola di pilotaggio Puresport si imparano le tecniche fondamentali per controllare la vettura in tutte le situazioni.
Domenia 10 marzo prosegue la stagione degli Speed Day, con l'evento dedicato “British Vol. 2”, recupero dell’evento previsto a metà febbraio e annullato per impraticabilità della pista.

 Settimana prossima in pista anche le vetture da gara con i primi test riservati alle auto GT e Sport, organizzatati da Marzi Sport nelle giornate di giovedì 14 e venerdì 15 marzo. Lunedì 18 marzo giornata di test riservata all'Euroseries F.3
L'Autodromo di Monza e Wakegranturismo, grazie ad un accordo raggiunto per la gestione degli Speed Day e della circolazione turistica che si svolgeranno durante la stagione invernale, proporranno prezzi relativamente alle giornate resteranno invariati rispetto allo scorso anno. Ai partecipanti che acquisteranno un turno di pista, sarà inoltre rimborsato il prezzo del biglietto di ingresso all'Autodromo pari a Euro 5,00 per ogni vettura/conducente.
Le giornate di Speed Day (raduni a tema ai quali possono partecipare i proprietari di autovetture stradali con i requisiti richiesti per quella giornata) e di circolazione turistica (giornate dedicate a chi vuole provare l’emozione di scendere in pista con la propria autovettura in completa sicurezza) si svolgeranno la domenica secondo il seguente orario: Club dalle 9.35 alle 10.45; Speed Day dalle 11.40 alle 12.30; Circolazione Turistica dalle 13.30 alle 17. Info su orari e costi: www.monzanet.it
G.C.


 
La nuova Guzzi California 1400 Custom
in vetrina alla 5^ edizione di Motodays 

Mandello - Il Gruppo Piaggio si presenta alla quinta edizione di Motodays del prossimo week end con alle spalle il primo round del mondiale SBK che ha decretato il dominio di Aprilia sulla pista australiana di Phillip Island, dove i piloti ufficiali su RSV4, Guintoli e Laverty, si sono aggiudicati entrambe le gare scambiandosi i gradini più alti del podio. Una dimostrazione di forza del marchio sportivo del Gruppo Piaggio (il gruppo motociclistico occidentale più vincente della storia con 101 titoli mondiali) resa ancora più completa dal terzo posto, in Gara 1 del pilota romano Michel Fabrizio, anche egli in sella a una Aprilia RSV4, quella del team Red Devils Roma. E proprio Aprilia RSV4, nella nuova versione ABS è una delle novità 2013 più attese della kermesse romana.
Dal 7 al 10 marzo saranno in vetrina tutte le proposte Moto Guzzi, Aprilia, Vespa e tutta la vastissima gamma del Gruppo Piaggio, leader europeo delle due ruote, saranno protagonisti alla Fiera di Roma.
Riflettori puntati sulla Guzzi California 1400 Custom
 
La nuova Moto Guzzi California 1400 Custom, diversamente dalla sorella Touring, non rappresenta un tributo alla dinastia della California, ma è una moto concettualmente diversa, dotata di uno stile più trasversale che raccoglie differenti contaminazioni stilistiche e le riassume in design essenziale e muscoloso. E’ una modernissima “drag bike”, dura e pura: due ruote, un motore, sella e manubrio. Tutto realizzato nel rigore tra forma e funzione, coniugandolo con un senso estetico tipicamente italiano, espressione di una cura del dettaglio e capacità esecutiva degna delle migliori interpretazioni che il made in Italy abbia mai prodotto in campo motociclistico. Una moto d’istinto, imponente e solida come una roccia, dotata di una prepotente personalità che le deriva dalle voluminose forme scolpite con artistica ispirazione in un tripudio di cromature e finiture brunite che fanno scoprire ogni volta un particolare nuovo. La nuova California Custom è spinta da un propulsore entusiasmante, da quasi cento cavalli e 120 Nm di coppia a soli 2.750 giri. Si viaggia così in overdrive, a poco più del regime del minimo per ascoltare i battiti dei pistoni da 104 mm del maestoso bicilindrico a V di 90° made in Mandello del Lario, filtrati dal l’innovativo fissaggio elasto-cinematico al telaio che assicura la scomparsa di ogni vibrazione. La nuova Moto Guzzi è la prima custom al mondo dotata di controllo di trazione MGCT e di tecnologia Ride by Wire multimappa, con la possibilità di selezionare tre diverse curve di erogazione: Turismo, Veloce e Pioggia. Una dotazione elettronica al servizio del piacere di guida e della sicurezza che non ha eguali tra le grandi cruiser.
G.C.




Fabio Mauri, festa speciale
per l'“Obiettivo Dakar raggiunto
Lecco – Una festa tutta Fabio Mauri, meritata, dopo la splendida partecipazione alla “Dakar 2013”, affrontata da privato in sella alla Yamaha 450 F. Alla conviviale, che si è tenuta presso “La Trattoria” di Montorfano gestita da un altro endurista doc, Alfredo Zanrè, c’erano tutti i protagonisti di questa bella impresa, anche se alla fine il merito di tutto è del pilota di Cesana Brianza. Ma dietro a questa favola motoristica c’è stato l’impegno del presidente del Mc Oggiono, Giuseppe Marazza, di Franco Picco, presso il cui team si è appoggiato Mauri per il raid, del preparatore della moto, Roberto Gaiardoni, ma anche Giulio Verzelletti, che ha assistito il pilota lecchese nella seconda parte del maratona motoristica, e Angelo Fumagalli, l’esperto pilota o assistente tecnico che nell’occasione ha dato preziosi consigli all’amico durante le due settimane del rally. Insomma, una bella rimpatriata, con tanto di familiari e amici a brindare con Fabio Mauri, il quale ha tenuto a sottolineare che da festeggiare c’era anche il titolo italiano di categoria conquistato nel campionato Motorally 2012.


Va ricordato che l’endurista del Mc Oggiono era al debutto nel raid di Capodanno, al debutto sulle piste sabbiose e con quasi cinquanta primavere sulle spalle. Mauri non è venuto meno alle aspettative nel corso delle due settimane di raid, coronando quello che era il suo sogno da endurista dopo trent’anni di gare: affrontare almeno una volta e completare la Dakar. Con la gioia di essere arrivato al traguardo nei primi cento motociclisti nell’assoluta (97°) su 124 classificati tra gli oltre centottanta partiti, 17° nella categoria Marathon e secondo tra i piloti italiani. Un gran bel successo e una gran bella soddisfazione, non c’è che dire. Ma prima di completare gli oltre 8.000 chilometri del raid tra Perù, Argentina e Cile, con l’arrivo posto nella capitale Santiago, di avventure Mauri ne ha dovute superare parecchie.

Se non avessi avuto l’esperienza di tanti anni di gare tra enduro classico e motorally – afferma Fabio -, difficilmente ce l’avrei fatta ad arrivare al traguardo. E’ stata una gara dura sotto vari aspetti e emozionante per altri. Innanzitutto voglio ricordare il pubblico, fantastico, impressionante per numero di presenti sul percorso e calorosissimo. Poi l’organizzazione: sono rimasto stupito per l’impiego di uomini e mezzi di sicurezza, ma anche del supporto logistico, della ristorazione al campo. Rimane un raid duro e affascinante, ma dove nulla è lasciato al caso”.

 E le situazioni avventurose quando ci sono state?
Beh, quelle sono state talmente tante che è difficile ricordarle tutte. Su tutti ricorderei quando ho avuto dei problemi con il cambio nelle prime tappe, poi quando si è fermato il camion dell’assistenza del team Picco. Eravamo a metà raid, alla vigilia di tappa durissima e mi sono ritrovato senza assistenza, con un cerchio da raddrizzare e altro ancora. Ma soprattutto senza abbigliamento adeguato ad affrontare una tappa che prevedeva un doppio passaggio di montagna tipo il nostro Stelvio su pista sterrata: per coprirmi ho pure usato un sacco della spazzatura sotto la tutta, ma erano le mani ghiacciate il problema, per via della mancanza del copri manubrio. Avevo un paio di guanti da meccanico sotto a quelli da moto, ma che freddo! Nella seconda parte di gara mi ha dato assistenza il team Orobia e pur con qualche scivolata, inevitabile, qualche indolenzimento ad una spalla e qualche apprensione che la moto si fermasse all’improvviso – è successo anche questo alla fine di una speciale – alla fine sono riuscito ad arrivare al traguardo. E’ stata una gioia bellissima salire sul palco d’arrivo. Questo risultato, che per me vale quanto una vittoria, lo voglio condividere con chi mi è stato vicino a casa e tutti coloro che mi hanno aiutato a realizzare la partecipazione prima e durante il raid”.
G.C.




La Scuderia del Portello premia i suoi campioni

Milano - In occasione di Milano AutoClassica, tenutasi a Fiera Rho, presso lo “Spazio Incontri” all’interno dei padiglioni espositivi, si è tenuta anche la premiazione annuale dei Campioni Alfa Romeo, oranizzata dalla Scuderia del Portello. Nel corso della simpatica e a tratti commovente cerimonia, durante la quale sono stati ricordati alcuni storici amici del club venuti a mancare, come Cesarino Monti, Gianni Taroni e il portoghese Fernando Vaz Pinto, condotta dal giornalista sportivo Fabrizio Calia, sul palco sono sfilati molti piloti che hanno corso e vinto nella stagione 2012 al volante di vetture del Biscione, seguiti dai collaboratori e partners della Scuderia, rappresentanti di club provenienti da Belgio, Svizzera, Germania, Portogallo, Gran Bretagna e Giappone e giornalisti di settore. A consegnare gli ambiti trofei si sono alternati il presidente Marco Cajani e il presidente onorario Arturo Merzario.
Nell’occasione il presidente Cajani ha presentato anche il corposo programma che vedrà impegnata la Scuderia del Portello nella stagione che va ad iniziare: dopo la presenza al Rally Monte Carlo Historique e Milano Autoclassica, la presenza a Techno Classica Essen (D); Mille Miglia; Coppa Intereuropa, con la tradizionale organizzazione del “Trofeo Tutto Alfa”; Festival of Speed, Goodwood; Oldtimer Grand Prix al Nurburgring; Goodwood Revival; oltre ai campionati europei 1000 Km e U2TC, per arrivare al gran finale con l’evento motoristico “The Ageless” a Dubai. Marco Cajani ha anche auspicato un ritorno in pista con le vetture moderne e tenuto a battesimo il neonato “Club International Alfa Romeo 8C Competizione”, riservato ai proprietari delle fantastiche Alfa Romeo 8C coupè e spider prodotte in serie limitata e di Alfa 8C anteguerra.
G.C.





L'Autodromo di Monza ospita 
il Salone dello Studente

Monza - Non solo motori all'Autodromo di Monza. Settimana prossima è infatti in programma il Salone dello Studente, in programma dal 26 al 27 febbraio 2013 presso l’Autodromo Nazionale Monza, dalle ore 9 alle 14. I Saloni dello Studente “Campus Orienta”, rappresentano dal 1990, anno della fondazione, la più significativa manifestazione di settore in Italia dedicata all’orientamento universitario, formativo e professionale post-diploma e post laurea per un totale di: 10.000 mq allestiti, 450 espositori, 300.000 presenze.
Con un calendario di manifestazioni che copre tutto il territorio nazionale, Il Salone dello Studente si pone come evento di riferimento indiscusso per incontrare i giovani studenti che si affacciano al mondo del lavoro post-laurea o dello studio post-diploma ed hanno la necessità di conoscere la realtà di un panorama estremamente complesso e variegato. 
L’assistenza di psicologi specializzati nell’orientamento, l’incontro con i docenti e gli orientatori di tutti gli atenei italiani, il confronto con il mondo delle aziende, il supporto di servizi per i giovani, sono alcune delle possibilità offerte alle migliaia di giovani visitatori. Il numero degli espositori e la superficie espositiva del Salone garantiscono una panoramica completa sulle offerte di un mercato in costante mutamento. Grazie agli stand, ai workshop dedicati all’orientamento e agli appuntamenti con personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo, pronti a condividere il proprio bagaglio di esperienze con i ragazzi, il Salone è diventato un appuntamento imperdibile per tanti giovani che cercano di orientarsi nella selva dell’offerta formativa.
Tra le novità di questa edizione, sedute inerenti ai test d’accesso alle facoltà a numero chiuso grazie alla presenza di due aziende leader nel settore come Alpha Test e Hoepli Test.
La presenza di 10 psicologi dell’orientamento e del lavoro disponibili per colloqui individuali e di gruppo e per la stesura del bilancio delle competenze, utile percorso di autovalutazione guidato.Focus sulle nuove professioni e sul lavoro che sarà grazie alla presenza di esperti del settore e di esperienze di giovani imprenditori raccontate sul Palco.
Per ulteriori informazioni: www.salonedellostudente.it
G.C.




Torna Milano AutoClassica, dal 22 al 24 febbraio
L'affascinante mondo dell'auto d'epoca protagonista a Rho Fiera, 
tra esposizioni di modelli, test driver e competizioni

Milano – Appuntamento da non perdere per gli appassionati di auto d’epoca. Nel week end dal 22 al 24 febbraio a Rho Fiera va in scena Milano AutoClassica, salone dedicato agli appassionati, agli addetti ai lavori e a chi desidera avvicinarsi all'affascinante mondo dell'auto d'epoca. Rassegna nata dalla volontà di divulgare e sedimentare questa passione anche nelle generazioni più giovani ed entusiaste. Dopo i grandi numeri della prima edizione, nel 2013 Milano AutoClassica torna a Fiera Milano più grande e più ricca che mai. Su una superficie espositiva molto più ampia, con grandi spazi test-drive per vivere l’auto all’aria aperta ed eventi speciali per appassionati, curiosi, neofiti, sarà possibile vivere appieno l'esperienza dell'auto classica e sportiva, insieme a tutto il mondo che le ruota attorno: splendide vetture, accessori, eventi speciali e Guest Cars; restauratori, registri, modellismo, ed uno spazio dedicato alla vendita da parte dei privati.

Sono oltre un centinaio i marchi rappresentati, con migliaia di vetture presenti.
Protagonista anche la Scuderia del Portello che si ripresenta a Milano AutoClassica organizzando un Master Show ad eliminazione diretta di vetture storiche Alfa Romeo da competizione GT, GTA,GTAm, GIULIETTE Sprint, Spider, SS, SZ. Il Piazzale delle Nazioni antistante i padiglioni di Autoclassica, sarà teatro di una pista allestita per tre giornate di motorismo sportivo, dove si sfideranno gentleman driver alla guida di rombanti Alfa per aggiudicarsi, in una sfida al centesimo di secondo, il Trofeo "Scuderia del Portello Alfa Romeo". Durante la kermesse milanese saranno in pista anche vetture elaborate multi marche, formula, sport, rally e  vetture storiche dell’Arma dei Carabinieri che daranno spettacolo rincorrendosi a sirene spiegate.
Il Piazzale delle Nazioni è stato dotato di una tribuna per 1500 persone e di una pista omologata CSAI di circa 700 metri. Sabato 23 febbraio, inoltre, alle ore 16, nello spazio incontri di Autoclassica, si terrà l’annuale “Premiazione Campioni Alfa Romeo 2012”.
Come ogni anno il presidente della Scuderia brianzola premierà con una scultura Trofeo i piloti, soci, giornalisti, personalità dello sport e collaboratori provenienti da Inghilterra, Belgio, Svizzera, Germania, Giappone, Portogallo.
Per l’occasione verrà trasmesso il filmato della Stagione Sportiva 2012 del club e il presidente illustrerà i programmi sportivi 2013, tra questi l’istituzione dell’ “l’International Club 8 C Competizione” Alfa Romeo per tutti i proprietari di Alfa Romeo 8C coupè e spider prodotte dal 2007 in serie limitata, e per proprietari di Alfa 8C anteguerra.
Gli orari di apertura della rassegna sono dalle 9 alle 19. Ingresso 15 euro, gratis donne e ragazzi under 15.
G.C.




Il Rally Franciacorta Circuit 
apre la stagione 2013 in Lombardia
L'evento è in programma da venerdì 15 a domenica 17 febbraio

Lecco -  Si apre la stagione dei rally in Lombardia. Il primo rombo dei motori lo regalerà la quinta edizione del Rally Franciacorta Circuit, terzo atto del Trofeo Aci Csai Rally in Circuito, in programma il 16 e 17 febbraio sul Circuito “Daniele Bonara” di Castrezzato, in Franciacorta (BS).
La chiusura delle iscrizioni e la compilazione dell’'elenco iscritti, fissato in ben 95 partecipazioni ripropone la gara come un vero e proprio elemento di traino per la specialità dei rallies in circuito.  Sulla scia delle precedenti edizioni, si profila dunque una due giorni motoristica di grande effetto, ricca di contenuti sportivi importanti e spettacolari sotto l'’aspetto puramente tecnico. Rallisti e “pistaioli” che andranno a sfidarsi in una commistione di sensazioni e di adrenalina pura come accade in poche altre occasioni.
 Il 5° Rally Franciacorta Circuit potrà contare su un plateau di driver ed auto di grande effetto. D'’altronde, con ben 15 vetture World rally Car (le oltre 2000 cc.), con anche ben 15 Super 2000, due WRC da 1600 cc (le protagoniste del mondiale rally attuale), 12 vetture di classe R3 e 10 della R2, oltre a numerose altre vetture nelle varie categorie, portate in gara anche da grandi nomi, c'è da aspettarsi un grande spettacolo. Con i piloti lombardi attesi protagonisti.
Tutti contro Felice Re si potrebbe dire. Il campione 2012 del TRA, vincitore della passata edizione della gara il quale, sempre con la Citroen C4 WRC, cercherà certamente il bis. Sono comunque in diversi, che prenotano il gradino più alto del podio o comunque l’attico della classifica generale. A partire da Piero Longhi, che sarà al via con una Subaru Impreza WC affiancato da “Capitan Ventosa” di “Striscia la notizia”, per proseguire poi con il bergamasco Alessandro Perico, che ritrova la Citroen Xsara WRC, per parlare poi dei varii Uzzeni (Subaru Impreza WRC), Pettenuzzo (Ford Focus WRC), Oscar Donetto (Skoda Fabia WRC), gli abituali frequentatori del Campionato (Donetto è il capoclassifica provvisorio), per finire al pistaiolo di lusso Andrea Mame’ (Citroen Xsara WRC) già visto in forma e molto spettacolare lo scorso anno. La lista dei pretendenti per un posto al sole nell’assoluta non si ferma qui: dal pluridecorato europeo Luca Rossetti (Skoda Fabia S2000), al friulano Massimo Guerra (Peugeot 207), agli svizzeri Perroud, Nicholas e Cedric Althaus, Burri (tutti su Peugeot 207 S2000), Puricelli (Ford Fiesta WRC) e Della Casa (Ford Focus WRC) pensano in grande, come in grande ci pensano pure il laziale Fabio Mezzatesta (Ford Focus WRC), il sardo Addis (Citroen C4 WRC), il locale Felice Ducoli (Citroen C4 WRC), il pistaiolo, anch’esso della casa del toro, Mirko Zanardini (Skoda Fabia) e l’altro svizzero Max Beltrami (Citroen Xsara WRC). Tutta da gustare anche la sfida tra le due Mitsubishi Lancer R4 del milanese Giacomo Ogliari e di Pablo Biolghini, pronti ad inserirsi al vertice e sicuramente spettacolare sarà il confronto tra le vetture a due ruote motrici con le ben 7 vetture Kit Car da 2000 cc. che non vorranno lasciare strada alle più recenti Super 1600 e R3. Luca Tosini con la Renault Clio ed Alessandro Re con la Citroen DS3 fanno presagire duelli al decimo di secondo, con l’evergreen Pasquali (Renault Megane Maxi) deciso a dare battaglia. Da seguire anche la gara del sedicenne Damiano De Tommaso, al via con la consueta Renault Clio RS gruppo N (con cui sta partecipando al Trofeo Rally in Circuito), sicuramente la farà da protagonista di primo piano. Lo spettacolo, dunque, in Franciacorta, per il penultimo fine settimana di febbraio è assicurato in ogni categoria. La gara di Franciacorta segnerà il debutto del primo esemplare “tutto italiano” della nuova Peugeot 208 R2, la nuova vettura da rally della Casa transalpina. Grazie all’accordo siglato da RallyStars ASD ed il Team Altered di Buguggiate (VA), verrà fatta debuttare in gara l’ultima vettura arrivata nella scuderia di Alessandro Borrelli e l’equipaggio designato a salire per primo sulla millesei “del Leone” sarà quello composto da Andrea Liberini e Thomas Incontri.
Il programma: venerdì 15 febbraio, dalle 10 alle 17 prove libere. Sabato 16 febbraio alle 8 alle 10 ricognizione delle prove speciali. Alle 12.15 partenza prima tappa, alle 15.30 arrivo primo equipaggio. Domenica 17 febbraio dalle 7.50 alle 14 seconda tappa. In totale sono 5 le prove speciali in programma per un totale di 58,740 km, la lunghezza del rally è di 65,020 km.
G.C.





Rinviati a Monza i test Auto GP, World Series e GP2
Si spera di svolgere una giornata venerdì 15 febbraio

Monza - Gli attesi test all'Autodromo di Monza riservati alle monoposto di Auto GP, World Series by Renault e GP2 organizzati da Marzi Sport in programma giovedì 14 febbraio sono stati rinviati per impraticabilità della pista. Gli organizzatori contano di poter recuperare  la giornata venerdì 15 febbraio. La decisione verrà presa nella giornata di domani.
L'attesa sessione privata di test vede inscritte le seguenti scuderie: Draco International – Dams – Carlin – P1 – Tech 1 – AV Formula – Comtec – Arden – Lotus – Fortec - Pons – Zeta Corse - Euronova – MLR71 – MP Motorsport. Una ventina le monoposto attese in pista, con diversi rookie ma anche con nomi noti. Questa giornata di prova è la prima di una serie di appuntamenti programmati da Marzi Sport a Monza, che vedranno scendere in pista nell'ultima settimaa di febbraio anche altre categorie, dalla F.3 alla F.Renault, ma anche GT e Sport.

L'organizzazione Marzi Sport nasce grazie alle esperienze professionali di Francesco Marzi, per oltre 10 anni proprietario e team manager della scuderia Vergani Racing, e in precedenza dirigente di una delle più importanti aziende italiane d’informatica.
La profonda conoscenza del mondo delle competizioni automobilistiche nazionali e internazionali, acquisita con la costante partecipazione del team Vergani ai campionati europei di Formula Opel, Formula Nissan e World Series (2 vittorie in campionati europei e oltre 60 affermazioni in competizioni internazionali con piloti quali Marcelo Battistuzzi, Tomas Scheckter, Matteo Bobbi, André Couto, Mathias Lauda, Beppe Burlotti, Felix Porteiro e Milos Pavlovic) unita alla ventennale esperienza manageriale, hanno convinto Francesco Marzi a proporre ai protagonisti dello sport dell’automobile, e non solo, il proprio know-how. Presentare quindi soluzioni, pre studiate e già testate, a problematiche comuni e conosciute, soluzioni atte al risparmio e al miglioramento dei servizi che le scuderie offrono ai loro clienti. Oltre alle proprie conoscenze personali Francesco Marzi mette in campo l’esperienza di partners altrettanto preparati e di prestigio, un pool di uomini e aziende in grado di garantire professionalità e raggiungimento degli obbiettivi preposti. Marzi Sport si propone quindi come un’azienda di servizi, rivolta alle scuderie, ai preparatori, a team piccoli e grandi che affrontino le corse sia in modo professionale che dilettantistico.
G.G.







----------------------------------------------------------------------------------------------------------------









E’ nato un nuovo campionato: 
lo Junior Rally Series 2013  
Lecco - Tre organizzatori, sei gare con un format completamente nuovo ed una finale con un montepremi a se stante sono la grande novità dei rallies italiani del 2013. L’iniziativa vuole dare una ventata di novità alle corse su strada e quindi nuovi stimoli, favorendo la partecipazione alla serie senza troppi vincoli e con un montepremi che aumenterà durante il diluirsi della stagione, sino al gran finale con 20.000 euro garantiti iniziali. Previsti incentivi anche per i diversamente abili. In un momento economico particolare, nel quale il motorsport soffre più di altri settori sportivi, servono idee e stimoli rinnovati per permettere che l’attività nazionale possa proseguire la propria tradizione di eccellenza e per dare modo anche a molti di dare sfogo alla propria passione imbracciando un volante da corsa.  Proprio per questo è stata concepita questa nuova iniziativa, inserita tra le attività sperimentali della Federazione, destinata a dare un segnale positivo al grande movimento dei rallies italiani. 
Lo Junior Rally Series è nato grazie all’impegno congiunto di tre organizzatori, il Comitato Organizzatore Trofeo Maremma, Promogest Iniziative e PSA. Sei le gare in calendario, tutte con lo stesso format di svolgimento, più una finale.
Questo il calendario delle 6 prove
9-10 marzo: 3° Rally del Monteregio (GR)
6-7 aprile: 3° Rally di Varallo (VC)
22-23 giugno: 1° Rally dei Monti Cimini (VT)
6-7 luglio: 1° Rally delle Due Torri (BO)
7-8 settembre: 3° Valcamonica Rally (BS)
5-6 ottobre: 9° Rally dell'Ossola (VB)

La gara finale che non sarà una "finale della serie", ma bensì una gara a classifica unica con un montepremi a parte, sotto forma di "Prova Spettacolo" da effettuarsi in un'arena naturale o in un circuito permanente. La data e la location saranno comunicate prima della partenza della quarta gara della serie. Alla finale potranno prendere parte tutti i conduttori in regola con la licenza Aci-Csai 2013, ma potranno competere all'assegnazione dei premi previsti per la gara finale solo i conduttori iscritti alla serie che avranno preso il via ad almeno quattro delle gare in programma. Non vi è alcun costo di iscrizione. Ogni conduttore partecipante a una qualsiasi delle gare della Serie verrà automaticamente iscritto e potrà concorrere al montepremi finale nel rispetto del regolamento.
La particolarità delle gare inserite nel contesto dello Junio Rally Series è quella che si svilupperanno su di un unico tratto di strada (ad eccezione fatta di quelle gare dove sarà prevista una eventuale prova spettacolo) di lunghezza compresa tra un minimo di 5 km ed un massimo di 6 km, da effettuarsi due volte in un senso di marcia e due volte nel senso inverso. Le gare si svolgeranno tutte su fondo asfaltato. Il primo classificato di ogni classe avrà pagata per metà l’iscrizione alla gara successiva ed oltre a questo è stato poi istituito un montepremi finale. Un format di gare innovativo, unico nel suo genere che sicuramente catturerà l’attenzione di molti piloti e squadre anche nel territorio lariano. 
Per ulteriori informazioni è già attivo il sito dell’organizzazione, all’indirizzo: http://www.juniorrallyseries.it/  
G.C.









 


La Scuderia del Portello apre la nuova stagione
conquistando il podio nel rally di Montecarlo
Milano - Si è aperta con uno splendido podio nel 16° Rallye Montecarlo Historique la nuova stagione della Scuderia del Portello Alfa Romeo. L’equipaggio portacolori del club milanese formato da Jason Wright e Stefano Traverso alla guida di Alfa Romeo GTA 1300 del ‘68 ha conquistato il 2° posto di classe,63° assoluti, su 311 vetture arrivate al traguardo. Nei primi giorni del rally erano riusciti, su un percorso reso ancora più impegnativo dalle difficoltà atmosferiche, ad occupare stabilmente il 1° posto di classe, ma nella fase finale hanno perso tempo e una trentina di posto nella general per il cambio di un fusibile delle luci durante una prova notturna.

Il rally storico di Montecarlo ha mantenuto il fascino immutato del tempo. In linea con la tradizione i concorrenti hanno potuto scegliere il loro punto di partenza da diverse città: Varsavia, Copenaghen, Glasgow, Reims, Barcellona o Montecarlo. L'equipaggio della Scuderia del Portello è partito da Reims per ritrovarsi con tutte le vetture storiche iscritte nella città di Valencia e da lì ripercorrere il mitico tracciato di 2500 Km che portava all'arrivo di Montecarlo, tra prove speciali innevate. Ora la Scuderia che porta in giro per il mondo il mito dell'Alfa Romeo si prepara all'evento di Milano Autoclassica, in programma dal 22 al 25 febbraio a Fiera –RHO. Nel lungo week end dedicato alla auto storica è prevista  l’annuale “Premiazione Campioni Alfa Romeo” - sabato 23 alle ore 16 -  il Master Show –Trofeo Autodelta in onore del 40° anniversario dell'Autodelra, sul Piazzale delle Nazioni antistante i padiglioni di Autoclassica. Si sfideranno Alfa GTA, GTAm, GT,Giuliette, lungo una pista omologata di circa 700 metri per la gioia dei numerosi fans del Biscione.
G.C.





La scuderia Abs Sport premiata con cinque equipaggi nel trofeo Lombardia Ronde Cup 2012

Oggiono - E’ partita con una premiazione la nuova stagione della scuderia Abs Sport, sul palco del trofeo Lombardia Ronde Cup 2012 con cinque equipaggi. La premiazione si è tenuta a Brescia in occasione di MotorCircus, storica rassegna del settore rallistico e palcoscenico ideale per team e organizzatori per presentare e festeggiare i propri campioni. Nell’occasione il delegato lecchese Csai Maurizio Acerboni e il giornalista Massimo Moscardi hanno condotto la premiazione del trofeo LRC 2102, nel quale gli equipaggi della scuderia oggionese si sono messi brillantemente in mostra in diverse categorie.

Su tutti si sono posti i vincitori assoluti del trofeo, i canzesi Marco Silva e Gianni Pina che con la loro Ford Focus Wrc del team RP Motorsport hanno vinto due gare assolute del trofeo, il “Ba.rally ronde” e la ronde della Valsassina, primeggiando anche nella classe A8. Appalusi scroscianti anche le bellissime Antonella Gela e Alessandra Vimercati che hanno primeggiato nella categoria femminile con la Peugeot 106 rally della Tac Motorsport. Altro equipaggio che si è messo in evidenza nel trofeo lombardo quello composto dal giovane Mattia Nava e Aldo Brambilla, che con la Citroen Saxo hanno colto il successo nella classe A6 conquistando anche il primo posto nell’Under 23. Un altro successo di categoria è stato conquistato da Andrea Spataro e Claudio Ceva, protagonisti di spicco nella classe R3T con la Citroen DS3. Il quinto successo di categoria l’hanno infine conquistato il derviese Corrado Camozzi e Fabio D’Adamo nella classe N2 con Citroen Saxo.

Un bottino di successo che ripaga il marcato impegno della scuderia presieduta da Beniamino Bianco e diretta dal diesse Ivano Tagliabue, presente nel trofeo lombardo con una trentina di equipaggi. Ora si guarda già ai prossimi impegni, con le prime ronde in programma a febbraio e l’avvio che rally nazionali a marzo.
Stiamo ancora definendo i programmi di vari piloti e navigatori, ma contiamo di poter mantenerci sui numeri della passata stagione – afferma il diesse Tagliabue -. Il momento non è facile per nessuno, tuttavia l’obiettivo è di essere presenti nei trofei regionali e presenziare stabilmente nei campionati nazionali, puntando a misurarci anche nell’assoluta con più d’un equipaggio. Complessivamente contiamo di poter superare anche nel 2013 i cinquanta equipaggi presenti nei rally”.
G.C.










Monza: un successo i corsi
per ingegneri e meccanici


Monza - Sempre in attività l'Autodromo Nazionale di Monza. Proseguono con successo i corsi di formazione per ingegneri e meccanici patrocinati dall’Automobile Club di Milano e dall’Autodromo Nazionale Monza, da sempre particolarmente sensibili alle problematiche dei giovani, e dalla Confartigianato Motori, per quanto riguarda la seconda edizione di questa importante iniziativa, direttamente collegata al mondo dei motori. La Confartigianato Motori opera da 30 anni quale collegamento tra il mondo dell’autoriparazione ed il mondo motoristico sportivo, espressione dei traguardi più importanti raggiunti dalla ricerca e dalla tecnologia.