Mondo Motori

Stagione 2017






Le moto tornano all'Autodromo di Monza 
con una due giorni di gare d'accelerazione e sfide
Sabato 20 e domenica 21 maggio torna The Reunion, protagoniste moto cafe racer, scrambler, speciale e classiche. E centinaia di Lambretta per il 70° anniversario

Monza - Tornano le moto all'Autodromo di Monza sabato 20 e domenica 21 maggio. Gli appassionati di moto cafe racer, scrambler, special e classiche avranno di che divertirsi in occasione della terza edizione di The Reunion. L'evento è dedicato ai motociclisti che amano la velocità, l'emozione e l'estetica delle moto classiche. I centauri potranno mettersi alla prova in sfide di accelerazione, ammirare i nuovi modelli sul mercato o più semplicemente trascorrere una giornata all'insegna del particolare stile di vita delle due ruote.
La TAG Heuer Sprint Race, gara di accelerazione uno contro uno a eliminazione diretta sull'ottavo di miglio, sarà uno dei momenti clou di The Reunion. Si sfideranno tre categorie di moto: le Cafe racer, le Sprint Xtreme (con motori a benzina frazionati raffreddati a liquido a cilindrata illimitata) e le Mighty 50s (con motori a scoppio con cilindrata massima di 50cc). Inoltre per la prima volta, il campionato europeo di accelerazione per moto vintage Sultan of Sprint farà tappa a Monza con team provenienti da tutto il Continente e dal Giappone.

(foto © Andrea Pugiot)
 
Arricchiranno il programma anche la prima tappa di un torneo triangolare di velocità che vedrà otto piloti italiani sfidare francesi e tedeschi, la seconda tappa del Campionato Nazionale Sprint Race FMI 2017 e La Domenica Sportyva, gara per Harley-Davidson Sportster, 883 e 1.200 a inviti per 16 piloti, con la collaborazione di Lowride. Per gli amanti dello sterrato, imperdibile la Outburn Dirt Race sull'ovale appositamente allestito nel circuito dove si sfideranno le moto enduro e lo Deus Swank Rally, campionato di fuoristrada per moto vintage e special tassellate.
Decine di Vespa e Lambretta faranno il loro ingresso in pista sabato dalle 12.45 per il raduno 70° Lambretta Anniversary World Rally organizzato dal Lambretta Club Lombardia. Per tutta la durata dell'evento, The Reunion sarà animato da una line up di food truck, a bordo anche alcuni celebrity chef con una proposta di street food gourmet preparati per l'occasione.
L'ingresso sabato e domenica è gratuito, parcheggi interni al circuito a pagamento (moto a 5 euro, auto a 10 euro). Ulteriori informazioni sul sito www.monzanet.it oppure www.thereunion.it per seguire l'evento in tutte le sue fasi.
G.C.



---------------------------------------------------------------------------------------------------------------



I Prototipi del campionato ELMS
in pista all'Autodromo di Monza
Dal 12 al 14 maggio è in programma il secondo appuntamento della ELMS con ben 36 vetture in pista. Qualificata la presenza dei piloti lariani in cui spicca la famiglia da corsa Roda con ben quattro componenti in tre differenti categorie

Monza - I Prototipi tornano protagonisti della scena all’Autodromo Nazionale di Monza. Dal 12 al 14 maggio è infatti in programma il secondo appuntamento del campionato europeo ELMS, che a fine marzo sul tracciato brianzolo fece le prove generali. Allora fu più veloce una Ligier, vettura che si è imposta anche nella prima stagionale a Silverstone.
Ben 36 auto sono iscritte nelle tre categorie riservate a Prototipi e Gran Turismo, con numerosi piloti, team e vetture italiani, con una marcata presenza lariana. Nel week end sono in prograamma altre cinque gare di tre prestigiose serie: Michelin Le Mans Cup, TCR International Series, World Series Formula V8 3.5.


 (Panoramica delle vetture al via della ELMS; foto: Jakob Ebrey Photography)

A fine marzo quando in Autodromo sfrecciarono per i test ufficiali le vetture dell’European Le Mans Series (14 ore di prove, di cui 2 molto suggestive in notturna) gli appassionati rimasero entusiasi e dopo quasi quaranta giorni potranno ora vivere nuove emozioni con la “4 Ore di Monza”, il secondo appuntamento stagionale dopo l’esordio di Silverstone.
Nel fine settimana sono attese a Monza ben 36 vetture: 12 LMP2, 17 LMP3 e 7 LMGTE. L’ELMS, naturale serie di preparazione per piloti che ambiscono al campionato mondiale WEC, propone infatti tre categorie: i prototipi LMP2 (la serie cadetta della categoria superiore, mondiale LMP1, riservata a team privati che utilizzano motori Gibson e telai Dallara, Onroak Automotive, Oreca e Riley Tech/Multimac ), i prototipi della categoria LMP3 (la serie che rappresenta il primo gradino verso il sogno Le Mans con vetture dotate di motore Nissan con telai e carrozzerie di vari produttori, in particolare Ligier e Norma) e le Gran Turismo della categoria LMGTE derivate di vetture stradali di serie: Ferrari F488 e F458, Porsche 911, Aston Martin Vantage e Chevrolet Corvette.

Tanti i motivi di interesse. Innanzitutto il veder sfrecciare nel Tempio della Velocità le LMP2 che grazie a nuovi chassis e motori più potenti quest’anno stanno registrando notevoli prestazioni: nei test monzesi la Oreca 07 del team Graff dell’australiano James Allen toccò i 314.9 Km/h, velocità a livello delle LMP1 in gara nella 1000 Km di Monza del 2008 (ultima presenza dei Prototipi in Autodromo). Poi un campionato che nella sua prima tappa ha offerto un avvincente duello fino all’ultimo giro fra Ligier e Oreca per la vittoria e con una Dallara che al suo debutto ha conseguito già un gratificante terzo gradino del podio. Attesi quindi in Brianza per una riconferma innanzitutto il team United Autosport con William Owen-Hugo de Sadeleer-Filipe Albuquerque, primo in Inghilterra con la Ligier JSP217, poi il G-Drive Racing (campioni 2016) con Memo Rojas, Ryo Hirakawa e Léo Roussel, secondo con la Oreca 07, e l'High Class Racing, terzo con la Dallara P217 guidata da Dennis Andersen-Anders Fjordbach. Molto interesse per il team italiano presente nella categoria maggiore, ossia il Cetilar Villorba Corse che corre con una Dallara P217 affidata a tre piloti di casa: Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi.

La presenza tricolore è complessivamente molto nutrita a livello di piloti, vetture e team, con ben quattro componenti della famiglia lariana da corsa Roda nella ELMS. Nella LMP2 è presente con ambizioni di assoluta  Andrea Roda (Ligier dell’Algarve Pro Racing), campione 2017 della omonima serie ALMS. Nella LMP3 corrono, per il team statunitense Eurointernational, Andrea Dromedari, Giorgio Mondini e il comasco Davide Uboldi (Ligier), mentre Maurizio Mediani corre per l’austriaco AT Racing (Ligier). Il team Oregon con una Norma M30 ha come piloti Davide Roda (fratello di Gianluca e zio di Andrea e Giorgio) e Andrea Capitanio. Fra le Gran Turismo spiccano tre vetture del Cavallino: la numero 51 dello Spirit Of Race è condotta da Gianluca Roda e Giorgio Roda, padre e figlio, con Andrea Bertolini a completare l'equipaggio. Da segnalare anche la presenza di un altro comasco di spicco, Matteo Cairoli, che guiderà la Porsche 911 RSR del team Proton Competition.

Il programma della ELMS  prevede venerdì e sabato prove libere e qualifiche, mentre la gara è in programma domenica con partenza alle 13.30. Domenica vi sarà anche il pit walk (9.30/10.30) e la sessione autografi (9.45/10.15) per tutti gli appassionati. Nel fine settimana monzese saranno protagonisti altri tre prestigiosi campionati: La Michelin Le Mans Cup (gara sabato dalle 16.45 alle 18.45), TCR International Series (gara 1 sabato dalle 14.30 alle 15.00, gara 2 domenica dalle 10.50 alle 11.20), World Series Formula V8 3.5 (gara 1 sabato dalle 15.25 alle 16.10 e domenica dalle 11.50 alle 12.35). Ingresso 10 euro valido per tutte le tribune.
G.C.



--------------------------------------------------------------------------------------------------------



Monza, lo show è riservato al mondiale WTCC
Dopo lo spettacolo del mondiale GT dal 28 al 30 aprile è di scena il campionato
riservato alle Turismo, con 2 gare alla domenica. Nel week end sarà protagonista
anche il Fia Formula 3 con in pista i figli d'arte Mick Schumacher e Pedro Piquet

Monza - Da uno show all'altro. Dopo le spettacolo e le emozioni del Blancpain GT Series dello scorso week end, il ricco calendario sportivo 2017 dell’Autodromo Nazionale Monza propone per questo fine settimana dal 28 al 30 aprile il ritorno del WTCC (World Touring Car Championship).
Era il mese di marzo del 2013 quando in un piovoso fine settimana il plurivincitore della serie Yvan Muller (4 volte campione mondiale Wtcc) si impose con la sua Chevrolet in entrambe le gare che si disputarono sul circuito brianzolo (bissando, fra l’altro, la doppia affermazione dell’anno precedente). A distanza di quattro anni ritorna quindi il campionato Fia che ha una lunga tradizione a Monza, sin dalla stagione inaugurale del 1987 proseguita poi nella nuova era iniziata nel 2005.
Protagoniste nel week end saranno 16 vetture (con le iridate Citroen C.Elysée, vincitrici delle ultime tre edizioni, vi saranno Honda Civic, Chevrolet RML Cruze TC1, Volvo S60 Polestar, Lada Vesta) condotte da piloti di dieci nazionalità.

Il campionato, che quest’anno prevede 10 appuntamenti anziché i 12 delle ultime stagioni, ha preso avvio tre settimane fa in Marocco sul circuito di Marrakech dove si sono distinti, in particolare, Honda e Chevrolet, portate alla vittoria nelle due gare, rispettivamente, dal portoghese Tiago Monteiro (Castrol), autore anche della pole, e dall’argentino Esteban Guerrieri (Campos Racing). Bene anche l’ungherese Norberto Michelisz con l’altra Honda del Castrol Team e l’olandese Nicky Catsburg con la Volvo Polestar. Si attende una riscossa da parte delle Citroen (miglior risultato in Marocco un terzo posto con il pilota di casa Mehdi Benanni) che, fra l’altro, ottenne i migliori tempi con il britannico Rob Huff (Al-Inkl.Com Muennich Motorsport) nei test di metà marzo a Monza. Huff è atteso anche perché può vantare nel suo palmares già due vittorie in Brianza (nel 2011 su Chevrolet). Il programma prevede le varie sessioni di qualifica nella giornata di sabato, mentre le gare si svolgeranno domenica con partenza alle 12.15 (9 giri) e alle 14.15 (11 giri).

Nel fine settimana sarà protagonista anche il FIA Formula 3, la serie propedeutica che tanti grandi campioni ha introdotto ai vertici dell’automobilismo internazionale, sia nel campionato continentale, sia nelle molte versioni nazionali. Nell’albo d’oro dei campioni europei, accanto ai nomi di Alain Prost, Michele Alboreto e Riccardo Patrese, troviamo anche quello di Ivan Capelli: “Ebbi modo di affermarmi nel 1983 a livello nazionale e nel 1984 a livello continentale, vincendo anche la gara di Montecarlo”, sottolinea l’attuale presidente di AC Milano. “Come allora anche oggi, nonostante le formule propedeutiche si siano negli anni moltiplicate, la Formula 3 è la categoria che più di altre risulta imprescindibile per un pilota per effettuare il salto di qualità”.

Fra la ventina di giovani promesse, alla guida di vetture Dallara F317 motorizzate Mercedes-Benz o Volkswagen, spiccano i figli d’arte Mick Schumacher e Pedro Piquet. Sicuri protagonisti saranno i vincitori delle prime tre gare stagionali: i britannici Lando Norris (il più veloce nei test svoltisi ieri sotto una pioggia battente e ben conosciuto a Monza per una brillante affermazione l’anno scorso nella Formula Renault 2.0) e Callum Ilott, unitamente allo svedese Joel Eriksson. Tre piloti per tre team differenti che puntano al titolo: rispettivamente, Carlin, Prema Powerteam e Motopark.
Si attendono conferme anche dagli altri piloti andati a podio a Silverstone, a dimostrazione di una lotta molto aperta: il britannico Jake Dennis (Carlin), il tedesco Maximilian Guenther (Prema Powerteam), il britannico Jake Hughes (HitechGP). Nel lotto dei partecipanti anche Ferdinand Habsburg (Carlin), pronipote dell’ultimo imperatore d’Austria, reduce dalla positiva stagione in Euroformula Open. Tre gare (di 33 minuti + 1 giro) previste sabato, con partenza alle 11.05, e domenica, il via alle 11.00 e alle 15.15.

Altra interessante serie formativa è il Campionato di Francia Formula 4 che quest’anno prevede tre round su sette fuori dai confini nazionali: Monza, secondo appuntamento, è uno di questi e ha in programma le tre gare (20 minuti + 1 giro) sabato con partenza alle 13.15 e alle 17.35, mentre domenica il via sarà alle 16.25, ultima competizione del fine settimana. A bordo di monoposto Signatech motorizzate Renault, una ventina di piloti a caccia del titolo che vale l’inserimento nella Renault Sport Academy. Galvanizzati giungono a Monza i vincitori della prima tappa di Nogaro: il francese Victor Martins, vincitore di gara 1 e 3, e il messicano Javier Gonzales, vincitore di gara 2.
Monza rappresenta invece la gara inaugurale per il FIA European Touring Car Cup, campionato che comprende sei tappe: tredici le auto comprese nella entry list (Seat Leon Cup Racer, Honda Civic, Audi RS3 LMS) che si contenderanno la vittoria in due gare (su 9 giri) previste domenica con partenza alle 9.00 e alle 10.05. Ulteriori news su www.monzanet.it per avere in tempo reale aggiornamenti su prove e gare.
G.C.



-----------------------------------------------------------------------------------------------------------



Monza ospita l'apertura 2017
del Lamborghini Super Trofeo Europa
Il debutto stagionale vede una presenza di quasi 20 team e circa 40 vetture. 
Tra gli iscritti anche il lariano Davide Roda con il team Antonelli Motosport

Monza - Un calendario di sei appuntamenti, 12 gare in totale e l'apertura 2017 come da tradizione a Monza: il Lamborghini Super Trofeo Europa si appresta a tornare in pista. Sul circuito brianzolo prenderà il via questo fine settimana (21, 22 e 23 aprile) la nona edizione del monomarca che vede protagoniste le vetture della Casa di Sant'Agata Bolognese. I primi cinque round si svolgeranno nel contesto degli stessi weekend della Blancpain GT Series, il prestigioso campionato di SRO Motorsports che debutta a Monza con oltre 50 vetture al via. L'epilogo del trofeo Lamborghini è previsto a Imola, in abbinamento con la Finale Mondiale che dopo quattro anni torna a disputarsi in Italia. Anche quest'anno nel Lamborghini Super Trofeo Europa sono riconfermate le quattro classi PRO, PRO-AM, AM e Lamborghini Cup, offrendo un parterre internazionale e di alto livello. Diverse sono anche le novità, con una presenza di quasi 20 team e circa 40 vetture.

Nella classe maggiore l'attenzione è rivolta in particolare ai giovani, vera linfa vitale delle competizioni Lamborghini, che ad essi ha dedicato un percorso di crescita istituendo gli Youngster Programs. Un percorso di crescita che coinvolge anche i team e ritrova nelle quattro serie continentali del Lamborghini Super Trofeo (Europa, Asia, Nord America e Middle East) una "corsia preferenziale" per espandersi nei principali campionati Gran Turismo in tutto il mondo, come recentemente testimoniato dall'impegno internazionale con la Huracán GT3 di alcune squadre che hanno maturato esperienza nel monomarca.
Da evidenziare è anche il continuo ricambio di protagonisti, partendo dalla classe PRO, che sarà un vero terreno di confronto fra tre illustri figli d'arte. Due di questi si alterneranno al volante della stessa vettura, quella della Bonaldi Motorsport, che farà debuttare nella categoria il diciottenne brasiliano Pedro Piquet (suo padre Nelson ha conquistato tre titoli iridati di F.1 tra il 1981 e il 1987) ed il venezuelano Johnny Cecotto Jr., figlio dell'ex pilota di F.1 e campione delle due ruote Johnny Alberto. Piquet nelle ultime due stagioni è stato protagonista nel FIA Formula 3 European Championship e precedentemente ha vinto due titoli brasiliani della categoria. Cecotto ha militato per diversi anni nella GP2 Series e ha svolto anche alcuni test in F.1 con differenti squadre.

Tra le "new entry" c'è quella del diciassettenne Jonathan Cecotto, fratello di Johnny Cecotto Jr., al debutto con la Imperiale Racing al fianco dell'esperto Vito Postiglione, il quale dopo avere lottato lo scorso anno per il titolo fino all'ultimo è pronto a rinnovare la sfida sempre con i colori della squadra di Ivano Pignatti. Alto il livello ancora nella PRO, con la confermata presenza di Rik Breukers e Axcil Jefferies (18 e 22 anni), che dopo avere vinto il titolo del Lamborghini Super Trofeo Middle East con la GDL Racing a inizio anno, puntano con la stessa squadra anche a quello della serie europea in cui il primo dei due nel 2016 ha già sfiorato il successo tra i PRO-AM.
Inedito il binomio del team Antonelli Motorsport, che ha riconfermato tra le sue fila Loris Spinelli, campione della PRO-AM nel 2015, il quale si alternerà al volante con il ventiquattrenne canadese Mikaël Grenier, con esperienze nella Indy Lights americana e al proprio esordio nel Super Trofeo. Nella stessa classe PRO, tra le novità c'è quella del duo del VS Racing formato dal brasiliano Raphael Abbate, già campione della F.3 sudamericana, e dal giapponese Yuki Nemoto, che con la squadra di Vincenzo Sospiri ha accumulato esperienza lo scorso anno nel Campionato Italiano Gran Turismo, centrando quattro vittorie con una Huracán Super Trofeo.

Nella PRO-AM uno degli equipaggi di punta del team Konrad Motorsport è certamente quello dei tedeschi Hendrik Still e Paul Scheuschner, protagonisti anche loro nel Lamborghini Super Trofeo Middle East. Con il team Antonelli Motorsport ci sarà il 18enne Kikko Galbiati, che ha debuttato la scorsa stagione nel round conclusivo di Valencia centrando subito la vittoria tra gli AM e il quale si alternerà al volante con il lariano Davide Roda, ad Abu Dhabi lo scorso febbraio vincitore della gara inaugurale della serie mediorientale.
La prima delle due gare della durata di 50 minuti (con la partenza lanciata e il pit-stop obbligato riprenderà il via sabato alle ore 15.00, con Gara 2 in programma domenica alle ore 11.20. Venerdì si svolgeranno i due turni di prove libere da un'ora ciascuno. Sempre sabato sono in programma le due sessioni di qualifica di 20 minuti che definiranno ciascuno dei due schieramenti.
G.C.



--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
  


Il Brianza MotorShow si presenta con diverse novità 
Nel week end del 18 e 19 marzo torna la kermesse lariana dedicata ad auto e moto con numerose anteprime e numerosi eventi. Un centinaio gli espositori

Erba – Torna l'evento spettacolo dedicato ai motori a Lariofiere di Erba. Si presenta così la 5^ edizione di Brianza MotorShow, evento dedicato alle due e quattro ruote in programma sabato 18 e domenica 19 marzo presso il centro espositivo Lariofiere di Erba, presentato ieri presso la sede dall’Aci Como. Una kermesse in cui spazieranno le ultime novità di prodotto, esposizioni di modelli da gara e tanti show. Arricchiti da test driver, corsi guida, esibizioni agonistiche. E alle 14 di sabato, ospite d’eccezione del BMS, sarà presente Loris Capirossi. Il campione romagnolo, attualmente componente della Race Direction della MotoGP, visiterà la fiera e sarà disponibile ad incontrare i fan per autografi e scattare qualche selfie.
Novità anche nell’organizzazione dell’evento con al vertice il nuovo direttore generale Giuseppe Lorito: “Per me si tratta di un emozionante debutto alla guida di questa prestigiosa manifestazione – afferma il direttore Lorito -. Stiamo lavorando anche in questi giorni di vigilia per presentare un’edizione con tanta adrenalina, campioni, super ospiti e tanto intrattenimento per tutti. Puntiamo sempre molto sul mercato. Proponiamo un’offerta davvero ricca, completata da numerosi eventi per il pubblico”.

A ribadire quanto detto, il BMS 2017 propone 6 anteprime auto e 10 anteprime moto. In anteprima nazionale i modelli Volkswagen Golf, Infinity Q60, Mercedes Classe E All terrain, Alfa Romeo Stelvio, Skoda Kodiaq, Kia Rio, Hunday I30. E poi la Peugeot 3008 appena insignita del premio "Auto dell'anno” al Salone di Ginevra.
Al Brianza MotorShow, che vanta una media di oltre 23 mila visitatori, saranno presenti un centinaio di espositori auto e moto e stand di moto custom, quad, camper ed accessori legati ai vari settori.
Grande novità del 2017, un’area dedicata a marchi prestigiosi come Infiniti, McLaren, Bentley, Maserati e Ferrari che quest'anno festeggia il 70° anniversario. Ad Erba saranno presenti due simulatori Ferrari e una F1 Ferrari (Show Car) per effettuare i Pit Stop con cambio gomme.
Per le moto sarà esposta la Yamaha M1 MotoGP 2017 con la livrea di Maverick Vinales e altre moto da corsa. Orari: dalle 10/24 sabato, 10/21 domenica.
G.C.




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------




I test collettivi di metà marzo del WTCC
aprono la stagione sportiva dell'Autodromo di Monza

Martedì 14 e mercoledì 15 in programma le prove e la presentazione del campionato

Monza - Dopo i primi test dei team privati di febbraio, stanno per accendersi ufficialmente i motori all'Autodromo Nazionale di Monza. Tra pochi giorni prende infatti l’avvio della stagione sportiva 2017, una stagione che presenta “il calendario migliore degli ultimi anni” come lo ha definito il presidente dell’AC Milano Ivan Capelli. Il primo appuntamento è previsto per le giornate di martedì 14 e mercoledì 15 marzo con i test del WTCC (World Touring Car Championship), il campionato FIA, alla sua diciassettesima edizione, che prenderà avvio fra un mese in Marocco (7/9 aprile) sul circuito di Marrakech e che prevede la sua seconda gara a Monza (nel fine settimana dal 28 al 30 aprile), prima di visitare altri continenti nelle 8 gare che si disputeranno - oltre che in Ungheria, Germania, Portogallo - in Argentina, Cina, Giappone, Macao, Qatar.
I test ufficiali di Monza (ingresso libero, parcheggio 10 euro auto, 5 euro moto) saranno anche l’occasione per la presentazione stampa del Campionato mondiale riservato alle vetture Tusrimo: i media potranno così conoscere vetture, livree e concorrenti che scenderanno in pista.

Il Campionato WTCC torna in Brianza dopo quattro anni: era la fine di marzo del 2013 quando, infatti, in un piovoso fine settimana, il plurivincitore iridato Yvan Muller (che per ben quattro volte si è aggiudicato in carriera il mondiale WTCC) si impose con la sua Chevrolet in entrambe le gare che si disputarono sul circuito brianzolo. Muller, secondo l’anno scorso in classifica generale preceduto dall’argentino José Maria Lopez (al suo terzo trionfo consecutivo), sarà uno dei protagonisti dei test monzesi nella sua nuova veste di preparatore per il Cyan Racing Team.

Il ritorno del WTCC è una delle molte novità della stagione 2017 dell’Autodromo Nazionale Monza: oltre alla riconferma di numerosi appuntamenti prestigiosi, su tutti ovviamente il Formula 1 Gran Premio d’Italia, quest’anno brillano anche la 4 ore dei prototipi della classe ELMS (EuropeanLe Mans Series) e il prologo del WEC (World Endurance Championship).
Prima di accendere i motori in pista ci sarà anche l'occasione per presentare ufficialmente il calendario sportivo sarà la cerimonia di assegnazione dei riconoscimenti agli sportivi 2016 dell’Automobile club Milano. Nella serata, in programma venerdì 10 marzo alle ore 18 presso la sede ACM di corso Venezia a Milano, si svolgerà anche una conversazione sui 70 anni della Ferrari: l’incontro “La nostra Monza rossa”, vedrà la partecipazione di Ivan Capelli, Pino Allievi, Tino Brambilla, Luca Dal Monte e Daniele Sparisci. Un serata all'insegna della passione e della storia dell'automobilismo.
G.C.




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------




Due Giorni della Brianza, è qui lo spettacolo
Sabato 4 e domenica 5 marzo va in scena la 35^ edizione della classica d'apertura della stagione  trialistica. La gara si svilupperà tutta nell'oggionese, con oltre centoventi piloti alla partenza. Favorito d'obbligo Grattarola

Oggiono – Il grande trial sbarca di nuovo nel lecchese con la prestigiosa “Due Giorni della Brianza”, in programma sabato 4 e domenica 5 marzo a Oggiono, si appresta a festeggiare la 35^ edizione con una partecipazione di piloti di prim'ordine, all'insegna della tradizione di questa classica d'apertura della stagione outdoor. Su tutti spicca il pluricampione italiano Matteo Grattarola (nella foto sotto), che si presenta con l'obiettivo di allungare la striscia di successi nella gara brianzola. Il campione valsassinese sarà di nuovo in sella alla Gas Gas con i colori delle Fiamme Oro. A tentare il centrare il successo di prestigio ci sarà anche Luca Petrella in sella alla TRS. Entrambi i piloti lecchesi dedicheranno la loro partecipazione allo sfortunato Matteo Pigazzi, il giovanissimo pilota valsassinese scomparso nei giorni scorsi per i postumi di una caduta in moto.

In merito alle presenze annunciate dagli organizzatori del Moto club Monza, confermata la nutrita presenza di piloti francesi tra loro i nomi di Teo Colairò, Benoit Bincaz, Hugo Dufrese e Enzo Rossi. A questi si aggiungono Daniele Maurino, pilota delle Fiamme Oro, il neonato Team Montesa Sembenini sarà presente ad Oggiono con il suo top driver Francesc Moret, alla sua prima uscita con la 4 tempi spagnola accompagnato dal rientro in gara dei due fratelli Sembenini. Cosi come farà piacere agli appassionati rivedere per la seconda volta al via il campione del mondo enduro Alex Salvini, sperando che si diverta come lo scorso anno.

Il programma della DGDB 2017, che si svilupperà tutta nell'oggionese, con lo Sporting club Stendhal sede di partenza e arrivo, prevede per sabato 4 marzo le verifiche tecniche dalle ore 7.30 alle ore 10, a seguire la partenza primi piloti dalle ore 10.30. L'arrivo è previsto a partire dalle 15.30. Domenica 5 marzo supplemento delle verifiche tecniche dalle ore 7.30 alle 8, partenza dei primi piloti dalle 830 e arrivo dalle 15.30. In programma due giri con 10 zone controllate a giro.
Oltre centoventi i piloti attesi al via della gara, aperta a tutte le categorie. Nella serata di sabato è prevista anche una conferenza stampa per festeggiare il traguardo delle 35 edizioni di questa storica gara, ideata da Giulio Mauri. Nel corso della serata verrà premiato Carlo Fabbri, unico trialista ad aver partecipato a tutte le edizioni.
G.C.




---------------------------------------------------------------------------------------------------------------




Scuderia Abs Sport, premi e applausi
per un anno di successi nei rally e in pista
L'associazione oggionese si è ritrovata per la tradizionale festa sociale e la presentazione della nuova stagione che coinciderà con il decennale del team

Oggiono - Tradizionale festa sociale della scuderia Abs Sport, con un centinaio di persone che si sono ritrovate presso il ristorante Antico Borgo di Annone Brianza per festeggiare la stagione 2106 e presentare la nuova annata agonistica che coinciderà con il decennale della scuderia oggionese.
Di fatto il 2017 agonistico è peraltro già iniziato nel mese di febbraio con un doppio podio conquistato all'autodromo di Franciacorta da Terraneo – Bozzo nel Rally Circuit e da Giancarlo Maroni nel Formula Challenge. Piazzamenti significativi e di buon auspicio per la nuova stagione, che i dirigenti della Abs Sport si augurano siano in linea con le ultime annate sportive, dense di partecipazioni e di successi.
Continuare la crescita nel motorsport con nuovi debutti è l'obiettivo della scuderia.
A fare gli onori di casa il presidente Beniamino Bianco e il diesse Ivano Tagliabue, con la giovanissima navigatrice Chiara Brambilla valletta della serata.


Nel corso della conviviale sono stati ricordati con uno splendido video i 31 appuntamenti in cui hanno presenziato i piloti della scuderia. Momenti significativi, ricordati dagli stessi protagonisti. Ad iniziare dal rientrante pilota lecchese Marco Paccagnella che con il navigatore Fabio Franchin ha commento il brillante podio assoluto colto nel rally Ronde di Selvino. Grandi applausi anche per il tre volte campione italiano velocità autostoriche Loris Papa e per i rallisti Nicolaj Ciofolo e Rocco Bertucci per i loro successi di categoria nei rally.
Davvero tanti i protagonisti chiamati a ricordare la loro stagione 2016, da Antonella Gela a Fabio Terrano, quindi Danilo e Mattia Nava, Roberto e Gabriele de Rui, Cosimo Palmisano, Riccardo Riva, Paolo Milani, Walter Sanvito e Marco Maspes, i navigatori Giovanni Frigerio, Rita Guiotto, Luciano Piazza, Matteo Sala, Davide Bozzo e Aldo Brambilla.


Sono intervenuti anche i rallisti Luca Sassi e Roberto Saldarini, che dopo un paio di stagioni d'assenza dalle gare hanno annunciato il rientro per il 2017. Quando si dice che la passione per le corse è inesauribile. Tra i momenti della serata anche la votazione del pilota preferito tra gli stessi ospiti, e vincitori sono risultati a pari merito Antonella Gela e Fabio Terraneo.
Altro momento significativo della serata l’intervento di Paccagnella e Maurizio Vitali in qualità di ambasciatori del “Miky Motor Day”, evento a scopo benefico in programma ad Abbadia Lariana sabato 1 e domenica 2 aprile. La manifestazione organizzata in memoria del piccolo Michele Barra, grande appassionato di rally, coinvolgerà il mondo delle auto e delle moto, il cui ricavato sarà devoluto alla Pediatria Oncologica dell'Istituto dei tumori di Milano.
Già nel corso della serata dirigenti, soci e simpatizzanti della scuderia Abs Sport hanno organizzato una sottoscrizione a premi il cui ricavato verrà consegnato in occasione della manifestazione di Abbadia Lariana.
E ora spazio alla nuova stagione agonistica con i prossimi impegni che già incombono, riguardanti l'apertura del Varano Challenge Trophy e della Coppa Italia Rally a Varese con il tradizionale Rally dei Laghi.
G.C.




------------------------------------------------------------------------------------------------------------




Autodromo Nazionale di Monza, 
il 2017 propone un ricco
programma di eventi internazionali
Presentato il calendario sportivo definito da Ivan Capelli "il migliore degli ultimi anni". 
Il Gp d'Italia di F1 è in programma il 3 settembre, chiusura con il Monza Rally Show

Monza - La nuova stagione sportiva è oramai alle porte con i primi test in pista programmati ai primi di marzo, ma già è stato definito il calendario agonistico. E' stato presentato ufficialmente il calendario delle principali manifestazioni e attività che si svolgeranno all’Autodromo Nazionale Monza nel corso del 2017. Una stagione caratterizzata da una notevole ricchezza di eventi, determinata da molte autorevoli conferme e da grandi novità. Nonché da avvenimenti straordinari di portata eccezionale.
Primo fra tutti la Messa che verrà celebrata da Papa Francesco nell’area ex Ippodromo, quindi appena fuori dal perimetro dell’Autodromo, il 25 marzo. Poi, in particolare, un evento sportivo non motoristico: la partenza, il 28 maggio, dell’ultima tappa, una cronometro individuale, del Giro d’Italia Edizione 100.


Nel calendario delle gare di Monza, "il migliore degli ultimi anni", come lo ha definito il presidente dell’Automobile Club Milano, Ivan Capelli, oltre alla riconferma dell’appuntamento principe rappresentato dal Formula 1 Gran Premio d’Italia nel primo fine settimana di settembre, spiccano eventi come il WTCC (World Touring Car Championship) - a cui sarà abbinato l’Europeo di Formula 3 -, la 4 ore dei prototipi della classe ELMS (European Le Mans Series) e il prologo del WEC (World Endurance Championship), premessa quest’ultimo di un possibile ritorno della 1000 km di Monza. Riconfermate inoltre manifestazioni di grande prestigio come il Campionato GT Blancpain, il Ferrari Challenge, i campionati italiani targati Aci Sport.
A completare un’offerta di notevole varietà e importanza, le auto storiche della Monza Historic, il GT Open International Series con l’Euroformula Open, le gare Peroni e il gran finale rallystico autunnale: dopo l’appuntamento Vedovati Corse, l’immancabile entusiasmante Monza Rally Show che chiuderà come di consueto la stagione. Numerose anche le date riservate ad altri avvenimenti sportivi, a raduni, a esposizioni e a concerti musicali.
G.C.




----------------------------------------------------------------------------------------------------------------





A Bosisio torna il Campionato Italiano Motocross
Nell'anno del 40° di fondazione il MC Parini, che conta circa 180 iscritti tra soci e piloti, ospiterà a metà luglio sulla pista del Bordone una prova del tricolore MX1 e MX2. 
Nel calendario anche il tradizionale trofeo "Barzaghi" e diverse gare regionali

Bosisio Parini – Il 2017 è un anno speciale per il Moto club Parini, non solo perché festeggerà il 40° di fondazione, ma anche per il ritorno del Campionato Italiano Motocross classi MX1 e MX2 sulla pista del Bordone.
Un appuntamento che riporta la memoria ai momenti storici dell'impianto di Bosisio Parini, quando si sfidarono campioni non solo per il titolo italiano ma anche per l'europeo. Senza dimenticare le gare spettacolo organizzate dal club di Bosisio a scopo benefico a favore de La Nostra Famiglia.

 
Il dinamico presidente del Moto club, Walter Gaiardoni, da quarant'anni alla guida del sodalizio, dopo aver anticipato durante la conviviale di fine anno la gara tricolore, ora si è visto ufficializzare dalla Fmi la prova per il week end del 16/17 luglio sulla pista del Bordone, che per l'occasione si presenterà con un look rinnovato. La gara sarà la terzultima del campionato italiano e vedrà la partecipazione dei migliori piloti italiani.

Nel calendario 2017 è stato confermato anche il tradizionale trofeo interregionale “Barzaghi” di motocross, oltre ad altre gare promozionali di cross e enduro.
Meglio di così il club di Bosisio non poteva programmare la speciale stagione 2017, il premio più bello e meritato per tutto il sodalizio, che conta circa 180 iscritti e un numero cospicuo di collaboratori. E tante promesse come Lorenzo Corti, Alessandro Contessi e Riccardo Crippa, già arrivate al vertice nel cross e enduro nella scia dei tanti campioni sfornati dal Moto club Parini in quarantanni di attività.
G.C.




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------





La Scuderia del Portello festeggia
una stagione 2016 da incorniciare
Su tutti gli impegni e le numerose affermazioni della scorsa stagione spicca la partecipazione alla storica Pechino - Parigi con due Giulia Alfa Romeo condotte da Marco Cajani - Alessandro Morteo e Roberto Chiodi - Maria Rita Degli Esposti

Milano - La stagione sportiva 2016 della Scuderia del Portello si è rivelata densa di impegni soddisfazioni. Numerosi i protagonisti alle varie manifestazioni alla guida di Alfa Romeo con i colori della Scuderia del Portello, con la partecipazione alla Pechino - Parigi a rendere la stagione indimendicabile. Questo il "percorso" intrapreso dalla Scuderia del Portello, partito dal Museo dell'Alfa Romeo con le tradizionali premiazioni dei “Campioni”.
Non poteva esserci cornice migliore del rinnovato Museo Storico di Arese per la tradizionale Premiazione della nuova stagione 2017.
Il leitmotiv della stagione 2016 è stata la Pechino-Parigi. Oltre ai “Campioni Alfa Romeo”, Marco Cajani, insieme al Presidente Onorario Arturo Merzario, al Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni e al Vicepresidente di Aci Milano Geronimo La Russa, hanno premiato i soci della Scuderia, i partner istituzionali e gli enti patrocinanti l’evento, tra cui Coni, Aci Milano, Aci Sport, il Comune di Milano e il Comune di Seregno.

E' seguita la partecipazione alla Winter Race da parte dei soci Gianpaolo Casazza e Gianmarco Pinori, presenti con una Alfa Romeo Giulia TI Super del 1964.
Terzo appuntamento la presentazione della Pechino-Parigi presso piazza Città di Lombardia a Milano. La Scuderia del Portello ha realizzato un evento dedicato alla Giulia e patrocinato da Regione Lombardia. Oltre alle vetture che in seguito hanno preso parte alla “Pechino-Parigi”, affiancate dai rispettivi piloti, sono stati schierati esemplari di Giulia appartenenti al Registro Italiano Giulia. A raccontare la storia della Giulia si sono alternati sul palco Marco Cajani, Arturo Merzario, Elvira Ruocco e Marco Fazio. Padroni di casa, il Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni e il Vice presidente Fabrizio Sala.

Nove equipaggi internazionali con Alfa Romeo d’epoca per la “Targa “Classic” e due Sport Prototipo per la “Historic Speed” della Targa Florio, giunta alla sua centesima edizione. Frank e Edith Rameckers con una A.R. 1300 GT Junior e Mario ed Elsa Cajani su una Giulietta Sprint Veloce hanno regalato al club il podio di classe. Un risultato eccezionale anche per il “lady team” Bosch formato da Sara Fiandri e Giulietta Cozzi le quali, alternandosi alla guida della Giulietta Ti, si sono classificate prime tra gli equipaggi della Scuderia del Portello.

Alla 10° edizione del GP de Monaco Historic non è andata bene a Ross Zampatti, che guidava per la seconda volta a Monaco la De Tomaso F.1 motorizzata Alfa Romeo della Scuderia del Portello, unica vettura, motorizzata Alfa Romeo, ad aver preso parte a tutte le edizioni della rievocazione storica, fin dal 1997. Il pilota australiano ha percorso 3 giri di prova, per poi finire lungo, alla curva della Rascasse, dove ha rimediato la rottura della sospensione anteriore sinistra della Formula 1.
Antonio Carrisi insieme a Jacques-Michel Suter e Jean-Luc Papaux con Sebastien Gregoire Zafran hanno rappresentato la Scuderia del Portello Alfa Romeo – club Svizzera all’edizione 2016 della Mille Miglia storica. Il primo equipaggio ha guidato una Giulietta Sprint 1° serie del 1956, mentre il secondo ha condotto la “mitica” Giulietta Berlina, sempre del 1956. La collaudata coppia Paolo Zanardi e Marzio Emiliano Carrara ha partecipato per la quarta volta consecutiva alla Mille Miglia con la A.R. Giulietta Spider-750 G – tipo “Sebring” del ‘56.




(Cajani - Morteo all'arrivo a Parigi)
 
Il “6th Peking to Paris”, rally internazionale, ha visto 109 equipaggi percorrere quasi 14000 chilometri in 36 giorni di gara, partendo da Pechino e arrivando a Parigi. Le due Giulia della Scuderia del Portello Alfa Romeo, la prima con a bordo il Presidente Marco Cajani con Alessandro Morteo co-driver, la seconda affidata al giornalista Roberto Chiodi che aveva accanto la moglie Maria Rita Degli Esposti, si sono comportate egregiamente. Chiodi ha conquistato la medaglia d’oro per aver concluso in orario tutte le giornate di gara e aver disputato entro il tempo massimo consentito le innumerevoli prove speciali previste nelle cinque settimane del rally. Chiodi ha conquistato la medaglia d’oro per aver concluso in orario tutte le giornate di gara e aver disputato entro il tempo massimo consentito le innumerevoli prove speciali previste nelle cinque settimane del rally. Inoltre si è piazzato tredicesimo assoluto, secondo di categoria e primo dei sette equipaggi italiani. Le auto della Scuderia del Portello si sono classificate seconda e terza nella speciale classifica di classe della Coppa Europa che prendeva in considerazione soltanto i risultati conseguiti dalla Polonia a Parigi.


 (Chiodi - Degli Esposti all'arrivo a Parigi)
 
La classica gara in salita Vernasca Silver Flag nel 2016 ha visto partire da Castell’Arquato 250 auto. I soci della Scuderia del Portello, premiata dagli organizzatori come “Best of Italy”, vi hanno preso parte con 9 vetture: Antonio Carrisi e Jean-Luc Papaux, rappresentanti del club Svizzera, erano presenti con Alfa 155 Superturismo ex BTCC e con la Giulietta Spider tipo “Sebring”.
Sempre dalla Svizzera, Kuno Schaer ha partecipato con una Giulia Ti Super. Mario Cajani ha guidato la 1900 Ti ex Carrera Panamericana, Luigi Somaschini la Giulietta Sprint Veloce. Gli ex piloti Autodelta Gian Luigi Picchi e Arturo Merzario hanno invece guidato due auto di Emanuele Morteo: l'Alfa 1750 GTAm e la Giulietta Ti. Walter Antonacci ha guidato la sua Giulia TZ2, Gianmarco Pinori una Alfa Romeo Giulia Ti Super.
L’appuntamento motoristico più prestigioso e importante in Europa il Goodwood Festival of Speed ha visto Jean-Luc Papaux partecipare con l'Alfa Romeo 75 IMSA dell’Alfacorse.
Non è mancata la partecipazione al Campionato Italiano Autostoriche a Monza. Fabrizio Zamuner e Roberto Restelli, soci storici della Scuderia del Portello, hanno vinto la propria classe con una Alfa Romeo 1750 GTAm. Più sfortunati Lorenzo e Francesco Moramarco i quali, secondi di classe, hanno rotto la frizione.
Alla 35° edizione della cronoscalata Cesana-Sestriere, l'esperto Alfredo Altavilla, socio onorario della Scuderia del Portello, ha guidato per la prima volta l’Alfa Romeo Giulietta Sprint Veloce, già protagonista della Carrera Panamericana Mexico 2002 con Prisca Taruffi. Il COO FCA – EMEA Region, alla sua prima esperienza in una competizione ufficiale di velocità per auto storiche, ha condotto la vettura del Portello con abilità e grande padronanza, vincendo la classe GT fino 1300 c.c. del 1° raggruppamento. Oltre alla Giulietta “Panamericana”, la Scuderia del Portello ha preso parte all’evento “Experience” per Gino Macaluso con la Giulia GTA 1300 Junior ex London-Mexico 1995, guidata da Andrea Cajani ed Emanuele Morteo, e con la 1750 GTAm, condotta per l’occasione da Andrea Stassano.

I rappresentanti della Scuderia del Portello hanno consegnato il Trofeo Monzeglio a Fosco Zambelli, la cui 1750 GTAm è stata l’Alfa Romeo più veloce in gara della categoria Turismo e Gran Turismo. La Coppa d’Oro delle Dolomiti ha visto la scuderia brianzola presenziare con 5 vetture: la Giulietta Sprint Speciale dell’equipaggio olandese formato da Malcolm Harper e Nina Nikolic si è classificata seconda tra le auto oltre il 1962, mentre gli svizzeri François e Pascale Sallin si sono piazzati settimi con la Giulietta TI. Mario Cajani e Matteo Piotto hanno guidato la Giulietta Spider-750G – “tipo Sebring” fino al 23° posto assoluto. All'arrivo anche Jean-Luc Papaux e Lucie Sandoz a bordo della Giulietta Sprint Veloce, mentre Antonio e Marie-Thérèse Carrisi si sono dovuti fermare lungo il percorso con la Giulietta Sprint.Nel prestigioso AvD-Oldtimer-Grand- Prix al Nürburgring, giunto alla 44^ edizione, nella gara“2-seater race cars and GT up to 1960/61”,
Marco Cajani e Renato Ambrosi, con una A. R. Giulietta SprinVeloce, si sono piazzati 3° di classe in Gara 1 (gara in notturna di un’ora) e 2° di classe in Gara 2. Nella “AvD Touring Cars and GT Trophy”, Lorenzo Moramarco con A. R. 1750 GTAM ha colto il 5° posto di classe con giro più veloce e miglior piazzamento tra le Alfa in corsa. Podio anche per Emanuele Morteo, 3° di classe con una A.R. 2600 Sprint.

La Scuderia è stata ospite anche del club olandese degli S.C.A.R.B. (Stichting Club Alfa Romeo Bezitters) a Zandvoort e ha schierato le due Giulia della Pechino-Parigi, la Giulietta Spider prototipo che ha corso la Carrera Panamericana in Messico nel 2002 con Arturo Merzario, nonché altre vetture pilotate dai soci Emanuele Morteo, Alessandro Morteo e Lorenzo Moramarco. Alla Ronde Historique de Levens era presente Salvatore Carbone che ha preso parte a questa gara di regolarità con una Alfetta GTV gruppo 2 (preparata Balduzzi). Suo copilota il giovane Riccardo Leva. I due soci del club hanno ottenuto un buon piazzamento.


(Il gruppo dei partecipanti al meeting di Zandvoort)

Nella gara finale di Imola del Campionato Italiano autostoriche si è conclusa nel modo migliore la stagione 2016 del Club: 3 vetture sul gradino più alto del podio di categoria, sia nel Campionato nItaliano riservato alle auto storiche, sia nella Alfa Revival Cup. Alfredo Altavilla (COO FCA – EMEA Region) e Fabrizio Zamuner su Alfa Romeo GTA 1300 Junior 1° classe; Mario Cajani su Alfa Romeo Giulietta Sprint Veloce e Alessandro ed Emanuele Morteo su Giulietta T.I. 1° posto di classe, nell’Alfa Revival Cup, così come Mario Cajani primo assoluto periodo E; Alessandro ed Emanuele Morteo, terzi assoluti e primi di classe su Alfa 2600 Sprint. Renato Ambrosi si è classificato quarto.
Sempre nella gara del Campionato Italiano Autostoriche Lorenzo Moramarco si è classificato terzo di classe con la GTAm, Roberto Restelli e Fabrizio Zamuner sono giunti secondi di classe con la GTA 1300 Junior, mentre Marco Cajani e Alessandro Morteo, coppia consolidata della Pechino-Parigi 2016, hanno vinto la propria classe con la 2600 Sprint. En plein per Mario Cajani che, dopo il primato nell’Alfa Revival Cup, ha portato a casa il primo posto di classe anche nel Campionato Italiano Autostoriche, sempre con la Giulietta Sprint Veloce. La Scuderia del Portello ha consegnato dunque ad Alfa Romeo ben 6 trofei assoluti in 6 classi riservate alle auto d’epoca. Davvero un anno indimenticabile il 2016 per la storica Scuderia del Portello, da oltre trent'anni protagonista di spicco nelle manifestazioni storiche nel nome dell'Alfa Romeo.
G.C.




----------------------------------------------------------------------------------------------------------




Rally, il 2017 si apre con la novità del Rally Aci Lecco
Ufficializzato il ritorno nel calendario dopo tre stagioni del rally lecchese, 
programmato ad inizio giugno. La gara sarà in versione "Rally Day"

Lecco – Con il nuovo anno torna in calendario dopo tre stagioni, ad inizio giugno, il Rally Aci Lecco. Una bella novità per il movimento rallistico lariano, che nelle ultime due stagioni, dopo anni displendore e manifestazioni automobilistiche di varie specialità, poteva contare solamente sul Trofeo Rally Aci Como. La titolata gara comasca è stata confermata anche nel 2017 nel calendario del campionato italiano Wrc, come ultima prova della serie, in programma il 21/22 ottobre. Affiancata alla gara tricolore verrà disputato anche l'oramai tradizionale rally Nazionale, una versione junior per permettere a tutti la possibilità di gareggiare in un contesto tricolore.
 

Tornando al Rally Aci Lecco, la gara è stata ufficializzata in questi giorni nel calendario Csai - Aci Sport nel week end del 3 /4 giugno come tredicesima edizione di un rally che nel corso della sua storia ultra ventennale ha cambiato più volte nome e percorso. Nel 2017 si torna alle origini, con la titolazione originaria e la volontà di portare di nuovo il rally come partenza e arrivo in città.
Per ora siamo solamente a livello di ufficiosità, perché nulla è finora stato confermato dall'Aci lecchese sul ritorno a Lecco del rally come sede centrale. Pure sul percorso siamo a livello di indicazioni, ma il tam tam dell'ambiente fa dire che a questo punto, con meno di sei mesi dalla effettuazione della manifestazione, è oramai da considerarsi per certo pure il cambiamento di percorso rispetto alle ultime edizioni disputata in versione Ronde.
Per il Rally Aci Lecco 2017, infatti, di deve parlare di una versione “Rally Day”, ovvero due prove speciali da ripetersi due volte, che interesseranno la Valle San Marino, con Carenno e Valcava al centro delle prove. Se la gara avrà la titolarità dell'Aci Lecco, l'organizzazione è invece stata affidata alla scuderia valtellinese Promo Sport diretta da Danilo Colombini. Scuderia che già nelle ultime due stagioni si è affacciata a livello organizzativo gestendo la prestigiosa Coppa Valtellina per conto dell'Aci Sondrio. E se uno più uno fa due, facile spiegare la scelta considerato che Roberto Conforti è il direttore sia dell'Aci Lecco sia dell'Aci Sondrio. Il buon lavoro nella Coppa Valtellina ha dunque portato a ridare slancio anche al Rally Aci Lecco, che dopo le ultime edizioni sottotono ha davvero bisogno una ventata di dinamismo e qualità.
G.C.



 
























































Nessun commento:

Posta un commento