Mondo Motori

Stagione 2018





Aci Racing Weekend
Monza sfida tricolore per GT e Turismo  
In programma ben 12 gare. In pista 6 serie nazionali e nomi di prestigio ad iniziare da Fisichella con la Ferrari 448. Il lariano Pigoli in corsa per il titolo nel trofeo Super Cup

Monza - Appuntamento a Monza nel week end dal 5 al 7 ottobre con i campionati Italiani Aci Racing Weekend. Nel tricolore Gran Turismo, Stefano Gai difende la leadership sul circuito di casa guidando una Ferrari 488 in coppia con Fisichella. Si assegna il titolo del TCR Italy.
In programma ben 12 gare tra sabato e domenica al Monza Eni Circuit con un ACI Racing Weekend che, a porte aperte, consentirà agli appassionati di vivere da vicino le gesta di 6 serie automobilische nazionale.

Prima fra tutte il Campionato Italiano Gran Turismo, alla sua penultima tappa stagionale prima del gran finale al Mugello. Grande battaglia in tutte le classifiche, in particolare nella GT3 dove cerca di confermare il primato Stafano Gai (Ferrari 488 Scuderia Baldini), tre vittorie per lui in stagione, reduce dalla bella affermazione conseguita a Vallelunga in coppia con Giancarlo Fisichella. Ad insidiarlo saranno in particolare Daniel Zampieri e Giacomo Altoè (Lamborghini Huracan Antonelli Motorsport), distanziati di 6 punti, due volte sul primo gradino del podio, oltre all’israeliano Bar Baruch, che segue a 17 punti con l’Audi R8 Audi Sport Italia. Debutto britannico in casa AF Corse: con una 488 correranno Christopher Froggatt e John Sawbridge protagonisti anche del Ferrari Challenge Europa. Le due gare, di 48 minuti + 1 giro, andranno in scena alle 13.20 di sabato e alle 14 di domenica.

A Monza si assegnerà invece il titolo del TCR Touring Car Championship Italy la cui classifica vede saldamente al comando, anche grazie alla vittoria conseguita nell’ultima gara di metà settembre, Salvatore Tavano (Cupra Seat Motorsport), che deve frenare gli assalti che gli giungeranno soprattutto da Luigi Ferrara (Alfa Romeo Giulietta 42 Racing SA). Due gare di 25 minuti + 1 giro con partenza sabato alle 15.15 e domenica alle 10.

Anche nel monomarca MINI Challenge il capoclassifica, in questo caso Gustavo Sandrucci, è a un passo dalla vittoria finale: molto distaccati sono infatti Gabriele Torelli, Alessio Alcidi e Tobia Zarpellon. Il formato prevede due gare di 25 minuti + 1 giro che si disputeranno entrambe nella giornata di sabato: il via alle 11.30 e alle 17.45. Il fine settimana propone ulteriori quattro gare di campionati monomarca: la Seat Leon ST Cup prevede due gare di 28 minuti + 1 giro (alle 16.55 di sabato e alle 12 di domenica lo spegnimento dei semafori), mentre per il Trofeo Abarth Selenia i concorrenti si misureranno sui 25 minuti + 1 giro (partenza alle 9 e alle 15.20 di domenica). Chiude il programma del fine settimana il Trofeo Super Cup riservato ad una vasta gamma di vetture Turismo e Gt fino a 3.6 cc: 25 minuti per le due gare che prenderanno il via alle 16.05 di sabato e alle 11 di domenica. Tra i partecipanti il lariano Massimo Pigoli, in lotta per il titolo e tra i più attesi a Monza con la Porsche 997 GY3 Cup.
Anche il questa occasione l’ingresso in Autodromo è gratuito in tutte le giornate con libero accesso a tribune e paddock (parcheggio, sabato e domenica, 10 euro auto, 5 euro moto).
G.C.





---------------------------------------------------------------------------------------------------






L'International GT sbarca a Monza
Sabato 22 e domenica 23 settembre la serie della GT Sport accende l'Autodromo Nazionale con una doppia sfida tra Ferrari, Lamborghini, Mercedes, BMW e Audi.
In pista altre quattro interessanti serie: Euroformula Open, TCR Europe, Radical European Master e Caterham Cup per un totale di ben 11 gare 


Monza - Motori accessi nel week end del 21/23 settembre all'Autodromo di Monza. Di scena l'International GT Open, tradizionale appuntamento di inizio autunno con gli appassionati italiani. La serie della GT Sport, affermatasi in questi anni come una delle più prestigiose competizioni per vetture GT3 in Europa, offre lo spettacolo di una corposa griglia (quasi 30 macchine) dove Ferrari, Lamborghini, Mercedes, BMW e Audi sono fra le protagoniste. In Brianza si corre il penultimo appuntamento di una stagione apertasi all’Estoril a metà aprile che si concluderà fra un mese con la settima e ultima gara di Barcellona.

Avvincente la lotta per il titolo, con soli quattro round a disposizione, che vede il danese Mikkel Mac (in equipaggio il più delle volte con Alessandro Pier Guidi, il campione mondiale GT in carica) e la sua Ferrari 488 del Luzich Racing condurre la classifica, forte di tre vittorie, con soli 9 punti di vantaggio sull’equipaggio iberico Rueda-Saravia (BMW M6) e 14 sulla Lamborghini meglio piazzata, quella dell’Imperiale Racing, con il campione in carica Giovanni Venturini, affiancato da Jeroen Mul. Il team emiliano può contare anche sul giovane Riccardo Agostini, in coppia con un altro olandese, Rik Breukers, e sarà a caccia del primo successo stagionale per il Toro, dopo aver raccolto ben otto podi. Tra gli altri spunti di interesse, la presenza di campioni come l’ex-F.1 Andrea Montermini, e la prima uscita stagionale (oltre alla 24 Ore di Spa) in una serie europea, della nuova Honda NSX, sviluppata dalla JAS Motorsport, a un tiro di schioppo dall’autodromo. Correrà a Monza su Ferrari Luzich anche Eddy Cheever III, campione italiano GT nel 2016 e figlio dell’Americano de Roma che disputò 143 gran premi in Formula 1. Le gare previste sono due, di diversa durata: race 1 di 70 minuti con partenza alle 15.45 di sabato, race 2 di 61 minuti prevista domenica dalle 14.15.

C’è dell’altro nel ricco cartellone del weekend monzese, a cominciare dalle monoposto dell’Euroformula Open, serie che vede dominare quest’anno il brasiliano Felipe Dragovich, per conto dell’italiana RP Motorsport. I suoi risultati stagionali sono veramente impressionanti: su 10 gare, 8 vittorie e 2 secondi posti. Proveranno ad infastidirlo i piloti che, a grande distanza, lo seguono in classifica, a partire da chi è riuscito ad imporsi nelle uniche due gare in cui Dragovich non è riuscito a tagliare per primo il traguardo: si tratta dell’olandese Bent Viscaal (Teo Martin) e dell’argentino Marcos Siebert (Campos Racing). Da seguire anche il duo del team Carlin, il brasiliano Matheus Iorio e il messicano Cameron Das, entrambi diverse volte a podio. Sono previste due gare di 16 minuti (max 35 minuti): semaforo verde sabato alle 14.45 e domenica alle 13.15.

In pista anche le vetture del campionato TCR Europe, la combattuta serie continentale con le vetture turismo della categoria TCR, dove sono presenti tanti marchi: Audi, VW, Peugeot, Honda, Seat, Hyundai e anche Alfa Romeo, con la Giulietta guidata da una leggenda della categoria come Fabrizio Giovanardi, ed elaborata da Romeo Ferraris, l’engineering milanese con sede a Opera, che non vuole perdersi la gara di casa, nonostante gli impegni nel mondiale WTCR.
In programma due gare di 23 minuti + 1 giro, con partenza sabato alle 17.35 e domenica alle 12.10. Nella classifica costruttori è saldamente al comando il team italiano Target Competition. Nella piloti, il suo pilota, il serbo Dusan Borkovic, (Hyundai i30) difende il primato in classifica dagli attacchi dello spagnolo Mikel Azcona (Cupra TCR PCR Sport), distanziato di soli 2 punti, e dell’ungherese Daniel Nagy (Hyundai i30 M1RA). Da sottolineare come le 10 gare finora disputate abbiano avuto ben 8 vincitori differenti (su tutti Borkovic con 3 primi posti).

Completano il programma i prototipi del Radical European Masters (tre gare di 50 minuti, il via sabato alle 12.40 e domenica alle 11 e alle 16.55) e i roadster della Caterham Cup (25 giri + 1 giro per gara, sabato dalle 13.50 e domenica dalle 16). L’ingresso è libero, con accesso gratuito a tutte le tribune e al paddock, parcheggio nelle aree indicate (sabato e domenica, 10 euro per auto, 5 euro per moto).Sul sito www.monzanet.it altre info e aggiornamenti live di prove e gare.
G.C.






-------------------------------------------------------------------------------------------------------






Motoraduno Internazionale Guzzi 2018
Mandello chiama a raccolta il popolo dell'Aquila

Dal 7 al 9 settembre va in scena la 97^ edizione dell'evento dell'anno dedicato alla Moto Guzzi. In programma decine di eventi, visita della fabbrica e test driver

Mandello - E' tempo di Motoraduno Guzzi. Mandello si prepara alla tradizionale invasione dei Guzzisti dal 7 al 9 settdembre per l'evento dell'anno dedicato all'Aquila. In cabina di regia di nuovo i Moto club e le associazioni mandellesi: si va dallo storico Moto club Carlo Guzzi, il primo che fu condotto dall’indimenticato Duilio Agostini, al Moto club Guzzi GP che segue la presenza di moto da collezione in tanti eventi italiani e europei, passando per l’associazione motociclistica I Laghée, la Pro Loco Mandello del Lario, il GAL Grup amici di Lezzeno. Non manca l'appoggio dell’Amministrazione Comunale con il sindaco Riccardo Fasoli in prima linea a coordinare la manifestazione.
Tanti volti diversi, tanti modi complementari per arrivare a formare un evento unico: il più importante per ogni appassionato della Moto Guzzi. L'edizione 2018 è il 97° Motoraduno Internazionale Città della Moto Guzzi, evento che  ha ottenuto il Patrocinio dall’Assessore allo Sport e Politiche per i Giovani della Regione Lombardia e dal Comune di Mandello del Lario.

Il Motoraduno mandellese è l’occasione più ghiotta di poter vedere da vicino l’affascinante storia delle Moto Guzzi da competizione, non solo attraverso la visita del Museo della fabbrica: la piazza del Comune torna ad essere la cornice ideale per accogliere bolidi come il Dondolino, il Condor, la C4V, la 350 bialbero, la bicilindrica 500 e tante altre ancora, senza dimenticare la regina delle moto da competizione di tutti i tempi: la 8 cilindri 500 progettata dal mai dimenticato Giulio Cesare Carcano e massima espressione tecnica con il suo frazionamento spinto. Sarà occasione di poterle ammirare da vicino e di sentirle cantare. La Casa dell'Aquila per l'occasione ripropone per l'intero week end il
Moto Guzzi Open House, appuntamento irrinunciabile per ogni amante del marchio dell’Aquila, torna ad animare lo storico stabilimento di Mandello del Lario.


 

Sarà un evento che chiamerà a raccolta il popolo guzzista, e che riporterà a Mandello del Lario migliaia di Moto Guzzi nei luoghi dove, dal 1921, la Casa dell’Aquila ha prodotto ogni sua motocicletta. Attesi oltre 15 mila guzzisti da tutto il mondo. L'evento 2018 Ma sarà anche occasione di importanti novità motociclistiche, svelate in anteprima agli appassionati guzzisti che, da più Paesi, si daranno appuntamento sul Lario.

Si parte Venerdì 7 Settembre alle 15, con l’apertura del Museo Moto Guzzi e dello Shop. Sabato 8, a partire dalle 9:30, sarà possibile visitare anche le linee di produzione, l’assemblaggio motori dove nascono i mitici bicilindrici, e la storica Galleria del Vento. Il Moto Guzzi Village sarà il punto di incontro per l’iscrizione ai test ride, come sempre gratuiti, dei modelli della gamma, che saranno offerti in prova agli appassionati. Le iscrizioni si raccoglieranno in loco.
Il ristoro sarà assicurato dai truck con vasta scelta di street food: piatti di qualità gourmet saranno realizzati sul posto con ampia scelta sempre legata alla migliore tradizione italiana.
L’abbigliamento originale Moto Guzzi, i capi tecnici e gli accessori esposti allo Shop Moto Guzzi saranno una tentazione per tutti i fans dell’Aquila: si va dalle T-shirt ai caschi, dalle giacche tecniche ai giubbotti in pelle.
Per tutte e tre le giornate oltre alla visita della fabbrica sono previsti test - driver e altri eventi nella sede storica.
Red.


Il programma 2018

Venerdì 7 settembre 2018
ore 15 Inizio Raduno – Piazza Mercato
ore 15 – 22 Sottoscrizioni e vendita biglietti lotteria Subscrition of the committee & lottery ticket sale – Piazza Garibaldi
ore 15 – 18 Info Point – Parcheggio Moto Guzzi
ore 15 – 18 Stand FMI – Parcheggio Moto Guzzi
ore 15 – 18 Esposizione Moto Storiche / Vintage motorcycle exhibition
Piazza Leonardo da Vinci
ore 15 – 18 Mostra / Exhibition “Il Duilio e la Guzzi: storie di un amore infinito“ – Sale
polifunzionali – Lido Comunale
ore 15 – 18:30 Esposizione / Show – “La via del Naco – Una Guzzi come compagna di viaggio,
compagna di avventura“ – Piazza Garibaldi
ore 15 – 22 Stand customizzatori – Customizers stands – Piazza Garibaldi
Via Medaglie Olimpiche Mandellesi
ore 18:30 Apertura cucine / Opening of refreshment areas
ore 21 Spettacolo musicale / Music show – Piazza Mercato

Sabato 8 settembre 2018
ore 9 – 22 Sottoscrizioni e vendita biglietti lotteria
Subscrition of the committee & lottery ticket sale – Piazza Garibaldi
ore 10 – 18 Info Point – Parcheggio Moto Guzzi
ore 10 – 18 Stand FMI – Parcheggio Moto Guzzi
ore 10 – 18 Esposizione Moto Storiche / Vintage motorcycle exhibition – Piazza Leonardo da Vinci
ore 10 – 18 Mostra / Exhibition “Il Duilio e la Guzzi: storie di un amore infinito“ – Sale
polifunzionali – Lido Comunale
ore 10 – 18:30 Esposizione / Show – “La via del Naco – Una Guzzi come compagna di viaggio,
compagna di avventura“ – Piazza Garibaldi
ore 10 – 16 Visita torre Maggiana / Visit of Maggiana’s Tower
(Frederick I, Barbarossa’s residence)
ore 10 – 12 Visita chiesa di San Giorgio: chiesa dell’alto Medioevo con affreschi datati 1475-1485
High Middle Ages church with frescoes dated 1475-1485 – San Giorgio
ore 10 – 22 Stand customizzatori – Customizers stands – Piazza Garibaldi
Via Medaglie Olimpiche Mandellesi
ore 11 Avviamento moto storiche – 8 Cilindri / Vintage motorcycles: eight-cylinders ignition
Piazza Leonardo Da Vinci
ore 12 Apertura cucine / Opening of refreshment areas
ore 16:30 – 19 Giro con le tipiche barche del lago di Como / Ride with the typical boats of Lake Como
Gruppo Manzoniano Lucie
ore 18:30 Apertura cucine / Opening of refreshment areas
ore 21 1a parte – Intrattenimento musicale / Music show – Piazza Mercato
ore 22:20 Estrazione Premio Lotteria / Lottery draw – Motoraduno Internazionale
ore 22:30 Spettacolo Pirotecnico – fireworks show – Zona Lago
ore 23:00 2a parte – Intrattenimento musicale – Music show – Piazza Mercato

Domenica 9 settembre 2018
ore 9 – 15 Sottoscrizione Comitato / Subscrition of the committee – Piazza Garibaldi
ore 9 – 14 Info Point – Parcheggio Moto Guzzi
ore 9 – 14 Stand FMI – Parcheggio Moto Guzzi
ore 10 – 14 Esposizione Moto Storiche / Vintage motorcycle exhibition
Piazza Leonardo da Vinci
ore 10 – 14 Mostra / Exhibition “Il Duilio e la Guzzi: storie di un amore infinito“
Sale polifunzionali – Lido Comunale
ore 10 – 14 Esposizione / Show – “La via del Naco – Una Guzzi come compagna di viaggio,
compagna di avventura“ – Piazza Garibaldi
ore 10 – 12 Visita chiesa di San Giorgio: chiesa dell’alto Medioevo con affreschi datati 1475-1485
High Middle Ages church with frescoes dated 1475-1485 – San Giorgio
ore 11 Avviamento moto storiche – 8 Cilindri / Vintage motorcycles: eight-cylinders ignition
Piazza Leonardo Da Vinci
ore 12 Apertura cucine / Opening of refreshment areas
ore 15 Saluti e chiusura Raduno / Closing ceremony

Fuori Raduno - Comune di Mandello - Città dei Motori
Giovedì 6 settembre 2018 – ore 20:30
Presentazione della mostra fotografica “Le Mani nel Cuore”, tratta dall’omonimo romanzo
del giornalista e fotoreporter Giovanni Porzio sull’attività umanitaria dell’associazione Bambini
Cardiopatici Nel Mondo.
L’evento rientra nel progetto “Il cuore motore della vita” realizzato in collaborazione con
l’associazione Vola con Martin Oltre il 21 e con il Patrocinio del Comune di Mandello del Lario
Sala consigliare – Piazza Leonardo da Vinci
La mostra resterà aperta Venerdì e Sabato dalle 10 alle 18:00 e Domenica dalle 10 alle 15:00
Ingresso gratuito
Giovedì 6 settembre 2018 – ore 21:00
Moto Guzzi e il suo territorio, studi e progetti per il futuro: presentazione di tesi di
laurea sul tema Moto Guzzi e di progetti per la valorizzazione del patrimonio motoristico
mandellese – Teatro Comunale – Piazza Leonardo da Vinci





-------------------------------------------------------------------------------------------------





89° Gran Premio d’Italia di F1
Monza è pronta per l'evento dell'anno 
Presentato l'attesissimo appuntamento in programma domenica 2 settembre. Il presidente Aci Italia, Angelo Sticchi Damiani: "Il riconoscimento del grande lavoro svolto dall’ACI in questi primi due anni della convenzione triennale, lasciano ben sperare alla vigilia del rinnovo nella possibilità di poter contare su una prospettiva temporale più ampia e adatta a valorizzare al massimo il Gran Premio"

Monza - Conto alla rovescia per i1 Gran Premio Heineken d’Italia di F1 2018, in programma domenica prossima 2 settembre, giunto alla sua 89^ edizione. La Formula 1 sta per celebrare nel “Tempio della velocità” uno dei suoi appuntamenti più classici e tradizionali, l’evento più importante del motorsport italiano che il mondo guarda con interesse e ammirazione, presentato nella sala stampa "Tazio Nuvolari" del Monza Eni Circuit alla presenza di numerosi ospiti e autorità.
I preparativi per la migliore riuscita di questo appuntamento sono quasi ultimati e la collaudata macchina organizzativa lavorerà a pieno ritmo fino alle ore 15.10 di domenica per lo start della gara prevista su 53 giri (o 120 minuti). Grande è l’attesa del pubblico degli sportivi mentre sale l’attenzione dei media, accresciute dall’entusiasmo generato dalla competitività della Ferrari che punta a bissare a Monza la vittoria conseguita l’altro ieri a Spa e a raggiungere le vette delle classifiche piloti e costruttori.



(Foto: il presidente Aci Italia Angelo Sticchi Damiani e le autorità intervenute alla presentazione del Gp d'Italia F1 2018; foto Autodromo Monza - Rigato)


Grandissima soddisfazione per la bellissima vittoria di Spa; una vittoria che accresce ulteriormente le speranze – sia della Federazione che dei tifosi e degli appassionati di tutto il mondo del Cavallino - di vedere di nuovo una Ferrari trionfare a Monza”. Lo ha dichiarato il Presidente dell’Automobile Club d’Italia - Angelo Sticchi Damiani – aprendo i lavori della conferenza stampa del Gran Premio.
Credo – ha sottolineato Sticchi Damiani - che una vittoria a Monza sarebbe il modo migliore di onorare la memoria di Sergio Marchionne, un uomo che – insieme a tutta la scuderia Ferrari, diretta da Maurizio Arrivabene – ha avuto l’indiscutibile merito di riportare la Ferrari ai massimi livelli competitivi, dando modo a due piloti straordinari, come Sebastian Vettel e Kimi Räikkönen, di dimostrare fino in fondo tutto il loro talento”.

Ma un altro importante motivo di soddisfazione - per noi e per il mondo del motorsport italiano - è il riconoscimento del grande lavoro svolto dall’ACI in questi primi due anni della convenzione triennale con la quale il Parlamento ci ha affidato l’onore e l’onere di organizzare uno dei gran premi più importanti e più ricchi di storia della Formula 1. Abbiamo dato tutto – risorse finanziarie, esperienza, know-how, visione e passione – e i risultati non sono mancati, come dimostrano gradimento e sostegno sia del Governo nazionale che della Regione Lombardia. Gradimenti e sostegni fondamentali che – alla vigilia del rinnovo della convenzione – lasciano ben sperare nella possibilità di poter contare su una prospettiva temporale più ampia e adatta a valorizzare al massimo un Gran Premio che, nella nostra visione delle cose, dovrà andare al di là del solo evento sportivo. L’idea, infatti, è quella di coinvolgere le regioni geograficamente ma anche idealmente vicine a Monza – il Piemonte, con Torino capitale italiana dell’auto e l’Emilia Romagna, terra di motori – nel dar vita a una settimana di eventi dedicati alla promozione della bellezza italiana: dal paesaggio all’arte, dalla cultura alla moda all’enogastronomia e, naturalmente, allo sport”.
Quest’anno – ha concluso il Presidente dell’ACI - cominceremo con il Veneto, approfittando della felice concomitanza con un altro gioiello italiano: la Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Per la prima volta, una Ferrari di Formula 1 attraverserà il Canal Grande – da Piazza San Marco all’Accademia, dal Rialto al Casinò Municipale – e i vincitori del Gran Premio Heineken d’Italia 2018 verranno premiati con opere d’arte realizzate dai maestri vetrai di Murano”.

Il Gran Premio d’Italia può e deve avere solamente ed esclusivamente una casa: Monza – ha sottolineato il presidente Aci Milano, Geronimo La Russa -. Per tutti gli appassionati e per l’Automobile Club Milano (ACM), che nel 1922 volle quest’impianto e lo costruì in soli tre mesi, questo è un dogma per indiscutibili ragioni storiche, per motivi culturali e perché è l’unico circuito in Italia che può garantire un alto livello di sicurezza per i piloti e per il pubblico, una fortissima competitività, una spettacolarità e un fascino ineguagliabili. Con i colleghi del Consiglio direttivo ACM, che mi onoro di guidare da poco più di un mese, collaboreremo attivamente con Automobile Club d’Italia e le altre Istituzioni – prime fra tutte Regione Lombardia e i Comuni di Milano e Monza – per difendere e sempre più valorizzare questo “Tempio della Velocità” che si avvicina al secolo di vita. Ciò significa anche portare sempre più eventi all’esterno dell’Autodromo, proprio come avverrà in questi giorni a Milano con appuntamenti alla Darsena e in luoghi simbolo della città. Un’azione che ci piacerebbe, in futuro, proporre in tutta la Lombardia, e penso – ad esempio – alla Varese del residente Fontana o alla Brescia delle Mille Miglia”.
Nel corso del suo intervento il presidente La Russa ha voluto inoltre ricordare, nel centenario della nascita, uno dei più grandi piloti italiani, il milanese Alberto Ascari (due titoli mondiali consecutivi in Formula 1). Un affettuoso pensiero a Paolo Montagna, giornalista e dirigente di ACM, recentemente scomparso, responsabile della sala stampa in ben trentotto edizioni del Gran Premio.

"Il Formula 1 Gran Premio d'Italia è uno degli appuntamenti più attesi del Campionato mondiale" - evidenzia il Presidente di Autodromo Nazionale Monza SIAS SpA, Giuseppe Redaelli - "e la passione che dimostrano i tifosi durante il weekend di gara monzese è unica in tutto il mondo. Per permettere al numeroso pubblico di vivere al meglio il più importante appuntamento italiano di motorsport, invito tutti gli appassionati che raggiungeranno il circuito nei prossimi giorni a consultare il sito internet dell'Autodromo dove troveranno le importanti indicazioni di sicurezza predisposte dalle Forze dell'ordine per garantire un sereno svolgimento dell'evento e per rispettare il bellissimo parco che ci ospita".
Prosegue Redaelli: "Una importante novità di quest'anno, è il simbolico gemellaggio tra il Gran Premio d'Italia e la città di Venezia. La Serenissima è un esempio virtuoso di come la bellezza italiana possa essere valorizzata agli occhi di tutto il mondo. La coesione e l'ottima sinergia tra gli Enti deputati alla promozione del territorio e le Istituzioni, rappresentano un modello a cui anche Monza può e deve aspirare: un meccanismo replicabile che porta beneficio a tutti gli operatori coinvolti".
Le immagini di Venezia, quest'anno città scelta come simbolo dell'Italia, anticiperanno il Gran Premio di Monza dove coreograficamente verranno indossate le maschere del celebre carnevale. Sul Canal Grande sarà invece presente un'installazione che rappresenterà la gara monzese, nella stessa settimana in cui l'attenzione del pubblico sarà attirata anche dall'inizio della 75esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale e dalla Regata Storica”.

Spiega il sindaco Dario Allevi: "La città di Monza è pronta ad accogliere il Gran Premio d’Italia, l’appuntamento che rende il nostro territorio per un giorno la capitale mondiale dei motori. Sì, perché il nostro Autodromo Nazionale è un biglietto da visita straordinario, uno dei pochi capace di parlare tutte le lingue dei cinque continenti: per questo il Comune sta lavorando con l’obiettivo di rendere il nostro “tempio della velocità” un protagonista sempre più integrato nella vita cittadina e sono certo che anche dal punto di vista turistico molto si possa fare per renderlo una meta sempre più ambita per tifosi e appassionati del mondo dei motori. Per farlo è necessario affrontare al più presto il tema dell’ammodernamento dell’impianto, favorendo una vision sempre più aperta e innovativa della sua gestione. Per vincere una sfida così ambiziosa serve mettere in campo un grande lavoro di squadra, insieme all’aiuto e indispensabile concreto di AC Italia, di Regione Lombardia e di tutta la filiera istituzionale fino al Governo. Perché far vivere l’autodromo tutti i giorni è “LA” sfida a cui siamo tutti chiamati".

"Le potenzialità ci sono tutte: il contesto in cui è inserito, il Parco, lo rende un luogo ancora più ricco di fascino e la sua storia gloriosa contribuisce ad iscriverlo di diritto nel “mito dei motori” - prosegue Allevi - ma per alzare l’asticella serve guardare più in là e pensare a una programmazione variegata, capace di ampliare gli orizzonti. Penso non solo al ritorno della superbike ma anche ad altre manifestazioni sportive che certamente potrebbero beneficiare di un contesto così unico. Oltre a quello che da sempre è un mio sogno nel cassetto. Mi riferisco alla realizzazione di un Museo dei Motori e della Formula 1 che da solo potrebbe ogni weekend portare in città migliaia di turisti provenienti da ogni parte del mondo. In vista del prossimo anniversario del 2022, quando l’Autodromo Nazionale spegnerà le sue prime 100 candeline, vorrei che questo sogno diventasse realtà. “Ricorderò a Ecclestone il valore di Monza” aveva detto Sergio Marchionne nel settembre 2015, durante le trattative per il rinnovo dell’ultimo contratto. Ebbene noi questo valore - fatto di storia, di sport, di tradizione e di tanta tanta passione - ce l’abbiamo ben chiaro: lo ricorderemo insieme – tutti - per arrivare pronti alla scadenza del 2019 con un piano chiaro e dettagliato perchè il Gran Premio D’Italia resti qui a Monza. Per sempre".

Il Gran Premio di Monza è un simbolo vincente della Lombardia e dell’Italia nel mondo. La Regione – ha dichiarato Attilio Fontana, presidente di Regione Lombardia - ha sempre lavorato e combattuto perché questo appuntamento restasse in Brianza, nella città simbolo della Formula 1, nell’autodromo che è riconosciuto da tutti gli appassionati internazionali come il ‘Tempio della velocità‘. Per questo posso confermare fin da ora che, come Regione, sosterremo sempre con forza e determinazione che Monza sia anche in futuro punto di riferimento della Formula 1. Desidero poi fare un appello a tutti coloro che si recheranno a Monza: rispettate le regole e non deturpate l’ambiente. Infine, da italiano, consentitemi di rivolgere un grande ‘in bocca al lupo’ alle nostre Ferrari”.




(Foto: lo start del Gp F.1 di Monza)


Il mondiale di F1 alla vigilia di Monza
Il Gran Premio d’Italia costituisce quest’anno la quattordicesima tappa del Mondiale 2018, a soli sette giorni dall’appuntamento di Spa e due settimane prima della gara in programma a Singapore. Il campionato è vissuto principalmente sul duello fra Mercedes e Ferrari che si sono aggiudicate ben 10 dei 13 gran premi disputati e che si stanno contendendo punto a punto la classifica costruttori (375 Mercedes, 360 Ferrari). Fra i piloti primeggia Lewis Hamilton, primo al traguardo cinque volte, senza punti solo in Austria, leader della classifica con 17 lunghezze su Sebastian Vettel, dopo la vittoria di quest’ultimo a Spa, la quinta affermazione anche per lui in stagione. Dietro di loro il duo finlandese, i compagni di squadra Kimi Raikkonen, che ha portato il Cavallino rampante otto volte sul podio, e Valtteri Bottas, che può vantare cinque secondi posti con la sua Mercedes. Nel ruolo di terzi incomodi, in campionato e, nelle loro intenzioni, anche a Monza, Max Verstappen, quattro podi e una vittoria per lui, e il compagno di squadra Daniel Ricciardo, due volte sul primo gradino del podio, che ha già detto addio per l’anno prossimo alla Red Bull.

Qualche dato più in dettaglio sulle presenze al Gran Premio d’Italia, giunto alla sua 89^ edizione, sempre disputato a Monza ad eccezione di quelli del 1921, 1937, 1947, 1948 e 1980. Fernando Alonso è il pilota che lo ha corso più volte (16) – due vittorie per lui, nel 2007 su McLaren e nel 2010 con la Ferrari – seguito da Raikkonen (15), che però è mai riuscito a vincerlo (migliore risultato un secondo posto con la McLaren nel 2006). 11 presenze per Lewis Hamilton (poker di vittorie per lui: nel 2012 con la McLaren, nel 2014-2015 e 2017 con la Mercedes) e per Sebastian Vettel (vincitore nel 2008 con la Toro Rosso e nel 2011-2013 con la Red Bull). Sono ben quattro i debuttanti: Sergey Sirotkin (Williams), Brendon Hartley (Red Bull), Pierre Gasly (Red Bull) e Charles Leclerc (Alfa Romeo Sauber). Fra i team la Ferrari vanta 69 partecipazioni (18 vittorie), la McLaren 50 (10 vittorie) e la Williams 42 (6 vittorie). Seguono Tyrrel con 28 e Ligier – Prost con 26 presenze (nessuna vittoria per entrambe). Mercedes AMG Petronas su 8 partecipazioni può vantare 4 vittorie e 3 secondi posti. Da segnalare, in considerazione del rientro di quest’anno del marchio del Biscione, che Alfa Romeo ha in bacheca 9 vittorie, l’ultima nel 1950, anno primo dell’era moderna della Formula 1. L’ultima vittoria della Ferrari a Monza è del 2010 con Fernando Alonso, la prima nel 1949, a soli due anni dalla sua fondazione, con Alberto Ascari che si ripeté nel 1951 e nel 1952 e che conquistò due titoli iridati nel 1952 e nel 1953. Alberto, di cui ricorre quest’anno il centenario della nascita, nella sua carriera ha conseguito complessivamente in Formula 1 su 32 gran premi disputati 13 vittorie e 17 podi. La famiglia Ascari vanta un ulteriore primo posto del GP d’Italia grazie ad Antonio, padre di Alberto, che vinse nel 1924 con l’Alfa Romeo. Su Ferrari l’ultima vittoria di un pilota italiano. Ludovico Scarfiotti nel 1966. Nel “tempio della velocità” la media più veloce in gara è di Michael Schumacher che nel 2003 vinse su Ferrari alla media di 247,585 km/h, mentre la pole più veloce è di Rubens Barrichello sempre su Ferrari (media di 260,395 nel 2004).

Il programma del Gran Premio 
Sarà posticipata di un'ora rispetto agli scorsi anni, la partenza del Formula 1 Gran Premio d'Italia come avvenuto per altre gare a calendario nel Campionato. Dunque domenica 2 settembre la gara non partirà alle 14 bensì alle 15.10, dopo l'Inno d'Italia e lo spettacolare sorvolo della pista delle Frecce Tricolori, la Pattuglia Acrobatica Nazionale dell'Aeronautica Militare. Le attività del weekend inizieranno però da giovedì 30 agosto con il public pit lane walk alle 16 quando la corsia di fronte ai box verrà aperta al pubblico munito di abbonamento 3 giorni e i piloti rilasceranno a turno autografi.


(Foto: il box Ferrari)

Il via a prove e gare venerdì 31 agosto con due sessioni di prove libere della Formula 1 (dalle 11 alle 12.30 e dalle 15 alle 16.30), oltre alle prove delle gare di contorno: FIA Formula 2 (libere dalle 12.55 alle 13.40, di qualificazione dalle 16.55 alle 17.25), GP3 Series (libere dalle 9.30 alle 10.15 e qualifiche dalle 17.50 alle 18.20), Porsche Mobil 1 Supercup (libere dalle 18.45 alle 19.30).

Nel corso della giornata di sabato 1 settembre sono previste per la Formula 1 una sessione di prove di pit stop ai box (dalle 9.10 alle 9.40), la terza sessione di prove libere (dalle 12 alle 13) e le prove di qualificazione (dalle 15 alle 16). Per le altre formule sono in programma Gara 1 della F.2 (alle 16.45, per 30 giri o 60 minuti), Gara 1 della GP3 (dalle 10.30, per 22 giri o 40 minuti) e le prove di qualificazione della Porsche Mobil 1 Supercup (dalle 13.25 alle 13.55).

Il programma di domenica 2 settembre prevede per la Formula 1 alle 13.30 la tradizionale parata di saluto dei piloti al pubblico. Alle 14.00 la presentazione della starting grid. Alle 15.10 il via del Formula 1 Gran Premio Heineken d’Italia 2018 (53 giri o 120 minuti), preceduto dalle note dell’inno nazionale, quest’anno intonate da Al Bano e dal passaggio delle Frecce Tricolori. La domenica motoristica prevede anche altre competizioni: Gara 2 della GP3 (alle 9.40, per 17 giri o 30 minuti), Gara 2 della F.2 (alle 10.55, per 21 giri o 45 minuti) e la Gara della Porsche Mobil 1 Supercup (alle 12.10, per 14 giri o 30 minuti).
G.C.





-----------------------------------------------------------------------------------------------------






L'italiano Trial torna in Valsassina 
Sabato 28 e domenica 29 luglio l'attesa gara a Barzio con il campione di Margno Matteo Grattarola che si presenta leader del campionato e favorito numero uno. Previsto un servizio di bus navetta sulle varie zone per il pubblico

Barzio
- Torna il trial spettacolo in Valsassina. E' conto alla rovescia per l'atteso quarto appuntamento del Campionato Italiano Trial Outdoor, in programma sabato 28 e domenica 29 luglio a Barzio. In cabina di regia di nuovo il Moto club Monza sta dando gli ultimi ritocchi a questa gara centrale della stagione che vede di nuovo il campione valsassinese Matteo Grattarola presentarsi nella veste di leader del tricolore in sella Montesa del team Sembenini - Red Moto. Da seguire per i colori lecchesi anche il giovane Luca Petrella con la TRRS e il bellagino Lorenzo Gandola con la Scorpa, entrambi a caccia del podio nella gara di casa.

Barzio e l'amministrazione comunale hanno ancora una volta il supporto allo svolgimento della gara tricolore sul loro territorio, visto anche i precedenti successi di organizzazione e di pubblico. E per quanto riguada le informazioni per il pubblico, ricordiamo il servizio di bus gratuiti, per permettere di seguire la gara sulle varie zone, perchè non sarà possibile usare le proprie moto per seguire la gara.
Per chi invece volesse arrivare al parcheggio funivia con il proprio mezzo, informiamo che il costo di parcheggio sarà di 3 euro per tutto il giorno. La partenza avverrà dal PalaAcel, zona che prevede anche il posizionamento delle strutture di partenza e segreteria.
I parcheggi per il pubblico sono posti nelle zone di partenza, quindi alla tensostruttura e come detto al piazzale funivia in corrispondenza degli stessi sono state posizionate anche le zone di ristoro.

Ma l'evento non è solo racing, per chi volesse passare una serata piacevole alla vigilia, è stata organizzata una serie di iniziative collaterali in zona Tensostruttura, (in cui sono posizionate le zone 1/2 e la zona qualifica del sabato), ad iniziare dai mercatini con prodotti locali anche gastronomici e allietati da musica dal vivo. Mentre per i più sportivi, sarà a disposizione un noleggio di E-bike per seguire l'evento e visitare anche il paese.
G.C.



---------------------------------------------------------------  




Dalla F. Junior alla F.1, a Monza
in pista corre la storia dell'automobilismo
Dal venerdì 29 giugno a domenica 1 luglio sono le vetture storiche le principali protagoniste, ma da seguire anche la tappa della BOSS GP con 18 monoposto iscritte tra F.1 e GP2 e del campionato NEC di F.Renault con tante promesse  

Monza - Spettacolo d'altri tempi al Monza Eni Circuit nel week end dal 29 giugno al 1 luglio. A distanza di una settimana, con un nuovo ricco programma proposto dal Gruppo Peroni Race: 8 serie tante gare e ingresso libero a tutte le tribune e al paddock (si paga solo il parcheggio, sabato e domenica, 10 euro auto, 5 euro moto). Protagonisti giovani talenti e tante prestigiose auto che hanno scritto memorabili pagine della storia del motorsport nel BOSS Gp con F1 e GP2 a regalare emozioni e sound indimenticabili.
Ma vediamo il programma dell'intenso week end all'Autodromo di Monza, che conclude la prima parte delle stagione per quanto riguarda le gare ufficiali prima di preparare l'atteso Gp d'Italia di F1, in programma dal 31 agosto al 2 settembre.


La Formula Renault è sempre stata fucina di valenti piloti che hanno raggiunto anche le vette della Formula 1, basti pensare negli ultimi anni a Valtteri Bottas, Kevin Magnussen, Carlos Sainz jr e Daniil Kvyat. La Northern European Cup è al suo secondo appuntamento stagionale dopo l’esordio in terra francese e prima della gara di fine luglio a Spa. Al momento si sono distinti soprattutto l’australiano Alex Peroni (MP Motorsport), reduce da una doppia vittoria a Pau e con alle spalle la prestigiosa vittoria monegasca nell’Eurocup, il danese Christian Lundgaard (MP Motorsport) e lo statunitense Logan Sargeant (R-ace GP). Al via sulla pista di casa vi sarà anche l’unico italiano iscritto alla serie, Lorenzo Colombo (JD Motorsport), che abbiamo già visto salire due volte sul podio ad aprile nelle gare monzesi dell'Eurocup. Per loro due gare di 30 minuti + 1 giro con partenza sabato alle 15.55 e domenica alle 14.35.

Fra le serie storiche spiccano senz’altro le Formula Junior che dal 1995 sono state battezzate dalla Federazione Internazionale dell’Automobile con la denominazione “FIA Lurani Trophy For Formula Junior Cars”, sottolineando il nome di colui, il conte Giovanni Lurani, che ideò nel 1958 questa formula formativa, l’antenata dell’attuale Formula 4, che fino al 1963 fu presente nel panorama motoristico mondiale e che tanto successo ha sempre riscosso fra gli appassionati e che negli anni ha rappresentato la piattaforma di lancio per piloti come Jim Clarck, Jochen Rindt e John Surtees. Due gare di 25 minuti, sabato a partire dalle 17.15, domenica dalle 13.50.

Vi saranno poi tre miniendurance di 60 minuti, due di carattere sempre storico con il Campionato Italiano Autostoriche (dalle ore 15.25 di domenica) come evento clou. In pista a Monza, nella 5^ prova del tricolore Autostoriche, anche due equipaggi della Scuderia oggionese Abs Sport. Punta ad un altro successo di classe Loris Papa con l'abituale Fiat 128 1100cc, leader della categoria H1TC. Sul veloce tracciato brianzolo c'è anche il rientro in gara di Gabriele e papà Roberto De Rui con la Ford Escort RS 2000, rimessa a nuovo dal team Elco Racing. Storiche protagoniste anche nell’Alfa Revival Cup (dalle 10.10 di domenica) dove duelleranno le auto del Biscione costruite dal 1947 al 1981, ed una di lingua tedesca con le Gran Turismo della Dunlop 60. Turismo e Gran Turismo saranno protagoniste dell’altra serie tedesca DMV Gran Turismo Touring Car Cup che saranno vita a due gare di 30 minuti di scena sabato: bandiera verde alle 12 e alle 15.10.

All’insegna “della velocità, dello spettacolo e del rumore”, secondo il motto che caratterizza questa serie, correranno le vetture del campionato BOSS GP, sigla che significa Big Open Single Seaters. Al suo interno due classi: la “Open” che vede Formula 1 come Toro Rosso, Benetton, Minardi, Arrows e Aguri, e la “Formula” con tante Dallara GP2, Renault 3.5 e Nissan World Series. Il capoclassifica, l’austriaco Ingo Gerstl, punta a continuare con la sua Toro Rosso Top Speed la striscia di vittorie finora conseguite, due a Hockenheim e due allo Spielberg. Nella Formula Class vuole confermare il primato il tedesco Florian Schnitzenbaumer (Dallara Top Speed). Ben 18 le monoposto iscritte al roud monzese, con anche tre piloti italiani. Due le gare in programma: sabato di 20 minuti (16.40/17.00), domenica di 25 minuti (11.30/11.55)

Da segnalare infine la Renault Clio Cup Italia, il prestigioso monomarca con già tre tappe alle spalle che hanno portato alla testa della classifica Simone Di Luca (Faro Racing), forte di tre vittorie, che precede Felice Jelmini (Composit Motorsport) e lo sloveno Bostjan Avbelj (Lema Racing). In griglia anche i giornalisti che concorrono per la Clio Cup Press Leaugue. Le gare sono previste per domenica: 25 minuti con partenza alle ore 9 e 16.45.
Tre giorni intensi di spettacolo con il paddock aperto al pubblico.
G.C.





------------------------------------------------------------------------------------------------




Paleari e Garavaglia portano sul podio l'Abs Sport 
nel campionato italiano rally Wrc
Nel primo week end di luglio la scuderia oggionese sarà in gara nei Rally Camunia
e Valli Ossolane e nell'Italiano Autostoriche a Monza con sette vetture

Oggiono - Di nuovo sul podio la Scuderia Abs Sport. Stavolta sono Tommaso Hessler Paleari e Paolo Garavaglia a regalare il successo nel Rally della Marca, concluso con unna bella affermazione di categoria nella R1T e al 31° posto assoluto con la Bmw Mini Cooper del team Elite Motorsport. Per l'equipaggio della Scuderia Abs Sport un risultato che fa ben sperare nella corsa al titolo di classe nel Campionato Italiano Wrc. La trevigiana si è rivelata molto selettiva, con le prove nel cuore della
Valdobbiadine decisive nell'assegnazione dell'assoluta e delle classi.
Il Rally della Marca non era iniziato nel migliore del modi per l'equipaggio brianzolo, a causa di una disattenzione nella prova spettacolo d'apertura che era costata un minuto di penalità. Ma nelle prove vere Tommaso e Paolo hanno risposto alla grande recuperando secondi e posizioni fino al podio finale.
Siamo davvero contenti – dice Paleari - dopo l'inizio in salita non era facile recuperare terreno. Senza quel minuto perso la posizione in assoluta poteva essere decisamente migliore, ma va bene anche così. L'obiettivo di partenza l'abbiamo centrato. Siamo oltremodo soddisfatti del risultato che ci proietta in vetta alla classifica di Coppa R1. Non nascondiamo di puntare la titolo, che si è sfuggito lo scorso anno all'ultima prova Quest'anno speriamo di prenderci la rivincita e di
chiude sul podio la gara di casa il Trofeo Aci Como”.

Per la scuderia oggionese si prospetta ora un week end di inizio luglio molto impegnativo, con tre appuntamenti in calendario. Nella 5^ edizione del Camunia Rally, gara valevole per il campionato Regionale, le aspettative maggiori vanno a Michael Pogna e Francesco Ballarini che sulle strade di casa puntano al risultato grosso all'esordio con la nuova Skoda Fabia in versione R5 della DP Autosport. Al via della gara camuna ci saranno anche i brianzoli Gianluigi Pittano e Giovanni Frigerio che tornano a gareggiare insieme dopo diverso tempo con la Citroen C2 in versione R2B, con un nuovo motore dopo la rottura nel recente rally Aci Lecco. Ai nastri di partenza anche il navigatore Matteo Sala a fianco del driver Massimo Colombo sulla Renault Clio in R3C. La gara bresciana, divisa in 8 prove speciali, avrà come centro di partenza e arrivo Capo di Ponte.


Contemporaneamente nella 54^ edizione del rally Valli Ossolane, gara valida anch'essa come campionato Regionale, al via ci saranno tre equipaggi della Abs Sport. Nella classe Prod E6 sono iscritti Marco e papà Valerio Rossini, che si alterneranno alla guida della Peugeot 106 appena aggiornata da Roberto Saldarini. Nella classe Prod E5 sarà in gara un'altra famiglia da corsa, con Sergio Brambilla che dopo l'amaro ritiro nel rally Aci Lecco quand'era prima di classe, sarà in gara
affiancato dalla cognata Stefania Radaelli su Peugeot 106.
In pista a Monza, nella 5^ prova del campionato italiano velocità Autostoriche, punta ad un altro successo di classe Loris Papa con l'abituale Fiat 128 1100cc, leader della categoria H1TC. Sul veloce tracciato brianzolo c'è anche il rientro in gara di Gabriele e papà Roberto De Rui con la Ford Escort RS 2000, rimessa a nuovo dal team Elco Racing.
G.C.





---------------------------------------------------------------------------------------------------------





L'Aci Racing Weekend fa tappa a Monza
In pista cinque serie, con i riflettori puntati sulla Formula 4 Italiae e il rinnovato tricolore Sport Prototipi. Acompletare il programma la Porsche Carrera Cup, la F.2000 Italian Trophy e la Mitjet Italian Series. Ingresso gratuito a tribune a Paddock

Monza - Festa della Repubblica in pisa a Monza. In programma la tappa dell’Aci Racing Weekend con cinque prestigiose serie per dodici gare. Ma vediamo nel dettaglio l'evento.
 
Al suo quinto anno di attività la Formula 4 Italia si conferma monomarca formativo molto gradito e di richiamo internazionale, presentando un nutrito numero di partecipanti (sono ben 34 gli iscritti, di cui 19 rookie) provenienti da quasi venti Paesi. La serie, riservata alle monoposto Tatuus Abarth, ha preso il via ad Adria a fine aprile ed è reduce dalla trasferta francese al Paul Ricard. Giunge a Monza da capoclassifica il nipote d’arte Enzo Fittipaldi (Prema Theodore Racing), sedicenne nipote del grande Emerson, che in questo suo secondo anno in F.4 è sicuramente partito con il piede giusto: finora due vittorie e altre due volte a podio per il brasiliano. Pronti a dargli battaglia nelle tre gare di 28 minuti + 1 in programma (con partenza prevista sabato alle 14.00 e domenica alle 9.00 e alle 14.50), i diretti inseguitori: Leonardo Lorandi (Bhaitech), campione rookie lo scorso anno, e il danese Frederik Vesti (Van Amersfoort Racing). Quest’ultimo appare molto agguerrito: a Le Castellet ha totalizzato due vittorie e un secondo posto. Da seguire gli altri alfieri della Prema, che partecipano parallelamente anche alla serie gemella tedesca: Gianluca Petecof, primo fra i rookie, brasiliano e pilota della Ferrari Driver Academy come Fittipaldi, l’inglese Olli Caldwell e l’australiano Jack Doohan, figlio quindicenne del pluricampione mondiale delle due ruote.

A Monza partirà l’avventura 2018, carica di novità, del Campionato Italiano Sport Prototipi, quest’anno serie monomarca con protagonista la nuovissima Wolf Thunder GB08: sei in totale gli appuntamenti previsti che vedranno battagliare oltre venti piloti fino al finale previsto a fine ottobre al Mugello. Altra interessante novità è l’ammissione di piloti under 16 che saranno seguiti in gara dalla Scuola Federale. Al momento il più giovane iscritto è Simone Riccitelli, 15 anni compiuti a fine novembre, che difenderà i colori del Kinetic Racing Team. Da seguire Mirko Zanardini (AC Racing) e i quattro piloti schierati dalla Best Lap: Andrea Gagliardini, Gianluca Carboni, Dario Capitanio e Lorenzo Pegoraro. Oltre ovviamente al pluricampione Davide Uboldi, quattro i suoi titoli, reduce da un anno nell’Elms. Doppia gara di 25 minuti + 1 giro: scatteranno dal via sabato alle 17.30 e domenica alle 13.


La dodicesima edizione della Porsche Carrera Cup Italia sfodera le 911 GT3 Cup di ultima evoluzione in un campionato alla sua terza tappa dopo l’esordio a Imola e la trasferta francese a Le Castellet. Ampiamente al comando della classifica assoluta del monomarca il campione in carica Alessio Rovera (Tsunami RT), che si è già aggiudicato tre gare su quattro e punta ad incrementare il suo vantaggio a Monza sugli immediati inseguitori, il diciottenne rookie compagno di squadra Tommaso Mosca e Diego Bertonelli (Dinamic Motorsport). La formula prevede due gare di 28 minuti + 1 giro: partenza sabato alle 16.30 e domenica alle 11.10.

Da quando è nata, nel 2014, Monza non è mai mancata nel calendario della F.2000 Italian Trophy, serie che mette in lizza vetture di varie classi e formule - fra cui F.3, Renault 1600 e 2000, ACI Abarth, BMW, ecc. – guidate da giovani talenti e da esperti gentlemen. E’ il terzo appuntamento stagionale, primo in Italia, di un campionato che finora ha registrato il dominio assoluto di Alessandro Bracalente, su Dallara F312 del team Pave, che nelle precedenti tappe all’Hungaroring e al Red Bull Ring ha collezionato ben quattro affermazioni. Nell’assoluta lo insidiano Antonino Pellegrino (Dallara 308 della Scuderia Antonino) e il lombardo Dino Rasero (Dallara 310 Puresport). Due gare di 25 minuti + 1 giro: semaforo verde sabato alle 14.50 e domenica alle 12.10.

Seconda data della stagione, invece, per la Mitjet Italian Series che quest’anno si unisce alla serie francese garantendo quindi una griglia di partenza ancor più nutrita. La formula propone nel 2018 oltre a due gare sprint di 18 minuti + 1 giro (il via sabato alle 15.40 e domenica alle 10.05), anche una gara lunga di 43 minuti + 1 giro (a partire alle 15.50 di domenica) con cambio pilota e tempo imposto per la sosta di tre minuti. Nel primo appuntamento al Paul Ricard affermazioni fra gli italiani per il team The Club Motorsport con Francesco Malvestiti in gara 1, per Davide Di Benedetto in gara 2 e per entrambi in coppia nella gara endurance.
Ricordiamo, infine, che l’ingresso in tutto il fine settimana è gratuito per tutte le tribune e il paddock. A pagamento solo il parcheggio (negli spazi consentiti): sabato e domenica 10 euro per auto, 5 euro per moto. Tulle le informazioni su www.monzanet.it e www.acisport.it.
G.C.





---------------------------------------------------------------------------------------------------------------






Mille Miglia e The Reunion
A Monza di scena la storia e la passione
Sabato 19 maggio il passaggio delle gara storica simbolo dell'automobilismo italiano a partire dalle 11.  In contemporanea spazio all'evento dedicato a moto cafe racer, scrambler, special e classiche. Inserita anche la 500 Km, una manifestazione turistica/regolaristica del Vespa Club d'Italia

Monza – Week intenso e di grande fascino all'Autodromo di Monza, con il passaggio nella giornata di sabato 19 maggio della 1000 Miglia 2018 e per tutto il fine settimana il raduno The Reunion, evento dedicato a moto cafe racer, scrambler, special e classiche.
La passione corre sulle quattro ruote e sulle due ruote a Monza.
Si parte con il passaggio della gara storica simbolo dell’eccellenza italiana nel mondo, giunta alla trentaseiesima rievocazione della corsa di velocità disputata tra il 1927 e il 1957. Quest’anno saranno in gara 450 vetture d’epoca, appartenenti a 73 diverse Case costruttrici, di cui 10 appartenenti alla categoria Militare condotte da rappresentanti delle Forze Armate. Tra le vetture di privati e quelle provenienti dalle Case automobilistiche, gli appassionati potranno ammirare una completa rassegna dell’automobilismo sportivo prodotto dagli anni Venti agli anni Cinquanta.
Da sottolineare è la partecipazione quest’anno di ben 101 automobili che ritorneranno a Brescia, dopo aver già preso parte ad una delle edizioni tra il 1927 al 1957.



Oltre 450 vetture in gara

I 725 equipaggi iscritti alla gara provengono da 44 Paesi distribuiti in tutti i 5 continenti. Sono 44 i Paesi di provenienza delle richieste di partecipazione mentre gli equipaggi accettati provengono da 34 diversi Paesi, di tutti i continenti. Gli italiani rappresentano circa il 30% degli accettati. Tenuto conto che molti equipaggi sono composti da persone di diversa nazionalità, i conteggi si riferiscono alle singole persone. Il Paese più rappresentato continua ad essere l’Italia con 285 presenze, 28% del totale. L’Olanda si conferma al secondo posto, con 149 partecipanti, seguita da Germania, con 98 accettati, e Regno Unito, con 74 presenze. Crescono ancora le partecipazioni del Belgio (64), degli Stati Uniti d’America (58) e del Giappone (26).

A Monza l'ultima tappa

La tappa che passa dall'Autodromo di Monza è l'ultima dell'edizione 2018. Partenza da Parma alle 6.30, in direzione Salsomaggiore Terme, Piacenza e Lodi, le auto in gara faranno poi rotta su Milano, attraversando il cuore della metropoli lombarda, il controllo timbro previsto in Piazza Duomo regalerà per la prima volta uno scenario unico a tutti i partecipanti alla corsa. Da Milano la carovana della Freccia Rossa proseguirà per il passaggio nel rinnovato Museo Storico Alfa Romeo ad Arese, per fare il loro ingresso all’Autodromo Nazionale di Monza per l’ultimo pranzo sul percorso di gara.
Il tratto finale della corsa vedrà i passaggi da Bergamo, Chiari, Ospitaletto, prima di tagliare il traguardo, nel primo pomeriggio, sulla pedana di Viale Venezia a Brescia previsto per le 16. A Monza le prime vetture arriveranno attorno alle 11, le ultime lasceranno l'Autodromo attorno alle 15.30, dopo aver percorso un giro pista ed effettuato alcune prove a tempo.

The Reunion

Spazio dedicato anche agli appassionati delle due ruote al Monza Eni Circuit. Sabato 19 e domenica 20 maggio si terrà infatti nell'Autodromo la quarta edizione del raduno The Reunion, evento dedicato a moto cafe racer, scrambler, special e classiche. Il raduno avrà un respiro internazionale grazie alle rafforzate partnership con Sultans of Sprint, Glemseck 101 e Cafe Racer Festival, i più importanti eventi di settore a livello mondiale.


Protagonisti indiscussi di The Reunion saranno i top customizer italiani e internazionali oltre alle numerose case motociclistiche partecipanti come BMW Motorrad, Harley-Davidson, Scrambler Ducati, Yamaha, Indian, Kawasaki, Moto Guzzi e Italian Volt (che presenterà in anteprima domenica 20 maggio alle 16 la custom electric motorbike "Lacama"). Ci sarà spazio anche per l'agonismo con quattro gare. La Zenith Sprint Race vedrà gli amanti dell'alta velocità sfidarsi sull'ottavo di miglio divisi per categorie. Monza ospiterà anche la prima tappa del Sultans of Sprint, il più appassionato e divertente campionato europeo di sprint race comprendente due classi, la Freak e la Factory - dedicata alle case motociclistiche. Chi ama lo sterrato potrà assistere alla Elf Dirt Race, una sfida in un ovale di flat track riservata alle motociclette con ruote tassellate scrambler, non specialistiche e inappropriate. Infine la Mosquito’s Way, la pazza corsa riservata ai cinquantini. The Reunion sarà arricchito da una selezione di food truck, un'area hospitality e una lounge dove si svolgeranno DJ set e attività che coinvolgeranno il pubblico.La pista del circuito sarà invece riservata alla 18esima 500 Km, una manifestazione turistica/regolaristica a media imposta inserita nel calendario Vespa Club d'Italia come prova di Campionato AUDAX 2018. Alle 18.15 di sabato ci sarà il controllo orario della prima tappa "Il circuito" mentre la seconda tappa "Le 8 Province" partirà alle 22.55 per proseguire poi tutta notte fuori dall'Autodromo con rientro nel circuito intorno alle 11.30 del mattino successivo. Insomma, divertimento assicurato.
G.C.






-----------------------------------------------------------------------------------------------------






Scuderia Abs Sport, impegni a tutto campo 
tra gare in salita e rally nazionali

Lecco - In attesa del Rally Aci Lecco, in programma nel week end del 26/27 maggio, le attenzioni della Scuderia Abs Sport sono state rivolte alla partecipazione di Giancarlo Junior Maroni nella gara in salita Scarperia – Giogo. Una partecipazione inedita quella del giovane valsassinese, scelta per testare il nuovo Proto realizzato su telaio Osella e motorizzazione Suzuki 1600, mezzo realizzato in prospettiva degli impegni nelle gare in salita e nei Formula Challenge nazionali.
La gara toscana ha regalato un sorriso a metà, con una significativa prestazione nella prima manche contraddistinta dal miglior tempo assoluto. Nel corso nella seconda salita Maroni Junior ha però deciso di abbandonare la competizione per sopraggiunti problemi di assetto che hanno compromesso la stabilità del nuovo Proto.

Probabilmente s'è rotto qualcosa – dice Giancarlo -, per cui ho preferito ritirarmi subito per non compromettere ulteriormente la vettura. Le prime indicazioni sono comunque buone, ma sappiamo che c'è da lavorare ancora per definire tutto quanto. Siamo solo all'inizio di un nuovo progetto. Quest'anno disputeremo ancora qualche gare test, per poi prepararci nel 2019 a disputare il Campionato Italiano Velocità Montagna. E' una scelta che abbiamo diciso di fare nel team e che mi piace molto, vedendo anche il rilancio delle gare in salita”.

(Foto a lato il Proto di Maroni)

Ora l'attenzione passa al Rally Aci Lecco di settimana prossima, quest'anno valido per il Campionato Regionale. Il rally lecchese mette in palio anche il trofeo Valsassina e il trofeo Valle San Martino, a sottolineare i territori in cui si disputerà la 14^ edizione della gara. La Scuderia oggionese sarà presente con un numero di equipaggi da primato, ben 16, capitanati da Marco Paccagnella, a caccia di una nuova vittoria nella gara di casa, affiancato dal presidente – navigatore Beniamino Bianco sulla Ford Fiesta R5 del team BDL Racing. In gara ci sarà anche il diesse Ivano Tagliabue con Fabio Corti sulla Peugeot 106 in versione Prod S2 preparata dal team Saldarini.

E' l'appuntamento di casa per cui è il più sentito dalla nostra Scuderia – afferma il diesse Tagliabue -. Abitualmente seguo la preparazione alle gare dei nostri equipaggi, ma a Lecco ho voluto esserci anch'io in gara. Con un numero così elevato di equipaggi iscritti, non nascondiamo che il sogno è quello di poter conquistare la Coppa tra le Scuderie. Tra gli equipaggi che abbiano alla partenza diversi sono quelli che ambiscono al podio di classe, con Paccagnella e Bianco tra i candidati a lottare per l'assoluta. E per una volta voglio aggiungere, come tutti gli equipaggi che si presentano al via di una gara, che anch'io e Corti sogniamo il podio di categoria”.
G.C.






----------------------------------------------------------------------------------------------------






A Monza lo spettacolo dell’European Le Mans Series
Ben 43 vetture in pista nella 4 Ore riservata ai Prototipi e alle GT, categoria dove spicca la presenza di Giorgio e Gianluca Roda con la Porsche 911 RSR. 
A caccia del podio tra le LMTE anche il team lariano Ebimotors

Monza - In pista lo spettacolo nel week end del 11/13 maggio all'Autodromo di Monza, con l'atteso appuntamento dell’European Le Mans Series a catalizzare l'attenzione degli appassionati. La gara clou del fine settimana targato ACO è in programma domenica sulla distanza delle 4 Ore (partenza alle 12.30), con ben 43 vetture fra Prototipi e Gran Turismo al via. Con l’European Le Mans Series in pista altre due serie, per un totale complessivo di quasi 100 vetture e 200 piloti.
Le Oreca arrivano al Monza Eni Circuit con i favori del pronostico, mentre le Dallara cercano il riscatto dopo la prima deludente prova di Le Castellet. La Ferrari F488 cerca invece il bis fra le GT, con le Porsche 911 RSR a caccia del riscatto. Questi i motivi principali del week end monzese.
Come detto, sono oltre quaranta complessivamente le vetture in lizza, 43 per la precisione, che saranno guidate da 120 piloti provenienti da 26 Nazioni. Più nutrita rispetto alla passata stagione la pattuglia della classe regina, ovvero i prototipi LMP2 in cui si contendono il titolo team indipendenti privati che utilizzano vetture con motore Gibson e telai di diversi costruttori: a Monza potremo apprezzare 9 Oreca, 4 Dallara, e 5 Ligier. In pista altri 19 prototipi di classe LMP3, che costituiscono il primo gradino del percorso che conduce a Le Mans: vetture dotate di un motore Nissan montati su telai Ligier e Norma. Infine vi saranno le 8 Gran Turismo LMGTE (Le Mans Grand Touring Endurance) derivate da vetture stradali prodotte in almeno cento esemplari.




I protagonisti.

Tra le LMP2 giunge a Monza dopo la vittoria riportata in terra francese l’Oreca # 24 del Racing Engineering, al suo debutto, grazie ai piloti transalpini Norman Nato, Olivier Pla e Paul Petit. Ma anche altre vetture della casa di Tolone sono partite con il piede giusto (nella classifica finale a Le Castellet ben sei Oreca sono risultate nei primi sette posti), a partire dalle altre due a podio, entrambe condotte da piloti francesi: la # 33 del TDS Racing con François Perrodo, Loïc Duval e Matthieu Vaxivière e la # 29 del Duqueine Engineering con Nelson Panciatici, Nicolas Jamin e Pierre Ragues. Una gara molto combattuta – le prime quattro al traguardo, dopo 4 ore, sono arrivate racchiuse in poco più di 11 secondi! – che preannuncia grande spettacolo anche domenica.
Con loro saranno protagoniste nel fine settimana altre quindici LMP2, fra cui le Dallara che cercano un pronto riscatto dopo il deludente esordio caratterizzato, come miglior risultato, da un undicesimo piazzamento ottenuto dal russo Konstantin Tereschenko e dal portoghese Henrique Chaves con la # 30 dell’AVF. Gli appassionati contano ovviamente molto sulla P217 # 47 del tricolore Cetilar Villorba guidata da Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e dal brasiliano Felipe Nasr, ex F.1 con 40 gran premi alle spalle (che sostituisce l’infortunato Andrea Belicchi).

Nel gruppo LMP3 i favori del pronostico sono per la Ligier RLR MSport # 15 del canadese John Farano, dell’olandese Job Van Uitert e del britannico Robert Garofall impostasi con largo margine nella prima gara (più di 30 secondi) sulla Norma M Racing – YMR # 19 e sulla Ligier EuroInternational # 11 che anche a Monza presenterà il nostro Giorgio Mondini (in coppia con l’olandese Kay Van Berlo). I colori italiani saranno inoltre difesi innanzitutto dal cremonese Oregon Team (Norma # 10 con Riccardo Ponzio, insieme al colombiano Andres Mendez e al francese Clément Mateu), oltre che dai piloti Andrea Dromedari (Ligier # 12 Eurointernational), Luca De Marchi (Ligier # 14 Europol Competition), Francesco Dracone e Jacopo Baratto (Ligier # 16 BHK Motorsport).

Nella LMGTE le Ferrari sono reduci dall’affermazione ottenuta a Le Castellet dalla # 66 JMW Motorsport guidata dallo spagnolo Miguel Molina e dai britannici Liam Griffin e Alex MacDowall. Ma a Monza spicca anche la presenza di due equipaggi che rappresentano i colori lariani. Entrambi su Porsche 911 RSR, il primo è formato da Gianluca e Giorgio Roda, padre e figlio, con Gianmaria Bruni a completare nell'occasione l'equipaggio del team Dempsey – Proton Racing. Non ci sarà a Monza il comasco Matteo Cairoli, che aveva diviso l'equipaggio con i Roda nella gara d'apertura di Le Castellet, conclusa con un ottimo secondo posto nella LMGTE. L'altro equipaggio che rappresenta i colori lariani è quello del team Ebimotors di Cermenate, terzo nella gara d'apertura francesce con Fabio Babini, Riccardo Pera e Raymond Narac, confermati anche nella gara di Monza.

Il Programma
Le prime prove sono previste nella giornata di venerdì: libere dalle 11.45 alle 13.15 e bronze driver collective test dalle 16.15 alle 16.45. Sabato seconda sessione di libere dalle 9.15 alle 10.45 e tripla sessione di qualifica nel primo pomeriggio: dalle 13.40 alle 13.50 LMGTE, dalle 14.00 alle 14.10 LMP3, dalle 14.20 alle 14.30 LMP2. In precedenza, dalle 12.35 alle 13.25, pitwalk per tutti gli appassionati. La mattina della domenica prevede, come antipasto, pitwalk dalle 9.00 alle 10.00, la sessione autografi dalle 9.15 alle 9.45, grid walk sulla griglia di partenza (accesso vietato ai minori di 16 anni) dalle 11.35 alle 12.05 e poi la gara, di 240 minuti, con partenza alle 12.30.
Le altre serie

Ad animare il fine settimana le gare di altri due interessanti campionati. Michelin Le Mans Cup, gara sulle due ore con partenza sabato dalle 16.00, e Porsche Carrera Cup Great Britain, due gare di 30 e 45 minuti, rispettivamente il via sabato alle 15.00 e domenica alle 10.20. Al via nella Michelin Le Mans Cup, altra serie promossa dall’ACO il cui team vincitore parteciperà alla 24 Ore di Le Mans, vi saranno 27 vetture fra GT3 (6 fra Ferrari 488 e Porsche 911) e LMP3 (21 fra Ligier, Norma e Ginetta) guidate da 53 piloti. Oltre venti vetture animeranno invece la Porsche Carrera Cup GB.
G.C.






-------------------------------------------------------------------------------------------------







Si accendono i motori all'Autodromo di Monza
In pista lo spettacolo del Campionato Blancpain
La serie internazionale più entusiasmante riservata alle GT apre la stagione Endurance con ben 54 vetture al via e 12 Case rappresentate. Al via a Monza  
anche il Trofeo Lamborghini con le nuove Huracan e la F. Renault Eurocup

Monza - Si accendo i motori all'Autodromo di Monza. La lunga pausa delle gare sta per terminare, nel week end del 21 e 22 aprile in pista torna ad accendersi il semaforo verde. E subito l'apertura è di quelle da non perdere con il folto emozionante gruppo delle vetture Gran Turismo del Campionato Blancpain a suggellare l’inizio della stagione sportiva 2018 del Monza Eni Circuit. Oltre cinquanta vetture, 54 per la precisione, di dodici case (Ferrari, Lamborghini, Audi, Mercedes, Porsche, BMW, Lexus, McLaren, Nissan, Aston Martin, Bentley, Jaguar) si daranno infatti battaglia nella prima gara endurance di "3 Ore", della Serie organizzata dall’SRO Motorsport Group di Stéphane Ratel.
Un campionato con dieci prove equamente suddivise fra breve e lunga durata, apertosi ad inizio aprile a Zolder con una gara sprint e che si chiuderà a fine settembre a Barcellona con l’ultima Endurance, due mesi dopo la 24 Ore di Spa di fine luglio.


Nella prima tappa Sprint, andata in ad inizio aprile in Belgio, si sono messe in mostra in particolare l’Audi, vincitrice, con l’equipaggio Attempto Racing formato dall’olandese Steijn Schothorst e dal sudafricano Kelvin van der Linde, della main race, e la Lamborghini, che si è imposta nella qualifying race con la Huracan del Grasser Racing Team guidata dai campioni assoluti 2017, il nostro Mirko Bortolotti e il tedesco Christian Engelhart (primi al traguardo, assieme ad Andrea Caldarelli, con grande vantaggio, nella tre ore monzese dello scorso anno). Bortolotti, che nel mese di gennaio si è imposto nella 24 Ore di Daytona, a Zolder ha fatto segnare inoltre la pole position nella seconda sessione di qualifica. In evidenza, nella gara più lunga, anche le Mercedes dell’Akka ASP Team, seconda (con Raffaele Marciello e il britannico Michael Meadows) e quarta con il britannico Leonard Stuart e l’olandese Robin Frijns.

Le ritroveremo tutte molto agguerrite a Monza nella prima gara Endurance della stagione, a partire dalle Huracan. Bortolotti, Engelhart e Caldarelli ricomporranno, infatti, il trio vincente a bordo della numero 63. L’argentino Ezequiel Perez Companc (Huracan del Team GRT), a podio a Zolder con Caldarelli, condurrà con Raffaele Gianmaria e Marco Mapelli la numero 19. Molta attesa per alcuni debutti. Fra le 24 vetture Pro seguiremo con particolare attenzione le prestazioni della nuova Bentley Continental del Team M-Sport, campione dell’Endurance Cup, che schiererà la numero 7 con i britannici Steven Kane, Guy Smith e il francese Jules Gounon, e la numero 8 con lo spagnolo Andy Soucek, il belga Maxime Soulet e il francese Vincent Abril. Altra new entry assoluta sarà la Nissan GT-R Nismo, mentre la Lexus RC F avrà il suo battesimo nella Endurance Cup.


Complessivamente si batteranno per la classifica assoluta e per le classifiche di serie (Pro, Pro-Am, Am, Silver) tredici Mercedes AMG, nove Lamborghini – otto Huracan e una Gallardo, sette Ferrari 488, sette Audi R8 LMS, tre Aston Martin V12 Vantage, tre Bentley Continental, tre BMW M6, due McLaren 650 S, due Lexus RC F, due Nissan Gt-R Nismo, due Porsche 911 e una Emil Frey G3 Jaguar. Ben 158 sono i piloti che compongono la entry list, fra cui 20 di nazionalità italiana. Oltre ai sopracitati Bortolotti, Caldarelli, Marciello, Gianmaria e Mapelli, vanno menzionati innanzitutto il campione del mondo GT 2017 Alessandro Pier Guidi e l’evergreen Giancarlo Fisichella che nella sua carriera può vantare 231 gare in Formula 1 con 3 vittorie e 19 podi: a loro verranno affidate due Ferrari 488. Con loro la pattuglia azzurra può schierare Alex Frassineti, Fabrizio Crestani, Stefano Gattuso, Michele Beretta, Gabriele Piana, Andrea Rizzoli, Federico Leo, Davide Rigon, Mauro Ricci, Lorenzo Bontempelli, Giuseppe Cipriani, David Fumanelli, Andrea Bertolini.
Nel lotto dei partenti spiccano inoltre il portiere campione del mondo 1998 e d’Europa 2000 della nazionale francese di calcio Fabien Barthez, al suo attivo anche tre partecipazioni alla 24 Ore di Le Mans, e il conduttore di Top Gear Chris Harris.

Il fine settimana inizierà in pista per le vetture del Campionato Blancpaingià  nella giornata di venerdì con i Bronze Test (dalle 17.20 alle 18.20), per proseguire sabato con le Prove libere (dalle 11.35 alle 13.05) e la sessione di Prequalifica (dalle 17 alle 18.30). Domenica, infine, Qualifiche (dalle 9.45 alle 10.45) e la gara della durata di 180 minuti con partenza alle 15.

Non vi sono però solo le Gran Turismo Blancpain nel weekend monzese ma anche altre tre prestigiose serie di supporto. Alla sua decima edizione, nuove emozioni con il Super Trofeo Lamborghini (due gare di 50 minuti sabato con partenza alle 15.10 e domenica alle 12.20): tappa inaugurale (sei in tutto i fine settimana) per la serie europea che presenta una nuova Huracan in versione Evo con oltre venti team per circa cinquanta vetture. Confermato lo Young Drivers Program alla caccia di nuovi talenti under 26. E parlando di giovani promesse confermata nel week end Blancpain la formativa Formula Renault 2.0 Eurocup che in passato ha sfornato tanti campioni (due gare di 30 minuti + 1 giro: il via sabato alle 14.05 e domenica alle 13.40).
Tappa inaugurale della stagione infine anche per il Blancpain GT Sports Club, serie che dal 2015 rappresenta un avvincente campo di battaglia per i gentlemen drivers: gara di 40 minuti, con semaforo verde la domenica alle 11.10.
Altre info e aggiornamenti in tempo reale di prove e gare sul sito ufficiale dell'Autodromo: www.monzanet.it. Da ricordare infine il biglietto ingresso unico valido per tutte le tribune.
G.C.




--------------------------------------------------------------




La Scuderia del Portello al MotorLegend Festival 
da protagonista, in pista e con un museo itinerante
La prima edizione della kermesse si terrà all'autodromno di Imola dal 20 al 22 aprile

Monza - Sarà la Scuderia del Portello la grande protagonista alla prima edizione del MotorLegend Festival che si terrà a Imola presso l’Autodromo Enzo e Dino Ferrari dal 20 al 22 aprile 2018.
Testimonial dell’evento saranno i campioni Arturo Merzario, Giacomo Agostini e Riccardo Patrese ma non mancheranno altre glorie della storia del motorsport, come Jacky Ickx, l’Ing. Mauro Forghieri, Gian Luigi Picchi, Miki Biasion e Nanni Galli.
In questa eccezionale kermesse internazionale dedicata alle auto storiche e alla storia del motorsport, la Scuderia brianzola si presenta con tre spettacolari iniziative. Il Trofeo Alfa Romeo Young Timer, che verrà assegnato ai vincitori di classe con vetture Alfa Romeo all’interno della griglia del Young Timer Touring Cars Trophy, gara dedicata alle vetture Turismo, GT/GTS e Gruppo E1 Italia di qualsiasi marca costruite dal 1982 al 2002.


La prima edizione del Motor Legend Festival ospiterà l’inizio di un nuovo progetto chiamato “Museo Dinamico Alfa Romeo storiche da competizione Scuderia del Portello”, un museo itinerante composto dalle vetture più prestigiose che hanno fatto la storia del marchio nelle corse, messe a disposizione da possessori e Soci del Portello.
Lo show dinamico sarà intitolato alla memoria di Teodoro Zeccoli, recentemente venuto a mancare e celebrerà anche il 55^ anniversario dell’Autodelta.
In turni di prove libere da 20 minuti, oltre ai prototipi Tipo 33 della Scuderia del Portello (tra le quali proprio la 33/2 con cui Zeccoli vinse a Flèron nel ’67) e del Museo Storico Alfa Romeo, la pista è aperta con una fee di partecipazione a tutte le vetture come le GTA, le GTAM, le GT, le SZ, le TZ, le TZ2, le Giulia TI Super, le Alfette GTV, che vorranno aderire all’iniziativa (info@scuderiadelportello.org).
La Scuderia del Portello infine conferirà il Trofeo Alfa Classic alla prima Alfa Romeo che taglierà il traguardo nelle gare organizzate dal FIA MASTERS riservate alle vetture Turismo e Gran Turismo storiche pre ’66. Tutte le info con programmi e moduli di iscrizione sono consultabili sul sito
www.scuderiadelportello.org alla pagina CALENDAR.
G.C.





------------------------------------------------------------------------------------------------------






La Scuderia Abs Sport premiata dall'Aci Lecco
Ma è già tempo di gare con il debutto nella Coppa Italia Rally con 3 equipaggi.  
L'obiettivo 2018 è quello di confermare la partecipazione ai principali rally nazionali, 
nei formula challenge e in pista con le storiche

Lecco - Premi e gare per la Scuderia Abs Sport nella settimana che apre la stagione della Coppa Italia. Nella location del Driver a Como si è tenuta la premiazione del Campionato Sociale 2017 dell'Aci Lecco, con la scuderia oggionese premiata con un riconoscimento speciale per l'intensa attività sportiva svolta. Sul podio nella categoria piloti rally anche Marco Paccagnella e Andrea Coti Zelati, a Giancarlo Maroni Junior è stato invece assegnato il premio per la categoria Formula Challenge.


 (La premiazione delle Scuderie, a destra il presidente Bianco)

Questi riconoscimenti sono il premio all'impegno e alla passione dei nostri associati – afferma il presidente Beniamino Bianco – che nel corso della passata stagione ci hanno permesso di cogliere due vittorie assolute e una trentia di podi di classe. Vorrei ringraziare in questa occasione anche le mogli e le fidanzate che ci seguono costantemente nelle gare sostenendoci con grande entusiasmo. Quest'anno ci siamo preparati a ripartire con la solita determinazione e un programma di gare che rispecchierà quello della passata stagione, con l'obiettivo di superare le trenta gare tra rally, challenge e pista”.


(I premiati Coti Zelati e Paccagnella)

Ma già è tempo di gare. Scatta nel week end la stagione della Coppa Italia, con il tradizionale Rally Internazionale dei Laghi che apre la Zona 2 e il campionato Regionale. Alla 27^ edizione del rally varesino, che presente diverse novità di percorso e organizzative, la Scuderia Abs Sport presieduta da Beniamino Bianco si presenta con 3 equipaggi a caccia del podio di categoria. Non potevano mancare all'appuntamento varesino i fratelli olginatesi Sergio e Mariarosa Brambilla, in gara con la Peugeot 106 nella nuova categoria Prod E5.
Il Rally dei Laghi è una delle gare che preferiamo – dice Sergio -. Con mio fratello Roberto e Mariarosa ci siamo alternati in oltre venti edizioni di questa gara, sempre interessante sotto il profilo tecnico e agonistico. Il percorso tortuoso è una delle caratteristiche che prediligo, ma tutto il colore del rally, con le sue classiche prove sempre seguite da un grande pubblico, fin dall'inizio ci hanno contagiato. Quest'anno c'è la novità delle nuove categorie, ma abbiamo comunque fiducia di riuscire a far bene”.

Al via anche Daniele Bissacca, navigato dal ticinese Luciano Piazza, anch'essi iscritti nella classe Prod E5 con la Peugeot 106. Debutta con i colori della scuderia oggionese Giovanni Quaranta, pilota esperto che conosce bene la gara varesina, che affronterà con la Citroen Saxo nella Prod E2 del team DC Racing, con a fianco l'esperta navigatrice Rita Guiotto.
Tra i partecipanti ci sarà anche il navigatore di Asso tesserato per l'Abs Sport, Davide Bozzo - reduce dal bel piazzamento colto al storico Valli Aretine al fianco di Andrea Guggiari (5° posto assoluto) sulla Ford Escort del Romazzana Rally Team - che per la gara varesina affiancherà l'erbese Maurizio Mauri sulla Renault Clio Super 1600.
Rimandano invece l'occasione del podio Rocco Bertucci e Beniamino Bianco, costretti al ritiro lo scorso week end in occasione del Motor Rally Show di Castelletto di Branduzzo a seguito della rottura del motore della loro Renault Clio Williams.
Il programma del rally varesino propone, come tradizione, la disputa di 2 tappe divise tra venerdì 16 e sabato 17 marzo, con 8 prove speciali e l'inedita prova spettacolo d'apertura in programma al venerdì sera all'Ippodromo di Varese, per un totale di 285 km complessivi di cui 83 km di prove speciale, con i noti passaggi su Cuvignone, Valganna e Sette Termini.
G.C.





----------------------------------------------------------------------------------------------





L'ingegner Fabio Buzzi frantuma 
il nuovo record di velocità sull'acqua
Il vulcanico progettista - pilota ha aggiornato il suo straordinario palmarès conquistando sul bacino lecchese del lago di Como un nuovo primato di velocità a 277.515 Km/h.

Lecco - Non smette di stupire Fabio Buzzi. Il vulcanico ingegnere - progettista - pilota ha di nuovo aggiornato il suo straordinario palmarès conquistando sul bacino lecchese del lago di Como un nuovo record di velocità. Già questo è eccezionale, ma ancora più sorprendente il fatto che lo abbia conquistato alle manette del suo scafo a 75 anni di età! Impareggiabile.
L'ingegner Buzzi ha aggiornato il primato di velocità nella motonautica con il suo nuovo Diesel Powerboat World Speed Record, raggiugendo la velocità di 277.515 Km/h.  E' il nuovo record di velocità sull'acqua con un'imbarcazione da lui stesso progettata e realizzata dalla sua azienda FB Design, leader mondiale nella costruzione di scafi ad alte prestazioni per organizzazioni governative in tutto il mondo. L'azienda di Annone Brianza proprio in questi primi giorni di marzo si è aggiudicata un'importantissima gara della Guardia di Finanza Italiana per la fornitura di un'intera classe di velocissime vedette di 18 metri.


(L'ingegner Fabio Buzzi premiato subito dopo la conquista del record di velocità)

Tornando al record, il primato è stato stabilito quando l'avveniristico scafo rosso "a tre punti” ha raggiunto la velocità di 277.515 Km/h, alla presenza dei funzionari del Guinness World Records, che hanno certificato il record dopo le verifiche di rito, effettuate con una procedura che garantisce una precisione al millesimo di secondo grazie a rilevamenti e misurazioni effettuate esclusivamente per via elettronica.
Va aggiunto che FB Desing ha uno storico rapporto dal 1983 con Iveco e ora con FPT Industrial e proprio con quest'ultima ha sviluppato il motore diesel utilizzato per questa nuova sfida tecnologica.
Soddisfattissimo per l'ennesima impresa, Fabio Buzzi, commenta: "La conquista di questo record è un momento speciale. Voglio ringraziare prima di tutto la la mia squadra senza la quale tutto questo non sarebbe stato possibile e con loro la Guardia di Finanza, i Carabineri, l'amministrazione Comunale di Lecco e tutti coloro che hanno collaborato a questo risultato".

La storia di questo record comincia nel 1939 con Gert Luerssen, il grande costruttore tedesco che raggiunse i 68 km/h. Nel 1967 l'americano Don Aronow, inventore dei famosi Cigarette, fu il primo ad abbattere il muro dei 100 km/h. Dieci anni dopo nel 1977 Tulio Abbate raggiunse i 140 km/h, record superato due anni dopo (1979) da Fabio Buzzi con 191 km/h con un motore VM. Il primo a superare i 200 km/h è però stato il finanziere milanese Carlo Bonomi nel 1982 a Venezia. Bonomi raggiunse i 213 km/h con un motore Isotta Fraschini. Sempre Bonomi, nel 1985, riuscì a battere se stesso grazie a un piccolo FIAT di soli 5.7 litri, portando il record a 218 km/h. Nel 1992 Fabio Buzzi torna in possesso del record con una velocità di 252 km/h, grazie al motore Seatec. E ora questo nuovo primato aggiornato nel 2018 a 277.515 Km/h.


(Lo scafo dell'ingegner Buzzi lanciato  - è il caso di dire - in piena velocità)

Un record di velocità, sia per veicoli terrestri sia per imbarcazioni, viene effettuato su una base misurata di un chilometro o di un miglio marino. E' obbligatorio portare a termine almeno due passaggi nei due sensi, uno ascendente e uno discendente, nell’arco di tempo massimo di un'ora. Se sono stati eseguiti passaggi multipli, si possono scegliere i due migliori. Tra questi viene calcolata la media dalla quale si ottiene la velocità finale. Ovviamente il record è riconosciuto se è stato superato il valore di quello preesistente. Nel caso del Diesel Powerboat World Speed Record, il precedente tempo di riferimento era quello del 1992 stabilito dallo stesso Fabio Buzzi con una velocità di 252 Km e fino a ieri ancora imbattuto. Il nuovo record appena stabilito (con 277.515 km/h) è stato certificato dal Guinness World Records, prestigiosa e storica istituzione angloassone che certifica con sistemi di misurazione ad altissimo livello tecnologico, che garantiscono una precisione al millesimo di secondo grazie a rilevamenti e misurazioni effettuate esclusivamente per via elettronica. La presenza di due certificatori ufficiali inviati sul lago di Como dal Guinness World Records ha consentito la verifica del rispetto dei regole e l'omologazione del record.

FB Design nasce nel 1972 sulla base dell'esperienza e dei successi sportivi dell’ing. Fabio Buzzi. L'azienda originariamente ha progettato e realizzato imbarcazioni da diporto, da lavoro e soprattutto da corsa. Per anni, infatti, l'attività principale del cantiere è stata la competizione. In oltre 30 anni di attività FB Design ha vinto 55 titoli mondiali e ha stabilito oltre 48 record di velocità in tutte le classi esistenti della motonautica. Attualmente l'attività principale di FB Design è quella della costruzione di motovedette e imbarcazioni al alte prestazioni per conto di ben 44 organizzazioni governative in tutto il mondo.

FPT Industrial è la società del gruppo CNH Industrial dedicata alla progettazione, produzione e vendita di motori per applicazioni veicolari industriali, stradali e off-road, nonché di motori per applicazioni marine e power generation e di trasmissioni e assali. La società impiega nel mondo più di 8.000 persone in dieci stabilimenti e sette Centri di Ricerca & Sviluppo. La rete di vendita di FPT Industrial è formata da 93 concessionari e da più di 900 centri di assistenza in circa 100 Paesi. Una gamma di prodotti estremamente ampia che include sei famiglie di motori con una potenza da 42 a 1.006 cavalli, trasmissioni con coppia massima da 200 a 500 Nm, assali anteriori e posteriori da 2 a 32 tonnellate. FPT Industrial vanta inoltre la più completa gamma oggi presente sul mercato di motori a Natural Gas per applicazioni industriali, coprendo un intervallo di potenze da 136 a 460 cavalli. Questa offerta, unita alla grande attenzione alle attività di Ricerca & Sviluppo, rende FPT Industrial uno dei principali protagonisti a livello mondiale nel settore dei motori per uso industriale. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.fptindustrial.com.
G.C.




................................................................................................




Motori accesi a Monza
con le prime due intense giornate di test
Giovedì 8 e venerdì 9 marzo in pista oltre trenta vetture tra GT, Turismo e Prototipi

Monza - Tornano ad accendersi i motori in pista all'Autodromo di Monza. Questa settimana sono infatti previste le prime due giornate di test, giovedì 8 e venerdì 9 marzo, che vedranno scendere in pista oltre trenta vetture tra GT, Turismo e Prototipi. Anteprima di una stagione che si annuncia particolarmente intensa tra gare e prove, con una quindicina di giornate di test di gruppo inserite nel corso della stagione 2018.

Questa prima settimana di marzo doveva concludersi anche con una gara, la Targa 6H Monza, ma a pochi giorni dal via il promoter Driving Force Events, ha deciso di annullare la gara endurance inizialmente prevista per sabato 10 marzo, motivando la decisione in un numero di partecipanti limitato.
«Pur avendo registrato un incoraggiante livello di interesse tra team e piloti, il numero di iscrizioni confermate non è tale da assicurare il livello qualitativo della gara in linea con i nostri standard e con quelli dell'Autodromo. Riteniamo che una gara di durata non si dovrebbe svolgere senza un minimo di 20 vetture sulla griglia di partenza, un numero che con ogni probabilità non avremmo raggiunto in questa data», spiegano gli organizzatori.

Rimangono, come detto, invece confermati i test organizzati da Kateyama per le vetture GT, Turismo e Prototipi di giovedì 8 e venerdì 9 marzo. Le due giornate di test privati sono aperte al pubblico con ingresso e parcheggio gratuito in Autodromo. L'organizzatore Kateyama ha messo in calendario in questo mese di marzo altre due giornate, mercoledì 28 e giovedì 29, sempre aperte alle categorie GT, Turismo e Prototipi. Test importanti per le squadre in vista dell'imminente stagione, che vedrà anche Monza al centro dell'attenzione con diversi appuntamenti internazionali riservati alle tre categorie.  

Il primo evento ufficiale a calendario del Monza Eni Circuit sarà la rievocazione storica della Coppa Milano-Sanremo, in programma giovedì 22 marzo. un tuffo nel passato dell'automobilismo, con una manifestazione che taglia i 112 anni dalla sua prima edizione. La prima edizione della Coppa Milano-Sanremo si svolse infatti nel 1906, e quest'anno dopo alcuni anni di pausa torna a scaldare i cuori degli appassionati delle auto d’epoca. Dal 22 al 24 marzo 2018, si riscrive un nuovo capitolo per questa prestigiosa gara di regolarità, che da sempre ha affascinato equipaggi italiani e stranieri, e che ora rivive grazie a un gruppo di appassionati imprenditori milanesi che, animati dal medesimo spirito dei pioneristici “gentlemen drivers” che le diedero vita, si sono posti l’ambizioso obbiettivo di riportare in auge i gloriosi fasti della storica gara di regolarità turistica.
L'Autodromo di Monza sarà teatro del raduno nella mattinata di giovedì 22 marzo, con alcuni giri di pista delle vetture tra le 13 e le 14. A seguire la parata in pista e la partenza ufficiale. 
Va aggiunto che quest'anno Monza sarà teatro anche del passaggio anche della Mille Miglia, sabato 19 maggio, e della Modena Cento Ore di mercoledì 6 giugno. Per gli appassionati delle auto d'epoca tre giornate da segnare in rosso nel calendario.
G.C.




----------------------------------------------------------------------------------------------




Monza Eni Circuit: calendario 2018 
all'insegna di appuntamenti di prestigio
Calendario ricchissimo con  F.1 e Finali Mondiali Ferrari tra gli eventi più attesi. 
Confermati anche Blancpain GT, European Le Mans Series, Open GT, Monza Rally Show e le tradizionali gare dei campionati e trofei italiani

Monza - Saranno una quindicina gli appuntamenti motoristici in calendario nel 2018 all'Autodromo di Monza, con il Gp d'Italia di F.1 evento clou della della intensa stagione. In pista anche Prototipi, GT e Formula di varie categorie ad arricchire un programma che spazia in tutte le categorie.
La garanzia dei classici appuntamenti monzesi, la conferma della European Le Mans Series e le attese Finali Mondiali Ferrari. «Il calendario sportivo 2018 del Monza Eni Circuit evidenzia ancora una volta la qualità delle competizioni e la varietà degli appuntamenti nel Tempio della Velocità», spiega Pietro Benvenuti, Direttore Commerciale del circuito. «Una stagione con prestigiose conferme mondiali, il fiore all’occhiello della Formula 1, il ritorno della Mille Miglia e il gran finale rallystico. Questo, in estrema sintesi, il calendario 2018 che rilancerà ulteriormente il nostro impianto nel panorama motoristico sportivo nazionale ed internazionale», prosegue Benvenuti.


(L'impareggiabile invasione festosa in pista
 a Monza al termine del Gp d'Italia di F1) 

La stagione del Monza Eni Circuit si aprirà a marzo con diverse giornate di test delle vetture GT e Prototipi e la partenza della Milano - Sanremo riservata alle vetture storiche in programma il 22 marzo. Dal 20 al 22 aprile inizieranno le gare con le migliori vetture GT in pista nell'Endurance Cup di Blancpain GT Series insieme al Lamborghini Super Trofeo e alle monoposto della Formula Renault Eurocup, eccellente palestra per i giovani piloti che aspirano alle serie maggiori.
Si riconferma poi l'appuntamento con la 4 Hours of Monza della European Le Mans Series nel weekend dall'11 al 13 maggio. Il campionato, diviso nelle categorie LMP2, LMP3 e LMGTE, presenterà oltre 40 vetture, una griglia importante che nello stesso fine settimana si alternerà in pista con la Porsche Carrera Cup Great Britain.

I weekend targati ACI Sport impegneranno il Monza Eni Circuit dall'1 al 3 giugno con i campionati Italian F4 Championship powered by Abarth, Campionato Italiano Sport Prototipi, Porsche Carrera Cup Italia, Mitjet, Campionato Italiano TCR Endurance DSG, F.2000 Italian Trophy e dal 5 al 7 ottobre con Campionato Italiano Gran Turismo, Seat Leon Cup, TCR Italy, Mini Challenge, Trofeo Abarth Selenia e Super Cup.
Il Gruppo Peroni raddoppia quest'anno l'appuntamento in pista. Dal 23 al 24 giugno correranno a Monza il Master Tricolore Prototipi, la 3H Endurance Champions Cup, la Coppa Italia Turismo, Lotus Cup Italia, Novecentoundici Race Cup e Speed Championship. Il weekend successivo, dal 29 giugno al 1 luglio, sarà invece la volta del Campionato Italiano Autostoriche, Alfa Revival Cup, Clio Cup Italia, DMV-GTC-Dunlop 60, Formula Renault NEC, Boss GP e FIA Lurani Trophy. Un vero e proprio antipasto della F.1 e della F.2 con tante monoposto storiche in pista nel week end di fine giugno

Il Formula 1 Gran Premio d'Italia 2018 si conferma nel primo fine settimana di settembre. Migliaia di tifosi da tutto il mondo arriveranno a Monza dal 31 agosto al 2 settembre per assistere alla gara italiana del Campionato del Mondo di Formula 1, la più veloce di tutta la stagione con una media raggiunta dai piloti sul circuito di 243,626 km/h. Con 185 mila presenze nel weekend di gara dello scorso anno, il GP di F.1 rimane uno degli eventi più partecipati del Campionato. Nello stesso weekend scenderanno in pista il FIA F.2 Championship, GP3 Series e Porsche Mobil 1 Supercup.
Dal 21 al 23 settembre sarà di scena la GT Open International Series: accanto alle vetture del campionato del promoter Pareja avremo quelle dell’Euroformula Open, del TC Open, del TCR Europe Series Portugal e i prototipi Radical European Masters.

Dall'1 al 4 novembre, per la quarta volta nella storia della pista, Monza ospiterà le Finali Mondiali Ferrari. Il circuito diventerà il punto di ritrovo di tutti i tifosi e gli appassionati del Cavallino che potranno assistere alle ultime gare delle tre serie del Ferrari Challenge e alle sessioni degli speciali Programmi XX e di F1 Clienti. Sarà presente anche la Scuderia Ferrari di Formula 1 che si esibirà in uno show ricco di adrenalina mentre nel paddock saranno disponibili come sempre la gamma Ferrari al completo, lo Store e lo spazio dedicato alle famiglie.

Il 18 novembre tornerà per la terza edizione il rinnovato Special Rally Circuit by Vedovati Corse, preludio all'atteso e partecipato evento di chiusura di stagione. Dal 29 novembre al 2 dicembre si terrà infatti il Monza Rally Show, quattro giorni di emozioni con piloti di tutte le categorie che si sfideranno nella tradizionale gara rallystica su pista diventata un appuntamento irrinunciabile sia per i driver che per il numeroso pubblico presente in Autodromo.

Gli appassionati di vetture storiche non potranno inoltre perdere tre importanti appuntamenti a Monza, oltre a quanto già previsto dal ricco programma del secondo weekend targato Peroni.
Il 22 marzo partirà da Monza la rievocazione storica della Coppa Milano-Sanremo (manifestazione che celebrò la sua prima edizione 112 anni fa) con oltre 100 preziose vetture del passato, costruite fra il 1906 e il 1976: nel circuito si disputeranno i primi giri liberi e la parata inaugurale delle vetture iscritte. Sabato 19 maggio sarà invece in Autodromo la “gara più bella del mondo”, la Mille Miglia: torneranno i prestigiosi equipaggi della Freccia Rossa dando vita a una nuova tappa monzese, prima dell’arrivo a Brescia, che rinnoverà l’entusiasmo suscitato dalle esperienze del 2015 e del 2016.
Si cimenteranno nelle prove di regolarità anche i partecipanti della Modena Cento Ore che mercoledì 6 giugno inizieranno il loro viaggio in giro per l’Italia proprio da Monza.

Non mancano in calendario altri eventi sportivi e appuntamenti che verranno pubblicati sul sito www.monzanet.it. Si ricordano, tra i molti, il raduno The Reunion per motociclisti (19-20 maggio), il Monza Sport Festival (9-10 giugno), la 12H Cycling Marathon e la Monza21 Half Marathon (15-16 settembre) a completare una ricchissima stagione di eventi sportivi.
G.C.




--------------------------------------------------------------------




La Scuderia del Portello 
premia i Campioni Alfa Romeo 
e lancia nuove sfide nel segno del Biscione
Presso il Museo Storico di Arese celebrata la festa del sodalizio brianzolo, da oltre 35 anni team ufficiale Alfa Romeo nelle vetture storiche. Alla presenza di ospiti  di prestigio in passerella numerosi campioni. Oltre 180 i trofei assegnati

Arese – Tradizionale appuntamento nella “culla” dell'Alfa Romeo ad Arese della Scuderia del Portello, team ufficiale della Casa del Biscione nelle vetture storiche da oltre 35 anni. Lo storico sodalizio brianzolo, alla vigilia della nuova stagione, ha chiamato a raccolta presso il Museo Storico di Arese soci e club per la premiazione dei “Campioni Alfa Romeo 2017”.
Il Presidente della Scuderia del Portello, Marco Cajani, affiancato dal Presidente Onorario, Arturo Merzario e da illustri ospiti, ha premiato i soci provenienti da tutto il mondo, i piloti che hanno ottenuto importanti successi e titoli con le vetture Alfa Romeo, nonché partner, collaboratori e media che hanno supportato la stagione sportiva passata del team. A premiare i Campioni, insieme al Presidente Cajani, sono intervenuti Roberto Maroni, Presidente di Regione Lombardia, Roberto Giolito, capo EMEA di Heritage FCA - in rappresentanza di Alfa Romeo - Ivan Capelli, Presidente
di ACI Milano, Oreste Perri, Presidente CONI Lombardia.
Dopo la proiezione dello splendido filmato della “Stagione Sportiva 2017”, il  Presidente Cajani si è rivolto alle istituzioni e agli ospiti presenti, illustrando i prossimi ambiziosi progetti della Scuderia del Portello. Ad iniziare dalla partecipazione alla “24 Ore” del Nürburgring con le prime Giulia moderne di serie, in virtù del ritorno del marchio Alfa Romeo in F1 e nel motorsport, come importante opportunità per ricreare l’identità del Cliente Sportivo Alfa Romeo che riporta in pista “l’auto di famiglia a vincere le corse”.


(Il Presidente Marco Cajani con Arturo Merzario e Andrea Cajani con le monoposto storiche sulla pista del Museo Storico di Arese)

Spazio poi alla Milano-Dubai, programmata nel 2019, di cui è già in essere una collaborazione tra la Scuderia del Portello, Regione Lombardia e Arexpo; un’occasione i soci per essere protagonisti in un passaggio di testimone da Milano 2015 a Dubai 2020 consegnando agli organizzatori di Expo 2020 un modellino dell’Albero della Vita. Il progetto è un’opportunità unica nel suo genere, per gli amanti del motorsport e non solo, per vivere un’esperienza esclusiva che avrà una prestigiosa risonanza mondiale.
E per rimanere alle eccellenze del nostro territorio, essendo la sede operativa della Scuderia in Brianza, un altro tema sottolineato dal Presidente Cajani è il futuro dell’Autodromo di Monza. Lanciando la proposta di un evento dedicato alle vetture storiche che valorizzi il Tempio della Velocità e la bellezza della città di Monza, con il suo Parco e la Villa Reale, invitando i vertici dell'Autodromo ad organizzare per il 2019 la “Coppa Intereuropa” ed eventi paralleli come legati alle vetture storiche filo conduttore per il rilancio del territorio.

A seguire il Team Manager Andrea Cajani ha illustrato le nuove iniziative che quest’anno prenderanno il via, come il Trofeo Formula Alfa per le monoposto motorizzate Alfa Romeo, il Trofeo Alfa Romeo Young Timer per le vetture moderne  e il “Museo Dinamico Scuderia del Portello” durante la prima edizione del Motor Legend Festival di Imola, oltre al calendario della stagione sportiva 2018 che vedrà  la squadra impegnata nuovamente in importanti trasferte ed eventi prestigiosi.
Gli interventi si sono conclusi con il Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni che ha espresso il desiderio di voler prendere parte alla Milano-Dubai nel 2019 con una delle Alfa Romeo del Portello, a fianco di Arturo Merzario.
Durante la consegna dei trofei, il cui design quest’anno richiamava la celebrazione per i 50 anni dell’Alfa Romeo Tipo 33 Fléron, sono stati conferiti alcuni premi speciali: a Roberto Maroni, nominato Socio Onorario della Scuderia del Portello per la sua personale passione per il marchio Alfa Romeo e per il sostegno dato al team durante gli anni di presidenza alla Regione Lombardia, e allo storico e impareggiabile preparatore Alberto Spotti per i suoi 60 anni di carriera come meccanico sulle vetture Alfa Romeo. 
Grande momento di celebrazione della storia dell’Alfa Romeo nelle corse quando, in gruppo, sono state chiamate sul palco le “vecchie glorie” del volante Arturo Merzario, Bruno Giacomelli, Ivan Capelli, Gian Luigi Picchi, Carlo e Giuliano Facetti, Luigi Colzani, Mauro Pregliasco e Gianni Giudici, premiati da Marco Cajani, Roberto Maroni e Roberto Giolito.
Per collaborazioni e meriti sportivi sono stati assegnati complessivamente 180 trofei, tra cui anche a Geronimo La Russa, Vice Presidente di ACI Milano, Marco Pilloni, Direttore Corporate di Arexpo e Gian Carlo Minardi, l’ex costruttore di F1 oggi organizzatore dell’Historic Minardi Day a Imola, tra gli eventi che ospiteranno la Scuderia del Portello anche nel 2018.
Non poteva mancare a chiusura della Premiazione dei Campioni una parata di rare e prestigiose vetture storiche sulla pista del Museo, anteprima di quello che sarà un 2018 come di consueto ricco di eventi e partecipazioni alle gare, con la straordinaria passione che anima da sempre la Scuderia del Portello e tutti i soci sparsi nel mondo...e la storia continua!
G.C.


I numeri del Club brianzolo della scorsa stagione
25 manifestazioni tra gare ed eventi vari
150 Soci (piloti , collezionisti e possessori Alfa Romeo)
200 iscritti al Fan Club
17 Paesi di provenienza membri del Club e del Fan Club:
Italia, Germania, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Portogallo, Spagna, Svizzera, Austria ,
Francia, Gran Bretagna, Australia, Giappone, USA, Cina, Malesia, Israele
13.800 followers (Facebook+ Instagram)
3500 media interazioni settimanali con post social e sito web
80.000 visualizzazioni video Facebook e 12.500 Canale YouTube
50 vetture di Soci partecipanti a gare (velocità+ regolarità)
30 tra Podi e Trofei e 3 campionati di classe ufficiali per auto storiche
(salita prototipi, salita turismo e velocità CSAI)
150 tra articoli e servizi su testate nazionali e internazionali
1000 contatti mail dedicati al settore auto storiche
(soci, fan, press, sponsor, collaboratori, collezionisti, preparatori)



Gli appuntamenti 2018 della Scuderia del Portello

§ Premiazione “Campioni Alfa Romeo”, Arese 17 Febbraio
§ Winter Race, Cortina D’Ampezzo 1/3 Marzo
§ Mostra: “156: la bellezza possibile” , Treviglio 3/4 Marzo
§ Milano – Sanremo (Regolarità) 22/24 Marzo
§ Motor Legend Festival, Imola: Trofeo Alfa Classic (FIA Masters)
- Alfa 33 Parade - “Trofeo Young Timer A.R” 20/22 Aprile
§ Historic Minardi Day, Imola: Trofeo Formula Alfa (Test) 
- Historic Cars Track Days 4/6 Maggio
§ 24 Hour Nürburgring - Endurance 3 ore auto storiche 10/13 Maggio
§ Mille Miglia(Regolarità) 16/20 Maggio
§ Bergamo Historic GP 26/27 Maggio
§ 300 km Vallelunga: Trofeo Alfa Classic 
-Grande Raduno Alfa Romeo 1/3 Giugno
§ Evento Il Centro e La Pista, Arese 6/16 Giugno
§ 108’ Anniversario Alfa Romeo - Track day, Varano Trofeo Formula Alfa (Test)
- Alfa Romeo Track Day 24 Giugno
§ Scuderia del Portello Benelux Meeting, Balocco 25 Giugno
§ Campionato Italiano Autostoriche, Monza 29 Giugno/1 Luglio
§ Cesana-Sestriere (Campionato Velocità Montagna) 7/8 Luglio
§ Goodwood Festival of Speed 12/15 Luglio
§ Nürburgring AvD-Oldtimer-Grand-Prix 11/12 Agosto
§ Spettacolo Sportivo Alfa Romeo, Zandvoort
Trofeo Formula Alfa (Test) + Alfa Romeo Track Days 25/26 Agosto
§ Gran Premio Nuvolari (Regolarità) 13/16 Settembre
§ 6 Hour Spa Francorchamps - FIA Masters Races 14/16 Settembre
§ Histo Cup, Red Bull Ring: Trofeo Formula Alfa (Gara / Race) 12/14 Ottobre
§ Trofeo GTA - Motor Show Bologna Dicembre d.d.





--------------------------------------------------------------



Premiazione dei Campioni del Volante Aci
Il Monza - Eni Circuit apre la stagione 2018 
La premiazione dei campioni italiani del 2017, in programma venerdì 19 gennaio, sarà preceduta da una sfida in pista tra  i protagonisti del motorsport tricolore

Monza - Sarà la premiazione dei campioni italiani del 2017 ad aprire ufficialmente la nuova stagione all'Autodromo di Monza - Eni Circuit. Venerdì 19 gennaio i migliori protagonisti della stagione 2017 delle 4 ruote saranno al centro della festa organizzata dall'Automobile Club D'Italia nel tempio della velocità, nel pomeriggio con una sfida spettacolo e in serata con la Premiazione dei Campioni del Volante 2017. La giornata è organizzata dall’Automobile Club d’Italia
Dopo la parte “agonistica” seguirà la Cerimonia di consegna dei riconoscimenti, prevista per le 19. Momento centrale, in cui il Presidente dell’Automobile Club d’Italia Angelo Sticchi Damiani, unitamente ai Dirigenti della Federazione, il Ministro dello Sport Luca Lotti, ed ad esponenti politici regionali della Lombardia e locali, si congratulerà con i migliori protagonisti italiani della stagione sportiva da poco conclusa, i Campioni Italiani e quanti hanno messo in luce il motorsport tricolore nel mondo.


(Un momento della premiazione dello scorso anno; al centro il Presidente Aci Sticchi Damiani mentre viene premiato Giovinazzi)

La sorpresa più attesa sarà la consegna dei volanti d’Oro, d’Argento e di Bronzo a personaggi autori di particolari successi. Tra gli ospiti spiccano naturalmente alcune presenze annunciate, come quella della Scuderia Ferrari F.1 con il pilota Antonio Giovinazzi, i driver del Cavallino Alessandro Pierguidi Campione Mondiale Endurance, e Giancarlo Fisichella sempre in primo piano nelle gare di durata. Ci sarà anche l’ing. Giampaolo Dallara costruttore e fondatore del marchio made in Italy di spicco nel panorama mondiale, che nel 2017 ha contribuito al ritorno di un prototipo tutto italiano alla 24 Ore di Le Mans.
Particolari riconoscimenti anche per chi ha portato dei record in Italia, come il 10 volte Campione Europeo della Montagna Simone Faggioli e il Campione del mondo Karting Paolo De Conto.
La Federazione, grazie ad efficaci partnership, come quella con Pirelli, nel 2018 sarà al fianco dei giovani talenti di ACI Team Italia, con il pistard Leonardo Lorandi per la velocità in circuito; Fabio Andolfi, Luca Bottarelli, Damiano De Tommaso ed il neo campione italiano junior e 2 ruote motrici Marco Pollara, per i rally. Sarà lo stesso Presidente ACI ad illustrare i programmi della nazionale azzurra dell’automobilismo.

In pista al pomeriggio i 32 campioni

Sono pronti i 32 protagonisti del motorsport tricolore che scenderanno in pista nel Tempio della Velocità di Monza venerdì 19 gennaio per divertirsi nell’inedita sfida di “Campione dell’Anno”. Tribune e paddock aperte al pubblico per una prima volta assoluta per ACI Sport che, prima della notte dedicata ai suoi campioni, chiuderà ufficialmente la stagione 2017 con un “testa a testa” su un percorso tracciato sul rettilineo del Monza Eni Circuit. Una gara ad eliminazione diretta tra i campioni ai quali verranno tributati, in serata, i giusti onori per i titoli conquistati nella passata stagione. Al volante delle Seat Leon Cupra ST, protagoniste del tricolore Turismo TCS, i piloti tricolori daranno sicuramente spettacolo sul circuito brianzolo.
Presenti tutti i big del motorsport targato ACI Sport, a partire da Luca Filippi, portacolori d’Italia nel Campionato di Formula E. Contro di lui i Campioni Italiani Gran Turismo Michele Beretta e Alex Frassineti, il Campione del Mondo e d’Europa Karting KZ, Paolo De Conto, il Campione Italiano Velocità Montagna Domenico Scola e il talentuoso Fabio Andolfi, protagonista in WRC2 con i colori di ACI Team Italia.


(Con la Seat Leon Cupra ST, protagonista del tricolore TCS, i piloti si sfideranno in pista)

Ma dal mondo del rally, saranno diversi i protagonisti che si cimenteranno nella “prova spettacolo” sul tracciato monzese, dal Campione Italiano Rally Terra Andrea Dalmazzini e a quello Rally Junior Marco Pollara, sino al vincitore del Trofeo Abarth 124 Rally Fabrizio Jr. Andolfi e del Trofeo Peugeot Top Competition Damiano De Tommaso.
Al via anche tutti i Campioni Italiani in pista: Stefano Comandini e Alberto Cerqui, vincitori del tricolore Gran Turismo Super GT3, Simone Niboli, campione Gran Turismo GT3, Eugenio Pisani, vincitore del tricolore GTCup, Ivan Bellarosa, Campione Italiano Sport Prototipi e Nicola Baldan, trionfatore nel TCR Italy.
Non potevano mancare gli assi delle cronoscalate: Oltre al Campione Italiano Assoluto Domenico Scola, saranno della partita il campione di Gruppo GT Lucio Peruggini, quello di Gruppo CN Luca Ligato, i campioni di Gruppo E1 Italia Marco Sbrollini, di E2SH Manuel Dondi e di gruppo N Antonino Migliuolo.

Presenti e pronti a dare battaglia i kartisti Alex Irlando, Campione CIK FIA International KZ2 Super Cup, Luca Bombardelli e Claudio Tempesti Campioni Italiani Karting KZ3 Junior e Over.
A completare lo schieramento dei 32, i campioni delle Autostoriche Enrico Rondinelli, Piero Lottini e “Lucky”, del fuoristrada Elvis Borsoi e Ivano Nicoletta, il Campione Italiano Formula Challenge Giordano Pietro Belfiore, il vincitore assoluto del tricolore slalom Saverio Miglionico e il giovane Michele Poma, campione tra gli Under 23.
Il via della gara “Campione dell’Anno” sarà dato alle 14.00 di venerdì 19 gennaio con le sfide che vedranno i campioni affrontarsi dai sedicesimi di finale sulle Seat Leon Cupra ST fino alla finalissima che precederà le premiazioni dei Campioni del Volante.
G.C.




--------------------------------------------------------------------



Stagione 2017


Ferrari club Caprino Bergamasco
Un 2017 sempre in prima fila
 

Dirigenti e soci si sono ritrovati per la tradizionale conviviale di fine con la partecipazione di numerosi ospiti di prestigi. Ben 45 sono stati gli eventi 
promossi dal club, primo al mondo per numero di iscritti

Caprino Bergamasco - Tempo di festeggiamenti anche per il Ferrari club Caprino Bergamasco, il sodalizio che vanta il maggiore numero di iscritti al mondo. Lo svolgimento del tradizionale sin è svolto presso il Ristorante Bonanomi di Santa Maria Hoè. Il lungo ponte dell’Immacolata non ha posto limiti ai partecipanti, tanto che l’ampio salone è stato colmato all’inverosimile, con molti ospiti e partecipanti giunti da ogni parte d’Italia e dalla Svizzera.
Un emozionato presidente Paolo Magni, ha introdotto la serata porgendo un caloroso saluto ai partecipanti, ospiti e sponsor, coadiuvato poi dal giornalista e socio Paolo Ciccarone, il quale si è occupato anche delle interviste al presidente Lamborghini Stefano Domenicali ed al mkitico Ing. Mauro Forghieri, ai quali sono stati assegnati i premi alla Carriera. La serata è culminata dall'esibizione di Leo Mix, alias Adriano Celentano, a seguire, premiazioni e interviste.
Al termine Cadeau e premi per tutti. Tra i presenti da segnalare la presenza del fotografo della Formula Uno Ercole Colombo, il quale detiene la partecipazione ad oltre 600 Gran Premi. Presenti anche il direttore dell’Autodromo di Monza Umberto Andreoletti, Il sindaco Dott. Annibale Casati, i presidenti dei club Varese Mauro Raccanello, Cernusco Giulio Ciceri, Vedano Osvaldo Vismara, Oltrepò Pavese Mazzariello e Lodi Francesco Cerrelli.


(Foto del nuovo direttivo del club)
 
L'attività continua anche nelle festività
Sono in calendario ancora altri eventi locali, ma anche la visita a Maranello per portare gli auguri dei Soci del club  di Caprino  Bergamansco ai personaggi del Team Ferrari ma non solo.
"Visto l’affetto condiviso per il pesidente Lamborghini Stefano Domenicali, sarà nostra premura recarci anche da lui, per dimostrargli che nonostante il cambio di casacca non abbiamo scordato quanto ha dato e fatto per la Ferrari", fanno sapere i vertici del club.
Per concludere l’anno, come ormai da tradizione ventennale, la notte di Natale presso il sagrato della Chiesa di Caprino al termine della S.S. Messa di Mezzanotte è previsto lo scambio degli auguri con vin brùle, panettone e spumante.

La stagione 2017
"Il bilancio della stagione Ferrari e del Club: dalla Scuderia Ferrari, con il senno del poi, la nostra opinione personale è che questo titolo lo si poteva vincere! I due errori di Vettel a Baku e Singapore ci sono costati cari, se si aggiungono i guasti a causa di banalissimi pezzi (candela e condotto aspirazione) le conclusioni sono sotto gli occhi di tutti. Dall’altra parte della barricata gli avversari Mercedes e Hamilthon non hanno sbagliato nulla. Anzi, molto furbescamente pur consapevoli di subire la retrocessione in griglia, hanno omologato anticipatamente il motore a causa del dispositivo - in seguito vietato – nel quale veniva consentito di usare parte dell’olio come carburante. Sottolineo comunque che il risultato ottenuto, con ben cinque vittorie all’attivo, ad inizio stagione lo avremmo tutti firmato ad occhi chiusi; una Ferrari così competitiva mai ce la saremmo aspettata", affermano dal sodalizio di Caprino.



(Uno degli eventi organizzati nel corso del 2017, la visita all'Autodromo di Monza con alcuni ragazzi del Sud Africa)
 
Il sodalizio
Il cambio al vertice introdotto e voluto per dare un futuro longevo al club, è stato come previsto indolore e senza scosse. Ognuno di noi svolge il proprio compito esattamente in base alla proprie qualità ed al proprio tempo disponibile. Il nuovo presidente Magni, la segretaria e il vice presidente, sono ragazzi giovani e attivi. Vice Presidente è stato promosso Claudio Colleoni. Un premio alla fedeltà ed alla costanza.  I consiglieri al momento del bisogno confermano sempre la propria disponibilità. Il numero dei soci nonostante l’alto numero registrato lo scorso anno non ha subito flessioni e ora si è attestato a quota mille e cinquanta (1050), record mondiale in assoluto come numero totali di soci Member, Family e Junior! Nel corso della stagione abbiamo svolto 45 eventi (altro record) mirati sia a soci possessori che a soci appassionati. Organizzate trasferte per i Gran Premi a Barcellona, Montecarlo, Monza, Ungheria, Visite alla Fabbrica Ferrari, al Museo dell’Automobile. Molti eventi sono stati a scopo benefico, con un occhio particolare rivolto ai ragazzi diversamente abili, i quali sono stati accompagnati al Gran Premio di Monza, in pista a Franciacorta e Monza dove hanno potuto scorrazzare a bordo di auto Ferrari e auto Sportive in generale. Come di consueto destineremo ad associazioni Onlus parte dei nostri risparmi. Cosa rimarrà nei nostri ricordi di questo anno 2017? Indubbiamente l’aver esaudito il desiderio di un ragazzo colpito da SLA, che voleva assistere alla gara di Formula 1 a Monza e conoscere il suo idolo Kini Raikkonen. Missione compiuta alla grande… ciao Ottavio! Vorrei concludere augurando a tutti, un felice Natale ed un rombante anno nuovo e sempre Forza Ferrari", commenta Giulio Carissimi, storico presedente del club e ora attivo dirigente.
G.C.





-------------------------------------------------------------------------------------------------------





Monza Rally Show
tutti a caccia di Vale Rossi
Oltre centoventi equipaggi in gara con la presenza di numerosi campioni del motosport ad arricchire un evento diventato tra i più attesi della stagione. 
Gara da venerdì a domenica, con partenza in centro città. Gran finale domenica pomeriggio con le sfide dirette del Master Show


Monza - Tempo di Monza Rally Show. Lo spettacolo sta per iniziare all'Autodromo brianzolo, con un week end che si annuncia carico di emozioni e spettacolo. E’ passato un anno dalla entusiasmante “cinquina” con la quale Valentino Rossi diventò capocannoniere del Rally monzese (raggiungendo in vetta Dindo Capello), ma tra i top driver in lotta per il podio più alto del Rally e del Masters’ Show il discorso non si è mai chiuso e i protagonisti si sono dati nuovamente appuntamento per altri mezzogiorno di fuoco al Monza Eni Circuit.

Ci sarà naturalmente Valentino Rossi, navigato dal solito fido Carlo Cassina con la solita intramontabile Fiesta Wrc che per difendere la sua supremazia dovrà respingere gli attacchi di temibili rivali che ben conosce: come la squadra ufficiale Hyundai, seconda l’anno scorso con Dani Sordo/Marc Marti, e il sorprendente Marco Bonanomi navigato da Luigi Pirollo, che dopo avergli tenuto testa per tre giorni con la sua Citroen DS3, terminò sul terzo gradino del podio.
Quest’anno la Hyundai presenta il belga Thierry Neuville (6 vittorie nel Mondiale Rally, 27 podi, secondo a Monza nel MRS 2015), reduce dalla fresca affermazione in terra australiana, e lo affianca a Andreas Mikkelsen (nel WRC 3 vittorie e 21 podi): assieme daranno vita ad una inedita alternanza nei ruoli di pilota e di navigatore sulla loro i20.

Anche Bonanomi, che si affida allo stesso navigatore e alla stessa macchina dell’anno scorso, sarà della partita deciso a migliorare il risultato 2016. Ma sarà dura visto che anche Tony Cairoli ha lo stesso obiettivo ed è sceso dalla sua moto con la ferma intenzione di riscattare il non brillante risultato dell’anno passato (dovuto principalmente a noie meccaniche). Il pluriiridato del Motocross torna alla guida della Hyundai Wrc i20 con il navigatore Danilo Fappani (campione italiano Wrc in carica). Sulle due ruote, slick o artigliate, tra lui e Valentino è pareggio: 9 titoli ciascuno. A completare il campo dei motociclisti da segnalare Mattia Pasini (11 gare vinte nel Motomondiale fra le classi 125, 250 e Moto 2) e Luca Marini, ventenne fratellino di Valentino che disputa il campionato di Moto 3.


(Foto. Marco Bonanomi con la Citroen DS3 WRC)

Ma tra gli oltre cento equipaggi iscritti (128 per la precisione), oltre ai soliti noti, anche le possibili sorprese. A cercar gloria sull’asfalto monzese ci saranno infatti due new entry come l’irlandese Craig Breen, classe 1990, già campione mondiale della S2000 (Citroen DS3 Wrc) e l’indimenticato Francois Delecour, secondo nel Mondiale Rally 1993 (Peugeot 208 T16) e 4 vittorie in carriera fra cui il Monte Carlo nel 1994.
E pronti a dire la loro tanti campioni italiani che non hanno nulla da invidiare a nessuno: da Paolo Andreucci (che con Anna Andreussi festeggeranno nel Tempio della Velocità il decimo titolo nazionale) a Piero Longhi, da Luca Rossetti a Alessandro Perico, da Marco Spinelli a Stefano D’Aste, da Tobia Cavallini a Andrea Crugnola a Pier Franco Uzzeni e altri ancora, tutti gara nella classe regina delle 22 Wrc.
Tra le concorrenti femminili, una tra tutte, Rachele Somaschini (Peugeot 207), reduce con Alessandra Benedetti (vincitrice del MRS 2014 navigando Robert Kubica) dalla buona prestazione nel Vedovati e che si distingue anche per il sostegno alla Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica: le loro tute verranno messe all’asta su CharityStars per raccogliere fondi.

Fra i Vip, due equipaggi “di famiglia” come il noto commentatore sportivo Guido Meda in coppia con il fratello Pietro, consigliere AC Milano, e il team manager della MotoGp Roberto Brivio con il nipote Luca. Per la “grande famiglia” di Valentino, oltre al fratello Luca, l’immancabile amico di una vita Alessio “Uccio” Salucci. Fra le storiche, da segnalare la presenza del vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala a bordo di una Porsche 911 con Beniamino Lo Presti (principale promotore del Milano Rally Show tenutosi lo scorso agosto).

Dopo lo shakedown di giovedì, dalle 12 alle 17 (ingresso libero in circuito), il Monster Energy Monza Rally Show 2017 partirà ufficialmente venerdì dal centro cittadino: alle 15.31 il via alla prima vettura. Seguiranno in Autodromo le prime due prove speciali con partenza alle 16.25 e alle 18.58. Ingresso libero in piazza Trento e Trieste, a pagamento l’ingresso in circuito. Nella giornata di sabato sono previste quattro prove speciali, dalle 9.05, 11.38, 14.35 e dalle 17.14. Gran finale domenica con le ultime tre prove speciali (partenza alle 8.05, 11.02 e 11.37) e con il Masters’ Show dalle 14.15 circa.

Il via dal centro di Monza

Il Monster Energy Monza Rally Show 2017 partirà venerdì 1 dicembre dal centro di Monza. Per gli equipaggi, la bandiera tricolore sventolerà quest'anno da piazza Trento e Trieste - a pochi passi dal Duomo di Monza - permettendo a tutti i cittadini di avvicinare piloti e auto dalle 14.30 alle 17.30. L'ingresso nella piazza, cinta sul lato nord dal palazzo municipale, sarà libero e gratuito per tutti. Più di un centinaio di vetture rimarranno esposte lungo il perimetro della piazza fino alla loro partenza quando si dirigeranno verso il circuito per la PS 1.
Sarà un ritorno dunque alla tradizione per il Monza Rally Show che dal 1995 agli anni 2000 è sempre partito dal centro cittadino. Sono le edizioni in cui gareggiarono per la prima volta tra gli altri Giancarlo Fisichella, Ivan Capelli, Jean Alesi, Valentino Rossi e Loris Capirossi, aprendo da precursori le porte del rally a biker e pistaioli. Solo in altre due edizioni, il rally partì all'esterno del circuito: nel 1987 dalla fiera di Milano dove si svolse anche la PS prologo della gara e nel 2008 dalla Villa Reale di Monza.

Dalle 14 di venerdì 1 dicembre dunque le vetture iscritte al rally usciranno dall'Autodromo e percorreranno le strade interne al Parco di Monza; da V.le Brianza proseguiranno poi in direzione di V.le Regina Margherita. Entreranno quindi in città raggiungendo il Palazzo dell'Arengario da via Vittorio Emanuele II, per dirigersi verso piazza Trento e Trieste da via XXV Aprile. Con una cadenza di tre auto al minuto, faranno il loro ingresso nella piazza a partire dalle 14.30, disponendosi attorno al monumento.

Il pubblico sarà libero di passeggiare tra le vetture esposte e incontrare gli equipaggi in gara che, se vorranno, potranno rilasciare autografi in uno spazio appositamente allestito. Iniziando dalle storiche, alle 15.30 le auto saliranno - una al minuto - sulla pedana di partenza. Con un trasferimento tra le strade monzesi ripercorrendo a ritroso parte del tragitto dell'andata, i concorrenti si dirigeranno nuovamente in Autodromo dove ad attenderli ci sarà la prima Prova Speciale del Monster Energy Monza Rally Show con start alle 16.25. L'ultima vettura lascerà piazza Trento e Trieste alle 17.30 circa. A chiudere la giornata sarà la PS 2 notturna di 9,7 chilometri con partenza alle 18.58 in Autodromo.
La speciale partenza in centro città che sostituisce la tradizionale grid exhibition in pit lane degli scorsi anni, sarà interamente trasmessa sulla fanpage del Monza Eni Circuit attraverso Facebook Live con interviste in diretta ai piloti, curiosità e filmati storici. Chi si troverà in centro a Monza, potrà vivere in prima persona l'evento e seguire le interviste su un maxischermo posizionato a poca distanza dalla pedana di partenza.
G.C.





---------------------------------------------------------------------




Moto Guzzi protagonista al Salone di Milano 2017
Cresce la gamma V7 III ma la sorpresa è la nuova Concept V85 
che apre nuove sfide per il futuro con un sguardo concreto anche ai raid

Lecco - La Moto Guzzi protagonista alla 75ª edizione del Salone internazionale di Milano. Nel 2017 il fatturato di Moto Guzzi è stato spinto dal positivo andamento delle vendite delle V7, di cui ricorre nel 2017 il cinquantesimo anniversario celebrato con un modello speciale. E a Milano la Casa mandellese del Gruppo Piaggio presenta una serie di novità che proiettano il marchio dell'Aquila verso nuove e affascinanti sfide, ad inziare dalla nuova gamma V85.

È un ulteriore passo di Moto Guzzi verso il futuro prossimo, che porterà l’Aquila lariana a festeggiare il traguardo dei cento anni di vita nel 2021 con una nuova gamma di motociclette, costruite sulla base tecnica di V85. È una motocicletta dedicata ai viaggi, da sempre patrimonio di Moto Guzzi, nella loro concezione più pura e originaria, che richiama alla mente i raid epici e avventurosi degli anni ‘80, un mondo dal quale eredita stile, fascino e quindi emozione, ma che nasce per affrontare sia le strade di tutti i giorni, sia il lungo raggio, secondo le esigenze più attuali e quelle prossime venture. V85 è dedicata a coloro che, pur non smettendo mai di sognare il viaggio avventuroso, ambiscono a una motocicletta in grado di restituire quello spirito nei tragitti di tutti i giorni. Su V85 debutta un nuovo motore Moto Guzzi.
Lo schema costruttivo è quello proprietario ed esclusivo di tutte le Moto Guzzi di attuale produzione: si tratta infatti di un bicilindrico a V trasversale di 90° di 850 cc raffreddato ad aria il quale, grazie alla completa riprogettazione, esprime 80 CV di potenza massima, valore che, unito alla poderosa coppia ai bassi regimi tipica di tutti i bicilindrici Moto Guzzi e alla leggerezza di V85, regalano divertimento nella guida in strada e fuoristrada.

Moto Guzzi V7 III nuove versioni
 

(Foto: la nuova V7 III Carbon)

Cresce la famiglia V7 III con le nuove versioni speciali Carbon, Roughe Milano, omaggio di Moto Guzzi all’arte della customizzazione. Sono contraddistinte dal differente allestimento, ottenuto introducendo con originalità e competenza una serie di pregiate parti speciali, capaci di restituire ad ognuna una ben differente connotazione e un carattere unico.V7 III Carbon (in edizione limitata e numerata) celebra la customizzazione, interpretata con originalità e buon gusto, accostando allo stile autentico di V7 la pregiata e moderna qualità di numerosi componenti in fibra di carbonio, oltre a numerosi ulteriori dettagli a contrasto di colore rosso, come le teste del motore, le cuciture della nuova sella in Alcantara idrorepellente e la pinza del freno Brembo anteriore. V7 IIIRoughsi distingue per i pneumatici tassellati calzati su cerchi a raggi e per i molti dettagli che conferiscono a V7 III Roughuno stile country cittadino. La dotazione è completata dalla sella dedicata con impunture e cinghia di appiglio per il passeggero e dalla coppia di fianchetti laterali in alluminio.V7 III Milanosi distingue per lo stile estremamente raffinato e per l’equipaggiamento superiore che comprende la strumentazione a doppio quadrante circolare, le cromature degli scarichi e il maniglione d’appiglio del passeggero. Si distingue per le tinte lucide del serbatoio e per i cerchi a razze che contribuiscono a regalarle un aspetto moderno. La dotazione di serie è completata da particolari di pregio come i parafanghi e i fianchetti laterali realizzati in alluminio.

Moto Guzzi V9 MY 2018


(Foto: la nuova V9 Bobber)
 
V9 sono le easy cruiser di Moto Guzzi. V9 Roamer è la custom elegante e universale; V9 Bobber rappresenta l’anima audace ed essenziale Moto Guzzi. Entrambe si distinguono per l’eccezionale qualità dei componenti e per l’elevata cura delle finiture e sono spinte dal bicilindrico Moto Guzzi di 850 cc dalle eccellenti caratteristiche di coppia, fluidità e prontezza che contribuiscono a esaltare le doti ciclistiche delle due cruiser italiane. Le versioni 2018 delle V9 sono il frutto del continuo perfezionamento che Moto Guzzi dedica alle sue moto, Roamer e Bobber sono ora contraddistinte da una maggiore differenziazione, con due personalità nettamente distinte: una più turistica e l’altra più sportiva. V9 Roamer volge ancora di più lo sguardo alle lunghe percorrenze introducendo una nuova coppia di ammortizzatori posteriori e un nuovo cupolino protettivo. V9 Bobber guadagna invece nuove grafiche opache ed è disponibile in tre varianti cromatiche: Blue Impeto, Nero Notte e Grigio Tempesta.

Concept V85


 (Foto: la nuova Concept V85)
 
Quasi cento anni di tradizione e passione; quasi un secolo di magnifiche motociclette costruite sempre a Mandello del Lario, combinando le migliori tecnologie e la più preziosa manifattura italiana. Il prossimo traguardo per l’Aquila è festeggiare il traguardo del 2021 con una gamma di motociclette che sia sempre più ampia. Un passo nel futuro è stato già fatto con MGX-21, anticonformista e innovativa bagger che ha dimostrato come Moto Guzzi sia abile a interpretare con personalità le differenti contaminazioni proposte dalla cultura motociclistica, senza mai tradire se stessa.
A Milano Moto Guzzi ha lanciato una nuova sfida presentando Concept V85. Un nuovo passa della Casa mandellese sul futuro, il prossimo obiettivo di un marchio che vuole offrire agli appassionati una gamma più ampia, in grado di soddisfare ogni esigenza. Per le sue prestazioni Concept V85 si pone tra la famiglia delle classiche V7 e V9 e quella delle grandi cruiser 1400, coprendo il vuoto lasciato dalla Stelvio, è una moto che ha il viaggio nel sangue e un’anima inconfondibilmente Moto Guzzi.

Concept V85 nasce dalla migliore tradizione Moto Guzzi, fatta di autenticità, che è il vero valore fondante della casa di Mandello e nasce attorno a un motore che, con un significativo aumento di potenza, garantisce guidabilità e tanto divertimento. E’ la motocicletta che mancava in un mercato sempre più omologato, dedicata al viaggio nella sua concezione più pura, che richiama alla mente i raid epici degli anni ‘80, un mondo di riferimento dal quale eredita stile, fascino e quindi emozione ma che nasce per affrontare sia la strada di tutti i giorni, sia il lungo raggio secondo le esigenze più attuali. Nella sua declinazione di viaggiatrice Concept V85 è una proposta nuova e originale che combina richiami stilistici all’epoca d’oro dell’avventura in moto con contenuti e funzionalità di una moderna enduro da viaggio ed è parte di una naturale evoluzione del marchio lariano e delle sue motociclette, in totale coerenza con una politica di sviluppo gamma che ha visto nascere la V9 un anno fa e la terza generazione delle V7 quest’anno.
G.C.




-------------------------------------------------------------------------------------------------





La Scuderia Abs Sport brilla nei rally e in pista
Nel Rally Aci Como conquistate tre vittorie e due podi di categoria, 
successo assoluto di Maroni junior nel Formula Challenge di Torino

Lecco - In bella evidenza la Scuderia Abs Sport in questo inizio d'autuno tra rally e pista. Iniziamo dalle tre vittorie e due podi di classe colti nella 36^ edizione del Rally Trofeo Aci Como, l'appuntamento più prestigioso del territorio lariano. C'è di che essere contenti, ma va anche detto che il bilancio finale poteva essere migliore senza alcune disavventure nel corso del rally capitate alla folta pattuglia della scuderia oggionese in gara nel rally comasco valido per il tricolore Wrc.

Rally Trofeo Aci Como

Il lungo week end comasco è iniziato alla vigilia della gara, dopo una intensa giornata di ricognizioni lungo il percorso, presso l'agriturismo S.Anna 1939 a Eupilio con la presentazione degli 11 equipaggi iscritti al Rally di Como 2017. Momento di convivialità e gioia per tutti i protagonisti, ospiti della famiglia Paleari. Tra i presenti c'era anche la campionessa italiana e europea rally, Antonella Mandelli. L'edizione 2017 del rally lariano proponeva tre gare in una, con il campionato italiano Wrc come rally centrale, affiancato da un rally Nazionale e da un rally Storico. Partendo proprio dalla gara riservata alle vetture storiche, Marco Paccagnella e Davide Bozzo, per la priva volta in gara in questa categoria, si sono distinti portando all'arrivo dopo due faticose tappe la loro Talbot Sunbeam Lotus 2200 del 1981 al primo posto di Gruppo e al 4° assoluto.


 (Foto: la Talbot Sunbeam di Paccagnella - Bozzo)
 
La nostra Talbot l’abbiamo provata solo il giorno prima del rally – dice Marco - e subito l'abbiamo trovata divertente da guidare, ma allo stesso tempo stancante, in particolare nei tratti più tortuosi. E' da quando ero impegnato nella ginnastica artistica che non mi facevano così male le braccia durante un rally. La trazione posteriore e l’assenza di elettronica imponeva uno sforzo fisico significativo, ma siamo contenti di aver fatto questa esperienza rallistica con una vettura storica e del risultato finale, che direi sorprendente. E' stata dura, ma è stata un'avventura che ci piacerebbe ripetere”.

Gli altri podi sono arrivati nel rally Nazionale, disputato su una sola tappa. Nella classe A6 è arrivata una doppietta, con il successo del valmadrerese Cosimo Palmisano in coppia con il giovane Pietro Mazzoleni sulla Peugeot 106 rally. L’esperienza di Palmisano ha avuto la meglio sul giovane canzese, compagno della Abs Sport, Mattia Nava, in gara con Valerio Brunitto sulla Citroen Saxo del team Elco Racing. I due equipaggi della scuderia oggionese hanno duellato per tutta la gara, con Nava che nel finale ha dovuto cedere per pochi secondi il primato complice alcuni problemi di frizione.
E' stata una bella gara – afferma Palmisano -, ci tenevo a questo successo che inseguivo da tempo. Abbiamo lottato a lungo con Mattia, è stato veramente bello, direi che mi sono sentito più giovane. Alla fine siamo stati premiati con un successo che personalmente mi gratifica molto. Sono davvero contento”.


 (Foto: Palmiano - Mazzoleni a fine prova)

Note positive anche per il brianzolo Gianluigi Pittano, in gara con Cristina Caruso. Hanno concluso la loro fatica in un'ottima 10^ posizione assoluta e terza di classe R2B, malgrado una leggera toccata nella prova di Val Rezzo che ha fatto perdere alcuni secondi. Il terzo successo di classe è arrivato per merito di Paolo Milani e Sara Gilardoni, primi nella classe A7 sulla Renault Clio Williams.
Si poteva fare anche meglio - dice Paolo - ma ha avuto l'influenza e non ero in perfetta forma. Abbiamo voluto portare a termine la gara e a sorpresa nel finale è arrivato il primo posto di classe. Sono contento, di più la mia navigatrice Sara perché lei abita proprio sulla prova speciale finale della Valcavargna”.
Rimanendo nel rally Nazionale, ritiri amari per Rocco Bertucci e il presidente Beniamino Bianco con la Renault Clio Williams, Marco Silva e Gianni Pina dopo aver vinto l’assoluta nella prima prova con la Citroen DS3 sono stati costretti all'abbandono per la rottura dell’idroguida. Ritiro anche Daniele Bisacca e il valsassinese Walter Sanvito nel corso della seconda speciale per il cedimento del semiasse della loro Peugeot 106 in versione A5.
E veniamo al rally valido per l'Italiano Wrc, che vedeva tre equipaggi della Abs Sport al via, tutti costretti al ritiro. I più attesi erano Tommaso Paleari e Paolo Garavaglia, costretti al ritiro speciale finale dell'Alpe Grande per la rottura di un semiasse della loro Bmw Mini Cooper. Con il ritiro, mentre erano al comando della classe R1T, è svanito anche il titolo nella Coppa Michelin.
Fuori gara anche il meronese Luca Sassi e Maurizio Manghera con la Punto Super 1600 nella prova lunga della Valcavargna, per una uscita di strada senza conseguenza per l’equipaggio. Amaro ritiro anche per il diesse della scuderia Ivano Tagliabue e Mattero Sala, out già nella prima tappa, nella terza prova di Zelbio, per la rottura del supporta cambio della loro Peugeot 106.

Formula Challenge Torino Motor Show

Splendido successo di Giancarlo Maroni nel Formula Challenge Torino Motor Show, gara nazionale che ha visto la partecipazione dei migliori specialisti a caccia dei punti per il titolo italiano.
Il giovane valsassinese, in gara con il suo Proto – Suzuki, è stato impeccabile fin dalle prove, realizzando il miglior tempo nelle ufficiali e nelle manche di qualificazione. In finale ha poi completato la prestazione con una manche perfetta.
Sono felicissimo di questa vittoria a Torino – dice Maroni -, ci voleva anche per l'impegno profuso nel completare il nuovo Proto. I consigli di mio papà (Benvenuto è stato più volte campione italiano; ndr) si sono rivelati determinanti per cogliere il successo. Ci tenevo soprattutto in prospettiva futura, dove contiamo di tornare a disputare il campionato italiano a tempo pieno”.


 (Foto: il Proto - Suzuki di Maroni)

Rimanendo in Piemonte, contemporaneamente nei rally è andato in scena il Rally del Rubinetto, gara in cui c'è da segnalare il bel secondo posto nella classe N1 colto da Salvatore Agnello e Rita Guiotto con la Peugeot 106 Xsi. La gara si è disputata nel novarese, con sede centrale a San Maurizio d'Opaglio.
E' stata una bella gara – afferma Agnello -, ma impegnativa sia per noi che per la vettura. La nostra Peugeot 106 pativa qualche cavallo sulla prova del Mottarone, però alla fine siamo riusciti a cogliere un podio che per noi vale come un successo”. A ridosso del podio l'olginatese Sergio Brambilla e Vincenzo Rota, quarti nella classe A5 con la loro Peugeot 106.
Siamo contenti del nostro piazzamento – commenta Brambilla -, considerando che avevamo come avversari tutti equipaggi del territorio novarese. Sapevamo che era un bell'impegno e l'abbiamo affrontato con attenzione senza andare oltre le righe, alla fine la costanza ci ha premiato”.
G.C.




-------------------------------------------------------------------------------------------------





A Monza di scena l'attesa tappa finale
degli Aci Racing week end

Programma intenso con ben 7 serie in pista. F.4, F2 Italian Trophy e TCR e Porsche Carrera Cup i campionati più attesi. Ingresso libero e tribune e paddock

Monza - Ultimo appuntamento della stagione al Monza Eni Circuit con gli ACI Racing week end con un nutrito programma di gare. Fra le 7 serie in lizza, punta di diamante è l’Italian F.4 Championship powered by Abarth che conclude in terra brianzola il suo campionato con le ultime tre gare della stagione. Ampiamente al comando della classifica dopo sei tappe è il neozelandese della Prema Power Team Marcus Armstrong, che ha ben 53 punti di vantaggio sull’immediato inseguitore, il connazionale Job Van Uitert della Jenzer Motorsport. Armstrong ha rafforzato il primato due settimane fa al Mugello occupando nelle tre gare le varie posizioni del podio: un secondo, un primo e un terzo posto. Dietro di loro il terzetto della Bhaitech: l’italiano Lorenzo Colombo, il venezuelano Sebastian W. Fernandez (vincitore di due gare nell’ultimo appuntamento del Mugello) e Leonardo Lorandi. Apertissima la battaglia per il titolo team: Bhaitec precede Prema di 54 punti. Presente anche Enzo Fittipaldi, giovane nipote di Emerson, pilota della Ferrari Driver Academy. Le vetture propongono come l’anno scorso telaio Tatuus, motore Abarth e gomme Pirelli. Il via alle gare, di 28 minuti + 1 giro, sabato alle 14.45 e domenica alle 9.20 e alle 16.10.


Corre per la seconda volta in questa stagione a Monza il TCR Italy Touring Car Championship, protagonista anche dell’ACI Racing Weekend dello scorso giugno. Eric Scalvini (Honda Civic) torna in terra brianzola non più da capoclassifica ma da inseguitore di uno scatenato Nicola Baldan (Seat Leon) vincitore dell’ultima gara a Vallelunga. 28 punti è il vantaggio di Baldan prima dell’ultima tappa. Darà loro battaglia sicuramente Kevin Giacon (Opel Astra) terzo in classifica. Doppia gara di 25 minuti + 1 giro domenica con partenze alle 11 e alle 17.45.

Ultimo appuntamento stagionale anche per la Porsche Carrera Cup Italia e per i due monomarca Seat. Nel campionato Porsche, il pilota della Ebimotors Riccardo Pera arriva a Monza con 13 punti di vantaggio su Alessio Rovera (Tsunami). Attesa per i vincitori delle ultime due prove al Mugello, Gianmarco Quaresimi (Dinamic Motorsport) e Simone Pellegrinelli (Bonaldi Motorsport). Due gare di 28 minuti + 1 giro con semaforo verde alle 16.45 di sabato e alle 10.10 di domenica.

La sfida fra Matteo Zucchi e Giovanni Altoè caratterizzerà il finale sia della Leon ST Cupra Cup, sia del Campionato Italiano Turismo TCS dove è inserita. Nelle rispettive classifiche Zucchi è al comando e può contare su vantaggi pari a 33 e 21 punti. I punti a disposizione sono 48 e 40 e quindi il cardiopalmo è assicurato. Due gare di 38 minuti + 1 giro con partenza sabato alle 17.35 e domenica alle 14. Al via domenica in pista anche il dj Ringo. Nella Seat Leon Cupra Cup, due gare di 48 minuti + 1 giro con il via sabato alle 15.35 e domenica alle 15, punta al titolo l’equipaggio composto da Matteo Greco e Gabriele Torelli. Ad impensierirli Gabriele Volpato, vincitore di tre gare, distaccato in classifica di 35 punti. Lotta per il terzo posto Carlotta Fedeli.

Completano il programma la Mitjet Italian Series (una gara il sabato dalle 14 e tre gare domenica, con partenza alle 8.30, alle 12.40 e alle 17, tutte di 20 minuti + 1 giro), appassionante campionato che vede battagliare con le vetture francesi della Tork Engineering gentlemen, professionisti e giovani provenienti dal kart, e la F.2 Italian Trophy (due gare di 25 minuti + 1 giro, sabato dalle 13.10 e domenica dalle 11.50) dove lottano per il titolo Riccardo Ponzio (Puresport) che ha un buon vantaggio, 53 punti, su Alessandro Bracalente (Pave), reduce quest’ultimo dalla vittoria nell’ultima gara disputatasi al Mugello. L’ingresso è gratuito a tutte le tribune e al paddock. Parcheggio a pagamento (10 euro auto, 5 euro moto), sabato e domenica.
G.C.




------------------------------------------------------------------------------------------------------






La Scuderia Abs Sport protagonista su più fronti
Maroni trionfa nel Torino Motor Show. Nei rally partecipazione massiccia al 36° Trofeo Aci Como valido per il tricolore Wrc, la Coppa Italia e Rally Storico con al via anche il presidente Bianco e il diesse Tagliabue

Lecco - Successi e applausi per la Scuderia Abs Sport, protagonista di spicco su più fronti in questo autunno. E ora l'attesa è rivolta al 36° Trofeo Aci Como, rally che vedrà una partecipazione massiccia della scuderia oggionese con una dozzina di equipaggi al via. Ma andiamo con ordine iniziando dallo splendido successo di Giancarlo Maroni nel Formula Challenge Torino Motor Show, gara nazionale che ha visto la partecipazione dei migliori specialisti a caccia dei punti per il titolo italiano. 
Il giovane valsassinese, in gara con il suo Proto – Suzuki, è stato impeccabile fin dalle prove, realizzando il miglior tempo nelle ufficiali e nelle manche di qualificazione. In finale ha poi completato la prestazione con una manche perfetta. 


(Foto: Maroni, Proto Suzuki) 

Sono felicissimo di questa vittoria a Torino – dice Maroni -, ci voleva anche per l'impegno profuso nel completare il nuovo Proto. I consigli di mio papà (Benvenuto è stato più volte campione italiano; ndr) si sono rivelati determinanti per cogliere il successo. Ci tenevo soprattutto in prospettiva futura, dove contiamo di tornare a disputare il campionato italiano a tempo pieno”.

Nei rally c'è da segnalare il bel secondo posto nella classe N1 colto da Salvatore Agnello e Rita Guiotto con la Peugeot 106 Xsi nel Rally del Rubinetto, disputato nel novarese con sede centrale a San Maurizio d'Opaglio.
E' stata una bella gara – afferma Agnello -, ma impegnativa sia per noi che per la vettura. La nostra Peugeot 106 pativa qualche cavallo sulla prova del Mottarone, però alla fine siamo riusciti a cogliere un podio che per noi vale come un successo”.
A ridosso del podio l'olginatese Sergio Brambilla e Vincenzo Rota, quarti nella classe A5 con la loro Peugeot 106
Siamo contenti del nostro piazzamento – commenta Brambilla -, considerando che avevamo come avversari tutti equipaggi del territorio novarese. Sapevamo che era un bell'impegno e l'abbiamo affrontato con attenzione senza andare oltre le righe, alla fine la costanza ci ha premiato”.

Ora l'attenzione si sposta al Rally Trofeo Aci Como, in programma venerdì 20 e sabato 21 ottobre. Il rally lariano si dividerà in tre, con la prova centrale valida per il tricolore Wrc, quindi il rally Nazionale e affiancato anche il rally Storico. Sono ben 11 gli equipaggi al via complessivamente nelle tre gare.  Nel rally tricolore troviamo il pilota di Eupilio Tommaso Paleari e Paolo Garavaglia con la Bmw Mini Cooper del team Elite Motorsport a caccia dei punti decisivi per il titolo nella classe R1T. Al via nella gara lunga anche il meronese Luca Sassi e Paolo Manghera con la Fiat Punto Super 1600 preparata dalla Elco Racing di Ponte Lambro. A completare la partecipazione della Abs Sport nella gara tricolore troviamo poi il diesse Ivano Tagliabue e Matteo Sala con la Peugeot 106 preparata dal team Saldarini.


(Foto: Paleari - Garavaglia, Bmw Mini Cooper)

Il gruppo più numeroso sarà invece al via del rally Nazionale, gara su una tappa in cui spicca il ritorno nella scuderia oggionese di Marco Silva e Gianni Pina. Il campione canzese sarà in gara con la Citroen DS3 in versione R5 del team D-Max. Tra i partenti spiccano anche Paolo Milani e Sara Gilardoni con la Renault Clio Williams in versione A7 del team Vsport. In R2 sono iscritti il comasco Gianluigi Pittano e Cristina Caruso con la Citroen C2, mentre nella N3 Rocco Bertucci avrà di nuovo a fianco il presidente Beniamino Bianco sulla Reanult Clio Williams del team Hpe. Altro equipaggio atteso a recitare un ruolo da protagonista è quello formato da Mattia Nava e Valerio Brunito sulla Citroen Saxo gruppo A6 del team Elco Racing, nella stessa classe troviamo anche il valmadrerese Cosimo Palmisano e Pietro Mazzoleni con la Peugeot 106. Nella classe A5 è invece al via una coppia inedita formata da Daniele Bisacca e dal valsassinese Walter Sanvito con la Peugeot 106. La partecipazione della scuderia oggionese è poi completata nel rally Storico da un equipaggio di spicco formato da Marco Paccagnella e Davide Bozzo con la Talbot Sunbeam 2200 del 1981. Una partecipazione numerosa e di qualità che verrà presentata dalla Scuderia Abs Sport alla vigilia della gara lariana presso l'agriturismo Sant'Anna 1939 a Eupilio.
G.C.




-----------------------------------------------------------------------------------------------------





La F1 torna a Monza per uno spettacolo senza eguali 
Dal 1 al 3 settembre va in scena l'88° Gp d'Italia con una presenza di pubblico che si annuncia da record- Il sogno dei tifosi è di festeggiare il settantesimo compleanno della Ferrari con la vivere la numero 20 del Cavallino Rampante sulla pista brianzola

Monza - La F1 torna a Monza. Dopo le apprensioni dello scorso anno, il Gran Premio d'Italia di F1 2017 sta per andare in scena nel Tempio della Velocità. Una festa per migliaia di appassionati e un motivo di soddisfazione per gli organizzatori che sono riusciuti a centrare un obiettivo che sembrava perso. Sensazioni che sono emerse anche nel corso della conferenza stampa di presentazione del Gp monzese, in programma dal 1 al 3 settembre, con una presenza di spettatori che si annuncia da record.

La presentazione

Due parole incarnano agli occhi del mondo il binomio motorsport e Italia: Ferrari e Monza. Ritrovarle insieme in un Gran Premio di Formula 1 è uno spettacolo che non ha eguali.”
Lo ha dichiarato il Presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, in apertura della Conferenza stampa di presentazione del Formula 1 Gran Premio Heineken d’Italia 2017 che si è tenuta oggi presso la Sala Stampa “Tazio Nuvolari” dell’Autodromo Nazionale Monza.
Monza e Ferrari – ha proseguito il Presidente dell’ACI - sono, da sempre, sinonimi di eccellenza. Eccellenza nella tecnica, nelle prestazioni sportive, nell’incredibile palmarès, ma anche nella capacità di coinvolgere, emozionare e appassionare un pubblico senza età e senza confini. Un pubblico che - sugli spalti o in mondovisione - si incontra qui, nel “Tempio della velocità”: il circuito nel quale la Storia diventa mito”.


(Foto: da sinistra Allevi, Maroni, Malagò, Sticchi Damiani, Capelli e Redaelli)

Monza è e resterà sempre il ''Tempio della velocità''. Lo è da quasi un secolo, ormai – anni nei quali questo meraviglioso circuito ha accompagnato l'evoluzione tecnica e agonistica del Motorsport - e continuerà ad esserlo, indipendentemente dalla forma che il futuro disegnerà per lo sport dei motori. Per raccontare senso e valore di questa grande storia e celebrarne il mito, Aci ha realizzato una clip dal forte impatto e dalla straordinaria carica emozionale: i grandi protagonisti di questi decenni di gare e duelli indimenticabili, e cronometri sempre più sofisticati si succedono nel rappresentare l’eterna lotta dell’uomo contro il tempo: lotta che non avrà mai fine, esattamente come la passione per questo grande sport.
Questo – ha concluso il Presidente Sticchi Damiani – è un anno particolare per l’ACI e per quanti amano l’automobilismo sportivo. Avevamo un duplice, difficile, obiettivo: mantenere il Gran Premio d’Italia nel calendario della F1 e far sì che si corresse, come da tradizione a Monza (solo 4 volte, dal 1922 a oggi, si è disputato altrove). Entrambi questi obiettivi sono stati raggiunti. Questo grazie al sostegno del Governo italiano, del Coni, della Regione Lombardia e della Città di Monza e – lasciatemelo dire con una punta di, credo giustificato, orgoglio – all’impegno e alla determinazione dell’ACI, la Federazione nazionale per lo sport automobilistico, che ha messo in campo storia, autorevolezza, esperienza, risorse, visione del futuro e una straordinaria capacità organizzativa, ampiamente dimostrata anche negli altri ambiti di attività. Comincia oggi una nuova epoca che – ne siamo certi – sarà all’altezza delle stagioni indimenticabili che hanno reso unico questo circuito e grande l’automobilismo sportivo”.

Alla Conferenza stampa del Gran Premio d’Italia, ultima prova europea del campionato che si concluderà il 26 novembre ad Abu Dhabi, sono di seguito intervenuti il Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Giovanni Malagò, il Presidente dell’Automobile Club Milano, Ivan Capelli, il Presidente della Sias Autodromo Nazionale Monza, Giuseppe Redaelli, il Sindaco del Comune di Monza, Dario Allevi e il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni.

Per la prima volta l’organizzazione è marchiata ufficialmente AC Italia e AC Milano – ha sottolineato il Presidente Ivan Capelli. E’ un traguardo importante che diventa un punto di partenza insieme alla Regione Lombardia, anch’essa fautrice dell’accordo, per rilanciare nel migliore dei modi l’Autodromo nel futuro. Gli incontri avuti con Liberty Media, insieme al Presidente Sticchi Damiani, al Sindaco di Milano Giuseppe Sala e al Presidente Roberto Maroni, confermano la volontà di trovare un dialogo, che coinvolgerà anche il Sindaco di Monza Dario Allevi, per affrontare i nuovi equilibri economici dei prossimi anni. Da un punto di vista sportivo, mi piace sottolineare la presenza dopo tanti anni di un pilota italiano al Gran Premio d’Italia: Antonio Giovinazzi sarà infatti uno dei protagonisti delle prove libere del venerdì mattina. Nel frattempo, oltre al rinnovato Gran Premio di Formula 1, va ancora una volta rimarcato un calendario 2017 dell’Autodromo denso, come mai era successo negli ultimi anni, di gare ed eventi avvincenti e di successo”.

Siamo molto soddisfatti dell’interesse manifestato dal pubblico per questo nostro ottantottesimo Gran Premio d’Italia: il numero di biglietti finora venduti - ha evidenziato il Presidente dell’Autodromo Giuseppe Redaelli - fa segnare un incremento del 9% rispetto al totale delle presenze dell’anno scorso: ovviamente ci aspettiamo che questo dato possa venire ancora significativamente incrementato da qui a domenica mattina. La struttura organizzativa è pronta ad accogliere i team, i piloti, centinaia di giornalisti e fotografi e, soprattutto, le decine di migliaia di tifosi provenienti da tutta Italia e da tutto il Mondo. A tutti chiediamo la maggior collaborazione possibile per rendere efficaci al massimo le misure di sicurezza che sono state predisposte per permettere a tutti gli appassionati di vivere serenamente queste giornate. Come da tradizione, invitiamo i nostri ospiti ad aiutarci a rispettare l’importante patrimonio naturalistico rappresentato dal Parco: la attenta gestione della mobilità – condivisa con le Autorità locali che ringraziamo per la collaborazione - garantirà la massima accessibilità, minimizzando al tempo stesso l’impatto sull’ambiente grazie ad un piano integrato di viabilità e trasporti. Quest’anno l’attenzione al territorio fa segnalare anche alcune novità relativamente alla programmazione degli eventi, infatti giovedì 31 dalle 18.30 a Milano in piazza Castello - grazie alla collaborazione tra gli altri del Club ACI Storico – alcuni piloti, a bordo di auto storiche, si incontreranno con i tifosi, e venerdì 1 settembre, a Monza, dalle ore 18 le stesse auto accompagneranno giornalisti di tutto il mondo a conoscere le bellezze artistiche e urbanistiche del nostro territorio”.

Il Gran Premio

Questo Gran Premio d’Italia rappresenta il tredicesimo appuntamento della stagione, a distanza di soli sette giorni dal week end di Spa e prima della trasferta asiatica, fra due settimane, a Singapore. Monza costituisce un nuovo capitolo dell’appassionante duello che sta caratterizzando il Mondiale 2017 fra Ferrari e Mercedes: finora 4 vittorie per la Rossa, tutte di Sebastian Vettel, che guida la classifica piloti con sette punti di vantaggio, a fronte dei 7 successi (5 di Lewis Hamilton, 2 di Valtteri Bottas) della casa di Stoccarda al comando della classifica costruttori. L’anno scorso l’ordine d’arrivo vide sul podio le Mercedes ai primi due posti (Nico Rosberg davanti a Hamilton) precedere Sebastian Vettel. Dei piloti in lizza quest’anno possono vantare successi in passato a Monza Hamilton (3), Vettel (3), Alonso (2). Kimi Raikkonen, più volte fra i primi tre, non è mai salito sul gradino più alto. Fernando Alonso è il pilota che ha più presenze al Gran Premio d’Italia, ben 15, dopo di lui Raikkonen (14), Felipe Massa (13), Hamilton e Vettel (10).

Il pubblico di Monza si augura di festeggiare degnamente il settantesimo compleanno della Ferrari, sognando di vivere la vittoria numero 20 del Cavallino Rampante in terra brianzola. La prima vittoria della Ferrari a Monza nella massima formula giunse solo due anni dopo la sua fondazione, nel 1949, con una netta affermazione del giovane astro nascente Alberto Ascari, che si ripeté nel 1951 e nel 1952. Dopo l’unico pilota tricolore che può vantare un doppio titolo iridato, gli anni Sessanta: nel 1960 e nel 1961 due vittorie per l’americano Phil Hill, nel 1964 primo posto per l’inglese John Surtees e nel 1966 per Ludovico Scarfiotti (ultimo pilota italiano a vincere un Gran Premio d’Italia). Tre affermazioni della Rossa negli Anni Settanta: con il ticinese Clay Regazzoni nel 1970 e nel 1975, con il sudafricano Jody Scheckter nel 1979. Nel 1988, a poche settimane dalla scomparsa dell’Ingegnere, la vittoria dell’austriaco Gerard Berger, e poi, a cavaliere dei due Millenni, le cinque vittorie del grande Michael Schumacher: il tedesco si è imposto nel Tempio della Velocità nel 1996, nel 1998, nel 2000, nel 2003 e nel 2006. In questo periodo anche la doppietta del brasiliano Rubens Barrichello, nel 2002 e nel 2004. Ultima vittoria del Cavallino nel 2010 con lo spagnolo Fernando Alonso.

Il programma

Come è ormai piacevole tradizione, il giovedì vede anche quest’anno il sempre più apprezzato prologo della “sessione autografi” (l’anno scorso vi parteciparono più di 10.000 appassionati). Dalle 16.00 alle 18.00, i tifosi in possesso di un abbonamento tre giorni (anche prato), ed i bambini fino a 11 anni, avranno la possibilità di passeggiare di fronte ai box ammirando da vicino le auto che saranno protagoniste nel week end. In questo contesto, inoltre, fra le 16.30 e le 17.30, potranno anche avvicinare i piloti che saranno a disposizione per gli autografi.
Fra le 18 e le 19, in zona podio, si terrà inoltre una sfida (organizzata a scopo benefico da Heineken) fra alcuni piloti del Circus ed ex calciatori. Giovedì sera, fra le 19.15 e le 20.15, infine, la grande novità: la “Milano Drivers’ Parade”, una parata dei piloti per le strade della città di Milano, dal Castello Sforzesco alla discoteca Old Fashion.

Il via a prove e gare venerdì 1 con due sessioni di prove libere delle Formula 1 (dalle 10 alle 11.30 e dalle 14 alle 15.30), oltre alle prove delle gare di contorno: Formula 2 (libere dalle 11.55 alle 12.40, di qualificazione dalle 16.20 alle 16.50), GP3 (libere dalle 18.15 alle 19.00), Porsche Mobil 1 Supercup (libere dalle 17.10 alle 17.55).

Nel corso della giornata di sabato 2 sono previste per la Formula 1 una sessione di prove di pit stop ai box (dalle 8.30 alle 9.15), la terza sessione di prove libere (dalle 11 alle 12) e le prove di qualificazione (dalle 14 alle 15). Per le altre formule sono in programma Gara 1 della F.2 (alle 16.00, per 30 giri o 60 minuti), le prove di qualificazione e Gara 1 della GP3 (rispettivamente dalle 9.45 alle 10.15 e alle 17.50, per 22 giri o 40 minuti), le prove di qualificazione della Porsche Mobil 1 Supercup (dalle 12.25 alle 12.55).



 Il programma di domenica 3 prevede per la Formula 1 alle 12.30 la tradizionale parata di saluto dei piloti al pubblico che quest’anno sarà preceduta da due parate organizzate per festeggiare i 50 anni della Honda e i 70 anni della Ferrari. Allen 13.00 la presentazione della starting grid. Alle 14 il via del Gran Premio Heineken d’Italia 2017 (53 giri per un totale di 306,720 km), preceduto dalle note dell’inno nazionale, quest’anno intonate da Francesca Michielin e dal passaggio delle Frecce Tricolori. La domenica motoristica prevede anche altre competizioni: Gara 2 della GP3 (alle 9.00, per 17 giri o 30 minuti), Gara 2 della F.2 (alle 10.15, per 21 giri o 45 minuti) e la Gara della Porsche Mobil 1 Supercup (alle 11.25, per 14 giri o 30 minuti).

Sono in programma inoltre nelle varie giornate brevi sessioni in pista riservate alle vetture di Formula 1 a due posti e gli apprezzati pit lane walk.

Disposizioni speciali in occasione del Gran Premio

A seguito di un'ordinanza comunale, nell'area dell'Autodromo Nazionale Monza dal 31 agosto al 4 settembre sarà vietato il consumo e la vendita delle bevande (alcoliche e non) contenute in recipienti di vetro, materiale metallico o plastica fatta eccezione per le bottiglie di plastica senza tappo. Anche il pubblico sarà tenuto a rispettare questa limitazione.
Inoltre non è consentito introdurre nel circuito oggetti atti ad offendere, bombolette spray, materiale infiammabile compresi i fumogeni, treppiedi e aste rigide oltre a droni, tende e sacchi a pelo. La lista completa del materiale vietato è consultabile sul sito www.monzanet.it/formula1, sezione Informazioni > Sicurezza. Agli ingressi del circuito, il personale autorizzato ispezionerà borse e zaini.

Da venerdì a domenica, non è possibile raggiungere l'Autodromo Nazionale Monza con auto e moto private. Gli automobilisti possono acquistare un posteggio nei parcheggi convenzionati segnalati su www.monzanet.it/formula1, sezione Informazioni > Come arrivare.
Saranno inoltre attivi due bus navetta, entrambi con capolinea l'ingresso A (via Vedano) del circuito. La linea blu raccoglie il pubblico dai posteggi convenzionati, la linea nera parte invece dalla stazione dei treni di Monza.

Trenord ha previsto dei biglietti speciali per chi assisterà al Formula 1 Gran Premio Heineken d'Italia 2017. L'Autodromo sarà raggiungibile da tutte le stazioni della Lombardia con un unico biglietto. Domenica, inoltre, verranno implementate delle corse aggiuntive sulla linea Milano Centrale - Biassono, stazione da dove è possibile raggiungere a piedi l'ingresso D . Per maggiori informazioni, è possibile consultare il sito www.trenord.it.

Per fornire informazioni generali al pubblico, è stato attivato il gruppo di assistenza bilingue #askMonza all'interno della fanpage Facebook dell'Autodromo Nazionale Monza, da oltre 120mila iscritti, che ha già evaso più di 200 richieste. Su www.monzanet.it/formula1 è disponibile una pagina con le domande più frequenti e tutte le indicazioni utili per il pubblico.

I biglietti

E’ possibile acquistare ancora i biglietti disponibili. I biglietti sono acquistabili attraverso gli abituali canali di vendita: sito monzanet.it, presso Autodromo e sedi ACI, Ticket One, Kel12. Il listino prezzi completo è disponibile sul sito dell’Autodromo www.monzanet.it. Si consiglia,  per i programmati controlli legati alla sicurezza di arrivare in Autodromo per tempo per evitare code agli ingressi.
G.C.








--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------







Six Days, la festa mondiale dell'enduro 
chiama a raccolta una dozzina di piloti lariani
Al via le squadre del Moto club Parini, Fast Team Calolzio, Inimiano Noseda e Broncino

Lecco – E' tempo di Six Days, la gara di enduro più prestigiosa e impegnativa della specialità. E come tradizione, oltre alle numerose squadre nazionali impegnate nella conquista del trofeo e del Vaso, al via sono presenti oltre un centinaio di team privati con piloti amatoriali. Tra questi non manca anche una marcata presenza lariana a Brive la Gaillarde, in Francia, sede della 92^ ISDE Six Days, in programma dal 28 agosto al 2 settembre con circa 600 piloti al via.
A rappresentare il nostro territorio sono presenti i team del Moto club Parini, del Fast Team Calolzio, dell'Inimiano Noseda e del Broncino, con una dozzina di pilota in gara. Obiettivo per tutti è completare la maratona motoristica, già di per sé un traguardo di tutto prestigio vista la durezza della gara e la qualità dei piloti in gara.
Di quanto sia impegnativa la Six Days ne sa qualcosa Roberto Gairdoni, l'ex campione del Parini negli anni Settanta e Ottanta, anche quest'anno presente con Silvio Frigerio a coordinare la squadra del Moto club.


(Foto: la squadra del Mc Parini con lo staff tecnico)
 
La Six Days è una gara speciale per tutti i partecipanti – dice Gaiardoni, sul podio un trentina d'anni fa -, per la particolarità della corsa e il fascino della manifestazione. E' anche la festa dell'enduro, con centinaia di piloti professioni e amatori che si ritrovano a gareggiare assieme per una settimana. La nostra partecipazione di quest'anno non è inusuale perché spesso siamo presenti a questa gara, però ogni volta è sempre un'emozione. Quest'anno saremo di fatto gemellati con il Fast Team Calolzio per meglio distribuire le forze e cercare anche di cogliere un bel piazzamento finale nella classifica dei team privati. Siamo fiduciosi di fare bene”.
Vediamo quali sono i piloti dei team lariani al via della gara francese.
Il Moto club Parini schiera Roberto Gatti (Yamaha, categoria C1), Alberto Zorloni (Yamaha, C1) e Stefano Valsecchi (Honda, C2). Per il Fast Team Calolzio saranno al via Fabio Mauri (Yamaha, C1), Diego Redaelli (Ktm, C2) e Carlo Gilardi (Husqvarna, C3). Il Mc Intimiano Noseda si avvale della stella Jacopo Cerutti (Husqvarna, C2), Mattia Rovida (Yamaha, C1) e Federico Piccina (Beta, C3). Team di valore anche per il Broncino con Andrea Silvestri (Ktm, C2), Michele Dal Pezzo (Ktm, C3) e Alberto Facci (Ktm, C3).
Si parte lunedì 28 agosto con la prima tappa prologo, poi le tappe solite di enduro classico per concludere con l'ultima tappa di cross.
G.C.






------------------------------------------------------------------------------------------------------------------








Monza Historic, è qui la festa del motorsport
Circa 300 splendide vetture in pista divise in 8 categorie e 12 gare, con il Gruppo C Racing e il Classic Endurance Racing che propongo Prototipi e GT leggendari

Monza – Un tuffo nella storia dell'automobilismo sportivo. Si presenta così il fine settimana in pista all’Autodromo Nazionale di Monza, con circa 300 splendide vetture che hanno scritto nei decenni importanti pagine del motorsport. Otto le categorie che si daranno battaglia nel Tempio della Velocità, divise in 12 gare e varie sessioni con la regìa del famoso organizzatore di corse e manifestazioni di auto storiche Patrick Peter.
Da venerdì 30 giugno a domenica 2 luglio saranno emozioni intense in pista a Monza.

 
Grazie a chi con passione – piloti, proprietari, meccanici, addetti ai lavori – gestisce e mostra gioielli che hanno fatto la storia dell’auto, un piccolo ma significativo pezzo della Storia con la “Esse” maiuscola”. Con queste parole il presidente dell’Aci Milano, Ivan Capelli, ha voluto dare il benvenuto alla grande famiglia delle auto da competizione di tante epoche e categorie, che, grazie al promoter Patrick Peter, dà vita nel week end a Monza Historic, la manifestazione più attesa dagli appassionati delle competizioni riservate alle Storiche.
Auto che hanno fatto la storia e che non è giusto abbandonare o relegare in uno statico museo. E’ giusto farle correre – prosegue il presidente ACM – per tenerle in vita e per farle ammirare dai più giovani e da chi le ha seguite un tempo affrontare curve e rettilinei nelle maggiori competizioni mondiali”.

Intenso il programma con prove, qualifiche, 12 gare e varie sessioni, da venerdì a domenica, nelle otto categorie in lizza. Saranno sette categorie Peter Auto (Classic Endurance Racing 1 & 2, Heritage Touring Cup, Sixties’ Endurance, Trofeo Nastro Rosso, Group C Racing e la novità Euro F2 Classic) a cui si unisce la FIA Lurani Throphy.
La Classic Endurance Racing 1 e 2 è alla sua 14^ stagione e fa rivivere, con un nutrito lotto di Ferrari, Porsche, Chevron, BMW, Lola, Lotus, De Tomaso, McLaren, BMW, Osella, March, Toj, i grandi giorni delle gare di durata che hanno esaltato la seconda metà degli Anni Sessanta e tutti gli Anni Settanta fino al 1981. Un’epoca in cui questo tipo di sport e di categorie era ai massimi livelli del motorsport mondiale.

 
Heritage Touring Club, invece, porta in pista le vetture che hanno corso fra il 1966 e il 1984 l'European Touring Car Championship, mentre Sixties' Endurance è alla sua 8^ stagione con vetture sportive pre 63 e Gran Turismo pre 66, quali Ferrari, Jaguar, Shelby Cobra, Morgan, Porsche, Austin Healy, ecc., che hanno gareggiato nel campionato mondiale dell’epoca.
Il Trofeo Nastro Rosso, è stato creato nel 2010 sulle orme del Shell Ferrari Historic Challenge Maserati e poi aperto anche a modelli delle più grandi marche automobilistiche: oltre alle Ferrari, saranno in pista Aston Martin, Alfa Romeo, Maserati, Porsche, Bizzarrini.
Cè poi l'atteso Group C Racing, alla sua 3^ edizione e propone vetture leggendarie che scrissero tra il 1982 e il 1994 pagine leggendarie soprattutto alla 24H di Le Mans: in pista Mercedes, Spice, Porsche, Tiga, Cheetah.
Una novità di quest’anno è la Euro F2 Classic, aperta alle auto che parteciparono ai Campionati europei di Formula 2 fra il 1967 e il 1978, categoria che rappresentava allora la prestigiosa anticamera della Formula 1 (qui passarono, fra i tanti, Clay regazzoni, Jacques Laffite, René Arnoux, Ronnie Peterson, Bruno Giacomelli).
A completamento la prestigiosa serie FIA Formula Junior che raggruppa le vetture della categoria creata a fine Anni Cinquanta dal Conte Giovanni Lurani: Cooper, Lotus, Wainer, Lola, Stanguellini, ecc., che costituirono base di lancio per tanti campioni del passato.
Per gli spettatori ricordiamo l'ingresso gratuito nella giornata di venerdì, mentre il biglietto sabato e domenica ha il costo di 14 euro (intero) e di 10 euro (ridotto), parcheggio gratuito.
G.C.




-----------------------------------------------------------------------------------------------------------





A Monza un super Peroni Racing Weekend
Oltre 200 piloti e una dozzina di gare tra moposto e turismo nel ricco programma

Monza - L’Autodromo Nazionale Monza sarà di nuovo al centro dell'attenzione in questo fine settimana di giugno, con un intenso programma di gare nell'ambito del Peroni Racing Weekend.
Oltre 200 i piloti attesi e 175 le vetture iscritte. Ingresso libero per il pubblico (parcheggio sabato e domenica: 10 euro per le auto, 5 euro per le moto).
Sicure emozioni giungeranno da una delle più apprezzate serie formative, la Formula Renault 2.0 Northern European Cup, monomarca che inaugura a Monza la sua dodicesima stagione (seguiranno Assen, Nuerburgring, Spa e Hockenheim) e che negli anni scorsi ha sfornato talenti quali Valtteri Bottas, Kevin Magnussen, Carlos Sainz jr e Daniil Kvyat. Nel 2016 ci ha regalato le performance di piloti che stanno emergendo nel panorama motoristico internazionale, come Lando Norris, Max Defourny o Dorian Boccolacci. Grande attesa quindi per le sedici promesse al via, alla ricerca di un nuovo campione da lanciare, a partire dal campione europeo e mondiale kart 2013 e 2014 Gabriel Aubry (presente anche alla NEC 2016) e dalla giovane polacca Julia Pankiewicz. Due gare di 25 minuti con partenza sabato alle 16.45 e domenica alle 12.

 
Da casa Renault anche il monomarca Clio Cup Italia, organizzato dalla Fast Lane Promotion e riservato alle berline francesi RS 1.6 turbo, che giunge a Monza dopo le tappe del Mugello e di Brno. La classifica vede ai primi tre posti, nello spazio di soli 3 punti, i piloti dei team Composit Motorsport (Felice Jelmini), Melatini Racing (Gustavo Sandrucci) e Essecorse (Nicola Rinaldi). Il campionato anche quest’anno offre la simpatica “Press League” riservata ai giornalisti. Due gare di 25 minuti entrambe nel programma di domenica: alle 9 e alle 16.35.

Grande spazio poi alle vetture Lotus. Nella Lotus Cup Italia si rinnoverà con le vetture Elise del marchio di Hethel il duello fra Stefano Pasotti e Franco Nespoli, capiclassifica dopo aver dominato, rispettivamente, le gare del Mugello e di Franciacorta. Pronto ad assumere il ruolo di terzo incomodo Giacomo Giubergia. Due gare di 25 minuti, con partenza domenica alle 9.40 e alle 17.20. Vi saranno poi tre sessioni cronometrate (Speed Championship Lotus) a disposizione dei proprietari di Lotus stradali e derivate, per un totale complessivo di 60 minuti, con il supporto tecnico di ingegneri e tecnici della casa inglese.

Un appuntamento fisso in occasione del Peroni è quello con l’Alfa Revival Cup, serie riservata alle vetture Alfa Romeo GT e Turismo costruite dal 1947 al 1981, punto di riferimento fondamentale per gli appassionati del marchio del Biscione. Vetture suddivise a seconda del periodo di classificazione, della categoria e della cilindrata, il che consente a tutti i piloti di confrontarsi in maniera appassionante. Monza rappresenta, dopo Mugello e Adria, il terzo appuntamento stagionale: la gara, di 60 minuti, si svolgerà sabato fra le 17.25 e le 18.25.

Sono reduci invece dalla trasferta ceca di Brno le vetture storiche del Campionato Italiano Autostoriche, per il quale Monza costituisce il quinto appuntamento stagionale: format delle mini endurance di 60 minuti con il via alle 14.15 di domenica.

Altro punto fermo del Peroni è la Coppa Italia nelle sue due formule Gran Turismo e Turismo, campionato che vanta una tradizione ultratrentennale raccogliendo decine di adesioni grazie all’elasticità del suo regolamento che consente di schierare la grande maggioranza delle vetture da competizione esistenti. Due gare sprint da 20 minuti per ciascuno dei due schieramenti: GT, domenica alle 10.55 e alle 18.35, Turismo, sabato alle 18.40 e domenica alle 15.30. Al via nel GT anche Ivan Capelli che guiderà, con Marco Coldani, una Porsche 997.
Infine due gare sprint di 20 minuti anche per il Master Tricolore Prototipi che presenta vetture recenti: il via domenica alle 10.20 e alle 18. Ce n'è davvero di che divertirsi.
G.C.





--------------------------------------------------------------------------------------------------------------





ACI Racing Weekend, il tricolore GT fa tappa a Monza
Oltre cento vetture in pista e 14 gare tra sabato e domenica con ingresso libero.
Leader del campionato GT3  sono il brianzolo Michele Beretta e Alex Frassineti 
con la Lamborghini Huracan. In pista anche le vetture della TCR e i Prototipi 

Monza - Musica e motori o se preferite motori e musica, di certo  all’Autodromo Nazionale Monza in questo fine settimana il divertimento è assicurato. Con lo show degli I-Days il rombante appuntamento con la tappa degli ACI Racing Weekend. Dopo il Ferrari Challenge, ecco un altro ricco programma di gare targato ACI Racing Weekend con ben cinque campionati che daranno vita a 14 gare fra sabato 17 e domenica 18 giugno, a cui si sommeranno le attività del Ferrari Club Italia, per un totale di oltre cento vetture in pista. L’ingresso è gratuito in tutte le giornate con libero accesso a tribune e paddock (parcheggio, da giovedì a domenica, 10 euro auto, 5 euro moto).

 
Ferrari, Lamborghini, BMW, Audi, Mercedes, Porsche, Corvette, sono i prestigiosi marchi che si sfideranno nel Campionato Italiano Gran Turismo, la serie nazionale di vetture a ruote coperte, al suo terzo appuntamento stagionale (sette in tutto le gare in calendario, con conclusione in ottobre al Mugello). Confermata la formula con due gare separate di minidurata (48 minuti + 1 giro) per le classi Super GT3/GT3 e Super GT Cup/GT Cup/GTS.
Nella prima sono in testa nella classifica assoluta Michele Beretta e Alex Frassineti (Lamborghini Huracan del team Ombra), vittoriosi in Gara 2 nell’ultima tappa di Misano, che precedono Riccardo Agostini e Daniel Zampieri (Lamborghini Huracan dell’Antonelli Motorsport). Dietro di loro Stefano Gai (Ferrari 488 Italia del Black Bull Swiss Racing), due vittorie con Mirko Venturi nella prima uscita di Imola. Da segnalare il figlio d’arte Edward Cheever. A Monza il via per Gara 1, rispettivamente, sabato alle 15.05 e alle 17.05, domenica alle 14.25 e alle 17.10.

Doppia gara da 25 minuti + 1 giro per il Campionato Italiano Sport Prototipi che vede sulla griglia di partenza vetture di varie marche fra cui Osella, Wolf, Norma e Radical. Campionato con sette appuntamenti che ha visto nelle prime quattro gare altrettante affermazioni di Ivan Bellarossa (Wolf del team Avelon Formula). Cerca il riscatto a Monza Francesco Turatello con la sua Osella PA21 dopo il podio sfumato a Misano. Sabato alle 14.10 e domenica alle 10.40 lo start.

A rappresentare il mondo TCR, presente in quasi trenta Paesi a livello internazionale, giunge a Monza il TCR Italy Touring Car Championship che prevede sette appuntamenti, di cui due in terra brianzola, nel corso di quest’anno. Due graduatorie per vetture di omologazione internazionale e di omologazione nazionale. Classifica assoluta dominata finora da Eric Scalvini che con la sua Honda Civic ha ottenuto finora ben tre vittorie fra Adria e Misano. Suo principale avversario Nicola Baldan a bordo di una Seat Leon. Due gare di 25 minuti + 1 giro: il via sabato alle 16.15, domenica 16.25.

A completare il programma le due gare del Mini Challenge, monomarca ufficiale MINI, giunto alla sua sesta stagione (gare di 25 minuti + 1 giro, con partenza sabato alle 13.15 e domenica alle 9.45) e le quattro gare della serie italiana Mitjet, nata grazie alla società francese Tork Engineering, che prenderanno il via sabato alle 12.30 e alle 18.15, domenica alle 9.00 e alle 15.40 (20 minuti + 1 giro). Vi saranno infine sia sabato (dalle 10.25 alle 11.35 e dalle 18.50 alle 19.40), sia domenica (11.20 alle 13.20), le attività del Ferrari Club Italia.
Data la concomitanza con i concerti degli I-Days si segnala che l’ingresso di Vedano sarà solo pedonale, mentre operatori dell’informazione, addetti ai lavori e tutti i tifosi potranno accedere all’impianto con auto e moto unicamente dall’ingresso di S. Maria alle Selve.
G.C.




---------------------------------------------------------------------------------------------------------------





Il Ferrari Challenge apre a Monza
un ricco mese di gare automobilistiche
Prove e gare sabato 10 e domenica 11 giugno con in pista le splendide 488 Challenge da 670 CV. Una cinquantina le vettue iscritte. Sessione di autografi con i piloti e altre iniziative nel paddock domenica mattina

Monza - Appuntamento con il Ferrari Challenge all'Autodromo di Monza nel week end del 10 e 11 giugno. Prosegue incessante il ricco calendario sportivo 2017 dell’Autodromo monzese con ben quattro fine settimana consecutivi ad animare il passaggio fra primavera e inizio d’estate. Si parte questo week end con il Ferrari Challenge, a cui seguiranno nell’ordine l’ACI Racing Weekend, il Peroni Racing Weekend e, a cavallo fra giugno e luglio, il Monza Historic.
Già nella giornata di sabato prove e gare per i dei clienti del Cavallino rampante con la grande novità della 488 Challenge, la più potente vettura nella storia del campionato monomarca grazie ai 670 CV del V8 da 3,9 litri. Equipaggiata con un propulsore turbo, verrà impiegata in tutte le tappe dei tre Ferrari Challenge, compreso quello europeo che vive a Monza la sua seconda tappa dopo l’esordio di Valencia della seconda metà di maggio (il campionato prevede in totale 7 appuntamenti, comprese le finali mondiali di fine ottobre al Mugello).

Sono attese in Brianza circa 50 vetture con piloti provenienti da tutto il mondo che si daranno battaglia nelle varie categorie previste animando il Trofeo Pirelli e la Coppa Shell. Nel lotto dei partecipanti, vincitore della prima gara stagionale in Spagna, lo svizzero Fabio Leimer campione della GP2 e l’austriaco Philipp Baron che vinse Gara 2 del Pirelli l’anno scorso qui a Monza. Numerosa la pattuglia italiana, otto piloti tricolori al via, e tre rgazze in gara.

Il programma prevede test e prove libere nella giornata di venerdì, qualifiche e Gara 1 nella giornata di sabato (alle 12.50 per la Coppa Shell e alle 15.35 per il Trofeo Pirelli), qualifiche e Gara 2 nella giornata conclusiva di domenica (con medesimo orario del sabato). Le gare hanno una durata di 30 minuti. L’ingresso alla manifestazione, con accesso a tutte le tribune e al paddock (più vivo che mai per celebrare i 70 anni della Ferrari), è libero. Parcheggio gratuito venerdì, 10 euro per le auto e 5 euro per le moto sia sabato sia domenica. Nella mattinata di domenica nel paddock sessione di autografi con i piloti e altre iniziative per il pubblico.
G.C.





--------------------------------------------------------------------------------------------------------------






La Scuderia Abs Sport sul podio nel Rally Aci Lecco
Terzo posto assoluto per Paccagnella - Bozzo e successo tra le scuderie

Oggiono - Obiettivo centrato per l'Abs Sport nella 13^ edizione del Rally Aci Lecco, con il successo colto tra le scuderie e diversi podi di classe a rendere la partecipazione del 2017 non solo quella del record dei 15 equipaggi iscritti ma anche densa di soddisfazioni.
A regalare la vittoria tra le scuderie sono stati i piazzamenti colti dagli equipaggi Paccagnella – Bozzo, Ciofolo – Sala e Pittano – Frigerio, tutti sul podio nelle rispettive classi. Edizione spettacolare per la rinnovata gara lecchese, nel percorso e nel format, organizzata dall'Aci Lecco con la collaborazione della valtellinese Promo Sport. Con le nuove prove speciali Calolziocorte – Carenno e Valcava promosse da tutti i protagonisti e dagli addetti ai lavori.

Per i colori Abs Sport su tutti ha prevalso - ancora una volta è il caso di dire visti i suoi 3 successi assoluti e gli 11 piazzamenti sul podio colti nelle precedenti edizioni – Marco Paccagnella, con Davide Bozzo alle note sulla Mitsubishi Lancer Evo IX del team New Motor, terzi assoluti e primi nel gruppo N. Una terza piazza finale conquistata con un colpo di reni nell'ultima speciale di Carenno, scalzando dal podio per soli 5 decimi il diretto rivale Ghelfi con la Renault Clio S1600.
Il commento di Marco: “Siamo più che soddisfatti del nostro terzo posto assoluto. La nostra Lancer è andata veramente bene, di più non potevamo aspettarci. E pensare che abbiamo dovuto trovare il set- up giusto in gara perché durante lo shake down avevamo avuto dei problemi di frizione. Nella parte finale della gara abbiamo lottato come dei pazzi ed insieme al piccolo Miky Barra che ci vegliava in cielo siamo riusciti a strappare la terza piazza al fotofinish. Siamo contenti anche per la vittoria di Scuderia, un premio meritato per il nostro presidente Beniamino Bianco per l'impegno e la passione che ci mette nel seguire l'attività dell'associazione”.


(Ciofolo - Sala sul podio d'arrivo)

Sesto assoluto e secondo di classe Super 1600 il barziese Nicolaj Ciofolo navigato da Matteo Sala. Per Nicolaj è stata la prima volta con una Super 1600, una Renault Clio del team New Motor. Dice Ciofolo: “Volevamo puntare alla vittoria, ma ci siamo accorti che serviva una maggiore esperienza per cercare il limite. La Clio Super 1600 è davvero lontana dalle gruppo N 1600 che avevo finora guidato e senza fare test ho dovuto adattare lo stile di guida in fretta. Alla fine è però arrivato un bel sesto posto assoluto, buono per essere soddisfatti e guardare al futuro con fiducia”.
Altro equipaggio in bella evidenza quello composto da Gianluigi Pittano e Giovanni Frigerio, secondi di classe R2B con la Citroen C2 VTS.
Forse siamo stati un po' cauti all’inizio, ma poi nella prova finale di Carenno abbiamo dato il tutto per tutto. Direi che il secondo posto di classe, tra i primi trenta nell'assoluta, è un risultato da salutare con soddisfazione, considerando che anche noi abbiamo contribuito alla vittoria tra le Scuderie”.


(Tagliabue - Franchin premiati)
 
Sorprendente anche la prestazione del diesse della Abs Sport, Ivano Tagliabue, in gara con Fabio Franchin con la Peugeot 106. Per loro è arrivato un bel 47° posto assoluto e il 5° di classe N2, la più numerosa con oltre venti vetture al via.
Afferma Tagliabue: “Non sono contento ma stra contento di questo risultato. Per me vale come la vittoria che ho ottenuto qualche anno fa nel rally di Como. E' stata una gara dura, ma abbiamo lottato fino alla fine senza mai cedere un attimo. Davanti c'erano piloti come Formolli che è stato campione nel trofeo Peugeot e nella Coppa Italia, per cui sono davvero soddisfatto. Poi vorrei ringraziare il mio navigatore Franchin, fantastico a spronarmi e a dettare i tempi giusti in ogni momento”.

In 48^ posizione assoluta si è classificato il comasco Paolo Milani in coppia con la giovane Sara Gilardoni. Il sesto posto di classe non li premia a sufficienza per quanto fatto in gara, conseguenza di un rallentamento nella prova di Valcava a seguito di alcuni problemi di pescaggio benzina della loro Renault Clio gruppo A.
Seguono in 56^ posizione assoluta e primi di classe A5 il calolziege Sergio Brambilla con la sorella Maria Rosa con la Peugeot 106, davanti al fratello Roberto alla guida di una vettura gemella ma gestita del team Julli, con la compagna – navigatrice Stefania Radaelli al debutto nei rally.

In 58^ posizione e 11° di classe R2 hanno concluso il valsassinese Walter Sanvito e Duilio Fronda con la Renault Twingo, condizionati da un passaggio sottotono nella prova di Valcava 2. Seguono in 59^ posizione l'esordiente Fausto Adamoli e Roberto Cerea con la Peugeot 106 del team Vassena, ottavi di classe. Alle loro spalle si sono classificati Cosimo Palmisano, navigato da Pietro Mazzoleni, costretti ad una penalità di 5' per un ritardo ad un C.O. perché la loro Peugeot 106 si era improvvisamente spenta, quand'erano secondi di classe a rally oramai finito e alla fine classificati al 5° posto nella A6.
All'arrivo anche Salvatore Agnello e Rita Guiotto, ottimi secondi nella classe N1 con la Peugeot 106, portando così punti preziosi per il successo della scuderia.

Tra i ritirati figurano Rosario Iannello e Luciano Piazza (Peugeot 106), fermi a metà gara quand'erano al 5° posto nella N2, mentre Mattia Nava e Valerio Brunito praticamente non sono partiti per problemi alla centralina della loro Citroen Saxo. Out anche Fabio Terraneo e Alberto Spiga per una leggera toccata nell'ultima prova mentre erano in lotta per il podio della A6 con la Citroen C2. Non sono invece partiti Giuseppe Mozzanica e Roberto Riva (Renault New Clio) per un improvviso problema di salute del pilota.
G.C.






------------------------------------------------------------------------------------------------------------





Sabato 3 giugno torna il Rally Aci Lecco
La corsa sarà in versione RallyDay e prevede cinque prove speciali distribuite tra i tre passaggi della speciale Calolzio/Carenno e i due della Valcava. Partenza della prima vettura da Calolziocorte alle 9.31, arrivo a Malgrate lungolago alle 17.21

Lecco - Ritorna dopo alcuni anni di assenza il Rally Aci Lecco, in programma sabato 3 giugno con partenza da Calolziocorte e arrivo a Malgrate. La corsa è organizzata dalla valtellinese Promo Sport Racing in collaborazione con l’Aci Lecco.
Da un'idea del commissario sportivo regionale Pierluigi Donadoni, il direttore dell'Automobile club Lecco Roberto Conforti ha deciso di riportare in auge il rally lacustre coinvolgendo il rodato gruppo sondriese della Promo Sport Racing che ha organizzato con successo il Rally Coppa Valtellina degli ultimi tre anni e che quindi sarà al timone di questa gara.
Il 13° Rally Aci Lecco si svolgerà sabato 3 giugno sfruttando il venerdì 2 (Festa della Repubblica) per le operazioni preliminari. Per demarcare una linea differente rispetto al passato, per provare a coinvolgere maggiormente una fetta di territorio provinciale spesso omessa e per evitare sovrapposizioni con eventi già messi a calendario dall'amministrazione comunale di Lecco, l'edizione numero 13 del rally avrà come basi le cittadine di Calolzio Corte e Malgrate che si affacciano rispettivamente sul ramo orientale del Lario e sul lago di Garlate, a Sud della Provincia a confine con il territorio bergamasco.
La corsa si svolgerà sottoforma di RallyDay e prevede cinque prove speciali distribuite tra i tre passaggi sulla Carenno ed i due della Valcava: entrambe le “piesse” arrivano a misurare 7,00 chilometri e porteranno al raggiungimento di 35 chilometri cronometrati nel panorama totale di 168,4 di gara.

Siamo grati del coinvolgimento da parte degli ideatori Donadoni e Conforti - commenta il presidente della Promo Sport Racing Danilo Colombini - e siamo all'opera da alcuni mesi per mettere insieme tutte le condizioni necessarie al fine di ottenere un rally degno della nomea lecchese. Per il primo anno, dopo il lungo stop, ci sembrava giusto partire come rallyday per poi poterci ingrandire una volta visti i risultati: gli sforzi per imbastire e coordinare una gara fuori dai nostri confini provinciali non è mai facile ma a noi della Promo le sfide sono sempre piaciute”.
All'interno del rally è stato indetto il trofeo Valle San Martino che darà risalto alle amministrazioni comunali coinvolte nella gara: ogni vettura verrà abbinata a Carenno, Calolziocorte, Erve o Torre de
Busi e al termine della gara le prime cinque vetture classificate stabiliranno quale “comune” avrà prevalso in questa speciale graduatoria.
La partenza avverrà alle ore 9.31 di sabato 3 giugno da Calolziocorte; dopo il primo bis di prove (Carenno alle 9.47 e Valcava alle 10.18), i concorrenti entreranno in riordino alle 11.33 mentre in assistenza alle 12.38. Seguiranno altri due stage (alle 13.24 la Calolzio/Carenno2 e alle 13.55 la Valcava) e dopo un altro passaggio al riordino ed in assistenza, le auto affronteranno l’ultimo crono sulla Calolzio/Carenno alle ore 16.31. L’arrivo sarà sul lungolago di Malgrate dalle ore 17.21.
Sono 94 gli equipaggi iscritti. Suggestivo l’elenco partenti dove torneranno a sfidarsi Paccagnella, Silva e Paroli mattatori delle edizioni d’oro. La scuderia Abs Sport sarà rappresentata da ben 15 equipaggi. Apripista d’eccezione sarà Luca Rossetti.
G.C.




---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



La scuderia Abs Sport 
al via del Rally di Lecco con 15 equipaggi
Si presenta al via del rally lecchese con il record di partecipazione in una singola gara per la scuderia Oggionese. Obiettivo del team il podio di scuderia e nelle varie classi
Oggiono - Dal Rally Mille Miglia al Rally Aci Lecco la Scuderia Abs Sport è sempre in prima linea. Partendo dal prestigioso rally bresciano, il giovane pilota di Eupilio Tommaso Paleari ha colto un bel successo nella classe R1TN alla guida della Mini Cooper S del team Elite Motorsport con a fianco l'esperto brianzolo Paolo Garavaglia.
Dice Tommaso sulla gara: “Siamo davvero contenti di questo successo nel rally bresciano. Devo dire che sto acquisendo sempre più feeling con la vettura. La Mini Cooper l'ho trovata molto facile da guidare anche in un rally impegnativo e con strade tortuose come il Mille Miglia. Più che la vittoria di classe, siamo soddisfatti per il 26° posto assoluto in un gara con 100 partenti, lasciando alla spalle diverse vetture più potenti. Dopo l'Elba e il Mille Miglia siamo messi bene anche nel campionato italiano Wrc, ma per il momento non pensiamo alla classifica ma a disputare più gare possibili”.

Mentre Paleari e Garavaglia erano impegnati nel rally bresciano la scuderia oggionese radunava allo Moregallo Sporting Club piloti, navigatori e soci per presentare gli equipaggi presenti al Rally Aci Lecco, in programma sabato 3 giugno.
Vernissage giustificato dalla partecipazione record di una quindicina di equipaggi al via del rilanciato rally lecchese. L'evento, organizzato in collaborazione con la scuderia dal pierre valsassinese, ex navigatore e ora pilota Fausto Adamoli, ha visto protagonisti nei ruoli di presentatori il pilota Marco Paccagnella e il diesse Ivano Tagliabue. Oltre a presentare gli equipaggi della scuderia oggionese, Paccagnella e Tagliabue si addentrati nel programma dell'atteso della rally lecchese, che parte da Calolziocorte alle ore 9.31 e arriva a Malgrate lungolago alle 17.21.


(Il gruppo degli equipaggi Abs Sport al via del rally lecchese)

Ma vediamo lo squadrone Abs Sport al via del Rally Aci Lecco 2017.
Con il n° 5 saranno al via il quotato barziese Nicolaj Ciofolo, per la prima volta in gara con l'impegnativa Renault Clio Super1600 della New Motor, con a fianco l'esperto navigatore brianzolo Matteo Sala.
Siamo tesi, non lo nascondiamo. E' la prima volta che guidiamo questo tipo di macchina e anche se la Clio un po' la conosciamo visto che abbiamo provato la versione N3, con la Super 1600 siamo al debutto. Le aspettative sono tante, speriamo di far bene, comunque siamo fiduciosi”, afferma il barziese Ciofolo.
Con il n° 11 il lecchese Marco Paccagnella e l’assese Davide Bozzo si presentano alla partenza con una delle ultime evoluzioni della Mitsubishi Lancer Evo IX in versione N4. Curriculum di spessore per Paccagnella e numerose le affermazioni alle spalle, in particolare nel rally di Lecco.
Dice Marco: “Per questa edizione non ci presentiamo da favoriti, ma siamo molto agguerriti. Ci teniamo a fare bella figura nel rally di casa. In particolare siamo certi che faremo una bella prova nel passaggio di Valcava, speciale che si adatta alle caratteristiche della nostra vettura. E' un rally breve ma intenso e spettacolare”.
Con il n° 27 partirà il rientrante olginatese Giuseppe Mozzanica navigato dal comasco Roberto Riva sulla Renault New Clio della Futura Sport.
Sono quattro stagioni che non gareggio, ma il rilancio del Rally Aci Lecco è anche per me l'occasione di rimettermi al volante. Sarà dura perché dovrò trovare il ritmo gara, ma sono fiducioso di poter dire la mia. La prova che porta a Carenno è quella di casa e l'obiettivo è fare bene soprattutto in questa speciale”, dice Giuseppe.
Con il n° 36 sarà al via la nuova coppia comasca formata da Paolo Milani e Sara Gilardoni con la Renault Clio Williams in versione A7.
Afferma Paolo:“Voglio fare bene nel rally di Lecco, per me ma anche per dare una soddisfazione al presidente Bianco che sogna la Coppa di Scuderia nel rally di casa. Le prove mi piacciono molto, speriamo di trovare subito un buon feeling con la vettura e la mia nuova navigatrice. L'obiettivo è il podio di categoria”.
Con il n° 41 saranno al via Gianluigi Pittano e il veterano Giovanni Frigerio con la Citroen C2 in versione gruppo A. Equipaggio di provata esperienza che punta a fare bene anche nel rally lecchese.
Belle strade e speciali impegnative. La prova di Carenno, con diversi cambi di direzionalità e con passaggi in centro paese, mi piace molto. Non nascondiamo che il nostro obiettivo è la vittoria di classe. Abbiamo buone potenzialità per farcela, per cui siamo fiduciosi”, dice Pittano.
Con il n° 42 sarà al via il pilota di Cortenova Walter Sanvito, per l’occasione navigato da un altro valsassinese, Duilio Fondra, sulla Renault Twingo di R2.
Dice Sanvito: “Parto molto più convinto di poter dire la mia dopo gli ultimi test fatti. Test utili soprattutto per le mie condizioni fisiche per via di un'operazione al collo fatta ad inizio anno. La Twingo è una vettura adatta al percorso del rally lecchese, per cui anche noi aspiriamo a fare bene nella nostra classe”.
Con il n° 75 sarà in gara il valmadrerese Cosimo Palmisano in coppia con Pietro Mazzoleni sull'abituale Peugeot 106 di classe A6. Oltre trent'anni di stagioni alle spalle e oltre 40 vittorie conquistate, Palmisano si presenta al via del rally lecchese con il solito entusiasmo di un ragazzino.
Per prima cosa vediamo di divertirci e far divertire gli appassionati, ma nello stesso tempo cercheremo di lottare per il successo di classe con il nostro compagno di scuderia Nava, ragazzo giovane e veloce. Sara una bella lotta”, dice Palmisano.
Con il n° 76 sarà al via il pilota di Canzo Mattia Nava con Valerio Brunito sulla Citroen Saxo gruppo A. Afferma Nava:“La prova di Carenno ci piace, ma si dovrà fare bene anche nella speciale di Valcava per emergere. Sarà una bella lotta con il nostro maestro Palmisano, ma prima di tutto vedremo di divertirci in un rally davvero bello”.
Con il n° 78 parte il comasco Fabio Terraneo in questa occasione navigato dall'esperto Alberto Spiga sulla Citroen gruppo A.
E' per noi una gara nuova, ma vedremo di farci trovare preparati. Il rally presenta delle speciali belle e spettacolari che ci piacciono molto”, dice Fabio.
Con i numeri 82 e 83 saranno in gara i fratelli olginatesi Roberto Brambilla in coppia con la compagna Stefania Radaelli e Sergio Brambilla in coppia con la sorella Mariarosa. Le vetture sono le Peugeot 106 classe A5. Piloti di provata esperienza, i fratelli olginatesi non hanno nascosto che sarà un bella lotta in famiglia, con al seguito tanti familiari a fare da assistenti e sostenitori.
Con il n° 84 è al via Rosario Ianello con Luciano Piazza sulla Peugeot 106 in versione N2.
Dice Rosario: “Siamo in gara in una classe con ben venti vetture e tanti piloti di esperienza e qualità. Le aspettative sono tante, vedremo di farci trovare preparati”.
Con il n° 91 sarà al via anche il diesse della scuderia Ivano Tagliabue con il promettente Fabio Franchin alle note sulla Peugeot 106 di N2 del team Saldarini.
Afferma Tagliabue:“Siamo nella classe più difficile del rally lecchese, per cui le motivazioni non mancano di certo. Partiamo fiduciosi e perché no anche agguerriti. Vogliamo correre senza pensieri di classica, con l'obiettivo comunque di fare bene”.
Con il n° 95 è al via l’esordiente di Tremenico Fausto Adamoli con Roberto Cerea alle note sulla Peugeot 106 di N2 del team Vassena Car.
A fare il navigatore per anni a piloti esperti come Butti e Cambiaghi ho avuto modo di imparare anche un po' di tecnica di guida, ma non ancora avuto modo di mettere in pratica le esperienze passate. Adesso avrò l’occasione giusta, in un rally impegnativo ma bello”.
Con il n°107 saranno alla partenza Salvatore Agnello e Rita Guiotto con la Peugeot 106 rally di classe N2 e l'obiettivo di fare bene nella affollata classe.
Quindici equipaggi alla partenza in un rally, un record di partecipazione per l'Abs Sport in una singola gara, con il presidente Beniamino Bianco che per l'occasione seguirà il rally dalla parco assistenza, con il sogno di poter conquistare la Coppa di Scuderia nel rally di casa.
G.C.




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------




Le moto tornano all'Autodromo di Monza 
con una due giorni di gare d'accelerazione e sfide
Sabato 20 e domenica 21 maggio torna The Reunion, protagoniste moto cafe racer, scrambler, speciale e classiche. E centinaia di Lambretta per il 70° anniversario

Monza - Tornano le moto all'Autodromo di Monza sabato 20 e domenica 21 maggio. Gli appassionati di moto cafe racer, scrambler, special e classiche avranno di che divertirsi in occasione della terza edizione di The Reunion. L'evento è dedicato ai motociclisti che amano la velocità, l'emozione e l'estetica delle moto classiche. I centauri potranno mettersi alla prova in sfide di accelerazione, ammirare i nuovi modelli sul mercato o più semplicemente trascorrere una giornata all'insegna del particolare stile di vita delle due ruote.
La TAG Heuer Sprint Race, gara di accelerazione uno contro uno a eliminazione diretta sull'ottavo di miglio, sarà uno dei momenti clou di The Reunion. Si sfideranno tre categorie di moto: le Cafe racer, le Sprint Xtreme (con motori a benzina frazionati raffreddati a liquido a cilindrata illimitata) e le Mighty 50s (con motori a scoppio con cilindrata massima di 50cc). Inoltre per la prima volta, il campionato europeo di accelerazione per moto vintage Sultan of Sprint farà tappa a Monza con team provenienti da tutto il Continente e dal Giappone.

(foto © Andrea Pugiot)
 
Arricchiranno il programma anche la prima tappa di un torneo triangolare di velocità che vedrà otto piloti italiani sfidare francesi e tedeschi, la seconda tappa del Campionato Nazionale Sprint Race FMI 2017 e La Domenica Sportyva, gara per Harley-Davidson Sportster, 883 e 1.200 a inviti per 16 piloti, con la collaborazione di Lowride. Per gli amanti dello sterrato, imperdibile la Outburn Dirt Race sull'ovale appositamente allestito nel circuito dove si sfideranno le moto enduro e lo Deus Swank Rally, campionato di fuoristrada per moto vintage e special tassellate.
Decine di Vespa e Lambretta faranno il loro ingresso in pista sabato dalle 12.45 per il raduno 70° Lambretta Anniversary World Rally organizzato dal Lambretta Club Lombardia. Per tutta la durata dell'evento, The Reunion sarà animato da una line up di food truck, a bordo anche alcuni celebrity chef con una proposta di street food gourmet preparati per l'occasione.
L'ingresso sabato e domenica è gratuito, parcheggi interni al circuito a pagamento (moto a 5 euro, auto a 10 euro). Ulteriori informazioni sul sito www.monzanet.it oppure www.thereunion.it per seguire l'evento in tutte le sue fasi.
G.C.




---------------------------------------------------------------------------------------------------------------




I Prototipi del campionato ELMS
in pista all'Autodromo di Monza
Dal 12 al 14 maggio è in programma il secondo appuntamento della ELMS con ben 36 vetture in pista. Qualificata la presenza dei piloti lariani in cui spicca la famiglia da corsa Roda con ben quattro componenti in tre differenti categorie

Monza - I Prototipi tornano protagonisti della scena all’Autodromo Nazionale di Monza. Dal 12 al 14 maggio è infatti in programma il secondo appuntamento del campionato europeo ELMS, che a fine marzo sul tracciato brianzolo fece le prove generali. Allora fu più veloce una Ligier, vettura che si è imposta anche nella prima stagionale a Silverstone.
Ben 36 auto sono iscritte nelle tre categorie riservate a Prototipi e Gran Turismo, con numerosi piloti, team e vetture italiani, con una marcata presenza lariana. Nel week end sono in prograamma altre cinque gare di tre prestigiose serie: Michelin Le Mans Cup, TCR International Series, World Series Formula V8 3.5.


 (Panoramica delle vetture al via della ELMS; foto: Jakob Ebrey Photography)

A fine marzo quando in Autodromo sfrecciarono per i test ufficiali le vetture dell’European Le Mans Series (14 ore di prove, di cui 2 molto suggestive in notturna) gli appassionati rimasero entusiasi e dopo quasi quaranta giorni potranno ora vivere nuove emozioni con la “4 Ore di Monza”, il secondo appuntamento stagionale dopo l’esordio di Silverstone.
Nel fine settimana sono attese a Monza ben 36 vetture: 12 LMP2, 17 LMP3 e 7 LMGTE. L’ELMS, naturale serie di preparazione per piloti che ambiscono al campionato mondiale WEC, propone infatti tre categorie: i prototipi LMP2 (la serie cadetta della categoria superiore, mondiale LMP1, riservata a team privati che utilizzano motori Gibson e telai Dallara, Onroak Automotive, Oreca e Riley Tech/Multimac ), i prototipi della categoria LMP3 (la serie che rappresenta il primo gradino verso il sogno Le Mans con vetture dotate di motore Nissan con telai e carrozzerie di vari produttori, in particolare Ligier e Norma) e le Gran Turismo della categoria LMGTE derivate di vetture stradali di serie: Ferrari F488 e F458, Porsche 911, Aston Martin Vantage e Chevrolet Corvette.

Tanti i motivi di interesse. Innanzitutto il veder sfrecciare nel Tempio della Velocità le LMP2 che grazie a nuovi chassis e motori più potenti quest’anno stanno registrando notevoli prestazioni: nei test monzesi la Oreca 07 del team Graff dell’australiano James Allen toccò i 314.9 Km/h, velocità a livello delle LMP1 in gara nella 1000 Km di Monza del 2008 (ultima presenza dei Prototipi in Autodromo). Poi un campionato che nella sua prima tappa ha offerto un avvincente duello fino all’ultimo giro fra Ligier e Oreca per la vittoria e con una Dallara che al suo debutto ha conseguito già un gratificante terzo gradino del podio. Attesi quindi in Brianza per una riconferma innanzitutto il team United Autosport con William Owen-Hugo de Sadeleer-Filipe Albuquerque, primo in Inghilterra con la Ligier JSP217, poi il G-Drive Racing (campioni 2016) con Memo Rojas, Ryo Hirakawa e Léo Roussel, secondo con la Oreca 07, e l'High Class Racing, terzo con la Dallara P217 guidata da Dennis Andersen-Anders Fjordbach. Molto interesse per il team italiano presente nella categoria maggiore, ossia il Cetilar Villorba Corse che corre con una Dallara P217 affidata a tre piloti di casa: Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi.

La presenza tricolore è complessivamente molto nutrita a livello di piloti, vetture e team, con ben quattro componenti della famiglia lariana da corsa Roda nella ELMS. Nella LMP2 è presente con ambizioni di assoluta  Andrea Roda (Ligier dell’Algarve Pro Racing), campione 2017 della omonima serie ALMS. Nella LMP3 corrono, per il team statunitense Eurointernational, Andrea Dromedari, Giorgio Mondini e il comasco Davide Uboldi (Ligier), mentre Maurizio Mediani corre per l’austriaco AT Racing (Ligier). Il team Oregon con una Norma M30 ha come piloti Davide Roda (fratello di Gianluca e zio di Andrea e Giorgio) e Andrea Capitanio. Fra le Gran Turismo spiccano tre vetture del Cavallino: la numero 51 dello Spirit Of Race è condotta da Gianluca Roda e Giorgio Roda, padre e figlio, con Andrea Bertolini a completare l'equipaggio. Da segnalare anche la presenza di un altro comasco di spicco, Matteo Cairoli, che guiderà la Porsche 911 RSR del team Proton Competition.

Il programma della ELMS  prevede venerdì e sabato prove libere e qualifiche, mentre la gara è in programma domenica con partenza alle 13.30. Domenica vi sarà anche il pit walk (9.30/10.30) e la sessione autografi (9.45/10.15) per tutti gli appassionati. Nel fine settimana monzese saranno protagonisti altri tre prestigiosi campionati: La Michelin Le Mans Cup (gara sabato dalle 16.45 alle 18.45), TCR International Series (gara 1 sabato dalle 14.30 alle 15.00, gara 2 domenica dalle 10.50 alle 11.20), World Series Formula V8 3.5 (gara 1 sabato dalle 15.25 alle 16.10 e domenica dalle 11.50 alle 12.35). Ingresso 10 euro valido per tutte le tribune.
G.C.



--------------------------------------------------------------------------------------------------------



Monza, lo show è riservato al mondiale WTCC
Dopo lo spettacolo del mondiale GT dal 28 al 30 aprile è di scena il campionato
riservato alle Turismo, con 2 gare alla domenica. Nel week end sarà protagonista
anche il Fia Formula 3 con in pista i figli d'arte Mick Schumacher e Pedro Piquet

Monza - Da uno show all'altro. Dopo le spettacolo e le emozioni del Blancpain GT Series dello scorso week end, il ricco calendario sportivo 2017 dell’Autodromo Nazionale Monza propone per questo fine settimana dal 28 al 30 aprile il ritorno del WTCC (World Touring Car Championship).
Era il mese di marzo del 2013 quando in un piovoso fine settimana il plurivincitore della serie Yvan Muller (4 volte campione mondiale Wtcc) si impose con la sua Chevrolet in entrambe le gare che si disputarono sul circuito brianzolo (bissando, fra l’altro, la doppia affermazione dell’anno precedente). A distanza di quattro anni ritorna quindi il campionato Fia che ha una lunga tradizione a Monza, sin dalla stagione inaugurale del 1987 proseguita poi nella nuova era iniziata nel 2005.
Protagoniste nel week end saranno 16 vetture (con le iridate Citroen C.Elysée, vincitrici delle ultime tre edizioni, vi saranno Honda Civic, Chevrolet RML Cruze TC1, Volvo S60 Polestar, Lada Vesta) condotte da piloti di dieci nazionalità.

Il campionato, che quest’anno prevede 10 appuntamenti anziché i 12 delle ultime stagioni, ha preso avvio tre settimane fa in Marocco sul circuito di Marrakech dove si sono distinti, in particolare, Honda e Chevrolet, portate alla vittoria nelle due gare, rispettivamente, dal portoghese Tiago Monteiro (Castrol), autore anche della pole, e dall’argentino Esteban Guerrieri (Campos Racing). Bene anche l’ungherese Norberto Michelisz con l’altra Honda del Castrol Team e l’olandese Nicky Catsburg con la Volvo Polestar. Si attende una riscossa da parte delle Citroen (miglior risultato in Marocco un terzo posto con il pilota di casa Mehdi Benanni) che, fra l’altro, ottenne i migliori tempi con il britannico Rob Huff (Al-Inkl.Com Muennich Motorsport) nei test di metà marzo a Monza. Huff è atteso anche perché può vantare nel suo palmares già due vittorie in Brianza (nel 2011 su Chevrolet). Il programma prevede le varie sessioni di qualifica nella giornata di sabato, mentre le gare si svolgeranno domenica con partenza alle 12.15 (9 giri) e alle 14.15 (11 giri).

Nel fine settimana sarà protagonista anche il FIA Formula 3, la serie propedeutica che tanti grandi campioni ha introdotto ai vertici dell’automobilismo internazionale, sia nel campionato continentale, sia nelle molte versioni nazionali. Nell’albo d’oro dei campioni europei, accanto ai nomi di Alain Prost, Michele Alboreto e Riccardo Patrese, troviamo anche quello di Ivan Capelli: “Ebbi modo di affermarmi nel 1983 a livello nazionale e nel 1984 a livello continentale, vincendo anche la gara di Montecarlo”, sottolinea l’attuale presidente di AC Milano. “Come allora anche oggi, nonostante le formule propedeutiche si siano negli anni moltiplicate, la Formula 3 è la categoria che più di altre risulta imprescindibile per un pilota per effettuare il salto di qualità”.

Fra la ventina di giovani promesse, alla guida di vetture Dallara F317 motorizzate Mercedes-Benz o Volkswagen, spiccano i figli d’arte Mick Schumacher e Pedro Piquet. Sicuri protagonisti saranno i vincitori delle prime tre gare stagionali: i britannici Lando Norris (il più veloce nei test svoltisi ieri sotto una pioggia battente e ben conosciuto a Monza per una brillante affermazione l’anno scorso nella Formula Renault 2.0) e Callum Ilott, unitamente allo svedese Joel Eriksson. Tre piloti per tre team differenti che puntano al titolo: rispettivamente, Carlin, Prema Powerteam e Motopark.
Si attendono conferme anche dagli altri piloti andati a podio a Silverstone, a dimostrazione di una lotta molto aperta: il britannico Jake Dennis (Carlin), il tedesco Maximilian Guenther (Prema Powerteam), il britannico Jake Hughes (HitechGP). Nel lotto dei partecipanti anche Ferdinand Habsburg (Carlin), pronipote dell’ultimo imperatore d’Austria, reduce dalla positiva stagione in Euroformula Open. Tre gare (di 33 minuti + 1 giro) previste sabato, con partenza alle 11.05, e domenica, il via alle 11.00 e alle 15.15.

Altra interessante serie formativa è il Campionato di Francia Formula 4 che quest’anno prevede tre round su sette fuori dai confini nazionali: Monza, secondo appuntamento, è uno di questi e ha in programma le tre gare (20 minuti + 1 giro) sabato con partenza alle 13.15 e alle 17.35, mentre domenica il via sarà alle 16.25, ultima competizione del fine settimana. A bordo di monoposto Signatech motorizzate Renault, una ventina di piloti a caccia del titolo che vale l’inserimento nella Renault Sport Academy. Galvanizzati giungono a Monza i vincitori della prima tappa di Nogaro: il francese Victor Martins, vincitore di gara 1 e 3, e il messicano Javier Gonzales, vincitore di gara 2.
Monza rappresenta invece la gara inaugurale per il FIA European Touring Car Cup, campionato che comprende sei tappe: tredici le auto comprese nella entry list (Seat Leon Cup Racer, Honda Civic, Audi RS3 LMS) che si contenderanno la vittoria in due gare (su 9 giri) previste domenica con partenza alle 9.00 e alle 10.05. Ulteriori news su www.monzanet.it per avere in tempo reale aggiornamenti su prove e gare.
G.C.



-----------------------------------------------------------------------------------------------------------



Monza ospita l'apertura 2017
del Lamborghini Super Trofeo Europa
Il debutto stagionale vede una presenza di quasi 20 team e circa 40 vetture. 
Tra gli iscritti anche il lariano Davide Roda con il team Antonelli Motosport

Monza - Un calendario di sei appuntamenti, 12 gare in totale e l'apertura 2017 come da tradizione a Monza: il Lamborghini Super Trofeo Europa si appresta a tornare in pista. Sul circuito brianzolo prenderà il via questo fine settimana (21, 22 e 23 aprile) la nona edizione del monomarca che vede protagoniste le vetture della Casa di Sant'Agata Bolognese. I primi cinque round si svolgeranno nel contesto degli stessi weekend della Blancpain GT Series, il prestigioso campionato di SRO Motorsports che debutta a Monza con oltre 50 vetture al via. L'epilogo del trofeo Lamborghini è previsto a Imola, in abbinamento con la Finale Mondiale che dopo quattro anni torna a disputarsi in Italia. Anche quest'anno nel Lamborghini Super Trofeo Europa sono riconfermate le quattro classi PRO, PRO-AM, AM e Lamborghini Cup, offrendo un parterre internazionale e di alto livello. Diverse sono anche le novità, con una presenza di quasi 20 team e circa 40 vetture.

Nella classe maggiore l'attenzione è rivolta in particolare ai giovani, vera linfa vitale delle competizioni Lamborghini, che ad essi ha dedicato un percorso di crescita istituendo gli Youngster Programs. Un percorso di crescita che coinvolge anche i team e ritrova nelle quattro serie continentali del Lamborghini Super Trofeo (Europa, Asia, Nord America e Middle East) una "corsia preferenziale" per espandersi nei principali campionati Gran Turismo in tutto il mondo, come recentemente testimoniato dall'impegno internazionale con la Huracán GT3 di alcune squadre che hanno maturato esperienza nel monomarca.
Da evidenziare è anche il continuo ricambio di protagonisti, partendo dalla classe PRO, che sarà un vero terreno di confronto fra tre illustri figli d'arte. Due di questi si alterneranno al volante della stessa vettura, quella della Bonaldi Motorsport, che farà debuttare nella categoria il diciottenne brasiliano Pedro Piquet (suo padre Nelson ha conquistato tre titoli iridati di F.1 tra il 1981 e il 1987) ed il venezuelano Johnny Cecotto Jr., figlio dell'ex pilota di F.1 e campione delle due ruote Johnny Alberto. Piquet nelle ultime due stagioni è stato protagonista nel FIA Formula 3 European Championship e precedentemente ha vinto due titoli brasiliani della categoria. Cecotto ha militato per diversi anni nella GP2 Series e ha svolto anche alcuni test in F.1 con differenti squadre.

Tra le "new entry" c'è quella del diciassettenne Jonathan Cecotto, fratello di Johnny Cecotto Jr., al debutto con la Imperiale Racing al fianco dell'esperto Vito Postiglione, il quale dopo avere lottato lo scorso anno per il titolo fino all'ultimo è pronto a rinnovare la sfida sempre con i colori della squadra di Ivano Pignatti. Alto il livello ancora nella PRO, con la confermata presenza di Rik Breukers e Axcil Jefferies (18 e 22 anni), che dopo avere vinto il titolo del Lamborghini Super Trofeo Middle East con la GDL Racing a inizio anno, puntano con la stessa squadra anche a quello della serie europea in cui il primo dei due nel 2016 ha già sfiorato il successo tra i PRO-AM.
Inedito il binomio del team Antonelli Motorsport, che ha riconfermato tra le sue fila Loris Spinelli, campione della PRO-AM nel 2015, il quale si alternerà al volante con il ventiquattrenne canadese Mikaël Grenier, con esperienze nella Indy Lights americana e al proprio esordio nel Super Trofeo. Nella stessa classe PRO, tra le novità c'è quella del duo del VS Racing formato dal brasiliano Raphael Abbate, già campione della F.3 sudamericana, e dal giapponese Yuki Nemoto, che con la squadra di Vincenzo Sospiri ha accumulato esperienza lo scorso anno nel Campionato Italiano Gran Turismo, centrando quattro vittorie con una Huracán Super Trofeo.

Nella PRO-AM uno degli equipaggi di punta del team Konrad Motorsport è certamente quello dei tedeschi Hendrik Still e Paul Scheuschner, protagonisti anche loro nel Lamborghini Super Trofeo Middle East. Con il team Antonelli Motorsport ci sarà il 18enne Kikko Galbiati, che ha debuttato la scorsa stagione nel round conclusivo di Valencia centrando subito la vittoria tra gli AM e il quale si alternerà al volante con il lariano Davide Roda, ad Abu Dhabi lo scorso febbraio vincitore della gara inaugurale della serie mediorientale.
La prima delle due gare della durata di 50 minuti (con la partenza lanciata e il pit-stop obbligato riprenderà il via sabato alle ore 15.00, con Gara 2 in programma domenica alle ore 11.20. Venerdì si svolgeranno i due turni di prove libere da un'ora ciascuno. Sempre sabato sono in programma le due sessioni di qualifica di 20 minuti che definiranno ciascuno dei due schieramenti.
G.C.



--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
  


Il Brianza MotorShow si presenta con diverse novità 
Nel week end del 18 e 19 marzo torna la kermesse lariana dedicata ad auto e moto con numerose anteprime e numerosi eventi. Un centinaio gli espositori

Erba – Torna l'evento spettacolo dedicato ai motori a Lariofiere di Erba. Si presenta così la 5^ edizione di Brianza MotorShow, evento dedicato alle due e quattro ruote in programma sabato 18 e domenica 19 marzo presso il centro espositivo Lariofiere di Erba, presentato ieri presso la sede dall’Aci Como. Una kermesse in cui spazieranno le ultime novità di prodotto, esposizioni di modelli da gara e tanti show. Arricchiti da test driver, corsi guida, esibizioni agonistiche. E alle 14 di sabato, ospite d’eccezione del BMS, sarà presente Loris Capirossi. Il campione romagnolo, attualmente componente della Race Direction della MotoGP, visiterà la fiera e sarà disponibile ad incontrare i fan per autografi e scattare qualche selfie.
Novità anche nell’organizzazione dell’evento con al vertice il nuovo direttore generale Giuseppe Lorito: “Per me si tratta di un emozionante debutto alla guida di questa prestigiosa manifestazione – afferma il direttore Lorito -. Stiamo lavorando anche in questi giorni di vigilia per presentare un’edizione con tanta adrenalina, campioni, super ospiti e tanto intrattenimento per tutti. Puntiamo sempre molto sul mercato. Proponiamo un’offerta davvero ricca, completata da numerosi eventi per il pubblico”.

A ribadire quanto detto, il BMS 2017 propone 6 anteprime auto e 10 anteprime moto. In anteprima nazionale i modelli Volkswagen Golf, Infinity Q60, Mercedes Classe E All terrain, Alfa Romeo Stelvio, Skoda Kodiaq, Kia Rio, Hunday I30. E poi la Peugeot 3008 appena insignita del premio "Auto dell'anno” al Salone di Ginevra.
Al Brianza MotorShow, che vanta una media di oltre 23 mila visitatori, saranno presenti un centinaio di espositori auto e moto e stand di moto custom, quad, camper ed accessori legati ai vari settori.
Grande novità del 2017, un’area dedicata a marchi prestigiosi come Infiniti, McLaren, Bentley, Maserati e Ferrari che quest'anno festeggia il 70° anniversario. Ad Erba saranno presenti due simulatori Ferrari e una F1 Ferrari (Show Car) per effettuare i Pit Stop con cambio gomme.
Per le moto sarà esposta la Yamaha M1 MotoGP 2017 con la livrea di Maverick Vinales e altre moto da corsa. Orari: dalle 10/24 sabato, 10/21 domenica.
G.C.




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------




I test collettivi di metà marzo del WTCC
aprono la stagione sportiva dell'Autodromo di Monza

Martedì 14 e mercoledì 15 in programma le prove e la presentazione del campionato

Monza - Dopo i primi test dei team privati di febbraio, stanno per accendersi ufficialmente i motori all'Autodromo Nazionale di Monza. Tra pochi giorni prende infatti l’avvio della stagione sportiva 2017, una stagione che presenta “il calendario migliore degli ultimi anni” come lo ha definito il presidente dell’AC Milano Ivan Capelli. Il primo appuntamento è previsto per le giornate di martedì 14 e mercoledì 15 marzo con i test del WTCC (World Touring Car Championship), il campionato FIA, alla sua diciassettesima edizione, che prenderà avvio fra un mese in Marocco (7/9 aprile) sul circuito di Marrakech e che prevede la sua seconda gara a Monza (nel fine settimana dal 28 al 30 aprile), prima di visitare altri continenti nelle 8 gare che si disputeranno - oltre che in Ungheria, Germania, Portogallo - in Argentina, Cina, Giappone, Macao, Qatar.
I test ufficiali di Monza (ingresso libero, parcheggio 10 euro auto, 5 euro moto) saranno anche l’occasione per la presentazione stampa del Campionato mondiale riservato alle vetture Tusrimo: i media potranno così conoscere vetture, livree e concorrenti che scenderanno in pista.

Il Campionato WTCC torna in Brianza dopo quattro anni: era la fine di marzo del 2013 quando, infatti, in un piovoso fine settimana, il plurivincitore iridato Yvan Muller (che per ben quattro volte si è aggiudicato in carriera il mondiale WTCC) si impose con la sua Chevrolet in entrambe le gare che si disputarono sul circuito brianzolo. Muller, secondo l’anno scorso in classifica generale preceduto dall’argentino José Maria Lopez (al suo terzo trionfo consecutivo), sarà uno dei protagonisti dei test monzesi nella sua nuova veste di preparatore per il Cyan Racing Team.

Il ritorno del WTCC è una delle molte novità della stagione 2017 dell’Autodromo Nazionale Monza: oltre alla riconferma di numerosi appuntamenti prestigiosi, su tutti ovviamente il Formula 1 Gran Premio d’Italia, quest’anno brillano anche la 4 ore dei prototipi della classe ELMS (EuropeanLe Mans Series) e il prologo del WEC (World Endurance Championship).
Prima di accendere i motori in pista ci sarà anche l'occasione per presentare ufficialmente il calendario sportivo sarà la cerimonia di assegnazione dei riconoscimenti agli sportivi 2016 dell’Automobile club Milano. Nella serata, in programma venerdì 10 marzo alle ore 18 presso la sede ACM di corso Venezia a Milano, si svolgerà anche una conversazione sui 70 anni della Ferrari: l’incontro “La nostra Monza rossa”, vedrà la partecipazione di Ivan Capelli, Pino Allievi, Tino Brambilla, Luca Dal Monte e Daniele Sparisci. Un serata all'insegna della passione e della storia dell'automobilismo.
G.C.




-------------------------------------------------------------------------------------------------------------




Due Giorni della Brianza, è qui lo spettacolo
Sabato 4 e domenica 5 marzo va in scena la 35^ edizione della classica d'apertura della stagione  trialistica. La gara si svilupperà tutta nell'oggionese, con oltre centoventi piloti alla partenza. Favorito d'obbligo Grattarola

Oggiono – Il grande trial sbarca di nuovo nel lecchese con la prestigiosa “Due Giorni della Brianza”, in programma sabato 4 e domenica 5 marzo a Oggiono, si appresta a festeggiare la 35^ edizione con una partecipazione di piloti di prim'ordine, all'insegna della tradizione di questa classica d'apertura della stagione outdoor. Su tutti spicca il pluricampione italiano Matteo Grattarola (nella foto sotto), che si presenta con l'obiettivo di allungare la striscia di successi nella gara brianzola. Il campione valsassinese sarà di nuovo in sella alla Gas Gas con i colori delle Fiamme Oro. A tentare il centrare il successo di prestigio ci sarà anche Luca Petrella in sella alla TRS. Entrambi i piloti lecchesi dedicheranno la loro partecipazione allo sfortunato Matteo Pigazzi, il giovanissimo pilota valsassinese scomparso nei giorni scorsi per i postumi di una caduta in moto.

In merito alle presenze annunciate dagli organizzatori del Moto club Monza, confermata la nutrita presenza di piloti francesi tra loro i nomi di Teo Colairò, Benoit Bincaz, Hugo Dufrese e Enzo Rossi. A questi si aggiungono Daniele Maurino, pilota delle Fiamme Oro, il neonato Team Montesa Sembenini sarà presente ad Oggiono con il suo top driver Francesc Moret, alla sua prima uscita con la 4 tempi spagnola accompagnato dal rientro in gara dei due fratelli Sembenini. Cosi come farà piacere agli appassionati rivedere per la seconda volta al via il campione del mondo enduro Alex Salvini, sperando che si diverta come lo scorso anno.

Il programma della DGDB 2017, che si svilupperà tutta nell'oggionese, con lo Sporting club Stendhal sede di partenza e arrivo, prevede per sabato 4 marzo le verifiche tecniche dalle ore 7.30 alle ore 10, a seguire la partenza primi piloti dalle ore 10.30. L'arrivo è previsto a partire dalle 15.30. Domenica 5 marzo supplemento delle verifiche tecniche dalle ore 7.30 alle 8, partenza dei primi piloti dalle 830 e arrivo dalle 15.30. In programma due giri con 10 zone controllate a giro.
Oltre centoventi i piloti attesi al via della gara, aperta a tutte le categorie. Nella serata di sabato è prevista anche una conferenza stampa per festeggiare il traguardo delle 35 edizioni di questa storica gara, ideata da Giulio Mauri. Nel corso della serata verrà premiato Carlo Fabbri, unico trialista ad aver partecipato a tutte le edizioni.
G.C.




---------------------------------------------------------------------------------------------------------------




Scuderia Abs Sport, premi e applausi
per un anno di successi nei rally e in pista
L'associazione oggionese si è ritrovata per la tradizionale festa sociale e la presentazione della nuova stagione che coinciderà con il decennale del team

Oggiono - Tradizionale festa sociale della scuderia Abs Sport, con un centinaio di persone che si sono ritrovate presso il ristorante Antico Borgo di Annone Brianza per festeggiare la stagione 2106 e presentare la nuova annata agonistica che coinciderà con il decennale della scuderia oggionese.
Di fatto il 2017 agonistico è peraltro già iniziato nel mese di febbraio con un doppio podio conquistato all'autodromo di Franciacorta da Terraneo – Bozzo nel Rally Circuit e da Giancarlo Maroni nel Formula Challenge. Piazzamenti significativi e di buon auspicio per la nuova stagione, che i dirigenti della Abs Sport si augurano siano in linea con le ultime annate sportive, dense di partecipazioni e di successi.
Continuare la crescita nel motorsport con nuovi debutti è l'obiettivo della scuderia.
A fare gli onori di casa il presidente Beniamino Bianco e il diesse Ivano Tagliabue, con la giovanissima navigatrice Chiara Brambilla valletta della serata.


Nel corso della conviviale sono stati ricordati con uno splendido video i 31 appuntamenti in cui hanno presenziato i piloti della scuderia. Momenti significativi, ricordati dagli stessi protagonisti. Ad iniziare dal rientrante pilota lecchese Marco Paccagnella che con il navigatore Fabio Franchin ha commento il brillante podio assoluto colto nel rally Ronde di Selvino. Grandi applausi anche per il tre volte campione italiano velocità autostoriche Loris Papa e per i rallisti Nicolaj Ciofolo e Rocco Bertucci per i loro successi di categoria nei rally.
Davvero tanti i protagonisti chiamati a ricordare la loro stagione 2016, da Antonella Gela a Fabio Terrano, quindi Danilo e Mattia Nava, Roberto e Gabriele de Rui, Cosimo Palmisano, Riccardo Riva, Paolo Milani, Walter Sanvito e Marco Maspes, i navigatori Giovanni Frigerio, Rita Guiotto, Luciano Piazza, Matteo Sala, Davide Bozzo e Aldo Brambilla.


Sono intervenuti anche i rallisti Luca Sassi e Roberto Saldarini, che dopo un paio di stagioni d'assenza dalle gare hanno annunciato il rientro per il 2017. Quando si dice che la passione per le corse è inesauribile. Tra i momenti della serata anche la votazione del pilota preferito tra gli stessi ospiti, e vincitori sono risultati a pari merito Antonella Gela e Fabio Terraneo.
Altro momento significativo della serata l’intervento di Paccagnella e Maurizio Vitali in qualità di ambasciatori del “Miky Motor Day”, evento a scopo benefico in programma ad Abbadia Lariana sabato 1 e domenica 2 aprile. La manifestazione organizzata in memoria del piccolo Michele Barra, grande appassionato di rally, coinvolgerà il mondo delle auto e delle moto, il cui ricavato sarà devoluto alla Pediatria Oncologica dell'Istituto dei tumori di Milano.
Già nel corso della serata dirigenti, soci e simpatizzanti della scuderia Abs Sport hanno organizzato una sottoscrizione a premi il cui ricavato verrà consegnato in occasione della manifestazione di Abbadia Lariana.
E ora spazio alla nuova stagione agonistica con i prossimi impegni che già incombono, riguardanti l'apertura del Varano Challenge Trophy e della Coppa Italia Rally a Varese con il tradizionale Rally dei Laghi.
G.C.




------------------------------------------------------------------------------------------------------------




Autodromo Nazionale di Monza, 
il 2017 propone un ricco
programma di eventi internazionali
Presentato il calendario sportivo definito da Ivan Capelli "il migliore degli ultimi anni". 
Il Gp d'Italia di F1 è in programma il 3 settembre, chiusura con il Monza Rally Show

Monza - La nuova stagione sportiva è oramai alle porte con i primi test in pista programmati ai primi di marzo, ma già è stato definito il calendario agonistico. E' stato presentato ufficialmente il calendario delle principali manifestazioni e attività che si svolgeranno all’Autodromo Nazionale Monza nel corso del 2017. Una stagione caratterizzata da una notevole ricchezza di eventi, determinata da molte autorevoli conferme e da grandi novità. Nonché da avvenimenti straordinari di portata eccezionale.
Primo fra tutti la Messa che verrà celebrata da Papa Francesco nell’area ex Ippodromo, quindi appena fuori dal perimetro dell’Autodromo, il 25 marzo. Poi, in particolare, un evento sportivo non motoristico: la partenza, il 28 maggio, dell’ultima tappa, una cronometro individuale, del Giro d’Italia Edizione 100.


Nel calendario delle gare di Monza, "il migliore degli ultimi anni", come lo ha definito il presidente dell’Automobile Club Milano, Ivan Capelli, oltre alla riconferma dell’appuntamento principe rappresentato dal Formula 1 Gran Premio d’Italia nel primo fine settimana di settembre, spiccano eventi come il WTCC (World Touring Car Championship) - a cui sarà abbinato l’Europeo di Formula 3 -, la 4 ore dei prototipi della classe ELMS (European Le Mans Series) e il prologo del WEC (World Endurance Championship), premessa quest’ultimo di un possibile ritorno della 1000 km di Monza. Riconfermate inoltre manifestazioni di grande prestigio come il Campionato GT Blancpain, il Ferrari Challenge, i campionati italiani targati Aci Sport.
A completare un’offerta di notevole varietà e importanza, le auto storiche della Monza Historic, il GT Open International Series con l’Euroformula Open, le gare Peroni e il gran finale rallystico autunnale: dopo l’appuntamento Vedovati Corse, l’immancabile entusiasmante Monza Rally Show che chiuderà come di consueto la stagione. Numerose anche le date riservate ad altri avvenimenti sportivi, a raduni, a esposizioni e a concerti musicali.
G.C.




----------------------------------------------------------------------------------------------------------------





A Bosisio torna il Campionato Italiano Motocross
Nell'anno del 40° di fondazione il MC Parini, che conta circa 180 iscritti tra soci e piloti, ospiterà a metà luglio sulla pista del Bordone una prova del tricolore MX1 e MX2. 
Nel calendario anche il tradizionale trofeo "Barzaghi" e diverse gare regionali

Bosisio Parini – Il 2017 è un anno speciale per il Moto club Parini, non solo perché festeggerà il 40° di fondazione, ma anche per il ritorno del Campionato Italiano Motocross classi MX1 e MX2 sulla pista del Bordone.
Un appuntamento che riporta la memoria ai momenti storici dell'impianto di Bosisio Parini, quando si sfidarono campioni non solo per il titolo italiano ma anche per l'europeo. Senza dimenticare le gare spettacolo organizzate dal club di Bosisio a scopo benefico a favore de La Nostra Famiglia.

 
Il dinamico presidente del Moto club, Walter Gaiardoni, da quarant'anni alla guida del sodalizio, dopo aver anticipato durante la conviviale di fine anno la gara tricolore, ora si è visto ufficializzare dalla Fmi la prova per il week end del 16/17 luglio sulla pista del Bordone, che per l'occasione si presenterà con un look rinnovato. La gara sarà la terzultima del campionato italiano e vedrà la partecipazione dei migliori piloti italiani.

Nel calendario 2017 è stato confermato anche il tradizionale trofeo interregionale “Barzaghi” di motocross, oltre ad altre gare promozionali di cross e enduro.
Meglio di così il club di Bosisio non poteva programmare la speciale stagione 2017, il premio più bello e meritato per tutto il sodalizio, che conta circa 180 iscritti e un numero cospicuo di collaboratori. E tante promesse come Lorenzo Corti, Alessandro Contessi e Riccardo Crippa, già arrivate al vertice nel cross e enduro nella scia dei tanti campioni sfornati dal Moto club Parini in quarantanni di attività.
G.C.




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------





La Scuderia del Portello festeggia
una stagione 2016 da incorniciare
Su tutti gli impegni e le numerose affermazioni della scorsa stagione spicca la partecipazione alla storica Pechino - Parigi con due Giulia Alfa Romeo condotte da Marco Cajani - Alessandro Morteo e Roberto Chiodi - Maria Rita Degli Esposti

Milano - La stagione sportiva 2016 della Scuderia del Portello si è rivelata densa di impegni soddisfazioni. Numerosi i protagonisti alle varie manifestazioni alla guida di Alfa Romeo con i colori della Scuderia del Portello, con la partecipazione alla Pechino - Parigi a rendere la stagione indimendicabile. Questo il "percorso" intrapreso dalla Scuderia del Portello, partito dal Museo dell'Alfa Romeo con le tradizionali premiazioni dei “Campioni”.
Non poteva esserci cornice migliore del rinnovato Museo Storico di Arese per la tradizionale Premiazione della nuova stagione 2017.
Il leitmotiv della stagione 2016 è stata la Pechino-Parigi. Oltre ai “Campioni Alfa Romeo”, Marco Cajani, insieme al Presidente Onorario Arturo Merzario, al Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni e al Vicepresidente di Aci Milano Geronimo La Russa, hanno premiato i soci della Scuderia, i partner istituzionali e gli enti patrocinanti l’evento, tra cui Coni, Aci Milano, Aci Sport, il Comune di Milano e il Comune di Seregno.

E' seguita la partecipazione alla Winter Race da parte dei soci Gianpaolo Casazza e Gianmarco Pinori, presenti con una Alfa Romeo Giulia TI Super del 1964.
Terzo appuntamento la presentazione della Pechino-Parigi presso piazza Città di Lombardia a Milano. La Scuderia del Portello ha realizzato un evento dedicato alla Giulia e patrocinato da Regione Lombardia. Oltre alle vetture che in seguito hanno preso parte alla “Pechino-Parigi”, affiancate dai rispettivi piloti, sono stati schierati esemplari di Giulia appartenenti al Registro Italiano Giulia. A raccontare la storia della Giulia si sono alternati sul palco Marco Cajani, Arturo Merzario, Elvira Ruocco e Marco Fazio. Padroni di casa, il Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni e il Vice presidente Fabrizio Sala.

Nove equipaggi internazionali con Alfa Romeo d’epoca per la “Targa “Classic” e due Sport Prototipo per la “Historic Speed” della Targa Florio, giunta alla sua centesima edizione. Frank e Edith Rameckers con una A.R. 1300 GT Junior e Mario ed Elsa Cajani su una Giulietta Sprint Veloce hanno regalato al club il podio di classe. Un risultato eccezionale anche per il “lady team” Bosch formato da Sara Fiandri e Giulietta Cozzi le quali, alternandosi alla guida della Giulietta Ti, si sono classificate prime tra gli equipaggi della Scuderia del Portello.

Alla 10° edizione del GP de Monaco Historic non è andata bene a Ross Zampatti, che guidava per la seconda volta a Monaco la De Tomaso F.1 motorizzata Alfa Romeo della Scuderia del Portello, unica vettura, motorizzata Alfa Romeo, ad aver preso parte a tutte le edizioni della rievocazione storica, fin dal 1997. Il pilota australiano ha percorso 3 giri di prova, per poi finire lungo, alla curva della Rascasse, dove ha rimediato la rottura della sospensione anteriore sinistra della Formula 1.
Antonio Carrisi insieme a Jacques-Michel Suter e Jean-Luc Papaux con Sebastien Gregoire Zafran hanno rappresentato la Scuderia del Portello Alfa Romeo – club Svizzera all’edizione 2016 della Mille Miglia storica. Il primo equipaggio ha guidato una Giulietta Sprint 1° serie del 1956, mentre il secondo ha condotto la “mitica” Giulietta Berlina, sempre del 1956. La collaudata coppia Paolo Zanardi e Marzio Emiliano Carrara ha partecipato per la quarta volta consecutiva alla Mille Miglia con la A.R. Giulietta Spider-750 G – tipo “Sebring” del ‘56.




(Cajani - Morteo all'arrivo a Parigi)
 
Il “6th Peking to Paris”, rally internazionale, ha visto 109 equipaggi percorrere quasi 14000 chilometri in 36 giorni di gara, partendo da Pechino e arrivando a Parigi. Le due Giulia della Scuderia del Portello Alfa Romeo, la prima con a bordo il Presidente Marco Cajani con Alessandro Morteo co-driver, la seconda affidata al giornalista Roberto Chiodi che aveva accanto la moglie Maria Rita Degli Esposti, si sono comportate egregiamente. Chiodi ha conquistato la medaglia d’oro per aver concluso in orario tutte le giornate di gara e aver disputato entro il tempo massimo consentito le innumerevoli prove speciali previste nelle cinque settimane del rally. Chiodi ha conquistato la medaglia d’oro per aver concluso in orario tutte le giornate di gara e aver disputato entro il tempo massimo consentito le innumerevoli prove speciali previste nelle cinque settimane del rally. Inoltre si è piazzato tredicesimo assoluto, secondo di categoria e primo dei sette equipaggi italiani. Le auto della Scuderia del Portello si sono classificate seconda e terza nella speciale classifica di classe della Coppa Europa che prendeva in considerazione soltanto i risultati conseguiti dalla Polonia a Parigi.


 (Chiodi - Degli Esposti all'arrivo a Parigi)
 
La classica gara in salita Vernasca Silver Flag nel 2016 ha visto partire da Castell’Arquato 250 auto. I soci della Scuderia del Portello, premiata dagli organizzatori come “Best of Italy”, vi hanno preso parte con 9 vetture: Antonio Carrisi e Jean-Luc Papaux, rappresentanti del club Svizzera, erano presenti con Alfa 155 Superturismo ex BTCC e con la Giulietta Spider tipo “Sebring”.
Sempre dalla Svizzera, Kuno Schaer ha partecipato con una Giulia Ti Super. Mario Cajani ha guidato la 1900 Ti ex Carrera Panamericana, Luigi Somaschini la Giulietta Sprint Veloce. Gli ex piloti Autodelta Gian Luigi Picchi e Arturo Merzario hanno invece guidato due auto di Emanuele Morteo: l'Alfa 1750 GTAm e la Giulietta Ti. Walter Antonacci ha guidato la sua Giulia TZ2, Gianmarco Pinori una Alfa Romeo Giulia Ti Super.
L’appuntamento motoristico più prestigioso e importante in Europa il Goodwood Festival of Speed ha visto Jean-Luc Papaux partecipare con l'Alfa Romeo 75 IMSA dell’Alfacorse.
Non è mancata la partecipazione al Campionato Italiano Autostoriche a Monza. Fabrizio Zamuner e Roberto Restelli, soci storici della Scuderia del Portello, hanno vinto la propria classe con una Alfa Romeo 1750 GTAm. Più sfortunati Lorenzo e Francesco Moramarco i quali, secondi di classe, hanno rotto la frizione.
Alla 35° edizione della cronoscalata Cesana-Sestriere, l'esperto Alfredo Altavilla, socio onorario della Scuderia del Portello, ha guidato per la prima volta l’Alfa Romeo Giulietta Sprint Veloce, già protagonista della Carrera Panamericana Mexico 2002 con Prisca Taruffi. Il COO FCA – EMEA Region, alla sua prima esperienza in una competizione ufficiale di velocità per auto storiche, ha condotto la vettura del Portello con abilità e grande padronanza, vincendo la classe GT fino 1300 c.c. del 1° raggruppamento. Oltre alla Giulietta “Panamericana”, la Scuderia del Portello ha preso parte all’evento “Experience” per Gino Macaluso con la Giulia GTA 1300 Junior ex London-Mexico 1995, guidata da Andrea Cajani ed Emanuele Morteo, e con la 1750 GTAm, condotta per l’occasione da Andrea Stassano.

I rappresentanti della Scuderia del Portello hanno consegnato il Trofeo Monzeglio a Fosco Zambelli, la cui 1750 GTAm è stata l’Alfa Romeo più veloce in gara della categoria Turismo e Gran Turismo. La Coppa d’Oro delle Dolomiti ha visto la scuderia brianzola presenziare con 5 vetture: la Giulietta Sprint Speciale dell’equipaggio olandese formato da Malcolm Harper e Nina Nikolic si è classificata seconda tra le auto oltre il 1962, mentre gli svizzeri François e Pascale Sallin si sono piazzati settimi con la Giulietta TI. Mario Cajani e Matteo Piotto hanno guidato la Giulietta Spider-750G – “tipo Sebring” fino al 23° posto assoluto. All'arrivo anche Jean-Luc Papaux e Lucie Sandoz a bordo della Giulietta Sprint Veloce, mentre Antonio e Marie-Thérèse Carrisi si sono dovuti fermare lungo il percorso con la Giulietta Sprint.Nel prestigioso AvD-Oldtimer-Grand- Prix al Nürburgring, giunto alla 44^ edizione, nella gara“2-seater race cars and GT up to 1960/61”,
Marco Cajani e Renato Ambrosi, con una A. R. Giulietta SprinVeloce, si sono piazzati 3° di classe in Gara 1 (gara in notturna di un’ora) e 2° di classe in Gara 2. Nella “AvD Touring Cars and GT Trophy”, Lorenzo Moramarco con A. R. 1750 GTAM ha colto il 5° posto di classe con giro più veloce e miglior piazzamento tra le Alfa in corsa. Podio anche per Emanuele Morteo, 3° di classe con una A.R. 2600 Sprint.

La Scuderia è stata ospite anche del club olandese degli S.C.A.R.B. (Stichting Club Alfa Romeo Bezitters) a Zandvoort e ha schierato le due Giulia della Pechino-Parigi, la Giulietta Spider prototipo che ha corso la Carrera Panamericana in Messico nel 2002 con Arturo Merzario, nonché altre vetture pilotate dai soci Emanuele Morteo, Alessandro Morteo e Lorenzo Moramarco. Alla Ronde Historique de Levens era presente Salvatore Carbone che ha preso parte a questa gara di regolarità con una Alfetta GTV gruppo 2 (preparata Balduzzi). Suo copilota il giovane Riccardo Leva. I due soci del club hanno ottenuto un buon piazzamento.


(Il gruppo dei partecipanti al meeting di Zandvoort)

Nella gara finale di Imola del Campionato Italiano autostoriche si è conclusa nel modo migliore la stagione 2016 del Club: 3 vetture sul gradino più alto del podio di categoria, sia nel Campionato nItaliano riservato alle auto storiche, sia nella Alfa Revival Cup. Alfredo Altavilla (COO FCA – EMEA Region) e Fabrizio Zamuner su Alfa Romeo GTA 1300 Junior 1° classe; Mario Cajani su Alfa Romeo Giulietta Sprint Veloce e Alessandro ed Emanuele Morteo su Giulietta T.I. 1° posto di classe, nell’Alfa Revival Cup, così come Mario Cajani primo assoluto periodo E; Alessandro ed Emanuele Morteo, terzi assoluti e primi di classe su Alfa 2600 Sprint. Renato Ambrosi si è classificato quarto.
Sempre nella gara del Campionato Italiano Autostoriche Lorenzo Moramarco si è classificato terzo di classe con la GTAm, Roberto Restelli e Fabrizio Zamuner sono giunti secondi di classe con la GTA 1300 Junior, mentre Marco Cajani e Alessandro Morteo, coppia consolidata della Pechino-Parigi 2016, hanno vinto la propria classe con la 2600 Sprint. En plein per Mario Cajani che, dopo il primato nell’Alfa Revival Cup, ha portato a casa il primo posto di classe anche nel Campionato Italiano Autostoriche, sempre con la Giulietta Sprint Veloce. La Scuderia del Portello ha consegnato dunque ad Alfa Romeo ben 6 trofei assoluti in 6 classi riservate alle auto d’epoca. Davvero un anno indimenticabile il 2016 per la storica Scuderia del Portello, da oltre trent'anni protagonista di spicco nelle manifestazioni storiche nel nome dell'Alfa Romeo.
G.C.




----------------------------------------------------------------------------------------------------------




Rally, il 2017 si apre con la novità del Rally Aci Lecco
Ufficializzato il ritorno nel calendario dopo tre stagioni del rally lecchese, 
programmato ad inizio giugno. La gara sarà in versione "Rally Day"

Lecco – Con il nuovo anno torna in calendario dopo tre stagioni, ad inizio giugno, il Rally Aci Lecco. Una bella novità per il movimento rallistico lariano, che nelle ultime due stagioni, dopo anni displendore e manifestazioni automobilistiche di varie specialità, poteva contare solamente sul Trofeo Rally Aci Como. La titolata gara comasca è stata confermata anche nel 2017 nel calendario del campionato italiano Wrc, come ultima prova della serie, in programma il 21/22 ottobre. Affiancata alla gara tricolore verrà disputato anche l'oramai tradizionale rally Nazionale, una versione junior per permettere a tutti la possibilità di gareggiare in un contesto tricolore.
 

Tornando al Rally Aci Lecco, la gara è stata ufficializzata in questi giorni nel calendario Csai - Aci Sport nel week end del 3 /4 giugno come tredicesima edizione di un rally che nel corso della sua storia ultra ventennale ha cambiato più volte nome e percorso. Nel 2017 si torna alle origini, con la titolazione originaria e la volontà di portare di nuovo il rally come partenza e arrivo in città.
Per ora siamo solamente a livello di ufficiosità, perché nulla è finora stato confermato dall'Aci lecchese sul ritorno a Lecco del rally come sede centrale. Pure sul percorso siamo a livello di indicazioni, ma il tam tam dell'ambiente fa dire che a questo punto, con meno di sei mesi dalla effettuazione della manifestazione, è oramai da considerarsi per certo pure il cambiamento di percorso rispetto alle ultime edizioni disputata in versione Ronde.
Per il Rally Aci Lecco 2017, infatti, di deve parlare di una versione “Rally Day”, ovvero due prove speciali da ripetersi due volte, che interesseranno la Valle San Marino, con Carenno e Valcava al centro delle prove. Se la gara avrà la titolarità dell'Aci Lecco, l'organizzazione è invece stata affidata alla scuderia valtellinese Promo Sport diretta da Danilo Colombini. Scuderia che già nelle ultime due stagioni si è affacciata a livello organizzativo gestendo la prestigiosa Coppa Valtellina per conto dell'Aci Sondrio. E se uno più uno fa due, facile spiegare la scelta considerato che Roberto Conforti è il direttore sia dell'Aci Lecco sia dell'Aci Sondrio. Il buon lavoro nella Coppa Valtellina ha dunque portato a ridare slancio anche al Rally Aci Lecco, che dopo le ultime edizioni sottotono ha davvero bisogno una ventata di dinamismo e qualità.
G.C.



 
























































Nessun commento:

Posta un commento